Rimini Rimini - Un anno dopo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1988
Genere: commedia (colore)
Note: Sequel di "Rimini Rimini". 5 Episodi: "Il nipote del vescovo", "Le legge del taglione", "La scelta", un episodio senza titolo con la Thomas, "Vuò cumprà?".
Numero commenti presenti: 22
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Scialbo e poco convinto seguito del successo corbucciano dell'anno precedente. Passata la regia da Sergio al fratello Bruno (e, per l'episodio finale, "Vuò compra'", a Giorgio Capitani), il film non riesce più a rendere quell'atmosfera gioviale, scanzonata, solare che era stata alla base del primo fortunato capitolo. Rimini, la capitale romagnola del divertimento, non traspare più se non sullo sfondo, e la povertà di mezzi e sceneggiatura è evidente ad ogni inquadratura. Solo il cast, folto di vecchie glorie della nostra "commediaccia", è un punto di forza, ma viene sfruttato male da una regia stanca (tra Bruno e Sergio c'è un abisso...). Gli episodi non sono più alternati ma...Leggi tutto si susseguono uno dopo l'altro perdendo così anche quella caratteristica dinamicità che dava varietà e ritmo al primo RIMINI RIMINI. Dei grandi nomi sono scomparsi Paolo Villaggio e Jerry Calà, mentre sul versante femminile l'unica "star" cui tocca di rimpiazzare Laura Antonelli, Serena Grandi, Eleonora Brigliadori, Sylva Koscina ed Elvire Audrey è Corinne Clery (con Isabelle Russinova, Maria Rosaria Omagio ed Eva Grimaldi in seconda fila). Ad aprire è Andrea (questa volta senza Gigi), che come al solito nella parte del giovane oppresso dai parenti di chiesa tiene un programmino radiofonico alla RadioRimini del deejay Dario Salvatori (dove lavorano le sexy Petra Scharback e Loredana Romito, spesso nude, come prevedibile). Andrea prova a improvvisare, a vivacizzare un copione spento col suo accento romagnolo e la sua simpatia, ma si ride assai poco. In realtà il primo episodio vero (e più lungo) è quello con Maurizio Micheli che, sposato con la Omaggio, finisce nelle grinfie della "mangiatrice di uomini" Isabel Russinova. Li sorprenderà a letto il marito texano di lei (Adriano Pappalardo), che darà vita con Micheli al duetto migliore del film: eccellente e originale Micheli, straripante e in vena Pappalardo. Qualche minuto finalmente comico (ma Micheli convince anche con la Omaggio). Nella parte della cameriera Tosca D'Aquino. Renzo Montagnani playboy cui "non tira più" per colpa del troppo cibo - e ossessionato dall'idea di finire a letto con la provocante Eva Grimaldi - sa di pecoreccio fuori tempo massimo, e infatti (nonostante tre brave spalle come Enio Drovandi, Renato Cecchetto e soprattutto Enzo Garinei) l'episodio, benché non inguardabile, è lungo e noioso, ravvivato solo dal mestiere della vecchia volpe Montagnani. Siparietto inutile e brevissimo (nonché antifemminista!) con una governante virago stuprata e contenta e chiusura con Gastone Moschin sfruttatore di marocchini da spiaggia (tra i quali il recuperato e sempre bravissimo Gianfranco D'Angelo) che, sposato con l'ancora avvenente Corinne Clery, si ritrova in pratica a subire la "truffa" vista nell'episodio francociccesco di AMORE FACILE. La forza comica trainante è D'Angelo (Moschin è solo una trita caricatura arpagonesca), strepitoso nella caratterizzazione del marocchino nonostante una storia mediocre. Piccola comparsata per la giovane Sabrina Ferili, che nell'episodio di Montagnani ci finisce a letto mostrando un posteriore allo specchio e una capigliatura selvaggia.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 16/07/07 20:20 - 1933 commenti

I gusti di Fabbiu

Molto lontani dal primo film; grandi nomi ma un vero flop. Sceneggiatura molto povera. Due ore per 4 episodi di classica comicità italiana commerciale, che niente aggiungono a quanto già visto in altri film del genere. De "il nipote del vescovo" è solo da apprezzare l'interpretazione di Roncato con il suo solito accento romagnolo. E' molto bravo Montagnani nell'episodio "La Scelta", ma la storia è piuttosto banale e i tempi sono veramente smorti. "Vuo' cumpra" con D'Angelo è solo stancante. L'unico episodio meritevole è "La legge del taglione".

