Il soldato di ventura

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1976
Genere: commedia (colore)
Note: ispirato alla storia di Ettore Fieramosca.
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Commedia in costume per Pasquale Festa Campanile, che rilegge "alla buona" un celebre episodio della nostra storia, quella disfida di Barletta (1503) che vide contrapporsi tredici italiani (guidati da Ettore Fieramosca) e tredici francesi davanti alla città pugliese assediata. Il registro scelto da Campanile è quello che mescola commedia e avventura secondo lo schema che Monicelli aveva sperimentato con successo in L'ARMATA BRANCALEONE. E' Bud Spencer il novello Gassman, soldato di ventura che si schiera dalla parte degli spagnoli di Ferdinando (capeggiati da Mario Scaccia) assieme ai quattro mercenari che l'accompagnano (tra loro Angelo Infanti e Enzo Cannavale, in quel periodo...Leggi tutto partner fisso di Spencer/Piedone). L'assedio francese a Barletta (guidato da Philippe Leroy) è però pressante, e alla fine ci sarà l'offesa da lavare con la disdida guerresca. I francesi ci sono, gli italiani è difficile trovarli. E comincia qui la seconda fase del film, con Spencer che gira per la città a cercare qualche italiano disposto ad affiancarli. Lo troverà a fatica, ma convincerli a combattere (gente come Oreste Lionello, Renzo Palmer...) sarà ancor più difficile. Il personaggio affidato a Spencer (Ettore Fieramosca) è meno semplice e ingenuo di quanto siamo abituati a vedere e nonostante sia ben interpretato è poco comico. Cosa che penalizza il film, naturalmente, diretto con mano pesante da un Campanile che ha sempre trovato difficoltà nel dare ritmo e spigliatezza ai suoi lavori. La ricostruzione storica è apprezzabile, il voler puntare sulla commedia senza pretese è la scelta giusta, ma un soggetto troppo esile accomunato a una sceneggiatura mediocre e con poche idee ha penalizzato il risultato finale, in fin dei conti piuttosto noioso.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 15/11/07 08:50 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Così così. Questa versione alla buona della disfida di Barletta insegue modelli monicelliani altissimi, ma non ha una foza produttiva all'altezza, nè lo straordinario repertorio di trovate comico-linguistiche. Sarebbe stato meglio buttarla sull'azione à la Cento cavalieri, ma anche questo non era nelle corde del pur bravo Campanile. Resta la bravura e la simpatia dei protagonisti in un cast più che discreto, ma seppure per poco il film non convince pienamente.

Matalo! 6/08/08 12:46 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Visto al cinema da ragazzo. Rivisto una notte di un anno fa. È un mix tra Brancaleone e i film di Clucher ma non è né simpatico né credibile. La storia di Fieramosca era stata raccontata meglio (occorre dirlo) da Blasetti con un grande Cervi. Qui abbiamo Spencer che deve per forza menare sganassoni (sennò come attore non esisterebbe) e un Leroy sempre corretto ma un po' spaesato. Bella la luce di Puglia, che conosco bene. Certo a fianco di Brancaleone questo film fa la figura del vaso di coccio tra botti di ferro.

Galbo 10/08/08 21:40 - 11847 commenti

I gusti di Galbo

Tutto sommato godibile versione realizzata in chiave comica e grottesca della celeberrima disfida di Barletta condotta dal leggendario Ettore Fieramosca. Il regista Pasquale Festa Campanile, ottimo "artigiano" del cinema, dirige con brio una pellicola che richiama per spirito di film dedicati a Brancaleone di monicelliana memoria ma più spinti sul versante comico grazie alle performances di Spencer e ottimi caratteristi come Cannavale e Palmer.

Ianrufus 19/08/08 01:06 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Sottovalutato film corale di Campanile, intorno ad un Bud Spencer che si doppia efficacemente da solo. Ai tempi la visione al cinema della battaglia finale mi elettrizzò e corsi a comprarmi il 45 giri dei fratelli De Angelis. Mario Scaccia è bravo e divertente, Leroy antipatico quel che serve, Palmer scatenato e Cannavale ispirata mascotte dell'armata Fieramosca. La storia, i valori e i sentimenti tradotti nell'efficacia della semplicità.

Rambo90 16/01/10 13:26 - 7055 commenti

I gusti di Rambo90

Film molto sottovalutato del bravo Campanile, che mescola avventure picaresche alle solite risse dei film con Bud Spencer. Semplice, ma con un ritmo coinvolgente e momenti molto divertenti, grazie soprattutto a un cast eccellente di caratteristi italiani guidati dal grande Bud (che si doppia da solo) in ottima forma. Spassosa la battaglia finale, carine le musiche e persino la ricostruzione storica non si scosta molto da ciò che avvenne nella realtà. Da vedere.

