Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

TomasMilia 4/02/07 03:04 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Disprezzato alla sua uscita in sala, diventato, inspiegabilmente, un cult oggi. Diego è in splendida forma ed è sostenuto da comprimari come Salvi e Di Francesco. Il film però risente molto di alcune lungaggini inutili che sembrano messe lì per allungare il film (la scena sulla spiaggia ne è un esempio). Di battute diventate epocali ce ne sono a iosa: i rolli funebri e lo spelling di Attila su tutte. E’ un film molto strano, forse uno dei pochi casi di commistione di generi e genialità.

Fabbiu 22/02/07 22:55 - 2040 commenti

I gusti di Fabbiu

Cult e titolo obbligatorio per gli amanti della commedia italiana. Lo spelling di Attila è su tanti cellulari di oggi e certe battute sono rimaste nella memoria di chiunque lo abbia visto, perchè dopo 24 anni (grazie anche al dvd) si è scoperto che il cinema dei caratteristi andava analizzato con ottica diversa: non da un punto di vista sofisticato e ingegnoso ma invece semplice, futile e schietto nella sua rappresentazione di comicità popolare. Ottimo e divertentissimo.

Stubby 23/02/07 13:31 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Sinceramente, a parte un paio di battute passate giustamente alla storia, ATTILA è pressochè insignificante e piuttosto noioso. Diego Abatantuono porta sulle spalle tutto il peso del film mentre gli attori di contorno sono totalmente anonimi.Preferisco di gran lunga il Diego di oggi. Nel cast presente una Rita Rusic in forma fisica smagliante.

Puppigallo 22/04/07 18:26 - 4853 commenti

I gusti di Puppigallo

Qui Abatantuono raggiunge l’apice. Oltre avrebbe rischiato di implodere, di collassare come una stella, creando probabilmente un buco nero comico. Non mi aspetto che tutti lo apprezzino, ma spero che chi lo vede si soffermi a osservare Diego (super cinghiale pompato al massimo) che da solo riesce a dare un senso a un film che, con qualunque altro attore, sarebbe stato una boiata inguardabile. Segnalo: incidente di caccia “Odino se l’è ciappato”, testa di ferro, “Che sei, sordo? Che siete, una tribù di handicappati?”. Grande e imperituro.
MEMORABILE: “A come atrocità. Doppia T come terremoto e tragedia. I come ira di Dio. L come lago di sangue e A come adesso vengo e ti sfascio le corna”.

Deepred89 23/04/07 21:10 - 3484 commenti

I gusti di Deepred89

Filmetto tremendamente sopravvalutato. Buono il cast e curiose alcune invenzioni ma il film non riesce davvero a funzionare. Lento, noioso e a tratti incomprensibile, non riesce neppure a far ridere e di tante battute solo pochissime vanno a segno. Inspiegabilmente diventato un cult, non mi sentirei di consigliarlo a nessuno. Peccato che tutti l'abbiano già visto.

Pol 14/11/07 16:59 - 589 commenti

I gusti di Pol

"Sopravvalutato" è l'unico aggettivo che mi viene in mente. E non lo dico per fare il saccente o l'alternativo, ma perché ricordo ancora la delusione provata quando, dopo lunga attesa, ebbi a vederlo la prima volta (sapendo già tutte le battute cult, ovvio). Il ritmo soporifero della regia non aiuta e al di là delle suddette 5 battute cult c'è veramente il nulla. È vero, 5 battute che hanno segnato un'epoca, ma bastano a rendere grande il film? Io dico di no.

Sunchaser 1/09/08 18:47 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

Noiosa produzione di basso livello, il cui unico motivo di interesse è lo slang di Abatantuono, al suo primo insuccesso commerciale e pronto a cambiare veste d'attore grazie ad Avati e Salvatores. La regia raffazzonata è della coppia Castellano & Pipolo, ottimi sceneggiatori degli anni '60 (Il federale e qualche Totò) e artefici di alcuni dei maggiori successi degli anni '80. Comunque, il film è divenuto un cult underground e la sua edizione in dvd nel 2003 ha bruciato i record di vendite.
MEMORABILE: Sbabbariii!

