Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PROFONDO ROSSO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 111
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO DAL BENEMERITO MAGNETTI
Il classico tra i classici, il thriller italiano più rappresentativo di ogni tempo non è più ormai giudicabile aprioristicamente. Il valore effettivo del film di Argento può forse non raggiungere il massimo dei voti (la sceneggiatura, benché affascinante e intricata al punto giusto, ha lacune non da poco), ma la quantità di innovazioni presenti (tra le quali l'uso assolutamente rivoluzionario delle musiche è solo la più appariscente), la cura maniacale dei dettagli, la scelta di scenografie ultrabarocche sottolineate da una fotografia favolosa che esalta i contrasti di luce con una forza impensabile, il cast prestigioso diretto da Argento con mano sicura, i movimenti di macchina, le panoramiche, l'uso sapiente delle famose “soggettive” e mille altre qualità hanno trasformato con gli anni PROFONDO ROSSO in un caposaldo del cinema italiano, in un film il cui solo titolo è capace di suggestionare a fondo il nostro inconscio. PROFONDO ROSSO è il manifesto dell'horror in Italia, uno dei pochissimi film di genere che siano stati capaci di travalicare i confini angusti del genere per entrare ad honorem nel gotha del cinema tout court. Pare davvero esercizio stucchevole andare oggi a cercarne i difetti, che pure ci sono. Cosa manca in fondo ad Argento per essere considerato un autore con la a maiuscola? La forza delle immagini di PROFONDO ROSSO ha pochi eguali, la violenza insistita degli omicidi non guarda in faccia nessuno e urla la propria indipendenza dal cinema edulcorato nato per le grandi platee. Quante sono le sequenze epocali, le curiosità... Rivoluzionario!
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 2/2/07 11:49 - 4282 commenti

Non perfetto (brutti i siparietti comici), ma decisamente buono, con moltissimi elementi (la musica, i colori, la scenografia eccetera) di livello eccezionale, al punto da quasi annullare la percezione dei buchi di sceneggiatura, non proprio piccini... La scoperta da parte di Hemmings del disegno infantile sul muro è l'emblema di come tutti quegli elementi concorrano a rendere l'opera indimenticabile. Benché molti repertori citino Mario Scaccia (n.c.), in realtà l'attore presente in teatro è solo un figurante che gli somiglia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Hemmings che esplora la villa, sulle note di "Mad puppet".
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 21/10/09 15:35 - 10686 commenti

Decisamente memorabile, è il film in cui Dario Argento mescola più abilmente le atmosfere del thriller con quelle dell'horror che prevarrà nella parte successiva della carriera del regista. A partire da una solida sceneggiatura, il regista firma sequenze memorabili (specie quelle dei delitti) che lo fanno giustamente entrare nella storia del cinema italiano. Ottima la prova del cast con vecchie e nuove glorie.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Undying 25/4/07 23:27 - 3875 commenti

Dario Argento firma la regia della sua opera più riuscita, che si distacca dalla triade di gialli precedenti perché presenta un nuovo modo di raccontare la paura, qua contaminato con atmosfere paranormali. Impeccabili sia la sceneggiatura opera di Bernardino Zapponi (e riscritta da Argento stesso), sia la musica di Giorgio Gaslini eseguita dai Goblin. Pur trattandosi di un giallo, Profondo Rosso ha qualcosa di "magnetico" e indefinibile che lo ha reso un vero e proprio capolavoro, mai apparso datato, visto ed apprezzato da diverse generazioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Carlo: "quello che vedi realmente e quello che immagini si mischia nella memoria come un coktail del quale tu non riesci più a distinguerne i sapori.".
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 17/7/07 12:27 - 3010 commenti

Spaventone. Qui si preferisce (di poco) Suspiria, però siamo comunque nell'empireo: la "potenza di fuoco" di questo capolavoro è tale e quale all'epoca. Ottima la scelta di Hemmings (che esplicita il legame con Blow up che caratterizza gran parte del miglior cinema argentiano); il resto del cast (con fior di vedettes del teatro tricolore usate come carne da macello) spiega perchè il cinema italiano degli Anni Sessanta e Settanta è stato quello che è stato, e il cinema italiano odierno è quello che è. Sempre sia lodato.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 25/8/09 8:08 - 7124 commenti

Un pianista e una giornalista sulle tracce di un efferato serial killer. Classico del terrore su cui c'è poco da aggiungere. Argento ha una straordinaria capacità di risucchiare l'attenzione dello spettatore all'interno dei meandri morbosi della storia, ma anche di lasciarle sfogo attraverso siparietti leggeri: giocando, quindi, come il gatto con il topo. A questo si aggiunge la straordinaria tensione dei momenti clou attraverso una potente visione dei dettagli e il movimento della macchina. La musica è la ciliegina sulla torta. Grande cinema.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 6/2/07 9:03 - 4166 commenti

E' quasi imbarazzante recensire questo film, perchè funziona così bene da non far trovare punti deboli (se li ha, li nasconde alla grande). I colori, le musiche, gli attori, la suspence che si trasforma in genuino terrore, in pura angoscia sono un mix esplosivo. Già vedere l’occhio dell’assassino e su un tavolo nero vari oggetti da bambino, ma non solo, esalta. Per non parlare di due scene tra le più sadiche mai viste al cinema (la donna soffocata nell’acqua bollente e i denti dell'uomo fracassati sugli spigoli). Solo Daria Nicolodi risulta un po' forzata. Unico e imprescindibile!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena in casa della poverina, col merlo indiano che finisce infilzato (rispetto a lei fa quasi una bella fine).
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 14/7/07 20:31 - 5737 commenti

Delirante, eclettico e commentato da uno score indimenticabile. Rappresenta, da un lato, una summa dei tòpoi della trilogia degli animali, dall'altra un suo superamento, penetrando negli abissi oscuri dell'irrazionale e insistendo sulla ritualità dell'omicidio e sulla sua violenza. Il cast è perfetto, da Hemmings alla Nicolodi, da Pagni a Lavia, dalla Mèril a Mauri, dalla Calandra alla Calamai e alla piccola Elmi; regia, fotografia e dettagli impeccabili.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 15/6/08 23:15 - 6797 commenti

Il capolavoro di Dario Argento che firma il più bel giallo italiano di sempre. Praticamente perfetto, o quasi, soprattutto grazie ad un plot narrativo più equilibrato del solito, attraverso il quale il regista romano riesce ad avviluppare lo spettatore in una morsa stritolante, dalla quale è impossibile liberarsi prima di arrivare al gran finale che, come raramente accade, soddisfa appieno. Il tutto corroborato da una splendida colonna sonora firmata dai Goblin (che danno vita ad un tema celeberrimo ed immortale) e dai ritmi martellanti di Gaslini.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il particolare che il protagonista non riesce a ricordare. Il gran finale. La macabra nenia infantile.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 6/11/15 15:25 - 1541 commenti

Per il capolavoro servivano 15 minuti al montaggio. Di tagli: siparietti "comici", paccottiglia splatter che nulla può aggiungere all'atmosfera malata creata da Argento. Con immagini semplici si materializza il delirio (quelle carrellate strettissime su biglie, coltelli e bambolotti). Trama debole, sì, ma la messa in scena di straordinaria eleganza e i complessi movimenti di macchina colpiscono sempre, visione dopo visione. Notevolissimo l'uso "leoniano" della musica. Tutti bravi i protagonisti (grande Lavia). Da vedere - al buio e da soli - in un cinema.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I primi piani degli oggetti, presi da prospettive irregolari, che li "estraggono" dallo spazio circostante e li trasformano in sculture astratte.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 29/9/16 12:57 - 7433 commenti

Un giovane pianista inglese che lavora a Roma assiste al brutale assassinio di una medium... Il miglior film di Argento è anche quello che meglio regge la prova del tempo, soprattutto per merito di uno script avvincente ma anche convincente, doti non sempre coesistenti in altri suoi film pur apprezzabili. Non esente da difetti (ad esempio, risultano fastidiose le civetterie della giornalista Nicolodi), ma con alcuni momenti particolarmente felici, compreso un finale che non è non solo bello ma anche coerente con quanto visto in precedenza. Colonna sonora celeberrima, imprescindibile.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 23/2/09 18:37 - 2072 commenti

Le recrudescenze irrazionali spiazzano, insorgono, liberano sequenze al cardiopalma, autentiche impennate macabre. Ma dietro l'alone malsano che il film sprigiona, aldilà dell'immaginario schizoide, la progressione del racconto è slabbrata, incerta, finalizzata ad una mera giustapposizione di scene madri. Laddove i più additano smarrimenti e caos visionario, leggo disordine concettuale e incapacità di intrecciare le intuizioni visive alle maglie castiganti di un giallo che scricchiola. L'ironia, gli azzardi erotici e Daria Nicolodi, lasciano poi alquanto perplessi. Compulsivo e disarticolato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sequenza del pianoforte; il burattino e la bambola impiccata. Lo score.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

caesars 2/2/07 11:56 - 2369 commenti

Il capolavoro di Dario Argento e punta inarrivabile del "giallo all'italiana". Il regista romano dopo i suoi precedenti tre gialli aveva provato a mutare radicalmente genere (Le 5 giornate) ma lo scarso riscontro del pubblico (che da lui oramai attendeva solo "thrilling") lo fece ritornare immediatamente sui suoi passi. Il risultato e' questo splendido film, che credo pochi non abbiano visto, e l'altrettanto bello Suspiria (horror e non più giallo). Poi l'inizio della fase discendente.
I gusti di caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Mascherato 16/10/08 16:23 - 583 commenti