Cangaceiro 17/06/08 20:42 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Sequel in tono minore di Rimini Rimini. A catalizzare l'attenzione ci pensa un'ottimo Maurizio Micheli perfetto nella parte dell'intellettualoide barese che con Pappalardo confeziona due o tre gag nel loro piccolo memorabili. Montagnani che colleziona cilecche (pure con la Ferilli!) fa solo tenerezza e il suo episodio è ravvivato dai "bastardi" Drovandi e Garinei. Tutto il resto è composto da noiosi riempitivi che si dimenticano ben presto. Passabile.
MEMORABILE: "A che piano va?"

Ciavazzaro 1/08/08 11:56 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pallido seguito del già poco riuscito Rimini Rimini. Questa volta purtroppo non c'è più neanche Villaggio, quindi il divertimento cala. Sottotono il bravo D'angelo, le bellezze femminili non mancano certo (Omaggio, Clery) e c'è anche Montagnani. Ma la regia è sciatta e il film non diverte. Sonora bocciatura.

Galbo 6/08/08 07:23 - 11388 commenti

I gusti di Galbo

Un sequel di cui non si sentiva francamente il bisogno visto il già poco ispirato primo capitolo. Il cast è privo di grandi nomi (non c'è più Paolo Villaggio) ma sono comunque presenti dei bravi caratteristi (tra tutti Montagnani e Maurizio Micheli) oltre ad una nutrita serie di "bellone". Tutto ciò non salva il film da una clamorosa deriva, essendo per lo più costruito evidentemente con materiale di scarto tanto povera è la sceneggiatura ed esauste le trovate (si fa per dire) comiche.

Mco 13/08/09 18:53 - 2151 commenti

I gusti di Mco

Altro Corbucci altro "Rimini Rimini". Stavolta, però, la soluzione ad episodi adottata non funziona granchè, forse anche perché le assenze di Calà e Villaggio si fanno sentire. Il migliore, come nel precedente film, resta Micheli, in forma strepitosa seppur affiancato da un'altra donna (la Omaggio) e combattivo a suon di gag con il redivivo Pappalardo. Il mitico Montagnani porta la nostalgia dei B movie che furono...

Rambo90 18/03/10 20:23 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Sicuramente inferiore al precedente ma comunque abbastanza divertente. Gli episodi di Montagnani e Micheli varrebbero da soli la visione tanto sono in parte e pieni di verve i due (i due episodi sono i migliori del lotto). Quello con Roncato è solo un piccolo prologo ma lui riesce comunque a strappare dei sorrisi, infine Moschin e D'Angelo subiscono penalità da parte di un copione pessimo, ma quando c'è il mestiere si riesce comunque a rimanere in piedi. Non eccelso, ma vedibile.

Vstringer 11/04/11 10:33 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Già il primo capitolo era sostanzialmente da buttare, figuriamoci questo sequel che sconta un'agghiacciante povertà di mezzi e di idee: tant'è che, a parte il solito buon Micheli e un apprezzabile Pappalardo, a limitare i danni nella seconda metà degli episodi c'è il mestiere di due avanzi seventies come Montagnani e D'Angelo. Per il resto, bellezze generalmente di seconda fila (solo la Clery ha status superiore), intermezzi imbarazzanti come quello della governante tedesca castigata da tre balordi, presenze inspiegabili come Dario Salvatori.

Dengus 12/04/11 18:49 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Nonostante i due registi siano fratelli, il film non sembra nemmeno lontano parente del primo; l'arrivo del grande Montagnani e di D'Angelo (all'epoca ancora nel giro di Ricci) al posto di Calà e Villaggio non basta a salvare una pellicola scialba e banale con storie esilissime. Si salva solo l'episodio con Micheli e Pappalardo, con la simpatica beffa finale! Vedendo comunque i prodotti odierni, questa pellicola è salvabile a tutti gli effetti.

124c 14/04/11 12:40 - 2772 commenti

I gusti di 124c

Ci si dimentica sempre di questo sequel di Rimini Rimini perché non solo, all'epoca della sua uscita, floppò in maniera clamorosa, ma anche perché aggiunge poco al film precedente. Non ci sono più Jerry Calà e Paolo Villaggio, sostituiti da Renzo Montagnani e Gianfranco d'Angelo (due dei re della commedia sexy all'italiana anni '70), i quali ripropongono i loro soliti repertori. Da ricordare solo l'episodio con Gianfranco d'Angelo vestito da vu cumprà che s'invaghisce della bella Corinne Clery, "moglie" del tirchio padrone Gastone Moschin.

Cotola 7/06/11 23:57 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Il seguito del primo capitolo è ancora un film a episodi la cui qualità è addirittura peggiore di quella già scadente del film precedente. Si salva leggermente l’episodio con Nicheli, grazie alla simpatia dell’attore ed al finale “beffardo” ma non certo imprevedibile. Stavolta gli sceneggiatori si limitano a due: si vede che i produttori avranno tagliato i fondi. Brutto.

