In corsa con il diavolo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Race with the devil
Anno: 1975
Genere: thriller (colore)
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

RACE WITH THE DEVIL è quasi una versione su quattro ruote di UN TRANQUILLO WEEKEND DI PAURA, con la differenza che il pur solido Jack Starrett non ha la classe e la raffinatezza di John Boorman e la coppia Peter Fonda/Warren Oates impallidisce, se confrontata con quella formata da Burt Reynolds e Jon Voight. Non poche poi le comunanze con le tematiche del primo Spielberg (DUEL e SUGARLAND EXPRESS in particolare) per un film modesto che vive di qualche buon momento (specialmente nel lungo inseguimento sulla strada, in cui decine di vetture si passano il testimone...Leggi tutto della caccia al megacamper dei protagonisti) e di troppi inserti superflui (vedi la serata al locale country). La sceneggiatura inoltre ha la grave pecca di disinteressarsi a qualsiasi spiegazione riguardante il modo di agire della “setta” e dei suoi mille adepti, lasciandoci in balia di una storia vuota di contenuti e incapace di inquadrare bene i personaggi. Le corse in moto che riempiono il primo quarto d'ora e più si rivelano slegate al resto della narrazione (servono forse per ricordarci che Peter Fonda è quello di EASY RIDER?) e dimostrano quanto poco senso abbia la struttura logica decisa da Starrett. Non può essere liquidato come un sottoprodotto dei road-movies allora di moda (siamo nel 1975) solo grazie a un certo senso dello spettacolo ben riscontrabile in alcune occasioni, ma la regia è anonima, la recitazione dei quattro protagonisti non incide e tutto sembra proseguire stancamente. Se volete sapere che faccia ha il regista, osservate l’attendente alla stazione di servizio (la gas station): protestate eventualmente con lui per il finale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 20/12/08 06:43 - 9663 commenti

I gusti di Daniela

Pur con i suoi evidenti limiti di regia presenta una indubbia spettacolarità legata all'intrecciarsi di vari riferimenti: da quello demoniaco con annessa sindrome da complotto al confronto cittadini/campagnoli (inevitabile il rinvio a Un tranquillo week end di paura), il tutto condito con un pizzico di Duel (i guai iniziano perché i protagonisti scelgono una strada secondaria) e Ombre Rosse (l'assalto al camper come assalto alla diligenza). Visione consigliata ai campeggiatori, che saranno in grado di gustarlo maggiormente di altri.

Patrick78 24/03/09 19:03 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Pura exploitation. Un ibrido tra horror e inseguimenti d'auto diretto con carisma da Jack Starrett che grazie ad un cast di prim'ordine riesce a confezionare un godibile B-movie. Grandissimo Warren Oates che ruba la scena al pur bravo Peter Fonda, inquietante la prova di R.G. Armstrong nei panni dello sceriffo con qualche segreto nascosto. Ottimo uso delle location e l'atmosfera di persecuzione a cui sono sottoposti i protagonisti in fuga dalla setta di streghe. Avvincente l'inseguimento tra il camper e le auto, inquietante il finale di puro terrore.

Brainiac 22/04/09 10:13 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Niente di nuovo sotto il cielo della retriva provincia americana. Sembra proprio, infatti, che il minimo che possa capitare a quanti si avventurino (questa volta su un camper extralusso) per queste lande selvagge sia di essere braccati da una minaccia mortale. Che sia un camionista proveniente dall'inferno (Duel), un gruppo di sadici (Weekend di paura), minatori cannibali (Le colline hanno gli occhi) o un vermone sotteraneo (Tremors), non fa differenza alcuna. Questo film ha però un pregio, quello di precedere il 90 per cento delle suddette pellicole. Buono.