Il famoso venerdì 21 ottobre del 1983 lo vidi in pieno trasloco. Tra scatoloni e mobili fuori posto: atmosfera giusta per spaventarsi. Un film sul quale risulta difficile soffermarsi. Il giallo che ha ha fatto desiderare a tutti noi l'acquisto del videoregistratore per verificare che il particolare del riflesso nello specchio fosse effettivamente visibile. Ora viene un po' il magone a pensare che Argento da una quindicina d'anni ha smarrito il suo occhio e, di conseguenza, la sua capacità di farci perdere il sonno.
I gusti di Mascherato (Fantascienza - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 13/3/08 14:36 - 4687 commenti

Ottimo. Uno dei migliori gialli italiani (il migliore è la Lucertola, a mio avviso) ma non il migliore di Argento (che a parer mio è Tenebre). Solidissimo, con un cast di star e di bravi caratteristi a condire il tutto. Ben costruiti i delitti e la colonna sonora è entrata nella storia. Tra le presenze femminili cito la Calamai e la Meril. Un piccolo capolavoro: la scena nella casa abbandonata è da manuale.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 6/4/07 13:05 - 3047 commenti

Il miglior thriller della storia del cinema. Tutto funziona alla perfezione: gli attori, davvero azzeccatissimi; la sceneggiatura, incredibilmente complessa ed inquietante, che riesce a portare ai massimi livelli i temi più importanti del thriller e dell'horror; la fotografia, particolarissima ma veramente magistrale; la regia, che praticamente rappresenta l'apoteosi della perfezione cinematografica. Per non parlare delle musiche, veramente leggendarie. Un vero capolavoro.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 15/9/08 13:43 - 3469 commenti

Il capolavoro di Argento, che non regge però al tempo e alle ripetute visioni. Diverse scene cult (gli specchi, la bollizione della scrittrice, la villa Scott, l'ascensore), attori discreti e un sapiente utilizzo di rumori e musiche memorabili (essenziali per la fama di cui gode il film, senza quelle..). Ma anche dialoghi vuoti, eventi prevedibili e tanto tempo perso sulle scaramuccie amorose tra Hemmings e la Nicolodi. Un prodotto notevole ed emblematico che ha conquistato tanti favori all'estero, ma non è un racconto che toglie il sonno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'irruzione del merlo che verrà infilzato; la figlia del custode; i primi piani sugli oggetti del killer.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 11/7/08 17:10 - 1336 commenti

Un film potabile, ma Argento è più vecchio dei maestri. Le sue trame da feulleitton, i suoi spaventi ormai pre-teen... Hemmings porta un soffio di Antonioni in questo calendario di morti con risibile trama in mezzo. Niente da fare: Argento non ha malizie, solo tremori adolescenziali. È purtuttavia ottimo idraulico del cinema: sa come tenere una cinepresa in mano. Ma Bava era migliore ed è venuto prima, dicendo già quasi tutto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La linfa biancastra che esce dalla bocca della vecchia mentre l'ascensore...
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Herrkinski 22/6/08 23:56 - 3978 commenti

Classico del thriller italiano, iniziatore di un intero filone, "summa" dell'opera omnia di Argento? Tutte e tre le cose, probabilmente. In effetti il film ha tutto quel che serve per diventare un classico: ambienti curatissimi, fotografia e uso della m.d.p. di alta classe, storia sufficientemente intricata ed appassionante, omicidi molto brutali per l'epoca, una musica eccezionale e usata in modo complementare alle scene... Non so sia è in assoluto il migliore di Argento, ma di sicuro è tra i migliori tre. Di sicuro è un film che non passa mai di moda. Mitico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale!
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

G.Godardi 23/3/07 17:04 - 950 commenti

La consacrazione di Argento, anche sul piano internazionale, arriva curiosamente con un film di transizione, quello che traghetta il regista dai gialli "puri" agli horror visionari. Questo film è ancora un giallo, ma entra prepotentemente in gioco la componente splatter, grand guignol, come è annunciata dalla sequenza d'apertura girata non a caso in un teatro. Fotografia splendida, estrema cura dei dettagli, che devono essere recepiti dallo spettatore per risolvere il film. Parentesi rosa insopportabili.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Zender   27/10/14 9:00 - 254 commenti

Manifesto incrollabile di un'intera generazione di cinefili, riverbera ancor oggi di malia strabiliante. Non più giallo, non ancora horror, è il magico ponte sospeso tra le due ere argentiane maggiormente celebrate. Condensa in due ore la quintessenza di uno stile che ha fatto scuola nel mondo, offre alla memoria quadri e volti (e volti nei quadri) che al solo ricordo gratificano i sensi. Impossibile giudicare oggettivamente chi ti ha aperto un mondo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il corridoio della paura; Il fantasma del palcoscenico; Quella villa in fondo al parco.
I gusti di Zender (Comico - Fantascienza - Horror)

Gugly 30/12/07 14:37 - 954 commenti

Argento qui elabora la summa di elementi sparsi qua e là nei film precedenti (anche non suoi) e ci regala momenti di terrore e delirio visivo; non importa quanto in verità la narrazione presenti non poche lacune e contraddizioni, tutto si gioca sulla visione e la distorsione della realtà. Di una deliziosa antipatia la Nicolodi (che in una scena butta nel cestino la foto di Marilù Tolo, ex fiamma di Dario Argento).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visita dalla madre di Carlo.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Magnetti 2/2/07 10:01 - 1103 commenti

Profondo rosso è il miglior film horror di sempre. Fa paura, angoscia, il cattivo è veramente cattivo. Le ingenuità registiche magicamente si trasformano in pregi. Trovate uniche (il pupazzo, la nenia infantile, la trovata del quadro/specchio etc). Un tema musicale che è diventato un cult. Nessuno sente la mancanza degli attuali effetti speciali. Da vedere e rivedere.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Stubby 5/8/08 17:09 - 1147 commenti

Non vi sono dubbi che ci troviamo davanti ad un thriller di ottima fattura, anche se forse il suo nemico più grande è il tempo. Sicuramente negli anni della sua uscita ha mietuto parecchie vittime in fatto di terrorizzare lo spettatore. Detto ciò, ritengo che il pregio più grande (e che forse ha fatto la fortuna del film), sia la stupenda colonna sonora dei Goblin (particolare ammesso anche dallo stesso Argento), quella sì che da sola incute ancora terrore oggi. Classico da vedere almeno una volta nella vita.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Ghostship 15/6/08 14:24 - 394 commenti

Film che travalica qualunque classificazione e giudizio, in quanto è per il thriller ciò che L'esorcista è per l'horror. Solo che "Profondo rosso" la sua fama se la merita tutta. Una tecnica impeccabile, su un impianto vagamente hitchcockiano, la sintesi di tutto ciò che era venuto prima e di parte di ciò che verrà dopo. Il particolare qui alle sue estreme conseguenze, mai stato così ben congegnato. Inspiegabile in due righe.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Lovejoy 16/5/08 14:39 - 1825 commenti

Classico indiscutibile nella storia del cinema di genere e nella filmografia di Dario Argento. Sceneggiatura esemplare, ambientazione inquietante e azzeccata, ritmo notevole e colpi di scena da antologia. Perfetto il cast, con un David Hemmings che non toccherà più simili vertici. Stesso discorso per la Calamai e Lavia. Notevole anche Pagni. Grandi effetti speciali. Storica la colonna sonora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il protagonista assiste sgomento all'omicidio; il professore e il robot; il drammatico finale.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Ellerre  8/5/10 11:38 - 87 commenti

La più riuscita fusione tra giallo e horror mai avvenuta nel cinema. Giallo che stimola il ragionamento e la riflessione (soggetto eccellente) e horror che rievoca primordiali sensazioni di paura e angoscia. A comporre questa miscela la bravura degli attori, la maestria nei movimenti di mdp, l'estrema cura dei dettagli, le contrastanti location liberty e razionaliste e le musiche superbe dei Goblin. Dopo ripetute visioni si possono notare "smagliature" nella trama, ma in fondo l'obiettivo di un film è colpire lo spettatore alla prima volta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "La realtà e la tua immagine della realtà si mescolano nella mente come un cocktail del quale non riesci a distinguerne i sapori".
I gusti di Ellerre (Commedia - Giallo - Thriller)