Luchi78 24/06/11 08:45 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Ne è stato già detto il peggio del peggio, di questo infelice seguito. Mi chiedo se quel mezzo punto in più rispetto ad un pallino secco è dovuto al posteriore specchiato della Ferilli o alla vena euforica di un Pappalardo alla texana. Mi allineo alla media generale e aggiungo una piccola nota di merito per l'episodio iniziale di Andrea.

Giùan 5/07/11 18:16 - 2992 commenti

I gusti di Giùan

Scialbo tentativo di reiterare l'ottimo successo (in termini di incassi ma anche di divertimento) del precedente, ma il fratello Bruno (coadiuvato da Capitani) rende pessimo servizio al più scaltro Sergio: ritmo letargico con gli episodi non più raccordati ma "chiusi e finiti"; cast modestissimo e mal assistito: tra le belle c'è solo la Clery e si intravedono le "qualità" della giovane Ferilli, nel settore maschile grandi solo i presunti rincalzi Micheli, Pappalardo e D'angelo Vù cumprà. Visione pomeridiana desolante al Nuovo di Bisceglie: zero risate!

Daidae 21/08/12 04:23 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Vado controcorrente: non solo mi è piaciuto ma lo reputo più divertente del primo, seppur si noti che è girato più in economia. Divertentissimi gli episodi della vendetta di Pappalardo (americano fintissimo) e quello dei lavoratori arabi. Da dimenticare quello con lo stupro e quello con Montagnani (noiosissimo questo), mentre sul primo non spreco neppure tasti.. Tasso erotico molto alto con le bellissime Russinova e Clery.
MEMORABILE: Pappalardo sceglie la "domestica".

Panza 27/10/13 13:10 - 1496 commenti

I gusti di Panza

Sulla scia di Rimini Rimini, Corbucci e Capitani imbastiscono questo filmettino composto da cinque episodi che stupiscono per la loro ingenuità. Rispetto al suo precedente, si sono persi gli attori di grande nome (Villaggio in primis) e quindi si è dovuto fare leva sui caratteristi, ottendo risultati poco soddisfacenti (Montagnani è almeno onorevole). Non si riesce a salvare nulla (la parentesi con la governante è quanto di peggio si possa concepire) in questo epigone delle commedie erotiche anni '70. Mamma mia!

Samuel1979 13/01/15 18:59 - 471 commenti

I gusti di Samuel1979

Sequel molto modesto che alla fine risulta inferiore rispetto al primo episodio. Anche qui Micheli è il più divertente fra gli attori e i momenti migliori del film ce li offre lui anche grazie a un episodio niente male e a un Pappalardo qui nelle vesti di un improbabile texano. Roncato, così come nel precedente capitolo, risulta non pervenuto a causa di un ruolo non perfettamente calzante. Per Montagnani invece una prova patetica e priva di mordente.

Metuant 20/04/16 14:34 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Già il primo capitolo non era il massimo del filone vacanziero/balneare... qui si scende ancora più in basso nonostante un cast che, a prima vista, potrebbe sembrare anche valido per il genere; eppure non si ride quasi mai, gli episodi sono poco brillanti (quasi imbarazzante quello della governante tedesca e i vitelloni) e in generale non si rispira nemmeno chissà quale aria scanzonata. Poco arrosto, molto fumo: nello stesso filone c'è di molto meglio.
MEMORABILE: "A che piano va?" (forse l'unica gag davvero decente del film).

Ultimo 22/08/16 23:24 - 1359 commenti

I gusti di Ultimo

Deludente sequel del film di Sergio Corbucci, che già un capolavoro non era ma quantomeno poteva godere di qualche momento divertente. Qui si respira aria di visto e rivisto e, in fin dei conti, l'unico che tiene in piede la baracca è Maurizio Micheli, sempre simpatico (anche quando la sceneggiatura è ridotta all'osso e la regia è spenta). Ci sono pure Roncato e D'Angelo, entrambi poco incisivi. Evitabile.

Gabrius79 21/11/16 22:35 - 1193 commenti

I gusti di Gabrius79

Un bruttissimo e insipido seguito che sembra girato tanto per fare qualcosa. un utilizzo avvilente di attori del calibro di Montagnani, Micheli, Moschin, Roncato e D'Angelo lasciati in balia di episodi triti. In tutto questo marasma si puó salvare l'episodio con Micheli e nulla più. Niente di più imbarazzante per il resto. Che spreco!

