LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/01/22 DAL BENEMERITO SISKA80
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Siska80 21/01/22 10:33 - 2162 commenti

I gusti di Siska80

I più piccoli si sa, sono molto ingenui: se Maggie credeva di avere per amica una "bambina meccanica", la piccola Leah confida in una coetanea che le si presenta in qualità di angelo custode. Le analogie proseguono con altri film del genere, ma nella fattispecie si rivelano abbastanza inquietanti tutte le sequenze con le due baby attrici (così brave da oscurare il resto del cast), il colpo di scena inerente all'identità del fantasma persecutore e il finale (immaginabile, ma comunque triste e commovente per svariate ragioni). Non innovativo, eppure interessante.
MEMORABILE: Il gioco della verità; La crescita delle ali.

Daniela 22/01/22 23:59 - 11448 commenti

I gusti di Daniela

Trascurata dalla madre che sembra consumarsi in un dolore segreto e dal padre reverendo, affettuoso ma troppo occupato con i suoi parrocchiani, la piccola Leah trova  una nuova amica con cui giocare: una coetana dotata di due piccole ali di stoffa in attesa che le crescano le sue vere ali da angioletto custode... Pur facilmente intuibile nei suoi sviluppi, il film si segue volentieri grazie alla discreta confezione e soprattutto alla bravura delle due bimbe protagoniste per cui anche l'epilogo, tristissimo per quanto preannunciato, lascia un retrogusto dolcemente malinconico.

Lupus73 24/01/22 12:19 - 1186 commenti

I gusti di Lupus73

Una bambina, la sua famiglia (strano rapporto con la madre), un'altra bambina nelle sue apparizioni, casa circondata da un bosco con un passato pieno di fantasmi. Ghost story/dramma con atmosfere più vicine ai primordi del romanticismo che al gotico più maturo: una verità legata a oggetti nascosti e alla strana apparizione che verrà svelata nel traumatico finale. Per tutta la durata si respira un'aura malinconica che finisce per avere la priorità sugli eventi, che sono sempre troppo evanescenti, con una regia poco incisiva, senza un reale crescendo se non nell'accumularsi finale.

Denise Gough HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Siska80 • 23/01/22 11:27
    Formatore stagisti - 530 interventi
    ATTENZIONE, SPOILER!

    Daniela, ti aspettavo al varco! A mio avviso il finale, per quanto triste, è consolatorio per tutta la famiglia: la bimba fantasma ritrova infatti la compagnia della madre (che è quella che guadagna più di tutti in quanto da viva poteva vegliare su Leah ma si corrodeva per l'altra figlia che non vedeva più, mentre da morta può seguire entrambe le bimbe), il padre si convince che la moglie finalmente ha trovato pace e si dedica a Leah la quale, paradossalmente, adesso verrà accudita più di prima dalla mamma.

  • Discussione Daniela • 23/01/22 12:40
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    Siska80 ebbe a dire:
    ATTENZIONE, SPOILER!
    Daniela, ti aspettavo al varco! A mio avviso il finale, per quanto triste, è consolatorio per tutta la famiglia
    E' questo che intendevo con "dolcemente malinconico": certo molto triste però anche rappacificante perché mamma e figlia sono di nuovo insieme e gli altri potranno andare avanti conservandone il ricordo ma senza l'atmosfera opprimente di un lutto irrimediabile. 
    Il finale è in linea con l'atmosfera generale del film, quello che invece mi è parso incongruo è il breve flash horror in cui per qualche istante il volto della piccola Rachel si trasforma in un essere orrido e anche la sua voce diventa maligna e cavernosa. La sequenza mira palesemente a sorprendere lo spettatore con l'ennesimo balzello (fra parentesi, troppi balzetti a mio parere) ma, dato che pare non avere alcun rilievo in quel che segue, l'ho trovata forzata e inutile. Anche tu hai avuto la stessa impressione?
    FINE SPOILER
  • Discussione Siska80 • 23/01/22 13:16
    Formatore stagisti - 530 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Siska80 ebbe a dire:
    ATTENZIONE, SPOILER!
    Daniela, ti aspettavo al varco! A mio avviso il finale, per quanto triste, è consolatorio per tutta la famiglia
    E' questo che intendevo con "dolcemente malinconico": certo molto triste però anche rappacificante perché mamma e figlia sono di nuovo insieme e gli altri potranno andare avanti conservandone il ricordo ma senza l'atmosfera opprimente di un lutto irrimediabile. 
    Il finale è in linea con l'atmosfera generale del film, quello che invece mi è parso incongruo è il breve flash horror in cui per qualche istante il volto della piccola Rachel si trasforma in un essere orrido e anche la sua voce diventa maligna e cavernosa. La sequenza mira palesemente a sorprendere lo spettatore con l'ennesimo balzello (fra parentesi, troppi balzetti a mio parere) ma, dato che pare non avere alcun rilievo in quel che segue, l'ho trovata forzata e inutile. Anche tu hai avuto la stessa impressione?
    FINE SPOILER 
    Anche la scena delle ali vere coi vermi all'interno lasciava presagire che la bambina fosse un demonio...Io mi son data una spiegazione ( ma ho la cattiva abitudine di volere trovare sempre un motivo logico): secondo nome era un' anima dannata perché voleva la madre, ed era la stessa mamma che non la lasciava riposare a causa del suo dolore inconsolabile... Vabbè, ci sarebbe anche da chiedersi perché si è presentata dopo tanti anni e non direttamente alla mamma ( e perché non al padre!),  ma lasciamo perdere.

  • Discussione Daniela • 23/01/22 15:34
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    SPOILER
    Siska80 ebbe a dire:
    era un' anima dannata perché voleva la madre, ed era la stessa mamma che non la lasciava riposare a causa del suo dolore inconsolabile...
    Non mi pareva un'anima dannata, piuttosto una bimba sperduta il cui corpo si stava corrompendo. Comunque concordo che non poteva trovare pace perché "incatenata" ai luoghi dove era vissuta dall'amore della madre consumata dal dolore.