Horror puppet

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Tourist trap
Anno: 1979
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Puppet".
Numero commenti presenti: 21
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 16/04/08 18:09 - 3837 commenti

I gusti di Undying

Delirante e schizofrenico, che supera - di gran lunga e per esposizione pressoché continuata - il delirio (apparentemente) insensato dei manichini "con personalità", già intravisti nello Spasmo diretto da Lenzi. Pur semplice nella messa in scena dei delitti, l'atmosfera di una mente distorta (quella del killer) pervade lo schermo continuamente, e pare prendere forma (anche materiale) negli inquietanti sguardi assenti dei pupazzetti appostati qua e là per turbare. Bravi gli interpreti, che riescono a tenere testa alla claudicante sceneggiatura.

Cotola 12/05/08 20:02 - 7690 commenti

I gusti di Cotola

Discreto horror che, nonostante una sceneggiatura non certo perfetta, può contare su una buona e solida regia che crea un'efficace atmosfera la quale a tratti si rivela essere più morbosa ed inquietante del previsto (si vedano le scene con i manichini). Anche la tensione non manca e così non è difficile per lo spettatore arrivare fino al finale che presenta una sorpresa non facilissima da prevedere.

Herrkinski 2/05/09 12:52 - 5395 commenti

I gusti di Herrkinski

Bizzarro horror settantiano che riesce nell'intento di rendere spaventosi (e mortali) dei manichini. La storia è tutto sommato originale, anche se non mancano alcuni riferimenti a Psyco e ad altri film similari, specialmente a livello di location e set. Non del tutto prevedibile, ma neanche carico di grande suspance, il film si lascia vedere e denota una certa serietà, senza indulgere eccessivamente nello splatter; ma ha molti momenti di stanca e in alcune parti si fa strada la noia. Alcune sequenze d'altro canto sono molto buone. Discreto.
MEMORABILE: L'inizio e il finale.

Ciavazzaro 19/10/09 09:46 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Horror degno di nota. Il tutto grazie a un'ottima atmosfera, la buona interpretazione del veterano Chuck Connors e alcuni interessanti invenzioni visive. La storia non è banale e presenta alcune sorprese gradevoli, ottime ed inquietanti musiche di Pino Donaggio. Notevole.

Funesto 11/11/09 23:36 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Un film tale, per essere stato sfornato nei '70, risulta decisamente sui generis. Di certo pesca un po' dal neonato slasher e da altrove (Psycho, Non aprite ecc.) ma riesce a miscelare tutte le sue "derivazioni" con grande omogeneità. Nondimeno, "Horror Puppet" è un buon film: ha una regia pulita, è ben recitato (bravissimo Connors, enfatico al punto giusto, ma anche la Roberts lo è) e ha anche una fotografia notevole. Era solo da curare un po' di più la sceneggiatura (un po' debole e confusa), a mio avviso. Stranissime le musiche di Donaggio.
MEMORABILE: La scena finale, coi manichini che si sporgono verso la protagonista, spalancano la bocca e le alitano inquietanti sospiri in faccia.

Trivex 17/02/10 17:57 - 1519 commenti

I gusti di Trivex

A parte le discrete musiche di Pino Donaggio, in alcuni momenti anche suggestive, questo horror non raggiunge la sufficienza per molti motivi. Cominciamo con la storia, disimpegnata e confusa, traballante ed incerta nel genere. Le scene splatter o gore sono inesistenti (almeno nella versione visionata), con gli omicidi perpetrati senza alcun mordente. Ci sono alcuni spezzoni accettabili (come la cattura nel fiume) e momenti di fotografia dignitosa, ma non andiamo oltre. La noia impera e le bocche urlanti e inquietanti, in quel contesto sono solo grottesche.

Mitog 19/04/10 20:03 - 3 commenti

I gusti di Mitog

Bene gli interpreti e i dialoghi, ma il resto, dalla trama alla sceneggiatura risulta a parer mio assai scarso. Il film non riesce a mostrare un solo istante una sequenza che faccia paura, i manichini sono ridicoli e la storia è piuttosto confusa. Forse avrebbe ottenuto più successo come rappresentazione teatrale. Un filmaccio.

