LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Tipico esempio di thriller argentiano, anche se l'ambientazione londinese lo stacca un po' dalla media delle numerosissime pellicole italiane del periodo. E bisogna dire che l'impegno profuso dal regista Massimo Dallamano per la buona riuscita del suo lavoro è più che apprezzabile. Morricone studia una colonna sonora improntata a una spudorata autocitazione ricalcando lo stile usato per L’UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO, Fabio Testi azzarda una recitazione mai sopra le righe che finisce per spegnerlo un po', ma la forza del film sta nel soggetto, non esageratamente fantasioso ma coerente, che riesce a spiegare il caso in tutte le...Leggi tutto sue sfumature. Buona anche l'idea di affrontare la situazione di ambigua morbosità del college inglese (femminile) senza falsi perbenismi, concedendo anche inquadrature audaci, tra le quali non vanno dimenticate quelle in cui l'assassino uccide le sue vittime infierendo col coltello proprio lì, in mezzo alle gambe. Nella parte di Solange recita Camille Keaton, nipote di Buster, che rivedremo sei anni dopo in NON VIOLENTATE JENNIFER in una parte per certi versi simile. Le indagini del commissario Burt seguono gli standard abituali dello spaghetti thriller, la figura di Testi non può non ricordare il Tony Musante dell’UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO per il suo essere sospettato e allo stesso tempo deciso a risolvere il caso con l'aiuto della moglie, e più in generale ogni accorgimento è studiato per non deludere i fans del genere osando troppo. Certo quindi l'originalità manca, ma ci si può appassionare comunque.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 1/03/07 00:21 - 4782 commenti

I gusti di B. Legnani

Uno dei migliori gialli dell’epoca, in cui tutto torna, anche se alcuni snodi, peraltro funzionanti, vengono sbrigati un po’ in fretta. Testi è un protagonista un po’ impacciato (pare non sappia dove mettere tutta la sua altezza), ma può andare. Due culti personali nel gineceo: la Galbó (già collegiale in Gli orrori del Liceo femminile) e la Mancini, molto visibile nel ruolo dell’allieva Susan. Da rammentare che l’aspetto lolitesco è frequente in Dallamano (si pensi a La Polizia chiede aiuto).

Undying 10/04/07 04:52 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Dallamano firma il suo capolavoro: un giallo dal meccanismo perfetto, che si discosta subito dalla tipologia "alla Dario Argento" inserendo nella storia la triste vicenda di un gruppo clandestino di liceali, che si offre a personaggi insospettabili per una manciata di sterline. Una Londra dal cielo plumbeo fa da cornice alla triste vicenda che verrà, con modi e tempi diversi, ripresa dallo stesso regista (La Polizia Chiede Aiuto), da Mario Caiano (A Tutte le Auto della Polizia) e da Sergio Martino (Morte Sospetta di una Minorenne). Da vedere.

Giapo 24/04/07 11:18 - 232 commenti

I gusti di Giapo

Tipico giallone all’italiana a tinte morbose con tanto di ragazzine seminude e indifese, elemento imprescindibile per un B-movie che si rispetti. La storia scorre piacevolmente anche se non priva di qualche evidente forzatura, ma nel complesso coinvolge e rende molto bene la tensione e l’aspetto morbosamente raccapricciante legato al modus operandi dell’assassino senza abusare di effetti visivi espliciti. Ottima la regia. Da non perdere per gli appassionati del cinema di genere
MEMORABILE: Spettacolari le riprese soggettive dell’assassino, raggelante l’omicidio nella vasca da bagno.

Dusso 21/06/07 11:32 - 1539 commenti

I gusti di Dusso

Capolavoro! Uno dei migliori gialli italiani di ogni tempo se non addirittura il migliore. La sceneggiatura è solidissima e ben congegnata, gli attori sono tutti in piena forma. Ma la cosa migliore è la suspense a livelli straordinari, con colpi di scena che tengono incollati allo schermo con una storia davvero molto affascinante.

Homesick 7/10/07 09:03 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Geometricamente perfetto, à la Wallace. Basato sul meccanismo vendicativo de La sposa in nero, fotografato con eleganza e pulizia e ambientato in un college dove allignano perversioni e omertà. Molte le citazioni da altri film: il baviano omicidio nella vasca, l'argentiano particolare rivelatore, le soggettive del maniaco e i riferimenti fulciani alla figura del prete. Originale l'idea dell’assassino che parla con insolita voce naturale. La recitazione è di livello molto buono.
MEMORABILE: Il volto arcigno e glaciale di Karin Baal, che sa sciogliersi magicamente in un sorriso dolcissimo.

Il Gobbo 8/10/07 19:35 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Buonissimo lavoro di Dallamano, curatissimo e persino elegante nella messa in scena (ma mai leccato), interpretato discretamente (certo che Barbetti fa un gran lavoro e Testi ne riceve gran beneficio), e più che funzionante nei suoi meccanismi thrilling. Garantito già dalla trama il cotè erotico, fra le altre prerogative da segnalare l'inquietante presenza di Camille Keaton, futura Jennifer di uno dei più truci rape&revenge di sempre. In generale, uno dei migliori gialli all'italiana.

