LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L'idea è quella di un GRANDE FREDDO all'amatriciana, più comico e insieme più amaro, che sostituisca al ritrovo in ricordo di un amico morto la più classica delle “reunion” tra ex compagni di classe. Un'opera ambiziosa, che Carlo Verdone affronta spalleggiato dagli esperti soggettisti/sceneggiatori Benvenuti e De Bernardi. Affiancato da un cast d'eccezione (tra cui spicca Christian De Sica, suo vero ex compagno di classe), il simpatico attore romano supera in pieno l'esame del film della maturità dirigendo quello che per molti versi resta il suo capolavoro. Sempre in bilico tra il comico e il drammatico (come detta la legge della commedia all’italiana più autentica), offre...Leggi tutto una varietà di personaggi e situazioni che l'intero cast supporta con impegno massimo: Angelo Bernabucci (da arricchito che si esprime solo in romanesco stretto) è forse la sorpresa migliore, vera mina vagante capace di esaltarsi con punte di incredibile grettezza, aderente al prototipo del buro con i soldi, De Sica è il solito istrione (l’attore più vero, con Verdone), esplosivo ma allo stesso tempo controllato, la coppia Alessandro Benvenuti/Maurizio Ferrini è di un cinismo feroce, inevitabilmente divertente; Massimo Ghini è l’arrivato, il potente politico pronto a sfruttare la situazione, Verdone è semplicemente strepitoso nella sua caratterizzazione preferita del piccolo-borghese sull'orlo di una crisi di nervi. E le donne? Sullo sfondo. La Giorgi è ancora bella ma con Piero Natoli offre gli spunti meno interessanti, Nancy Brilli è tra quelli che qui recitano peggio, Athina Cenci è come sempre brava ma ripetitiva. Da apprezzare la qualità del racconto, la sceneggiatura perfettamente congegnata, il tentativo di mostrare davvero come potrebbe essere un ritrovo tra vecchi compagni di scuola. IL GRANDE FREDDO, da cui Verdone copia l'uso delle musiche, era meno centrato.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 13/04/07 20:32 - 3257 commenti

I gusti di Deepred89

Grandissima commedia italiana, senza dubbio la migliore di Verdone. Il film riesce ad andare oltre i confini del suo genere e a far coesistere le solite situazioni comiche con alcuni risvolti drammatici, permeati da un senso di disillusione e rimpianto. Buona la regia di Verdone, che riesce a gestire molti personaggi tutti interessanti senza diventare superficiale. Il cast è ottimo e pieno di bravi attori. Azzeccata la colonna sonora. Un film che fa riflettere e che in qualche modo rimane dentro.

Renato 23/07/07 19:32 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Il miglior Verdone, ma di una spanna proprio. La miscela tra umorismo - anche farsesco - e il racconto dei problemi di una generazione di trentacinquenni (ma il grande Bernabucci ne ha almeno 15 in più...) alle prese con crisi generazionali, tradimenti e così via è resa con una leggerezza che il regista, purtroppo, perderà presto. Sarebbe stato fin troppo facile scivolare in una retorica da quattro soldi, specie nel finale che invece convince come e più del resto del film. Dopo 20 anni, è quasi un classico.

Stubby 29/07/07 11:50 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Grande cast, per questa commedia di Verdone. Il film analizza una generazione di trentacinquenni che si ritrovano dopo un certi numero di anni a casa di una loro compagna di classe del liceo. Amori e vecchi rancori che ritornano, chi non vuole crescere e rimanere eternamente giovane... Odio e invidia la fanno da padroni. Momenti divertenti ma anche crudi. Un film che può far riflettere.

Xamini 29/07/07 15:56 - 991 commenti

I gusti di Xamini

Buonissima commedia all'italiana firmata da Verdone, che si ritaglia per sè il personaggio del "patata", nevrotico trentacinquenne sposato e infelice della propria vita. Non è il mattatore del gruppo, come non lo è nessuno, in realtà. Ciascun personaggio vive bene la sua parte ed è ben caratterizzato: c'è il logorroico che tutti vogliono scaricare, il romanaccio verace, gli innamorati 15 anni dopo, un De Sica furbetto e anche un po' bastardello. Il mio preferito, comunque, resta Benvenuti con il suo exploit divertente ma cinico; ciò che assieme alla disavventura di Verdone connota la pellicola.
MEMORABILE: L'accanimento iniziale sul povero Fabbris, colpevole di portare malissimo i suoi 15 anni dopo.

MTMPsicosi 2/08/07 21:32 - 11 commenti

I gusti di MTMPsicosi

Probabilmente il miglior Verdone di sempre. Di sicuro dopo il sodalizio con Leone. Progetto molto rischioso (il continuo agro dolce, troppi personaggi e imprigionati in una sorta di palco teatrale) che però il regista riesce a giostrare in maniera divina. Si ride, si pensa, ci si schiera. E non è poco. In assoluto il film più maturo del regista Romano. Bernabucci a parte (grazie al personaggio spicca su tutti) ottima prova corale di tutto il cast con qualche alto e basso fisiologico.
MEMORABILE: Guardate com'eri, guardate come sei: sembri tu' zio!

Puppigallo 25/08/07 09:32 - 4486 commenti

I gusti di Puppigallo

Questo film ha talmente tante frecce al suo arco tra gli attori, che la sceneggiatura passa tranquillamente in secondo piano (un po’ striminzita, ma sufficiente a far dare il meglio ad alcuni protagonisti). Ognuno degli attori dà il suo valido contributo (quando è comico è meglio), permettendo al film di proseguire senza particolari intoppi (a parte le forzate parentesi sentimentali con la Giorgi). Su tutti, svettano: Verdone, insicuro (ragazzina accompagnato), De Sica, a tratti strepitoso e Benvenuti, finto paraplegico d.o.c.. Notevole.
MEMORABILE: L'ex più bello della classe, ormai ridotto uno straccio vivente.

Galbo 28/08/07 06:04 - 11312 commenti

I gusti di Galbo

Probabilmente il film migliore di Verdone come regista (che ha assunto verosimilmente come modello Il grande freddo): prende perché girato sul filo sottile della malinconia e in quanto propone caratteri e personaggi che ciascuno può agevolmente riconoscere tra i propri ricordi. A dispetto di una sceneggiatura non impeccabile, il film si avvale di un cast ben amalgamato in cui, oltre a Verdone (a suo agio in un personaggio peraltro già visto), trova spazio De Sica, che offre la migliore prova della sua carriera.

capannelle 1/11/07 14:55 - 3690 commenti

I gusti di capannelle

Bravissimi attori e alcuni caratteristi indimenticabili (dal macellaio arricchito al napoletano logorroico, dal suocero maestro di vita al povero "Ferrini"). Verdone interpreta ma sorattutto dirige un mix perfetto di comicità e malinconia dove ogni situazione e ogni battuta rappresentano uno spunto di forte comicità, senza momenti di stanca (a parte alcuni dialoghi sentimentali durante i balli) e senza forzature di dubbio gusto. Prima parte teatrale, seconda più riflessiva ma sempre dissacrante. Mancava solo il compianto comm. Zampetti...