Matalo! 3/09/08 09:19 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Questo filmetto, derivato scadente del bellissimo Brancaleone, vede un Abatantuono in fase di crollo artistico, circondato dalla solita bagarre di complici del misfatto comico. Già il terrunciello aveva il fiato corto di suo, anche se all'inizio era divertente, figuriamoci in questo film che, giustamente, non ebbe successo e venne disgraziatamente rivalutato col tempo, forse perché le prove odierne dell'Abatantuono serio fan rimpiangere anche ciò che non si dovrebbe.

Renato 4/09/08 20:18 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Pessimo. Il nadir del terrunciello abatantuonesco, inutilmente appesantito da un trucco eccessivo e costretto a muoversi in una dimensione che non gli appartiene. Certo i soldi erano pochi e si vede, ma anche così si sarebbe potuto far meglio, magari mettendo insieme un cast di supporto degno di tal nome... Ma l'errore alla base del disastro è senza dubbio quello di aver pensato che il personaggio potesse funzionare anche al di fuori della contemporaneità e dei suoi riferimenti. Abbastanza incomprensibile il culto di cui il film gode oggidì.

Galbo 5/12/08 18:59 - 11847 commenti

I gusti di Galbo

Cult per alcuni, parecchio sopravvalutato per altri, il film segna l'apoteosi dell'Abatantuono prima maniera quello destinato a lasciare il posto al maturo attore di oggi. Visto con gli occhi dello spettatore odierno il film diretto da Castellano & Pipolo è certamente una commedia divertente ma solo a tratti (con momenti francamente assai spassosi); parecchi però sono i punti in cui il livello cala e subentra un evidente vuoto d'idee e di ispirazione.

Pipolo (Giuseppe Moccia) HA DIRETTO ANCHE...

Herrkinski 4/12/08 17:07 - 6584 commenti

I gusti di Herrkinski

Abatantuono vecchia maniera con questo film riesce a creare, insieme ai fidi Castellano & Pipolo, un nuovo sottofilone del cinema bis: lo storico/demenziale. Che ce ne fosse bisogno o meno, è un altro discorso. Certo, lo slang del terrunciello-misto-barbaro è di rara genialità e alcune battute sono entrate di diritto nell'immaginario collettivo, ma al di là di alcuni momenti divertenti il film è abbastanza imbarazzante, specialmente per la messa in scena, di una povertà deprimente. I comprimari fanno pena e la sceneggiatura arranca troppo.

Lovejoy 7/08/10 13:54 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Di una noia mortale e diventato, chissa perché, un cult movie. Scritto malissimo e diretto ancora peggio dalla micidiale coppia Castellano e Pipolo, responsabili negli anni '80 di alcune sconcezze indicibili (un titolo per tutti College), si avvale di un Diego Abatantuono prima maniera scatenato. Al suo fianco una Rita Rusic non ancora signora Cecchi Gori. Battute sceme e gag ridicole. Evitabile.

Disorder 4/09/09 23:36 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

È diventato un cult per il fatto di contenere alcune delle battute storiche di Abatantuono: alcune sono davvero inarrivabili (come non citare lo spelling di Attila...), per non dire del soggetto, davero originale. Purtroppo non ha molto altro da offrire: ritmo soporifero, comprimari non del tutto all'altezza (la Rusic in particolare). Meglio rivedere solo le battute principali, anziché tutto il film.
MEMORABILE: "Come te chiami?" "Attllà" "Come?" "Attlla!" "Come?" "AAAtttlla! Ma siet 'na tribù d'anTicappati?"

Daidae 28/01/10 05:06 - 2932 commenti

I gusti di Daidae

Davvero troppo sopravvalutato. Prima di guardarlo sentii diversi amici cultori del cinema anni 80 parlarne come un cult divertentissimo. Invece, a parte la parlata di Diego, divertente ma ripetitiva, si tratta di un filmetto. Attori non all'altezza (la Rusic e Salvi in particolare), diverse battute "fredde" e una noia che assale dopo un'ora massimo. Sinceramente, una delusione: mediocre.

