LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/01/09 DAL BENEMERITO BRAINIAC
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Brainiac 21/01/09 20:01 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Secondo Tarantino nel western c'è spesso un sottotesto velatamente omosessuale. Il film di Harris (qui anche spietato tutore della legge), sarà per l'amicizia virile con la sua spalla Hitch (Mortensen), sarà per la scialba Zellweger scelta come controparte femminile (e le dà pure della meretrice al primo incontro!) o per l'antieroe (Irons) che lo definisce "decisamente un uomo interessante", sembra confermarlo. A parte tutto resta un film scorrevole, ben girato. Facce, musiche e location giuste, forse troppo. Un filo canonico, rispetto al torvo Il Petroliere.
MEMORABILE: "Noi rivogliamo la nostra città e possiamo pagare il vostro prezzo". "È difficile fidarsi di un'uomo che non beve".

Galbo 28/05/09 15:35 - 11385 commenti

I gusti di Galbo

La seconda regia di Ed Harris (dopo Pollock)è un western ambientato nel New Mexico dove lo sceriffo Cole e il suo aiutante proteggono i cittadini di Appaloosa dagli sgherri del luogo.La struttura del western classico viene arricchita da temi narrativamente più complessi, primo tra tutti quello dell'amicizia virile e della solidarietà maschile resi attraverso una particolare caratterizzazione psicologica dei personaggi realizzata dalla valida sceneggiatura. Cast di alto livello.

Capannelle 2/07/09 15:29 - 3721 commenti

I gusti di Capannelle

Ritorno al west laconico, basato su sguardi e debolezze umane. Vi trovano posto Everett, leale e sempre presente (anche solo per un suggerimento grammaticale) e Virgil, uomo testardo e tutto d'un pezzo ma anche capace di riconoscere i propri limiti nel rapportarsi con le donne ("ho frequentato solo mignotte e una squaw finora"). Tra di loro Allison (una brava Zelleweger), che pare una femmina per bene ma applica la logica darwiniana (si affeziona di volta in volta al maschio dominante) e una serie di opportunisti. Non esaltante ma convincente.

Cotola 11/07/09 23:47 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Western contemporaneo (ormai uno dei pochi) che riprende molti spunti dei western classici e li rielabora in maniera corretta e riuscita. Merito di Harris che gira un film scorrevole e piacevole in cui ogni tanto rimescola efficacemente le carte fino ad arrivare a un bel finale. Tutto è impreziosito dalle prove del cast maschile, mentre la Zellweger si dimostra attrice altalenante e, in definitiva, modesta.

Harrys 22/08/09 11:27 - 682 commenti

I gusti di Harrys

Rigoroso esempio di classicità. L'eroe tenebroso, grami tramonti, indiani brava gente, il brillante antagonista... Un grande cast: Ed Harris, Viggo Mortensen, Jeremy Irons, Renèe Zellweger e, in una picola parte, il bravo Timothy Spall. Non si distingue per una spiccata originalità, ricalca il cinema che ha deciso di omaggiare, persino nella struttura dei dialoghi, occupandosi perlopiù della confezione. Si lascia guardare senza colpire per particolari minuzie. L'unica cosa che colpisce è, per la verità, la Zellweger, sgradevole come non mai.

Saintgifts 4/09/09 10:39 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Scenografia eccellente, tutto molto curato per dare un'idea esatta dei luoghi e della gente del West fine ottocento. La regia di Harris è accademica ma il notevole cast la impreziosisce. La storia è abbastanza classica ma bisogna aggiungere tutta la complessità dei sentimenti umani e degli intrecci di relazioni che rendono estremamente interessante il film. Mortensen è bravo ed è il vero eroe della vicenda; anche la sua donna, pur non essendo una signora, è meglio della falsa signora; la Zellweger raffinata ma opportunista. Niente è prevedibile.
MEMORABILE: Il finale del film è esaltante e appaga rendendo giustizia vera dove la giustizia ufficiale si contorce su se stessa fino a premiare brutali assassini.

