Agenzia Riccardo Finzi... praticamente detective

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 1/02/07 23:10 - 4718 commenti

I gusti di B. Legnani

Pozzettiano e meneghino. Un cult per chi ama Pozzetto. Figurarsi per chi ama i romanzi di Secchi con Riccardo Finzi e caratteristi quali Cannavale, la Facchetti, Sportelli, Zamuto... Insomma, se si ama tutto ciò si viene trascinati nel gorgo e si accetta tutto. Se non si ama il genere, si rimane stupiti nel notare che c'è chi si diverte un mondo. I due tizi che si vedono insieme nella fotografia che Riccardo tiene nel suo appartamento sono i cugini Dannay e Lee, celebrati giallisti con lo pseudonimo di Ellery Queen. Globalmente discreto.

Fabbiu 11/03/07 10:55 - 1933 commenti

I gusti di Fabbiu

Bruno Corbucci è un vero esperto, in commedie a sfondo giallo. Un Renato Pozzetto fantastico, divertentissimo, sforna battute a volte esilaranti. Belle tutte le scene nel suo appartamento/ufficio distrutto, con un lettino minuscolo (è matrimoniale?) e una sola finestra ("Ah! pensavo fosse un'armadio"). Un Enzo Cannavale molto simpatico, con il problema dei calli ai piedi, funziona discretamente accanto a Pozzetto. Però il film cede nel ritmo quando si addentra troppo nel caso da risolvere.

Lovejoy 10/12/07 14:09 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Divertente presa in giro dei film gialli, questo di Corbucci probabilmente rimarrà il suo film più riuscito. Spigliato, fresco, leggero, con un cast perfetto nel suo genere. Pozzetto è di una simpatia unica ed è affiancato da un Cannavale in splendida forma. Degli altri da ricordare Elio Zamuto e Silvano Tranquilli. Alcune battute sono davvero memorabili.
MEMORABILE: "Una persona a Milano viene investita ogni 10 minuti." "Sempre la stessa ?"

Daidae 2/04/09 22:24 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Gradevole commedia gialla diretta con lo stile tipico di Corbucci. Cast di bonazze (la Del Santo, Olga Karlatos e Simona Mariani), un solo e breve nudo e tanta comicità garantita da uno stupendo Pozzetto accompagnato dal migliore Cannavale. Commedia gialla che si lascia apprezzare, nel finale viene citato un thriller culto degli Anni Settanta.

Puppigallo 6/05/09 15:06 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Piacevole commedia poliziesca, con poche cadute, un Pozzetto in forma e un Cannavale che gli fa da degna spalla (se si preoccupa, esclama: "Gesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria!"). Il ritmo è buono, le investigazioni di Pozzetto sono tra il serio e lo spassoso, grazie alla sua verve e a quell'umorismo che è un suo marchio fabbrica (dorme in un lettino per bambini, con sbarre, perché non ha i mobili; si fa la barba coricandosi per usare l'unico specchio, sul soffitto; ha lo schema con foto dei sospettati attaccato al mobile...). Nota di merito per il commissario, che parla per detti e proverbi.
MEMORABILE: Pozzetto subisce detti e proverbi del commissario, ma prima di andarsene, senza alcun motivo, gli dice: Gallina vecchia fa buon brodo".

Ianrufus 6/05/09 01:23 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Un piccolo cult per chi ama Bruno Corbucci e Renato Pozzetto, quest'ultimo nel suo periodo migliore. L'intreccio giallo conta poco (anzi, è sopra la media per Corbucci) mentre il meglio è dato dai dialoghi surreali di Pozzetto e dal cast, in particolare Cannavale e Zamuto.

Cangaceiro 9/05/09 12:52 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Interessante "sperimentazione" per Pozzetto diretto da chi meglio di tutti è riuscito a fondere commedia e poliziesco: Bruno Corbucci. Fin dall'incipit in treno Renato si dimostra in palla, protagonista indiscusso di battute esilaranti, situazioni surreali e tragicomiche. Felicissima la variegata galleria di caratteri secondari: Cannavale aiutante servizievole, il commissario che snocciòla continuamente proverbi, la vicina di casa rompiballe e l'odiosa bambina pestifera. Parecchie le scene divertenti andate a segno. Bel film!
MEMORABILE: Madre della vittima: "Mia figlia era una brava ragazza, senza nemici". Pozzetto: "Lo so, anche Gesù Cristo era un bravo ragazzo eppure l'hanno avvelenato!"

