Nightmare

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: A Nightmare on Elm Street
Anno: 2010
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 30
Papiro: elettronico
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

E così, dopo Jason e Michael, anche il terzo babau degli Anni Ottanta timbra il cartellino. In ritardo, certo, perché Freddy è molto più guascone dei suoi colleghi muti e abitudinari, tristi travet dell’omicidio seriale. Gli piace scherzare con le sue vittime, non massacrarle e basta. Gli parla, abbozza due cretinate, propone il dialogo... E anche se non ha più il volto inconfondibile di Robert Englund gli restano il maglione a righe, gli artigli, il cappellaccio, quanto basta insomma a renderlo immediatamente riconoscibile. In più ha finalmente un passato tangibile, che nel NIGHTMARE originale rimaneva colpevolmente in ombra. I flashback di gioventù ampliano...Leggi tutto la tridimensionalità del personaggio, ce lo fanno conoscere meglio. Per il resto si ricalca ampiamente lo script del film di Craven perdendo purtroppo il confronto. Laddove esisteva una complicità tra i giovani protagonisti, che creavano insieme una sorta di forte setta antikruegeriana ben caratterizzata e in costante contatto, ora troviamo solo una Nancy scipita e nemmeno lontanamente accostabile alla seducente Langenkamp di allora, e di un novello Depp in erba non c’è nemmeno l’ombra. I protagonisti veri in fondo sono due, e dal momento che i loro genitori sono figure prive di ogni spessore (l'azzeramento di ogni sfumatura caratteriale è rabbrividente e purtroppo comune a molto cinema di oggi) a loro spetta di tener su la baracca. Lui ancora parrebbe farcela, lei proprio no, prigioniera di una sceneggiatura sterile che solo la discreta regia di Samuel Bayer (con l’ombra lunga di Michael Bay in produzione a dettare i tempi) riesce in qualche modo a rendere accettabile. Bei movimenti di macchina, fotografia di qualità, ma effetti speciali che solo in un paio di occasioni centrano davvero il bersaglio (la classe che esplode d’improvviso, il corridoio allagato, l'epilogo finalmente ultrasplatter...) finendo con lo sfruttare non adeguatamente quello che avrebbe dovuto essere (coi mezzi di oggi) il vero vantaggio rispetto all’originale. Un remake, insomma, che troppo poco aggiunge a quanto detto finora da nove film in cui l’effetto carta carbone risaltava immancabilmente. Non ci era riuscito Craven stesso a rianimare degnamente la sua creatura con NUOVO INCUBO, perché mai avrebbe dovuto farlo Bayer, il solito regista preso in prestito dal mondo dei videoclip musicali come la tradizione di questi nuovi remake pare imporre? Bay aveva pescato il jolly con il Nispel di NON APRITE QUELLA PORTA, ma pare che l’altro se ne stia ancora ben nascosto nel mazzo...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/06/10 DAL BENEMERITO LUCIUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 26/08/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Metuant 2/09/10 22:57 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Ammetto di essere partito prevenuto per vari motivi, primo fra tutti a causa del ricordo indelebile del film originale. Eppure alla fine mi sono tutto sommato ricreduto: d'accordo, Haley non è certo Englund e il suo Fred Krueger è meno caratteristico dell'originale, ma funziona comunque; anche la storia in fondo non è troppo copiata. Peccato solo per l'eccessivo ridimensionamento di quest'ultima, resa forse fin troppo 'canonica' rispetto all'originalità e alle trovate del film di Craven.
MEMORABILE: "Guarda come ti sei bagnata!"

Puppigallo 29/08/10 00:32 - 4615 commenti

I gusti di Puppigallo

Remake piuttosto inutile di un classico dell'horror, che trova qua e là qualche alito di vita grazie ad alcune scene decenti, ma non sufficienti a giustificare l'operazione, nonostante qui ci facciano conoscere un po' il "buon" Freddy prima della cottura. Gli attori sono passabili, la regia non è da buttare, ma alla fine ci si domanda a cosa serva tutto ciò (non c'era bisogno di rinfrescare la memoria). Forse le nuove generazioni apprezzeranno di più, anche se consiglio vivamente di visionare l'originale, dove la paura è più genuina e angoscia e tensione montano fotogramma dopo fotogramma.
MEMORABILE: "Mi piacerebbe sapere perchè non muori".

