Come eravamo

Media utenti
Titolo originale: The way we were
Anno: 1973
Genere: sentimentale (colore)
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 29/04/07 18:37 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Agli albori della seconda guerra mondiale, incontro fra lui wasp ricco e bello e lei ebrea bruttoccia e comunista: è amore. La loro storia che si intreccia con la Storia, per 15 anni. Clamoroso melò di Pollack, con tutti gli ingredienti per il successo, che infatti fu enorme. Sicuramente invecchiato, eppure praticamente perfetto nel suo genere. Mitica la canzone "Hamlisch" (Oscar). Il sobrio finale potrebbe commuovere anche chi ha sadicamente sghignazzato su Love story, ma rimane il dubbio su come ci si possa innamorare della Streisand.

Caesars 11/09/07 09:00 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Parziale delusione. Da un film di Pollack targato 1973 mi sarei aspettato di più, invece ci troviamo di fronte ad un melò abbastanza scontato che mischia la storia dei due protagonisti con quella degli USA senza però risultare abbastanza incisivo su quest'ultimo fronte. La regia di Pollack è buona, così l'interpretazione di tutti gli attori, anche se personalmente faccio molta fatica a digerire la Streisand. In Italia Scola ha fatto un'operazione analoga con C'eravamo tanto amati ma con risultati decisamente migliori.

Magnetti 26/09/07 11:36 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Per vederlo mi sono armato di santa pazienza (non è il mio genere)... Film buono soprattutto nell'azzeccato e non superficiale intreccio fra storia di una coppia eterogenea su tutti i fronti e storia degli USA. Film che deve molto alla Streisand, attrice che può piacere soprattutto alle donne (e che invece a me non dice nulla). Redford non si applica molto, ma la sua sola presenza è una garanzia. Storia d'amore non scontata, difficile e con un finale malinconico ma azzeccato.

Galbo 1/10/07 05:50 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Film in cui la nostalgia è il sentimento caratterizzante, ora sottile ora fortemente prevaricante ed in cui la storia sentimentale è strettamente intrecciata (caso atipico per un film americano) con il sentimento politico, anche se questo non viene mai veramente approfondito. L'interpretazione della Streisand è decisamente prevaricante su quella di Redford (che non sembra molto "partecipata"). Bella la regia; buone la fotografia "vintage" e le musiche (con il celebre tema "Memories").

Ciavazzaro 12/02/09 17:22 - 4756 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Sopravalutato. I migliori risulati di Sydney Pollack sono da cercarsi altrove. La coppia Redford-Streisand è abbastanza affiatata (e quanto a bravura i due si equivalgono), ma la regia non sempre offre guizzi degni. Malinconico, ma eccessivamente tedioso in alcuni punti. Non totalmente disprezzabile, ma c'e di meglio.

Gelido 25/08/11 17:52 - 16 commenti

I gusti di Gelido

Film romantico per eccellenza, Pollack è riuscito a raccontare una storia d'amore in maniera sensibile e realistica, costruendo due personaggi perfettamente caratterizzati che nel rappresentare due mondi e due ideologie opposte ci permettono di gettare uno sguardo sulla Hollywood e sull'america degli anni 40 e 50. Ma il valore aggiunto del film è la chimica straordinaria che si percepisce fra Redford e la Streisand. La colonna sonora (e la canzone) sono da allora inno ufficiale di qualsiasi operazione nostalgia.
MEMORABILE: La scena finale davanti all'albergo.

Giacomovie 21/11/12 21:01 - 1339 commenti

I gusti di Giacomovie

Con due protagonisti efficaci, un avvio dinamico e dialoghi movimentati il film mescola sentimenti e tematiche politiche delineando la nascita di un amore concreto e non da romanzo nel quale emergono diversi contrasti di coppia; ma andando avanti inizia ad essere dispersivo e alla fine non tutto risulta organico alla vicenda. Barbra Streisand è convincente e, come Liza Minnelli in Cabaret, si dimostra una "bellissima bruttina". Indovinata la colonna sonora, con la bella canzone "The way we were".
MEMORABILE: "La vita è troppo seria per prenderla seriamente".