Trivex 13/9/10 10:55 - 1365 commenti

Non è necessario disporre della tecnologia per la terza dimensione, perché quando entriamo nella sala della seduta di parapsicologia, tale prospettiva c'è già: è profonda ed è rossa. I colori sono una componente essenziale nel cinema, in particolare in alcuni film di Dario Argento. A parte l'utilizzo di adeguati supporti, l'arte di comporre tutti gli elementi è sempre e comunque supportata dalla forza del suo intenso rosso (o dell'incombente blu). La storia è il risultato di tale composizione, con le sue forme sorprendenti, anche dopo l'ennesima visione.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Enzus79 2/1/09 20:35 - 1540 commenti

Il miglior film thriller-horror italiano che abbia visto. Non me lo aspettavo ed effettivamente devo dire che è quasi un capolavoro. La suspense dura per tutto il film, grazie anche alla colonna sonora dei Goblin. Credo che possa far parte tranquillamente della storia del cinema italiano.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Cif 12/3/09 16:26 - 272 commenti

A mio avviso la migliore opera argentiana insieme a Il gatto a nove code. Perfetto bilanciamento tra trama (ben scritta, articolata) e con elementi investigativi che stimolano la mente; impatto visivo e d'atmosfera che colpisce irreversibilmente l'occhio. Argento riprende diversi topoi del genere (la casa abbandonata, la bambina dai capelli rossi), propri (il trauma infantile) e citazioni (Gli uccelli di Hitchcock) e vi unisce grandi elementi d'atmosfera, la musica jazz, le caratterizzazioni di Hemmings e della Nicolodi. 4 pallini. Imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Almeno due sono entrate nella storia del cinema: la scena del pupazzo e l'idea dell'ascensore, parto di una mente geniale e diabolica. Applausi!
I gusti di Cif (Drammatico - Fantascienza - Giallo)

Rambo90 3/3/12 0:01 - 5401 commenti

L'apice del cinema argentiano, un mix ottimo (ma non perfetto) di giallo e horror, con scene di tensione costruite benissimo e supportate da una colonna sonora cult ed eccezionale. Hemmings è in parte, ma lo è anche il resto del cast, con una menzione speciale per la bravissima Calamai. La soluzione dell'enigma è tra l'altro coronata da un colpo di scena davvero ben realizzato (tanto che viene voglia di tornare all'inizio e vedere se i pezzi son tutti al loro posto e lo sono!) e da effetti speciali davvero lodevoli. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I quadri nel corridoio; La nenia infantile; La morte del professore.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 31/7/15 9:33 - 4099 commenti

Molti elementi concorrono a far sì che Profondo rosso possa essere considerato un grande esempio di cinema. La sceneggiatura naturalmente è imprescindibile e qui ci siamo, ma non sarebbe sufficiente. Deve, nel corso della realizzazione, diventare solo l'ossatura portante, che sostiene tutto il resto: fotografia, scenografia, musica, inquadrature e movimenti di macchina, interpretazioni, cura dei dettagli... La regia coordina il tutto, Argento sembra molto ispirato e gli si possono perdonare facilmente piccole divagazioni.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 18/4/11 9:42 - 3196 commenti

Un misterioso assassino si aggira indossando un impermeabile e massacrando uomini e donne indistintamente (ma c'è un filo che le lega). L'inquieta narrazione argentiana raggiunge elevati picchi di suspense coadiuvati da un perfetta ed arcinota colonna sonora. Scene efferate e tensione abilmente misurata grazie al valido cast, in cui merita una menzione la Calamai.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Pinhead80 1/10/09 14:37 - 3148 commenti

Sicuramente si può sostenere che ci troviamo di fronte ad uno dei migliori film horror italiani di sempre e nella fattispecie al miglior film girato da Dario Argento. La trama scorre fluida e le scene d'azione sono incalzate dalla coinvolgente musica dei Goblin. Dall'inizio del film sino alla sua fine, lo spettatore cerca di scoprire, insieme al bravo David Hammings, il mistero che si cela dietro a svariati omicidi molto cruenti, in un crescendo di situazioni da suspence senza sosta.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Lucius  7/6/09 18:33 - 2655 commenti

Non è un solo un ottimo film ma una macchina perfetta che incute terrore ad ogni fotogramma. Tutto ma proprio tutto funziona in questo superbo capolavoro della suspence e del terrore. Atmosfere angoscianti per una storia impressionante. Autentico caposaldo del thriller, anche se sfocia nell'horror. Una colonna sonora di altissimo livello incornicia il tutto. Chi non lo ha visto?
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Belfagor 8/8/09 14:11 - 2563 commenti

Abbastanza datato negli effetti speciali e un po' lacunoso nella trama, ma a suo modo elegante e visionario nella sua violenza quasi stilizzata. Argento riesce a trasmettere un senso di terrore puro e gelido in una serie di sequenze agghiaccianti e perfettamente organizzate. La colonna sonora riesce ancora a far tremare di paura. Non perfetto, ma unico nel suo genere.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Piero68 7/7/10 10:16 - 2493 commenti

Uno dei rari casi in cui si può andare orgogliosi del cinema italiano. Ineccepibile in ogni sua parte Argento mette su il film del secolo. Sceneggiatura indovinatissima che surclassa persino le storie di maestri quali Hitchcock e King. Ciliegina sulla torta le musiche dei Goblin rimaste scolpite per sempre nell'immaginario collettivo come sinonimo di "ansia e paura". Anche da un punto di vista stilistico e scenografico rasenta la perfezione. E poi ha il merito di essere il padre putativo di un genere: quando il giallo si sposa con l'horror.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Rufus68 5/8/16 11:32 - 2173 commenti

Non è importante la lettura, bensì la rilettura, sentenziava, pressappoco, Leonardo Sciascia (memore, forse, del Menard di Borges). E tale film (che sopporta la continua rilettura, come tutti i classici) si svela continuamente a ogni visione. L'ennesima, a esempio, mi ha chiarito l'essenziale funzione dei duetti brillanti Hemmings-Nicolodi che, prima, mi facevan soffrire... Sul resto (musiche, regia, fotografia, colpi di scena) sono d'accordo con i numerosi estimatori. A pochi millimetri dalle altezze di Suspiria.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Myvincent 4/5/14 8:23 - 2151 commenti

Una di quelle rare pellicole che è possibile rivedere sempre, a distanza di tempo, per godere di un prodotto cinematografico di alta qualità; non solo per la sceneggiatura ma anche per la tecnica, i colori, le invenzioni, le musiche. Le morti violente vengono concepite come "naturalmente" sperimentabili da chiunque, per aumentare il fastidio allo spettatore. Praticamente perfetto e girato in stato di grazia.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Didda23 24/10/12 20:56 - 1984 commenti

Mai amalgama fra immagini e musica fu più soddisfacente: le melodie stesse sono infatti parte integrante del racconto. Argento gira con virtuosismi funzionali che soddisfano le esigenze tecniche dello spettatore. Spiazza la tetragona sceneggiatura che si eleva come la migliore nei film del nostro caro amato Dario. Montaggio perfetto, performance attoriali di razza e uso incredibile delle location fanno di Profondo rosso un cult ineguagliato per il genere. Il finale non getta alle ortiche la costruzione narrativa.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 8/5/18 11:53 - 1980 commenti

Pianista indaga dopo l'uccisione di una medium. Thriller con efferatezze saltuarie che cerca di infondere la paura soprattutto attraverso reminiscenze infantili. Investigazione puntuale (notevole, per chi lo nota, lo svelamento del colpevole dopo 20 minuti) corroborata da location suggestive, fotografia eccellente e musiche suonate dai Goblin rimaste nella memoria. Hemmings non incanta, la Nicolodi è perfetta (a parte le scalmane erotiche), come la Calamai.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bambolotto che si avvicina; Il disegno sul muro; L'uccisione di Mauri; La villa.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Buiomega71 25/7/13 23:31 - 1857 commenti

Mai più il cinema thriller italico (e non solo) sarà più lo stesso. Perfetta macchina di spaventi e tecnica come pochi al mondo: sperimentalismi, violenza efferrata, specchi rivelatori, bimbe crudeli, nenie infantili da pelle d'oca, flashback natalizi agghiaccianti, ville abbandonate e terrifiche, bambolotti meccanici, occhi sbarrati, bocche sbattute nei punti più spigolosi del tavolo, acque bollenti che sfigurano volti, mannaie che maciullano la carne e ascensori giustizieri e alla fine pozze di sangue di un rosso profondo. Inutile girarci intorno: mitico!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gabriele Lavia (Carlo): "Brindo a te, vergine stuprata!"; Il flashback natalizio con la nenia infantile che squarcia i titoli di testa; Lo specchio.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 28/10/18 9:54 - 1810 commenti