Lucius 20/06/10 23:42 - 2913 commenti

I gusti di Lucius

Come preannunciava il trailer, trattasi di un film scadente fatta eccezione per gli ultimi dieci minuti. Un'operazione prettamente commerciale in cui la cosa peggiore è proprio il make-up di Krueger, che in passato si scopre essere stato un giardiniere. Gli attori sembrano usciti da un'agenzia di moda, tutti/e con le sopracciglia pinzettate e perfino la vettura dei ragazzi è trendy. Non è bastato rubacchiare le scene cult della serie e metterle insieme come in un puzzle (i cui pezzi peraltro non combaciano) né rimaneggiare la colonna sonora. Trascurabile.

Greymouser 1/07/10 00:32 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Inqualificabile. Ancora una volta, trovo conferma che il cinema dei remake è il cinema dell'impotenza elevata a prodotto commerciale. Ci volevano una dozzina di colpi di genio per dare un senso al riciclaggio di un film così noto e radicato nell'immaginario horror. Invece si ha l'ardire di sovrapporre all'immortale icona di "Freddy" Englund una specie di pagliaccio con la faccia da bifolco andato a male. Per il resto, scialbo e inutile ricalco di una storia risaputa. Cui prodest?

Giapo 26/08/10 10:54 - 234 commenti

I gusti di Giapo

Chi si aspettava una trama più sviluppata, o almeno qualche nuova sottotrama e chi confidava in nuove originali uccisioni ad effetto rimarrà amaramente deluso. Questo inutilissimo remake, caratterizzato da una sceneggiatura scialba e scontata, si limita a copiare il film di Craven senza alcuna inventiva, squallidamente, privo perfino di quella morbosa spettacolarità che in un film horror dovrebbe fare inorridire o almeno divertire. Se avete già visto l'originale, evitate di vedere questo, in caso contrario, beh... andate a vedervi l'originale!

Markus 26/08/10 11:10 - 3412 commenti

I gusti di Markus

Tolti i richiami-fotocopia del film di Craven, resta un prodotto onesto e discretamente diretto da Bayer, il quale tenta anche di aggiungere qualcosa di personale (a mio avviso riuscendoci). Quello che manca è lo spirito libertino dei teen-movies e la sessualità (spesso esplicita) che caratterizzava il cinema horror di un tempo. I ragazzi del film (freschi di scuola di recitazione) svolgono il loro compito impegnandosi, ma i limiti dell’inesperienza sono evidenti; tuttavia rispecchiano l'immagine degli odierni ventenni.

Cotola 3/09/10 14:40 - 7876 commenti

I gusti di Cotola

Non ci si può aspettare originalità da un remake: eppure si resta basiti dinanzi a tanto squallore ed alla dabbenaggine di regista e sceneggiatori che, pur non copiando pedissequamente l'originale, non riescono ad infondere vitalità alla loro pellicola che procede nel modo più scialbo e grigio che si possa immaginare. Naturalmente spogliando il film craveniano e la sua “creatura” di tutta l’atmosfera e la tensione di cui erano dotate. L'unico colpo a segno arriva a tempo scaduto. Inutile fare paragoni: sarebbe come bestemmiare. Orribile.

Galbo 21/10/10 05:36 - 11618 commenti

I gusti di Galbo

Rischioso cimentarsi con un’icona dell’horror come Freddy Kruger. Il regista non realizza in definitiva un brutto film; la resa visiva è decisamente buona e la trama non segue pedissequamente quella del film di Craven. Il problema è lo scarso rendimento del cast, peraltro peggiorato dal mediocre doppiaggio italiano, a partire dal protagonista che non riesce ad eguagliare in nessun momento del film il “ghigno”cattivo di Robert Englund.