Deepred89 23/05/09 01:08 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Commediola gialla volgarotta e poco originale. Corbucci dirige il tutto senza particolare ispirazione ma riesce a sfruttare bene un ottimo Renato Pozzetto, qui affiancato dal bravo Enzo Cannavale. Battutacce a volontà; molte non vanno a segno, ma il film bene o male si vede tranquillamente dall'inizio alla fine. Appena sufficiente.

Renato 4/06/09 12:15 - 1555 commenti

I gusti di Renato

Un Pozzetto tra i migliori. La trama gialla è sviluppata in modo poco chiaro a mio avviso, ma è un dettaglio: il film parte subito fortissimo, con Renatone in treno che si prende in testa una valigia di mattoni (eh sa, io faccio il muratore!) prima dell'esilarante incontro con un bambino chiuso nel bagno (cosa fate con quella pistola, imbecilli? E se vi parte un colpo?). In sostanza non si smette mai di ridere, e la visione della Milano di fine anni '70 è un tocco in più.
MEMORABILE: "Signor Finzi cos'è che ci ha? Perché piange?" "... mi è caduto l'orologio!"

Matalo! 17/08/10 09:21 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Piccolo film di Pozzetto prima del successo (che fu la sua rovina come attore). E non un capolavoro. Un tramezzo tra il presunto surrealismo dell'attore e un giallo di poca tenuta diretto da uno specialista in pretesti gialli. Infatti la storia vale un Giraldi qualunque, solo che abbiamo un faccione sognante al posto del grugno romaesco. Flipper di battute coadiuvate da un montaggio a scure che non reggono un intero film anche perché non memorabili. Un campo/cotrocampo Mariani-Pozzetto dove lui è in un cotroluce inguardabile la dice lunga sulla fattura. Puerile.
MEMORABILE: Mariani molto bella, Karlatos bellissima.

Paul jail 17/08/10 20:26 - 3 commenti

I gusti di Paul jail

Si respira l'aria della Milano dei bei vecchi tempi andati, a cavallo tra i settanta e gli ottanta, un limbo mitico per chi scrive. C'è un sapore bunkeriano nelle battute e nei dialoghi, ricchi di nonsense, infatti la sceneggiatura è firmata anche dal sempre grande Luciano Secchi.

Franz 17/08/10 16:20 - 110 commenti

I gusti di Franz

Dalle prime scene il film si direbbe abbastanza sgangherato, ai limiti dell'improvvisazione (un Pozzetto che vaga tra night, casa nuova, strade di Milano), ma poi la vicenda trova il ritmo giusto e una buona compattezza: Cannavale è una spalla decente e convince nel ruolo del cane sciolto che ha i giusti agganci tra le forze dell'ordine e così aiuta concretamente il più riflessivo Riccardo Finzi. Come sempre la comicità pozzettiana è giocata sul surrealismo e sulla parolaccia (vedere come liquida l'ennesimo scherzo della bambina!). Riuscito!
MEMORABILE: Pozzetto che si sdraia sul pavimento per radersi di fronte all'unico specchio disponibile, quello attaccato al soffitto!

Homesick 19/08/10 19:13 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tratto dal primo romanzo sul detective Riccardo Finzi (“Agenzia investigativa”), il film segue lo schema della commedia - talora volgare quando viola la privacy della toilette - a tinte gialle, non diversamente dalla coeva serie di “Squadre” e “Delitti” con Nico Giraldi. Pozzetto infila le sue solite gag dell’imbranato con l’appoggio di consumati caratteristi (il braccio destro Cannavale e la servizievole Facchetti) e donne belle e disponibili (Mariani, Karlatos, Del Santo), con un risultato piuttosto goffo per il suo continuo pencolare tra sano divertimento e imbarazzante puerilità.

