Lythops

Lythops
Visite: 18428
Punteggio: 991
Commenti: 987
Affinità con il Davinotti: 78%
Registrato da: 4/04/11 09:57
Ultima volta online: 17/09/22 16:38
Generi preferiti: Documentario - Poliziesco - Thriller
Film inseriti in database dal benemerito utente: 18

Quantità e tipo di materiale filmico inserito

  • Inserimenti totali: 987
  • Film: 884
  • Film benemeritati: 18
  • Documentari: 19
  • Fiction: 79
  • Teatri: 3
  • Corti: 2
  • Benemeritate extrafilmiche: 25

Inserimenti forum e location

  • Location verificate inserite: 2
  • Post totali: 36

Carica attuale nell'organigramma aziendale

  • Call center Davinotti

Approfondimenti inseriti

L'ultimo treno della notte (1975)

HV | 34 post | 17/10/21 11:38
Copertina assurda, con locomotiva che negli anni del film non esisteva.

Gatti rossi in un labirinto di vetro (1975)

DG | 46 post | 3/12/20 21:25
Certo! Si trovano varie versioni anche su YT in lingua italiana, ma sono inaccettabili in quanto a definizione. Che esistesse un DVD non lo sapevo, l'unica versione che sono riuscito a trovare è stata quella inglese, peraltro da un file torrent, ottimamente definito. Credo che sia stata edita recentemente

The bridge (serie tv) (2011)

DG | 23 post | 26/02/19 05:53
TERZA STAZIONE (2016) **** Sempre teso e se possibile ancora più cupa delle precedenti, la stagione vede il trionfo professionale di Sofia Helin che dà a Saga Norèn uno spessore sofferto e decisamente più marcato. Forse alcuni episodi soffrono di qualche incongruenza perdonabile considerando il

The walking dead (serie tv) (2010)

DG | 119 post | 11/06/21 13:06
STAGIONE 7 ** Si è ormai arrivati alla quasi presa in giro nonostante la ormai consolidata bravura di attori e tecnici. Il fatto è che pur di allungare il numero di episodi li si "bomba" con dialoghi, monologhi, remember e situazioni chiaramente buttati lì a farti perdere tempo perché

The hateful eight (2015)

MUS | 23 post | 10/04/22 14:18
In effetti la musica del tema pricipale è perfetta. Ci si deve ricordare che comporre per il cinema non vuol dire necessariamente scrivere pezzi gradevoli, ma devono essere funzionali alle immagini. Va ricordato che in diversi punti del film Morricone, probabilmente dietro indicazioni di Tarantino,

Alexandre... un uomo felice (1967)

LS | 1 post | 2/06/16 19:27
Il bar in cui Alexandre e i suoi amici giocano a biliardo, "chez Marcorne" nel film, si trova nella Place du Donjon ad Alluyes.

Gli orrori del liceo femminile (1969)

DG | 18 post | 3/08/17 21:46
I tagli non li ricordo: le mie "recensioni" vengono fatte, per i film dagli anni 2000 in poi, da semplice spettatore e tecnico cinematografico, mentre quelli degli anni '70 alla mia esperienza di proiezionista quando molto spesso capitava, nei film di prima visione, di essere raggiunti in cabina

Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza (2014)

DG | 31 post | 23/02/16 07:26
Ciao! In effetti mi ha stupito la reazione della maggioranza. Per quanto mi riguarda, l'ho già visto tre volte: mi devo preoccupare? Lo faccio solo coi capolavori... Grazie della segnalazione, provvederò a cercare la filmografia integrale di costui. Ti auguro una buona settimana. Alessandro.

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7440 post | 1/10/22 23:17
Grazie, non lo sapevo... o meglio, non avevo letto bene :-(

American horror story (serie tv) (2011)

DG | 306 post | 7/01/22 14:55
STAGIONE 2 ASYLUM ** Un tour dal quale sono stati presi beatamente spunti partendo da "Il corridoio della paura" con una breve sosta su "l'esorcista" per atterrare su "Session 9", il tutto condito da un criminale nazista, Anna Frank e la suorina dolcebonazzaindemoniata.