Caesars 30/10/07 08:20 - 2765 commenti

I gusti di Caesars

Buon giallo firmato da Dallamano che copia Argento in molte situazioni ma al tempo stesso se ne discosta in altre (manca la tipica tensione pre-omicidi e l'assassino, pur nero guantato e vestito, non usa la solita voce in falsetto). La scenggiatura non manca di buchi ma comunque la vicenda si segue con interesse e il movente dell'omicidio non è la solita pazzia scatenata da un evento casuale. A livello recitativo Testi riesce a raggiungere la sufficienza e nulla più. La Galbo era già apparsa nel notevolissimo Gli orrori del liceo femminile.

Spectra 3/01/08 11:52 - 84 commenti

I gusti di Spectra

Film diretto ottimamente da Massimo Dallamano e sicuramente uno dei migliori gialli del periodo. Una sceneggiatura ben congegnata tiene lo spettatore attaccato allo schermo fino alla fine. Film intrigante, perverso e morboso, girato con discreto ritmo. Buono il cast con un Fabio testi a tratti non molto convincente, buone le musiche del solito Morricone. Assolutamente imperdibile!!!

Iochisono 24/02/08 20:30 - 133 commenti

I gusti di Iochisono

Giallo prodotto nel momento di massima richiesta di questo genere, firmato da un ex direttore della fotografia scomparso prematuramente, ma certamente dotato. Questo è forse il suo film migliore. Tenta un vago ibrido tra film argentiano e giallo britannico e funziona molto bene. Curiosamente presenta un momento di cattivo gusto gratuito, quando viene mostrata la radiografia del coltellaccio enorme tra le gambe della vittima, ma è talmente sopra le righe ormai da far ridere. Eppure il regista pare molto attento a tutti i dettagli.

Ciavazzaro 14/03/08 14:27 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Il compianto Dallamano firma un ottimo giallo, del sotto-genere che voleva scioccare il pubblico, mostrando ragazzine nude e molto più adulte rispetto alla loro età. Il cast e la colonna sonora di Ennio Morricone sono perfetti, la splendida fotografia è di Aristide Massaccesi e i delitti sono sanguinosi e ben congegnati. Movente ultra-concreto. C'è pure Carla Mancini nel ruolo di una studentessa. Bravi la Keaton, Testi e la Galbó. Da vedere.

Stubby 29/06/08 14:03 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Ottimo lavoro da parte di Dallamano,che confeziona un bel giallo coadiuvato da ottime interpretazioni e soprattutto da una colonna sonora che si sposa perfettamente con la pellicola. Bellissimi spunti e soprattutto bella atmosfera quella che si respira, con locations suggestive e azzeccatissime; nel corso della visione spesso si è fuorviati nella ricostruzione dell'identikit dell'assassino. Sempre bravo Testi. Dal mio punto di vista, da non perdere assolutamente.

Stefania 20/07/08 14:34 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

La morte e le fanciulle: deliziosa l'ambientazione nella scuola femminile, con Testi professore poco gradito al preside burbero e ai colleghi serpenti, ma molto gradito alle allieve. Equilibratissimo l'intreccio: la sotto-trama del movente si rivela gradualmente, senza forzature. Il menage tra Testi e la moglie è un mini-film gradevolissimo, tutti i caratteri sono ben delineati, ed è indimenticabile il misterioso personaggio che è il perno della vicenda: la tenera, sventurata Solange.

Rebis 30/10/08 13:03 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Giallo all’italiana girato con notevole professionalità e ricercato senso dell’inquadratura, rielabora – com’è d’uopo - elementi di matrice argentiana (lo scarto tra percezione e memoria, il protagonista ingiustamente incastrato dagli eventi) senza troppa inventiva. L’intreccio, piuttosto modesto, non riserva colpi di scena e diversi snodi del racconto soffrono d’ingenuità e approssimazione; il vero motivo d’interesse è rimandato all’ambientazione e all’atmosfera di livida e morbosa repressione sessuale, rese con innegabile efficacia. A conti fatti, comunque, più fumo che arrosto.

Cotola 14/11/08 00:02 - 7618 commenti

I gusti di Cotola

Discreto giallo girato dal solido e professionale Dallamano, il quale dà vita ad una pellicola dai buoni risultati più e più volte imitata (darà addirittura il via ad una sorta di filone, che porterà alla fioritura di pellicole molto simili e di cui spesso si poteva fare a meno). Gradevole, anche se, naturalmente, non ci troviamo dinanzi a nulla di eccezionale.

Bruce 17/12/08 10:02 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Riuscito giallo girato in Inghilterra, ben diretto da Dallamano ed interpretato da validi attori. Fabio Testi, insegnante di italiano in un college femminile, è il principale sospettato della serie di omicidi delle studentesse. Il soggetto è buono e la soluzione finale risulta tutt'altro che peregrina. Il meccanismo funziona e l’insieme risulta anche esteticamente affascinante. Tra i migliori di derivazione argentiana.

Anna 30/01/09 21:37 - 90 commenti

I gusti di Anna

Orrendi delitti si susseguono apparentemente senza una logica concatenante a parte la tecnica dell'omicio. Thriller ricco di false piste e presunti colpevoli fino all'inaspettato epilogo. Fabio Testi si propone come un professore belloccio e intraprendente, faccia birichina sotto il pizzetto niente male. Ottimo.