Un gran bel thriller, sostenuto da una tecnica sopraffina e molteplici fattori che ne determinano la riuscita. Avvince nella risoluzione del mistero accompagnando lo spettatore alla rivelazione dell’assassino e soddisfa i più esigenti in fatto di sangue, architettando degli omicidi che restano impressi nella memoria per la loro forza. Ottime anche le scenografie e il brano principale dei Goblin, come eccellente è la Calamai nel suo ruolo. Tra tanti pregi non ha senso evidenziare eventuali difetti o imperfezioni.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Fauno 31/10/09 12:45 - 1732 commenti

Sì, solo ciò che continua a piacere diventa tradizione, ma dopo 13 volte e un bombardamento trentennale, ormai sono riuscito ad apprezzare soltanto David Hemmings nella villa che ha gli stessi sguardi di 10 anni prima in Blow up. Altrimenti posso inchinarmi al fatto che il film ha creato un nuovo trend e dato una svolta al thriller, ma con buona pace di molti, mi permetto di dire che non è assolutamente il capolavoro del regista, che almeno quattro volte ha fatto di meglio e in due o tre casi anche di molto meglio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo specchio, la lavagna, i bambolotti, la Méril. La colonna sonora, specie quando lui s'aggrappa agli arbusti e quando visita la villa la prima volta.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Ryo 5/2/14 14:02 - 1724 commenti

Considerato il capolavoro fra i film di Dario Argento, è sicuramente un'opera ricca di impatto visivo, famosa più per la colonna sonora (i cui due motivi principali rimarranno eterni) che per la trama in sè. Se fosse stato girato ai giorni nostri sarebbe stato probabilmente bollato come boiata. C'è un'ottima fantasia nel concepimento dei delitti e nel giallo intricato, eppure non manca di enormi forzature e risvolti altamente improbabili (la decapitazione su tutte). Ha comunque il pregio di contenere sequenze agghiaccianti e mozzafiato che rimangono impresse a lungo nella memoria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della marionetta che entra dalla porta; La brutta fine di Carlo; Il cadavere murato; La decapitazione con collanina d'acciaio.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Stefania 8/1/10 22:21 - 1600 commenti

Mi ispira un timore reverenziale, e poi mi pare sia stato già detto tutto! E' vero che qui Argento raggiunge la perfezione nell'equilibrio tra thriller e horror, personalmente credo raggiunga la perfezione nella tempistica della liturgia della paura. C'è una proporzione esatta tra i preliminari del delitto (vestizione dell'assassino, bambolette, passi e rumori, infilzamento del merlo, marionetta) e il delitto vero e proprio. Un'annunciazione della morte attraverso dettagli che gelano il sangue prima di farlo scorrere. Ottimo!
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Mickes2 5/8/11 19:14 - 1550 commenti

Tecnicamente sopraffino con svariati virtuosismi tecnici a deliziare gli occhi dello spettatore: soggettive che impersonano l’assassino, carrellate sinuose a rimarcare gli spazi claustrofobici e malsani, zoom fulminei e montaggio subliminale di grande forza evocativa. Ottima gestione di spazio e tempo. La colonna sonora ipnotica affascina quando si presta a delineare gli snodi più inquietanti e i particolari più sadici. Pecca purtroppo in una sceneggiatura a tratti ingolfata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le sequenze in cui vengono mostrati in carrellata tutti gli oggetti. I titoli di testa.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Dusso 26/2/16 18:09 - 1532 commenti

Dopo la trilogia animalesca Argento, anche se resta nel giallo, prende una strada quasi horror per le scene degli omicidi. Indubbiamente un film molto importante, girato benissimo e di grande impatto visivo. Ampi i buchi di sceneggiatura ma non importa, perché il film va goduto appieno per tutte le altre caratteristiche.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Luchi78 12/12/11 11:08 - 1521 commenti

Praticamente ovvio parlare di questo film come capolavoro del thriller-horror a livello mondiale, grazie alla gestione della mdp da parte di Argento che sconvolge tutti gli schemi con inquadrature e soggettive a dir poco mirabolanti. La fotografia è superlativa e questo già basterebbe per consacrare l'opera nell'olimpo del mondo cinematografico. Inevitabile però non notare qualche toppa nella sceneggiatura con relativa perdita di mordente in alcuni tratti del film e il pessimo doppiaggio italiano della Nicolodi. Poca roba...
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Nicola81 27/7/13 11:07 - 1517 commenti

Il thriller italiano per antonomasia. Certo, il peso degli anni comincia a sentirlo, anche a causa di una sceneggiatura intrigante ma non impeccabile (in questo L'uccello dalle piume di cristallo è superiore), ma tutto il resto è perfetto: location, fotografia, atmosfera, realizzazione degli omicidi, un formidabile colpo di scena conclusivo e una colonna sonora diventata un cult nel cult; tutti elementi che consentono a Argento di creare livelli di tensione mai più raggiunti. La prova del cast è buona, ma passa decisamente in secondo piano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le musiche dei Goblin; La conferenza; Tutti gli omicidi; L'incursione nella villa; Il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Greymouser 9/5/10 14:24 - 1441 commenti

Thriller assolutamente fondamentale, non solo per i meriti intrinseci, ma per aver fatto scuola e aver aperto strade fino allora sconosciute all'evoluzione del genere. Argento rivela appieno il suo talento registico, elaborando quel suo personalissimo linguaggio visivo, prospettico e cromatico che sarà il suo scintillante marchio di fabbrica fino al (ahimè) recente declino. Questo film - è giusto dirlo - non sarebbe lo stesso senza la musica allucinata ed ossessiva dei Goblin, che inventano una delle più straordinarie colonne sonore di sempre.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Disorder 30/10/10 12:11 - 1378 commenti

Superbo. L'evoluzione ragionata di un genere (il thriller dalle contaminazioni horror) reinventato anni prima da Argento con L'uccello dalle piume di cristallo: stesse basi, ma qui tutto è portato ai massimi livelli possibili. Intuizioni geniali che quasi si sprecano (il pupazzo, il riflesso nello specchio, i disegni), regia splendida, musiche da antologia: si può chiedere di più? Ebbene si, visto che Suspiria deve ancora venire; li però sarà il trionfo della regia, della forma sul contenuto, due elementi che qui sono invece ancora ben equilibrati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pupazzo fatto a pezzi; i disegni macabri sulla parete; l'inquietante figlia del custode.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Il Dandi 22/7/10 20:50 - 1357 commenti

Se è uno dei dieci film più studiati nel mondo, un motivo ci sarà. All'apice del successo Argento ricomincia da capo, riproponendo (ma tecnicamente migliorandolo) il meccanismo dell'Uccello dalle piume di cristallo (artista straniero a Roma assiste a un delitto e inizia una discesa agli inferi durante la quale cerca di ricordare un particolare che gli sfugge). Se la trilogia animalesca aveva dato inizio a un genere, questo film ne rappresenta praticamente una pietra tombale: stavolta sarà impossibile da imitare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Daria Nicolodi fa girare una sigarettina More tra le dita; David Hemmings da solo nella villa sulle note blues di "Mad Puppet".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Rigoletto 25/10/12 18:36 - 1264 commenti

Nel cinema e nell'arte in generale sarebbe una regola aurea osservare il prodotto, qualunque esso sia, per quello che è e giudicarlo in un'ottica propria senza metterlo in competizione con altri lavori. Poi ti imbatti in film come questo e scopri che ci sono opere che diventano pietre di paragone e che molti altri soggetti più o meno artistici ruotano attorno a queste opere. Ma Profondo rosso rimarrà sempre inimitabile nei suoi pregi e difetti. Non un film lento ma... rallentato, quasi "denso", nel quale si resta piacevolmente invischiati. ****

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'atmosfera, surreale e fredda, che precede e talvolta anticipa altri capolavori di Argento.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Ultimo 15/1/13 9:55 - 1158 commenti

Il giallo dei gialli. Argento, qui al suo apice, racchiude in poco più di due ore atmosfere cupe e scene che hanno dell'horror vero e proprio. Il film è del '75 ma sembra non invecchiare mai, ha sempre quel fascino che poche pellicole possiedono. Stupendo il finale "all'ultimo respiro", ottime le musiche dei Goblin. Capolavoro da vedere e rivedere.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Lythops 23/8/12 10:45 - 963 commenti

Film da tempo entrato nella storia del cinema, in cui il Maestro lavora in stato di grazia con tecnica assoluta. Geniale, il film si distacca dai tre precedenti e non è poco visto che la tentazione di "vivere sugli allori" nonostante schiere di imitatori di genere avrebbe potuto essere forte. Unico neo la presenza di Daria Nicolodi, il cui personaggio ha l'unico scopo di spezzare la tensione, cosa che si capisce forse troppo. Dignitoso Hemmings, grande Lavia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La carrellata iniziale sugli oggetti.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Jena 13/8/17 19:00 - 902 commenti