124c 10/02/10 17:09 - 2832 commenti

I gusti di 124c

Commedia di costume per un Diego Abtantuono ancora terrunciello e ancora soltanto "attore comico". L'idea di Castellano e Pipolo su "Attila flagello di Dio" era quella di farne un misto fra Conan il barbaro di John Milius, L'armata Brancaleone di Mario Monicelli ed Eccezzziunale... veramente di Carlo Vanzina, ma la cosa non piacque subito, nonostante un Abatantuono ancora perfetto terrunciello, un Muaro di Francesco prorompente ed un Francesco Salvi fuori di testa come in Fracchia la belva umana. Notevolmente nuda Rita Rusic.
MEMORABILE: Attila: "Rinaulto è moruto, il nemico ce l'ha ciappato!"

Caesars 26/10/11 08:30 - 3326 commenti

I gusti di Caesars

Quasi inguardabile, se non fosse perché Abatantuono è al suo meglio (nei "vecchi" panni del terrunciello) e Rita Rusic una gran bonazza (lasciamo perdere invece il lato attoriale). Per il resto siamo di fronte ad un vuoto desolante, aggravato dal fatto di dare l'impressione di essere stato girato con quattro soldi (sperando che sia effettivamente così), con poche battute che strappano il sorriso (lo spelling del nome) e molte situazioni che suggerirebbero di schiacciare il tasto FF. Lo credevo decisamente più simpatico. Con tanta generosità *!

Vstringer 3/11/10 18:26 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Comprensibile che sia un cult: Abatantuono terrunciello è scatenato in questo sgangherato calco dell'Armata Brancaleone e col resto del cast dà vita a dialoghi da antologia dei bmovies italici. Comprensibile che in sala all'epoca abbia floppato: tolto l'usurato Abatantuono c'è davvero poco. Però le musiche (del duo Pfm Di Cioccio-Mussida) sono piacevoli, i comprimari sono simpatici, i riferimenti alla subcultura di massa del periodo sono curiosi. E ci sono quelle 5-6 battute entrate di prepotenza nel lessico comune: vale la pena riascoltarle.
MEMORABILE: Oltre alle battute di cui sopra, la citazione dello spot (di Leone!) della Renault 18 diesel, col gallo Renolto che si libera dalle catene rombando.

Mark70 10/11/10 14:45 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Insulso fimetto che ha rappresentato il punto più basso della carriera di Abatantuono. è evidente il tentativo di rifare un nuovo Brancaleone, ma qui manca tutto per avvicinarsi al modello: ci sono 4 o 5 battute che restano in mente (e per i maschietti i nudi della Rusic, pessima attrice ma con un corpo da urlo!), per il resto il film è uno sconclusionato susseguirsi di scenette stupide mentre seguiamo questi improbabili barbari alla conquista di Roma. Sorpendente che se ne parli ancora.

Tarabas 13/10/11 12:25 - 1843 commenti

I gusti di Tarabas

Perchè seguiamo te? Perchè tu sei Lo Re! Lo Re di questo filone unipersonale, il cinema abatantuonesco ante salvationem salvatoriana. Il cinema cabarettistico, scopiazzatore, arruffato, ma con una sua innegabile viulenzz comica tutta basata sul protagonista. Qui la trama è inesistente, la sceneggiatura è da recita delle medie, ma Diego spadroneggia nei panni del Fratello di Dio (o comunque molto amico di Dio), tra babbar' e romani, con la presenza stracult di Rita Rusic (che poi si accaserà bene, cioè male, insomma). Imo!
MEMORABILE: Renoldo era forzuto, però è moruto.

Giùan 10/12/11 12:57 - 3664 commenti

I gusti di Giùan

Avevo 11 anni ed era il Natale dell'epocale (19)82: nel nuovo di Bisceglie ero tra i non molti presenti in sala allo spettacolo pomeridiano. Rivisto con gli occhi dello “splendido quarantenne”, nonostante lo sdoganamento cult, l’impressione è ancora (quasi) la stessa: stirato, noiosetto, statico. Salvi che mi faceva scompisciar, Maurino vassallo di Re Tiego, ragazzi (chiedo venia): le poppe della Rusic, il mutismo di Di Ciocco e quelle musiche (con l'intelletto di poi) così stranianti rispetto al contesto. Abatantuono debordante. Certe visioni comunque segnano.

Vincenzo Crocitti HA RECITATO ANCHE IN...

