LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Film di un realismo incredibile. Monicelli rifiuta questa volta di raccontarci una “storia” per concentrarsi unicamente sui sentimenti: quelli di un padre che prima cerca in ogni modo di far assumere il proprio figlio ragioniere al Ministero per cui lui già lavora da trentadue anni; poi, quando tutto sembra fatto, lo perde inopinatamente in uno scontro a fuoco tra polizia e banditi. Allora pensa a una vendetta spietata nei confronti dell’assassino, che concretizzerà in un delirio mentale senza fine. Sordi, ormai lanciato nel cinema drammatico dai tempi di DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO, non ha alcuna difficoltà nel delineare, con risultati strepitosi, un personaggio...Leggi tutto così intenso e poco incline alle facezie: se inizialmente è ancora brillante e riconoscibile nella sua tipica ruffianeria da borghese arrivista, dalla morte del figlio si trasforma interiorizzando i propri stati d'animo e facendoli trasparire grazie a una vis drammatica da Oscar. La moglie (una Shelley Winters piuttosto spenta) lo asseconda finché può, poi cede e non sa reagire di fronte all’enorme carica negativa del marito rinchiudendosi in un mutismo glaciale. L’esperienza nella commedia di Monicelli si fa sentire solo nella grottesca - e impagabile - scena del cimitero sovraffollato (girata in stile fantozziano), mentre nel complesso il regista punta come detto a un verismo esasperato, esaltando il più possibile i momenti in cui più si evidenziano i sentimenti del padre, disposto persino a farsi massone per assicurare al figlio il posto al Ministero. Il film appare un po' scarno, essenziale, ma tocca le corde giuste e colpisce nel segno. Comparsata per Enrico Beruschi cameriere in ufficio.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 7/02/07 12:21 - 4487 commenti

I gusti di Puppigallo

Padre che vive per il figlio fa qualunque cosa (diventa pure massone) per trovargli un lavoro. Glielo ammazzano durante una sparatoria. Un Sordi da applausi interpreta un ruolo non certo facile in un film che parte come commedia agrodolce per poi virare bruscamente nel dramma. Alcuni particolari non si dimenticano (la madre inebetita dopo la tragedia; il moscone che sbatte contro il vetro di quella che diventerà una prigione per l'assassino; l’anima via via più nera del protagonista, che scivola nell’abisso). Giù il cappello.
MEMORABILE: Sordi, che diventa Massone pur di trovare un posto di lavoro al figlio.

Stubby 30/04/07 18:17 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Un film straordinario con un interprete molto bravo e azzeccato nella sua parte (Sordi). Inizio divertente ma già costellato di situazioni che fanno riflettere, poi pian piano si va verso una maggior crudezza con un colpo di scena che ammutolisce. Commovente e spietato tutto il secondo tempo, con tutti i sogni di un padre riposti per il giovane figlio che vengono cancellati dalla morte di quest'ultimo. Anche qui (come già successo nel Cittadino si ribella di Castellari), abbiamo un uomo pronto a farsi giustizia da solo.
MEMORABILE: "Ho una cambiale che mi scade..." "Fregatene! L'importante è la salute".

Deepred89 16/06/07 14:36 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Gran bel film. Inizia come una commedia per poi trasformarsi un un dramma di una tristezza e una cattiveria che si vedono di rado. Autunnale la fotografia, molto malinconiche (anche troppo) le musiche, grandissimo Sordi. Alcune scene sono così strazianti da risultare grottesche (come quella ambientata al cimitero). Ottima anche Shelley Winters e discreto Crocitti.

B. Legnani 18/06/07 16:26 - 4675 commenti

I gusti di B. Legnani

Grande Sordi, padre che bara, che raccoglie la “summa” delle deluse speranze di un padre, vinto da un destino cinico e baro. Perfetto Crocitti, in quello che forse è il suo film della vita. Certamente non divertente, ma certamente un buon film. Mi ha ricordato, come spunto vendicativo, L’ultimo treno della notte e, come finale (che non finisce), la chiusura de Il giustiziere della notte.
MEMORABILE: Sordi: "Tanti nemici, tanto onore!".

Homesick 20/06/07 18:42 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Grande film dell’accoppiata Sordi-Monicelli. Con l’uccisione di Crocitti, quella che sembrava una delle tante commedie all’italiana si trasforma in un dramma cupo e disperato, in cui Sordi si trasforma letteralmente da ordinario padre borghese a spietato giustiziere. Finale ambiguo, punto di forza di tutta la pellicola. Immenso Valli – qui sempre alle prese con i suoi capelli forforosi - e toccante l’agonia della Winters, madre devota e prudente.

Galbo 17/01/08 05:47 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Tratto da un romanzo di Cerami, un film molto amaro e bello diretto da Monicelli, che riflette bene il clima cattivo e vendicativo dell'Italia degli Anni Settanta, di certo più cinica e meno solidale rispetto agli anni passati. La lucida e spietata vendetta di un padre viene raccontata con una bella sceneggiatura che segna efficacemente il passaggio dai toni della commedia (la parte iniziale) al dramma venato da tinte grottesche, perfettamente resa da una magistrale interpretazione di Sordi, in una delle migliori prove in carriera.

Capannelle 11/02/08 09:30 - 3691 commenti

I gusti di Capannelle

Monicelli e Sordi propongono un soggetto drammatico, perfettamente inserito nelle tensioni degli Anni Settanta italiani. Inizio leggero, con il classico quadro dell'italietta piccolo borghese, dove il padre "deve" sistemare il figlio. Ma una rapina cambierà la vita del ragionier Vivaldi, facendo emergere i suoi peggiori istinti e distruggendo per sempre quello che rimane della sua famiglia (impressionante la trasformazione della moglie). Attimi di satira sociale si alternano ad un quadro decisamente pessimista sulla rabbia e sulla solitudine umana.