Buiomega71 17/12/10 12:22 - 2299 commenti

I gusti di Buiomega71

Quintessenza del satanismo pandemico, dove le paranoie complottistiche polanskiane si sposano con il road movie. Parente stretto delle notti in casa Coogan, con una larvata linea degli ultracorpi siegeliani, dove un'intera comunità e preda degli influssi stile Il messia del diavolo. Tutta l'angoscia sotto la luce del sole in un bizzarro cross over che brilla di ingegno e tensione sparsa a piene a mani. Uno scuolabus domenicale e un rito satanico tra i più terrifici mai girati restano nella memoria. Piccola gemma da custodire tra i cult movie.
MEMORABILE: La messa nera a cui assistono i protagonisti; il finale che rimanda a Quella notte in casa Coogan.

Fauno 31/07/13 09:54 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

C'è ben poco da contemplare o su cui meditare: l'azione è sfrenata per 90 minuti e solo all'overtime c'è il fatidico e apocalittico ralenti. Suggestivo e unico per colori ed emozioni il rituale azteco col sacrificio; se inseguimenti e speronamenti ricordano il primo Spielberg, modi ed espressioni dei personaggi coinvolti in qualcosa di losco verranno ripresi alla grande in opere quali Arlington Road - L'inganno. Tallone d'Achille l'ingenuità di loro quattro che parlano ad alta voce dei loro spostamenti. Nell'insieme più che buono.

Rambo90 6/10/13 23:03 - 6444 commenti

I gusti di Rambo90

Serie B di alto livello: inquietante e carico di tensione, il film incrocia bene il road movie con il genere demoniaco. Oates e Fonda sono una gran bella coppia, ma a rubare la scena è Armstrong nei panni del subdolo sceriffo. I venti minuti finali sono da antologia. Notevole.

Rebis 29/08/14 17:16 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Cultissimo dei Seventies che impianta il complottismo satanico-polanskiano negli scenari del far west, scatena una carambola di car-crash e impatta in un finale nerissimo che mette addosso una pelle d'oca alta così. Tecnico e professionale, riserva qualche ingenuità nel plot demoniaco (i culti aztechi!) e nella definizione sommaria dei personaggi, ma narrativamente carbura fino all'ultimo minuto, oltre a testimoniare dell'attenzione riservata dalle major per l'horror selvaggio che ha spalancato il decennio (Romero, Hooper, Craven & co.). Edulcorato il doppiaggio italiano.

Homesick 28/11/14 17:05 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Come nei satanici complotti di Polanski, le insidie stradali di Spielberg e in quelle bifolche di Boorman, la paura non scaturisce dal sangue, ma dal senso di claustrofobico accerchiamento che si stringe intorno al malcapitato quartetto - complici i volti degli abitanti del villaggio, la cui ambiguità e colpevolezza si palesa fin dall'inizio - e da una tensione in continua ascesa, nutrita altresì di attanaglianti scene di inseguimento e speronamento. Un simile contesto è l'ideale per Peter Fonda, attore-principe del road movie anni Settanta, ancora una volta alla guida di macchine e moto.
MEMORABILE: I serpenti nascosti nel camper; il camper inseguito.

Deepred89 27/08/15 17:28 - 3312 commenti

I gusti di Deepred89

Un crossover curiosissimo, di per sé intrigante per il voler sbattere due ex ribelli in pieno doposbornia e già mezzi imborghesiti (oltre alle moto in vacanza portano pure le mogli) in un contesto tra Hooper, Polanski e l'uomo di vimini, buttandoci dentro pure una lunghissima sequenza action che traduce in immagini il titolo, con effetti speciali che promuovono il film in serie A. Alcune soluzioni non convincono (il ralenti finale) e il crescendo ogni tanto si ingolfa, ma alcuni sprazzi sinistri (il sabba, l'autubus) lasciano il segno.
MEMORABILE: Oates e Fonda, dopo la cenetta in campagna, si accorgono che qualche metro più in là si sta svolgendo un rito satanico; L'autobus del dì di festa

Aborym 19/11/16 23:39 - 28 commenti

I gusti di Aborym

Atipico road movie a sfondo horror, con diverse scene d'azione piuttosto riuscite. Nella prima parte la storia pare proprio non decollare e sembra di assistere a un telefilm mentre nella seconda il ritmo e la tensione salgono notevolmente, riscattando un po' tutto il film. Sempre bravo e credibile Warren Oates. Discreto il finale.