Jandileida 4/12/09 23:21 - 1253 commenti

I gusti di Jandileida

Buon western "moderno" (sulla scia del precursore Gli spietati) che coniuga i capisaldi del genere (laconicità dei protagonisti, grandi sfondi naturali e buoni contro cattivi) con alcuni spunti introspettivi ed innovativi (la complicità tra i due protagonisti e la consapevolezza di non poter sfuggire al proprio destino). Girata manieristicamente da Harris, la pellicola risulta coinvolgente e scorrevole. Ottima fotografia e un un Mortensen che si conferma ancora una volta attore di gran spessore e capacità mimetica.

Homesick 23/01/10 18:41 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dall’amicizia virile dei vari Warlock e Butch Cassidy all’ironia di Leone e alle tensioni di Eastwood, la vastissima storia del western è passata in rassegna in un composito affresco di azione, rabbia, romanticismo e sottigliezze psicologiche. L’alchimia artistica tra Harris – sceriffo a metà tra il Fonda di Sfida infernale e l’Hackman de Gli spietati - e il ligio, fedele e taciturno Mortensen è immediata e fruttuosa; parimenti riusciti i ritratti dell’opportunista e perturbatrice Zellweger e di Irons, bandito colto e affarista. Candidato a classico del cinema moderno.

Tarabas 1/02/10 15:02 - 1702 commenti

I gusti di Tarabas

Coppia di sceriffi a contratto arrivano ad Appaloosa, dove il loro predecessore è stato ammazzato da un ranchero protocapitalista d'assalto con agganci alla Casa Bianca. Harris compila una sorta di florilegio di cose già viste nei western classici e moderni (da Ultima notte a Warlock a Quel treno per Yuma a Un dollaro d'onore, Gli Spietati), tutto con gusto per l'immagine e fedeltà ai canoni. Non manca niente, tranne un colpo d'ala che faccia uscire il film dal gruppo (tranne il finale, di cui non si può dire). Molto bravi gli attori.

Belfagor 27/02/10 10:55 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Buona prova di Harris sia sullo schermo che dietro la macchina da presa per un genere che sembrava ormai scomparso. L'atmosfera è dominata da un sentore malinconico e introspettivo, come se anche i protagonisti avessero capito che non è più il tempo di cavalcare sui sentieri selvaggi. Buona scenografia, ottime prove da parte del cast, che conferisce profondità e autenticità ai personaggi. Un po' lungo, ma ben sostenuto da una serie di svolte e colpi di scena. Per riscoprire il genere.
MEMORABILE: Il finale inaspettato.

Greymouser 1/06/10 09:35 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un notevole esercizio di stile registico quello di Ed Harris, ma anche la capacità di raccontare coi tempi giusti, di costruire situazioni coinvolgenti, e - insomma - di rivitalizzare un genere stanco come il western. Aiuta il fatto che Harris sia anche un grandissimo attore, e abbia scelto come partner principale un tipo all'altezza come Mortensen. Tutto molto bello, alla fin fine. Unico difetto? La Zellweger.

Puppigallo 26/08/10 22:54 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Discreto western che punta tutto sulle interpretazioni dei due protagonisti (mercenari: uno equilibrato e riflessivo, l'altro con qualche problema di nervi e di parole difficili). Il ritmo è accettabile, gli scambi verbali quasi sempre piacevoli, ma ci sono troppe ingenuità (il testimone messo lì perchè il cattivo lo riconosca e gli dica: "Sei morto"; La donna dello sceriffo lasciata in città con gli scagnozzi del condannato, che non aspettano altro...). Comunque, la protagonista femminile, piovuta da chissà dove e decisamente meno candida di quello che vuol far credere, non è male,
MEMORABILE: Quando il protagonista non ricorda la parola e si rivolge al suo compare; Lo sceriffo, a disagio con la donna, si sfoga pestando un poveraccio.