Belfagor 7/11/10 11:32 - 2638 commenti

I gusti di Belfagor

Pelicula para dormir? In effetti, il sonno equivale alla morte quando c'è di mezzo Freddy, ma questo inutile remake non ha un granché per tenere alta l'attenzione. Senza Englund, il diabolico Kruger si riduce ad una maschera da Halloween anonima quanto le vittime, che non si discostano dal solco del più banale teen slasher. Dov'è l'atmosfera di paranoia e morbosità degna di un incubo? E che fine ha fatto il volto raccapricciante di quel demonio caustico e flamboyant? Ah, ma è un prodotto Bay: pessimo, direi.

Jena 27/11/10 19:50 - 1308 commenti

I gusti di Jena

Poteva andare peggio... Il film non aggiunge nulla ma proprio nulla di nuovo alla mitica saga. La trama è sempre quella, solo recuperando dall'originale una minore buffoneria del personaggio Freddy. Si aggiungono un po' di spiegazioni sulla genesi del maniaco, ma chi ha seguito la serie sa già tutto. Detto questo gli effetti speciali sono buoni con qualche guizzo (la visita all'asilo) e il film scorre via con un ritmo accettabile. Haley non fa rimpiangere troppo il comunque inarrivabile Robert Englund. Inutile ma si lascia guardare...

Kyle Gallner HA RECITATO ANCHE IN...

Herrkinski 17/12/10 23:57 - 5794 commenti

I gusti di Herrkinski

Un remake completamente inutile. In questo caso però era già un'impresa persa in partenza, specialmente in assenza del grande Englund; Haley non vale una cicca e il suo make-up sembra una di quelle maschere di gomma di Freddy che si trovano a carnevale. Il cast è inespressivo e non lascia traccia; la sceneggiatura ricalca malamente il modello ma risulta di un vuoto pneumatico; le musiche sono praticamente un sottofondo inconsistente. Sarebbe stato brutto anche senza il confronto con l'originale. Un film che è tutta confezione e nessun contenuto.

Tyus23 30/12/10 10:14 - 220 commenti

I gusti di Tyus23

Non è che ci si potesse aspettare più di tanto da un remake di questo tipo ed infatti quello che troviamo non è certo memorabile. Al contempo però non si tratta nemmeno di una vaccata colossale com'è stato spesso definito. A Nightmare On Elm Street 2010 è infatti un tipico teen horror moderno con pregi (una fotografia efficace e qualche buona invenzione) e difetti (una sensazione di piattezza generale e di certo l'assenza di originalità). Jackie Earl Haley si impegna ma chiaramente ha il grosso limite di non essere Robert Englund. Due.
MEMORABILE: (All I have to do is) Dream; Il corridoio allagato dal sangue.

Mco 9/02/11 11:26 - 2187 commenti

I gusti di Mco

Bayer rilegge Craven 26 anni dopo. Non è un rifacimento pedissequo, bensì parecchio free, con più spiegazioni sulla natura del nostro caro unghione. Il che, devo essere sincero, non mi è affatto dispiaciuto, in un contesto dove lo humour è rimasto intonso e la caratterizzazione dei singoli personaggi ha lasciato spazio a quella del vero protagonista. Qualche salto sulla sedia, buon uso del gore e un finale molto azzeccato. Per me pollice recto.

Undying 12/02/11 02:01 - 3828 commenti

I gusti di Undying

Gli incubi, si sà, nuociono alla salute, a maggior ragione se hanno radici nel passato. Se poi a guidare i sogni perversi di giovani -già vittime infantili di insane passioni- è una mente malata, non può andare che di male in peggio. Sorpresa delle sorprese, il Nightmare-remake della Platinum Dunes si straccia tutti i predecessori e, con l'aiuto di Jackie Earle Haley, che surclassa la macchietta ch'era diventata Englund, riporta agli onori dell'horror puro una icona che non poteva meritare omaggio migliore di questo. Non sarà piaciuto ai teen-agers, perché lascia giustamente l'ironia altrove.
MEMORABILE: L'incredibile finale, un salto nel passato ai tempi dei migliori boogeyman (Phantasm).