Pesten 10/08/18 12:27 - 638 commenti

I gusti di Pesten

Decisamente brutto. Se il primo capitolo si piazza tra i film godibili grazie a storie e personaggi ben interpretati con la giusta verve, qui si perde tutto quello che di buono si era raggiunto. Storie ancora più banali ma soprattutto senza dinamica, attori che aggiungono poco o nulla salvo rari casi (Montagnani e Nicheli cercano di salvare la baracca). Risultato: molto cattivo gusto, tanta noia, poco divertimento. Bocciatissimo.
MEMORABILE: Il quasi monociglio di una giovane Ferilli.

Markus 6/09/18 10:02 - 3296 commenti

I gusti di Markus

Raffazzonato e quasi obbligato seguito del ben più celebre Rimini Rimini. Ancora racconti intrecciati che hanno come sfondo la nota città-vacanza romagnola, in funzione d'una commedia di costume (da bagno, ovviamente) che perde rispetto al capostipite i suoi attori più importanti, lasciando la piazza ai caratteristi. Si ride poco e le storie non risultano quasi mai avvincenti; si va così avanti d'inerzia, con momenti di deriva artistica sconfortanti. Qualche bellezza e la professionalità di alcuni dei protagonisti riescono quantomeno a sorreggere questo strazio.

Modo 3/09/18 22:24 - 824 commenti

I gusti di Modo

Dopo il fiacco Rimini Rimini ecco il seguito, condito da cinque episodi fini a se stessi. Girato sicuramente in economia, i risultati sono modesti. Renzo Montagnani non riesce a graffiare come negli anni '70, ma non è male la presenza della Ferilli, quasi irriconoscibile. L'episodio migliore è quello con Maurizio Micheli e Pappalardo. Peccato per un Moschin non a proprio agio; meglio Gianfranco D'angelo. Con una sceneggiatura decente il film avrebbe guadagnato sicuramente un punto.

Nando 4/08/20 23:07 - 3477 commenti

I gusti di Nando

Fallimento totale per una pellicola ad episodi povera che definire pecoreccia sembra quasi esaltarla. Momenti che forse all'epoca potevano generare risate visti oggi generano solo tristezza per come può finire in basso la commedia italiana; eppure Corbucci, regista di rango, creò (per quanto non da solo) Giraldi/Milian e qualche discreta pellicola con Bud Spencer.  Da segnalare in semi positivo Mattioli e qualche starlet del periodo tipo la Omaggio, ma per il resto pollice verso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Tarabas • 3/12/12 20:52
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    Non sanno più cosa fare in Medusa, eh...? ;)
  • Musiche Dusso • 8/01/13 15:32
    Segretario - 1621 interventi
    In uscita la colonna sonora http://www.beatrecords.it/shop.asp?lingua=i&idprodotto=BCM9518&uscita=prox
  • Musiche Markus • 8/01/13 19:51
    Scrivano - 4789 interventi
    Ho visto tramite FB. L'ho già in ordine ;)
  • Musiche Dusso • 8/01/13 20:28
    Segretario - 1621 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Ho visto tramite FB. L'ho già in ordine ;)


    Lo sapevo! grande!
  • Musiche Markus • 8/01/13 22:16
    Scrivano - 4789 interventi
    Dusso ebbe a dire:
    Markus ebbe a dire:
    Ho visto tramite FB. L'ho già in ordine ;)


    Lo sapevo! grande!


    Assolutamente imperdibile! :-)
  • Discussione Panza • 24/10/13 14:05
    Contratto a progetto - 4952 interventi
    Il film è composto da 5 episodi.

    Il titolo esatto è Rimini Rimini - Un anno dopo

    La nota della scheda andrebbe con la S maiuscola.

    Corretto tutto cancella pure il messaggio.
    Ultima modifica: 24/10/13 14:06 da Panza
  • Discussione Zender • 24/10/13 16:39
    Consigliere - 43531 interventi
    hai anche i titoli degli episodi?
  • Discussione Panza • 24/10/13 16:45
    Contratto a progetto - 4952 interventi
    Zender ebbe a dire:
    hai anche i titoli degli episodi?

    Episodi: "Il nipote del vescovo", "Le legge del taglione", "La scelta", un episodio senza titolo con la Thomas, "Vuò cumprà?".
  • Discussione Zender • 24/10/13 16:47
    Consigliere - 43531 interventi
    Messi tutti, grazie.
  • Discussione Manzetto • 27/07/15 00:57
    Disoccupato - 142 interventi
    Ad accomunare questo film con il primo capitolo, credo ci sia l'interno della casa dell'episodio con Olimpia di Nardo. Nel primo Rimini Rimini mi sembra fosse l'appartamento dell'episodio con Andrea Roncato.