Gugly 4/01/08 22:29 - 1010 commenti

I gusti di Gugly

Commedia esilarante ma amara, decisamente un spanna sopra a Il grande freddo, al quale ovviamente si ispira. Tutta la narrazione e i personaggi sono regolati con la massima precisione. Peccato che alla fine resti un malessere di fondo perché, forse a parte gli ex liceali ancora innamorati, non uno esce bene alla fine della storia, personaggio di Verdone compreso, ma è stato giusto evitare il finale a tarallucci e vino. Per chi ha appena ricevuto l'invito di una rimpatriata tra amici che non vedeva da tempo.

Plauto 7/01/08 00:03 - 119 commenti

I gusti di Plauto

L'idea dell'incontro tra vecchi compagni di scuola è carina, molto romana, ma tutto il film sembra girato per non evidenziare questi dettagli e insiste invece sulla solita burrascosa storia d'amore verdoniana, in stile Cuori nella tormenta. Alcuni attori non c'entrano niente (Maurizio Ferrini alias Signora Coriandoli), altri sono troppo vecchi. Il finale, in perfetto stile Verdone, con la cicca di sigaretta (pure raccolta da terra: che schifo!). Insomma, niente di nuovo. Ci si accontenta di quello che passa il convento!

Redeyes 15/01/08 11:13 - 2128 commenti

I gusti di Redeyes

Il miglior Verdone di sempre. Impressionante e, forse, esagerato negli spunti. Personaggi strepitosi, mai troppo - ahimè- caricaturali. Difficile trovare nei o sbavature. Un amaro revival dei tempi del liceo, di antipatie covate, di amori nascosti, di frustrazioni e acide rivincite.
MEMORABILE: "A Fabris, ma come te se ridotto, manco tu madre te riconosce!". E poi: "Puzzava da vivo, te l'immagini che ce sta in quella bara..."

Pstarvaggi 18/03/08 12:18 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Sicuramente il più maturo lavoro di Verdone: un perfetto dosaggio di comico e patetico. Da buon attore, il regista (qui anche nel ruolo, non troppo invadente, del “Patata”) dirige alla perfezione i colleghi. Se De Sica, Ghini, la Brilli e il resto del gruppo, pur non legati da una sceneggiatura tutt’altro che ferrea, riescono ad offrire una prova di grande misura, il merito è da ascrivere proprio a Verdone. Ritratto amaro del fallimento di una generazione, il film estremizza quel fondo di malinconia tipico delle riunioni tra ex compagni.

Cangaceiro 1/07/08 21:09 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

È banale dire che si tratta del miglior film del Verdone regista ma è la palese verità. Carlo dirige con garbo e accuratezza il bel manipolo di attori coinvolti riuscendo a delineare benissimo tutti i caratteri dei vari personaggi puntando sull'umorismo amaro marchio di fabbrica della commedia all'italiana. Menzione particolare per l'allora sconosciuto Bernabucci, gettato nella mischia dal suo amico Verdone, che al suo primo film riesce ad entrare tremendamente in parte con una prova più che convincente.

Matalo! 24/07/08 18:34 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Alla fine, rivedendolo, mi son convinto che il Verdone migliore, con limiti ed eccessi, sia questo; comunque riuscito nel raccontare una e più storie di maggior respiro, con un'onestà di fondo che dà valore al film. Non tanto il suo personaggio quanto altri nel contorno e con un De Sica stranamente gigantesco, nel suo personaggio di mediocre cantante, sempre in bolletta, tra disperazione e vitalismo, "anticipatore dei discorsi di Prince e Madonna" (sic). Un film che ha il coraggio di finire malissimo e di sconsigliare a noi tutti rimpatriate.
MEMORABILE: De Sica in "Collant collant". Traversa/Fabris che manda a vaffa tutti. Benvenuti/Ferrini in uno scherzo che diventa (volutamente) odioso. Nancy Brilly.

Straffuori 13/08/08 22:43 - 170 commenti

I gusti di Straffuori

Esilarante, irresistibile, divertente ma anche triste, cinico, squallido per alcune situazioni e maledettamente vero e realista. Sulle ali della malinconia scorre una rimpatriata dopo 15-20 anni tra ex-compagni di scuola che porterà al delineamento di vecchie e nuove situazioni, a tragici epiloghi, a decisioni e a finali imprevedibili. Forse tra i migliori film di Verdone, con un cast completo di quasi tutta la comicità italiana "under 40" che è affiatatissima e dà il meglio di se. Da vedere assolutamente.
MEMORABILE: "Ho sbagliato festa"; Fabris & Finocchiaro; il giudice Santolamazza che si finge invalido. Ferrini che lo istruisce: "La Madonna, vedo la Madonna"

Tomastich 6/01/09 16:04 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Il più bel film di Carlo Verdone. Nonostante la sua durata, si spera sempre che non finisca mai nell'attesa di un'altra sventura o faccenda degli ex compagni di scuola. Proprio come in locandina, Verdone regista sa manovrare come un burattinaio l'immenso (numericamente ed anche qualitativamente) cast: da una bella Nancy Brilli ad un Ghini grottesco e cocainomane, dalla "musa" Hovey allo straripante De Sica, dal caratterismo dei Bernabucci e Natoli, alla bravura di Alessandro Benvenuti. Bello, da vedere e rivedere.

Brainiac 21/01/09 15:27 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Clamoroso cult di Verdone. Sì, anche per me è il suo miglior film, che funziona a tutti i livelli: quello comico, triviale e sboccato più che mai, quello satirico, perché il campionario di miserie umane qui rappresentato è completo e appagante. Gag da antologia, sceneggiatura calibrata, grendi interpretazioni (anche se macchiettistica la presenze di De Sica è molto divertente). Ed infine quel senso di malinconia che non lascia mai lo spettatore lungo tutta la visione. Bellissimo, posso vederlo all'infinito.
MEMORABILE: Scusi, mi sa dire dov'è Villa Scialoja?

Markus 11/04/09 20:52 - 3228 commenti

I gusti di Markus

Una classe di ex maturandi primi Anni ’70 si ritrova - imborghesita - nel 1988 per una festa commemorativa/nostalgica. All'epoca fu bollato come “Il grande freddo all'italiana”, in realtà la pellicola (di una coralità d’attori magistrale, ed è questo il maggior pregio) è caratterizzata da una felice sceneggiatura ricca di momenti spassosi (alcuni dei quali passati alla storia) alternati ad altri più riflessivi, senza che si scivoli nel patetico; insomma, non a caso è da molti considerato il più bel film di Verdone.