Aal 30/08/10 10:53 - 322 commenti

I gusti di Aal

Buon horror che vale soprattutto per l'atmosfera inquietante, splendidamente fotografata, che aleggia in ogni sequenza girata all'interno della casa dello piscopatico di turno, un convincente Chuck Connors. Marionette e manichini fanno sempre paura; se ci aggiungiamo una bella doppia personalità e inquietanti poteri paranormali, ecco confezionato un bel mostro che farà di tutto per uccidere, dopo averli terrorizzati, gli amici in gita capitati da quelle parti. Sceneggiatura esile, attori decenti, bell'impianto visivo. Godibile.

Myvincent 4/11/11 22:17 - 2655 commenti

I gusti di Myvincent

Per la serie "Gli inguardabili" un film che è debitore di tanti altri e tanti registi del genere (pur non assomigliando a nessuno, vista la noia di cui è intriso). Solo il finale resuscita un po' dagli sbadigli senza tregua. Colonna sonora di Pino Donaggio assolutamente sprecata.

Deepred89 9/11/10 20:08 - 3331 commenti

I gusti di Deepred89

Rozzo horror di serie B perennemente in bilico tra (tentativi di creare) tensione e ridicolo involontario. C'è qualche sequenza discretamente realizzata (soprattutto dal punto di vista fotografico), ma il regista non riesce ad evitare cadute nel trash, suscitando così più tenerezza che inquietudine. C'è però da dire che tanta trasandatezza vintage ogni tanto riesce ad affascinare, creando una godibile (per gli appassionati ovviamente) atmosfera da filmetto grindhouse. Di minimo spessore solo le musiche di Donaggio, per il resto un filmetto.

David Schmoeller HA DIRETTO ANCHE...

Buiomega71 15/12/10 00:10 - 2326 commenti

I gusti di Buiomega71

Tra Psyco e Non aprite quella porta, anticipando le fobie dei manichini di Maniac. Inquietante e terrifico incubo che fa delle bambole vere e proprie creature antropomorfe (l'ansimare dei manichini che spalancano la bocca è da annali dell'incubo). Innesti slasher e da redneck horror che sfociano in balletti visionari di macabra poesia (il ballo di Connors con la moglie), in pupazzi e pupazzetti dal ghigno agghiacciante, in stanze e musei che tanfano di necrofilia. Finale femmineo che termina in follia. Genuinamente spaventoso e disturbante.
MEMORABILE: Chuck Connors che rompe (letteralmente) il ragazzo trasformato in manichino; L'indiano di legno come in Creepshow 2; La maschera simil Leatherface.

Puppigallo 3/06/11 11:38 - 4544 commenti

I gusti di Puppigallo

Tra l'horror e lo psicodramma, questa pellicola ha se non altro il pregio di lasciarsi vedere, grazie al protagonista, a dir poco eccentrico e ad attori (vittime predestinate della follia manichinica) in linea di massima passabili. Girato con un certo mestiere, non spicca certo per grandi trovate, ma ci rende partecipi della follia di una mente traumatizzata. Scivolerà comunque quasi subito nell'horror soprannaturale (la delirante prima scena nella stanza, con manichini ridens). Non male, dopotutto.
MEMORABILE: Ragazza gessata; Il folle scaglia una testa ridente alla poveretta in fuga: "Saluta il mio amico!"; L'indiano, che fa centro al secondo lancio.

Rebis 24/08/11 16:00 - 2091 commenti

I gusti di Rebis

Uno sperduto paesino di campagna. Un gruppo di ragazzi. Una coppia di fratelli psicopatici che realizzano manichini per il museo di personaggi storici locale: l'avete già sentita? Certo, perché le premesse al bel film di Collet-Serra sono tutte qui, compresa l'anima selvaggia e hooperiana che connota il mascherone telecinetico e lo scenario ruspante. Più tetro e serioso rispetto ai canoni produttivi di Charles Band, è un horror elementare e rozzo che riesce a centrare il suo obbiettivo primario: fare paura. Agghiacciante lo score di Donaggio ancora in casa White. Sorprendente.