Jena 19/12/16 17:34 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Buon demoniaco di epoca settantiana, un periodo in cui il genere "diabolico" tirava parecchio. Qui i bolsi Fonda/Oates (quest'ultimo sempre più o meno stordito) se la devono vedere nella campagna texana con una setta di adoratori del Demonio ben capeggiati dal "satanico" R. G. Armstrong (un habituè del genere dal Cane infernale in poi). Starrett lavora bene sulla tensione, non indulgendo in affettaci ma concentrandosi sulla minaccia oscura e pervadente che avvolge i "cittadini" (si veda la splendida scena della piscina). Riuscito.
MEMORABILE: I bellissimi titoli di testa; Il rito attorno all'albero in fiamme e relativo sacrificio umano; L'anello di fuoco attorno al camper.

Anthonyvm 13/03/18 09:41 - 2149 commenti

I gusti di Anthonyvm

Bellissimo horror on the road, una sorta di incubo polanskiano non confinato tra le mura di un condominio ma libero di muoversi per le assolate strade americane, con più azione e assedi furiosi di ispirazione romeriana. Peter Fonda guida un cast convincente di "buoni" al quale fa da contraltare un manipolo di antagonisti affabili e sorridenti, davvero inquietanti e memorabili. Ottimi inseguimenti automobilistici occupano la parte conclusiva, che sfocia in un finale estremamente pessimista, forse un po' sbrigativo ma indimenticabile. Un cult!
MEMORABILE: Il rito satanico cui assistono i protagonisti; La scena del cagnolino; Il finale nerissimo.

Rufus68 16/01/18 09:26 - 3155 commenti

I gusti di Rufus68

La provincia americana vista (ancora!) quale incubatrice di nequizie. Starrett è pochissimo interessato ai risvolti horror anche se un'atmosfera di plumbea paranoia aleggia su tutta la pellicola: siamo più dalle parti del catastrofico-autostradale (sempre godibile). Fonda si prende la (temporanea) rivincita sui redneck in uno storico contrappasso (vedi finale di Easy rider). Per i cultori: c'é la macchina che non parte quando dovrebbe (un camper stavolta). Non malaccio.

Giùan 4/04/19 10:31 - 3054 commenti

I gusti di Giùan

Piuttosto piatto nella conduzione registica, quasi televisivo nelle scelte di volti (soprattutto femminili), ambientazioni, stilemi di montaggio, ma comunque (o magari anche grazie a questi aspetti) godibile in virtù del particolare abbinamento tra film "on the road" e occultismo satanico. Starrett non è interessato, del tutto platealmente, a giocare dialogicamente con gli ammiccamenti cospirativi o innestare elementi perturbanti nella narrazione, ma gioca onestamente le carte del racconto, aggrappandosi al grande Oates ed esibendo un incendiario finale.

Herrkinski 20/08/19 03:40 - 5304 commenti

I gusti di Herrkinski

Riuscito mix di generi, dal road-movie al thriller con inserti da horror satanico e quell'aria di complottismo settario e minaccia su larga scala tipico di certo cinema 70s; in questo senso anche il nerissimo finale rispecchia in pieno il pessimismo di quegli anni e risulta un'ottima chiusura a un film ben confezionato, con alcuni inseguimenti spettacolari e scene di tensione ideali pur senza versare sangue. Molto buona la coppia di protagonisti, specialmente l'ottimo Oates; introduzione un po' avulsa dal contesto ma si entra presto nel vivo.
MEMORABILE: Il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 31/07/13 13:09
    Pianificazione e progetti - 22125 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Credo capiti a tutti: ci sono pellicole che, una volta viste, ti si stampano nella memoria in modo indelebile. Non è detto che siano sempre capolavori, anzi, però contengono quel quid che, per motivi talvolta imperscrutabili, funziona come uno spillo nel cervello, appuntandovi il film in questione.
    Viaggiando, non posso essere sorpassata da un tir senza pensare che alla guida potrebbe esserci il camionista di Duel, oppure vedere una macchina di grossa cilindrata rossa senza chiamarla Christine, oppure, ancora, quando in vacanza sono sul camper, immaginare un'assalto da parte di fanatici adoratori di Satana...
    Per fortuna non sono io che guido, ma il marito - meno cinefilo e quindi molto più concentrato sulla strada ;o)