Ciavazzaro 19/04/09 11:57 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Non maluccio. Meno di quattro pallini sicuramente, ma non si può dire sia un brutto film. Verdone offre sia una buona regia che una più che discreta interpretazione; non male il cast di compagni di scuola: la Giorgi, Bernabucci e compagnia. Si lascia vedere piacevolmente fino alla fine.

Cotola 5/07/09 02:38 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Amaro ma terribilmente veritiero, è probabilmente il miglior film di Verdone e in ogni caso uno dei più maturi. Merito di una sceneggiatura discreta che dispensa una sana e robusta dose di cattiveria che colpisce un po' tutti i personaggi del quadro desolante descritto nel film. Buone la regia e la prova corale di un cast in buona forma, ben diretto e ben assortito.

Manowar79 3/09/09 15:04 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Verdone nel 1988 era ancora ai massimi livelli di ispirazione, tanto da poter essere considerato a tutti gli effetti maestro di una comicità ipocondriaca e talmente realistica da risultare, a tratti, spiazzante. La chiave di lettura di "Compagni di scuola" non è affatto quella buonista che inneggia al revival scolastico: anzi, l'incredibile cast qui riunito ci mostra l'effettivo suqallore di certe iniziative, che da un'idea simpatica si trasformano puntualmente in un tripudio di malelingue e disgregazione. Un film meraviglioso.

Sibenik 29/01/10 21:12 - 90 commenti

I gusti di Sibenik

Grande film con grande cast. Onore a Carlo Verdone che porta sulle scene la rimpatriata di una classe del liceo quindici anni dopo la maturità. Ruoli "tailor made" sugli attori per un'opera che unisce tutta la gamma dei sentimenti umani: cinismo, disperazione, amore, opportunismo, amicizia, umorismo. Quando - dopo aver demolito il povero Traversa - cala Bernabucci, sale De Sica; poi martellate di Ferrini-Benvenuti e samba con Verdone. Fantastico dall'inizio alla fine.
MEMORABILE: Tutto talmente memorabile da avermi fatto comprendere perché costituisca colossale idiozia recarsi alle rimpatriate dei compagni del liceo.

Franz 4/03/10 07:45 - 110 commenti

I gusti di Franz

Un Verdone così bravo a dosare la componente comica e quella melodrammatica non si era mai visto prima (né lo si vedrà nella fimografia successiva): riesce a orchestrare con i ritmi giusti l'intrecciarsi di storie tra ex compagni di liceo. È un film la cui amarezza di fondo prevale sulla risata. Cercare un'isola felice di amicizia nel proprio passato scolastico come antidoto ai mali presenti si rivelerà devastante per tutta la ex classe: servirà solo a constatare che la vita ci cambia e non in meglio. La dolce nostalgia di un Avati è altrove.
MEMORABILE: Il dipinto di Sironi; Ghini viscido politico cocainomane; La schiettezza corrosiva di Bernabucci; L'appello di classe tipo interrogatorio da Gestapo.

Ilcassiere 27/05/10 14:06 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Perfetto mix tra pura comicità e dolorosa malinconia. Va detto, è uno dei migliori film di Verdone, proprio per questa capacità di alternare momenti esilaranti e battute memorabili a ciniche analisi psicologiche delle debolezze e disperazioni dei protagonisti. Ce n'è per tutti i gusti: dall'insegnante innamorato di una sua studentessa al viscido politico cocainomane, dalla psicologa a cui nessuno chiede come sta al compagno sfigato che ha perso i capelli e nessuno lo riconosce. Molto veritiero il velo di frustrazione che aleggia su tutti.
MEMORABILE: Il Sironi con le zinne viola.

Nando 21/05/10 02:23 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Un Grande freddo all'Italiana con una narrazione cinica, ironica e stilisticamente discreta. Un cast ottimo che genera personaggi veritieri ma forse non troppo realmente 35enni. Verdone realizza un ritratto di una generazione analizzando i vari personaggi, alcuni divertenti, altri spocchiosi. D'altronde questa è la vita e rincontrarsi dopo 15 anni può portare a non riconoscere coloro con cui hai condiviso 5 anni di scuola. Menzione per Finocchiaro-Bernabucci, irritante Ghini.

Shannon 27/07/10 08:25 - 72 commenti

I gusti di Shannon

Una classe si ritrova quindici anni dopo la maturità: qualcuno ha fatto carriera, qualcuno no. Il tempo ha diviso in modo definitivo le strade dei protagonisti e i bei ricordi si scontreranno con la realtà del presente. Il fatto è che non bisognerebbe mai ritrovarsi. "Compagni di scuola" sarebbe potuto essere un capolavoro, ma troppe cadute di stile, qualche eccesso e personaggi poco convincenti rendono questo film riuscito solo a metà. Grandissimo Bernabucci nei panni del macellaio arricchito.

Zender 1/10/10 00:15 - 275 commenti

I gusti di Zender

Grande film corale, tra le migliori prove del Verdone regista. Diverso dalle commedie italiane tipiche, è più scanzonato in apparenza ma altrettanto feroce nelle caratterizzazioni. Può sembrare anche un po' artificioso quando ad essere in scena sono i meno "attori", perché molti ruoli son difficili e creare il giusto clima con tanti personaggi che interagiscono tra loro crea inevitabile disomogeneità. Ma il gioco vale la candela: i pochi momenti deboli sono compensati da "scene madri" esilaranti, da Fabbris a Tony Brando. Sorprende Bernabucci!
MEMORABILE: "E tu chi sei?"... "Nessuno... Non sono nessuno!"

B. Legnani 20/12/10 00:10 - 4672 commenti

I gusti di B. Legnani

Bel film di Verdone (***). Non è facile gestire vicende corali come questa, nelle quali non c'è un vero protagonista: regìa e sceneggiatura ci riescono molto bene. Ottime alcune interpretazioni (Bernabucci e De Sica su tutti), deboli altre (come, sorprendentemente, la Brilli), anche per taluni momenti di sceneggiatura non troppo convincenti (la vicenda della Giorgi) o tanto forzati quanto prevedibili (Ghini-Hovey, lui comunque bravissimo, lei la peggiore del mazzo). Film senz'altro da vedere.

Fabbiu 20/09/10 16:44 - 1925 commenti

I gusti di Fabbiu

Probabilmente una delle migliori prove per il Verdone sceneggiatore e regista. Il tema (molto ambizioso e particolare) della rimpatriata di vecchi compagni, potrebbe offrire notevoli spunti, viene ben concepito e sviluppato, ma talvolta tende a essere rappresentato con un pizzico di patetismo e irrazionalità. Non male la squadra composta da tanti buoni attori, ognuno dei quali ha a suo modo una storia (Fabris se ne esce di scena dopo pochissimo), ma stento a credere in climi simili in una reunion di gente che non si vede da anni.