Didda23 16/12/11 13:40 - 2352 commenti

I gusti di Didda23

Difficilmente mi è capitato ad assistere ad un vuoto così palese di idee e di trovate comiche: nemmeno a sforzarmi sono riuscito a farmi una sanissima risata. La rappresentazione è scarna, sembra un'opera girata amatorialmente da un gruppo di amici. Costumi ridicoli, storia inesistente e recitazione sotto il livello di decenza. Abatantuono dopo soli 5 minuti è insopportabile e la voglia di vedere altro si fa invadente e incessante. Inspiegabile il successo postumo. Solo per appassionati. Per me, un mistero.

Belfagor 27/12/11 18:57 - 2652 commenti

I gusti di Belfagor

Più scult che cult, considerati i meriti effettivi. Il film è infatti approssimativo, con un ritmo non proprio coinvolgente, una sceneggiatura labile e una messa in scena ancor più modesta: un semplice canovaccio sul quale Abatantuono, armato di un inguaribile istrionismo, è riuscito ad innestare una serie di battute esilaranti che costituiscono la vera ragion d'essere della pellicola. Musiche curiose. La Rusic più o meno ignuda dall'inizio alla fine.
MEMORABILE: "Giallo! Rollo funebre!"; "A come Atrocità..."

Zardoz35 29/01/12 15:40 - 276 commenti

I gusti di Zardoz35

Divertente film trash/storico a suo tempo poco considerato e poi diventato un vero e propio cult (a dire il vero ora sopravvalutato). Come raccontare la calata dei barbari in Italia in chiave ironica, con Abatantuono al top del periodo "terronese" e un gruppo di bravi attori come Di Francesco e Salvi che faranno una discreta carriera. Non mancano ovviamente i romani, qui dipinti come i "cattivi" di turno. Ottime musiche firmate Di Cioccio/Mussida, ossia Pfm.
MEMORABILE: Il barbaro "Giallo" (Di Cioccio) sempre muto, suona i tamburi con le movenze del batterista (visto che tale è nella realtà).

Smoker85 25/03/12 21:53 - 440 commenti

I gusti di Smoker85

Ovviamente se badiamo alla qualità intrinseca del film sarebbe difficile dargli più di due pallini e mezzo... Ma non sempre si deve giudicare col solo col metro del critico raffinato. Soprattutto paragonato a tante farse successive, italiane e straniere, questo film è di gran lunga più spassoso, convincente e genuino. Abatantuono sguazza nel ruolo a meraviglia e tiene sempre saldamente la scena. Spassosi i duetti con Di Francesco e col maestro interpretato dal compianto Marra. Bellissima la Rusic.
MEMORABILE: Chi è lu re?

Nando 2/06/12 17:40 - 3627 commenti

I gusti di Nando

Il top del trash italico anni 80 si raggiunge con questa pellicola storico-demenziale che rappresenta il canto del cigno del personaggio creato da Abatantuono. La pellicola si ricorda per alcune citazioni in slang del protagonista (alcune esilaranti) ma nel complesso appare abbastanza carente. La Rusic mostra un'ammaliante quanto selvaggia bellezza.

B. Legnani 7/12/12 00:17 - 5165 commenti

I gusti di B. Legnani

Micidiale, insalvabile film (*) che ha di demenziale non ciò che è stato voluto, ma ciò che è capitato, per l'incredibile improvvisazione che deve esserci stata sul set (chiamiàmolo così). Diventato di culto per motivi che non è il caso di ripetere, lascia allibiti per ogni piano di lettura. Perché i toscani sono vestiti in foggia medievale? Fa ridere Salvi che ammazza i legionari con la parlantina? Non è manco profetico, perché l'unico sorriso lo strappa la Rusic, quando rifiuta (ma nel film) un matrimonio che la eleverebbe di ceto sociale...

Vitgar 30/08/14 10:39 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Riprende in qualche modo il tema dell'Armata Brancaleone di Monicelli. Una sgangherata banda di barbari guidati da Abatantuono nella sua peggiore versione di "terrunciello" vuole raggiungere Roma per conquistarla. Qualche sorriso lo strappa, ma parlare di film cult mi sembra eccessivo. Presenti nel cast Salvi, Di Francesco, Di Cioccio (batterista PFM) che per fortuna non parla, il grande Murgia in un mini-ruolo. La Rusic fa vedere le sue gambe, anche perché non ha altro.
MEMORABILE: Il navigatore ligure che canta "Genova per noi".