Iochisono 22/08/10 01:51 - 133 commenti

I gusti di Iochisono

L'operazione aveva lo scopo di replicare a Milano quanto già fatto a Roma con Nico Giraldi (Tomas Milian) e a Napoli con Piedone (Bud Spencer), portando sullo schermo con Pozzetto il detective creato da Luciano Secchi. Gli ingredienti paiono esserci tutti, ma la ciambella non viene col buco e il film non funziona al botteghino, decretando la chiusura della sperata serie dopo il primo episodio. A parte la trama involuta e fiacca, deve esserci stato qualche problema di difficile gestione sul set, a giudicare da certe evidenti inspiegabili carenze tecniche, inusuali per l'ottimo Corbucci Bruno.

Trivex 22/08/10 11:24 - 1488 commenti

I gusti di Trivex

L'ottimo Renato/Riccardo, apparentemente stralunato ed improbabile investigatore, guarda caso tanto incapace non è! Girato a Milano, con contorni brianzoli (la Valassina), è una buona commedia con giallo incorporato, divertente e sardonica, per una bella serata. Lui è il valore aggiunto, ma anche il fido pensionato ex Benemerita, con quella faccia dopo il fatto del cappello.. grande! C'è qualche pezzo volgare, ma non sopra le righe ed alla fine sottolinea gli aspetti poliedrici del nostro poliziotto privato: corretto, ma un po'tamarro, alienato ma perspicace.

124c 24/08/10 14:31 - 2771 commenti

I gusti di 124c

Il film è basato sul primo libro della serie "Riccardo Finzi" ("Agenzia investigativa" appunto), scritto, nel 1978, da Luciano Secchi (alias il fantomatico Max Bunker dei fumetti Alan Ford, Kriminal e Satanik). Il tutto condito dalla simpatia di Renato Pozzetto, che interpreta Finzi alla sua maniera. Accanto a lui, un divertente Enzo Cannavale e una Lori del Santo alle prime armi. Azzeccato anche Elio Zamuto (duro in molti poliziotteschi e doppiatore del dr Procton di Goldrake), poliziotto buono e siculo che si esprime in scioglilingua. Tre.

Stefania 14/10/10 02:10 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Deludente. si poteva e si doveva osare molto di più. Un detective scalcinato (diplomato per corrispondenza) che si ritrova per caso ad indagare su un delitto nella Milano-bene deve essere come un elefante in un negozio di cristalli: goffo, ma temibile. Qui, l'interazione tra Pozzetto e i sospettati è troppo frenata: brevi e trite scenette legate con lo spago, nelle quali il nostro appare imbarazzato e prevedibile. Migliori i duetti con Cannavale, e ancora di più quelli col commissario sputa-proverbi. Lo sguardo terso e impertinente di Pozzetto, i suoi nonsense vanno sprecati: film mediocre.

Tarabas 1/12/10 15:25 - 1701 commenti

I gusti di Tarabas

Apprendista investigatore s'imbatte in un caso di omicidio nella Milano bene. Un po' un Commissario Pepe in salsa Derby, con Pozzetto che piazza due o tre colpi discreti. Per il resto, è notte fonda. La trama è insulsa, il giallo fa piangere e le battute non fanno ridere. Curiosità milanese: in una scena ambientata a San Siro, dalla curva (senza il terzo anello) si vede il Velodromo Vigorelli. Finale a là Ellery Queen, con tutti i sospettati in una stanza. Solo per completisti pozzettiani.

Ronax 3/12/10 02:05 - 906 commenti

I gusti di Ronax

La Milano di fine anni '70 fa da sfondo a questa esile commediola firmata da Bruno Corbucci e tutta costruita sulla comicità naif di Pozzetto, nei panni di un aspirante investigatore privato, capace di giungere a capo di un oscuro omicidio nell'high-class meneghina nonostante la sua apparente ingenuità. La trama fa acqua da tutte le parti, ma il film si lascia lo stesso seguire benevolmente, accompagnato da qualche risata, allietato da simpatici comprimari (Cannavale, Zamuto) e piacevolmente insaporito da uno stuzzicantissimo cast femminile.
MEMORABILE: Esplosiva la Mariani, soprattutto quando porta gli occhiali.

