Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/08/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 1/08/07 13:28 - 3763 commenti

I gusti di Caesars

Come nel precedente Pane e tulipani la vita regolare di una donna viene sconvolta da accadimenti imprevisti che la porteranno a viverne una più completa. Ben interpretato e diretto con professionalità, il film non è male ma sa di già visto. Forse è il genere, che incomincia a stufarmi un po'.

Galbo 18/02/08 07:29 - 12368 commenti

I gusti di Galbo

Film che possiede lo stesso tono lieve, la stessa leggerezza e la stessa deliziosa protagonista (Licia Maglietta) del precedente Pane e tulipani, del quale sembra l'ideale continuazione. Particolarmente curata dalla buona sceneggiatura la figura della protagonista, Agata, colta in un passaggio fondamentale della propria esistenza che prevede l'abbandono delle certezza a favore di una vita più incerta ma in qualche modo più viva. Bravi tutti gli interpreti.

Homesick 12/05/08 11:49 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia agrodolce discreta e piacevole con le luci puntate su una donna colta in un momento cruciale per i suoi sentimenti e, di conseguenza, per la sua vita. Si respira un’aria di unità familiare e di rinsaldamento degli affetti e la sceneggiatura è a tal scopo sufficientemente accurata. La Maglietta, Solfrizzi e Battiston si confermano buoni attori, ma la mia preferita è l’avatiana Carla Astolfi, nel ruolo della zelante e fidatissima geometra Tirabassi.

Saintgifts 3/05/09 16:46 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

il film mi ricorda, nell'uso violento dei colori e anche nei personaggi, certa filmografia spagnola. La storia è raccontata in modo confuso e con l'utilizzo di effetti poco credibili (lampadine che saltano), ma che riempiono. Va tutto bene se si prende con lo spirito di una favola. Ciò nonostante il film è girato professionalmente e gli attori e una discreta sceneggiatura, salvano tutto. Punto esclamativo per la Maglietta.

Tarabas 6/07/09 17:38 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Agata è una 40enne complicata: dove passa lei si fulminano le lampadine, ha un fratello architetto in carriera, sconvolto dalla notizia di essere stato"comprato"neonato dai genitori. La famiglia parallela è composta da un fratello piazzista con moglie paralizzata. La rivoluzione delle loro vite è appena cominciata. Favola vagamente almodovariana, che cerca invano il tocco vincente del predecessore Pane e tulipani. Bravi attori, belle idee di messinscena, bella fotografia. Ma è lungo e senza vera ispirazione, schiavo dell'estetica del carino. Peccato.

Brainiac 26/07/09 16:21 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Film confuso. Le buone intuizioni di Pane e tulipani vengono gettate alle ortiche a causa di una sceneggiatura dispersiva (le azioni degli attori, nel precedente film minimali, acquisivano uno spessore malinconico che in Agata riecheggia solo nel finale). Film con troppe stratificazioni di personaggi (in questo modo non ci si affeziona a nessuno e sembra di assistere ad una fiction aggrovigliata). Derivativo, pallida imitazione di Almodovar e delle sue commedie petulanti. E del Santamaria sdoppiato in Cgi, dei fenomeni paranormali, poi, che dire?

B. Legnani 25/08/09 15:56 - 5511 commenti

I gusti di B. Legnani

Ad un bellissimo mezzo film segue una seconda metà deludente. Il meccanismo è affascinante, infatti, quando scardina la "status quo" dei personaggi, ma si fa affannoso e talora con eccessi (lo svelamento del padre e l’arrivo della danese sono ridicoli) e con sfasature (o difficoltà comprensive) spazio-temporali, quando vuole stabilire un nuovo “ordine”. La misura della Maglietta (lattea e solare allo stesso tempo) risalta ancor di più in un cast che spesso cade nell’eccesso. Inferiore a Pane e tulipani.

Enricottta 22/03/10 12:44 - 506 commenti

I gusti di Enricottta

Sembra volere attingere a piene mani da Pane e Tulipani, ma a parte alcuni spunti e il cast non gli somiglia molto. Stile abbastanza personale per un film che ha nella leggerezza il suo punto di forza, non ti sbellicherai mai dalle risate, non piangerai mai per la tristezza, ma resterai contento di una storiella senza pretese. Licia Maglietta brava, il contorno accettabile. Nulla di che, direbbe mia zia.

Macguffin 7/08/11 11:27 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Combinazioni di amore di vita raccontate da Soldini con tocco leggero, non privo di divertita umanità ma un po' troppo lezioso. Manca qualcosa che resti veramente impresso, come una simpatica canzoncina ben arrangiata che ascolti con piacere ma di cui ti dimenticherai in fretta. L'impressione è che si sia provato a riprodurre la ricetta di Pane e tulipani ma senza ritrovare quella chimica vincente.

Capannelle 8/08/12 08:37 - 4389 commenti

I gusti di Capannelle

E dai, sfruttiamolo il successo di Pane e tulipani, anche se sappiamo che ripetersi è impresa ardua. E questa pellicola non fa eccezione, nonostante le ambientazioni siano ben preparate e la regia valida. Ma ci sono forzature narrative anche pacchiane (i genitori, il semaforo, i sosia) e personaggi poco convincenti (la Massironi e in parte Solfrizzi quando insiste nel crucciarsi) che vanificano alcune potenzialità della trama. Sempre bravi la Maglietta e Battiston, come anche la collega libraia e la segretaria dello studio.

Silvio Soldini HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Pane e tulipaniSpazio vuotoLocandina Giorni e nuvoleSpazio vuotoLocandina Un'anima divisa in dueSpazio vuotoLocandina Brucio nel vento

Manfrin 5/02/17 17:06 - 390 commenti

I gusti di Manfrin

Gradevole commedia ben diretta da Soldini che, dopo una prima parte lenta e piuttosto noiosa, si sviluppa piacevolmente creando alcune simpatiche situazioni tragicomiche, seppure un po' scontate. Nel cast Battiston si eleva forse sugli altri, ma brave anche le ragazze, meglio dell'anonimo Solfrizzi. Belle e sempre cratteristiche le ambientazioni sul delta del Po.

Paulaster 25/01/21 10:17 - 4345 commenti

I gusti di Paulaster

Libraia si invaghisce di un giovane cliente. Clima già visto in Pane e tulipani, con le ambientazioni a sostituire quelle veneziane e col personaggio brioso della Maglietta qui in piena tempesta emotiva. I vari segmenti narrativi risultano altalenanti: la Massironi prima è divertente, poi evapora; Solfrizzi si sveglia solo nel finale; più completo Battiston anche se il suo personaggio ha poche variazioni; Santamaria paga l’escamotage del doppio quando già era male ideato il suo ruolo.
MEMORABILE: L’approccio di Battiston alla barista; Solfrizzi che trova suo padre; Le vessazioni ricevute dal figlio; Il semaforo impazzito.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.