Capannelle 3/02/09 17:22 - 3742 commenti

I gusti di Capannelle

Un buon prodotto che vanta un'atmosfera di fondo morbosa e riuscita, oltre ad un intreccio credibile (cosa rara per il periodo) che scorre senza effettacci di sorta. Denuncia alcuni vizi tipici del filone: attori così così (l'unica veramente espressiva è la Klebb), alcuni momenti topici girati con sufficienza, inquadrature poco fluide. Morricone concede qualcosina del proprio estro e Massacesi è alla fotografia con risultati altalenanti. Poco horror, abbastanza osè.

Buck 13/03/09 21:15 - 32 commenti

I gusti di Buck

Vidi Il medaglione insanguinato di Dallamano e dissi: "Hmmmmmm il bravo Massimo mi ha un po'deluso... sarà per la prossima volta". Quella prossima volta arrivò e dando fiducia al regista acquistai questo film: il risultato fu che avevo fatto bene a rimandare a settembre Dallamano, perché questo thriller è davvero bello e ben fatto, oserei dire capolavoro e cult del nostro cinema di genere. Da avere assolutamente, per amanti e non del filone!

Herrkinski 28/05/09 23:46 - 5287 commenti

I gusti di Herrkinski

Notevole giallo del grande Dallamano, autore a mio avviso molto sottovalutato e che ha firmato alcuni dei migliori prodotti del genere in assoluto. Da questo film parte la cinica analisi del regista sulle deviazioni dell'adolescenza femminile, che raggiungerà il culmine nel semi-capolavoro La polizia chiede aiuto. Fotografia eccellente, sceneggiatura ben strutturata, attori sopra la media (bravo Testi e sempre splendida la Keaton), buone musiche di Morricone. A volte forse manca un po' di ritmo, ma si lascia vedere. Comunque benissimo. ***½
MEMORABILE: L'entrata in scena della Keaton.

Puppigallo 29/05/09 14:09 - 4525 commenti

I gusti di Puppigallo

Thriller girato con mestiere, ma senza particolari trovate, o originalità nella costruzione delle scene, specialmente negli omicidi (molto argentiani, come l'affogamento, con telecamera che funge da occhi dell'assassino). C'è però da dire che la narrazione è fluida e gli attori se la cavano bene (Testi, serio professore, ma anche braccaragazze, la moglie, "leggermente" inacidita dalla costante cornificazione e l'ispettore, decisamente risoluto e un po' "mago", visto che in una scena ha la pipa in bocca, poi apre una porta e la pipa scompare). Mezzo pallino in più per la spiegazione finale.
MEMORABILE: Le foto della vittima, con coltellata a dir poco insolita, ancor più visibile nella radiografia (alla faccia del coltello!).

Funesto 20/09/09 15:01 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Thriller argentiano che rinuncia totalmente alle stereotipate scene di sangue a cui eravamo abituati per avere una storia più curata, interessante ed abbastanza avvincente. La bella location londinese viene supportata magistralmente dall'impeccabile fotografia di Massaccesi e dalle belle musiche di Morricone, usate (troppo) spesso nei momenti romantici e fra Enrico (Testi) ed Elizabeth (Galbò). Buona la regia e buoni gli attori, con un Fuchsberger e una Baal in gran forma. Dallamano farà ancora meglio col successivo La polizia chiede aiuto.
MEMORABILE: Lo sguardo infantile e assente di Solange.

Metuant 2/01/10 12:12 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Ottima variante di giallo italiano ambientato all'estero (stavolta la meta è Londra), con notevoli punte di tensione, anche psicologica. Il picco di drammaticità si ha con le rare apparizioni di Solange, una ragazza irrimediabilmente segnata da una tremenda esperienza rappresentata con flashback molto efficaci. Notevoli anche gli omicidi, ben congegnati e girati altrettanto bene. Davvero un buon prodotto.
MEMORABILE: I ricordi di Solange.

Trivex 11/04/10 17:43 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Un film realizzato con tanta cura e devozione, allineato ai canoni classici cinematografici dell'epoca, ma col finale discostante. L'assassino torna ad essere il soggetto dotato delle caratteristiche proprie del suo ruolo, senza stravaganze, motivato razionalmente nell'agire. L'ambiente è invece stabilizzato, apparentemente diligente, con sottostante morboso, peccaminoso. Il peccato deve essere vendicato, per mezzo della purificazione spirituale e di quella fisica. Dallamano costruisce bene il tutto, dissimulando la vicenda principale e la sua protagonista.

John trent 13/05/10 20:49 - 326 commenti

I gusti di John trent

Una serie di delitti sconvolge la tranquillità apparente di una scuola femminile dove più di qualcuno ha qualcosa da nascondere. Massimo Dallamano firma uno dei suoi migliori film e forse uno dei migliori dell'intero filone giallo/argentiano dei primi anni '70. Ambientazione londinese suggestiva e ottimamente fotografata da Joe D'Amato, morbosità, tensione notevole e un buon intreccio della storia fanno di questo film un autentico gioiellino. Imperdibile.
MEMORABILE: Il flashback con protagonista la sventurata Solange.