Enzus79 31/08/10 17:12 - 1798 commenti

I gusti di Enzus79

Più che discreto questo western di Ed Harris, che credo che abbia visto un po' di western nostrani prima di girarlo. La cosa più importante è che non ci si annoia, nonostante la presenza di Renee Zellweger e dialoghi alquanto scontati. Non ai livelli de Gli spietati, ma consigliabile.

Burattino 17/10/10 23:08 - 101 commenti

I gusti di Burattino

Un film che non appaga; i personaggi si dispongono tutti in secondo in piano, lasciando vacante il ruolo di protagonista (pericolosamente inisidato dal cattivo di turno Jeremy Irons). Molto bello il ruolo di Viggo Mortensen, un attore in costante crescita da anni, anche se la storia non lo valorizza, rivelandosi abbastanza piatta e scontata. Crude e fulminee le scene d'azione.

Silenzio 27/12/10 03:22 - 59 commenti

I gusti di Silenzio

Harris omaggia i numi Hawks e Leone seguendo la pista tracciata dai discepoli Eastwood e Costner. Realizza un western ammirevole per spessore e profondità dei personaggi, intensità degli interpreti (gigantesco Mortensen), sobrietà della messinscena. Al di là dei presunti sottintesi omoerotici, Virgil e Everett sono fondamentalmente due uomini onesti che devono fare i conti con una società meschina e opportunista (ben incarnata dalla figura del bandito-affarista Bragg): l'uno opterà per la resa, l'altro per l'esilio. Non un granché le musiche.

Paruzzo 17/01/11 23:30 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Ottimo western moderno, non al livello de Gli spietati ma comunque ricco di meriti, soprattutto nella creazione di due personaggi notevoli, lo sceriffo e il suo fidato aiutante, entrambi carichi di alti valori. Decisamente poco in parte invece la Zellweger. Western di stampo più classico rispetto al già citato film di Eastwood.

Hackett 6/02/11 10:34 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Buona prova registica per il granitico Ed Harris, che confeziona un western classico ma al tempo stesso fuori dalle righe. La trama è lineare ma la caratterizzazione dei personaggi e i dialoghi brillantemente genuini aiutano la sceneggiatura ad uscire dal banale. Godibile.

Matalo! 14/02/11 09:59 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Non dispiace questo western che sprofonda in un clima dilatato ma senza revisionismi; una specie di ballata distillata con passo un po' alla Missouri. Due sceriffi a nolo, una pianista con sindrome del capo, un cattivo eloquente ed avvezzo ai meccanismi del potere. Anche se a volte si allunga un po'e la coppia Harris/Mortensen esaspera un buffo contrasto fatto di laconicità, il film è sentito e ben illustrato. Uomini senza tutte le parole e senza nemmeno tutti i fatti che servono. Alla fine il meno previsto fa la scelta più difficile. Buono.
MEMORABILE: Harris scorda sempre le parole e legge R. W. Emerson

Rambo90 21/03/11 23:37 - 6344 commenti

I gusti di Rambo90

Western dalla storia profonda, più incentrata sul rapporto di amicizia virile dei due protagonisti che sulle classiche sparatorie contro i cattivi di turno. Infatti il finale è la cosa più bella del film insieme all'ottimo cast. Purtroppo il ritmo è tremendamente lento e molti passaggi sembrano inutili. La Zellweger è insopportabile ma gli altri sono da applausi. Poteva essere molto meglio.

Darkknight 22/08/11 14:19 - 352 commenti

I gusti di Darkknight

Western classico nella trama e nella forma (e quindi impossibile da definire “brutto”), con la bella originalità di mostrare due “duri” parlare di sentimenti con la massima naturalezza, ma anche – purtroppo - con un’odiosa Zellweger che trasuda misoginia da ogni smorfia. Avrei preferito che alla fine Harris la piantasse in asso e se ne andasse con Mortensen…
MEMORABILE: I brani Scare Easy (di Tom Petty & mudcrutch) e You’ll Never Leave My Heart (di Jeff Beal ed Ed Harris) che scorrono lungo i tioli di coda.