Jorge 16/02/11 17:53 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Noleggiato per una serata all'insegna della leggerezza (in chiave horror), mi aspettavo l'ennesima delusione; è stato così, ma solo in parte. L'idea del mostro dei sogni, del dovere-volere restare svegli hanno fatto la storia di quest'horror craveniano; qui si fa lo stesso, si ricalca il copione "modernizzando" il tutto e cercando di approfondire l'origine del male, ma non si va oltre. Cast discreto, piacevole il "nuovo" Freddy, belle fotografie e musiche.. sceneggiatura così così. Insomma, un discreto (ennesimo) sequel, ma nulla più.

Didda23 7/03/11 18:05 - 2317 commenti

I gusti di Didda23

Il film, pur con i suoi innumerevoli difetti (regia da videoclip, attori poco dotati, doppiaggio pessimo, zero originalità) è riuscito ad intrattenermi senza farmi pensare "Ma che film sto vedendo? ma quanto è fatto male? potevo vedere altro!". Senza infamia e senza lode svolge il suo compitino. Mediocre, pensavo molto peggio!

Werebadger 19/03/11 21:54 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Come sempre quando si tratta di remake, ero contrario, come molti, alla realizzazione di questo film. Ciononostante l'ho atteso e l'ho visto e devo dire che è stata una piacevole sorpresa. Buoni momenti di paura e di suspence, recitazione discreta, citazioni, atmosfere cupe e un Haley che si dimostra un ottimo successore del mai dimenticato Robert Englund, interpretando un Freddy crudele e spietato come non lo era dai tempi dei primi tre film della saga. Merita almeno un'occhiata, a mio parere.
MEMORABILE: "Perchè urli? Non ti ho ancora sgozzato!"

Hearty76 20/09/11 12:59 - 228 commenti

I gusti di Hearty76

Remake assolutamente scialbo e senza alcun senso. Sembra piuttosto la blanda e patinata parodia dell'irripetibile capolavoro di Wes Craven. Tutto è privo di mordente e di profondità: personaggi non caratterizzati lasciati in balia di se stessi, un Freddy semialternativo per nulla accattivante, un'atmosfera essenzialmente noiosa con qualche "boo" qua e là (tanto per non far addormentare lo spettatore?). Riproporre in chiave moderna gli inizi di un cult, già snaturato da troppi sequel, è quantomeno sciocco.

Buiomega71 21/10/11 00:45 - 2401 commenti

I gusti di Buiomega71

Del capolavoro craveniano (sarebbe sciocco fare paragoni) prende solo l'intelaiatura e tre inquadrature (la vasca da bagno, Kris nel sacco, Kris massacrata a letto, Freddy che esce dal muro), il resto è totalmente un altro film. Una piacevole sorpresa, che si discosta dal solito teen movie, con un'atmosfera cupa e opprimente, sequenze visionarie da favola nera, esplosioni splatter e un finale delirante tra i migliori degli ultimi anni. Il nuovo Freddy è davvero viscido e schifoso e il sottotesto pedofilo disturbante e realistico. Bayer ha un talento figurativo non trascurabile.
MEMORABILE: La stanza di Nancy innevata; I flashback con Freddy tra i bimbi; Il linciaggio di Freddy arso vivo; Le polaroid pedofile con Nancy; La chiusa finale.

Tommy3793 6/03/12 17:37 - 72 commenti

I gusti di Tommy3793

Cimentarsi in un remake di un horror come Nightmare non è sicuramente impresa semplice; questa però resta l'unica attenuante del brutto film di Bayer. Resta intatta l'atmosfera da teen-horror, ma il film appare troppo demenziale e per niente pauroso. A pensarci bene, la versione di Wes Craven spaventa e terrorizza molto di più. Grave poi il "nuovo" Freddy: neanche fatto troppo bene (colpa di effetti speciali non all'altezza) non lascia trasparire quel senso di irriverenza e simpatia che avevano reso grande Kruger. Meglio guardarsi l'originale.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Darkknight 14/07/12 11:28 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Scialbo reboot con spaventi improvvisi ottenuti con montaggio videoclipparo. A tratti funziona, ma facendo di Freddy un semplice pedofilo anziché un orco infanticida e riducendo al minimo la sua "creatività" nell'uccidere, si perde quell'alone da fiaba nera che dava originalità al capolavoro di Craven. Pessimo il make-up di Haley, molto meno spaventoso rispetto a quello di Robert Englund (più che una faccia ustionata sembra un alieno o una mou masticata...)
MEMORABILE: Le scene riprese dal primo film, come la morte di Kris (Katie Cassidy).