Markus 19/05/08 09:56 - 3232 commenti

I gusti di Markus

Mario Monicelli firma, in pieni anni di piombo, uno dei suoi film più significativi, avvalendosi di un Alberto Sordi capace di farci sorridere come è solito fare, ma che lo vede cimentarsi in momenti di reale drammaticità ricordandoci il suo indiscusso talento di attore anche drammatico. La vicenda è quella di un padre in pre-pensionamento, che tenta di passare al modesto figlio il proprio posto al Ministero. Un terrificante evento cambierà le cose e, nella seconda parte del film, Sordi assumerà un imprevedibile ruolo di “giustiziere”. Efficace la descrizione del rapporto servile che ha Sordi con il datore di lavoro, come pure quello con il figlio.

Pigro 22/09/08 09:31 - 7704 commenti

I gusti di Pigro

Anziano impiegato sconvolto per l'omicidio del figlio si trasforma in giustiziere. Un capolavoro del cinema classico "all'italiana" dove la commedia si sposa con la tragica rappresentazione di una quotidianità di sopraffazione (massonica o criminale), toccando le corde più intime di un'umanità dolente. Monicelli ci conduce saldamente negli anditi riposti delle nostre aspirazioni e crudeltà, e Sordi è grandissimo nel passare dalla maschera realista del borghese alla complessità barbara del lato oscuro della psiche.

Brainiac 29/01/09 13:19 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Un paese stritolato dalla burocrazia, vessato dalla massoneria, dal nepotismo, dalla voglia di rivalsa sociale, dalla violenza. Era il 1977: è forse cambiato qualcosa da allora? Monicelli descrive i mali di un'intera società, ma la sua è una riflessione dolorosa, malinconica. Grandissimo film, interpretato da un magistrale Alberto Sordi, mai così cattivo, mai così frustrato e frustrante. Che dire, un capolavoro, ma di quelli che devi essere dell'umore giusto per poterti accomodare alla visione. Alienato.
MEMORABILE: Alberto Sordi si affaccia sulla via dal suo appartamento sulla Prenestina, proprio di fronte alla celebre sopraelavata fantozziana.

Cangaceiro 8/03/09 12:24 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Che tremendo pugno allo stomaco! Monicelli (e chi altro se non lui?) dirige magistralmente un film spigoloso, tetro e nichilista a forti tinte drammatiche (la musica è veramente toccante). Sordi, mostruoso in un ruolo difficile e a tutto tondo, con una prova grondante talento si dimostra un autentico orgoglio artistico italiano. Crocitti perfetto per la parte un po' come Momo in Profumo di donna. L'unico neo è l'eccessiva lunghezza della parentesi massonica, ma per il resto avercene di pellicole così...
MEMORABILE: La sparatoria e il pedinamento dell'assassino.

Renato 9/03/09 12:16 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Un ottimo film, con di base una signora sceneggiatura ed un Alberto Sordi ammirevolmente misurato, per una volta. Tutto sommato sono funzionali anche le volute scivolate nel grottesco, dalla scena dell'obitorio al personaggio di Romolo Valli, e contribuiscono al tono complessivo della pellicola. E' un film amarissimo, che lascia un forte senso di disagio dopo la visione.

Daidae 29/04/09 22:50 - 2720 commenti

I gusti di Daidae

Bel film a doppio binario (due generi: commedia nera e drammatico). Un padre di famiglia, che stravede per il figlio, fa tutto per lui: diventa massone, tenta di raccomandarlo e infine se lo trova ucciso davanti agli occhi. Molto toccante, bello e nella prima parte anche divertente. Attori ottimi per un regista perfetto.

Caesars 4/05/09 11:40 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Buon film di Monicelli a metà strada tra commedia e tragedia (ma più volta verso la seconda che non la prima), interpretata ottimamente da Sordi e dagli altri interpreti (Crocitti non riuscirà mai più ad avere un ruolo così interessante). La prima parte vede Sordi impegnarsi in tutti i modi per trovare impiego al figlio, poi la svolta drammatica. Merita assolutamente la visione.

Enricottta 14/09/09 19:54 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Il cinismo che hanno in grande quantità sia Monicelli che Sordi sfocia in un film amarissimo. Quando un attore comico incontra un ruolo tragico (vi ricorda qualcosa...) il comico muore. Cresce Sordi che da gran mattatore fa girare il film intorno a lui, da questa "mattanza" si salva solo Romolo Valli. Crocitti fa il fesso (sinceramente non mi è sembrato un ruolo troppo difficile).

Mtine 3/12/09 21:51 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Gran bel film, con un poliedrico Alberto Sordi che si "trasforma" durante tutto il film da impiegato borghese a un uomo anche feroce. Grande regia di Mario Monicelli, bellissima sceneggiatura (scritta con Cerami e Amidei). La storia è troppo lunga, e alla fin fine lascia troppo spazio alla parte iniziale, cioè quella che racconta del rapporto padre-figlio. Troppo cruda ed eccessiva la parte finale, in cui tutta la rabbia di Sordi sfocia nella violenza.
MEMORABILE: La morte del figlio e i dialoghi padre-figlio.

Giuliam 13/10/09 11:44 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Ogni interpretazione è ben accetta per questo quasi-capolavoro di Monicelli. Drammatico fino all'osso, "Un borghese piccolo piccolo", già dal titolo fa intuire la bassezza e il pessimismo di una media-bassa Italia che viene ben descritta da un grande regista di casa nostra. Non si giunge ad una vera conclusione e il finale è, come si suol dire, "lasciato al suo destino"...

Rickblaine 13/10/09 11:25 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Mario Monicelli, maestro della commedia all'italiana, qui si diverte a sbeffegiare l'italiano della sua dolorosa ingenuità nei confronti di una società che mangia sui propri poteri. Un padre che si espone fino ad umiliarsi per far entrare il proprio figlio negli uffici del ministero. Le cose finiranno tragicamente. Un grande Sordi e una spettacolare Shelley Winters per un'opera che dipinge con pessimismo la società italiana.
MEMORABILE: L'inizio.