Myvincent 7/06/10 19:58 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

La risposta al titolo del film è il movente che spinge l'assassino ad uccidere con crudeltà alcune ragazze di un collegio londinese. Proprio quelle dal comportamento più disinibito e a rischio. Inizia con qualche ingrediente argentiano, poi prevalgono le tematiche drammatiche, per un film tutto sommato dalla trama pulita e coerente. Poca tensione di fondo. Passabile.

Pau 16/06/10 19:14 - 125 commenti

I gusti di Pau

Giallo guardabile e che non disdegna di sfiorare una tematica "forte" (da non rivelare, pena lo svelamento delle motivazioni che spingono l'assassino a colpire), senza peraltro assumere posizione su di essa (scelta azzeccata a mio parere). Difettano però ritmo e tensione, il montaggio è a tratti farragginoso (si veda la sequenza in cui Christine Galbo assiste al primo omicidio mentre si trova in barca con l'amante), gli interpreti non brillano per personalità. Un solido artigiano alla regia.
MEMORABILE: L'omicidio nella vasca da bagno, girato nella prospettiva dell'assassino.

Nando 29/07/10 02:15 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Un giallo in cui Testi, professore di ginnastica in un college inglese, sciorina una dignitosa interpretazione. Le facce inquiete delle adoloscenti ed il turbinio di vicende portano ad una pellicola valida che presenta, pure, momenti morbosi. Dallamano gira con il solito stile esatto.

Aal 12/09/10 15:05 - 322 commenti

I gusti di Aal

Ottimo giallo di ambientazione londinese con un Fabio Testi in grande forma. Taglio internazionale e confezione elegante con più di qualche concessione pruriginosa. La trama è sufficientemente complessa e senza difetti logici. Tutto si muove sulla falsariga dei gialli argentiani che in quegli anni spopolavano. Dallamano firma uno dei suoi lavori migliori, sobrio e senza sbavature, curato in ogni minimo dettaglio. Insieme a La vittima designata lo giudico uno dei migliori gialli italiani degli anni Settanta.

Il Dandi 15/10/10 23:26 - 1846 commenti

I gusti di Il Dandi

Film elegantemente diviso in due: prima parte in un austero collegio che sembra fuori dal tempo (con tanto di fiume e bosco), poi si entra nella contemporanea swinging London in odore di beat. Miglior lavoro di Dallamano, che all'interno di un meccanismo giallo codifica il suo universo lolitesco e sessuofobico (elementi in effetti assenti nel thriller argentiano). Confezione pregevole (musiche di Morricone, montaggio di Siciliano e fotografia di Massaccesi) per uno dei migliori esempi del genere. Consigliato anche ai non giallisti.
MEMORABILE: Il professore (Testi): "Queste ragazze sono invischiate in un giro di sessualità, non mi stupirei se si scoprisse che si drogano!"

Gestarsh99 6/12/10 12:46 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Raffinata morbosità, ritmi lenti squarciati da inesorabili picchi di violenza, scabrose sibillinità, atmosfere peccaminose sottolineate dallo score romantico e voluttuoso di Morricone. Dallamano non si è mai focalizzato sul meccanismo a sorpresa caratteristico dell'italian-giallo (vedasi lo sciapo epilogo de La polizia chiede aiuto) ma il suo fine è stato sempre quello di far scaturire lo shock più crudo e disarmante proprio da elementi insospettabili come innocenza ed ingenuità. Ecco spiegata la sua attrazione particolare per soggetti che trattassero di adolescenze violate e minorenni "navigate".
MEMORABILE: L'allucinante e sconvolgente flashback abortivo virato in b/n.

Mdmaster 8/03/11 09:45 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Giallo che ho, stranamente, gradito per la costruzione logica della trama e per una certa professionalità della confezione. Probabilmente la pecca maggiore è il cast, quello maschile soprattutto: un Testi spento e apatico più un ispettore non memorabile. Musiche di Morricone poco originali ma che, comunque, ci stanno a pennello. Piuttosto birichina nel mostrare belle nudità, la pellicola si dimostra comunque intrisa di una certa malinconia che sboccia pienamente nel finale. Ben girato da Dallamano con fotografia di Aristide Massaccesi.
MEMORABILE: La prima brutale uccisione che interrompe la romantica gita in barca.

Nicola81 4/04/11 16:06 - 2004 commenti

I gusti di Nicola81

Uno dei migliori gialli italiani del decennio. Non presenta sequenze particolarmente agghiaccianti, ma può contare su una sceneggiatura ben articolata che offre un elevato numero di sospettati e una soluzione molto più plausibile del solito. Dallamano, che tornerà sul tema "adolescenti perverse" con La polizia chiede aiuto, regala qualche lampo di classe ed è molto bravo nel raffigurare le inquietudini dell’ambiente collegiale senza mai scadere nella morbosità fine a se stessa. Ok la fotografia di Massaccesi e le musiche di Morricone.
MEMORABILE: L'omicidio nella vasca da bagno; il flashback in b/n della povera Solange.