Uno dei più grandi horror di tutti i tempi. Basta questo film per iscrivere per sempre il nostro Dario tra i Masters dell'horror della storia del cinema. Trama geniale che shocka dall'inizio alla fine (la scena finale rimane una delle più belle della storia del cinema tout court), omicidi tra i meglio filmati di sempre, attori in stato di grazia (Hemmings su tutti e la Calamai da brividi), la colonna sonora dei Goblin che è entrata nella storia. Regia argentiana al suo culmine. Ha creato un genere: il giallo argentiano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: l'omicidio della Meril all'inizio; La bambola crudele che ride e il conseguente omicidio; La scena del dipinto svelato; La scena dell'ascensore.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Bruce 16/12/08 10:10 - 893 commenti

Argento definisce meglio il suo formidabile stile, affina ulterirmente la tecnica, aggiunge simboli alle immagini secondo uno schema poi divenuto tipico e aumenta sensibilmente il tasso di violenza. La musica per la prima volta diventa tanto importante all'interno di un soggetto cinematografico e ne accompagna ogni momento significativo. Nelle scene notturne all’aperto vi sono citazioni evidenti ai quadri di Edward Hopper. Meno dichiarate ma presenti sono alcune idee prese da Chi l’ha vista morire di Lado uscito tre anni prima. Quasi capolavoro.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Von Leppe 26/10/10 13:01 - 883 commenti

Capolavoro che va oltre il giallo, si respira nel film un atmosfera malata: il bambino traumatizzato, i disegni infantili e i delitti raccapriccianti. Argento punta molto sulla psicanalisi e lo fa bene (e non lo farà più come in questo film, che rimane il suo miglior thriller). Ottime le ambientazioni: il corridoio con i dipinti e la vecchia villa; ci sono dei momenti umoristici tra il protagonista e la giornalista Gianna che allentano la tensione. La colonna sonora dei Goblin è geniale ed è diventata un simbolo dei film del brivido.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il trauma infantile.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Ale nkf 22/6/10 19:22 - 803 commenti

Uno dei pochi thriller italiani conosciuti in tutto il mondo e uno dei pochi che è riuscito a soppiantare la concorrenza americana che di certo in campo cinematografico ha mezzi ben diversi dai nostri. Dario Argento confeziona una sceneggiatura quasi perfetta, ricca di particolari e di suspance. La musica è passata alla storia e il film anche.
I gusti di Ale nkf (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Mdmaster 4/10/11 10:08 - 802 commenti

Continuo a cercare nei film di Argento qualcosa che mi trasmetta delle sensazioni, la sua grande tecnica non mi è mai bastata. Anche nel suo film, forse, più famoso, niente da fare: la vicenda si dipana in maniera grossolana, interessando poco e dimostrando subito i suoi annetti sulle spalle. Il cast è, come al solito, piuttosto dimenticabile e non riesce a imporsi sulle belle scenografie e location. Senza la grandiosa soundtrack, sarebbe molto più soporifero e dimenticabile. Rimpiango i suoi anni di gloria? Sì, ma non più di tanto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I primissimi piani e la panoramica sugli oggetti; La visita alla villa abbandonata con i Goblin che incalzano.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Viccrowley 20/2/15 1:07 - 696 commenti

Decostruire e analizzare scena per scena il capolavoro argentiano è l'unico modo per comprenderne a 40 anni di distanza l'enorme importanza e seminalità nel panorama giallo/thriller tout court. Tolta una non eccelsa conduzione degli attori (tipica di Argento), il resto è puro cinema estetico ed estetizzante, percorso da una fluidità ferina che conferisce anche ai particolari una minacciosità spaventosa e melliflua. Perfetto anche il connubio con la splendida ost dei Goblin, che fa tutt'uno con uno dei balletti di morte più memorabili di sempre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'immagine quasi subliminale della Calamai dopo l'omicidio della Mèril; Le carrellate nella scuola deserta; Il pupazzo che sfonda la vetrata.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Modo 13/4/14 15:58 - 666 commenti

Non il capolavoro di Dario Argento, neppure il miglior giallo italiano. Ha le sue pecche soprattutto nella parte centrale dove si annaspa un po'. Rimane comunque un gran film, ricco di momenti indimenticabili e ancora ad anni di distanza riesce a spaventare. Anche se, a dir del vero, non appare freschissimo. Ma il tempo passa! Il tema principale della colonna sonora è conosciuto da tutti, anche dai non amanti del genere. In questo caso il tempo non annebbia l'udito e provate ad ascoltarlo al buio...!
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Jdelarge 21/3/13 1:14 - 665 commenti

Unico, magistrale, impeccabile. Sullo sfondo di una tetra e oscura Torino (mai città fu più azzeccata per un film) si svolge il capolavoro di Dario Argento, che si supera nell'utilizzo dei colori e delle inquadrature che lo hanno reso il maestro del brivido italiano. Ottime le prove di David Hemmings - aiutato anche da una brava Daria Nicolodi - di Gabriele Lavia e di Clara Calamai. La colonna sonora dei Goblin è eccezionale, una delle migliori della storia del cinema. Capolavoro assoluto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La faccia nello specchio.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Parsifal68 24/8/15 13:50 - 607 commenti

Con questo film Dario Argento traccia un solco tra la sua produzione precedente e quella successiva, scrivendo e dirigendo un film tra thriller e horror, autentico cult del cinema italiano di genere e non che ha il pregio, tra gli altri, di non subire il passare del tempo. La cura maniacale per le inquadrature ravvicinate e il disegno accurato dei personaggi ne fanno un film godibilissimo, ma che forse paga dazio per l'eccessivo spreco di sangue...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'uccisione di Amanda nella casa isolata, insuperabile esempio di suspense.
I gusti di Parsifal68 (Comico - Commedia - Drammatico)

Graf 2/9/11 21:43 - 607 commenti

Pietra miliare del cinema mondiale. Argento, in questo film, riesce a filmare direttamente la paura, quella più profonda, quella più oscura ed ancestrale. Tutto l’apparato scenico è impregnato di inquietudine e di tensione segreta: una piazza vuota, il volto di una bambina, il suono di un pianoforte, la toilette di un teatro, il corridoio di un palazzo pieno di quadri... Dietro ogni pezzo del mondo si può celare la tagliola, il laccio, la trappola, la morte che uccide. L’angoscia ha preso per sempre il potere e detta la sua logica. Meno male che è solo un film.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Ira72 13/9/16 15:32 - 593 commenti

Io ci sono andata a Villa Scott. Ci sono andata perché incuriosita dallo stile unico e inconfondibile, dall'atmosfera reale e surreale. E inquieta Villa Scott, spaventa e rapisce nello stesso tempo. Questo ha saputo fare Dario Argento: attrarre e spaventare, catturando lo spettatore in una superba sceneggiatura, incalzata dalla musica studiata ad hoc dai Goblin. Si può chiedere forse di più a un regista di film horror?
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Alex75 22/5/15 9:33 - 547 commenti

Un cocktail sapientemente dosato di morti cruente e bizzarre, luoghi suggestivi esaltati dall’ottima fotografia, indizi ben centellinati e un po’ di ironia hitchcockiana, che avvolgono lo spettatore in una spirale di angoscia. Gli attori, azzeccati anche nei ruoli minori, fanno il resto (oltre a Hemmings brillano la Calamai, la Méril, Mauri, Pagni e la Elmi). Fondamentale la musica ossessiva dei Goblin. Un film irripetibile, come il seguito della carriera di Argento ha purtroppo dimostrato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La 500 scassata di Daria Nicolodi; Le varie morti; L’esplorazione della villa abbandonata.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Funesto 21/11/09 23:07 - 524 commenti

Uno dei migliori gialli italiani, se non il migliore. È una pietra miliare del thriller internazionale, girato con un gusto per le morbosità eccezionale (le bambole impiccate, i disegni macabri, i delitti molto "dolorosi" e splatter) e con tecniche di ripresa rimarchevoli, che testimoniano tutta l'abilità di Argento con la mdp. E che dire delle musiche (chi non le conosce!), della fotografia e delle scenografie? Tutto è perfetto. Peccato solo per i buchi della trama, per gli SFX e per la recitazione (Hemmings è inespressivo). Inquietantissimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio di Giordani con il tagliacarte nella nuca, quello della Righetti, il brevissimo prologo e il finale.
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

Enricottta 26/8/09 14:16 - 507 commenti

Io preferisco chiamarlo "Deep red". Argento crea un film che è un caposaldo del cinema mondiale. In una viedeoteca di Surfer's paradise, Queensland, Australia, mi capitò anni or sono di vederlo in uno scaffale in bella mostra. Inorgoglito dissi alla commessa che era un film italiano, lei rispose: Really? Aaghentou. Il mio torace aumentò di volume, il mio pensiero corse a Roma. Senza quelle location forse sarebbe stato un film diverso; oggi alcuni momenti ci sembrano buffi e ci fanno tenerezza, ma quando lo vedemmo, per me e il resto della mia classe, non fu così.
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Magi94 17/7/17 14:06 - 490 commenti