Herrkinski 11/01/11 19:15 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Non il migliore tra i film del Pozzetto anni '70, tuttavia più che godibile grazie alla buona prova del comico lombardo e anche dei comprimari, tutti caratteristi cari al nostro cinemabis (su tutti qui spiccano Cannavale e Zamuto). La trama, ispirata da un libro di Max Bunker, è sviluppata da Corbucci nello stile delle sue commedie gialle della serie di Nico Giraldi/Tomas Milian, quindi si fa apprezzare maggiormente il lato umoristico rispetto a quello giallo, un po' raffazzonato; nel complesso però si ride e si può ammirare la Milano d'epoca.
MEMORABILE: Gli insulti alla bambina.

Enzus79 16/04/11 21:18 - 1797 commenti

I gusti di Enzus79

Non sono un fan sfegatato di Renato Pozzetto, però questo film mi ha divertito. La scelta di mettergli vicino un attore come Enzo Cannavale è stata abbastanza intelligente, visto quello che dà il napoletano. Il resto è solo un di più. Onestamente si poteva fare di meglio.

John trent 1/08/11 11:14 - 326 commenti

I gusti di John trent

Interessante commistione tra il giallo e la commedia con finale alla Ellery Queen con tutti i sospettati riuniti dal detective in una stanza (che richiama anche un illustre predecessore come Mio caro assassino): Pozzetto, con la sua andatura dinoccolata e il suo fare svampito, riuscirà a scoprire l'assassino di una giovane ragazza della Milano bene (una giovane Lory Del Santo). Cannavale ottima spalla come sempre (come già con Milian e Bud Spencer), fantastico Zamuto nei panni di un commissario che cita continuamente proverbi. Musiche cult.
MEMORABILE: Gli insulti alla bambina.

Rambo90 2/01/12 03:44 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Vedere Pozzetto che fa l'investigatore è di per sè uno spasso, poi comunque la regia di Corbucci (già abituato al genere grazie ai film di Nico Giraldi) garantisce un intreccio giallo che suscita un minimo di interesse. Comunque il film è fatto in larga parte da Pozzetto, che sfodera una serie di battute senza senso ma che fanno ridere quasi sempre. Cannavale gli fa da spalla in maniera efficace e il cast di contorno è buono (soprattutto la Karlatos). Promosso.

Il Dandi 9/05/12 00:10 - 1766 commenti

I gusti di Il Dandi

Certo di commedia poliziesca si tratta, ed è dunque ovvio considerarlo come una risposta meneghina al romano Nico Giraldi; tuttavia il personaggio di Tomas Milian prese forma come degenerazione di un poliziesco truce e violento, mentre qui la trama gialla (che pure non è infame, ma resta secondaria) appare innestata posticciamente su un personaggio preesistente e collaudato. Dunque giubili chi lo ama, si astenga chi non lo sopporta, quel tipo così rotondetto, candido, surreale, poetico e contadinesco: praticamente Pozzetto.
MEMORABILE: L'inseguimento "rovesciato" sul tram, con Pozzetto che ordina al tramviere: "segua quel taxi".

Geppo 5/06/12 17:01 - 288 commenti

I gusti di Geppo

Vero e proprio cult movie della filmografia di Renato Pozzetto. Il film scorre meravigliosamente senza annoiare. Anche come trama è notevole... e soprattutto trovo geniale la sceneggiatura. Devo dire che il regista Bruno Corbucci è stato (forse) l'unico vero artigiano della "giallo-commedia", e l'ha dimostrato anche con Il ficcanaso e con la serie dei "Delitti" interpretati da Tomas Milian. Ottimo il cast: attori e caratteristi bravissimi. Per me Pozzetto resta una delle facce più divertenti del cinema italiano. Grande anche la colonna sonora.
MEMORABILE: Cannavale: "Io lavoro sempre con l'anticipo!" Pozzetto: "Ahhh... mi dispiace ma io faccio i conti solo a fine mese". La bellissima Olga Karlatos.