Enzus79 13/10/09 12:05 - 1736 commenti

I gusti di Enzus79

Mario Monicelli estremizza al massimo la rabbia e la drammaticità di un Alberto Sordi (qui bravissimo) dopo il dramma che gli cambierà la vita. La vendetta servirà a qualcosa? Nel film c'è qualche sprazzo di ilarità, ma forse è nella tragedia che l'attore dà il meglio di sè. Bravo il resto del cast.

Tomastich 26/01/10 10:57 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Il vero grande capolavoro di Mario Monicelli. Siamo ancora qui a chiederci come mai Albertone non abbia vinto l'Oscar per questa immensa interpretazione del funzionario ministeriale messo di fronte ai drammi della vita. Di una violenza e di un realismo d'impostazione verista, proiettato negli anni '70. Da vedere per ricordarsi chi siamo...
MEMORABILE: Uccisone del pesce - crimini successivi (collegamento straordinario); Mosca morente - evento successivo (per non rivelare nulla).

Supercruel 1/04/10 22:12 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Bellissimo lavoro per Monicelli, abilissimo nel disegnare una storia che fluttua con perizia dalla commedia al revenge-movie. La prima parte si assesta sui toni da classica commedia all'italiana, con un Sordi straordinario e un pugno di situazioni amaramente esilaranti (i dialoghi con il superiore, l'iniziazione massonica...). La seconda parte assume toni cupi e violenti: l'atmosfera diventa pesante e Sordi cambia pelle con una maestria inimitabile. Cinico, politico, spietato, eppur si ride anche. Fantastico.

Vanadio 6/07/10 22:24 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Poco conosciuto, film terribilmente drammatico del grande Mario Monicelli; solo in qualche momento l'umorismo grottesco (il cimitero con le bare in attesa di sepoltura) interrompe, per poco, l'atmosfera grave. Alberto Sordi si dimostra un eccellente attore, anche se c'erano pochi dubbi in merito. Inquietante il finale aperto (vagamente alla Il giustiziere della notte).

Nando 9/05/10 03:53 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Un Sordi, volutamente invecchiato, sfodera un'interpretazione magistrale in un film crudo e veritiero. Dove può arrivare la vendetta davanti ad un figlio barbaramente ucciso? Monicelli analizza i personaggi e crea per l'Albertone nazionale un personaggio, tendenzialmente mediocre e pronto a tutto per sistemare l'adorato figlio, che trova la forza di reagire, violentemente, verso coloro che gli hanno rubato l'unica certezza per cui vivere.

Piero68 15/07/10 12:38 - 2752 commenti

I gusti di Piero68

Come tutti i grandi comici, quando si tratta di interpretare personaggi reali, intensi e drammatici, superano di gran lunga i loro colleghi "seri". E Sordi piaccia o no è stato uno dei più grandi. Anche in questa pellicola comunque non sfugge alla sua classica maschera di "italiano medio". Ma se altre volte ha dovuto destreggiarsi con macchiette di costume, servilismo ecc. questa volta Monicelli lo mette avanti alla tragedia compiuta. Come al solito molti spunti di riflessione su vizi (tanti) e virtù (poche) dell'italico popolo. Da riscoprire!

Karim 18/07/10 11:06 - 22 commenti

I gusti di Karim

Grande pellicola che da un inizio "fantozziano" tutto riverenze, leccate e aspettative per un figlio mediocre, da un padre mediocre, per in impiego mediocre, si trasforma poi in un dramma dal sapore di giustiziere della notte. Un ottimo Sordi, ma anche un grande Romolo Valli nella parte del "forforoso" dott. Spaziani che incarna benissimo il viscidume della burocrazia statale tutto intrallazzi e conoscenze. Titolo azzeccatissimo.

Greymouser 5/12/10 00:20 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Uno dei pochi grandi capolavori del cinema italiano più "recente", il film di Monicelli sorprende per l'asciuttezza stilistica (grande Sordi che rinuncia ad ogni eccessivo istrionismo), per le magistrali soluzioni registiche, per la capacità di passare con naturalezza dal registro dimesso dell'ordinaria piccolezza quotidiano-borghese al lato oscuro-dionisiaco delle pulsioni più elementari. Un po' irrealistico il finale alla "giustiziere della notte", ma siamo su cime altissime, comunque.

Jandileida 11/12/10 12:27 - 1237 commenti

I gusti di Jandileida

Monicelli dirige, per l'ennesima volta, un grandissimo Sordi, poliedrico protagonista di un film amarissimo e duro, ritratto di un paese incattivito ed esaperato con poche speranze di salvezza. La prima parte dipinge, tra le pieghe del grottesco e della burla, il piccolo mondo ministeriale fatto di maritozzi, cappuccini, servilismo e losca fratellanza con un Sordi padre di un figlio più che ordinario ma ai suoi occhi perfetto: il tutto franerà nella seconda parte, con il piccolo ministeriale che sprofonda nella solitudine, nel rancore e nella follia.

Matalo! 12/12/10 12:53 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

"È il giustiziere della notte", disse Moretti a Monicelli durante il match sulla rai. Mah, non concordo affatto. Semmai il finale ricorda Taxi driver. Monicelli è equidistante alla vicenda, non trascura né la meschinità né la crudeltà né il dolore tremendo ma sempre piccolo piccolo per la morte del figlio. Da un bel racconto di Cerami una delle ultime volte in cui il maestro è rimasto al passo coi tempi, duri, del presente. Momenti godibili cult come il giuramento massone (favoloso) non intaccano il sapore nero della vicenda.