Il manifesto immortale della grandezza di Dario Argento come esponente del cinema di genere italiano e come regista di fama mondiale: una trama sopraffina, interpreti azzeccatissimi (compresa la Nicolodi!) e una fotografia da urlo. La celebrata colonna sonora si fonde con lo stile magistrale di Argento e insieme riescono a creare una suspence micidiale, battendo probabilmente qualsiasi opera del maestro Hitchcock. Lo vidi per la prima volta da bambino e rimane tuttora il film che riesce a incutermi più paura in assoluto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Uno su tutti, il volto dell'assassino che si intravede dove sappiamo.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Metuant 2/1/10 10:07 - 448 commenti

C'è poco da dire: qui ci troviamo davanti all'italian giallo per eccellenza, quello che più volte noi stessi abbiamo provato ad eguagliare senza mai riuscirci veramente. Argento è al suo meglio e, purtroppo, non riuscirà più a ripetersi a questi livelli. Molte sono le scene rimaste nell'immaginario collettivo (una fra tante, l'orrendo omicidio della medium), così come le musiche, entrate nella storia. Certo, c'è qualche incongruenza nella storia, ma i pregi battono ampiamente i difetti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sequenza iniziale, quasi onirica, dell'omicidio ripreso come ombra.
I gusti di Metuant (Commedia - Giallo - Horror)

Maik271 6/11/14 8:13 - 436 commenti

Senza dubbio il miglior giallo italiano. Regia ottima, musiche che creano suspense come in nessun'altra pellicola del genere, sceneggiatura intricata che è ben sostenuta da un cast di alto livello. Le scene nel teatro sono splendide e le uccisioni originali (quella della vasca da bagno ispirata al maestro del brivido Bava). Superfluo consigliare un film che probabilmente hanno visto tutti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I quadri del corridoio; La scoperta del dipinto sul muro; La scena nel teatro.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Mutaforme 12/1/16 15:07 - 383 commenti

Il buon cinema di Dario Argento nella sua essenza. Più che la trama contano le immagini e soprattutto la musica (la colonna sonora è essa stessa un cult). Alla fine non ti resta il cosa (è successo) ma il come. Un classico indiscutibile, ma va detto che in parte è un omaggio al mentore di Argento, Mario Bava.
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Rocchiola 17/2/16 9:25 - 365 commenti

Il capolavoro di Dario Argento, che però ripete la struttura del suo film d'esordio in un contesto più malsano e terrificante. Una sinfonia di musiche, oggetti e luoghi che ricreano una Roma immaginaria quasi interamente filmata a Torino sfruttando benissimo i luoghi e le architetture del capoluogo piemontese sublimate nelle varie sequenze girate in Piazza CLN. Un film non perfetto (i siparietti comici sono pessimi e fuori luogo, l'enfasi sugli omicidi è troppo sadica), ma girato con indubbia capacità tecnica e che mette paura a ogni visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il volto dell'assassino già visibile nello specchio all'inizio del film.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Guru 1/1/12 10:32 - 348 commenti

Dagli effetti speciali di Carlo Rambaldi alla magnifica interpretazione di Clara Calamai; due figure fondamentali dell'opera argentiana e punti fermi della sua riuscita ricordano ad ogni visione che questo capolavoro, senza eguali, non teme il tempo e le nuove tecnologie! Nonostante alcune pecche di normale amministrazione, la sceneggiatura si libera con grande fluidità e trasmette forte eccitazione. Atmosfera da brivido nella location più famosa di Torino (la “unica” liberty Villa Scott). Partecipazione leggiadra di Eros Pagni. Notevole.
I gusti di Guru (Fantascienza - Giallo - Sentimentale)

Siregon 10/3/10 13:42 - 342 commenti

Straordinario ma inferiore a Phenomena per recitazione, fotografia e sceneggiatura. Si avvale come spesso accadeva nei film di Argento di una scelta delle location perfetta e di una formidabile colonna sonora che spesso però intralcia la forza delle sequenze visivamente più spinte. Risente moltissimo degli anni che passano per la qualità degli effetti gore ma alcuni momenti di paura conservano la loro unicità anche oggi e spaventano come allora. Pessima la love story tra Hemmings e la Nicolodi (tipica debolezza del regista).
I gusti di Siregon (Avventura - Gangster - Giallo)

John trent 3/1/10 19:01 - 326 commenti

Signori, il cinema. Energico. Potente. Vigoroso. Emozionante. Inimitabile. Cercare di trovare a tutti i costi dei difetti ad un gioiello come questo, che ha segnato per sempre il cinema del terrore italiano, è un esercizio sterile e puerile che lasciamo volentieri agli snob e ai "blooperisti" di professione che non hanno voglia di sognare e farsi trasportare dalla magnificenza di immagini uniche e irripetibili. Regia solidissima, cast perfetto, musiche rimaste nell'immaginario collettivo da 35 anni. Basta per poterlo definire capolavoro?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scoperta del disegno nella casa del bambino urlante.
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)

Manowar79 2/10/09 18:43 - 309 commenti

Un'istituzione, pertanto difficilmente criticabile. È forse il film che più di ogni altro ha insegnato a mettere perfettamente in parallelo immagine e sonoro, a creare un'inquietante armonia tra girato e soundtrack. Una palette di colori sbalorditiva, attori in parte e molte idee ma, checchè se ne dica, "Profondo Rosso" non è un film perfetto. Per dirne una, la lunga durata non è un dettaglio incoraggiante. Per dirne due, Argento alla quinta regia già cade nell'autocitazione (il pupazzo da Quattro Mosche, il particolare sfuggente da L'Uccello...).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Indubbiamente, i brani della colonna sonora.
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)

Manfrin   26/7/13 10:36 - 290 commenti

Nel corso degli anni lo avrò visto una dozzina di volte ma trovo giusto esaltarlo con la mente e l'animo del diciottenne che all'epoca rimase ammaliato nonchè turbato da questa eccezionale esplosione di mistero, orrore, suspense. Gli esteti potranno storcere il naso per la sceneggiatura e qualche dialogo, ma sono inezie di fronte alla classe di una regia che è riuscita a partorire una serie di scene e situazioni memorabili che ne fanno un intoccabile capolavoro assoluto.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Claudius 1/1/15 17:36 - 270 commenti

Rivisto ieri sera, difficile aggiungere qualcosa che già non sia stata scritta su questo film. Caposaldo del thriller, ancora oggi suggestivo e malsano dopo anni e ripetute visioni grazie a un buon cast (soprattutto Hemmings e Pagni), alla colonna sonora e al plot banale ma ben strutturato. Ho vissuto diversi anni a Torino e vedere dal vivo quella casetta sulle colline.. brrr.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il flashback iniziale e la stanza murata.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)

Samdalmas 13/2/14 11:30 - 264 commenti

Dopo la trilogia iniziale Argento realizza la sua opera definitiva, con la grande novità delle musiche dei Goblin, un valore aggiunto alle visionarie scene del regista romano. Davvero notevoli location, scenografia, fotografia e la scelta di attori teatrali come Gabiele Lavia o Glauco Mauri, funzionano meno i siparietti comici di Hemmings e la Nicolodi. Una serie di scene che sono entrate nell'immaginario collettivo e ci accompagnano da quasi 40 anni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La conferenza di parapsicolgia; Il riflesso nello specchio; La visita alla villa abbandonata.
I gusti di Samdalmas (Musicale - Poliziesco - Thriller)

Supervigno 28/5/08 0:45 - 229 commenti

Non rivedrò mai questo film finché campo. Detto questo, è bellissimo. A parte la passione sfegatata che la sottoscritta nutre per David Hemmings ancora giovane e magro, è davvero un classico nel suo genere. Fa paura, soprattutto prima e anche a prescindere dalle celeberrime scene splatter. Non dimenticherò mai l'occhio dell'assassino che appare nel buio dello sgabuzzino della casa di una delle vittime, la galleria di quadri, la voce che sussurra "Gianna" nella scuola silenziosa e deserta. Vale la pena soffrire e vederlo almeno una volta.
I gusti di Supervigno (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Mtine 17/12/09 21:52 - 214 commenti

Per quanto, nel complesso, il film sia "bello", c'è anche da dire che lo stesso è ricco di errori e imperfezioni (la sceneggiatura e gli attori, per dirne due). Il film si basa principalmente sulle folli, ma stupende, inquadrature di Dario Argento, che riempie il suo film di innovazioni tecniche e stilistiche. Meravigliose le soggettive, in cui lo spettatore si immedesima, per così dire, nell'assassino. Mediocri (potevano esserci risparmiate) le scenette tra Hemmings e la Nicolodi, che fanno calare in maniera vertiginosa la qualità del film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le soggettive dell'assassino.
I gusti di Mtine (Comico - Giallo - Thriller)