Lupoprezzo 21/07/12 19:52 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

In tempo di remake, ecco ridestato il signore incontrastato dei sogni, anzi degli incubi. Samuel Bayer ripercorre senza grossi scossoni le vicende dell'originale di Craven, infilando un paio di momenti degni di nota come il corridoio all'improvviso allagato o la camera da letto innevata, ma si dimostra incapace di infondere personalità al suo Freddy Kruger, decisamente meno gigione ma francamente impalpabile e privo di fascino (sembra una mummia rinsecchita). Protagonista inadatta. Nel complesso mediocre.

Rebis 11/08/12 18:19 - 2123 commenti

I gusti di Rebis

Non più capri espiatori ma superstiti all'orrore: con questa rettifica all'opera di Craven i nuovi adolescenti di Elm Street si addentrano in un horror immanente, tetro e senza ironia, con l'antefatto tragico che assume un'inedita centralità. Bayer si sforza di riscrivere le scene topiche senza riprodurle pedissequamente: l'esercizio a tratti sorprende (il geyser di sangue ribaltato) ma complessivamente il tenore visivo resta convenzionale, senza peccare di lesa maestà. Krueger, esplicitato nell'accezione pedofila, è un sordido babau; la mancanza di sequel all'orizzonte, un sinistro presagio.

Quietcrash 14/12/13 17:28 - 83 commenti

I gusti di Quietcrash

Un reboot piacevole, girato discretamente. Talvolta c'è un eccesso di computer-grafica e di effetti visivi, ma nel complesso si lascia guardare con piacere. Unica pecca evidente è Freddy Kruger, personaggio mal definito all'interno della sceneggiatura, ben lontano da quello che siamo abituati a conoscere.

Schramm 7/06/16 15:48 - 2566 commenti

I gusti di Schramm

Avercela per categorico partito preso coi remake di tutto quanto ha fondato una nuova démarche di cinema può portare a sviste più o meno clamorose. Non che la reprise dell’epopea kruegeriana apra a chissà quale neo-rinascimento horror; epperò, abbandonata ogni ironia, con un piede nella pedissequa riproposizione del classico di ieri e un altro negli assi cartesiani che formeranno forse i neo-nightmares di (dopo)domani, Bayer non economizza in nequizia né in slancio visionario, ibridandoli in un formulario di sogni d’horror tutt’altro che secondo al capostipite di una nuova mitologia orrorifica.

Pinhead80 13/08/18 13:27 - 4091 commenti

I gusti di Pinhead80

Partire dal confronto con l'originale di Craven potrebbe rivelarsi un gioco al massacro, anche perché si è inevitabilmente troppo legati al volto di Robert Englund nei panni di Freddy.Almeno si è cercato di non scimmiottare troppo l'originale rifacendolo pari pari. Qualche piccola variazione c'è, ma sicuramente quest'opera non può soddisfare del tutto i vecchi aficionados della saga. Tutto sommato però meno peggio di quanto pensassi.

Caveman 16/12/18 19:15 - 279 commenti

I gusti di Caveman

Non bisogna mai scomodare i babau! Infatti questo remake provoca rabbia e delusione; è un insulto al capolavoro craveniano: la mancanza di Englund spacca il cuore dell’appassionato e il suo sostituto è imparagonabile (funziona in Watchmen perché mascherato). I due protagonisti giovani sono irritanti, il make up del nuovo Freddy una barzelletta e l’unica cosa che poteva salvare in parte il film (che ripropone le scene storiche ma in modo impersonale) poteva essere l’assoluta innocenza di Freddy; invece è mancato il coraggio.