Enzus79 27/05/10 09:53 - 2279 commenti

I gusti di Enzus79

Commedia in costume per Bud Spencer che qui non perde il vizio di menar le mani. Come nemici ha i francesi che prendono in giro gli italiani. Ritmi lenti ed alcune scene che avrei eliminato danneggiano il film. Cannavale non è mai di impiccio, con le sue battute.

Pigro 1/04/11 09:30 - 8746 commenti

I gusti di Pigro

La disfida di Barletta in chiave comica, a metà tra picarismo alla Brancaleone e generosa rissosità alla Bud Spencer (appunto). Con alcune trovate carine e qualche momento divertente (nonostante il ritmo fiacco) si dipanano le avventure dei nostri anti-eroi, mescolando orgoglio italiano e orgogli vernacolari (qui il pittoresco dialettale sostituisce l'invenzione linguistica di Monicelli). Gli attori sono simpatici, non c'è che dire, e la ricostruzione storica sfiziosa, ma il risultato finale lascia il tempo che trova.

124c 12/09/11 14:01 - 2832 commenti

I gusti di 124c

Bud Spencer gira la sua Armata Brancaleone, naturalmente senza linguaggi medioevali alla Vittorio Gassman, facendo coppia con il bravo caratterista Enzo Cannavale. Si dice che l'ex-nuotatore non somigli affatto a Ettore Fieramosca, ma ciò non gli ha impedito di recitare accanto ad un nutrito gruppo di attori teatrali e cinematografici, di marca italiana e francese. La prima parte, quella dove si compiono imprese mercenarie a suon di pugni (e dove muore Angelo Infanti) si dimentica presto, la seconda è invece ricca di ospiti a sorpresa.
MEMORABILE: Philippe Leroy: "Arrenditi, sei disarmato!" Bud Spencer: "No... Mano contro mazza!"

Caesars 1/12/11 08:59 - 3326 commenti

I gusti di Caesars

Mi è parso ben poca cosa. La rivisitazione in chiave brancaleonesca della celebre disfida di Barletta poteva anche essere un'idea interessante, ma lo svolgimento è fatto con svogliatezza e il divertimento latita assai. Bud Spencer si limita a elargire sganassoni a destra e manca e i comprimari non è che s'impegnino più di tanto. Pasquale Festa Campanile si conferma regista di grana grossa e non viene certo aiutato da soggetto e sceneggiatura. Decisamente trascurabile, *! non di più.

Rigoletto 26/07/12 17:10 - 1713 commenti

I gusti di Rigoletto

Trasposizione cinematografica della disfida di Barletta che punta tutto su una comicità schietta e non volgare, con un Bud Spencer che riesce a calarsi nel personaggio senza troppi impicci e che si ritrova circondato da caratteristi di valore assoluto. Ottimo Cannavale nel ruolo del cavaliere Bracalone (storpiatura comica di Brancaleone, uno degli autentici cavalieri della disfida). Da citare Palmer, Lionello, Pagni, Pilar, Leroy e un grande Scaccia che completano un cast molto simpatico e per nulla noioso. Belle le musiche. **1/2
MEMORABILE: Il reclutamento dei cavalieri.

Philippe Leroy HA RECITATO ANCHE IN...

Disorder 28/12/12 18:07 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Davvero niente male; si direbbe quasi un tentativo da parte di Campanile di rendere verosimili (calandole in un contesto storico-politico ben preciso) le classiche avventure stile Spencer e Hill. Ci sono tante botte e risate, ma anche qualche inaspettata parentesi di serietà. Alcuni momenti poi avvicinano la pellicola alla classica commedia all'italiana. Bud regge la sua parte magnificamente ed è spalleggiato da comprimari tutti all'altezza. Un film divertente e pienamente riuscito...

Graf 26/09/13 03:53 - 708 commenti

I gusti di Graf

Scrittore, regista e uomo di mondo, Festa Campanile si conferma assiduo cliente della Storia della quale è frequentatore fin dal'64 con Le voci bianche. Ora siamo in Puglia nel 1503 e c'è la guerra tra Spagna e Francia, mentre gli italiani stanno a guardare cercando di barcamenarsi tra un invasore e l’altro. Preciso e sorridente disegno psicologico, con rapidi ma incisivi tratti, di tutti i personaggi (uno più brigante dell’altro), efficace ricostruzione scenica della Disfida e tante prese per i fondelli per la storiografia ufficiale e cavalleresca.
MEMORABILE: Pasquale Festa Campanile cita l'Ettore Fieramosca di Blasetti sopratutto nelle scene della disfida.