Lupoprezzo 26/08/11 20:00 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

L'orrore e la sporcizia della provincia, il travestitismo come sfogo della follia sono temi cari ad un certo cinema americano e questa dignitosa pellicola di David Schmoeller non fa eccezione. L'incredibile e sorprendente morte del ragazzo nell'incipit ed il finale sono le cose migliori del film, che purtroppo però soffre di una sceneggiatura un po' stiracchiata e diluita oltremisura per fare metraggio. La tensione è al minimo sindacale, ma la forza della pellicola risiede nel fascino dei manichini e in un Chuck Connors veramente convincente.

Daidae 3/03/14 09:01 - 2787 commenti

I gusti di Daidae

Diciamo non male. Confuso ma divertente, con un assassino dai poteri misteriosi. Interessante il cast. Film senza troppe pretese, non un capolavoro ma neppure da buttare. Bella la colonna sonora. In sintesi direi che un'occhiata la merita certamente.
MEMORABILE: I manichini nella macchina; I manichini che aprono la bocca.

Minitina80 27/11/15 21:02 - 2460 commenti

I gusti di Minitina80

Bisogna ammettere che David Schmoeller compie un ottimo lavoro, superiore anche a quello che darà nel successivo Puppet master. Per quanto semplice e minimale, l’animazione dei manichini risulta efficace, grazie a quel tocco tra il macabro e il grottesco che suscita inquietudine. Bravo anche Connors, mentre la sceneggiatura è lineare e si avvale di ottime invenzioni che non fanno scendere l’attenzione sotto livelli preoccupanti.

Rufus68 3/04/17 22:33 - 3217 commenti

I gusti di Rufus68

Se uscisse oggi, con la penuria d'intelligenza e idee del genere horror, diverrebbe un piccolo classico. Ma occorre valutare con occhio più disteso. E allora diciamo che questo è un filmino bizzarro, con sequenze riuscite (il primo omicidio, soprattutto), ambientazione insolita e almeno un bel paio di gambe. Alla lunga mostra, però, la corda e proprio la location scelta risulta, più che claustrofobica, angusta. Adeguato Connors.

Mandrakex 1/10/17 17:00 - 87 commenti

I gusti di Mandrakex

Un gruppo di ragazzi finisce tra le grinfie di un sadico collezionista di bambole dotato di occulti poteri. Palesi le ispirazioni da Non aprite quella porta, La maschera di cera e perfino Psyco per questo poco celebre ma assai inquietante horror paranoico, uscito nell'età d'oro del genere. Budget limitato ma tante idee, a cominciare dalla casupola del matto, la campagna notturna e i diabolici manichini che prendono vita. Qualche lentezza di troppo nella parte centrale e un finale troppo frettoloso gli precludono lo status di piccolo capolavoro.
MEMORABILE: Il primo violento omicidio; Lo svelamento del mistero del fratello del killer; I ragazzi nascosti tra le bambole; L'incredibile trasformazione finale.

Fedeerra 3/02/18 03:51 - 523 commenti

I gusti di Fedeerra

L'autostrada deviata che conduce giovani sventurati in un posto isolato ma apparentemente sicuro è un richiamo a Psyco. Il film di Schmoeller però è un orgoglioso figlio degli Anni 70; fotografia satura, styling vistoso e tutte le tipiche architetture narrative dello slasher. Le maschere, i fantocci e i manichini fanno davvero rabbrividire. Tanya Roberts è inverosimilmente bella.

Anthonyvm 31/03/18 12:01 - 2272 commenti

I gusti di Anthonyvm

Interessante proto-slasher con un maniaco dotato di poteri telecinetici e di un particolare gusto per il macabro. I riferimenti a film classici dell'horror (La maschera di cera, Psyco, Carrie) sono al servizio di una trama semplice ma ben congegnata che sfrutta perfettamente il potenziale perturbante dei manichini che affollano la pellicola. Buono il cast, con un Chuck Connors sempre in forma. Qualche caduta accidentale nella noia non rovina la visione, così come non disturbano alcuni effetti speciali un po' rozzi. Per amanti del genere.
MEMORABILE: I manichini che spalancano la bocca emettendo sussurri e lamenti.