Ciavazzaro 14/12/10 20:54 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Capolavoro macabro e disperato del compianto Monicelli. Alberto Sordi perfetto in questo ruolo drammatico, anche più convincente di quello in Detenuto in attesa di giudizio. Il personaggio però sa anche avere sfacettature comico-drammatiche notevoli (vedi l'inziazione). Da dedicare un monumento alla Winters per il suo ruolo e cito la presenza di Paolo Paoloni. Inquietante il finale che chiude degnamente l'opera e le dosi di violenza che pervadono l'ultima parte.
MEMORABILE: Lo sguardo di Sordi nel finale.

Tnex 19/12/10 08:15 - 62 commenti

I gusti di Tnex

Commedia drammatica che intreccia la tragica vendetta di un travet minesteriale cui uccidono per caso l'unico figlio a un Italia anni settanta stretta tra il grigiore di vite burocratiche ed episodi di violenza cieca. Un Sordi più maturo bravo soprattutto nell'interpretare la trasformazione verso il freddo e sofferto assassino vendicatore. Finale cupo che non lascia spazio ad alcun riscatto.

John trent 1/01/11 17:40 - 326 commenti

I gusti di John trent

Amarissimo e straziante. Grande prova d'attore di Sordi che dimostra capacità recitative notevolissime in un film che inizialmente sembra una commedia grottesca e poi sfocia nel drammatico. Anche se qualche scena è volutamente forzata (le lunghe sequenze dell'iniziazione massonica e del cimitero) alla fine il film è molto realista e, in un crescendo di disperazione, si conclude con un finale aperto per certi versi inaspettato ma interessante. Bravo Crocitti, un po' spenta la Winters. Da vedere.
MEMORABILE: "Aò, ringrazia che sei un vecchio rincoglionito!"

Mdmaster 17/01/11 15:04 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Viscerale e nerissima occhiata di Monicelli sulla storia di un padre che dopo tanti "anni di onorato servizio" al ministero vorrebbe far entrare il figlio. Non farà in tempo; quella che è stata un'ora leggera di quasi commedia diventa improvvisamente nera come la pece, plumbea, violenta. Sordi, da ruffiano, si trasforma in maschera del dolore interiorizzato, uomo disposto a ogni cosa pur di vendicare i soprusi subiti. Gigantesco, bravissimo; l'attore romano sovrasta tutti, le sue espressioni come frecciate per lo spettatore. Essenziale.
MEMORABILE: Comparsata per Renato Scarpa come cattivissimo prete che vorrebbe "il diluvio universale"; la vendetta finale, interrotta dai titoli di coda.

Coyote 13/05/11 23:50 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Uno spaccato tremendo delle miserie di un uomo che punta tutto sul futuro lavorativo del figlio per ansia di riscatto e di rivincita, per dimostrare a se stesso e al mondo di essere capace a costruire un cammino di sviluppo. Ma il contesto è squallido, le ambizioni basse e alla fine il drammatico volge in tragico. Più che una critica feroce a una classe sociale, un ritratto del peggio del Belpaese come usava negli anni Settanta, che per certi aspetti rivela ancora una sconsolante attualità.

Von Leppe 7/08/11 13:02 - 1016 commenti

I gusti di Von Leppe

Alquanto realistico, rispecchia quel clima di odio e delinquenza che era quasi un conflitto generazionale. Girato in una Roma invernale e grigia, c'è anche una baracca in legno vicino ad una palude dove si svolge la premonitrice scena iniziale. Film che procede molto bene fino alla vendetta, poi c'è un certo calo (ma la vita è così). Ci sono momenti molto riusciti: l'urlo della ragazza che interrompe bruscamente l'andamento del film (per chi ancora sperava di ridere) e il pedinamento del ragazzo con l'automobile, per esempio.
MEMORABILE: L'alba a via Prenestina con la sopraelevata.

Markvale 5/09/11 11:23 - 143 commenti

I gusti di Markvale

Sarebbe profondamente errato considerare "Il borghese" di Monicelli l'ennesimo esemplare del filone dei "cittadini giustizieri" o anche solamente una vicenda di "familismo amorale". Fondendo con sagacia e mestiere il tragico ed il grottesco viene ritratta la profonda crisi morale e civile di un paese che ha perso la bussola. In proposito, si veda la sequenza del cimitero. Mario Monicelli ad una delle sue prove migliori di sempre, mentre Sordi è superlativo nel mettere in mostra la metamorfosi in mostro di un uomo patetico. Da Oscar...

Gestarsh99 12/09/11 17:19 - 1310 commenti

I gusti di Gestarsh99

In un decennio minato da delinquenza e terrorismo, il padre della commedia nostrana si addentra a modo suo nel dibattito perentorio sulla giustizia privata, puntando i riflettori sulla misera mediocrità del cittadino qualunque. Un dramma penoso e disperato cui Monicelli inocula quella velata cadenza grottesca, mai invadente né aggressiva, a segnalare la tragicomicità di un mondo basso-borghese che annaspa e vivacchia dentro pozzanghere di scartoffie impolverate, minuscole aspirazioni patetiche, maldestre genuflessioni e servili raccomandazioni para-statali. Difficilissimo ruolo per Sordi.
MEMORABILE: Romolo Valli che setaccia e scuote via la forfora dalla sua chioma raccogliendola sul piano della sua scrivania...

Smoker85 19/09/11 18:57 - 384 commenti

I gusti di Smoker85

Un film che ha l'effetto di un colpo basso... Spietato, cinico, crudele e soprattutto molto realistico. Alberto Sordi (in una delle sue più belle interpretazioni) incarna perfettamente tutte le sfaccettature del suo personaggio, irascibile e anche ingiusto talvolta con la moglie, ma veramente devoto a lei e soprattutto al figlio. Pochi sprazzi di ironia (più che di umorismo vero e proprio) calibrati sapientemente. Assolutamente da vedere.