Maxspur 8/01/19 21:49 - 85 commenti

I gusti di Maxspur

Jackie Earle Haley, candidato all'Oscar nel 2006 per il film Little children, è il nuovo Fred Krueger e affronta con personalità e rispetto il difficile compito. La voce "ustionata" come il resto del corpo fanno parte di un restyling più che discreto. Il cast, forse, accontenterà le nuove generazioni ma in realtà lascia parecchio a desiderare, mortificando in parte il lavoro del regista. Quando Krueger esce dal muro si sarebbe fatto volentieri a meno della CGI, considerando che nel film dell'84 la stessa scena era stata girata con due soldi ed effetto magnifico.

Taxius 22/06/20 11:05 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Il problema principale di questo film è che Freddy, a differenza dei suoi colleghi Jason, Michael e Leatherface, non indossa la maschera e quindi risulta assai strano vedere il nostro con un volto diverso da quello di Englund. Pur restando un film che non supera il livello del mediocre, è da apprezzare l'idea del regista di non aver voluto fare un copia incolla del film di Craven. Il remake si incentra infatti molto di più sul passato e sulla vita mortale di Freddy, non dimenticando ovviamente il lato mattanza delle giovani vittime. Si fa vedere...

Lupus73 9/05/21 16:09 - 924 commenti

I gusti di Lupus73

Il Nightmare di Wes Craven all'epoca dell'uscita era un vero e proprio incubo, tra i più inquietanti horror dell'epoca, mai raggiunto dai sequel; e a questo punto neanche da questo remake, il cui intento è dare nuova confezione e nuova linfa al mito di Freddy Krueger; se visivamente può riuscirci, a livello generale non è tanto inquietante e spaventoso per l'epoca attuale quanto lo era l'originale ai suoi tempi. Pregevoli gli approfondimenti del delicato argomento dell'asilo, e la retrospettiva sul Freddy giardiniere, ma questa nuova veste ne fa un filmetto horror come tanti oggi.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 21/10/11 11:33
    Pianificazione e progetti - 22769 interventi
    Sarebbe sciocco fare dei paragoni con il capolavoro assoluto dello zio Wes, quello rimane un monumento, ma Samuel Bayer non solo si rivela dotato di un talento visivo da non sottovalutare, ma prende solo l'ossatura del capostipite craveniano, e poi và per conto suo.

    Ruba quattro piccole sequenze dal Nightmare originario(Freddy che esce dal muro , Kristy squartata nel letto , la mano artigliata che esce dalla vasca, e Kristy nel sacco cadaverico), ma poi reinventa la dimensione onirica con grandi momenti visivi e crudeli. E le terribili scoperte nella tana di Freddy citano The orphanage e affini.

    Siamo più dalle parti della fiaba nera(si cita, genialmente, IL PIFFERAIO DI HAMELIN), con momenti davvero suggestivi(la stanza di Nancy innevata, Nancy vestita da bambina-e mi veniva in mente In compagnia dei lupi-il corridoio che diventa un impressionante limaccio di sangue, le bambine che giocano alla corda e Feddy che fà la conta a nasconderella, la scena della lezione in classe, l'inizio al Drugstore), con un finale delirante e crudele, tra i migliori degli ultimi anni, e Freddy che , lascivo e perverso, carezza Nancy come un porco pedofilo farebbe con una bambina. La chiusa, poi, regala esplosioni splatter e puro delirio visivo, citando addirittura il Fantasmi di Don Coscarelli.

    Il nuovo Freddy è più lascivo, schifoso, perverso e repellente:"Hai un buon odore, Nancy", si omaggia il torture porn (i cadaveri appesi nelle caldaie incubo, Freddy che dice ad una sua vittima:"Una volta strappato il cuore , il cervello resta in vita per sette minuti, c'è ne rimangono sei per giocare") e c'è una vena pedofila davvero disturbante e realistica.