Giùan 27/09/11 12:34 - 3045 commenti

I gusti di Giùan

Più ancora di un giallo, un film d'atmosfera come nelle corde di Max Dallamano, autore decisamente asincrono nel panorama dei "generi" nostrano (basti guardare le sue prove nel poliziesco e nell'erotico). Qui si produce in un piccolo classico, molto curato nella messinscena (precise le ambientazioni, sottolineate dalla fotografia di D'Amato, dal candido leitmotiv di Morricone) quanto "pilotato" nello script che, nonostante il soggetto pruriginoso, è ben attento a non sbracare, pur non facendosi mancare lampi exploitation. Un po' debole il reparto attoriale...
MEMORABILE: L'evoluzione del rapporto tra Testi e la moglie; L'apparizione di Camille Keaton sul prato; La scena dalla mammana.

Gugly 11/03/12 11:05 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Ma nel 1970 a Londra non c'era già la pillola? Un (involontario?) apologo sul sesso sicuro e alla fedeltà coniugale, con tocchi di ferocia che lasciano il segno (il coltello messo proprio lì) e in generale una buona regia che si fa seguire fino al frettoloso ma commovente finale. Testi è un bel ragazzone barbuto ma convincente, mentre il ruolo del commissario è pura routine e tra gli insegnanti troviamo facce note del caro cinema di genere italiano. I nudi delle ragazze sono molto disinibiti ma non gratuiti.
MEMORABILE: La sequenza in un b/n gelido in casa della mammana, ipocritamente moralista con la povera Solange.

Lucius 22/05/12 15:26 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Uno dei migliori thriller a stampo argentiano di quel periodo, innalzato nel suo valore artistico non solo dalla regia di Dallamano, che riesce con mano ferma a dosare suspence, sangue e violenza in una storia raccapricciante, senza mai cadere nel gratuito, ma anche dalle splendide partiture morriconiane, che si fondono con le immagini della pellicola. In una Londra suggestiva (grazie anche all'ottimo lavoro del location manager) un pericoloso killer se la prende con giovani creature in erba. Cosa hanno fatto a Solange?

Modo 23/07/12 22:14 - 829 commenti

I gusti di Modo

Giallo diretto con mestiere. Storia strutturata adeguatamente senza cali di interesse. Fabio Testi forse un po troppo "camomillato", ma nel complesso il cast è buono. Delitti e flashback si amalgamano bene. Londra e la musica di Morricone aiutano a rendere fascinoso il tutto.

Didda23 15/08/12 02:29 - 2297 commenti

I gusti di Didda23

Seppur incomba la spada di Argento sul capo di Dallamano, quest'ultimo gira con profondo rigore uno straordinario giallo nel quale, per una volta, la sceneggiatura non presenta pecche evidenti e si fa apprezzare sia per la bontà dei dialoghi, sia per la credibilità del movente. Ottima la scelta di girare a Londra, che distacca l'opera dalla solita e stra-abusata cornice capitolina. Buona la fotografia di Massaccesi, che con quell'inaspettato bianco e nero dona quel tocco di autorialità che non guasta mai.

Von Leppe 11/10/12 20:16 - 1049 commenti

I gusti di Von Leppe

Veramente ottima la prima parte, dalle scene memorabili: la visione del primo delitto sulla barca, gli incubi dalla ragazza in una Londra ben caratterizzata e ottime sequenze. Poi si passa quasi bruscamente a una seconda parte in cui la tensione e l'atmosfera calano, pur rimanendo un notevole giallo dai frequenti colpi di scena. Ci sono nudi e tematiche perverse in una ambientazione studentesca e moralista. Buoni il personaggio e l'interpretazione di Fabio Testi.

Motorship 27/11/12 22:58 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Uno dei migliori gialli italiani del periodo e non solo. Dallamano dirige con maestria e accuratezza, mentre la sceneggiatura è assolutamente impeccabile, così come la fotografia e la suggestività delle scene (quella dell'omicidio nella vasca da bagno è trattata da Oscar). Dunque ecco che la suspance è garantita, sopratutto per i meriti del film detti prima. Buono il cast: più che Fabio Testi, in verità un po' moscio, anche se funzionale, si segnalano ottime prove del cast femminile, in particolare della Galbò e della Keaton. Belle le musiche di Morricone.
MEMORABILE: La scena dell'omicidio nella vasca da bagno.

Jdelarge 7/04/13 19:56 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Giallo all'italiana un po' atipico per quanto riguarda la scelta della location londinese. Il film è riuscito, ma conta numerose pecche riguardanti soprattutto una trama lacunosa e frettolosa via via che l'intreccio si snoda. Testi offre un'interpretazione molto scialba, la fotografia di Aristide Massaccesi è buona e la regia di Dallamano ha alcuni spunti davvero interessanti. La colonna sonora è di Morricone, che è sinonimo di qualità, ma anche lui ha indubbiamente fatto di meglio.
MEMORABILE: L'apparizione di Solange vista sottosopra.

Magi94 21/07/17 23:26 - 702 commenti

I gusti di Magi94

Un thriller discreto, che poteva risultare molto migliore ma appare guastato qua e là da imprecisioni. Ottima la morbosa vicenda di sesso e omicidi in una scuola cattolica femminile. La regia è buona, da giallo più che da thriller ma riesce a rendere il film sempre interessante. Il problema sono la recitazione smorta e i protagonisti: praticamente non ce n'è uno (l'ispettore dal poco tatto? Fabio Testi sempre svogliato? La Galbo?) e certo il terzo omicidio non aiuta. Poco convincente il riavvicinamento tra il professore e la moglie.