Deepred89 12/12/13 13:04 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Buon cinema classico anni 70, tecnicamente eccellente (bellissima la fotografia, con il colore rosso insegue la Streisand per tutto il film) e ottimamente recitato (pure dalla Streisand, che generalmente non amo, anche le brevi ma folgoranti apparizioni della divina Lois Chiles la fanno scomparire), permeato di un romanticismo che si fa tangibile solo quando realmente sofferto, ovvero solo nella scena finale. Il resto è un piacere per gli occhi e per l'intelligenza, ma in quanto a emozioni si resta ancorati a un livello "hollywoodiano". Buono.

Saintgifts 8/06/15 09:08 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non mi sembra invecchiare bene questo dramma a cavallo tra il politico e il sentimentale, poco credibile in entrambi i casi. Difficile anche capire cosa voglia mettere in primo piano Pollack: la storia d'amore sembra prevalere, ma sembra anche una scusa per parlare di come era visto il comunismo nella libera America in quegli anni, prima sulla costa est e poi su quella ovest, dove la mecca del cinema era sotto pressione proprio per quel motivo. Forse la brava Streisand è stata imposta, ma ci sono anche altre esigenze che il cinema impone.
MEMORABILE: Le rosse unghie della Streisand.

Lou 11/06/16 16:13 - 934 commenti

I gusti di Lou

Film di ottima fattura, con due attori superlativi come Redford e la Streisand al loro massimo splendore, che racconta la travagliata storia d’amore nell’arco di trent’anni tra un belloccio benestante, ambizioso e opportunista, e una brillante progressista, impegnata politicamente e allergica alla mondanità. Il romanticismo è fortunatamente stemperato dalle tematiche politiche e sociali e dall’evoluzione del contesto storico che fanno da sfondo, ma è il ritmo a essere carente.

Rocchiola 1/03/18 15:31 - 849 commenti

I gusti di Rocchiola

Due caratteri diametralmente opposti si amano sullo sfondo dell'America degli anni Trenta e Quaranta. Deludente sia sul versante privato-sentimentale data l'improbabile alchimia tra i due protagonisti, che su quello pubblico-politico con eventi storici appena accennati e piuttosto didascalici (sul tema del maccartismo è preferibile di gran lunga Il prestanome). Improbabile Redford nei panni del giovane studente, Streisand antipatica come sempre. Breve apparizione di un giovane James Wood. L'unica delusione tra i Pollack dei primi anni Settanta.
MEMORABILE: Il malinconico tema musicale di "The Way We Were"; "Tu non molli mai"; "La vita è troppo seria per essere presa seriamente".

Anthonyvm 26/06/19 14:56 - 1704 commenti

I gusti di Anthonyvm

Gran bella storia d'amore quella fra la Streisand e Redford, leggibile anche come una riflessione sul declino degli ideali (politici e non solo), soffocati dai compromessi man mano che si entra a far parte del mondo; raggiungere un'illusoria felicità sacrificando la propria natura è una contraddizione in termini. Il contesto storico (il maccartismo) è il guscio perfetto per questa piccola perla. Molti i dialoghi memorabili, bella e nota la colonna sonora, finale indovinatissimo. Qualche lentezza di troppo si fa sentire, ma l'insieme merita.
MEMORABILE: Il discorso della Streisand davanti agli studenti; La prima volta "inconsapevole" fra la Streisand e Redford; Il tenero finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 17/05/11 12:19
    Scrivano - 8423 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale italiano:
    Ultima modifica: 3/10/14 08:25 da Zender
  • Musiche Zender • 17/05/11 13:24
    Consigliere - 43824 interventi
    Gran bella collezione Lucius, complimenti!
  • Homevideo Mco • 9/06/13 18:58
    Scrivano - 9639 interventi
    Disponibile in Blu-Ray a partire dal 19 Giugno 2013 per Sony Pictures (Formato Wide Scren, TV Pal, lingua inglese e italiana).
  • Curiosità Buiomega71 • 16/03/16 19:28
    Pianificazione e progetti - 21679 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi & Canzoni della Prima Visione Tv (martedì 21 gennaio 1985) di Come eravamo:
  • Curiosità Fauno • 25/06/16 13:24
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:
  • Homevideo Rocchiola • 1/03/18 15:59
    Call center Davinotti - 1116 interventi
    Bluray di ottimo livello, ma il film è uno dei meno interessanti del Pollack di quegli anni. Sarebbe stato meglio avere in BD altre opere di questo regista come ad esempio Corvo Rosso e Yakuza !!!!
    Ultima modifica: 28/06/19 11:25 da Rocchiola