Rambo90 28/02/12 20:40 - 6276 commenti

I gusti di Rambo90

Grandissimo film di Monicelli, che inizia come una qualsiasi commedia (l'impiegato ossequioso che vuole piazzare il figlio al ministero è un classico) per tramutarsi poi in un dramma freddo, lucido e amaro. Sordi è eccezionale, rinuncia ad andare sopra le righe per regalarci un personaggio molto realistico e sofferto; ma non sono da meno la macchietta di Valli capoufficio alle prese con la forfora e la grande interpretazione della Winters nella parte di Amalia. Buona la colonna sonora; finale che ricorda Il giustiziere della notte.

Graf 15/04/12 01:36 - 678 commenti

I gusti di Graf

Un film più da capire che da amare. Monicelli filma la sua opera più dura e pessimista. Un film disturbante difficile da digerire. La livida e plumbea Italia degli anni di piombo precipita addosso all’improvviso sul piccolo impiegato pubblico Giovanni Vivaldi e ne ghermisce per sempre il mansueto figlio vittima casuale di un attentato terroristico. Da quel momento diventa un “mostro” bramoso solo di una vendetta personale. L'atrocità di una solitudine si trasforma, allora, in soffocamento, in oppressione, in nichilismo. Non convincente fino in fondo.
MEMORABILE: La notevole fotografia di Mario Volpiani é una sinfonia di verdi plumbei e di sfumature che tendono alla monocromia.

Mickes2 29/10/12 08:57 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Parte come una commedia fresca e spigliata rendendo palpabile il contesto dell'Italia anni '70 per poi cambiare registro e trasformarsi in una parabola amarissima, in un viaggio struggente verso l'abisso di un uomo "piccolo" "mediocre", che attraverso il dramma riscopre la cupezza e la ferocia di un animo fin là assopito, possessivo ma ligio al dovere, bigotto e accondiscendente. Tutto lo squallore di un ambiente che da aspra critica sociale diviene pregnante riflessione sulla giustizia privata. Grandissimo Alberto Sordi. (****)

Jurgen77 5/12/12 08:28 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Gran film, forse non molto "pubblicizzato". Rispecchia il clima teso degli anni 70. Sordi, grandioso, ci appare in una veste diversa dal solito e nella fase di vendetta è veramente superbo. Monicelli ci regala questo dramma della famiglia italiana per eccellenza. Inquietante e superbo il finale.

Furetto60 27/03/13 12:12 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Negli anni ‘70 il cinema ha attinto spesso dal pozzo colmo di rabbia e rassegnazione del cittadino nei confronti della dilagante criminalità, interpretandone il senso di ribellione unitamente a gran spreco di piombo, mentre questo film colpisce perché il protagonista è un uomo anziano e mite, armato solo del doloroso desiderio di vendetta. E’ il rantolo di un disperato che non ha più fiducia nello Stato e nel prossimo, ma non vuole piegare la schiena. Un’interpretazione che ha amplificato il mito di Sordi, in seguito non più a questi livelli.
MEMORABILE: La lunga attesa a Largo Spartaco (Roma), nell’utilitaria sotto la pioggia, evidenza di una scelta non più istintiva.

Giezz 4/05/13 00:12 - 11 commenti

I gusti di Giezz

Una strepitosa condanna della società moderna in cui la violenza del borghese, contro l'apparenza superficiale, non nasce dal semplice meccanismo vendicativo ma trova la sua radice generatrice nella apparente normalità della vita sociale. La violenza è nei rapporti familiari, nell'inquadramento del lavoro, nella vita cittadina, ma l'uomo normale, ormai alienato, non sa riconoscerla e soprattutto non ha più la possibilità con il suo vivere di cambiare le cose. Si invoca nel finale il diluvio universale e una sentenza di morte generale.

Il Dandi 10/07/13 17:16 - 1732 commenti

I gusti di Il Dandi

Film grandiosamente doloroso in cui il grottesco universo impiegatizio, con le sue forme e nomenclature para-fantozziane, non è fotografato coi colori accesi di una vignetta comica ma con una luce livida e grigia, dove la violenza più cruda e realista fa il suo ingresso improvviso e spietato. Grandissima interpretazione di Sordi (invecchiato per l'occasione) che dopo vent'anni di maschere di successo restituisce al capofamiglia italiano il suo volto più impietoso: non più assolto per simpatia, ma compreso per pietà.
MEMORABILE: La sparatoria; l'iniziazione massonica; il discorso di congedo ai colleghi per la pensione.

Ramino 27/06/13 12:40 - 127 commenti

I gusti di Ramino

A tratti grottesco, questo film è la rappresentazione più becera di ciò che di brutto produce la società. Un Sordi ruffiano, approfittatore, senza alcun senso civico, che cerca di "infilare" il figlio al ministero grazie alla massoneria. Tutto è grigio, spento, tremendamente reale: un pugno allo stomaco dello spettatore. Sordi grandissimo!

Almicione 8/07/13 20:35 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Durante la prima parte scappa qualche (amaro) sorriso vedendo rappresentate in modo così veritierio la mentalità comune, la famiglia medio-bassa, la società tipiche della Roma di quel periodo, riscontrabili (purtroppo) anche oggi. Ma nella seconda parte, dopo il colpo di scena veramente strabiliante, la desolazione e la vendetta prendono il sopravvento e una sorta di tristezza, trasmessa da un mirabile Sordi in una parte a lui non congeniale, colpisce lo spettatore sempre più basito da ciò che avviene. Pessima la scena finale. Film discreto.

Paulaster 4/07/13 10:10 - 2683 commenti

I gusti di Paulaster

La natura del film si svela in due parti essenziali. Nella prima sembra una cinica operetta tra raccomandazioni, massoneria, uffici sovrastati da faldoni ed eccessive cure al figlio. Nella seconda si fa sul serio: Sordi smette di fare il Sordi, la Winters è grandiosa e si scava nei particolari. Fotografia di un grigio tetro e ambientazioni marcate (al Ministero, al rudere e al cimitero) danno sfondo alla povertà d'animo che regna e anche se si cerca di scappare c'è il fil di ferro o una finestra chiusa a impedirlo.