Ultimo 7/10/14 21:00 - 1532 commenti

I gusti di Ultimo

Partiamo col dire che il film non piacerà a tutti, ma è altrettanto ovvio che sarà considerato una vera e propria "chicca" da chi apprezza le commedie italiane. Abatantuono è all'apice della carriera (il 1982 è l'anno più prolifico, per l'attore) e regala un'interpretazione tanto buffa quanto riuscita del famoso eroe barbaro. L'umorismo di Diego la fa da padrone, ma anche i comprimari sono simpatici (su tutti il migliore è Angelo Infanti). Risate assicurate!
MEMORABILE: "Chi è lo Re?" (Attila).

Zio bacco 27/10/15 22:12 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Commediola che, per motivi non appieno comprensibili, è divenuta un cult. In realtà è un prodotto mediocre, non ben realizzato e con ampi momenti di stanca. Il ritmo infatti è molto lento e pure i comprimari non sono all'altezza (su tutti la ruspante Rusic). La forza del film è quella di offrire il miglior Abatantuono dell'epoca, che qui condensa al meglio i propri tormentoni. Le battute riuscite non sono molte, ma comunque sono efficaci e, unite a un soggetto davvero originale, alla lunga sono più memorabili del film in sé. Da citazione.

Il ferrini 26/12/15 11:05 - 1949 commenti

I gusti di Il ferrini

Se dopo oltre trent'anni si continua a parlare di un film, quel film ha un valore. Checché se ne dica, questo è uno dei pochi casi in cui - in un film italiano di quegli anni - non si ride per battute a sfondo sessuale o rumori corporali. Abatantuono porta il suo personaggio alla massima caricatura possibile coadiuvato da ottimi caratteristi e da una Rita Rusic bella da togliere il fiato. Gli effetti trash, tipo la trasformazione Enzo Crocitti in asino mannaro, sono memorabili. Un film che della povertà di mezzi ha fatto il suo punto di forza.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Lou 23/07/17 00:22 - 1079 commenti

I gusti di Lou

Un cult del cinema trash, con un Abatantuono al suo massimo. Le gag sono grevi e la comicità dozzinale, ma alcune trovate lasciano il segno, come l'esilarante spelling del nome Attila, che è diventato super-citato e ha fatto la fortuna del film. Colonna sonora dei PFM Mussida e Di Cioccio, quest'ultimo anche attore. Rita Rusic, futura moglie di Vittorio Cecchi Gori, si mostra con generosità.

Minitina80 29/08/17 13:16 - 2740 commenti

I gusti di Minitina80

Commedia di nicchia fruibile prevalentemente dagli appassionati di Abatantuono, alle prese con la figura del barbaro Attila che ha contribuito non poco alla sua fortuna. Difficilmente apprezzabile da tutti in quanto miserrimo sotto tanti punti di vista, ma soprattutto perché punta esclusivamente sul personale carisma del comico. Un giudizio tecnico, infatti, lascia il tempo che trova poiché il film prosegue su un esile canovaccio che fornisce il pretesto per gag e battute. Impreziosito da una colonna sonora inusuale per lo standard del genere.

Pessoa 26/12/18 23:24 - 2094 commenti

I gusti di Pessoa

Siamo nel regno del trash dichiarato senza vergogna, in un film girato con quattro soldi attorno al protagonista per sfruttarne il momentaneo successo. Gli autori non si sono presi nemmeno la briga di scrivere una sceneggiatura degna affidandosi alla (scarsa) capacità di improvvisazione del cast. Un susseguirsi di scene imbarazzanti prive di qualsiasi forma di ilarità in cui si salvano solo Infanti e la statuaria Rusic, che sembrano crederci fino in fondo. Ma è davvero troppo poco. Insalvabile sotto qualsiasi punto di vista.