Better call Saul (serie tv) (2015)

DG | 17 post | 17/07/22 07:00
Potrebbe essere anche vista prima di vedere Breaking, paradossalmente può anche definirsi come una sua sorta di prologo :-)

L'avversario (2002)

TV | 5 post | 9/09/15 14:44
In onda il Giovedì 10 SETTEMBRE ore 23:40 su RAI MOVIE Un film sulla solitudine assoluta che parte da un banale barare su un esame universitario non superato e arriva all'omicidio plurimo. Pochi film sono stati capaci di lasciarci indagare la mente del protagonista, un magnifico Daniel Auteuil che dà anima

La casa dalle finestre che ridono (1976)

LS | 12 post | 19/04/16 10:04
A questo punto scrivo questo link, relativo al filmato che ho realizzato. Unico errore di battitura, la data di uscita del film :-( https://www.youtube.com/watch?v=pdRHkVZSn0U

Verdi (serie tv) (1982)

LS | 2 post | 17/08/18 14:24
Il teatro alla Scala dello sceneggiato è in realtà il Ponchielli di Cremona, informazione che ho non da "voci di corridoio", ma per avere lavorato nella produzione del film.

Baarìa (2009)

DG | 46 post | 21/06/13 17:13
Grazie:-)

Tutte le ore feriscono... l'ultima uccide! (1966)

LS | 1 post | 22/06/12 21:03
Le sequenze relative alla rapina al furgone sono state girate a Cassis, non molto distante da Marsiglia, sulla dipartimentale 141. Sono pressoché intatte le piazzole, oggi come presumibilmente allora utilizzate dai turisti alla ricerca di panorami mozzafiato.

L'armata degli eroi (1969)

LS | 1 post | 6/06/12 17:22
La prigione nazista è il forte di Cormeilles le parisis, per altro visitabile, Info su http://www.fortdecormeilles.com/

Lo scambista (1986)

LS | 1 post | 26/03/12 15:24
Il posto di movimento è quello della stazione di Corrour, in Scozia. Oggi è leggermente diverso (alzati i marciapiedi e rinnovato l'edificio) ma la forma e soprattutto l'ambiente circostante sono rimasti identici.

Diva (1981)

LS | 1 post | 23/09/11 13:07
Le inquadrature esterne del faro sono state girate al faro di Gatteville, in Bretagna (interni in teatro di posa).

In memoria di me (2007)

LV | 1 post | 22/08/11 20:57
Il convento dove sceglie di chiudersi Andrea (Jivkov) e nel quale è ambientato l'intero film è il Monastero di San Giorgio Maggiore sull'isola di San Giorgio Maggiore a Venezia. Nessun mistero e nessun trucco. quando nel finale viene mostrato dall'alto  è ovviamente

L'uomo che uccideva a sangue freddo (1972)

LS | 1 post | 29/04/11 21:06
Il film è girato a Belle Ile en Mer (Bretagna, France), in particolare la clinica in cui "opera" il dott. Devilers è Castel Clara, tuttora in funzione e frequentata da una clientela alquanto danarosa.

Ombre rosse (1939)

CUR | 2 post | 27/09/12 09:53
Lo sceneggiatore Dudley Nicols un giorno chiese a Ford come mai, quando gli Apaches di Geronimo attaccano la diligenza, non facessero la cosa più logica, vale a dire quella di sparare ai cavalli. La risposta di Ford fu: "Perché altrimenti sarebbe finito il film". Fonte: Ciak, 100 capolavori,

L'occhio che uccide (1960)

DG | 9 post | 3/04/20 14:51
Il film ha ispirato la sequenza di Strange Days in cui una ragazza stuprata e poi uccisa è costretta a guardare dal vivo la propria fine attraverso gli occhi del suo violentatore, trasformati in una sorta di telecamera.

