I banchieri di Dio

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2002
Genere: biografico (colore)
Note: Aka "I banchieri di Dio - Il caso Calvi". La storia del banchiere Roberto Calvi.
Numero commenti presenti: 18
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 12/06/07 13:36 - 2758 commenti

I gusti di Caesars

Opera d'impegno civile e politico che ripropone sugli schermi gli ultimi giorni di vita di Roberto Calvi, ottimamente interpretato da Omero Antonutti. Ferrara è regista che ci ha abituato a questo genere di cinema e l'intenzione è meritevole, meno purtroppo la realizzazione. Le ragioni probabilmente sono dovute alla complessità della vicenda che è difficile da riassumere in circa due ore di spettacolo cinematografico; così l'intreccio rimane difficle da seguire nella sua interezza. Comunque un film importante per ciò che dice, più di come lo dice.

Galbo 2/01/08 15:52 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Ricostruzione della complessa vicenda di Roberto Calvi (e della sua misteriosa fine) e del Banco Ambrosiano. Film realizzato con indubbia professionalità da un regista che ha spesso affrontato (vedi Il caso Moro) le vicende della vita politica ed economica italiana. In questo caso però si ha l'impressione che Ferrara si sia limitato a svolgere diligentemente il compitino attraverso un'opera dal taglio tipicamente televisivo che non aiuta lo spettatore nella comprensione della vicenda.

Magnetti 6/01/10 11:30 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Film di impronta televisiva che ha il coraggio di fare nomi e cognomi e affrontare uno degli scandali più eclatanti della nostra Repubblica. Il regista in questo va premiato dirigendo molto bene senza timori e attaccando anche e senza sconti la chiesa e le relative operazioni finanziarie. Calvi certo era colpevole, ma la morte non è mai stata "indagata" adeguatamente dalla magistratura e allora ecco che vengono svelati i retroscena dei movimenti politici e finanziari di chi lo ha sfruttato facendolo diventare il capro espiatorio. Interessante.

Stefania 27/09/10 23:59 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Ha un certo spessore drammatico, una certa statura di tragico antieroe, questo Roberto Calvi, banchiere di Dio e di tanta altra gente, retrocesso da re a semplice pedina, da gallina delle uova d'oro a cavallo zoppo, strozzato dai sempre più complessi intrighi tra finanza cattolica, finanza laica, mafia e massoneria. Ricostruzione plausibile, abbastanza lineare, suffragata da circostanze storicamente accertate, del più grande scandalo finanziario-politico italiano. Pessimo il cast secondario, con un Giannini caricaturale e una Villoresi stonata ed esagitata.
MEMORABILE: La macabra simbologia massonica dello spudoratamente finto suicidio. Marcinkus che celebra, in Vaticano, la Messa di suffragio.

Trivex 28/09/10 13:57 - 1504 commenti

I gusti di Trivex

Osservato da laico, senza alcun pregiudizio verso quella storia italiana, emerge un buon film ed una discreta, per quanto incerta, ricostruzione della vicenda. Il film non può essere fonte di verità, rispetto ad una questione con molti lati oscuri e con alcuni personaggi dall'anima non certo trasparente. La messa in pellicola consente di sostenere bene il clima, sempre più cupo, con la tensione che spesso diviene palpabile. Per quanto concerne le facili scomuniche, ricordo ai censori il carattere umano della Chiesa in terra. I cattivi sono ovunque!

Homesick 28/09/10 17:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Per la complessità dei fatti inerenti il caso Calvi e le occulte, impenetrabili manovre di Vaticano, massoneria, politica, mafia e servizi segreti, il flusso narrativo è vorticoso e non di rado disorientante, ma grazie all’esperienza direzionale dello specialista Ferrara e all’impiego di attori appartenenti per lo più alla vecchia guardia si perviene ad un dossier accurato e audace cui non manca neppure il calore emotivo – propagato con l’ausilio delle musiche di Donaggio - avvertibile nelle precedenti opere del regista. Applausi ai caratteristi-sosia di Andreotti, Craxi, Forlani.

Tarabas 27/10/10 11:12 - 1716 commenti

I gusti di Tarabas

Ne scrive lo Stracult e non è necessariamente un bene. Il film vorrebbe raccontare gli ultimi anni di vita del banchiere Calvi, che da impiegato era diventato il padrone del Banco Ambrosiano, la principale banca privata italiana. Peccato che il cast sia impresentabile (a parte Antonutti), con menzione per Gassman che fa Pazienza e Giannini che fa Carboni, dicendo una battuta con l'accento sardo e l'altra no. Tragici i "sosia" e tragica anche la messa in scena da brutta fiction. La trama è, savasandir, oscura. Bancarottiero.

Nando 12/02/11 15:19 - 3495 commenti

I gusti di Nando

La spregiudicata carriera finanziaria di Calvi (sino al tragico ed arcinoto epilogo) narrata con stile asciutto e cronachistico senza orpelli di sorta. Il sottolineare la colpevolezza di alcuni apparati ecclesiastici rende la denuncia ficcante e veritiera. Cast di buon livello con un Antonutti in giusta evidenza.

Giùan 14/09/12 22:13 - 3044 commenti

I gusti di Giùan

Fa una contagiosa, verace simpatia (e un po' anche commuove) vedere, a quasi 50 anni dal suo esordio, la adrenalinica facondia di Giuseppe Ferrara. Col tempo perde di senso ogni dibattito sulle questioni di etica e forma cinematografica e ci si abbandona, paradossalmente, al puro piacere della visione. Se la "maschera" del Divo Giulio o la sagoma di Wojtila sfioran la carnevalata, fa rabbrividire veder all'opera gli ilari, balordi, viscidi "faccendieri" Gassman e Giannini, mentre Antonutti, affilato e diffidente, ci restituisce un Uomo non più un Caso.
MEMORABILE: Il birignao emiliano piemontese della Villoresi; Hauer/Marcinkus sul campo da golf; Calvi/Antonutti che "frigna" a letto; La squallida pensione londinese.