Rambo90 8/10/10 22:22 - 6275 commenti

I gusti di Rambo90

Bellissimo film di Verdone, amaro e divertente allo stesso tempo, con un cast corale in forma strepitosa che garantisce momenti di grande cinema italiano. Verdone attore è una spanna sugli altri, seguito dai bravi De Sica, Benvenuti, Ghini e dalle macchiette Bernabucci e Traversa (il povero Fabris!). Qualche episodio è superfluo ma nell'insieme è una delle migliori commedie italiane anni '80. Nel cast femminile si distinguono Eleonora Giorgi e Nancy Brilli.
MEMORABILE: Il tormentone iniziale di Fabris e l'umiliazione di Cianciulli (alias Tony Brando) creduto un ladro.

Stefania 14/11/10 15:16 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Col sorriso sulle labbra e un nodo nella gola, Verdone racconta il ritrovarsi di ex compagni di liceo dopo quindici anni di "diaspora": più che di una sconfitta storica, collettiva, come ne Il grande freddo, qui abbiamo tante singole sconfitte esistenziali. Calibratissima commedia corale, di notevole verità ed equilibrio, non c'è alcuna forzatura nei personaggi, certo Verdone si ritaglia il ruolo più gustoso, ma De Sica gli sta alla pari. Film non moralista ma impietoso nello svelare poco a poco la distanza tra l'apparenza dei personaggi e la loro verità. Notevole!

Piero68 5/11/10 10:04 - 2751 commenti

I gusti di Piero68

Stupendo affresco generazionale fine Anni Ottanta: dai sogni di adolescente alla triste realtà della vita. Come hanno già detto tutti uno dei migliori film di Verdone in assoluto. Regia e sceneggiatura con pochissime sbavature. Cast ben assortito e assolutamente fuzionale alla narrazione. Penso che comunque la forza trainante del film sia il fatto che lo spettatore non può non immedesimarsi con uno dei personaggi o con la situazione stessa. Anche se con molte sterzate sul drammatico rimane comunque una delle migliori commedie dell'epoca. Per riflettere.

Boia93 28/12/10 20:26 - 9 commenti

I gusti di Boia93

Uno stupendo Verdone in piena forma che firma uno dei suoi più grandi capolavori. Ineccepibile sceneggiatura, magica location e perfetta caratterizzazione dei personaggi vanno a compensare l'inesistenza della trama: non c'è volutamente e non per questo il film è noioso, anzi. Ottimo il cast, esilaranti Bernabucci e De Sica, magistrale Verdone. Un film più che buono.
MEMORABILE: "Tu me devi dì chi è quello. Nun te do 30 secondi, te do 'na settimana" (Walter Finocchiaro rivolto a Luca Guglielmi, parlando di Fabris).

Dengus 18/01/11 09:50 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Il Verdone della maturità, che fa i conti con se stesso; su tutti prevale la sagacia crudele di Finocchiaro (ottimo Bernabucci). De Sica non vanziniano fa lo spiantato, ma smaschera uno scherzo di dubbio gusto. È la fiera della malinconia segnata dagli anni (compagni deceduti, fallimenti professionali, infarti, divorzi, ragazze madri, sterilità, matrimoni no). Odiosi i personaggi di Ghini, Ferrini e Benvenuti. Una riflessione: alla fine il povero Fabbris, vedendo cosa sono diventati i suoi compagni, è forse l'unico che ha capito tutto dalla vita. Ottimo lavoro.
MEMORABILE: Uno nun se po' presentà ridotto così, deve mannà un certificato... ma d'ufficio d'igiene però!; Patata (Verdone) quando parla al telefono; Ciardulli menato!

Il Dandi 20/01/11 13:00 - 1731 commenti

I gusti di Il Dandi

Ormai un classico imperituro, l'ultima grande commedia all'italiana del secolo. Verdone non è nuovo al mix di comicità (all'occorrenza anche greve) e di malinconia, ma stupisce come regista degli altri attori (tanti, al punto che rischiavano di essere troppi) in un film in cui per la prima volta il Verdone attore non è il protagonista assoluto (per la verità non lo è nessuno). Tante le battute entrate meritatamente nella storia e nel lessico comune. Occasione d'oro per attori bravissimi mai sfruttati così bene prima (e forse neanche dopo).
MEMORABILE: Bernabucci davanti al quadro che De Sica vuole vendergli: "Ma c'ha le zinne viola!" -"Certo è del periodo pessimista, il più raro!"

Nancy 8/12/11 21:04 - 771 commenti

I gusti di Nancy

Una grande commedia corale dai toni agrodolci: i rimpianti e le amarezze, anche se mascherati da carriere di successo, di alcuni compagni di classe che ormai da quindici anni si sono persi di vista. Come un'idea semplice e realizzata quasi interamente in ambiente unico possa diventare, se al suo servizio si mette una sicura regia e un ottimo cast, un mezzo capolavoro. Esilarante ogni sequenza: si viene a conoscere la vita di ogni singolo personaggio, caratterizzato in modo da risultarci familiare senza scadere nella banalità. Ottimo De Sica.
MEMORABILE: Fabris e i suoi pochi capelli; Verdone che sbaglia festa; De Sica in ginocchio col piattino in bocca.

Motorship 4/07/12 17:09 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Per me il miglior film di Carlo Verdone. L'attore e regista romano è al suo apice, soprattutto dietro la macchina da presa, ove si avvicina ai "mostri sacri" della regia italiana di tutti i tempi (Monicelli, De Sica...). Amaro, a volte anche cinico, ma divertente, il film continua il periodo aureo per Verdone che si protae fino al 95. Tra gli interpreti spiccano De Sica, Bernabucci, Verdone stesso e Benvenuti. Bene anche la Giorgi, Ghini, la Cenci; meno la Brilli, tra l'altro troppo giovane per interpetare una diplomata 15 anni prima, come notano tutti.
MEMORABILE: Bernabucci a Traversa (Fabbris): "A Fabbris! Sei peggiorato! Ammazza che crollo che c'hai avuto li mortacci...; Verdone sbaglia festa all'inizio del film.

Samuel1979 21/07/12 23:18 - 469 commenti

I gusti di Samuel1979

Prendendo spunto da una triste serata trascorsa con ex compagni di scuola e ispirandosi (almeno nell'idea), al film di Kasdan, il regista romano crea la sua opera più compiuta. Fra i tanti, bravissimi attori spiccano De Sica (nei panni di un cantante fallito) e Bernabucci (l'insolente Finocchiaro). Al di là delle scene comiche, il film rivela chiaramente una visione pessimistica nei confronti dell'animo umano.
MEMORABILE: Nun c'hai le gambe, ma c'hai un gran culo!