Rigoletto 16/08/18 11:32 - 1713 commenti

I gusti di Rigoletto

Che sia tra le vette assolute del trash all'italiana nessuno lo mette in dubbio, ma la fama che gode oggi va ben al di là dei meriti reali. Tuttavia è un film con un suo senso, perché questo Abatantuono così agreste non è tanto lontano dal concetto comune dell'Attila storico. Le somiglianze finiscono qui, ma il protagonista, con la sua fisicità e il suo parlare "sporco", regge sino alla fine (lo spettatore un po' meno). La sfilza di caratteristi che ha marcato un'epoca rende il film più accettabile; nel complesso due pallini sono un voto onesto.
MEMORABILE: "Attila non si ritira mai!"... Boom.... "Ritiriamoci!"

Jena 24/11/18 19:28 - 1372 commenti

I gusti di Jena

Punto di non ritorno nel trash italico, è un film che bisogna vedere per crederci. E' ben vero che visti i recenti Asterix sarebbe quasi da rivalutare. In ogni caso rimane un film demenzial - pseudo comico puerile, se non ci fossero i generosi nudi di una splendida Rita Rusic. Non si ride mai, ma qua e là si sorride per l'incredibile assurdità delle situazioni. Abatantuono propone il suo solito personaggio ottantiano di cui oggi si apprezza la vena surreale. C'è anche Francesco Salvi. Per fan del genere...

Taxius 28/06/19 14:16 - 1652 commenti

I gusti di Taxius

La comicità del primo Abatantuono riassunta in un film. Attila flagello di Dio è sicuramente un cult della commedia italiana e per questo merita una visione da parte di tutti gli amanti del genere. Ciononostante resta un film un po' sopravalutato, che fa ridere ma solo a tratti. Troppi i riempitivi e infatti il film ha una durata eccessiva, che alla lunga annoia. Abatantuono comunque è grande e ci regala una bella dose di spassosissime gag.
MEMORABILE: A come atrocità...

Noodles 8/01/20 18:51 - 1460 commenti

I gusti di Noodles

Film che negli anni è assurto a rango di cult in maniera inspiegabile. Una commedia noiosissima, priva di un qualsiasi spunto divertente e zeppa di inspiegabili scelte di sceneggiatura. Il tutto è condito da una pessima recitazione (qui è sottotono anche il bravissimo Angelo Infanti) e da una colonna sonora insopportabile. Abatantuono propone il consueto personaggio, ma senza una spalla adeguata perde e soprattutto stanca. Pessimo.

Samuel1979 7/03/21 23:46 - 516 commenti

I gusti di Samuel1979

Film "cult" di evidente derivazione monicelliana in cui Abatantuono riprende il personaggio del terrunciello calandosi nel ruolo di un improbabile capo barbaro. La commedia, pur avvalendosi di uno splendido Angelo Infanti (unica nota lieta del film), manca di un buon ritmo ed è caratterizzata da una comicità grossolana e da una verbosità irrefrenabile che la rende insopportabile.

Silvestro 28/12/21 14:01 - 253 commenti

I gusti di Silvestro

C'è chi lo considera una pietra miliare della comicità demenziale italiana e chi invece lo reputa un film di infimo livello; probabilmente la verità sta nel mezzo: se da un lato si nota una certa povertà di sceneggiatura e regia, dall'altro lato Diego Abatantuono regala allo spettatore alcune perle comiche di assoluto valore. Insomma, un film che merita di essere visto almeno una volta nella vita.
MEMORABILE: Lo spelling di Attila.

Reeves 19/03/22 08:40 - 1010 commenti

I gusti di Reeves

Il film che con il suo insuccesso ha decretato l'accantonamento, da parte di Diego Abatantuono, del  personaggio del "terrunciello" prima maniera. In realtà è un film divertente, con tante trovate, ben recitato e capace comunque di suscitare ancora oggi interesse. I caratteristi fanno tutti il loro dovere, Rita Rusic è una vera e propria bomba e fa piacere rivedere la Tuscia protagonista di tanti film avventurosi di nuovo scenario principale.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 9/10/14 18:46
    Pianificazione e progetti - 45715 interventi
    L'hai detto, Caesars. Uno di quei film che divide come pochi :)
  • Discussione Graf • 9/10/14 20:40
    Call center Davinotti - 911 interventi
    Zender ebbe a dire:
    L'hai detto, Caesars. Uno di quei film che divide come pochi.

