Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 1/05/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 10/05/07 23:30 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Vanzinata rievocativa di un'epoca e di un evento, a suo modo, spartiacque: l'inaugurazione del Piper, il "tempio" romano del beat. In prossimità dell'apertura seguiamo così le storie di una ragazza arrivata da Venezia per cantare (blasfemo riferimento a Patty Pravo), di un gruppo di aspiranti beat, di un cronista politico declassato alla cronaca sulle tracce di un onorevole con l'amante sotto il letto, e dei personaggi di contorno. Tutto stravisto e caramelloso, non ignobile. Ghini e (soprattutto) Mattioli senza sforzi sopra il resto.

Homesick 13/05/07 09:39 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Superficiale e leggerissimo, ma tutto sommato simpatico. L'ormai mitico locale romano è solo un pretesto per mettere in scena la solita fiction caramellosa, a base di conflitti e riconciliazioni familiari, amori e segreti. Molto scarsa la recitazione, a parte Mattioli, padre severo ma dal cuore tenero. Sempre fascinosa la rediviva Carol Alt. Patetica la Stella che si atteggia a Patty Pravo.

G.Godardi 19/05/07 19:40 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Ormai è palese che Vanzina è rimasto imprigionato in un limbo, quell'arco di tempo che va dal '60 a tutti gli anni 80. Fuori da tale range i suoi film non valgono una cicca, perché non sono veri. Paradossalmente c'è più aderenza alla realtà in questo tv movie che nell'ultimo Olè. Il film è simpatico e ben fatto, buona cura d'ambientazione e custumi, buona anche la scelta delle facce secondarie. Sorvoliamo sui giovani insipidi(Stella e Branciamore) e gustiamoci un bravo Ghini che fa il verso a Mastroianni e Mattioli simil Fabrizi. E la classe della Alt.
MEMORABILE: La telefonata del finto Dino Risi.

Dusso 7/02/08 16:07 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Non credevo, sicuramente la miglior cosa fatta dai Vanzina negli ultimi anni, anche se è un prodotto televisivo. Molto bellino, tutti bravi, ottima sopresa Martina Stella, la Falchi che adoravo da bambino e che ora non sopporto è la peggiore; bravo Ghini... insomma bravi quasi tutti, un bel prodotto! Ben fatta tra l'altro la ricostruzione d'epoca; tra i Vanzina anni 60 mi manca ancora Il cielo in una stanza. Spero di rimediare presto

TomasMilia 10/10/08 01:22 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Non è la storia del Piper ma una sorta di Nashville sul Piper. I Vanzina sono di casa con gli anni '60 e li ripropongono sempre con amore. Come in Anni '50 e '60 occorre scoprire le citazioni. Ghini e Mattioli superlativi come sempre. La Stella è odiosa come non mai nella parte della veneziana (in perfetto accento fiorentino!!!). Branciamore dà un'idea di 'falso'. La Alt è sempre sublime come bellezza e classe. Simpatici i personaggi secondari (il commissario di polizia, su tutti). I Vanzina sono gli unici che ancora ci badano.

Ciavazzaro 4/02/09 17:00 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Sufficiente. Meglio di altre produzioni vanziniane recenti, ma i limiti rimangono e anche ben marcati. Ci sono Carol Alt (e questo rende gradevole per certi versi la visione), l'insopportabile Matteo dei Cesaroni e la Stella che fa la Pravo (dimostrandosi però un'orrenda brutta copia). Non tutto fa pena, ma il livello è medio-basso.

Galbo 7/02/09 06:08 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Prodotto televisivo di media qualità nel quale i fratelli Vanzina dimostrano il loro pugnace attaccamento alla mitologia degli anni '60 dal quale non sembrano volersi distaccare nè al cinema nè in televisione. In realtà la capacità rievocativa degli autori è discreta ma il loro sguardo ha il grosso limite di essere assolutamente acritico ed impersonale, tutto giocato sull'aneddoto e l'episodio senza mai osare, cosa forse ingiusta da chiedere ad un prodotto televisivo.

Ultimo 20/01/16 11:06 - 1557 commenti

I gusti di Ultimo

Film per la televisione in perfetto stile Vanzina, con un viaggio negli anni 60 agli albori dello storico locale romano. Nulla di eccelso ma un prodotto per tutta la famiglia, con il difetto di un cast di livello basso (Branciamore, Ghini e le bellezze Stella, Falchi e Carol Alt). In certi momenti fa anche ridere, sopratutto quando entra in scena Mattioli. Come accade per parecchi prodotti dei fratelli Vanzina, anche qui emerge una certa nostalgia per il tempo passato. Con un suo perché.

Rambo90 1/11/17 23:31 - 7174 commenti

I gusti di Rambo90

I Vanzina quando fanno i nostalgici riescono quasi sempre a centrare il bersaglio. Questo film tv che segue l'apertura del Piper intrecciando come di consueto varie storie funziona, mantenendo un taglio sia abbastanza realistico che ironico. Il cast poi è ben scelto: Ghini è un attore a volte sottovalutato ma sempre naturale, Mattioli la solita garanzia di risate e buoni sentimenti, la Stella forse in una delle sue perfomance più convincenti così come Anna Falchi. Si sorride, il ritmo scorre liscio e non ci si pente di averlo visto. Buono.

Markus 10/10/20 10:20 - 3538 commenti

I gusti di Markus

Una certa Italia Anni '60 raccontata attraverso episodi intrecciati. Un vecchio classico per i Vanzina che anche in questo caso (un film per la tv) trova la sua ragion d'essere in una formula distensiva senza pretese, dotata di buon ritmo narrativo. Alcuni passaggi sono fondati e arricchiti sulla bravura di alcuni degli attori (Mattioli e Ghini su tutti); sul fronte giovanile decisamente meno incisivo (salva la baracca la bellezza di Martina Stella). Si rivede Carol Alt, ma i tempi di Via Montenapoleone sono lontani. Godibile.

Carlo Vanzina HA DIRETTO ANCHE...

Reeves 10/10/20 15:15 - 1113 commenti

I gusti di Reeves

I Vanzina quando raccontano gli anni Sessanta sanno sempre essere affascinanti. Qui si racconta l'apertura del locale piu importante dell'Italia beat, con una veneziana bionda che allude a Nicoletta Strambelli in arte Patty Pravo, con un giornalista che tutti chiamano Mastroianni, con dei ragazzi che sognano un gruppo beat e un padre tassista che invece vorrebbe tanto dormire. I Vanzina sono accusati di qualunquismo, ma come raccontano loro lo spirito di quel tempo non ci riesce nessuno. E poi Ghini è bravissimo!
MEMORABILE: "A Londra tutti si vestono così" "Si, ma qui siamo a stazione Ostiense!" (Mattioli litiga con il figlio beat).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Dusso • 26/04/13 18:40
    Archivista in seconda - 1688 interventi
    Zender se lo senti di a Marcel di far uscire il prima possibile il papiro su questa Vanzinata per lui ultima mancante
  • Discussione Zender • 26/04/13 18:47
    Pianificazione e progetti - 46214 interventi
    Sì, glielo feci nottare al tempo. Dice che l'ha visto di recente, però non posso obbligarlo a farmi dare dalla segretaria i sacri quaderni in anticipo. Quello risponde male, e la segretaria peggio...
  • Discussione Reeves • 10/10/20 17:00
    Call center Davinotti - 464 interventi
    Notevole l'imitazione di Dino Risi nella scena della telefonata. Pare che sia uno degli scherzi preferiti di Enrico Vanzina