    Altra novità sono i flashback all'asilo, con Krugher bidello che gioca coi bimbi, li adora, li porta nello scantinato zozzissimo, le scatta polaroid, il tutto in un contesto tra il fiabesco e il repellente(ma la fotografia di Jeff Cutter è da incanto) .
    Il suo linciaggio da parte dei genitori, arso vivo , braccato come un sorcio, mentre grida e implora la sua "innocenza", il tutto visto dal giovane Quentin , che esce da una vasca per ritrovarsi in un luogo da incubo quasi tarkovskjiano.

    GLi sceneggiatori Wesly Strick(mica pizza e fichi) e Eric Heisseser poi, ci ficcano un altra genialata come i "microsonnellini", e Bayer cita il suo cult Paranormal activity, con la scena del ragazzo orientale che muore nel sonno via cam.

    Non ci sono battutine sceme o teen ager idioti e scopofili, ma un atmosfera tetragona e opprimente, oscura e terrifica.

    Grande comparto tecnico, come i superlativi effetti di Andrew Clement, e citazioni dagli altri film della saga, l'artiglio di Freddy che esce dal torace di una vittima come nel number 2, le bimbe del Terzo, la piscina del secondo, il drugstore del quarto, e per finire la bellissima All I have to do is dream sui titoli di coda.

    Dopo Non aprite quella porta , la Platinum Dunes di Michael Bay regala un altro gioiellino rivisitato e intelligentemente riproposto.