    Credo che sia normale per ogni cinefilo, infatti diffido di paesini , scuolabus fuori "stagione" e allegri vacanzieri con le infradito...
  • Discussione Fauno • 2/08/13 12:17
    Contratto a progetto - 2542 interventi
    L'unico film che a tale proposito mi ha suggestionato è stato il primo Hostel. L'interrail l'ho fatto anch'io e se non ci si sta attenti è facile che ti si incollino addosso le persone più sbagliate. D'altronde a 20 anni si ha spirito di avventura e anche curiosità e ingenuità, e il rischio di bruciarsi è alto. FAUNO.
  • Discussione Zender • 2/08/13 12:35
    Consigliere - 43747 interventi
    Fauno ebbe a dire:
    L'unico film che a tale proposito mi ha suggestionato è stato il primo Hostel. L'interrail l'ho fatto anch'io e se non ci si sta attenti è facile che ti si incollino addosso le persone più sbagliate.
    Vero, ache se magari finirci poi assieme in un mattatoio dove ti scannano "live" è magari statisticamente più difficile.
  • Discussione Daniela • 2/08/13 16:41
    Consigliere massimo - 5298 interventi
    in effetti, al giorno d'oggi, stando a quel che si legge sui giornali, ho maggiori probabilità di essere massacrata a martellate dal marito nel cucinotto piuttosto che da uno sconosciuto incrociato in giro per il mondo...
  • Discussione Zender • 3/08/13 08:39
    Consigliere - 43747 interventi
    Temo di sì Daniela... Era infatti uno degli incubi ricorrenti di Wupa, che adesso si è un po' tranquillizzata (forse perché sto invecchiando e pensa di potersi difendere meglio).
  • Curiosità Buiomega71 • 7/05/14 09:32
    Pianificazione e progetti - 22125 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (anno 1985) di In corsa con il diavolo:

  • Discussione Rebis • 28/08/14 11:29
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    Non so Zender, forse rompo con questa storia dei generi, però Drammatico un film di turisti che devono salvare la pellaccia da un gruppo di satanisti in corsa dediti a culti sacrificali aztechi (!) e poi quel finale nero come la pece.... direi Horror (genere dove di solito viene collocato e citato) oppure Thriller...
  • Discussione Buiomega71 • 28/08/14 11:37
    Pianificazione e progetti - 22125 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Non so Zender, forse rompo con questa storia dei generi, però Drammatico un film di turisti che devono salvare la pellaccia da un gruppo di satanisti in corsa dediti a culti sacrificali aztechi (!) e poi quel finale nero come la pece.... direi Horror (genere dove di solito viene collocato e citato) oppure Thriller...

    Concordo, horror eccome! Anzi "road satanic horror" :)
  • Discussione Zender • 28/08/14 17:52
    Consigliere - 43747 interventi
    Al massimo direi thriller. Ma non capisco cosa ci sia di male a definire dramma una storia simile. Imdb dà addirittura action come prima voce...
  • Discussione Rebis • 28/08/14 19:48
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    Di solito l'horror richiede un elemento sovrannaturale che qui in effetti non c'è (ma non c'è nemmeno in Saw per dire...), però mi sembra che il film miri a scatenare emozioni che hanno più a che fare col genere horror / thriller che con il dramma, che richiede almeno un po' di affondo psicologico. Di action in effetti ce n'è a iosa ma il contenitore è... satanico. Per me cmnq va benissimo thriller ;)