Maik271 15/02/15 21:01 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Prima regia di Dallamano nel giallo e prima prova convincente. Le ambientazioni inglesi si offrono generosamente al regista e lui ne approfitta sapientemente. La storia di giovani disinibite che vengono uccise con un modus operandi terribile funziona molto bene e fino alla fine si rimane nell'incertezza. Bene il cast, buona prova di Testi, belle le musiche e le ambientazioni. Sicuramente uno dei migliori gialli del periodo.

Ultimo 30/03/15 10:30 - 1384 commenti

I gusti di Ultimo

Ottimo thriller anni 70, molto simile da certi punti di vista ai primi gialli argentiani ma con un'ambientazione londinese che qua e là toglie qualcosa al soggetto, ma al contempo attribuisce alla pellicola un fascino quasi inaspettato. Bravo Fabio Testi, il migliore del cast e in parte tutte le ragazzine. Da vedere!

Buiomega71 25/01/16 22:16 - 2297 commenti

I gusti di Buiomega71

Straordinario thriller parargentiano dove si respira morbosa atmosfera di ninfette maliziose, di lolite cresciute troppo in fretta, di aborti, di mammane, di feroci coltellate, di vilipendio vaginale. Anticipando certi temi e alcune venature di Picnic ad Hanging Rock, Dallamano firma un thrilling carnale e sanguigno, dove "fulcianamente" pochi personaggi si salvano (non ultimo Testi con la passione per le ragazzine) e i flashback brillano di una bellezza visiva e narrativa da lasciare senza fiato. Valore aggiunto la fotografia massaccesiana e lo score morriconiano.
MEMORABILE: Le ragazze sorridenti, in bicicletta, abbagliate dalla bellissima fotografia massaccesiana; Le ninfette spiate, nude, nelle docce; Il terribile aborto.

Lythops 8/02/16 09:16 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Dallamano firma un giallo originale e, per i tempi, sotto certi aspetti ardito nel soggetto e nel modo con cui questo viene affrontato. Si apprezza la volontà di distaccarsi dal solito giallo italiano e la serietà dell'intento verrà premiata (?) con la creazione di un sottogenere che fortunatamente finirà presto. Ben strutturato nella sceneggiatura, con buone scenografie e fotografia, trova un unico neo in Fabio Testi, poco adatto al ruolo. Morricone scrive una partitura molto bella e affida il tema melodico alla voce di Edda Dell'Orso. Bravi.

Ronax 19/03/16 01:35 - 920 commenti

I gusti di Ronax

Tecnicamente pregevole, grazie anche alla curatissima fotografia di Massaccesi e alle sinuose partiture morriconiane, ma ben poco credibile negli snodi narrativi, a partire soprattutto dal momento in cui un legnoso Testi si trasforma improbabilmente da indagato in indagante. Lo spunto di fondo sarà comunque ampiamente copiato e adattato in varie salse negli anni successivi. Fastidiosi sia il sottofondo moralistico nei confronti delle giovani vittime (del resto siamo nel lontano 1972) sia la neanche tanto velata comprensione verso l'assassino.
MEMORABILE: I lividi flashback in bianco e nero con la scena dell'aborto clandestino.

Rufus68 16/07/16 21:33 - 3149 commenti

I gusti di Rufus68

Pulito, scorrevole e quasi perfetto nello scioglimento. La recitazione è adeguata; l'ambientazione londinese aggiunge un tocco di cosmopolitismo; eppure il film mai si solleva da tale aurea mediocrità. Alcune pellicole coeve, più rozze e discontinue, lasciano intendere ben altro sul lato sociologico, politico, umano: Solange, invece, è un giallo puro, che esaurisce in sé il proprio significato. I nudi adolescenziali pepano furbescamente il tutto.

Fauno 6/11/16 00:32 - 1935 commenti

I gusti di Fauno

Per la prima ora fa più paura lo sguardo incavolato e depresso della Baal (cornuta di turno!); per gli omicidi, vista anche la parte che viene trafitta, si fa presto a ipotizzarne il movente. Nondimeno l'entrata in scena di Solange (una Keaton come sempre magnifica) dà al film almeno due marce in più; l'assassino sfortunatamente è più un flash che un personaggio ben delineato. Diciamo che ha parecchi lati interessanti, una bella fotografia, un'ottima decorazione, ma è pure incompleto per molti aspetti ed è ben lungi dall'emergere nel suo filone thriller.
MEMORABILE: "...ma è sempre questa poveretta che continua a pagare per tutti".

Zender 3/12/16 12:02 - 285 commenti

I gusti di Zender

Dallamano alle prese con un thriller scolastico, un po' in tutti i sensi. Corretto e ben scritto, morboso quanto basta, interpretato con la dovuta partecipazione da un cast in palla, manca però del tocco in più, di quella forza che il regista troverà invece tutta nella Polizia chiede aiuto, ad esempio. Qui, complice anche una calligrafica ambientazione inglese, la vera ferocia del killer non si odora, nonostante le apparenze, e il film segue anodino tracce argentiane (anche nelle musiche di Morricone) sfavillando nella fotografia di Massaccesi.