Liv 25/07/12 16:33 - 237 commenti

I gusti di Liv

Verdone ha saputo ben realizzare questo film dirigendo una squadra di attori con affetto e perizia. La mistura di amaro e divertente è immancabile in una commedia italiana: una delle ultime. L'ambiente è fin troppo romanesco (anche se con autoironia); certi personaggi malevoli diventano pesanti a lungo andare; la "storia" del Patata con l'allieva è una trasferta che spezza l'unità del film; finale inevitabilmente doloroso. Dosare la cattiveria, la buffoneria romanesca, l'amarognolo non era facile, ma Verdone è stato all'altezza dei suoi maestri.

Cloack 77 4/09/12 17:51 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Un disastro che parte dai personaggi (troppi), arriva alla sceneggiatura (impossibile seguire tutte le storie: alcune inutili e appena accennate, altre scontate dal primo minuto, altre abbandonate oltre il finale) e coinvolge la regia (piatta e impacciata nell'unità di luogo). Insomma un Verdone irriconoscibile, un Benvenuti allucinante tanto da essere meno credibile del personaggio interpretato, una Cenci marmorea e via via per l'infinito cast. Tappano alcune falle solo il "Brando" di De Sica e il politico di Ghini.

Modo 23/09/12 08:44 - 816 commenti

I gusti di Modo

Ottimo Verdone. Film che poteva rivelarsi banale, visto la trama non originale ma sviluppata magnificamente. Introspettivo, irrispettoso, cinico, drammatico e nello stesso tempo comico. Il cast è notevole e non mi sembrano ci siano particolari cadute di tono. Una delle migliori prove del ragista.

Homesick 4/12/12 07:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Perdonandogli qualche forzatura, si tratta del miglior film di Verdone, che continua sullo stesso amaro tenore di Io e mia sorella. La rimpatriata di vecchi compagni di scuola rivela la miseria, i rancori e lo squallore di quell’età adulta che fa infine rabbrividire la viriginea studentessa Hovey («Io non voglio diventare come voi!»). Regia sciolta ed esperta a servizio di ritratti veritieri: balzano all’occhio lo showman fallito De Sica, il buzzurro Bernabucci, lo sfigato Traversa, la mantenuta Brilli e i buontemponi Ferrini e Benvenuti; non meno concreto il professorino insicuro di Verdone.
MEMORABILE: Le ciniche battute di Bernabucci; L’irruzione di De Sica travestito da ladro e la pronta risposta dei gorilla di Ghini; Benvenuti finto invalido.

Fabiorossi 22/12/12 17:52 - 67 commenti

I gusti di Fabiorossi

Alla fine è sempre Carlo Verdone a dover fare i conti col passato. Ancora un film in grado di rievocare in ognuno di noi sensazioni già provate sulla propria pelle; a volte nostalgico e malinconico, a volte cinico sino all'inverosimile, il film dell'attore/regista romano proietta lo spettatore in una dimensione senza tempo, resa spesso comica dall’interpretazione di attori come Angelo Bernabucci o Christian De Sica. Perfetto nel suo ruolo Massimo Ghini. Ottima la scelta della tecnica in presa diretta. Film da quattro pallini.
MEMORABILE: "M'arendo... e tu chi dovressi da esse... te c'hai avuto un crollo". (Angelo Bernabucci "Finocchiaro") a (Fabio Traversa "Fabris")

Kriminal 18/01/13 21:19 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Indietro non si torna. Oltre la maturità la vita cambia e ti cambia in tutto e per tutto e questo film, fra i migliori di Verdone, con un grande cast di attori di tutto rispetto al top della forma, lo dimostra. La storia, con una partenza dolce da commedia borghese, sfocia poi nell'amaro quando i protagonisti rivelano i problemi che la vita ha portato loro. Mi ha colpito più di tutti lo sfogo finale di Athina Cenci, la psicologa single contro la sua volontà. Nota positiva la coppia Natoli-Giorgi che si riunisce. Non si può ricreare l'adolescenza.
MEMORABILE: Angelo Bernabucci tamarro arricchito; Nancy Brilli bellona mantenuta e scaricata dall'amante, finita sul lastrico; Christian de Sica cantante fallito.

Corinne 25/05/13 23:51 - 400 commenti

I gusti di Corinne

Uno dei migliori film di Verdone se non addirittura IL migliore. Chiaramente ispirato a Il grande freddo ma più riuscito e convincente, in pieno stile verdoniano fa largo uso di una comicità amara e cinica, spesso greve (soprattutto nelle uscite di Bernabucci, invero un po' troppo attempato nel ruolo di un 35nne). Nonostante qualche storia risulti superflua e sottotono, ha una dirompente carica dissacrante, confermando l'abilità del regista nel descrivere squallori e debolezze della società.
MEMORABILE: De Sica che smaschera Benvenuti; Tutte le scene col povero Fabris; Verdone che incontra il suocero.

Gabrius79 14/06/13 14:03 - 1183 commenti

I gusti di Gabrius79

Uno dei migliori film in assoluto di Verdone (forse il migliore) supportato da un'ottima squadra di attori (su tutti spiccano De Sica, Bernabucci e la Cenci). Un mix di sane risate e di momenti amari sapientemente miscelati da un'ottima regia che ci regala alcuni momenti da antologia. Film corale tra i migliori della commedia italiana.
MEMORABILE: Verdone che sbaglia festa e si ritrova in una festa con "duecento teste bianche".

Ramino 2/07/13 12:26 - 127 commenti

I gusti di Ramino

Pellicola girata a basso costo in quanto Cecchi Gori non credeva nell'operazione, si è rivelata, a mio parere, il miglior film di Verdone. Amara e cinica come non mai la storia, con gag memorabili (Bernabucci in primis). Verdone dirige la sua combriccola in maniera eccezionale: tutti rimangono nel ruolo senza eccedere troppo.

Jandileida 25/09/13 17:44 - 1236 commenti

I gusti di Jandileida

Per me il miglior Verdone "maturo", che dirige con misura un cast mastodontico (e tutto in parte) in quella che forse è una delle ultime grandi commedie corali all'italiana. Ed è proprio quel registro fatto di dolcezza e cinismo, di sguaiatezza e poesia tanto caro ai giganti del nostro cinema, che permette al romano di disegnare, con lievità, il ritratto senza tempo di una età di mezzo (tra i 30 e i 40) che si ritrova costretta a fare i conti con se stessa sullo sfondo di una micidiale, misera e tristissima riunione tra ex amici del liceo. Bellissimo.