Didda23 22/10/13 10:19 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

L'alternanza troppo frequente fra momenti estremamente riusciti (la scena al cimitero e il rapporto "malato tra padre e figlio) e altri pessimi (l'iniziazione massonica e la trasformazione fuori dal credibile di Sordi) fanno sì che la valutazione non vada oltre il mediocre (**). Nonostante la fotografia tendente al cupo, la regia di Monicelli non fa trasparire i conflitti dei personaggi. Seconda parte da dimenticare, per una evoluzione dei personaggi frettolosa e poco convincente: Sordi non regge nemmeno per un secondo la complessità del proprio personaggio. Oltremodo sopravvalutato.

Fabiorossi 3/12/13 20:22 - 67 commenti

I gusti di Fabiorossi

Gli anni '70 hanno rappresentato un punto di svolta per la cinematografia italiana e Monicelli da grande cineasta quale è stato nella sua longeva carriera si è assoggettato a questa brusca sterzata abbandonando temporaneamente la commedia leggera per raccontare attraverso il suo cinema momenti di vita reale. Un borghese piccolo piccolo è un vero gioiello dove non mancano momenti di intensa drammaticità resa sopportabile solamente dalla forza recitativa di un Sordi maestoso affiancata a quella di un Vincenzo Crucitti poco più che esordiente.

Fafo1970 5/12/13 11:49 - 30 commenti

I gusti di Fafo1970

Magistrale interpretazione di Alberto Sordi, che da padre premuroso e devoto, pronto a qualsiasi umiliazione per garantire un posto di lavoro al figlio, si trasforma in giustiziere perdendo il senso della misura e della realtà. Per chi non conosce il film la tragedia avviene in modo violento e inaspettato e tutto vira verso il baratro. Lo spaccato d'Italia raffigurato è davvero avvilente e privo di speranza. Splendida la Winters nel rappresentare un dolore atroce.

Rigoletto 17/01/14 19:27 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Può un padre, oltretutto affetto da un amore malato per il figlio, accettarne passivamente la scomparsa e la distruzione familiare che ne deriva? No, certamente, ed è questo che accade a un immenso Sordi (da Oscar): da servile impiegato al ministero diventa lo strumento della sua stessa ira (e di una rivalsa perduta per sempre). Grandiosa la Winters. Monicelli, come spesso gli accade, lascia che inizialmente sia la musica a fare da apripista alle emozioni dello spettatore. Perfetto stile anni '70, reso tale dalla splendida fotografia. ***!

Lady 24/04/14 19:27 - 54 commenti

I gusti di Lady

Il maestro Monicelli tesse, grazie ai fili del bel romanzo di Cerami, una formidabile trama. Sordi conferma la propria immensa poliedricità interpretativa delineando la figura di un padre conformista le cui modeste eppur toccanti, tenere, vibranti aspettative sull'unico figlio vengono falcidiate dall'inesorabile crudeltà del fato che sconvolge irrimediabilmente la vita familiare. Da qui la determinata e agghiacciante metamorfosi del protagonista da vittima a carnefice, in un crescendo che lascia sgomenti. Film importante, da non perdere.
MEMORABILE: Tutto è di grande interesse. Da evidenziare l'epilogo finale dell'incontro col bullo che preannuncia sviluppi inquietanti ma umanamente condivisibili.

Lythops 24/09/14 07:53 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Analisi spietata dell'italiano medio della seconda metà degli anni '70: un modesto impiegato prossimo alla pensione, pur di vedere il proprio figlio "sistemato", farebbe qualsiasi cosa. Un Sordi da manuale, probabilmente alla sua prima, vera interpretazione drammatica, che conferisce al suo personaggio uno spessore unico. Un grosso plauso alla sceneggiatura, che raffigura il mondo impiegatizio per nulla addolcito dall'ironia fantozziana con una fotografia volutamente scialba e immagini studiate per sottolineare il grigiore della vicenda.
MEMORABILE: La forfora e l'insetto prigioniero del bicchiere.

Escape1 8/10/14 00:10 - 12 commenti

I gusti di Escape1

La pellicola tende unicamente a evidenziare il piattissimo morale della piccola borghesia rispetto alle legittime aspirazioni intellettuali dell'uomo moderno. Il maestro, traendo spinto dalla omologazione di pasoliniana memoria, cerca di smuovere un popolo piccolo borghese per portarlo verso una civilizzazione che, purtroppo, è stata travisata in tragedia piccolo borghese. Si auspicava esattamente il contrario, che noi chiamiamo meritocrazia!

Redeyes 29/03/15 10:26 - 2128 commenti

I gusti di Redeyes

Affresco di quarant'anni or sono che ancora oggi sposa l'Italia massona e quindi clientelista, ruffiana e arrogante, cinica ed egoista. Un bel film che dopo una prima parte con un Sordi sublime e un ottimo Crocitti immersi nel grottesco giornaliero (vedi l'uccisione del luccio, la spolverata di forfora, la gimkana nel traffico) si schianta col dramma. Da questo momento l'amaro sorriso si miscela col lutto e ci dà la dimensione del genio monicelliano e della bravura nel nostro Albertone. Da non perdere!