Ira72 20/02/17 15:12 - 970 commenti

I gusti di Ira72

Thriller ben confezionato, dalle atmosfere torbide e pruriginose, in cui si susseguono diversi omicidi in stile argentiano senza sfociare nello splatter. La fotografia è curata e la narrativa risulta scorrevole, anche per via di un enigma da risolvere non così prevedibile, come in altri film di genere del periodo. A Camille Keaton viene riservata una parte marginale, che risulta comunque essere fondamentale per la buona riuscita del film.

Fedeerra 22/11/17 06:49 - 468 commenti

I gusti di Fedeerra

Nonostante la brutalitá degli eventi (gli omicidi non sono mai del tutto mostrati ma suggeriti) il film di Dallamano appare fulgido e setoso, un po' come le sue lolite, piccole donne vittime di una società bigotta, arretrata e perbenista. Bellissima la scena in cui appare per la prima volta il volto di Solange; un personaggio sinistro e malinconico interpretato da una splendida e innocente Camille Keaton. Un film girato magnificamente, teso, morboso e con una ripresa finale crudele.

Claudius 10/11/18 11:38 - 430 commenti

I gusti di Claudius

Splendido e coraggioso thriller anni 70 che tratta temi controversi e oggi attuali (aborto e conseguenze psicologiche, lolitismo...) con buona mano servendosi di un signor cast con gli ottimi Testi e Galbo. Il film di Dallamano riesce a tenere incollati alla poltrona anche dopo averlo visto più di una volta. Delitti sanguinosi e un finale spiazzante completano il quadro.
MEMORABILE: L'inizio; La colonna sonora di Morricone; Il delitto nella vasca.

Bubobubo 10/12/18 23:02 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Non è tanto il pur discreto piglio registico di Dallamano a conquistare, né la prova di un cast comunque sempre all'altezza della situazione: l'elemento vincente è la presenza di uno spunto narrativo forte, originale e attualissimo per i tempi di realizzazione della pellicola (ma lo sarebbe ancora oggi), tant'è che - violenza grafica a parte, notevole - la definizione globalmente più calzante sarebbe quella di dramma. In una marea di gialli discreti ma un po' anonimi, questo brilla di accecante luce propria.
MEMORABILE: Il finale.

Pessoa 16/12/18 01:31 - 1228 commenti

I gusti di Pessoa

Giallo di derivazione argentiana per Dallamano, che saprà fornire in seguito prove più convincenti. La struttura narrativa patisce una certa approssimazione con nessi logici talvolta deboli. Cast non proprio di prima qualità in cui un modesto Testi sembra gigantesco. Ha l'attenuante di aver inaugurato un sottofilone prolifico con prodotti spesso di dubbio valore, ma nel complesso resta un film modesto, a tratti lento e noiosetto. Le musiche di Morricone e la svavillante fotografia di Massaccesi portano il pallinaggio fino alla sufficienza.

Minitina80 28/12/18 00:38 - 2396 commenti

I gusti di Minitina80

Sembrerebbe il solito giallo uguale ai tanti che affollavano il genere negli anni Settanta. Dallamano, invece, lo arricchisce di un sottotesto capace di dargli spessore, partendo da un brutale omicidio che aprirà lentamente a uno scenario dai connotati forti e sul quale sarebbe ancora possibile disquisire. Nonostante la violenza visiva sia quasi inesistente, quella di concetto non manca e arriva dritta a destinazione lasciando poco all’immaginazione. La solidità dell’opera si evince anche dalla bontà del cast artistico e di quello tecnico.

Paulaster 16/01/19 16:02 - 2865 commenti

I gusti di Paulaster

Studentesse della stessa scuola vengono ammazzate in serie. Giallo con buona ambientazione londinese che mischia il sacro della tonaca al profano dei vizietti adolescenziali. Sceneggiato in modo lineare con le giuste imbeccate per il colpevole e senza strafare nell’horror. Testi sarà anche un bell'uomo ma come detective non convince: anche il finale, che sembrava promettere, lasciava intendere scenari più scabrosi o brutali.
MEMORABILE: La lastra dopo il delitto; La penna sul tavolino; La mammana uccisa.

Deepred89 6/06/19 18:19 - 3309 commenti

I gusti di Deepred89

Classicone del thriller all'italiana, impareggiabile nelle sue ambientazioni inglesi e nella sua fotografia satura, notevole pure a livello di soggetto (uscita di scena dell'omicida a parte) ma purtroppo privo di quel mordente e di quella morbosità insinuante che i presupposti potevano far scaturire e che avrebbero trasformato il film in un capolavoro del genere. Ritmo non accattivante, musiche totalmente sbagliate (che non stonerebbero in qualche tardo Eriprando Visconti), buon cast: a suo modo sopravvalutato, ma avercene...

Noodles 12/05/20 23:02 - 940 commenti

I gusti di Noodles

Appassionante giallo all'italiana dall'ambientazione londinese, uno dei migliori esempi del genere. Pur con qualche momento turpe non esagera con la violenza, lasciando spazio alla suspense ma soprattutto al coinvolgimento nell'intreccio, visto che quest'ultimo si scioglie solo alla fine e risulta ben studiato. Impossibile annoiarsi sino alla fine per l'ottimo ritmo. Belle le location, buona la fotografia e ottimo il cast, con una piccola parte per Maria Monti. Da vedere, per appassionati e non.