Stelio 28/12/13 16:55 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Con Il grande freddo ha in comune molto poco, se non il fatto che Verdone l'abbia preso come spunto: tema, numero di personaggi, storia, messaggio e ambientazione non hanno nulla a che fare con il pur buon film americano. La stessa idea di base viene da un'esperienza reale del regista. Capolavoro assoluto, di un realismo quasi rivoluzionario, minato da una rivalutazione ancora lenta ma che (come gran parte delle pellicole nostrane) verrà fuori prepotententemente quando saranno passati altri decenni.
MEMORABILE: Questo è un Sironi. Tu non sai le serate che mi ha risolto. Perchè è anche un argomento di conversazione, sai.

Daniela 30/07/14 09:36 - 9095 commenti

I gusti di Daniela

Una riunione di trentenni ex compagni di scuola, cui partecipa anche uno ora professore, programmaticamente soprannominato "Il patata", con la ragazzina con cui ha una relazione: è l'occasione di un confronto fra presente e passato, fra chi ha avuto successo e chi no, chi è rimasto attaccato ai suoi sogni e chi ha messo pelo sullo stomaco, un bilancio esistenziale che, pur contando momenti comici, è essenzialmente malinconico. Forse non il più divertente film di Verdone, certo quello meglio strutturato, con personaggi ben definiti che restano impressi grazie a memorabili caratterizzazioni.
MEMORABILE: Il personaggio interpretato da Fabio Traversa, quello che nessuno riconosce

Ultimo 1/08/14 19:54 - 1336 commenti

I gusti di Ultimo

Un gruppo di amici di vecchia data si raduna in una villa per la classica rimpatriata: tutto lascerebbe presagire uns commedia "leggera", ma cosi non è, poichè le scene tipicamente umoristiche sono poche e oscurate dalla malinconia che pervade a suo modo tutti i personaggi. Il vero protagonista della storia è il gruppo (non un singolo) e questo rende il film ancora più originale. Il miglior film di Verdone regista.

Almicione 9/01/15 20:35 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Quindici anni dopo il diploma i vecchi compagni di scuola si incontrano per una rimpatriata: man mano che la serata va avanti tra saluti e rancori escono fuori i dissensi e le simpatie di un tempo e l'esito si rivelerà negativo un po' per tutti. Bisogna ammettere che l'idea è lodevole e non sprecata in sé, ma il resto – eccezion fatta, forse, per qualche battuta der Patata – è mediocre se non pessimo: la presa in giro (durata venti scene) del lato estetico di Fabris, la stilizzazione dell'intellettuale, ecc. Non siamo così lontani dai Vanzina.

Special 9/02/15 17:16 - 21 commenti

I gusti di Special

Il capolavoro di Carlo, senza alcun dubbio, insieme a Un sacco bello e Bianco, rosso e Verdone, che lo avevano lanciato qualche anno prima. Ma se li c'era il travolgente talento macchiettistico a dominare la scena (troppo facile per uno come lui), qui abbiamo un capolavoro diverso, maturo nella scrittura (splendidi tutti e dico tutti, i personaggi) e nella regia, davvero non facile in quelle condizioni. Divertente e terribilmente cinico allo stesso tempo, il film dura due ore (!) ma volano che è una bellezza. Memorabile quasi tutto il cast.
MEMORABILE: Le vicende di Fabris e De Sica su tutte.

Viccrowley 16/06/15 01:38 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Quasi come un Monicelli ante litteram, Verdone regista realizza qurella che è forse la sua opera più completa e misurata. Un Grande freddo all'italiana corale e teatrale nella forma ma dalla sostanza stratificata. Personaggi di un cinismo dai toni caricaturali si mischiano a caratteri più dolci e spaesati (Er Patata di Verdone) o spacconi e truzzi all'inverosimile (Finocchiaro). Qua e là fa capolino qualche caduta di ritmo, ma l'insieme fa trasparire un quadro che oltre a essere divertentissimo fa riflettere sulla meschinità e il tempo che passa.
MEMORABILE: "Guardati com'eri, guarda come sei... me pari tu zio!"

Disorder 22/07/15 16:58 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Sarà che sono allergico a questo tipo di rimpatriate nostalgiche fra ex-compagni, ma questo film proprio non sono mai riuscito a farmelo piacere. Una sorta di Grande freddo all'italiana, infarcito di personaggi stereotipati (la psicologa sull'orlo della crisi di nervi, l'eterno immaturo, l'arricchito ecc...) e soprattutto mai davvero divertente. Verdone rimane defilato e lascia il campo a comprimari non sempre all'altezza. Fra tutti il migliore alla fine è De Sica, che è anche l'unico a dare un minimo di spessore al suo personaggio.

Paulaster 1/10/15 09:43 - 2679 commenti

I gusti di Paulaster

Utilizzando i toni da commedia Verdone riesce nell’impresa di far funzionare una coralità di personaggi solo con la forza di dialoghi anche spinosi e cinici. La sorpresa è Bernabucci, con un De Sica quasi a far da spalla; Ghini è perfetto nel ruolo e una lode anche per Benvenuti. Alcune sfumature sono forzate, come con la Giorgi, oppure troppo calcate come la vicenda familiare dello stesso Verdone. La Hovey sembra uscire da un libro di favole ed evapora velocemente.
MEMORABILE: La poppata di nascosto.

124c 2/10/15 16:45 - 2756 commenti

I gusti di 124c

C'è chi lo chiama il capolavoro adulto di Carlo Verdone, o Il grande freddo made in Italy; certo è che un ritratto dei trentenni anni '80 così acido e così cattivo, ancora oggi, resta imbattuto. Merito non solo di un Verdone in versione professore tontolone in crisi con moglie e amante, ma anche degli altri componenti del cast, a cominciare da Christian de Sica che ci regala una delle sue cine-performance più riuscite (altro che i cine-panettoni dei Vanzina!). Veramente perfido Alessandro Benvenuti in versione finto disabile. Bella la Brilli.

Il ferrini 21/11/15 18:29 - 1647 commenti

I gusti di Il ferrini

Il miglior film di Verdone. Merito sicuramente anche del cast a disposizione, ma il vero miracolo qui lo fa proprio il regista romano, mantenendo per tutta la durata della storia un perfetto equilibrio fra il comico e il drammatico. Impossibile non riconoscersi in almeno uno dei presenti, o addirittura un po' in tutti, nella loro voglia di non invecchiare ma anche nella loro quotidiana disperazione. Un gran film, un'opera corale che Verdone ritenterà con il pur ottimo Ma che colpa abbiamo noi, senza però raggiungere lo stesso risultato.
MEMORABILE: Lo spietato Bernabucci a Fabris (Fabio Traversa): "Guardete com'eri... Guardete come sei... Me pari tu' zio!"