Il deserto dei Tartari (1976)

MUS | 1 post | 18/04/11 07:31
Pochi giorni dopo l'uscita del film, veniva pubblicato un ottimo vinile. Attualmente è disponibile un CD con diversi brani in più:

Regalo di Natale (1986)

CUR | 3 post | 12/04/21 13:50
La partita descritta nel film fu realmente giocata a Montecatini Terme negli anni '60. Fonte: intervista a Pupi Avati negli speciali del DVD del film.

Local hero (1983)

LS | 1 post | 13/04/11 07:29
Le sequenze del paese sono state tutte girate in Scozia, a Pennan, rimasto identico ancora oggi. Manca la cabina telefonica, con delusione dei turisti giapponesi. La spiaggia invece si trova sulla costa opposta, la Ovest, nel comune di Arisaig.

Porzûs (1997)

CUR | 1 post | 11/04/11 08:28
Quando nel 1997 Renzo Martinelli doveva girare gli esterni del suo film Porzus, si trovò alle prese con i divieti di diversi sindaci, che non consentirono le riprese sui loro territori. Erano passati più di cinquant'anni, ma di Porzus molti non volevano neppure parlare; non mancò chi chiese di vietare

Psyco (1960)

CUR | 16 post | 21/01/19 14:50
Tutto il film, a partire dai titoli di testa disegnati da Saul Bass, è giocato su linee orizzontali e verticali che tagliano in due lo schermo. Questo senso di dissociazione non rimanda solo alla personalità scissa di Norman Bates, ma divide in due sia il film che lo spessore dei personaggi. Fu Hitchcock

Il conformista (1970)

CUR | 3 post | 19/05/20 16:44
Per il ruolo di Anna, Bertolucci avrebbe voluto Brigitte Bardot, ma costava troppo. Scelse allora la giovanissima Dominique Sanda, che aveva visto in "Così bella così dolce", di Robert Bresson. Fonte: ciak

Apocalypse now (1979)

CUR | 2 post | 14/04/14 17:14
Steve McQueen, James Caan, Al Pacino, Robert Redford e Jack Nicholson furono contattati da Coppola per il ruolo di Willard, ma all'idea di passare dei mesi nella giungla filippina rifiutarono.

Il prigioniero (serie tv) (1967)

LS | 1 post | 6/04/11 10:31
Pressoché interamente girato a Portmerion, nel Galles.

Una storia semplice (1991)

LS | 4 post | 8/04/20 18:52
La stazione di "Monterosso" alla quale si dirige il capotreno per risolvere il problema del treno fermo al segnale e dove trova cadaveri il capostazione e il suo aiutante non esiste, ma è quella di Vizzini.

La classe operaia va in Paradiso (1971)

CUR | 3 post | 6/09/18 11:09
L'operaio col basco che porta il carrello pochi istanti prima dell'inizio dei titoli di coda è Ennio Morricone. Fonte: lo lessi in un articolo poco tempo dopo l'uscita del film e confrontando il viso e una fotografia del Maestro dell'epoca è in effetti riconoscibilissimo.

Stanno tutti bene (1990)

LV | 17 post | 18/02/22 10:29
La stazione dalla quale ha inizio il viaggio di Matteo (Mastroianni) è la stazione di Trapani, in Piazza Umberto I. Grazie a Nemesi per il fotogramma. Nonostante il colore diverso, anche l'edificio A è facilmente riconoscibile:

La conversazione (1974)

HV | 19 post | 20/01/21 09:33
Il doppiaggio italiano è stato fatto su una versione montata diversamente nella sequenza in cui Harry Caul inizia le operazioni di sincronizzazione e montaggio della copia audio definitiva dell'intercettazione. Volendo a tutti costi una copia in italiano, ho provato a sicronizzare l'audio italiano sul

L'armata degli eroi (1969)

CUR | 1 post | 2/11/16 20:23
- L'edizione italiana risulta accorciata rispetto a quella originale di più di mezzora: mancano dettagli del campo in cui Gerbier viene internato e soprattutto un dialogo tra lui e l'addetto al collegamento con gli inglesi che avviene in un gabbiotto di legno costruito nel salotto di un appartamento.