Mickes2 2/06/20 14:46 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Mediamente incastrato nel mare magnum dei gialli settantiani, Solange spicca grazie a una prima parte dosata e ben costruita, ma che nello sviluppo soffre di troppa standardizzazione e un passo narrativo non consono a certi meccanismi thrilling. Nei virtuosismi, tolte un paio di sequenze (stupendo l’omicidio in soggettiva e la coltellata "sfumata") Dallamano non vuole osare concentrandosi più sul plot twist che però, clamorosamente, arriva solo a una manciata di minuti dal termine precludendone così le potenzialità. Discreto.

Rambo90 20/07/20 22:27 - 6431 commenti

I gusti di Rambo90

Buon thriller con classica ricerca all'assassino seriale. Le vittime sono le alunne di una scuola: all'inizio c'è l'indizio rivelatore che non si ricorda, poi il segreto che nessuno conosce. Così la sceneggiatura scorre su binari già visti ma non demerita, con le svolte proposte nel modo migliore e una regia che sa tenere alti tensione e mistero. Cast non male, anche se con un Testi poco espressivo, compensato da un discreto parterre femminile. Musiche di Morricone riuscite.

Fromell 19/10/20 09:34 - 75 commenti

I gusti di Fromell

Un aspetto dei gialli all’italiana che di solito fa storcere il naso è il movente dell’assassino, quasi sempre inverosimile e traballante. Qui invece, grazie a una sapiente sceneggiatura, è assolutamente concreto, contribuendo a dare al film una solidità che non hanno nemmeno i classici argentiani. Oltre allo script senza scivoloni, il film si avvale della calda fotografia di Aristide Massaccesi, che tinge di colori pastello una Londra autunnale sul cui sfondo Fabio Testi regala un’ottima interpretazione.
MEMORABILE: La soggettiva dell’assassino durante l’omicidio nella vasca da bagno e la successiva fuga per le scale.

Reeves 20/10/20 16:52 - 216 commenti

I gusti di Reeves

Un film veramente straziante, nel senso buono del termine. Si parla di violenze nascoste, di donne che subiscono varie violenze, di uomini che odiano le donne. Si capisce perché abbia avuto un grande successo internazionale: è un film teso, moderno, senza speranza. Vedendolo si capisce perché il cinema popolare italiano abbia avuto così tanto successo e perché registi come Tarantino lo amino profondamente. E Fabio Testi impersona tutto quello che si può odiare in un uomo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Funesto • 28/12/10 12:39
    Call center Davinotti - 1419 interventi
    Provo, non so se ho ancora il film qui sul pc...
  • Discussione Funesto • 28/12/10 12:47
    Call center Davinotti - 1419 interventi
    Nono, scusa, hai ragione, mi confondevo col trailer in cui pezzi di quella scena sono in seppia (o mi sto sbagliando anche ora?). Come non detto, scusa.
  • Discussione Gestarsh99 • 28/12/10 13:37
    Scrivano - 15060 interventi
    Allora la mia versione non era taroccata.
    Meno male :)

    P.S.: I trailer a volte raccontano i film in maniera molto diversa...ed io ne so qualcosa.
  • Discussione Ciavazzaro • 28/12/10 20:49
    Scrivano - 5610 interventi
    Si è cosa comune ai trailer avere scene non montate nel film o alternative,per questo sono preziosi !
  • Discussione Funesto • 10/02/12 19:22
    Call center Davinotti - 1419 interventi
    Zendeeer... 4 pallini invece di 3... ti spiace? Scusa ma qui a Montesilvano s'è fatto oltre un metro di neve in mezza giornata e ficcato in casa non ho altro da fare che rompere le palle qui sul sito ;-)
  • Discussione Gugly • 10/02/12 19:24
    Segretario - 4677 interventi
    Ciao Funestino! Qui a Milano nevica di meno ma fa un freddo...stasera cinemata casalinga anche per me,magari con questo film? Boh, vediamo!
  • Discussione Zender • 10/02/12 19:38
    Consigliere - 43731 interventi
    Funesto ebbe a dire:
    Zendeeer... 4 pallini invece di 3... ti spiace? Scusa ma qui a Montesilvano s'è fatto oltre un metro di neve in mezza giornata e ficcato in casa non ho altro da fare che rompere le palle qui sul sito ;-)
    Capisco, ognuno ha i suoi problemi, speriam che la spazzino via presto a questo punto :) Cambiato.
    Ultima modifica: 10/02/12 19:38 da Zender
  • Discussione Dusso • 10/02/12 20:15
    Segretario - 1621 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Ciao Funestino! Qui a Milano nevica di meno ma fa un freddo...stasera cinemata casalinga anche per me,magari con questo film? Boh, vediamo!

    si te lo consiglio se non lo hai mai visto!
  • Discussione Funesto • 10/02/12 20:24
    Call center Davinotti - 1419 interventi
    Un gran film, che mi piace sempre di più. Vedilo Gugly, io stasera forse mi vedo The Wicker Man (quello del 1973)...
  • Homevideo Didda23 • 1/12/15 10:56
    Comunicazione esterna - 5731 interventi
    In uscita il bluray arrow:

    http://www.arrowfilms.co.uk/what-have-you-done-to-solange-dual-format-dvd-and-blu-ray/