Parsifal68 4/12/15 11:26 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un Verdone più maturo e consapevole traccia un'opera corale amara e malinconica che strizza l'occhio al Grande freddo di Kasdan. Non tutti gli attori sono in parte, ma il film ha il pregio di farci vivere quel senso di tristezza per il tempo passato e passato male tra delusioni, sofferenze e frustrazioni. Dopo un inizio soft, pian piano viene fuori tutto il catalogo della miseria umana e si smette di ridere. Inverosimile pensare a un liceo con persone provenienti da tutta Italia, ma tant'è...
MEMORABILE: La scena iniziale con Finocchiaro che prende in giro Fabris.

Thedude94 13/01/17 12:08 - 521 commenti

I gusti di Thedude94

Oltre a una sorprendente regia, Verdone ci permette di riflettere con ironia (e allo stesso con molta malinconia) sugli anni giovanili che abbiamo tutti vissuto durante il periodo della maturità. Il suo sguardo è molto triste, ma non tanto per il ricordo svanito di quel periodo di giovinezza, ma più che altro per il presente che sono costretti a vivere e raccontare i compagni; questo è fatto quasi per tutti di insoddisfazione generale e di disillusione perenne della felicità. Detto ciò ci sono dei momenti davvero esilaranti e che sono diventati dei cult.
MEMORABILE: Bernabucci e il finto invalido Benvenuti.

Pessoa 26/07/17 20:10 - 1091 commenti

I gusti di Pessoa

Verdone elabora lo spunto di Kasdan inserendolo in una realtà più tangibile, in cui è quasi inevitabile riconoscersi. I consuntivi delle vite dei protagonisti si alternano a episodi comici fra i migliori mai girati dal regista e rendono la visione più che godibile, poiché riducono quasi a zero le pause di una sceneggiatura molto curata. Confezione pregevole grazie anche all'impegno di un cast molto valido in cui emergono, oltre allo stesso Verdone, De Sica, Benvenuti e il compianto Bernabucci. Uno dei migliori prodotti italiani del decennio.

Alexpi94 27/12/18 20:10 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Un'ottima commedia, che alterna situazioni divertentissime a momenti malinconici (spesso pregni di spunti di riflessione) durante una nostalgica reunion (a distanza di 15 anni) tra ex compagni di scuola. Eccellenti interpretazioni e personaggi azzeccatissimi valorizzano ancor di più la pellicola, la regia di Verdone è davvero eccellente e le musiche danno quel tocco di malinconia di cui l'opera necessita. I 110 minuti (e passa) scorrono filati, senza momenti di fiacca e lo spettatore non può che rimanere soddisfatto. Il miglior Verdone!

Minitina80 19/09/18 09:17 - 2268 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile contraddire coloro che lo definiscono il lavoro della maturità artistica di Verdone. La scrittura rasenta la perfezione riuscendo a tratteggiare magnificamente ogni personaggio. Stesso dicasi per la regia, che riesce nell’impresa di titanica di dirigere un cast numeroso raggiungendo ottimi risultati. Verdone pesca nel quotidiano portando sullo schermo paure, debolezze e vanità che possono appartenere a chiunque, compresa la voglia di apparire migliori di quello che si è in realtà, peccato veniale specchio delle debolezze umane.
MEMORABILE: “Teribbile!!!”

Magi94 4/12/18 22:45 - 650 commenti

I gusti di Magi94

Stereotipatissimo fino al midollo in ogni personaggio, ma tutti gli attori interpretano la parte talmente bene da far risultare i loro stereotipi sentiti e reali, le loro storie coinvolgenti. Fa eccezione il romanzone scontato e malamente verdoniano di Cataldo e Vettorazzo, ma si perdona. Spiccano nell'amarezza generale (il film è pregno di sentimenti negativi) le derisioni al povero Fabris, l'arroganza di Finocchiaro e la storia dello scherzo della sedia a rotelle, finita malamente come la serata. Minore interesse per la storia di Verdone.

Bruce 27/03/20 12:03 - 1000 commenti

I gusti di Bruce

Verdone qui mostra una notevole abilità nel tenere insieme una decina di personaggi rendendo credibile la rimpatriata di vecchi compagni di liceo che si trovano per una serata dopo una ventina d'anni. Non mancano gli spunti comici ma la commedia è intrisa di una sottile malinconia legata al passare del tempo e alle difficoltà della vita. Si ride ma non solo. Ottimo cast.

Lou 5/04/20 12:34 - 934 commenti

I gusti di Lou

Il ritrovo dei compagni di scuola è l'occasione per mostrare, tra comicità e amarezza, un grottesco campionario di varia umanità. Così troviamo tutti insieme personaggi con caratterizzazioni molto marcate tra cui lui, Verdone in versione "er patata", nevrotico e insicuro professore di lettere in una scuola di periferia, in crisi con la moglie e innamorato di una sua studentessa. A rivedere oggi questo film si sorride ancora e si apprezza la capacità del regista romano di ironizzare sulle nostre debolezze.

Mickes2 4/04/20 16:53 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Disillusa e malinconica, cinica e agrodolce commedia di Verdone (qui al suo meglio o quasi) che attraverso una messinscena corale mette in risalto uno spaccato fra passato e presente raccontando momenti ritrovati e rimorsi, vinti e vincitori. Sicuramente ben eterogeneo nei vari caratteri, nell'alternanza di toni, il film diverte grazie a dialoghi brillanti e situazioni ottimamente costruite. Perde qualcosa nella fase conclusiva, come se mancasse quel tocco poetico del finale "potenzialmente infinito".
MEMORABILE: Il povero Fabris; I personaggi di De sica, Bernabucci e Verdone.