Motorship 4/10/12 18:01 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Gradevole e riuscita commedia gialla, ben diretta da Bruno Corbucci. Inizialmente sembra una commedia macchiettistica, ma poi dal night in poi, passando per le indagini dell'omicidio, il film si fa più serio e avvincente. Ottimo Renato Pozzetto nel ruolo dello strampalato ma zelante detective, supportato da un eccellente cast di contorno: Cannavale, Sportelli, Zamuto, la Facchetti e le bellissime Olga Karlatos (la più affascinante del trio e più attrice), Simona Mariani e Lory Del Santo. Bella la OST dei De Angelis brothers. Tre pallini meritati.
MEMORABILE: Lo sguardo della bellissima Olga Karlatos; Pozzetto: "Mi aveva fatto salire su e voleva farmi assaggiare la.., maionese"; La bambina che insulta Pozzetto.

Galbo 20/02/13 05:45 - 11383 commenti

I gusti di Galbo

Commedia poliziesca dalla forte caratterizzazione milanese, tratta da un libro di Secchi (anche cosceneggiatore). Il non amare Renato Pozzetto è di per sè forte motivo di prevenzione. E' infatti, sebbene Corbucci "governi" tutto con consumato mestiere e si affidi ad ottimi caratteristi, l'attore protagonista, che interpreta da decenni lo stesso personaggio, limita il tutto con i suoi vezzi da eterno imbranato rendendo la visione tediosa.

Liv 24/10/13 18:15 - 237 commenti

I gusti di Liv

Regia tirata via (si vede che Corbucci voleva tornarsene a Roma per il fine settimana) e recitato senza tante preoccupazioni. Le battute sono simpatiche, i protagonisti anche e in parte, ma n esce una commediola anni Settanta. Tutta la pubblicità che ci hanno infilato dentro e la sceneggiatura da gruppo TNT (i giornali sono truccati con carta più bianca e con titoli tutti storti fatti coi trasferibili) fanno sciatteria, ma ormai sorridiamo anche di quella. Occasione sciupata.

Panza 3/01/14 20:45 - 1492 commenti

I gusti di Panza

Sulla carta poteva essere una bella idea portare al cinema lo stile dei romanzi di Max Bunker e per di più con il volto e il carisma di Renato Pozzetto. Invece il film dopo il secondo tempo ha un notevole calo nonostante prima si sia riso abbastanza (il taccuino, le ordinazioni al night, il commissario che parla per proverbi, "Faremo i conti alla fine del mese!"). Bluff finale degno di una puntata di Colombo. Nei titoli di testa segni di una Milano che non esiste più: Piazza San Babila invasa dalle macchine. Produce il mitico Galliano Juso.

Gabrius79 13/01/14 01:31 - 1192 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia diretta da Bruno Corbucci con protagonista un Renato Pozzetto non eccezionalmente in forma ma che nonostante tutto ci regala alcuni momenti di comicità stralunata come sua consuetudine. Enzo Cannavale come spalla è discreto ma non al suo meglio. La storia andava sviluppata meglio.

Saintgifts 7/08/14 00:46 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Corbucci riesce a mantenere un ammirevole equilibrio tra vari generi, mentre l'OST dei De Angelis ricorda, se ce ne fosse bisogno (e anche nei momenti più "seri"), in che ambito ci si muove. Il personaggio è perfetto per Pozzetto, che non fatica a dargli vita al meglio delle sue capacità, coadiuvato da un Cannavale che spesso gli ruba la scena. Si sorride spesso, ma qualche vera risata viene anche strappata dalle battute, specie nei botta e risposta a suon di proverbi con Zamuto. Azzeccati gli altri comprimari, sceneggiatura ben oliata.

Ultimo 20/11/14 18:39 - 1358 commenti

I gusti di Ultimo

Un Pozzetto nell'insolita veste del detective confeziona una parte riuscita con ottimi risultati, non sbagliando praticamente nulla e destreggiandosi tra momenti umoristici a altri più seri quando svolge le indagini. Non si capisce fino a che punto sia un bravo detective, ma forse il bello è proprio questo! Film non molto conosciuto ma a mio parere da rivalutare.

Schramm 10/02/15 17:36 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Da una cabina di regia evidentemente scarna come l’appartamento di Finzi, Corbucci è simbiotico col protagonista incaponito nel perseguire un caso apparentemente interlocutorio: la differenza è che alla fine la fortuna dei dilettanti farà il gioco del detective frescone (un Pozzetto che stenta ad ambientarsi tra le secche di una sceneggiatura inerte), mentre a un Corbucci mulinante a vuoto la fortuna arride ben poco. Tolto qualche sorriso perlopiù dovuto ai ripetitivi ping-pong con un brioso Cannavale, siamo al pugno di mosche stecchite.

Pessoa 12/05/17 23:17 - 1158 commenti

I gusti di Pessoa

Commedia a tinte gialle per Corbucci, che tenta di ripetere con la commistione di generi il riuscito esperimento del commissario Giraldi. Ma Pozzetto non è Milian e nonostante la presenza di grandissimi caratteristi il film non decolla. La storia prende un po' di corpo nel finale, con lo spiegone da giallo classico, ma la parte più comica risente di una sceneggiatura poco curata, con riciclaggi e battute di dubbio gusto. Poco efficace il duo Pozzetto-Cannavale, che hanno due comicità molto diverse; la palma del migliore va al bravissimo Zamuto.
MEMORABILE: Il piede di Cannavale; I proverbi di Zamuto; La riunione finale.

Il Gobbo 12/08/17 22:29 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il problema più grave del film (girato con la mano sinistra e con una delle peggiori colonne sonore dei De Angelis) è quello che ne avrebbe dovuto rappresentare l'atout, ossia Pozzetto, che fa... Pozzetto e quindi ammazza il personaggio-Finzi. Tolta la patina di nostalgia restano Cannavale e le bellezze, invero poco portate per la recitazione ma pazienza.

Il ferrini 7/10/17 15:43 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Un must per i fan del Ragazzo di campagna, ma anche per chi ama il brigadiere Caputo. Pozzetto era nel suo periodo d'oro e sfornava una prestazione memorabile dietro l'altra, Corbucci era perfettamente a suo agio col genere (fu l'anno di Assassinio sul Tevere e Squadra antigangsters). Nonostante questo resta il gusto di un cocktail sbagliato, in cui forse l'ingrediente più adatto sarebbe stato Tomas Milian. Per carità, si sorride, ma non è certo merito della sceneggiatura.

Paulaster 26/10/17 10:21 - 2773 commenti

I gusti di Paulaster

Detective privato si imbatte in un omicidio e cercherà da solo di scoprire il colpevole. Abbinando la comicità surreale di Pozzetto alla trama si ottiene un giallo simil poliziottesco con impronta anni ’70. Night, pistole e delitti (realistico l’incidente) nella Milano che vive di notte. Cannavale è utile ma un comprimario più comico sarebbe stato meglio. Discreto anche il clima al commissariato garantito da Zamuto.
MEMORABILE: Le schermaglie tra la bambina e Pozzetto; La Karlatos che offre il suo corpo a Pozzetto; La descrizione della casa spoglia.

Ryo 25/02/18 22:44 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

L'esperimento (se tal può definirsi) di unire commedia all'italiana e giallo non è certo nuovo e il risultato non si può dire che non funzioni; perlomeno per il fattore "giallo", mentre per la "commedia" siamo a livelli piuttosto bassi. Pozzetto, in un momento in cui ancora non aveva raggiunto l'apice del successo, appare svogliato in un ruolo che forse non gli calza a pennello. Buona spalla Cannavale, gag deboli e freddure imbarazzanti.

Markus 5/07/18 16:23 - 3292 commenti

I gusti di Markus

Milano, 1979. Un neo-detective privato indaga sull'omicidio di una ragazza che si finge cameriera e, tra varie peripezie, si ritroverà invischiato in un faccenda molto più grande e pericolosa del previsto. Con un'arzigogolata trama cucita su misura per Pozzetto (come spalla c'è l'ottimo Cannavale), Bruno Corbucci prosegue il filone a lui caro della commedia tinta di giallo. La pellicola, di discreta fattura, riserva più di qualche spunto comico quasi sempre appannaggio del comico meneghino, evidentemente a proprio agio. Molto buone le musiche.
MEMORABILE: Pozzetto, uscendo da un ristorante con serigrafato sulla porta a vetri la scritta “Grazie e arrivederci”, dice: “Grazie... e arrivederci”.

Faggi 13/10/18 15:22 - 1502 commenti

I gusti di Faggi

Essere fanatici o meno di Renato Pozzetto conta poco (o molto); il film è simpatico ma non esalta, anche se gli si possono riconoscere le stigmate del piccolo cult, ovvero difettoso (o difettosissimo) ma con valori tutti suoi e da ricercarsi altrove dalla (mai mera) qualità formale: ovvero tra le pieghe della comicità fintamente ingenua del protagonista che flirta continuamente col nonsense; e nella scalcagnata parodia del giallo che lascia impronte lunatiche (tra intrighi milanesi e finale molto vagamente alla Ellery Queen).

Reeves 24/06/20 18:02 - 95 commenti

I gusti di Reeves

Giallo-rosa piuttosto spinto e che adombra anche possibili rapporti incestuosi tra i protagonisti. Pozzetto si trova a suo agio con la direzione di Bruno Corbucci, che sa come esaltare il suo umorismo surreale. Involontariamente c'è anche una sorta di critica sociale e di lettura del cosiddetto riflusso (tema tipicamente morettiano): siamo nel 1979 e i militanti dei gruppi extraparlamentari sono diventati ben altro.
MEMORABILE: Il monologo di Silvano Tranquilli quando offre i soldi a Pozzetto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione 124c • 11/10/17 01:00
    Risorse umane - 5153 interventi
    Il ferrini ebbe a dire:
    Sarò breve. Credo che l'umorismo di Pozzetto mal si sposi con le trame gialle o poliziottesche di Corbucci (Uno contro l'altro). Tant'è che la loro miglior collaborazione per me resta La casa stregata, che pur avendo una sceneggiatura mediocre e una messa in scena spesso imbarazzante, crea una cornice più adatta alla comicità surreale di Pozzetto. Non conosco sufficientemente i romanzi di Luciano Secchi da poterli giudicare, ma nel caso specifico di questo film mi è proprio parso un ruolo da Tomas Milian.

    A) Bruno Corbucci e Renato Pozzeto hanno collaborato anche in Uno contro l'altro, praticamente amici, dove il milanese faceva coppia col "romano" Milian...Mi sembrava ben fatto a te no?
    B) Spsassosa La casa stregata, è fra i film più replicati in ptima serata nelle tv.
    C) Renato Pozzetto è un detective privato come io sono un frate cappuccino, comunque è la prima volta che sento che il film di Corbucci fu un flop, molti dicono che fu un successo di critica e pubblico.
    D) La frase "mi è parso un ruolo da Tamos Milian" lo si potrebbe dire del film tv, sempre di Bruno Corbucci, Le volpi della notte, sorta di Charlie's Angels all'italiana del 1986, con Viola Valentino (una delle "ex-amanti di Milian/Nico"), Pamela Prati (starlette del Bagaglino) e Fabrizia Carminati (ex-conduttrice tv anni'80 della Fininvest - e, si dice, ex-bellona di Berlusconi -)...Furbo eliminare le parolacce, inserire Gegia al posto di Bombolo, travestire le ragazze da mignotte per "investigare meglio", come la Edwige Fenech poliziotta, contare sulla bruttezza di Margherita Fumero che, a causa dell'assenza di Milian, prova a circuire Enzo Cannavale, passato da brigadiere a commissario...Tutte cose già viste nei film di "Nico er Pirata", vero?
    Ultima modifica: 11/10/17 17:06 da 124c
  • Discussione B. Legnani • 11/10/17 10:05
    Consigliere - 13806 interventi
    124c ebbe a dire:

    C) Renato Pozzetto è un detective privato come io sono un frate cappuccino, comunque è la prima volta che sento che il film di Corbucci fu un flop, molti dicono che fu un successo di critica e pubblico.


    Difatti il personaggio di Finzi, nei romanzi, tutto è tranne che un detective tradizionale.

    Incassi: servono dati, non voci generiche riferite. E la riedizione, già di per sé, fa nascere dubbi.
  • Discussione Il ferrini • 11/10/17 14:08
    Portaborse - 76 interventi
    Per gli incassi ho trovato questa classifica:

    http://www.hitparadeitalia.it/bof/boi/boi1979-80.htm
  • Discussione 124c • 11/10/17 17:08
    Risorse umane - 5153 interventi
    Il ferrini ebbe a dire:
    Per gli incassi ho trovato questa classifica:

    http://www.hitparadeitalia.it/bof/boi/boi1979-80.htm


    32° posto su 100 disponibili? Non è è male, secondo me, non è davvero male
    Ultima modifica: 12/10/17 15:47 da 124c
  • Discussione B. Legnani • 12/10/17 11:09
    Consigliere - 13806 interventi
    La classifica di per sé non conta nulla. Contano i soldi incassati.
    Meglio 200° è incassare molto che 10° e non rispettare gli obiettivi.
    Incassò meno di TESORO MIO e di MARITO IN PROVA: vi risulta che furono due successi al botteghino?
  • Discussione Ruber • 12/10/17 11:11
    Compilatore d’emergenza - 8962 interventi
    Al di là di incassi e classifiche, a me il film (che ho rivisto anche di recente) è sempre piaciuto, lo trovo molto divertente, e Pozzetto in una veste nuova come il detective in salsa di commedia non mi è dispiaciuto affatto.
  • Discussione B. Legnani • 12/10/17 14:08
    Consigliere - 13806 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Al di là di incassi e classifiche, a me il film (che ho rivisto anche di recente) è sempre piaciuto, lo trovo molto divertente, e Pozzetto in una veste nuova come il detective in salsa di commedia non mi è dispiaciuto affatto.

    Anche a me piace. Difatti mi spiace molto che la saga non sia nata.
    Ultima modifica: 12/10/17 14:09 da B. Legnani
  • Discussione 124c • 12/10/17 15:46
    Risorse umane - 5153 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Al di là di incassi e classifiche, a me il film (che ho rivisto anche di recente) è sempre piaciuto, lo trovo molto divertente, e Pozzetto in una veste nuova come il detective in salsa di commedia non mi è dispiaciuto affatto.

    Anche a me piace. Difatti mi spiace molto che la saga non sia nata.

    E' un peccato che la Rai, o Mediaset non siano andati dall'autore Luciano Secchi, alias il fumettista Max Bunker, in tempi recenti, per concordare una fiction su Riccardo Finzi, visto che oggi di attori del nord che non sono Renato Pozzetto ce ne sono.
    Ultima modifica: 12/10/17 16:03 da 124c
  • Discussione B. Legnani • 12/10/17 18:10
    Consigliere - 13806 interventi
    124c ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Al di là di incassi e classifiche, a me il film (che ho rivisto anche di recente) è sempre piaciuto, lo trovo molto divertente, e Pozzetto in una veste nuova come il detective in salsa di commedia non mi è dispiaciuto affatto.

    Anche a me piace. Difatti mi spiace molto che la saga non sia nata.

    E' un peccato che la Rai, o Mediaset non siano andati dall'autore Luciano Secchi, alias il fumettista Max Bunker, in tempi recenti, per concordare una fiction su Riccardo Finzi, visto che oggi di attori del nord che non sono Renato Pozzetto ce ne sono.


    Vero.
  • Discussione 124c • 13/10/17 17:25
    Risorse umane - 5153 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Al di là di incassi e classifiche, a me il film (che ho rivisto anche di recente) è sempre piaciuto, lo trovo molto divertente, e Pozzetto in una veste nuova come il detective in salsa di commedia non mi è dispiaciuto affatto.

    Anni fa, Renato Pozetto riprese a fare il detective nella fiction Nebbia in Val Padana, assieme all'amico/compagno di sempre Cochi Ponzoni, rammenti?