Alex75 12/06/15 13:39 - 661 commenti

I gusti di Alex75

Monicelli descrive l’Italia del ’77, torva e permeata da tare ataviche (scarso senso civico, ricerca sistematica di una “spintarella”, burocrazia ottusa...) attraverso una tragedia familiare che trasforma radicalmente un travet ossequioso e servile, impersonato da Alberto Sordi (una delle sue interpretazioni migliori, mai così intenso e duro, sorprendente per chi lo ha visto solo nelle commedie). Tra gli altri, si notano l’interpretazione straziante della Winters e il viscido e grottesco Valli.
MEMORABILE: Il rapporto padre-figlio; Vivaldi assiste la moglie, annientata dal dolore; L’agonia della mosca; Il finale ambiguo e inquietante, in una Roma livida.

Ultimo 6/06/15 12:29 - 1336 commenti

I gusti di Ultimo

Un immenso Alberto Sordi è protagonista di questo gioiellino firmato Mario Monicelli; un film mascherato da commedia nella prima parte e che confluisce successivamente nel dramma. Il regista descrive al meglio il crescente stato di disperazione e degradazione dell'animo di un uomo al quale viene tolta l'unica vera ragione di vita. In pieno stile Monicelli non mancano momenti di comicità nera. Grande cinema.
MEMORABILE: Le tombe ammassate nel cimitero; L'iniziazione nella massoneria.

Victorvega 9/06/15 00:40 - 289 commenti

I gusti di Victorvega

La prima riflessione è questa: ma che grande attore è stato Sordi! La sua maschera che si presta alla commedia, a raccogliere i "vizi" italiani e al dramma... "Un borghese piccolo piccolo" film sancisce definitivamente questo principio. Il film è comunque riuscito di per sé: buone la sceneggiatura, le prove attoriali (menzione per Valli e la sua forfora)... Tutto grande, ma Sordi...

Parsifal68 28/06/16 11:23 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

L'amato unico figlio di un modesto impiegato viene ucciso per sbaglio durante una sparatoria. Il padre si trasformerà in freddo vendicatore. Amaro spaccato di vita quotidiana incastonato nel contesto italiano degli anni di piombo e che ci mostra la disperata rincorsa verso una stabilità lavorativa per la quale si è disposti a tutto. Monicelli, da grande regista, lascia che un superbo Sordi inondi la scena con la sua straordinaria recitazione sofferta da padre premuroso, maniacale e inconsolabile. Bravi anche Crocitti e la Winters.

Belfagor 24/08/16 17:51 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Inizia come una commedia amara sulle meschinità e sopraffazioni quotidiane, con un padre che si umilia fra massoni e alte sfere per raccomandare il figlio. Poi, di punto in bianco, irrompe la tragedia: Sordi passa dalla solita maschera canagliesca a una straordinaria interpretazione drammatica (capacità dei più grandi attori comici), la Winters diviene una maschera di dolore e sconfitta, la città fredda e nebbiosa si fa teatro per una vendetta sterile. Con quello sparo, Monicelli uccide la commedia all'italiana, scelta ormai inevitabile.
MEMORABILE: I colleghi nascosti dai faldoni; L'alba che fa da preludio alla tragedia; "Ho fatto prima a trovargli un posto in Ministero che al camposanto!"

Minitina80 17/03/18 11:57 - 2272 commenti

I gusti di Minitina80

Racchiude un pezzo d’Italia, non ancora andata del tutto al macero, che insiste imperterrita nella persecuzione dell’individualismo e nell’indifferenza morale senza preoccuparsi del processo autodistruttivo in cui si è incanalata. Sordi incarna l’uomo medio che si adegua al sistema, sopportando e accodandosi al malcostume pur di sopravvivere, a cui uno spietato contrappasso dantesco riserverà un triste crepuscolo di vita. Da studiare e approfondire nei minimi dettagli per capire ogni sfumatura di quello che è di fatto un capolavoro.
MEMORABILE: La libertà è una bella cosa, peccato che ce ne sia troppa!

Geppo 24/07/17 14:13 - 286 commenti

I gusti di Geppo

Film davvero incredibile con un Alberto Sordi mai visto prima così: un ruolo molto coraggioso affidatogli da un grande Mario Monicelli. La storia inizia in modo tranquillo (e a tratti si sorride), poi nella seconda parte assistiamo alla rabbia di un padre assetato di vendetta. Film che fa maledettamente riflettere, soprattutto nella scena al cimitero. Bravissimo Sordi nel suo ruolo più tremendo. Un film terribilmente crudo con un cast interessante. Quando la commedia all'italiana si tinge di nero. Azzecato il finale... aperto (la nuova vendetta).
MEMORABILE: La scena al cimitero: una delle scene più crude che ricordi.

Il ferrini 25/07/17 20:02 - 1647 commenti

I gusti di Il ferrini

Probabilmente il miglior Monicelli, sicuramente il miglior Sordi. Caustico e divertente nella prima parte quanto efferato e drammatico nella seconda, segna un punto di svolta nella grammatica del regista che diventerà (se possibile) ancora più cinica. Interessante perfino la prova di Crocitti, che poi si dedicherà tuttalpiù a pierini fichissimi e improbabili barbari terruncielli. Buona la Winters; memorabile la scena in chiesa ma credibile anche quando catatonica. Film violento, a tratti disturbante, imprescindibile.
MEMORABILE: La catasta delle bare in attesa del posto al camposanto.

Bubobubo 26/12/18 13:44 - 1151 commenti

I gusti di Bubobubo

Assieme ai primi due Fantozzi e a qualche altro titolo sparso (ad esempio lo Scola di Brutti, sporchi e cattivi), è forse il film che traduce su schermo, con maggiore ferocia e lucidità, il carattere dell'italiano medio, attentissimo a nient'altro che non sia il proprio tornaconto. Anche per l'oculato ricorso al grottesco (l'iniziazione massonica, la visita alla bara del figlio), il personaggio impiegatizio di Sordi raggiunge sgradevoli e finanche inquietanti vette di verosimiglianza. Affilato, analitico.