Daniela 19/02/12 14:55 - 9387 commenti

I gusti di Daniela

Bel western classico dal respiro ford-fondiano, che ripercorre alcuni topoi del genere - a partire dall'ingaggio da parte dei "bravi" cittadini che vogliono essere protetti dal prepotente di turno, salvo poi accettarlo fra le loro fila quando questo diventa ricco ed influente. Venati di ironia, i laconici dialoghi fra Harris e Mortensen (grandi entrambi) disegnano con pudore un sodalizio virile destinato a spezzarsi di fronte ad un terzo incomodo in gonnella (Zellweger, insopportabile). Secchi gli scontri a fuoco, bellissimo il finale all'insegna del sacrificio e della rinuncia.
MEMORABILE: Virgil-Harris ogni tanto perde il filo e l'amico Everett-Mortensen gli viene in aiuto suggerendo la parola giusta

Piero68 22/02/12 11:30 - 2755 commenti

I gusti di Piero68

Accantonato per quasi un ventennio, il western è tornato prepotentemente di moda negli ultimi anni, anche perché proposto in tantissime sfaccettature diverse. In Appalosa storia di base classica: sceriffo di paese deve difenderlo da un prepotente. In realtà il soggetto vola molto più alto perché il core del film è il rapporto "maschio" di amicizia tra due rudi frontier-man. Ottimamente interpretato e diretto, merita di essere visto anche per le caratterizzazioni e la buona ricostruzione scenografica e costumistica. Mortensen anche meglio di Harris!

Cloack 77 30/08/12 14:40 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Ritengo centrale l'amicizia maschia tra i due ragazzi, ad un passo dalla divinazione del personaggio di Mortensen per il protagonista. Cosicchè l'impossibilità della distruzione dell'iconografia del cowboy, per mezzo di una donna di "facilissimi" costumi, risulta credibile nel momento in cui dall'altra parte c'è un semi-discepolo quasi acefalo per tutto il film, che diventa senziente per opporsi all'umanizzante sentimento che sta rendendo umano il suo dio.

Nando 10/03/13 01:20 - 3472 commenti

I gusti di Nando

Western abbastanza convenzionale che si avvale di un cast di tutto rispetto e una discreta introspezione dei protagonisti. Lievemente lento, punta le sue carte sull'esaltazione dell'amicizia virile nonostante le sparatorie non siano così frequenti. Buoni i dialoghi e le ambientazioni. La Zellweger poco appropriata.

Vitgar 4/04/17 10:46 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Robusto western di quelli che gli americani hanno imparato a fare dopo gli insegnamenti di Sergio Leone. Storie di frontiera senza manierismi ed eroi patinati, dove gli indiani non erano poi così feroci e le regole del vivere erano suscettibili di continui cambiamenti. Ambientazioni molto belle, fotografia di ottima qualità. Attori tutti all'altezza; insomma, per gli amanti del genere è raccomandato.

Viccrowley 1/08/17 21:42 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Pescando a piene mani dai classici Ed Harris tira fuori dal cilindro un signor western quando la stagione delle grandi frontiere sembra tramontata per sempre. La scommessa stava nel basare la vicenda sul rapporto tra i tre protagonisti relegando l'azione e le sparatorie sullo sfondo. E ci sarebbe molto da dire sulla scrittura di tre personaggi profondi e sfaccettati. I due compari, uomini di legge e l'odiosa approfittatrice che si mette tra loro sono umanissimi e per questo fallibili. Bellissimi i laconici scambi di battute tra Harris e Mortensen.
MEMORABILE: Le chiacchierate tra Cole e Hitch; Il finale.

Myvincent 25/07/19 18:02 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Due uomini che rappresentano la legge approdano a Appaloosa per portare quell'ordine che un manipolo di manigoldi ha infranto. Poi ci sono anche gli indiani, le fucilate e una strana storia d'amore. Un western vecchia maniera con sentimenti e ambiguità di oggi, ben fatto e arricchito da un cast stellare. Non sarà un film indimenticabile, ma per lo meno fa sempre piacere veder raccontare una storia di uomini e la loro amicizia senza interessi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.