Fauno 21/01/13 13:06 - 1934 commenti

I gusti di Fauno

Prova lampante su come sia una grossa balla la storia che il potere deprime chi non ce l'ha. Certo che Calvi ha avuto una bella tempra a non crepare prima di ulcera gastrica perforata, vista la tensione e il logorio costante! Lasciando perdere i poteri occulti, diciamo che se in molti voglion tagliare un ramo secco, ecco che incaricano il gruppo che solo in apparenza sembra più estraneo ai giochi. Non arriva al top per le figure caricaturali date ai politici: Craxi non era così sfatto neppure ad Hammamet durante l'ultimo mese di vita...
MEMORABILE: "Miha siamo in Ameriha. Hui l'opinione publiha honta home il due di pihhe" (frase detta da un Venerabile Maestro residente a Castiglion Fibocchi).

Nicola81 16/11/14 15:54 - 2002 commenti

I gusti di Nicola81

Chi non conosca almeno in parte le vicende rischia di capirci poco, ma era difficile sintetizzare in due ore un groviglio in cui furono coinvolti banchieri, bancarottieri, faccendieri, Vaticano, servizi segreti, massoneria, partiti politici e mafia. Risultati non all'altezza delle lodevoli intenzioni e cast con alti e bassi, ma Antonutti è bravissimo nel tratteggiare un personaggio rimasto invischiato, per ambizione e smania di potere, in un gioco troppo grande, ma terribilmente umano nel suo ondeggiare tra rassegnazione e ingenuità disarmante.

Guru 1/04/16 14:28 - 348 commenti

I gusti di Guru

Ricostruzione interessante del caso Calvi e le vicende oramai note, nella storia, del crack del Banco Ambrosiano. La sceneggiatura complessa e articolata corre a una velocità tale da tagliare alcuni contenuti (anche se con grande stile) nell’incalzante giostra dell’alternarsi di personaggi e di situazioni. Ottima interpretazione della Villoresi e del geniale Giannini nei panni di Carboni. La figura di Calvi è avvolta dal mistero, la sua morte presenta ancora molti lati oscuri!

Deepred89 10/10/16 23:07 - 3306 commenti

I gusti di Deepred89

Tremendo scivolone di Ferrara, confusionario e di un grottesco (non si capisce quanto volontario) ingombrante e pagliaccesco. La progressiva caduta del protagonista (unico sopportabile del cast) ha un andamento ingarbugliato ulteriormente appesantito da personaggi di un caricaturale che si fa subito imbarazzante, con una trascuratissima fotografia che deprime ancora di più il risultato finale. A destare un minimo di curiosità solo i soliti giochi di potere tra istituzioni, seppur narrati in maniera ben più stanca e macchinosa che in passato.

Dusso 21/10/16 10:11 - 1539 commenti

I gusti di Dusso

Non è molto facile giudicare questo film. Qui si è deciso di usare una serie infinita di personaggi sosia e la ricostruzione anni 80 è praticamente assente. Girato in stile televisivo (e ritmo però indubbiamente incessante), con una scarsa fotografia (film del 2002 che sembra di 10 anni prima!), vista la vicenda reale a mio modo intrigante in ogni caso l'ho seguito con interesse.

Alex1988 9/05/17 18:32 - 665 commenti

I gusti di Alex1988

Con una grinta ammirabile, Ferrara ricostruisce la vicenda legata alla bancarotta del Banco Ambrosiano presieduto da Roberto Calvi che, insieme allo scandalo della P2, nei primi anni '80, sconvolse la politica italiana. Nonostante la durata (quasi due ore) e qualche sottotrama di troppo, il film non perde mai smalto. Buono anche il cast.

Paulaster 25/09/19 09:45 - 2859 commenti

I gusti di Paulaster

Cronistoria del crac del Banco Ambrosiano. Descrizione dettagliata (aiutata anche dai cartelli) per un intreccio tra finanza, politica e Santa Sede. A parte Antonutti, il resto del cast è di discutibile somiglianza (il Papa su tutti) e di conseguenza la resa dei fatti ne risente. Interessanti i ruoli dei faccendieri. Coraggioso nel proporre comunque la morte di Calvi come omicidio (mai provato) e nel fare nomi e cognomi a ogni occasione. Ultima parte eccessivamente schematica.
MEMORABILE: Il taglio dei baffi; Il Papa di spalle che fa la cyclette; Marcinkus che prega con Calvi.

Noodles 16/11/19 16:54 - 929 commenti

I gusti di Noodles

Come sempre, Ferrara mette le mani su un argomento estremamente scottante della storia recente italiana e lo analizza con interventi più o meno personali. Sotto l'aspetto narrativo la vicenda è raccontata molto bene, anche se in alcuni punti la sceneggiatura si disperde in mille rivoli. Non convince per nulla la recitazione. Ottimo Rutger Hauer nei panni di Marcinkus, non male Giannini e Antonutti, il resto è piuttosto scadente e rovina un po' il film. Buono, ma non il migliore del regista.

Daidae 22/03/20 15:13 - 2761 commenti

I gusti di Daidae

Senza entrare nella complessa vicenda politica, prendiamo il film dal punto di vista tecnico: pur avendo un taglio leggermente televisivo si lascia davvero apprezzare: la mano di Ferrara si sente e il cast recita benissimo. Ottima l'idea dei tre caratteristi che interpretano Andreotti, Craxi e Forlani, terribilmente somiglianti agli originali. Da vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.