Tomslick 15/8/10 11:53 - 205 commenti

Caposaldo del cinema italiano di sempre. Ma non senza difetti. Infatti al di là degli enormi meriti dovuti a qualità visive di prim'ordine (inquadrature, movimento di macchina, fotografia, ambientazioni, uso della luce), alcune delle quali imitatissime, e all'incomparabile connubio fra immagini e musica, vanno pure indicati i limiti che la tipica produzione artigianale del periodo si porta appresso (sceneggiatura pretestuosa, svolgimento incostante, interpretazioni non all'altezza), limiti che impediscono di definire capolavoro film come questo.
I gusti di Tomslick (Azione - Drammatico - Fantascienza)

Giuliam 3/8/09 10:29 - 178 commenti

Forse è l'horror più celebre e "celebrato" in Italia, riconosciuto sia per la genialità del regista italiano, Dario Argento, sia per la struggente colonna sonora dei Goblin. Un horror mischiato col giallo all'italiana. Argento ci propone una storia brillante, originale. Bellissima la scena della bambola.
I gusti di Giuliam (Horror - Poliziesco - Western)

Victorvega 19/5/15 14:44 - 168 commenti

"IL" film! Perfetto in tutto, non più solo thrilling e non solo horror, film che è come se rappresentasse un genere a sé stante rappresentandone in ogni caso la punta di diamante. Ogni scena e ogni trovata sono cult. Chi a partire dall'avvento delle vhs non ha mai ripercorso al rallentatore quel corridoio? Malsano il giusto, gronda tensione da ogni scena e fotogramma. Fondamentale!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'attraversamento del corridoio con i quadri ai lati...
I gusti di Victorvega (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Jorge 22/1/10 18:32 - 164 commenti

Non si considerano le falle nella sceneggiatura (evidenti) ma ci si lascia prendere dal soggetto (fenomenale): il cast è superbo (un po' meno la Nicolodi, la Calamai immensa), è diretto da Dario con perizia mai eguagliata; le scenografie barocche (vedere la fontana) fenomenali, la fotografia ed il colore forti, eccessivi e perciò magnifici. Le scene degli omicidi curatissime ed impressionanti, la chiave di volta (rappresentata dagli specchi) sublime; finale sorprendente, non banale, dove il macabro la fa da padrone (ma è macabro di classe). Perfetto.
I gusti di Jorge (Giallo - Horror - Thriller)

Bergelmir 19/5/10 12:41 - 146 commenti

Apice del giallo all'italiana e uno dei migliori film dell'orrore a livello mondiale, a tutt'oggi insuperato sotto molti aspetti. La fotografia, le insistenti inquadrature in soggettiva, la musica, il gioco di visto e non visto con lo spettatore: tutto concorre a creare un'esperienza visiva di rara intensità, entusiasmante e terrorizzante. Si tratta di una di quelle rarissime opere in grado di segnare un punto di non ritorno nella storia: c'è un "prima" e un "dopo" Profondo Rosso, con cui autori e spettatori dovranno sempre fare i conti.
I gusti di Bergelmir (Fantascienza - Giallo - Horror)

Ianrufus 6/10/08 11:49 - 139 commenti

Rivisto in pellicola recentemente: che dire... Tanta nostalgia per un cinema che non c'è più. Dopo 33 anni la musica dei Goblin è l'elemento rimasto intatto, capace si suscitare paura per lo spettatore e goduria per chi ama la musica. Lo splatter degli omicidi è invecchiato (su tutti la scena finale), ma così non è per la regia e per l'incredibile montaggio. La parte iniziale della medium rimane davvero un gioiello, come sorprendente è l'interpretazione della Calamai. I duetti Hemmings-Nicolodi, soprattutto sul grande schermo, meritavano un taglio di due minuti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bicchiere d'acqua bevuto dalla Mèril-Medium; l'eleganza di Mauri alle prese con il vapore; il trucco del fuoco nella villa (che tenerezza!).
I gusti di Ianrufus (Commedia - Poliziesco - Western)

Luras 21/1/17 22:01 - 135 commenti

La violenza è ben esplicitata, per fortuna senza raggiungere livelli grotteschi e anche l'atmosfera cupa da periferia abbandonata è ottima. Inoltre il colpo di scena finale rende appassionante la visione della storia, dimenandosi tra sangue e ambientazioni inquietanti, il tutto accompagnato da una celebre colonna sonora, torbida come la sceneggiatura. La recitazione degli attori non è memorabile, ma più che altro ne trovo il difetto nel non avere una scena davvero clamorosa, cosa che ritengo indispensabile in una pellicola del genere.
I gusti di Luras (Animali assassini - Horror - Thriller)

Sunchaser 2/8/08 15:04 - 127 commenti

L'intenzione di Argento era di tornare al genere che gli aveva dato la fama - inizialmente il titolo era "La tigre dai denti a sciabola" - ma il risultato finale non era più il classico thriller. L'accento è posto sulla suspance e sulla folle visionarietà degli omicidi, in bilico sul fantastico. Aumentano a dismisura l'importanza della fotografia, dell'iperbole degli oggetti, dell'architettura, della coreografia degli omicidi, della colonna sonora dei Goblin, divenuta proverbiale. Rivisto oggi è un po' invecchiato, ma rimane un cult assoluto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La terrificante nenia infantile.
I gusti di Sunchaser (Fantascienza - Musicale - Thriller)

Mfisk 1/10/07 13:54 - 127 commenti

Secondo Sant'Agostino Dio è massima perfezione, ma le sue creature non condividono lo stesso stato e sono quindi intrinsecamente imperfette. Se Dario Argento non avesse abbandonato il liceo al secondo anno avrebbe potuto studiare il pensiero del Santo di Ippona e sarebbe divenuto un pacifico notaio di provincia; ma essendo fuggito dagli studi classici non si fece scrupoli: scrisse, sceneggiò e diresse Profondo Rosso e creò un film perfetto.
I gusti di Mfisk (Commedia - Gangster - Guerra)

Red Dragon 25/3/07 13:53 - 125 commenti

Profondo rosso. Il titolo è già una mezza genialata. Poi però si aggiunge il film, che è semplicemente fuori dal mondo. Cosa bisogna dire? Un ottimo cast, una trama perversa e cattiva. Lo sfondo infantile rende magica e macabra l'atmosfera, valorizzata da una fotografia straordinaria, musiche passate alla storia e scenografie barocche altrettanto malate. Sia in esterni che in interni tutto pare infettato da quel sublime virus che Argento ha poi perso per strada. Da farsela addosso. Straordinario.
I gusti di Red Dragon (Fantascienza - Giallo - Thriller)

G.enriquez 7/10/08 13:54 - 121 commenti

Ormai un classico. Dario Argento, allora traboccante di idee, riversa tutta la sua personalità in un'opera che inquieta. Sì, perché Argento non cerca l'orrore "ad effetto" (meccanismo su cui si basa la maggior parte degli horror di oggi), ma lo estrapola dall'atmosfera che, attraverso una sceneggiatura che è un piccolo compendio di tutte le paure che abbiamo dentro, è riuscito a ricreare. Bella inoltre l'idea di omaggiare la carriera di una grande attrice come Clara Calamai. Fotografia e musiche (chi non le conosce?) all'altezza.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: A volte quello che vedi e quello che immagini si mischia, come in un cocktail, e non si può più distinguere. (Carlo, l'amico di Marc).
I gusti di G.enriquez (Comico - Poliziesco - Thriller)

Vanadio 27/4/10 21:35 - 105 commenti

A pensarci (dopo la centesima visione o giù di lì) sembra più un "collage" di quadri che non un film: è un insieme di idee geniali raccordate tra loro non sembre bene; eppure il film nel complesso merita, eccome. La summa del giallo argentiano, con una regia ottima, movimenti di macchina virtuosi e scene molto cruente (specie rispetto agli "Argento" precedenti, quasi asettici in tal senso). La Nicolodi recita dignitosamente, David Hemmings è troppo simpatico nelle sue piccole nevrosi.
I gusti di Vanadio (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Fulcanelli 25/8/15 16:37 - 95 commenti

Con Profondo rosso Argento realizza quanto di meglio abbia mai fatto a tutt'oggi. In un momento di particolare ispirazione (e pattuita collaborazione con il suo cervello) riesce finalmente a mettere insieme tutti i pezzi che compongono un capolavoro, a trasporre degnamente le sue idee su pellicola e dare un'inoppugnabile prova del suo grande talento visionario e qualità di regista. Il film non è esente da piccole imprecisioni nella sceneggiatura e forzature varie, ma in un complesso del genere possono essere tranquillamente ignorate.
I gusti di Fulcanelli (Avventura - Fantascienza - Horror)

Spectra 12/12/07 11:44 - 84 commenti

Senza alcun dubbio il miglior thriller italiano e forse anche quello di più successo. Composto da un'infinità di particolari che deviano lo spettatore da quello che è il suo intento primario: individuare l'assassino. Argento riesce a creare intorno al killer quell'alone di crudele follia omicida che inquieta lo spettatore per tutto il film. Un'opera di terrificante fascino e di perversa e sanguinaria bellezza. Colonna sonora dei Goblin ancora una volta fantastica ed inquietante.
I gusti di Spectra (Horror - Poliziesco - Thriller)