Puppigallo 1/08/14 18:33 - 4853 commenti

I gusti di Puppigallo

Commedia di cappa, spada e mazzate varie condita con personaggi caricaturali aiutati dal loro modo di esprimersi, non certo nobile, o cavalleresco. Un po' come nella sporca dozzina (qui sono tredici), nessuno scommetterebbe sui nostri "eroi", che se la dovranno vedere con gli spocchiosi francesi capeggiati da Leroy. Il ritmo è discreto, gli scambi verbali non sono male e Bud Fieramosca se la cava dignitosamente, potendo utilizzare le sue armi preferite: la stazza e le mani. I simpatici siparietti non mancano (prete-Fieramosca-scienziato-Cannavale).
MEMORABILE: Il cavaliere nero bluff ("Ma come, non avete letto di me?"); Piantato a pugni nella sabbia; "Mi arrendo!". "Non ho sentito bene...". E giù Budceffoni.

Brik94 1/08/15 07:44 - 68 commenti

I gusti di Brik94

Uno dei film di Bud solista che preferisco. La storia, anche se riprende in chiave comica la disfida di Barletta, non risulta né ridicola né fuori luogo, anzi. Riesce anche a farsi guardare con interesse oltre che a divertire grazie a un grande cast di caratteristi guidati da Bud seguito da Cannavale, Lionello, Infanti, Palmer e con Leroy nel ruolo di un villain azzeccatissimo.
MEMORABILE: Il reclutamento, "Oh Ettore!", "Non ci senti bene eh. E mo ci senti?!..."

Il Dandi 17/09/18 12:20 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Lettura eroi-comica della disfida di Barletta, sull'onda (lunga) del picarismo di Brancaleone. Gli allegri cazzottoni di Bud Spencer (che comunque non mancano) non sono troppo nelle corde del garbato regista, il quale dal canto suo ha il merito di mostrarci un Bud diverso dal solito, che caratterizza Ettore Fieramosca con grintosi sorrisi e perfino con l'accento partenopeo della sua vera voce. Buona anche la cornice e valido tutto il cast, anche nelle seconde e terze file.
MEMORABILE: Bud si sostituisce al buratto che lo rappresenta.

Domila1 11/08/19 11:34 - 63 commenti

I gusti di Domila1

Il miglior film di Spencer senza Terence Hill, uno dei più originali per quanto riguarda la storia e già di per sé interessante come versione comica della disfida di Barletta. Ma al di là di Spencer (che recita con la sua vera voce), il cast è molto buono, soprattutto per la presenza di Cannavale e di Lionello. In più, la ricostruzione storica è degna di nota. Divertentissimo, dall’inizio alla fine.
MEMORABILE: "No l’olio bollente no!!"... "Ma non è bollente, è tiepido” “Eh no è pipì”; La disfida di Barletta sotto forma di scazzottata.

Pessoa 15/01/22 00:54 - 2094 commenti

I gusti di Pessoa

Film di facile presa di Campanile che mette sul ridere una vicenda strastudiata da tutti i ragazzi a scuola (almeno in Italia). Naturalmente non è il caso di cercare rispondenze storiche, anche se Campanile da uomo di cultura inserisce diversi episodi minori realmente accaduti. La sceneggiatura, purtroppo, non trova la leggerezza giusta e ad un certo punto la narrazione si fa confusionaria, inaridendosi in mille inutili rivoli. Grande prova del notevole cast che tiene in piedi la baracca. Una visione sicuramente la merita, se non altro per farsi quattro risate senza troppi pensieri.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Enzus79 • 29/05/10 17:49
    Segretario - 11 interventi
    Il Davinotti nella sua critica al film fa riferimento allo "schema di Dino Risi(?) nell'armata Brancaleone...".
    Non è Monicelli?
  • Discussione Losciamano • 1/06/10 17:55
    Galoppino - 69 interventi
    Enzus79 non ha tutti i torti...
    Zender è un errore di battitura? ;)
  • Discussione Zender • 1/06/10 18:32
    Pianificazione e progetti - 45715 interventi
    Battitura? E' na pirlata del Davinotti, che evidentemente in quel momento era sovrappensiero. Vado a correggere, grazie ragazzi. Verrà il giorno che dovrò pagargli la badante a nonno Marcel, se mi fa di 'sti errori...
  • Discussione Losciamano • 1/06/10 18:38
    Galoppino - 69 interventi
    Errare humanum est, dai :)
  • Homevideo Gestarsh99 • 24/05/11 00:32
    Scrivano - 19934 interventi
    Disponibile in edizione dvd dall'08/06/2011 per 01 Distribution:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Schermo Anamorfico 16:9
    * Audio Dolby Digital 2.0
  • Homevideo Xtron • 16/04/12 17:09
    Servizio caffè - 1981 interventi
    Il dvd Medusa ha una durata di 1h45m33s

    Ultima modifica: 17/04/12 09:00 da Zender
  • Curiosità Zender • 13/06/16 19:29
    Pianificazione e progetti - 45715 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: