LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Squadra che vince non si cambia. Così, dopo il fenomenale successo del primo FANTOZZI, Paolo Villaggio e Luciano Salce tornano per l'inevitabile seguito. Che però, ahinoi, pur contenendo quella che è sicuramente la scena madre di tutti i Fantozzi (la corazzata Kotiomkin) non raggiunge quasi mai i vertici del FANTOZZI originale. Nel complesso infatti la sceneggiatura di Benvenuti, De Bernardi e Villaggio non è altrettanto spiritosa e denota fastidiose cadute di gusto. L'episodio al circo, quello della caccia, alcune parti della cena dalla Servelloni Mazzanti Vien dal mare (segnatamente quella col cane Ivan il Terribile trentaduesimo) sono deludenti. Fortunatamente...Leggi tutto nel secondo tempo le cose migliorano, con l’immortale proiezione della Corazzata (“Una cagata pazzesca”, sentenzierà Fantozzi, e non “una boiata pazzesca” come molte fonti ancora sostengono), L'avventura al night con Filini e Calboni, il viaggio a Capri con la Silvani. La regia di Salce continua a essere notevole e addirittura migliore nella resa spettacolare delle “disgrazie infortunistiche” (con voli incredibili ed effetti sonori azzeccati), ma manca l'originalità degli esordi e il personaggio comincia già in alcune occasioni ad apparire ripetitivo. Si insiste ad esempio con le allucinazioni mistiche, già punto debole del primo FANTOZZI o con il rutto poderoso (perdonabile solo perché inserito nell’esilarante episodio iniziale del viaggio al casinò di Montecarlo col Duca Conte Semenzara). Insomma, certamente IL SECONDO TRAGICO FANTOZZI è un seguito degno, con punte memorabili, ma nel complesso è più disomogeneo rispetto al modello e con trovate spesso non all'altezza.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 5/02/07 14:32 - 2771 commenti

I gusti di Caesars

La scena della corazzata Kotiomkin (come viene chiamata nel film, al posto di Potemkin) resterà per sempre nella storia del cinema. Basta questo a farne un film da non perdere. Sicuramente non è un capolavorom ma insieme al precedente Fantozzi è la massima punta raggiunta da Villaggio al cinema. Rimane comunque migliore il libro, che meglio rende l'umorismo surreale dell'opera. Il film, nella sua totalità, è più che discreto, con punte notevoli.

B. Legnani 5/02/07 17:25 - 4790 commenti

I gusti di B. Legnani

Film disuguale, non d'alto livello, ma da vedere assolutamente. Oltre alla scena della "cagata pazzesca", si notino il geniale parallelismo fra voce di Martellini e quanto accade a Fantozzi durante il trasferimento in automobile (es."colpito da MacKinney!"), il colloquio di selezione condotto da Vestri e la presenza di Faà di Bruno. Segnalo che l'effetto asseverante dell'espressione in verde deriva dalla perfetta accoppiata metàfora+iperbole, a testimonianza che l'arte della retorica è immortale...

Stubby 9/03/07 22:53 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Questo secondo capitolo è ancora paragonabile al primo e, a differenza di quelli che verranno dopo, il divertimento è assicurato ancora una volta e gli interpreti sono i medesimi. Come sempre Villaggio e compagnia ci regalano gag da antologia e, come già detto per il primo episodio, pure questo si conferma un classico intramontabile.

Fabbiu 24/03/07 11:46 - 1957 commenti

I gusti di Fabbiu

Senza dubbio il più riuscito e miglior film della saga del ragionier Ugo Fantozzi. Rispetto ai seguiti ha un umorismo più intelligente, più sarcastico: la critica dell'impiegato sfruttato e umiliato dai colossi dei dirigenti è più viva in questo film che negli altri. C'è sempre quel clima di distaccamento dalla realtà plausibile che sarà l'ingediente di ogni Fantozzi (via via più estremizzato), ma qui Villaggio non è ancora diventato la caricatura di se stesso e funziona molto bene.

Puppigallo 1/05/07 20:17 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Secondo film sulle disavventure del ragioniere più maltrattato, servile e sfortunato del pianeta. Non poteva essere come il primo; e infatti, dopo più di un’ora di sano divertimento a spese del povero Ugo, ecco che inizia la parabola discendente (praticamente dal Night in poi) e la pellicola viene ridimensionata (la grana s’ingrossa). Ma nonostante ciò il film resta più che godibile, grazie anche ai personaggi satellite e a queste fantastiche scene: il sorteggio, al casinò, la caccia, il varo, la cena, “Chi ha fatto palo?”, la corazzata.
MEMORABILE: Il conte tedesco: "Può chiamarmi solo Otto". Fantozzi: "No, almeno 9". Filini: "10". Fantozzi: "11". Filini: "12". Fantozzi: "30 e lode, tiè!".

Undying 3/08/07 17:32 - 3839 commenti

I gusti di Undying

In questa seconda surreale avventura di Ugo Fantozzi lo spettatore è sollecitato a scaricare la tensione dietro una innumerevole quantità di gag esilaranti ed irresistibili, che danno luogo ad un divertimento incontenibile: la battuta di caccia; la toccata porta fortuna al Mega Direttore Galattico; la Corazzata Potemkin; le apparizioni mistiche; l'inaugurazione della turbonave voluta dalla Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare; il terrificante mastino Ivan il Terribile XXXII. Meno impegnato del primo, ma più esilarante.

Il Gobbo 28/09/07 08:59 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Apice della serie, non ha - ovviamente - l'impatto fondativo del primo, ma è il più riuscito e ricco di momenti epici: dalla trasferta monegasca, alla caccia, al varo, dalla cena (i pomodorini, il tordo, "la cosa più difficile in natura!") a Ivan il terribile XXXII, dalla partita al cineforum di Guidobaldo Maria Riccardelli, il Padre Spirituale di tutti noi (uno dei più grandi momenti di metacinema nella storia della Settima Arte, e dei più persuasivi: quanta gente è convinta che esista davvero "La polizia s'incazza"!?). Immortale.

Galbo 23/10/07 16:12 - 11453 commenti

I gusti di Galbo

Dopo il piccolo capolavoro di commedia grottesca compiuta con il primo Fantozzi, Luciano Salce e Paolo Villaggio riprendono in mano il personaggio dell'impiegato tartassato per questo secondo film. Pur non raggiungendo i livelli qualitativi del primo, si può dire un film piuttosto riuscito, specie nella prima parte, che può essere quasi considerata un tutt'uno con il primo film per la freschezza della storia e il divertimento evocato. Poi il film perde un po' di smalto, ma rimane comunque sopra la media.

Mfisk 7/11/07 19:00 - 127 commenti

I gusti di Mfisk

Film a due marce, questo secondo episodio della serie unisce momenti altissimi, superiori rispetto al primo (Montecarlo, la corazzata) ad altri francamente meno riusciti: su tutti la vacanza a Capri e la battuta di caccia (in quest'ultima sembra proprio che il regista abbia perso il controllo dell'opera). Il bilancio sarebbe pari, ma la ciclotimia del prodotto è di per sé una pecca. Va poi detto che non si può assegnare anche a questo episodio lo status di oggetto di culto e di totem sociologico e quindi, nel confronto, risulta perdente.
MEMORABILE: Fantozzi gonfio come un otre, con la mano sotto il culo del Semenzara.

Capannelle 16/12/07 18:23 - 3746 commenti

I gusti di Capannelle

Non mi sembra meno avvincente del primo Fantozzi e grazie alle due situazioni cult di Montecarlo e del cineforum (che parte dal povero Fantozzi in mutande con frittatona e birra ghiacciata intento a godersi la partita..) può anche superarlo. I personaggi sono i soliti, da Filini immancabile compagno di merende alla Mazzamauro che perde un po' di smalto. Farsa evitabile la scena della battuta di caccia.
MEMORABILE: Fantozzi che alla stazione di fronte al conte nega di conoscere moglie e figlia.

Lovejoy 22/02/08 15:27 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Anche superiore al primo. Merito di un copione privo di qualsivoglia difetto, di gag più articolate, di battute memorabili e di un ritmo trascinante. Da ricordare almeno, esclusa la famosa scena del cineforum (che parte da un Fantozzi desideroso di godersi la partita in santa pace in poi), anche quella, notevole, della battuta di caccia; il varo della Nave; la cena alla villa e Ivan Il Terribile. Ottimo come sempre il cast, da Villaggio ad un sempre più grande Reder passando per un Ugo Bologna eccezionale e via via gli altri. Cult.

Ciavazzaro 21/05/08 14:37 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Leggermente superiore rispetto al primo. È innegabile che molte situazioni di questo film siano diventate mitiche, a partire dalla famosissima Corazzata!!! Notevoli gli attori. Si ride ma si pensa, anche. Funzionali la regia di Salce e il finale, nel quale ritorna Paolo Paoloni nel ruolo del mega direttore.
MEMORABILE: "Gli stivali dei soldati!".

Cangaceiro 12/06/08 18:31 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Riuscitissimo sequel di Fantozzi che, insieme al primo capitolo forma un pregevole dittico a sè stante. Un Villaggio formato maxi riesce qua e là addirittura a superare la pur ottima interpretazione dell'opera prima, come nella levitazione post tracannamento d'acqua gassata e nella "sentenza" sulla corazzata Kotiomkin che, come ricorderà Paolo in seguito, rappresenta uno dei momenti più alti della sua lunga carriera. Che dire poi della partita Italia-Inghilterra (con annesso palo) e della gita a Capri? Di diritto nella storia della nostra commedia!

Matalo! 1/08/08 12:02 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Il migliore, quello che fa più ridere, con battute tutt'ora rimandate a memoria. Ma: Villaggio resta sempre un comico di modeste virtù e la sua iperbolica descrizione del povero travet non ha gran spessore, nonostante le appartenenze letterarie alte rivendicate dal tronfio attore. Grossolano ma funzionale negli effetti, con girandola di gag comico verbali "in excelsis". Villaggio finisce qui: il resto è o sfruttamento all'osso del personaggio o fastidiosi tentativi di una recitazione "alta" (che spesso è boria).
MEMORABILE: Il conte Semenzara (Faà di Bruno); il cineforum; al casinò, andata e ritorno; la caccia.

Herrkinski 21/08/08 23:46 - 5304 commenti

I gusti di Herrkinski

Geniale sequel del mitico Fantozzi. Il film riesce quasi a superare il prototipo, offrendo una serie di gag irresistibili, sempre più bizzarre e inverosimili, ma proprio per questo tremendamente divertenti. La scena in cui Fantozzi inveisce contro La corazzata Potemkin è entrata a ragione nella storia: un urlo liberatorio che colpisce l'immaginario di tutti, la consacrazione di un idolo popolare che non può non risultare simpatico a tanti di noi. Salce mantiene il ritmo e le gag si susseguono senza continuità, seppur eccellenti. Cult!

Deepred89 18/10/08 20:45 - 3312 commenti

I gusti di Deepred89

Non un capolavoro ma sicuramente un film fondamentale. Come tutti sapranno non esiste una trama principale ma solo una serie di episodi che vedono come "vittima" il nostro ragioniere. Molte le scene passate alla storia (il cineforum, il finale ecc), regia sarcastica e piena di spunti geniali, grande cast, colonna sonora bellissima e ricca di temi. Un paio di episodi faticano a decollare, ma il film rimane imperdibile.

Pigro 9/12/08 10:35 - 7922 commenti

I gusti di Pigro

Questo sequel di Fantozzi ci riporta nell'universo sfigato e autolesionista del ragioniere più famoso d'Italia, in una costruzione a episodi, molti dei quali irresistibili. Graffiante Villaggio e graffiante Salce: l'accoppiata funziona ancora una volta, così come il cast di contorno (che è poi, a sua volta, sale indispensabile di una gustosa pietanza). La narrazione iperbolica sfocia in una comicità grassa, secondo le più consolidate e secolari tradizioni del riso popolare, qui spruzzato di sana e carnascialesca irrisione del potere.

Tarabas 22/12/08 23:02 - 1721 commenti

I gusti di Tarabas

Continua la saga di Fantozzi: ora è un film a episodi, slegati tra loro e senza preoccupazioni di trama o sceneggiatura. Ma ormai i personaggi funzionano a perfezione, dal protagonista ai tanti comprimari (come non citare in un sito di cinema il prof. Riccardelli?). Compare (solo) a tratti l'amara cattiveria del primo film, ma chi se ne importa? Si ride da morire e gli episodi della Corazzata (18 bobine!) e la cena dei dipendenti valgono intere filmografie comiche che, anche sommate, non si avvicinano nemmeno lontanamente a questo film. Mito.
MEMORABILE: Tutto il film, o quasi.

Supercruel 3/03/09 14:01 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Se il primo capitolo era un capolavoro, Il secondo tragico Fantozzi è - forse - addirittura superiore per la costruzione dei meccanismi comici. Probabilmente la verità è che i due film qualitativamente si equivalgono ed inevitabile entra in campo il gusto personale. La celeberrima scena del cineforum del Riccardelli, con conseguente "cagata pazzesca", è - a tutti gli effetti - il simbolo dell'intera produzione fantozziana. Un must senza tempo.

Renato 18/03/09 12:52 - 1595 commenti

I gusti di Renato

Al livello del primo, se non meglio. La struttura episodica si rivela perfetta per sviluppare personaggi e situazioni, e ci sono talmente tante chicche (il varo della motonave, il cineforum obbligatorio, il casinò, il night-club "L'ippopotamo") che quasi si fatica a ricordarle tutte. Da sottolineare la prova del grande Giuseppe Anatrelli, che ha dato un contributo di assoluta importanza ai primi tre film della serie: qui porta il suo Calboni a vette di indegnità semplicemente sublimi.
MEMORABILE: La Contessa Serbelloni: "Taglio... in nome di Dio!"

Disorder 12/06/09 14:51 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Un film incredibile, un collage di gag tra le più divertenti mai girate. Non ha la compattezza e la rilevanza sociologica del primo capitolo, ma è assolutamente superiore sul piano strettamente comico. Si ride dall'inizio alla fine, molte le trovate davvero geniali (Ivan il Terribile, il sorteggione, la caccia che degenera in guerra aperta) ma la celeberrima scena della "Corazzata" è qualche cosa di inarrivabile.
MEMORABILE: I dipendenti che pregano ad alta voce durante il sorteggione. Il Cardinale a cui scappa un'imprecazione. Fantozzi e la partita Italia-Inghilterra.

Ale56 18/06/09 15:07 - 225 commenti

I gusti di Ale56

Per certi versi questo sequel risulta anche più divertente e fatto meglio, mentre per altri ha alcune cadute. Questo divertentissimo seguito è diretto egregiamente da Luciano Salce ed interpretato davvero bene. Le gag sono favolose (la corazzata Potemkin, l'andata e il ritorno dal casinò con Semenzara) e sono distribuite in modo omogeneo nel montaggio finale, anche grazie ad un buon lavoro di Salce. Colonna sonora ottima ad opera di tre grandi (Frizzi, già autore di diversi temi per Fulci). Degno erede.
MEMORABILE: Semenzara non va a puttane; andata e ritorno al casino; non le conosce mica quelle due; Fantozzi tocca il culo al Semenzara al casino e il cameriere...

Xamini 19/06/09 11:35 - 1026 commenti

I gusti di Xamini

Magari non è fresco quanto il primo, né altrettanto impegnato, poiché a parte qualche scena sporadica (il forzato ritorno al lavoro iniziale, l'insistente utilizzo del termine "impiegato" da parte della contessa), il classismo e la satira sociale cedono spesso e volentieri il passo alle gag. Però questo film ha il merito di consegnare alla storia e alla cultura nostrana (qui si valicano, addirittura, i confini della cultura popolare) alcuni momenti irripetibili, già ampiamente citati e di essere eternamente ri-guardabile.
MEMORABILE: Praticamente tutto.

Vanadio 30/04/10 21:12 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Seguito di Fantozzi girato dallo stesso Luciano Salce. Stessi attori, stessa mano di Paolo Villaggio dietro la sceneggiatura. Si ride a crepapelle. Bravi tutti; Gigi Reder è una fenomenale spalla comica. La stra-citata sequenza della corazzata Kotiomkin è da antologia.
MEMORABILE: "Per me... la corazzata Kotiomkin... è una cagata pazzesca!"; l'anticipo mostruoso di Fantozzi per prendere il treno.

Cotola 6/02/10 00:26 - 7634 commenti

I gusti di Cotola

Secondo capitolo con protagonista il ragioniere più famoso d’Italia. Si mantiene ancora ad alti livelli e nonostante non tutte le gag siano riuscite allo stesso modo, si ride molto e ci si diverte non poco e lo si fa (cosa rara già allora) con intelligenza. Molte scene entrate nell’immaginario collettivo tra cui quella che coinvolge il capolavoro di Ejzenstein.

Gugly 7/02/10 12:48 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Seguito divertente, ma che inizia a mostrare le prime crepe: se l'episodio del Casinò e il dibattito al cineforum sono entrati negli annali (soprattutto il secondo), inizia a diradarsi la carica corrosiva che irrideva il travet-pecora italico. Assolutamente posticcio l'episodio a Capri con Calboni assente (di cui si sente la mancanza) e già troppo sul pedale dell'assurdo (ma non grottesco) la ricostruzione della scena de La corazzata. Ma forse basta l'episodio del Riccardelli a consegnare la pellicola alla storia...
MEMORABILE: Beh, ovviamente tutto l'episodio del cineforum! Chi ha fatto palo?

Pinhead80 13/03/10 11:21 - 4007 commenti

I gusti di Pinhead80

Esilarante capitolo della saga che vede come protagonista lo sfigatissimo ragionier Ugo Fantozzi. Alcuni momenti sono memorabili come il cineforum, piuttosto che la trasferta al casinò o la battuta di caccia. La presenza poi di Gigi Reder nei panni del ragionier Filini e della Mazzamauro sono sinonimo di garanzia.

Ilcassiere 6/05/10 13:46 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Unico ovvio difetto è che pecca di originalità rispetto al primo Fantozzi. Il protagonista però continua ad essere descritto ed interpretato in modo perfetto. Si adegua, rassegnato, al suo essere "inferiore" (ad esempio quando fa finta di non conoscere moglie e figlia alla stazione) e le poche volte in cui tira fuori un po' d'orgoglio (come quando stronca la corazzata Kotionkin) si procura solo guai. Numerosi i momenti di pura comicità.
MEMORABILE: Il sequestro delle radioline prima di entrare alla proiezione della corazzata.

Il gipeto 17/05/10 20:54 - 14 commenti

I gusti di Il gipeto

Grande seguito del celeberrimo primo Fantozzi; la comicità rimane dello stesso altissimo livello, con una profondità di fondo che ritroveremo a tratti in Fantozzi contro tutti e mai più successivamente. Rispetto al primo film è meno continuo nel suo andamento: in qualche momento il film cade di ritmo (trovo lenta la "luna di miele" a capri), ma ha forse i maggiori picchi di comicità dell'intera serie. Pensate ai 10 episodi più divertenti di tutti i "Fantozzi" e vedrete che questo film ne comprenderà la maggior parte.
MEMORABILE: Il Duca Conte Semenzara e Guidobaldo Maria Riccardelli: 2 episodi che valgono da soli il film.

Ale nkf 19/09/10 18:35 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Il primo Fantozzi è davvero memorabile, ma il secondo è comunque di ottimo livello: dalla divertentissima corazzata Kotiomkin alla scena dei cacciatori, dall'avventurosa notte al night con Filini e Calboni all'incontro con la contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare. Buona la regia di Salce che solamente in qualche scena perde un po' di ritmo caratteristico del precedente Fantozzi. Gag encomiabili.

Belfagor 16/08/10 17:35 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Leggermente al di sopra del primo capitolo sebbene meno originale, con delle sequenze memorabili (ben sapendo di essere scontato - il cineforum). Villaggio porta al massimo la sua critica della figura dell'impiegato, estremizzando l'impostazione apocalittica della voce fuori campo e infilando una serie di scene surreali ma molto chiare nei loro intenti satirici. Inevitabile che non tutti i momenti siano allo stesso livello, ma quelli buoni superano notevolmente quelli meno ispirati e la pellicola mantiene sempre una notevole vis comica.
MEMORABILE: L'intera sequenza della corazzata Kotiomkin, dalla partita alla rivolta (lo considero un valido esercizio di antisnobismo).

Trivex 17/08/10 08:47 - 1508 commenti

I gusti di Trivex

Secondo episodio, assimilabile quasi interamente al suo predecessore. Anche qui troviamo tante piccole scenette tragicomiche, dove il grottesco si alterna a noti mistiche incredibili, tipo la scena della battuta di pesca (il pane ed il pesce). Fantozzi, oltre ad essere sfortunato, qui si dimostra anche irresponsabile (ma è innamorato, per davvero), nella parte post serata al night (pazzesca la seratona, con champagne al bicarbonato, cenetta di mezzanotte e pupazzoni in regalo alle nobildonne). Il finale, amaro ma leggero, è l'indispensabile continuità aziendale

Enzus79 22/08/10 12:30 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Paolo Villaggio quando interpreta Fantozzi diverte sempre. Anche se questo secondo capitolo rispetto al primo ha momenti che annoiano, come quando Filini e Fantozzi vanno a caccia. Comunque le scene che si ricordano sono molte. Colonna sonora "simpatica".

Satyricon 26/08/10 23:55 - 147 commenti

I gusti di Satyricon

Secondo capitolo della saga, rimane sui cliché del primo Fantozzi che come il suddetto in certi punti sembra perdere un po' di tono. Le scene più esilaranti riguardano ovviamente "La corazzata Kotiomkin", memorabile e indimenticabile con il famosissimo sketch: "Scusi? Chi ha fatto palo?": non riesce a non farti ridere per l'ennesima volta. Villaggio anche qui dà il meglio di sé per far entrare negli annali anche questo capitolo di Fantozzi.
MEMORABILE: Per me... La Corazzata Kotiomkin... è una cagata pazzesca! [...] 92 minuti di applausi!

Dengus 16/01/11 18:40 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Secondo ed ultimo capitolo del "Fantozzi Salcesco"; superiore al primo per le scene al cinema con la famosa Corazzata Potemkin e soprattutto per la scena del Casinò con il fantastico Duca Conte Semenzara! Qui la comicità Fantozziana tocca l'apice (inarrivabile), senza far mai mancare quell'amara denuncia che i primi Fantozzi ci facevano gustare. Umiliazioni e servilismo sono al top (guardare la faccia della Pina quando saluta Ugo alla Stazione) ed è questa la forza dei primi due (anzi tre) Fantozzi, prima che venga relegato a macchietta comica da Parenti.
MEMORABILE: Semenzara a Fantozzi: :"La smetta di toccarmi il culo" e i suoi "menagramo!"; le lacrime di Pina quando lascia la Stazione; il rifacimento della Corazzata.

Mdmaster 24/01/11 07:59 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Decisamente non al livello del primo mitico capostipite, soprattutto come amarezza e valore sociale di alcune trovate, ma alcuni momenti sono talmente entrati nella storia da far perdonare anche le sequenze meno riuscite (tra cui la cena). Indubbiamente è Guidobaldo Maria Riccardelli che ricordiamo tutti: il megadirettore cinefilo che costringe tutti a crudeli visioni di grandi classici durante le partite della nazionale! Uno di noi. Non male anche la luna di miele a Capri. Ottime prove del cast di contorno (spettacolare Calboni).
MEMORABILE: "Scusi! Chi ha fatto palo?"; "Questa sera il montaggio analogico mi ha completamente sconvolto!"; "Ca-li-ga-ri!"

Tomslick 14/02/11 02:07 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Più che un secondo episodio, è un secondo tempo. Si torna a ridere dove si era smesso nel primo, ed in alcuni momenti si ride pure di più. Molteplici gli episodi entrati nel mito, alcuni curatissimi (su tutti il casinò ed il cineforum) che tengono alto il livello di divertimento anche grazie all'affiatamento della squadra sceneggiatori/regista/attori sempre più collaudata. Peccato un po' per il ricalco troppo marcato di certe caratteristiche (la voce narrante, le "punizioni corporali" subite dal povero Ugo), ma il divertimento è assicurato.

Nando 8/03/11 00:35 - 3496 commenti

I gusti di Nando

Il seguito delle peripezie e delle angherie subite dal ragioniere più noto d'Italia appare, a parer mio, più riuscito rispetto al master iniziale. Probabilmente il primo mostrava una trama lievemente acerba, qui esplode il personaggio in maniera definitiva e globale. Disastri ed ironiche tragedie in perenne agguato.

Il Dandi 23/05/11 23:08 - 1854 commenti

I gusti di Il Dandi

In sostanziale continuità con il primo capitolo, questo secondo si segnala tuttavia per la prevalenza sulla sceneggiatura di una comicità slapstick che forse era vintage già allora, quasi demenzialmente debitrice del cinema muto che piace a Guidobaldo Maria Riccardelli. La battuta di caccia è purtroppo un'autentica caduta di ritmo e di stile; restano da incorniciare la gita a Montecarlo, il cineforum, la cena con la contessa. Mancano però quei picchi di cattiveria (si pensi Mariangela umiliata con le noccioline) che rendevano il primo unico.
MEMORABILE: "Il Duca Conte Semenzara poté pagarsi il conto della suite al Grand Hotel, gli extra, due puttane e il singolo in vagone letto per il ritorno..."

Smoker85 25/08/11 22:38 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Il capitolo più famoso e riuscito del personaggio creato da Paolo Villaggio. Coadiuvato da un ottimo cast (la Mazzamauro che riesce a non eccedere, il mitico Anatrelli, il solito simpaticissimo Reder, la bravissima Bosisio) il protagonista offre una serie di esilaranti gag al cui livello non tornerà più (forse in parte in Superfantozzi, non a caso con lo stesso cast dei primi due capitoli). Il viaggio al casinò col Duca Conte Semenzara ed il tremendo cineforum di Guidobaldo Maria Riccardelli sono ormai pezzi della storia del nostro cinema.
MEMORABILE: Il viaggio con Semenzara; la ribellione all'ennesima visione della Corazzata Kotiomkin; gli espedienti al circo per non farsi riconoscere dal suo capo.

Mcfly87 7/11/11 20:07 - 75 commenti

I gusti di Mcfly87

A mio avviso il capitolo in assoluto più divertente della saga fantozziana: il ragioniere, ormai rodato dall'esordio, replica momenti memorabili da antologia della comicità mondiale. È un susseguirsi di scene straripanti: la capatina al casinò, il tordo a cena, la battuta di caccia, il cineforum bolscevico... una successione di scene riuscitissime. Villaggio ci regala un personaggio senza tempo, la sua è una comicità sapiente nella quale l'esasperazione di caratteri e vicende divengono poesia vera e propria. Reder un maestro, spalla irresistibile.
MEMORABILE: La descrizione del cane Ivan il terribile 33° successore di Ivan I° appartenuto allo Zar Nicola e giustiziato come nemico del popolo sulla piazza rossa.

Graf 29/04/12 21:51 - 700 commenti

I gusti di Graf

Il miglior Fantozzi di sempre. Perdente nato, perseguitato dalla iella, incapace di essere normale, impiegatuccio servile e pauroso, Fantozzi è una grande maschera della commedia dell’arte al pari di Pulcinella e Arlecchino. Il film procede per frammenti, per micro sequenze, per dettagli essenziali, per accumulo di annotazioni, per intuizioni comiche fulminee, per rapide gag, affidandosi alla cifra stilistica dell’iperbole e dell’esagerazione fino a sconfinare nella forzatura caricaturale del cartone animato. Perfetto esempio di grottesco sociale.
MEMORABILE: La sequenza della partita di caccia che, da comica e farsesca, diviene una torva e crudele esercitazione militare.

Chimera70 15/06/12 20:49 - 34 commenti

I gusti di Chimera70

Il migliore, insieme al primo. Per la qualità del materiale letterario da cui è tratto e per la regia di Salce, ben superiore a quella di Parenti che dirigerà quasi tutti i film successivi (non proprio memorabili). La bravura di Villaggio e il suo sguardo pessimista verso l'essere umano si traducono in sequenze immortali come quella della "Corazzata Kotiomkin", al Casinò col Semenzara, l'apertura della caccia... E poi si confermano indimenticabili i personaggi di contorno: Calboni (al suo meglio), Filini, la Silvani... Quasi perfetto.

Roger 8/07/12 20:04 - 143 commenti

I gusti di Roger

Molti episodi sono assolutamente all'altezza del primo Fantozzi, con l'apice rappresentato dal cineforum: il povero Fantozzi non solo si deve difendere dalle vessazioni della classe dirigente, ma anche da chi lo vuole acculturare con il cosiddetto cinema d'autore... Verso il finale, con l'episodio della fuga a Capri, il tono inevitabilmente cala, ma resta comunque un film godibilissimo.
MEMORABILE: La rovinosa discesa delle scale in carrozzina.

Metuant 14/08/12 17:11 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Forse non divertente quanto il primo (c'è una punta di amarezza in più nell'insieme) ma comunque molto valido, altro simbolo di quando ancora la comicità italiana al cinema faceva ridere davvero. Personalmente lo ritengo il più riuscito di tutta la saga assieme ovviamente al capostipite. Vanta almeno tre episodi diventati cult: la battuta di caccia, il varo navale con conseguente cena di gala e il cinema d'autore forzato. Comunque da vedere.
MEMORABILE: La cena di gala; "Per me, la corazzata Kotiomkin è una cagata pazzesca!"

Jurgen77 7/01/13 13:36 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Sequel del primo episodio che si mantiene su livelli formidabili e, a tratti, anche superiore al primo. Da antologia l'apertura della caccia, le giocate al casinò, ma soprattutto l'episodio del sequestro nel cinema che ogni cinefilo che si rispetti non potrà non amare. Da qui in poi gli altri "Fantozzi" cominceranno a perdere di verve.

Samuel1979 8/01/13 19:59 - 475 commenti

I gusti di Samuel1979

Come qualità non si discosta di molto dal primo (e irripetibile) episodio. Anche qui sequenze fantastiche accompagnate da una voce narrante "memorabile"; i momenti più divertenti: quelli del Casinò con la terribile acqua Bertier, ma anche la cena col Tordo "sano" e per finire il "capitolo" del Cineforum con la corazzata Kotiomkin. Ottimo tutto il cast a partire dai "fedeli" Filini e Calboni.
MEMORABILE: "Scusi? Chi ha fatto palo?" (Fantozzi) "Colpito da McKinley!"

Motorship 11/01/13 17:38 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Rispetto al primo, fattura, risate e analisi critica, ossia quella che verrà a mancare dopo l'episodio dell'83, sono rimaste invariate, sempre di altissimo livello. Merito, come del resto nel primo, di un Paolo Villaggio ispiratissimo e in forma, il quale riprende il sodalizio con la sua spalla Gigi Reder alias Filini (siamo ai livelli di Totò e Peppino), nonchè della regia ad hoc di Luciano Salce, molto percettibile. Tante le scene memorabili, in particolare quelle della Corazzata Kotionkin, quella del Casinò e della cena della contessa Serbelloni.
MEMORABILE: Fantozzi si riempie d'acqua per portare (invano) fortuna al Duca Conte Semenzana; "Per me la Corazzata Kotionkin è una cagata pazzesca!"; La cena di gala.

Liv 22/02/13 18:03 - 237 commenti

I gusti di Liv

Con qualche pregio e qualche difetto in più del primo, rimane con quello il capolavoro di Villaggio, che poi si ripeterà più o meno stancamente con lo stesso repertorio. Gli episodi sono più lunghi e meglio costruiti, ma hanno qualche insistenza un po' stucchevole, in alcuni casi. Luciano Salce era il regista migliore per Villaggio. Anche la prima interprete della moglie di Fantozzi era la migliore, in una squadra insuperabile. È inutile ricordare gli episodi divertenti, anche se quello della Corazzata Kotiemkin è quello più citato e memorabile.

Neapolis 25/02/13 12:51 - 175 commenti

I gusti di Neapolis

A mio avviso il miglior film della saga fantozziana. Ciò che lo fa superare di una spanna tutti gli altri è la presenza dell'episodio del cineforum, diventato poi un cult, con la celebre frase "Per me la corazzata Kotiomkin è un cagata pazzesca!". Tutto il film comunque è ricco di gag ed è uno di quei pochi film che ogni volta che lo rivedo mi fa ridere ancora.

Gabrius79 28/06/13 19:25 - 1208 commenti

I gusti di Gabrius79

Secondo episodio fantozziano con la solita squadra del precedente. Si ride molto e in alcuni momenti è anche migliore del predecessore. Compagnia di attori tutti bravi e a loro agio. Sketch e vocaboli oramai entrati nella memoria di tutti. Sempreverde.
MEMORABILE: Il rutto dopo aver bevuto la "famigerata" acqua Bertier.

Panza 11/01/14 20:56 - 1507 commenti

I gusti di Panza

Si sorride sempre grazie sicuramente al cast e poi per la dinamicità del film, desideroso di nuovi spazi, nuove storie da narrare. Geniale la parentesi alla villa (ripresa anche nell'ultimo - si spera - Fantozzi): l'alano, il pranzo con il tordo, l'arrivo con giacche sballate ("Sembravano un mutilato e un bambino" dice la voce narrante di Villaggio), i vari baciamano, il pomodorino piccante... Sottotono la caccia e l'episodio del cineforum (metafora di poco conto). Salce aveva un gusto registico che Parenti eretidando la saga non avrà.
MEMORABILE: "E la smetta di toccarmi il culo!"

Jdelarge 4/02/14 15:47 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Salce e Villaggio hanno tra le mani un personaggio consolidato e delineato nel carattere e nella vita in maniera perfetta già nel primo Fantozzi. La conseguenza più logica è, ovviamente, un maggior numero di scene comiche e un minor spessore morale, proprio perché il personaggio si dà già per assodato e assimilato dal pubblico. Questo sequel rappresenta una pagina gloriosa del cinema italiano perché le gag esilaranti sono tantissime e le scene memorabili ancora di più. La regia di Salce è davvero sofisticata. Fantastico.

Modo 26/02/14 22:03 - 830 commenti

I gusti di Modo

Secondo capitolo fantozziano decisamente convincente. Rispetto al primo perde solo nell'effetto sorpresa/novità, ma le gag e le situazioni comiche sono di primo ordine. Alcune battute entrano nell'immaginario collettivo. Un "uno due" così divertente e potente non riesco a ricordarlo, nel cinema comico italiano. Forse, a pari merito, solo i primi due Amici miei.

Markus 19/03/14 09:40 - 3333 commenti

I gusti di Markus

Tratto dall'omonimo romanzo di Villaggio uscito nel 1974. La regia è nuovamente affidata a Salce e il cast il medesimo del primo fortunato capitolo (cui quest’altro non ha nulla da invidiare, se non il limite della perdita dell’effetto novità). Molto ridanciana, forse anche più del capostipite, la pellicola ha un ritmo serrato e le sue innumerevoli gag, distribuite nella consueta formula degli episodi non-stop, sono rimaste nella storia del cinema tanta la genialità. Davvero un gran film.

Mickes2 23/05/14 11:51 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Un’ideale prosecuzione, tanto da poterla considerare un tutt’uno col primo episodio. Qui, se possibile, il capolavoro d’inventiva, efficacia e comicità è ancor più tirato a lucido. Straordinario esempio di satira di costume, cattiva, cinica, surreale, sempre accurata nel descrivere le bassezze di un’italietta sempre più piccola e grottesca. Si potrebbe citarne ogni scena, ma il vero miracolo è che ogni avvenimento della nostra vita è potenzialmente relazionabile alle esilaranti e assurde diatribe fantozziane. Galattico e clamoroso!
MEMORABILE: L’incredibile cena a casa della Serbelloni Mazzanti Vien dal mare.

Stelio 10/06/14 00:15 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Uno dei rari casi in cui il seguito supera il capostipite. Il secondo tragico Fantozzi è probabilmente il film migliore della serie: le situazioni sono ancora più originali e creative, i personaggi semplicemente geniali, dal Semenzara all'ormai celebberrimo cinefilo Professor Riccardelli; l'intesa tra Villaggio, Reder e Anatrelli semplicemente perfetta. L'unico lato negativo è che il film rappresenta il canto del cigno della serie, negli episodi successivi dominata dalla mediocrità.

Luras 23/07/14 14:09 - 142 commenti

I gusti di Luras

Uno dei pochi casi in cui il secondo capitolo di una saga è addirittura superiore al capostipite. L'impostazione è la stessa del numero uno (scene comiche e situazioni da far riflettere seriamente), ma la quantità di sequenze immortali è persino superiore. Su tutte la scena di culto della Corazzata Kotiomkin, un vero e proprio sberleffo alla presunta superiorità culturale dell'aristocrazia dell'epoca rispetto alla classe media, diventata con il tempo rappresentativa di un'intera epoca italiana e tuttora attualissima.
MEMORABILE: La Corazzata Kotiomkin; Il casinò; La cena di gala.

Ultimo 23/07/14 14:56 - 1386 commenti

I gusti di Ultimo

Grandissimo sequel del primo gran film di Salce. Il personaggio del povero ragioner Ugo viene anche qui rappresentato magnificamente, con gag passate alla storia ed entrate nell'immaginario collettivo anche dei più giovani. Da apprezzare, oltre alla regia e alla bravura di Villaggio che risulta praticamente inscindibile dalla sua più famosa creazione, anche quella di Gigi Reder (qui superiore rispetto al primo Fantozzi) e dell'immancabile Anna Mazzamauro.

Lythops 19/10/14 21:12 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Questo secondo Fantozzi, talmente collegato al primo che può essere considerato una sorta di suo "secondo tempo" per l'intatta freschezza e l'ampliamento di situazioni e personaggi, provvede a caricaturizzare ulteriormente la vita dell'impiegato, il suo servilismo verso il potente di turno con le sue manie e al tempo stesso descrive, tutto sommato fedelmente, il mondo e le maniere di un certo ceto "nobiliare" così distaccato dai comuni mortali. Sequenze che resteranno nella storia del cinema e terminologia poi adottata universalmente fanno il resto.

Marione 20/10/14 21:56 - 103 commenti

I gusti di Marione

Secondo episodio, superiore al primo per un Villaggio più sciolto, per Filini e Calboni più presenti, per almeno un paio di trovate epocali e, generalmente, per un'atmosfera meno "triste" e più disgraziata: laddove nel primo film sembravano la società e il sistema la fonte satirica di tutti i soprusi, qui il ragioniere appare fatalmente predestinato in ogni dove e quando. Finale ancora deboluccio, ma il resto è memorabile.
MEMORABILE: Il casinò; La battuta di caccia; La corazzata.

Daidae 20/02/15 14:47 - 2763 commenti

I gusti di Daidae

Assieme al primo e (con qualche riserva) al successivo lo considero non solo tra i migliori della serie ma tra i migliori film comici degli anni 70. Indimenticabili il professor Ricciardelli (un ottimo Vestri), Calboni con le sue bugie, ma sopratutto Villaggio che sforna una serie di scene una migliore dell'altra. Unica nota negativa la battuta di caccia: a me proprio non è piaciuta.
MEMORABILE: "Mi scusi, che danno?" "La corazzata Kotiomkin!"; Colpito da McKinley.

Bergelmir 22/02/15 13:46 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Dopo un esordio memorabile e archetipico, Villaggio e Salce proseguono la saga a episodi di Fantozzi, che è già maschera affermata della commedia italiana, con un secondo capitolo che più o meno ha le stesse premesse e gli stessi esiti del primo, cui somiglia molto (anche se nel complesso è meno riuscito). Ha comunque il merito di consolidare l'epica fantozziana fatta di megadirettori, visioni mistiche, predazione aziendalista e avventure a finale invariabilmente tragico.

Taxius 24/07/15 23:24 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Fantastico sequel di un film altrettanto fantastico. Questo secondo Fantozzi è un insieme di episodi uno più divertente dell'altro; bisogna ammettere comunque la poca originalità di certe gag che sono identiche a quelle viste nel capostipite; nonostante questo la qualità della pellicola non ne risente. Memorabili gli episodi con la contessa Serbelloni Mazzanti Vien Dal Mare e il mitico Inghilterra-Italia; epoi una delle frasi più famose della storia del cinema italiano: "la corazzata Kotiomkin è una cagata pazzesca". Chi non lo ha mai visto?

Alex75 22/04/16 13:32 - 689 commenti

I gusti di Alex75

“Secondo” in tutti i sensi: inferiore al precedente, ma superiore ai successivi. Salce e Villaggio calcano forse troppo sull’iperbole e sulla comicità slapstick, riciclando anche trovate del primo capitolo, cosicché alcuni episodi girano un po’ a vuoto. Tuttavia, i momenti in cui Fantozzi si confronta con i superiori (con esiti, ovviamente, disastrosi) sono tra i migliori della serie, anche grazie alle indimenticabili caratterizzazioni di Faà Di Bruno, Bologna e Vestri.
MEMORABILE: La trasferta a Montecarlo; La cena alla villa; Il cineforum in concomitanza con Italia-Inghilterra; La squallida serata all’”Ippopotamo”.

Il ferrini 24/09/16 00:12 - 1736 commenti

I gusti di Il ferrini

Raro caso di sequel che eguaglia (se non addirittura supera) il prototipo, tesi confermata dallo stesso Villaggio. Elencare le scene cult del film significherebbe praticamente ripercorrerlo integralmente: dal leggendario cineforum del compianto Vestri alla Contessa Serbelloni passando per la gassatissima acqua Bertier. Comprimari in forma smagliante, regia di Salce gloriosa (e si farà rimpiangere non poco), in sostanza uno dei migliori film comici mai girati.

Parsifal68 6/09/16 12:48 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Secondo capitolo delle tragicomiche avventure del ragioniere più sfigato del mondo e secondo grande successo. Salce preme sul pedale della satira e del cinismo, aumentandone a dismisura gli effetti e, di conseguenza, le risate. Sotto questo punto di vista il film mi appare il più riuscito di tutta l'interminabile serie, potendo contare su scene da antologia della risata italica. Attori straordinari, indimenticabili, insomma un vero cult da vedere fino alla morte.
MEMORABILE: Fantozzi a Montecarlo; La cena a casa della contessa; La corazzata Kotiomkin; La gita a Capri.

Mco 22/08/16 14:17 - 2159 commenti

I gusti di Mco

Più che un seguito un tutt'uno con il capostipite, entrambi da gustare in rapida successione. Qui le scene madri si ripetono con ottetti nella villa della Contessa Serbelloni (a tavola si ascende al sublime) e durante la consueta proiezione aziendale ("all'alba del terzo giorno, la polizia si incazzò davvero"). I risvolti salaci della satira sociopolitica sono sempre ben evidenti ma l'estro straordinario di Villaggio porta alla risata incondizionata, travolgendo d'impeto anche i messaggi subliminali. Una pellicola che non ha età.
MEMORABILE: La cernia umana; L'inseguimento di Ivan il Terribile 32mo a tutta velocità; Novantadue minuti di applausi.

Xabaras 12/09/16 12:46 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

Sempre con la solida regia di Salce una nuova disamina e allo stesso tempo penetrante riflessione sul famoso detto: "il potere logora chi non ce l'ha". Che si guardi alla gloriosa rivincita del professor Riccardelli o alle tragicomiche vacanze a Capri con conseguente ritorno di fiamma della signorina Silvani per Calboni fino al finale atto di servilismo totale verso la dirigenza appare chiaro il salto nel vuoto degli inferi della dannazione umana. Osservato con un occhio più cinico e allo stesso tempo più sadicamente surreale del primo capitolo.

Hackett 4/10/16 22:46 - 1748 commenti

I gusti di Hackett

Il livello del primo capitolo viene mantenuto e, con una serie di nuove perle, il mitico personaggio inventato da Villaggio entra ancora di più nell'immaginario collettivo. Assolutamente imperdibile per i cultori della serie, grazie a momenti come la battuta di caccia e la famosissima scena del cineforum aziendale. Il finale tende a ripetere quello del numero uno e a diventare una consuetudine.

Almicione 13/10/16 01:31 - 765 commenti

I gusti di Almicione

L'aspetto dell'impiegato alienato viene completamente oscurato da quello del totale sfigato, vittima di botte e scherno. Le scene diventano più demenziali: i colpi che inizialmente possono suscitare risa vengono reiterati fino all'esasperazione, quella del pubblico. Lo slapstick regna sovrano, mentre il dileggio affossa l'impiegato fino a che nello spettatore pena e irritazione subentrano alle risa. In parte, una brutta copia del primo, che comunque non è proprio questo capolavoro che si vuole far credere. Simpatica la parentesi della caccia.

Paulaster 16/12/16 12:02 - 2871 commenti

I gusti di Paulaster

Le disavventure del ragioniere per antonomasia vengono riproposte a segmenti comici. Al Casinò, la Viendalmare al varo, Riccardelli con annessa partita di calcio in tv resistono negli anni per la tragica realtà a cui Fantozzi è sottomesso. A caccia (richiamando gag chapliniane), nel locale notturno e a Capri il livello è più gratuito. Chiusura di profonda mestizia e per niente divertente. Apporto inferiore delle spalle, anche se gli interventi di Calboni son sempre da ricordare.
MEMORABILE: "Chi ha fatto palo?"; La telefonata all'interno dell'Ippopotamo; Flic o floc.

Pessoa 4/06/17 00:02 - 1241 commenti

I gusti di Pessoa

Secondo episodio della saga: Salce confeziona questa volta un prodotto più organico del precedente, dove si assiste al solito susseguirsi di avvenimenti che hanno in Fantozzi la vittima designata, con scene meno prevedibili che sfociano spesso nel surreale con effetti comici a volte devastanti. La nota stonata viene da alcune scene ripetute con drastici cali di ritmo (tutta quella del circo). Il cast rafforza l'intesa e fornisce una prova corale più che buona; anche la regia sembra più curata e si vede qualche danaro in più. Consigliato!
MEMORABILE: Gli ammutinati del cineforum.

Rambo90 8/07/17 16:17 - 6442 commenti

I gusti di Rambo90

Dignitoso primo sequel della saga, ancora diretto benissimo e con grande ritmo da Salce e con alcune trovate davvero memorabili (l'episodio al casinò e quello della corazzata su tutti). Villaggio rappresenta un Fantozzi forse ancora più servile e maldestro che nel prototipo ma ancora sa dare al personaggio anche i giusti momenti di orgoglio. Notevole come sempre l'apporto del cast di contorno. Da vedere.

Piero68 11/07/17 11:49 - 2784 commenti

I gusti di Piero68

Raro caso in cui il secondo film non perde quasi nulla rispetto al primo. Anzi, grazie anche alla continuità della sceneggiatura, può addirittura essere considerato un tutt'uno col primo. Cast ovviamente confermato con gag che anche in questo caso sono entrate nella memoria collettiva come la Corazzata Kotionkin, l'attesa della partita della nazionale e altre. Essendo l'ultimo diretto da Salce è anche l'ultimo Fantozzi che riuscirà a fare della satira sferzante. Il passaggio della regia a Neri Parenti renderà i sequel semplice commedia italiana.
MEMORABILE: "La corazzata Kotionkin... è una cagata pazzesca!"

Vito 26/07/17 13:25 - 665 commenti

I gusti di Vito

Un vero e proprio capolavoro della commedia all'italiana e non solo. Un altro grande tassello della filmografia del maestro Salce con un monumentale Paolo Villaggio. Troppe sarebbero le scene, le sequenze e le battute da ricordare. Gli attori sono tutti perfetti, il ritmo e i tempi comici eccezionali, la colonna sonora storica. Da tramandare. Praticamente c'è ben poco da aggiungere.
MEMORABILE: A cena della Contessa Serbelloni; Fantozzi a Capri con la Signorina Silvani; La corazzata Kotiomkin.

Magi94 27/12/17 16:39 - 705 commenti

I gusti di Magi94

La carica satirica del primo film viene meno nel secondo, tolti un paio di "episodi" nella prima parte (il Duca Conte e la cena a casa della contessa). Eppure la comicità del secondo Fantozzi risulta molto superiore a quella del primo: meno sketch da torte in faccia ma si ride di gusto ad assistere alla situazioni paradossali in cui si caccia Fantozzi, almeno fino all'episodio del night club, dopo di che il film perde slancio e ci si annoia un po' a vedere la sfilza di sfighe fantozziane senza mai una rivalsa. Buona commedia comunque.
MEMORABILE: Il cineforum sadico e la ribellione di Fantozzi.

Gmriccard 2/05/18 19:47 - 118 commenti

I gusti di Gmriccard

Uno di quei film (assieme a certi Bud & Terence movie) che si potrebbero guardare una volta al mese trovando sempre nuove sfaccettature. In questo secondo capitolo la sceneggiatura, come nel primo e in minore misura nel terzo, ha ancora caratteri di satira sociale. La parte con Mauro Vestri è la più comica di sempre e rappresenta un approfondimento viscerale e impietoso del mondo aziendale ancora attualissimo.
MEMORABILE: L'infame Calboni plaude gli insulti di Riccardelli: "Ha proprio trovato il termine giusto, è una m...!"; L'imprecazione censurata del porporato.

Rufus68 8/05/18 23:20 - 3155 commenti

I gusti di Rufus68

Più che un film è una sequela di sketch sostanziati dalle iperboli rabelaisiane di Villaggio: quelle linguistiche, ormai sedimentate nel patrimonio di un paio di generazioni, in grado di attrarre a sé persino innocui avverbi ("leggerissimamente") e quelle sociali con la messa alla berlina dell'intellettualismo (la "Corazzata"), della gerarchia padronale e della cialtroneria italica. Qualche colpo va a segno (la caccia), altri a vuoto, alcuni vedono deteriorarsi la carica espressiva per l'inflazione operata dai successivi episodi. Proverbiale.

Pesten 9/07/18 08:16 - 646 commenti

I gusti di Pesten

La formula del primo film non si tocca e va bene così, visto che in questo secondo capitolo nascono alcune delle gag più famose del cinema italiano (su tutte quella del cineforum con la corrazzata Kotiomkin). Difficile vederlo scollegato dal suo predecessore: siamo quasi al cospetto del secondo tempo di quel film, per la loro perfetta adiacenza. Anche qui le spalle sono importanti, soprattutto Reder con Filini e Anatrelli con Calboni. Come per il primo lavoro, anche qui siamo al cospetto di gag entrate nella vita di tutti i giorni.
MEMORABILE: Contessa Serbelloni Mazzanti Vien Dal Mare; Duca Conte Semenzara; Direttore Conte Corrado Maria Lobbiam; Guidobaldo Maria Riccardelli...

Victorvega 1/01/19 22:02 - 312 commenti

I gusti di Victorvega

Siamo sulla stessa falsariga del primo capitolo: non si è attenuata ancora la forza prorompente e l'analisi sociale che ha contraddistinto l'esordio. Qui è un perfetto continuum quasi che, complice il brevissimo lasso di tempo, i due film fossero frutto di un medesimo processo creativo e girati nello stesso periodo. Un mezzo punto in meno solo per il fatto di essere uscito l'anno dopo. Storie spassosissime, che fanno ridere ancor oggi dimostrando come certi film non possano invecchiare. Attori straordinari.
MEMORABILE: Alla proiezione della Corazzata; Serata al night club; Al Casino.

Striscia 17/10/19 12:23 - 16 commenti

I gusti di Striscia

Uno dei rarissimi casi in cui il sequel eguaglia se non supera il primo film. Struttura a episodi a sé stanti uno più divertente dell'altro. Come non citare l'apertura del film con il duca conte Pier Carlo ingegner Semenzara e il mitico viaggio a Montecarlo, o il "potentissimo" prof. Riccardelli e il cineforum aziendale obbligatorio. Personaggi e situazioni indimenticabili e scolpite nella memoria di ognuno. Capolavoro!
MEMORABILE: "Scusi, chi ha fatto palo?"; Il tordo: la cosa più difficile in natura!; L'acqua Bertier, la più gasata del mondo!

Azione70 11/11/19 21:00 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Capolavoro assoluto del cinema nostrano con alcune battute che resteranno per sempre nella memoria collettiva (anche per le giovani generazioni): la corazzata Potemkin, l’acqua Bertier, Ivan il terribile... Questo secondo episodio mette ancor più in risalto la nostra (nostra perché siamo tutti, più o meno, dei Fantozzi) condizione meschina di lavoratori, soggetti al potere e con sogni e aspirazioni più o meno frustrate dagli altri e dalla vita. A distanza di anni il nostro essere Fantozzi è ancora più vero, triste e amaro.
MEMORABILE: Il cineforum; Il varo della nave; La “gita” a Montecarlo.

Donarfio 17/04/20 11:07 - 38 commenti

I gusti di Donarfio

Per alcuni film il commento è azione superflua, questo è uno di quelli. Assieme al precedente parliamo di un capolavoro: sequenze che saranno ricordate per sempre, personaggio comico più popolare d'Italia, mix di risate e malinconia di fondo per le perenni sconfitte del ragioniere. Alcune scene sono un calco del primo capitolo (la gita con Filini, il finale col Mega Direttore), altre le riprendono appena (al Casinò col Duca Conte), ma il risultato rimane irresistibile. Menzione speciale per Ugo Bologna e le sue espressioni durante la cena.
MEMORABILE: Calboni che sviene al cineforum; Fantozzi al tavolo d'onore dalla contessa; Il Grande Artista ungherese.

Didda23 22/06/20 14:47 - 2298 commenti

I gusti di Didda23

La qualità comica di talune scene rasenta la perfezione e tutta la prima parte è un continuo susseguirsi di battute fenomenali e interpretazioni magistrali. Peccato che la parte finale in quel di Capri sia alquanto deludente e non all'altezza di quanto visto in precedenza. Più maturo e pensato rispetto al capitolo precedente: i comprimari fuoriescono dalla semplice macchietta e si fanno più profondi. Villaggio è un fiume in piena e dà vita a un personaggio difficilmente dimenticabile perché racchiude qualità e difetti dell'italiano medio, capace in taluni frangenti di ribellarsi.
MEMORABILE: A Montecarlo con il Duca Conte Semenzara; La battuta di caccia che si trasforma in guerra; Il cineforum del professor Guidobaldo Maria Riccardelli.

Noodles 25/07/20 20:06 - 955 commenti

I gusti di Noodles

La prima parte del film appare già trascinarsi un po' stancamente con battute e gag ripetitive, nonostante siamo ancora all'inizio della saga del ragioniere più famoso d'Italia. Alcune scene sono forse anche troppo lunghe e finiscono per perdere intensità. Col passare del tempo, invece, il film migliora nettamente e si fa più imprevedibile. Seconda parte molto meglio della prima, con numerose gag divertenti e diverse scene che sono diventate mitiche. La scena dei cineforum aziendali è ormai nota anche ai non appassionati di cinema. Da vedere, come sempre.

Minitina80 16/08/20 16:41 - 2404 commenti

I gusti di Minitina80

Non si poteva pretendere di meglio da un seguito devastante che riesce addirittura a salire di livello, scrivendo ulteriori pagine memorabili per il personaggio e la commedia italiana. C’è davvero l’imbarazzo della scelta e guardando molte delle scenette si comprende il motivo per cui tante locuzioni e battute siano entrate a far parte della memoria collettiva. Manca l’impatto sorpresa per ovvi motivi, ma di fronte a un treno in corsa come questo i dettagli tecnici svaniscono in una bolla di sapone. Da vedere anche per cultura personale.

Siska80 8/11/20 16:28 - 854 commenti

I gusti di Siska80

Capitolo incongruo che annovera una serie di strampalate disavventure, tra le quali vale la pena ricordare (oltre all'arcinota gag della corazzata) la battuta di caccia che culmina in rissa di gruppo. Invadente e francamente antipatico il personaggio della Silvani, oramai convolata a (in)giuste nozze con grande dispiacere di Fantozzi. Rimarchevole (soprattutto nel finale) l'ironia feroce di Salce, che dirige con maestria un cast decisamente in parte.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Stil0s0 • 4/02/16 11:42
    Disoccupato - 20 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì, come dicevo l'importante è che l'abbia ricavato tu dalla Stampa o da dove vuoi e non l'abbia invece ripreso da altri siti che lo mostrano.

    Zender, non so più come dirtelo :)
    È roba trovata da me! Questa è presa dalla Stampa e l'ho beccata durante le mie ricerche per la puntata di "Scuola di cult" su Bluff di Celentano.
    Flano della Stampa del 15 aprile 1976, data di uscita del film.
    Bluff e Fantozzi sono usciti lo stesso giorno.
    Ultima modifica: 4/02/16 11:46 da Stil0s0
  • Discussione Zender • 4/02/16 17:35
    Consigliere - 43744 interventi
    Ok, se mi dici che quello che dicesti vale per tutti i flani che posti sta bene :) restauro e porto in Curiosità.
    Ultima modifica: 4/02/16 17:35 da Zender
  • Discussione Stil0s0 • 4/02/16 18:06
    Disoccupato - 20 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ok, se mi dici che quello che dicesti vale per tutti i flani che posti sta bene :) restauro e porto in Curiosità.
    ahah grazie per la "pregiata collezione" :)
  • Discussione Alex75 • 19/09/16 17:46
    Call center Davinotti - 628 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Io te lo aggiungo, ovvio, ma l'hai rivisto, Graf? Perché non è che una scena (la corazzata) fa un film. Ci sono anche un sacco di sketch (a mio parere, ovvio) squallidi che nel numero uno non avrebbero mai trovato posto (tutto quello del circo, la corsa del cane in autostrada tirata avanti troppo, la scena della caccia...). A parer mio capita spesso che si modifichi il giudizio senza rivedere il film intero ma andando solo sui ricordi per qualche scena. Tra il primo e il secondo (corazzata a parte, ovvio) io trovo ci sia una cura completamente diversa soprattutto in Salce, concentratosi su alcune sequenze magiche e andato poi a riempire il resto senza gran convinzione.

    D'accordo anch'io. Rispetto al primo, l'ho rivisto meno volentieri. Per alcuni sketch, la tentazione di usare il "fast forward" è forte.
  • Curiosità Alex75 • 26/09/16 17:45
    Call center Davinotti - 628 interventi
    La "Prunella Ballor" (che Fantozzi si porta dietro all'"Ippopotamo" e che viene citata anche nel film precedente, dopo il veglione) è esistita veramente: era ottenuta dall'infusione delle bacche del pruno selvatico ed era prodotta dalla distilleria piemontese Ballor (apprezzata, pare, dai Savoia). Attualmente non è raro trovarne qualche bottiglia nelle aste online, come oggetto da collezione (dato che il contenuto è probabilmente imbevibile).

    La famigerata acqua Bertier, invece, era una denominazione di fantasia che richiamava la Perrier (nel racconto del libro "Il secondo tragico Fantozzi" dedicato al Casinò, Villaggio fa bere infatti al suo personaggio la popolare acqua francese).

  • Discussione Markus • 26/09/16 17:55
    Scrivano - 4801 interventi
    Alex75 ebbe a dire in curiosità:
    La "Prunella Ballor" (che Fantozzi si porta dietro all'"Ippopotamo" e che viene citata anche nel film precedente, dopo il veglione) è esistita veramente: era ottenuta dall'infusione delle bacche del pruno selvatico ed era prodotta dalla distilleria piemontese Ballor (apprezzata, pare, dai Savoia). Attualmente non è raro trovarne qualche bottiglia nelle aste online, come oggetto da collezione (dato che il contenuto è probabilmente imbevibile).

    La famigerata acqua Bertier, invece, era una denominazione di fantasia che richiamava la Perrier (nel racconto del libro "Il secondo tragico Fantozzi" dedicato al Casinò, Villaggio fa bere infatti al suo personaggio la popolare acqua francese).



    Un mio caro amico come me appassionato di vecchi liquori ne ha recuperata una, di Prunella Ballor. Ovviamente ha un valore intrinseco non da poco. Mitica!
    Ultima modifica: 26/09/16 18:01 da Zender
  • Discussione Daniela • 8/01/17 12:59
    Consigliere massimo - 5298 interventi
    Su 7Gold hanno appena ritrasmesso un'intervista a Paolo Villaggio, fatta da una giovane giornalista molto impreparata (non sapeva che Fantozzi nasce come personaggio letterario e non televisivo).
    Alla domanda: "E' vero che lei è un grande ammiratore di jzenštejn?", Villaggio risponde di che si tratta certamente di un maestro del cinema, ma cita altri tre registi fra i suoi preferiti: Kurosawa, Hitchcock e Clouzot.
  • Discussione Lòpe • 1/02/17 13:54
    Galoppino - 197 interventi
    Nella oramai leggendaria avventura all'Ippopotamo, Fantozzi e Filini indossano vestiti identici con tanto di cravatta con iniziale F.
  • Discussione Ciavazzaro • 15/02/17 17:47
    Scrivano - 5612 interventi
    Da segnalare una scoperta che mi ha fatto molto piacere.

    Ricorderete tutti sicuramente la mitica scena in cui Fantozzi porta sfortuna al povero giocatore di poker, non appena entrato al casinò, scimiottando la formula scaramantica del Semenzara con: La fortuna non va lì ! indicando il poveraccio.

    Lo sfortunato giocatore è il prolifico generico
    RICHARD J DUNNE, che ho scoperto accreditato in solo 3 film: Daisy Miller, lo sceneggiato k2 +1
    e un film di Hong Kong girato in Italia: Kidnap in Rome.

    Ma uno dei ruoli più grandi in mezzo a decine da generico è quello del direttore della C.I.A. in Faccia di spia (1975) di Ferrara non accreditato.
    Se siete interessati qui la filmografia completa (finora) del generico:
    http://thrilling.forumfree.org/index.php?&showtopic=120&st=0
  • Discussione B. Legnani • 15/02/17 19:52
    Consigliere - 14004 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Da segnalare una scoperta che mi ha fatto molto piacere.

    Ricorderete tutti sicuramente la mitica scena in cui Fantozzi porta sfortuna al povero giocatore di poker, non appena entrato al casinò, scimiottando la formula scaramantica del Semenzara con: La fortuna non va lì ! indicando il poveraccio.

    Lo sfortunato giocatore è il prolifico generico
    RICHARD J DUNNE, che ho scoperto accreditato in solo 3 film: Daisy Miller, lo sceneggiato k2 +1
    e un film di Hong Kong girato in Italia: Kidnap in Rome.

    Ma uno dei ruoli più grandi in mezzo a decine da generico è quello del direttore della C.I.A. in Faccia di spia (1975) di Ferrara non accreditato.
    Se siete interessati qui la filmografia completa (finora) del generico:
    http://thrilling.forumfree.org/index.php?&showtopic=120&st=0


    Bel volto e bel fisico, perfetti per un generico di una certa età, ospite ai ricevimenti o cliente al ristorante...