    Prima li detestavo, ma che adesso i remake siano , oggi, i migliori horror possibili?
    Ultima modifica: 21/10/11 11:53 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 14/08/12 13:37
    Contatti col mondo - 4311 interventi
    Zender il mio commento non affiora :)
  • Discussione Zender • 14/08/12 13:58
    Consigliere - 44580 interventi
    Ok, scusami Rebis, sai che purtroppo ogni tanto s'incagliano tra gli scogli senza ragione e tocca andare colla retina... L'ho riescato, dovrebbe apparire a breve.
  • Discussione Werebadger • 19/08/12 17:29
    Pulizia ai piani - 16 interventi
    Secondo me questo è un bel film, e io lo considero, al pari degli Halloween di Zombie, dei Non Aprite Quella Porta della Platinum Dunes e di pochissimi altri, uno dei remake migliori e più riusciti. Certo, non è un film privo di difetti (alcuni effetti in CGI si potevano evitare, e il ripescare citazioni a destra e a manca da tutti gli episodi della saga è un aggiungere troppa carne al fuoco che non giova affatto alla storia), ma il risultato finale è, a mio parere tutt'altro che disprezzabile. L'interpretazione di Haley è stata funestata da critiche e pregiudizi di fan di vecchia data che non avrebbero voluto che il volto del grandissimo Robert Englund venisse sostituito, ma si è rivelata, in realtà una prova a dir poco eccezionale: il suo Freddy è un mostro viscido, repellente, sadico e oscenamente perverso (le scene in cui si scopre cosa faceva ai bambini sono di un certo effetto) che a tratti ci risulta perfino odioso, nella sua malvagità. Haley ha curato molto la sua interpretazione, nelle gestualità, nelle espressioni e nella riproduzione delle sonorità di una voce proveniente da corde vocali gravemente danneggiate (cosa purtroppo persa nel doppiaggio italiano, in cui Pasquale Anselmo, pur facendo un buon lavoro sull'attore non ne rispetta appieno l'interpretazione). La decisione di rendere Freddy "solo" un pedofilo, e non un serial killer già prima del suo ritorno dall'Oltretomba è stata da molti considerata uno stravolgimento del personaggio; non è assolutamente così per quanto mi riguarda (al contrario lo sarebbe stato rendere Freddy la vittima innocente di un linciaggio, nonchè un vendicatore di una morte ingiusta). Un film abbastanza buono insomma, non necessario, come qualunque remake, bello o brutto che sia, ma che merita almeno un pizzico di rivalutazione. Se ci fosse la possibilità di vederne un sequel, ne sarei contento.
  • Discussione Rebis • 19/08/12 18:08
    Contatti col mondo - 4311 interventi
    Nemmeno io l'ho trovato brutto come temevo, e almeno quanto a tensione e intrattenimento regge fino in fondo. Bisogna però riconoscere che visivamente il film non ha nulla di originale per cui farsi ricordare, tutto è assai convenzionale e allineato con gli standard in voga; Krueger, per quanto repellente e malvagio, non ha un briciolo di carisma. Il fatto che ancora non ci siano sequel in vista la dice lunga su quale sia stato l'impatto sul pubblico (nuove leve e nostalgici): per un prodotto come questo la serializzazione è un fattore vitale. L'originale era riuscito ad affrancarsi dalla pletora di horror adoloscenziali degli anni '80 fino a diventare una sorta di totem, e i sequel, almeno fino a un certo punto, erano attesi. Temo che il film di Bayer abbia già estinto la sua carica potenziale e finirà nel dimenticatoio dei franchise falliti...
  • Discussione Didda23 • 19/08/12 18:08
    Comunicazione esterna - 5754 interventi
    Sono sostanzialmente d'accordo con te! Il remake di Bayer è un buon remake che cerca quel pizzico di originalità che non basta mai. Secondo me la scelta di cambiare il volto di Englund è stata una scommessa, tutto sommato, vincente. Però, per onesta intellettuale, ritengo certamente superiori sia il remake di Nispel di Non Aprite quella porta,sia lo straordinario remake di Aja di Le colline hanno gli occhi.
    Ora aspetto con ansia il remake di Suspiria di Mister Spaventapassere e soprattutto quello di Khalfoun...
  • Discussione Schramm • 7/06/16 15:55
    Controllo di gestione - 6853 interventi
    devo dire che pur essendo abbastanza possibilista in fatto di remakes degli intoccabili (può darsi che un giorno vedrò anche poltergeist), pensavo peggio. anche se avrei preferito un totale sbilanciamento nella sovversione del capostipite, del quale qua e là fa dei copy and paste non so quanto funzionali e necessari. comunque un reboot coraggioso, anche solo per la bonifica che opera sull'aspetto di ironia spinta.
  • Discussione Caveman • 22/02/19 12:05
    Magazziniere - 372 interventi
    Mi piange un po’ il cuore nel leggere molti commenti positivi riguardante questo remake. Per me un insulto alla pellicola originale, pessimo filmetto che piazza le scene top in un modo che vorrebbe essere moderno e cool. Nightmare per le nuove generazioni, quindi anche il trucco di Freddy è costruito studiando visi che hanno subito ustioni. Ma se volessi vedere una cosa del genere guarderei un documentario con medici e tecnici di laboratorio seri, che mi spiegano come un corpo potrebbe reagire.
    Mi spiace molto per le nuove generazioni, ma fortunatamente i giovani appassionati avranno, tramite questo filmetto, scoperto l’originale.
  • Discussione Buiomega71 • 22/02/19 12:38
    Pianificazione e progetti - 22769 interventi
    Per me un piccolo gioiellino ( i motivi li spiego nelle pagine precedenti su questo post, quando vidi il film)

    Pur adorando l' originale craveniano ( di per sé irraggiungibile) e sapendolo praticamente a memoria, questo restyling bayeriano risulta ( per come la vedo io) il miglior remake di sempre ( conscio del fatto che la maggior parte dei remake che ho visto mi hanno pienamente soddisfatto)
    Ultima modifica: 22/02/19 12:41 da Buiomega71
  • Discussione Caveman • 22/02/19 13:14
    Magazziniere - 372 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Per me un piccolo gioiellino ( i motivi li spiego nelle pagine precedenti su questo post, quando vidi il film)

    Pur adorando l' originale craveniano ( di per sé irraggiungibile) e sapendolo praticamente a memoria, questo restyling bayeriano risulta ( per come la vedo io) il miglior remake di sempre ( conscio del fatto che la maggior parte dei remake che ho visto mi hanno pienamente soddisfatto)


    Io purtroppo questo film proprio non lo sopporto. Terribile, con i due protagonisti da denuncia, solo faccine senza senso. Invece ho molto apprezzato i due Halloweeen di Zombie, il NAQP, Venerdì 13, ma anche San Valentino di Sangue.