Manfrin 7/10/19 12:59 - 323 commenti

I gusti di Manfrin

Uno dei ruoli più significativi di Sordi, che tante volte ha interpretato l'uomo comune; come se vogliamo anche in questo caso, dopotutto, scoprendone però il lato violento e nel quale ci si potrebbe immedesimare (senza ovviamente giustificarne certe azioni). Il finale in questo senso è un evidente messaggio. Bravissima la Winters e ottime le scelte di Monicelli per i caratteristi, da Valli a Crocitti, da Carboni a Scarpa.

Rocchiola 16/03/20 12:25 - 849 commenti

I gusti di Rocchiola

Pietra tombale della "commedia all'italiana" in cui la risata è sostituita da un cupo pessimismo sociale. Infatti a una prima parte che ancora mantiene un certo sarcasmo ne segue una seconda totalmente drammatica. Gran prova di Sordi che nei panni di giustiziere della notte nostrano aggiorna agli anni di piombo il suo tipico personaggio dell’italiano medio. L'ambiente degli uffici pubblici ricorda Fantozzi ma è più tragico e sgradevole. Crudele e toccante, Monicelli eccede forse un po' sul versante emotivo, ma il film non si dimentica.
MEMORABILE: La testa del pesce brutalmente maciullata; Lo sforforamento di Romolo Valli; "Ama chi ti ama fosse pure un cane"; “Vaffanculo tu!” al bullo Garofalo.

Magi94 31/05/20 19:10 - 650 commenti

I gusti di Magi94

Intramontabile film di Monicelli, tra i suoi più drammatici. La prima parte segue le linee della commedia all'italiana, satireggiando le credenze piccolo borghesi sul mito del posto fisso per raccomandazione, da affidare ovviamente al sacro figlio di famiglia la cui sistemazione pare sia l'unico ideale dei genitori. La seconda sprofonda nella violenza e nello sconforto con la trasformazione di un Sordi straordinario. Da notare come nello stesso anno Shelley Winters abbia interpretato per due volte alla perfezione un tipo di mamma italiana.
MEMORABILE: L'interpretazione di Sordi e della Winters; I dialoghi con il figlio; La morte del "prigioniero".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 21/10/13 13:06
    Comunicazione esterna - 5713 interventi
    @Fedemelis Ti segnalo che al minuto 8 del link che ti posto ci sono immagini di una partita (Sordi fa intuire che sia la Lazio). Al minuto 8:20 si vede bene un'azione di gioco. Buona caccia! http://www.youtube.com/watch?v=hYxsaWELICc
    Ultima modifica: 21/10/13 18:12 da Didda23
  • Discussione Fedemelis • 21/10/13 13:12
    Fotocopista - 1729 interventi
    Grazie Didda, già conoscevo la presenza di una partita in questo film. Purtroppo la partita, della Lazio, è ancora da cercare.
  • Discussione Paulaster • 21/10/13 18:02
    Contatti col mondo - 82 interventi
    Se cercate la partita, sarebbe: Lazio - Juventus = 3-1 del 17/02/74 (Garlaschelli, Chinaglia, Anastasi, Chinaglia rig.). Il gol che si vede nel film è il primo di Chinaglia, su punizione battuta a due. Su Youtube è presente la sintesi dei gol.
  • Discussione Fedemelis • 21/10/13 22:57
    Fotocopista - 1729 interventi
    Prima di tutto ringrazio Paulaster, immaginavo un Lazio-Juventus, visto la maglia chiara delle due squadre e quella completamente nera del portiere, ma il lavoro mi ha distratto dalla ricerca. Purtroppo non la posso dimostrare al modo "classico", infatti anche con un'ottima qualità del film le immagini che si vedono nel televisore sono molto scarze e non compatibili con quelle del servizio d'epoca, la prima ripresa dalle tribune la seconda di fianco la porta. Però vedendo entrambi i filmati confermo che il gol è quello di Chinaglia indicato da Paulaster. Qui Chinaglia che calcia la palla. Fotogramma: Filmato d'epoca: Qui il portiere. Fotogramma: Filmato d'epoca: Qui i filmati: Film (min 7.31 in poi): https://www.youtube.com/watch?v=hYxsaWELICc Filmato d'epoca (min 0:57 in poi): https://www.youtube.com/watch?v=1YJ1cKJ4ShQ Piccola curisità... Chinaglia nel 1977 non giocava più nella Lazio, ma nei N.Y. Cosmos.
    Ultima modifica: 21/10/13 23:08 da Fedemelis
  • Discussione Zender • 22/10/13 08:03
    Consigliere - 43818 interventi
    Mah, troppo diverse le immagini dal film...
  • Discussione Alex1988 • 29/06/14 16:04
    Fotocopista - 22 interventi
    Nessuno sa che fine ha fatto il ragazzo che interpreta l'assassino? Questo è l'unico film a cui ha preso parte!
  • Discussione Geppo • 29/06/14 17:41
    Addetto riparazione hardware - 3967 interventi
    Alex1988 ebbe a dire: Nessuno sa che fine ha fatto il ragazzo che interpreta l'assassino? Questo è l'unico film a cui ha preso parte! Renzo Carboni; non so che fine ha fatto. Qualche anno fa avevo provato a fare delle ricerche... ma senza fortuna.
  • Curiosità Fauno • 16/09/18 13:54
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un flanetto del film:
  • Curiosità Fauno • 7/10/19 00:17
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un flano del film:
  • Homevideo Rocchiola • 16/03/20 12:41
    Call center Davinotti - 1116 interventi
    Benché piuttosto datato il DVD della Filmauro si difende ancora bene sul piano qualitativo oltre ad essere tuttora reperibile a prezzi decisamente contenuti. Il video panoramico 1.85 è decisamente pulito e mostra un discreto dettaglio. I colori sono brillanti. Anche se sulla copertina non vi è scritto nulla credo si tratti di un master adeguatamente restaurato. L'audio mono rimane preferibile in quanto più potente di quello rielaborato in 5.1.