    Credo che dipenda dall'originale modalità di recitazione in vernacolo di Diego Abatantuono.
    C'e chi la trova strepitosa e chi non la può soffrire.
    Le interpretazioni di Diego Ababantuono da Regalo di Natale in poi sono, invece, apprezzate da tutti.
    Ultima modifica: 9/10/14 23:36 da Graf
  • Discussione Zender • 10/10/14 08:23
    Pianificazione e progetti - 45715 interventi
    Sì, è vero Graf; la cosa riguarda in particolare questo film proprio perché di fatto è l'apoteosi abatantuonesca prima maniera, in cui spesso la battuta scaturisce dal solo uso imbestialito del suo "vernacolo".
  • Musiche Zender • 25/03/15 18:50
    Pianificazione e progetti - 45715 interventi
    Le musiche del film sono firmate Franz di Cioccio (che appare anche nel film nella parte del "giallo") e Franco Mussida, da sempre l'asse portante della Premiata Forneria Marconi (nonché gli unici due membri da sempre presenti in ogni incarnazione della PFM). Il disco, mai uscito purtroppo in cd, è un 33 giri rarissimo composto di 8 pezzi, che Youtube ci permette di ascoltare per intero! Ne uscì anche il 45 giri, contenente la title track ("versione barbara", cioè cantata) e sul retro la versione strumentale (ben diversa) della stessa. I pezzi (ad eccezione della citata title track in "versione barbara" e di qualche gorgheggio femminile qua e là) sono interamente strumentali.

    Ultima modifica: 25/03/15 18:55 da Zender
  • Homevideo Ruber • 17/07/16 21:58
    Contratto a progetto - 9128 interventi
    Il blu ray di CGH ha durata di 1h42m09s
    Formato: 1,85:1 Anamorfico
    Audio: 2.0 Italiano
    5.1 DTS HD Italiano
    Sottotitoli: Italiano
    Extra: Intervista al regista Giuseppe Moccia.

    screen a 1h4m48s

    Ultima modifica: 18/07/16 15:29 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 11/04/19 19:05
    Pianificazione e progetti - 23872 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi & Canzoni della Prima Visione Tv (giovedì 15 novembre 1984) di Attila flagello di Dio:

  • Discussione Fedemelis • 26/05/20 06:29
    Fotocopista - 1986 interventi
    La castellana che taglia per due volte la fune ai barbari è il famoso Jimmy il fenomeno.

    Ultima modifica: 26/05/20 08:20 da Zender
  • Discussione Sonik76 • 14/12/21 13:50
    Disoccupato - 15 interventi
    Renolto è interpretato da Giuseppe Castellano, presente in tanti polizziotteschi e in Febbre da Cavallo nel ruolo del fantino Stelvio Mazza. Strano non risulti il suo nome nemmeno su Wikipedia.
    Ultima modifica: 14/12/21 13:54 da Sonik76
  • Discussione Mauro • 14/12/21 18:31
    Disoccupato - 10748 interventi
    Sonik76 ebbe a dire:
    Renolto è interpretato da Giuseppe Castellano, presente in tanti polizziotteschi e in Febbre da Cavallo nel ruolo del fantino Stelvio Mazza. Strano non risulti il suo nome nemmeno su Wikipedia.

    A dire il vero è segnalato (forse non lo trovavi perchè il suo personaggio lo hai cercato come Renolto e non come Renaulto)

    https://it.wikipedia.org/wiki/Attila_flagello_di_Dio
  • Discussione Sonik76 • 15/12/21 10:16
    Disoccupato - 15 interventi
    Mauro ebbe a dire:
    Sonik76 ebbe a dire:
    Renolto è interpretato da Giuseppe Castellano, presente in tanti polizziotteschi e in Febbre da Cavallo nel ruolo del fantino Stelvio Mazza. Strano non risulti il suo nome nemmeno su Wikipedia.

    A dire il vero è segnalato (forse non lo trovavi perchè il suo personaggio lo hai cercato come Renolto e non come Renaulto)

    https://it.wikipedia.org/wiki/Attila_flagello_di_Dio
    Giusto, Mauro. Cercavo proprio la pagina di Giuseppe Castellano che non esiste ancora, ma almeno il suo nome sulla pagina di Attila c’è.
    Al contrario di quella di Febbre da Cavallo.