Pinhead80 7/07/20 11:42 - 3830 commenti

I gusti di Pinhead80

Dopo quindici anni un gruppo di ex compagni di scuola si ritrova in una villa per una rimpatriata. Quella che doveva essere una festa tra amici si trasformerà in un cinico gioco al massacro. Una grande commedia capace di far sorridere e allo stesso tempo di essere cattiva fino in fondo, che mostra i lati pìù fragili e quelli peggiori dell'essere umano. All'interno di questa meravigliosa opera di Verdone sono presenti le inquietudini maschili di una generazione spaesata dai cambiamenti sociali e di genere. Straordinaria e straripante la performance di Angelo Bernabucci. 
MEMORABILE: Il "massacro" compiuto ai danni del povero Fabris. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Maxsa • 8/06/15 13:51
    Disoccupato - 3 interventi
    La storica villa "Scialoja" riappare, 25 anni dopo, nella fiction Mediaset Furore - il vento della speranza, ambientata negli anni '50, come abitazione di uno dei protagonisti, fintamente collocata in Liguria. Dal salone con camino, al salottino col telefono nella stessa posizione del film di Verdone, fino al bagno pieno di specchi...
  • Discussione Capannelle • 4/10/15 11:26
    Scrivano - 2491 interventi
    Brainiac ebbe a dire: un film con un grado di "rivedibilità" praticamente infinitoidale. :-) Ahah verissimo.
  • Discussione Ruber • 6/10/16 19:30
    Compilatore d’emergenza - 8939 interventi
    Non e un mistero che Carlo prese spunto dal film: Il grande freddo anche se si differenzia non poco da suo omonimo americano, ma non e neanche mistero che lo spunto venne da una triste rimpatriata di compagni di liceo avuta da Carlo e De Sica qualche anno prima.
  • Discussione Buiomega71 • 6/10/16 19:53
    Pianificazione e progetti - 21655 interventi
    Ruber ebbe a dire: Non e un mistero che Carlo prese spunto dal film: Il grande freddo anche se si differenzia non poco da suo omonimo americano, ma non e neanche mistero che lo spunto venne da una triste rimpatriata di compagni di liceo avuta da Carlo e De Sica qualche anno prima. Personalmente Verdone batte Kasdan 10 a 0 Adoro quello di Verdone quanto detesto quello di Kasdan.
    Ultima modifica: 6/10/16 20:19 da Buiomega71
  • Discussione Ruber • 7/10/16 13:14
    Compilatore d’emergenza - 8939 interventi
    Due film molto diversi fra loro, Verdone gli è molto più superiore, il numero di personaggi del film di Carlo superiore s quello di Kashdan, e oltretutto la loro caratetizzazione è molto superiore a quello americano. Carlo da lui prese solo l'idea (che comunque sia era stata anche un intuito di De Sica su una vecchia rimpatriata di ex liceali).
  • Homevideo Ruber • 22/01/17 22:44
    Compilatore d’emergenza - 8939 interventi
    Noi qui tutti si aspetterebbe il br...
  • Discussione Capannelle • 25/09/19 11:57
    Scrivano - 2491 interventi
    Da un intervista di Verdone a Radio 2. "Ieri sono andato a controllare il restauro di Compagni di Scuola, che sarà presentato il 18 ottobre al Festival del Cinema di Roma. Ho visto la correzione del colore, di come è stato restaurato. Me lo sono rivisto tutto, in religioso silenzio. Ho capito la fatica immane che ho fatto, è stato veramente un miracolo quel film. Fatto di energia, equilibri, sinergia tra gli attori, che si sono sempre voluti bene. Non c'è mai stato un momento di gelosia o di frizione. Oggi posso dire che 'Compagni di Scuola' è sicuramente il mio miglior film. L'ho capito ieri pomeriggio. Ero indeciso tra questo, Maledetto il Giorno che t'ho incontrato e A Lupo a Lupo. Oggi invece ho capito che il migliore è Compagni di Scuola. Ho capito che questo film resterà immortale. E questo mi fa molto piacere".
    Ultima modifica: 25/09/19 11:58 da Capannelle
  • Discussione Markus • 25/09/19 18:34
    Scrivano - 4788 interventi
    Capannelle ebbe a dire: Da un intervista di Verdone a Radio 2. "Ieri sono andato a controllare il restauro di Compagni di Scuola, che sarà presentato il 18 ottobre al Festival del Cinema di Roma. Ho visto la correzione del colore, di come è stato restaurato. Me lo sono rivisto tutto, in religioso silenzio. Ho capito la fatica immane che ho fatto, è stato veramente un miracolo quel film. Fatto di energia, equilibri, sinergia tra gli attori, che si sono sempre voluti bene. Non c'è mai stato un momento di gelosia o di frizione. Oggi posso dire che 'Compagni di Scuola' è sicuramente il mio miglior film. L'ho capito ieri pomeriggio. Ero indeciso tra questo, Maledetto il Giorno che t'ho incontrato e A Lupo a Lupo. Oggi invece ho capito che il migliore è Compagni di Scuola. Ho capito che questo film resterà immortale. E questo mi fa molto piacere". Sono d'accordo con Carlo Verdone. Mi fa piacere che abbia capito con convinzione che questo si tratta del suo più bel film o quanto meno quello meglio riuscito; anche perché in passato, come ha dichiarato, non sapeva quale scegliere tra quelli che ha elencato (peraltro tutti validissimi, sia chiaro). Indubbiamente un film-chiave della filmografia italica Anni '80. Ripeto ancora una volta che per me il Verdone del quasi decennio 1987 (IO E MIA SORELLA) - 1996 (SONO PAZZO DI IRIS BLOND) è quanto di meglio abbia congegnato la sua mente. Poi il declino, ma ci sta.
  • Discussione Ruber • 26/09/19 17:38
    Compilatore d’emergenza - 8939 interventi
    Ahah ma Carlo cambia suo film preferito almeno una volta alla settimana. Ho letto anche io quest’intervista. Certamente Compagni di scuola è certamente uno dei suoi film migliori della sua intera filmografia, è uno di quelli a cui è più legato . Tuttavia sevo dirvi che come scrivevo sopra lui cambia il suo miglior film almeno una volta se non due volte alla settimana :)) c’è stato il periodo in cui diceva da ogni parte che era Borotalco, poi Al lupo al lupo perché in parte biografico, sinceramente per non ha mai nominato Maledetto il giorno, sarà una novità;) più che dire il suo film migliore è giusto dire i suoi film a cui è più legato che sono: un sacco bello, Compagni di scuola, Borotalco, Al lupo al lupo.
  • Musiche Falcao1970 • 31/05/20 15:32
    Disoccupato - 5 interventi
    Io ho riconosciuto questi brani (non escludo ce ne siano altri): Sugar Sugar - The Archies https://www.youtube.com/watch?v=h9nE2spOw_o In the Midnight Hour - Wilson Pickett https://www.youtube.com/watch?v=Il-usrZxGns Do It Again - Steely Dan https://www.youtube.com/watch?v=jmdiKePVUy8 Born On The Bayou - Creedence Clearwater Revival https://www.youtube.com/watch?v=wIjUY3pjN8E Can I Get It From You - Dave Berry https://www.youtube.com/watch?v=XOvdLtA0N3M First of May - Bee Gees https://www.youtube.com/watch?v=LqB2UXmMZHs With A Girl Like You - The Troggs https://www.youtube.com/watch?v=3bCGacIl2f0 Love Is All Around - The Troggs https://www.youtube.com/watch?v=WO6glz0wpmo Morningside - Neil Diamond https://www.youtube.com/watch?v=tTMjpLvMJjA Una ragazza in due - I Giganti https://www.youtube.com/watch?v=S2I81fr7uw8 Dream A Little Dream Of Me - The Mamas & The Papas https://youtu.be/ajwnmkEqYpo