Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Media utenti
Titolo originale: The Jesus Rolls
Anno: 2019
Genere: commedia (colore)
Note: Il protagonista del film è lo stesso Jesus Quintana presente ne "Il grande Lebowski" (1998), mentre la trama riprende quella de "I santissimi" diretto da Bertrand Blier (1974).
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/02/20 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 5/02/20 01:23 - 9854 commenti

I gusti di Daniela

Turturro torna a vestire i panni del giocatore di bocce Jesus Quintana ma sarebbe sbagliato aspettarsi un vero spin-off della pellicola di culto dei fratelli Coen, dato che i vagabondaggi oltre i confini della legge di lui e dei suoi due amici ricalcano quelli di una vecchia commedia francese di grande successo, mentre il bowling c'entra poco, a parte una breve sequenza che si conclude con un tango e uno sberleffo. In comune con il film dei Coen c'è piuttosto l'ironica leggerezza ed una vena di malinconia fatalista che trova personificazione nel bel personaggio interpretato da Susan Sarandon.

Paulaster 25/02/20 09:51 - 2931 commenti

I gusti di Paulaster

Jesus Quintana esce di prigione. Turturro riprende il personaggio de Il grande Lebowski e narra una sequela di scorribande senza costrutto. La sceneggiatura vive solo di reiterati furti d'auto e qualche incontro. La Tautou è l'unica che prova a fare qualcosa ma i suoi dialoghi parlano esclusivamente di orgasmi; la Sarandon è al limite del malinconico. L'unica scena che si aspetta con curiosità è il protagonista al bowling: puntualmente arriva il momento, ma poteva inserirsi almeno in un torneo.
MEMORABILE: La Tautou che riesce a sbloccarsi; L'incontro con l'uomo della sicurezza.

Galbo 21/08/20 07:04 - 11525 commenti

I gusti di Galbo

Uno dei personaggi più riusciti del film dei Coen torna in un film che è una via di mezzo tra un sequel e un remake. Convincono la caratterizzazione del personaggio, oltre che la raffinata e spassosa interpretazione di Turturro che incarna Jesus alla perfezione e che trova un ottimo partner in Bobby Cannavale, meno la trama poco organica e più fatta di momenti assemblati  e il deludente personaggio della Tautou. Ottima invece la breve prova della Sarandon.  

Enzus79 21/11/20 21:28 - 1892 commenti

I gusti di Enzus79

Mediocre spin off del bellissimo Grande Lebowski. Tutte le aspettative vengono deluse, non tanto per il personaggio di Jesus, che comunque rimane simpatico quanto grottesco, quanto per le vicissitudini che passano lui e la sua compagnia: un on the road privo di entusiasmo e che rasenta una banalità che dà quasi fastidio. Non ci si annoia, almeno. Oltre Turturro da ricordare anche un convincente Cannavale.

John Turturro HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 5/02/20 01:37
    Gran Burattinaio - 5364 interventi
    Film dalla genesi singolare che ne complica la catalogazione: difficile infatti stabilire se vada considerato prevalentemente uno spin-off oppure un remake. Ho citato entrambi i film di riferimento nella nota.

    Turturro si autodirige riprendendo un personaggio che ha certo molto amato ma il collegamento diretto con il film dei fratelli Coen credo possa aver ingenerato un equivoco, forse alla base della mediocre accoglienza da parte del pubblico.

    Chi si aspettava uno spin-off del Grande Lebowsky può infatti restare perplesso dalla piega che prende la trama, soprattutto quando diventa evidente che si tratta di un libero remake di una commedia francese trapiantata negli USA e con personaggi più invecchiati rispetto agli originali Gérard Depardieu, Patrick Dewaere e Miou-Miou de I santissimi.
    Ultima modifica: 5/02/20 03:12 da Daniela
  • Discussione Herrkinski • 5/02/20 04:05
    Vice capo scrivano - 2317 interventi
    Stavo per vederlo stasera. Gli darò un'occhiata comunque ma temo che il richiamo al Grande Lebowski sia più uno specchietto per le allodole e il divertimento sia limitato...
  • Discussione Caesars • 5/02/20 08:52
    Scrivano - 11745 interventi
    Grazie Dani, non avevo idea che il film fosse un remake non dichiarato de "I santissimi".
  • Discussione Daniela • 5/02/20 10:20
    Gran Burattinaio - 5364 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Grazie Dani, non avevo idea che il film fosse un remake non dichiarato de "I santissimi".

    Anche io non ne avevo idea, per cui, quando ad un certo punto durante la visione mi si è affacciato il ricordo di quel film francese che ho visto molti anni fa (ho comunque intenzione a rivederlo a giorni per un "rinfresco"), la cosa mi ha lasciato piuttosto perplessa.
    Però a film finito sono andata a vedere la scheda su IMDB e lì è indicata la doppia ispirazione del soggetto: fratelli Coen e Bertrand Blier.
  • Discussione Daniela • 5/02/20 10:28
    Gran Burattinaio - 5364 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Stavo per vederlo stasera. Gli darò un'occhiata comunque ma temo che il richiamo al Grande Lebowski sia più uno specchietto per le allodole e il divertimento sia limitato...

    Diciamo che non è il film che mi aspettavo, però l'ho trovato comunque gradevolmente ironico.

    Non credo che Turturro abbia ripreso il personaggio per utilizzarlo come specchietto per le allodole. Nonostante fosse stato un ruolo limitato quanto a minutaggio, aveva manifestato da molto tempo il suo desiderio di riportarlo sullo schermo, tanto che ad un certo punto ha deciso di auto-dirigersi.