Shannon 25/7/10 16:25 - 72 commenti

Un po' datato, forse; e certamente con qualche salto nella sceneggiatura e qualche ingenuità di troppo. Ma "Profondo rosso" rimane nella storia come uno dei migliori di thriller di sempre: per la violenza, per i colori, per la splendida fotografia, per la memorabile colonna sonora, per l'ambientazione. Da vedere e rivedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il quadro in realtà era uno specchio...
I gusti di Shannon (Avventura - Drammatico - Thriller)

Tersilli 31/7/15 15:03 - 50 commenti

Capolavoro assoluto del Cinema italiano. Il Maestro Dario Argento, prendendo qualcosa dai suoi precedenti film, realizza una delle più grandi pellicole di sempre. Ottima sceneggiatura, inquadrature spettacolari, fotografia splendida di Kuveiller, colori magnifici, omicidi girati magistralmente. Interpretazioni perfette: su tutte Hemmings, la Nicolodi e la Calamai. Musiche eccezionali. Lo rivedrei in continuazione e ogni volta mi emozionerei come la prima volta. Essenziale.
I gusti di Tersilli (Commedia - Drammatico - Thriller)

Edecubo 19/8/14 5:32 - 49 commenti

Pietra miliare del genere: dalla prima all'ultima immagine nulla è scontato e l'abile sceneggiatura con spazi/buchi temporali aiuta a catturare magneticamente l'attenzione di questo capolavoro del maestro Argento. Se non lo si è visto urge rimediare quanto prima. Un bel modo anche per ricordare il bel tempo che fu.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le musiche dei Goblin, scritte a pennello per il film o quasi.
I gusti di Edecubo (Commedia - Horror - Thriller)

Almanot 28/12/16 15:19 - 39 commenti

Considerando che la conduzione dell'indagine non è esattamente cristallina, la durata avrebbe potuto essere accorciata. La logica narrativa resta sovente sacrificata, soprattutto alla puntualità dell'azione dell'assassino; e dopo la scoperta della sua identità alcuni passaggi sembrano ancora più improbabili. Come Musante nella prima prova argentiana, c'è ancora una lotta per focalizzare il ricordo giusto. La tensione regge alla perfezione, le musiche hanno fatto storia, i momenti comici risultano indovinati e la fotografia non può non colpire.
I gusti di Almanot (Azione - Guerra - Horror)

Barbapapà 8/7/09 15:46 - 33 commenti

Per molti lo zenith del regista; sicuramente l'incontro tra il primo Argento (giallo) e il secondo (horror). Ma il film risulta affascinante sì ma farraginoso. Si amplifica la tendenza di Argento a affannarsi per raggiungere le scene madri (invero notevoli). Però un segno profondo (color sangue) nel nostro cinema lo ha lasciato. Come in Bava, Argento ha l'accortezza di lasciar intravedere la meccanica dell'artificio, così da godere sia come vittime sue che come spettatori della macchina teatrale.
I gusti di Barbapapà (Animali assassini - Comico - Erotico)

Karim 17/7/10 19:32 - 22 commenti

Un film al confine tra il thriller e l'horror. Molto efficaci le location: dal teatro della conferenza, passando per la piazza del Blue bar, fino alla villa abbandonata. Ottima la trovata del personaggio che si riflette nello specchio, circondato da lugubri quadri. Apprezzabile quella che è una delle ultime interpretazioni cinematografiche di Clara Calamai, attrice del cinema italiano sin dagli Anni Trenta e grande stella dei Quaranta.
I gusti di Karim (Fantascienza - Horror - Thriller)

Nmatta 4/3/12 18:23 - 18 commenti

Il miglior film di Dario Argento è il trait d'union tra il thriller hitchcockiano e l'horror gotico. Da ricordare: una Clara Calamai sul viale del tramonto e il celeberrimo tema musicale dei Goblin. Viste le pessime opere moderne di Argento, è un film che si rimpiange decisamente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio della sensitiva; Il finale.
I gusti di Nmatta (Gangster - Giallo - Thriller)

Fidelio 6/7/09 11:38 - 11 commenti

Grande film. Non un capolavoro (ancora troppe incongruenze di trama, troppe inadeguatezze dei dialoghi ecc.) ma il film in assoluto più terrificante di Argento, ricco di visionarie e sanguinose sequenze. La trama, a dire il vero, ricalca L'uccello dalle piume di cristallo, mentre dal punto di vista iconoclastico il film riprende molte delle intuizioni presenti in 4 mosche. Però è superiore ad entrambi perché, appunto, coniuga il tutto in un sapiente mix assolutamente terrorizzante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo svelamento del significato del "quadro" spostato o scomparso.
I gusti di Fidelio (Fantascienza - Giallo - Thriller)

Puma 28/5/09 18:38 - 8 commenti

Inimitabile. Un giorno mi dissero che le trame dei film di Dario Argento erano e sono frutto di incubi notturni; peccato soltanto che forse da un certo momento in poi è venuta a mancare la giusta interpretazione delle sue sceneggiature oniriche perché la trilogia dgli animali e questo film rappresentano la perfezione del Giallo. Grandi l'ambientazione torinese e l'intreccio che nasce e muore nello stesso luogo, rispettando il detto che l'assassino torna sempre sul luogo del delitto. Attuale.
I gusti di Puma (Guerra - Musicale - Thriller)

Ramon 21/2/16 18:06 - 7 commenti

Non è un giallo vero e proprio, perché il paranormale fa capolino... ma non è un male, perché questo consente ad Argento di lasciare più libertà alla sua visione. E' un film di genere che riesce ad arrivare all'autorialità. Adesso non sarebbe più possibile, perché in Italia non esistono più i film di serie B. Negli anni 70 c'era un sentire collettivo, anche cinematografico, da cui nascevano film che erano fatti di altri film (nei cosiddetti filoni). Qui potevano spuntare dei capolavori. Ora no...
I gusti di Ramon (Azione - Commedia - Drammatico)

Mick87 25/3/14 13:07 - 4 commenti

Non c'è nulla da dire se non questo: capolavoro. Il film in cui Dario Argento ha raggiunto la perfezione; anche se lo rivedi mille volte, anche se sai perfettamente cosa succederà in ogni scena, provi gli stessi brividi della prima volta: Profondo Rosso non si discute, si ammira e basta. Qualche piccola sbavatura c'è (alcune scene sono lente, sopratutto quelle dei duetti amorosi tra Hemmings e la Nicolodi), ma nel complesso è un film eccelso, di quelli che fanno rimpiangere il glorioso cinema di genere italiano.
I gusti di Mick87 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Avepaolo 31/8/10 19:57 - 4 commenti

Tremendamente bello, da brividi veri. Il capolavoro indiscusso di Dario Argento. Sicuramente ancor oggi, calcolando che si tratta di un film del '75, il più bel giallo mai visto: scene che fanno accapponar la pelle. L'avrò visto una decina di volte ma la scena della villa ancora mi mette una sana paura addosso. Dario ci racconta anche le sue fobie, i suoi incubi, come in tutti i suoi film del resto, anche nei meno riusciti, capolavoro assoluto. Pietra miliare di Argento, forse irripetibile, visto i suoi ultimi fiaschi (vedi Il cartaio e Giallo).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Giordani... Giordani... brindo a te... vergine stuprata.
I gusti di Avepaolo (Azione - Giallo - Musicale)

Daniel_san 25/9/08 23:02 - 3 commenti

Avevo 13 anni ed era il venerdì 21 ottobre del 1983 quando lo vidi per la prima volta in tv (gli storici dei palinsesti televisivi potranno controllare...). Notte successiva insonne, ovviamente. Ma ciò che mi stupisce ancora oggi ricordare è il senso di malsano che pervase la mia mente per buona parte di quell'autunno di tanto tempo fa. Dopo, mi ci sono voluti anni per sentirmi di rivederlo senza saltare le scene topiche. Se non basta tutto questo a giustificare il massimo dei voti...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scoperta oltre il muro abbattuto nella villa; il diabolico pupazzo meccanico (che sia maledetto...).
I gusti di Daniel_san (Commedia - Fantascienza - Horror)

PagniMauri 6/1/10 12:26 - 2 commenti

Il soggetto non permette di capire con chiarezza alcune dinamiche ed intrecci! Un film non perfetto in assoluto (esistono film PERFETTI?) ma straordinario! Ancora oggi, nonostante lo abbia visto centinaia di volte, mi emoziona! Pur sapendo ad ogni nuova inquadratura cosa vedrò all’inquadratura successiva, le visioni e gli incubi di Argento mi rapiscono… creando quel misto di eccitazione, stupore e paura!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quel corridoio... quei quadri... il volto riflesso nello specchio...
I gusti di PagniMauri (Giallo - Horror - Thriller)