Chuck Connors HA RECITATO ANCHE IN...

Rigoletto 29/12/18 12:46 - 1624 commenti

I gusti di Rigoletto

Considerando il soggetto, il dubbio che sale alla mente è perfettamente lecito, ma chi avrà la pazienza di andare avanti, a fine pellicola (ma anche prima), si accorgerà di aver trovato un gioiello gettato nel più malridotto dei portagioie. Visivamente rispecchia il periodo a cui appartiene, ma questo non disturba; tra voci inquitanti e risate sgangherate l'incubo e la follia prenderanno lentamente piede. Bravo Connors a prendersi la scena. Efficaci le musiche di Donaggio.
MEMORABILE: Il manichino della moglie con sottofondo di carillon.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 10/07/14 01:08
    Addetto riparazione hardware - 3538 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    D'altra parte non è un film particolarmente truculento... inquietante sì, tantissimo, e poi con le musiche di Donaggio...

    Infatti, più che altro e l'atmosfera morbosa e allucinata che lo rende davvero folle e quasi insostenibile (almeno per quanto mi riguarda)

    Già che mi inquietano di per sè bambole e manichini vari, figurarsi quando lo vidi per la prima volta (che ero un ragazzino)

    Poi è diventato uno dei miei cult in assoluto e uno dei film più spaventosi e terrificanti visti in vita mia (pari solo al finale di Maniac)

    Di culto, anzi, cultissimo!



    Recupero subito allora
  • Homevideo Rebis • 10/07/14 11:12
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Occhio che il dvd mosaico è messo maluccio e se non ricordo male è cut di qualche minuto... ne circola una versione in lingua originale con sub, se vuoi ti dico la durata effettiva, appena passo da casa...
  • Homevideo Buiomega71 • 10/07/14 17:47
    Pianificazione e progetti - 22276 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Occhio che il dvd mosaico è messo maluccio e se non ricordo male è cut di qualche minuto... ne circola una versione in lingua originale con sub, se vuoi ti dico la durata effettiva, appena passo da casa...

    Allora uscì cut in Italia, perchè il dvd Mosaico dovrebbe essere lo stesso master della vhs Multivision

    Almeno, a prova di scansi, la vhs Multivision dura esattamente 1h, 25m e 53s
  • Homevideo Rebis • 10/07/14 20:20
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Allora, ho un mux uncut della durata di 1;30,04, mentre il dvd mosaico ne dura 1;28;47, quindi in ogni caso è più lungo della VHS nostrana ma mancano una manciata di minuti rispetto alla versione integrale e ha il formato video sbagliato...
    Ultima modifica: 10/07/14 20:22 da Rebis
  • Homevideo Buiomega71 • 10/07/14 20:51
    Pianificazione e progetti - 22276 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Allora, ho un mux uncut della durata di 1;30,04, mentre il dvd mosaico ne dura 1;28;47, quindi in ogni caso è più lungo della VHS nostrana ma mancano una manciata di minuti rispetto alla versione integrale e ha il formato video sbagliato...

    Sicuro , Rebis, che il mux uncut non sia "codificato" in NTSC?

    Perchè i 90'minuti sono segnalati anche da IMDB (che solitamente riporta le durate calcolando il sistema NTSC)

    So per certo che il master della vhs Multivision e lo stesso che passò al cinema (confermatomi da un tizio che, all'epoca, lo vide al cinema, e poi mi vendette la vhs)

    Sarebbe curioso sapere in cosa consistono i 3' minuti in più del dvd Mosaico
  • Homevideo Rebis • 10/07/14 21:08
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    No Buio, in proprietà il file mi dà 23 fotogrammi al secondo quindi dovrebbe essere in Pal. Diversamente non si spiegherebbe la differente durata del dvd mosaico rispetto alla vhs...

    La durata del dvd va dall'inizio dei titoli di testa alla fine di quelli di coda.
    Ultima modifica: 11/07/14 00:32 da Rebis
  • Homevideo Buiomega71 • 10/07/14 21:12
    Pianificazione e progetti - 22276 interventi
    Rebis ebbe a dire:


    La durata del dvd va dall'inizio dei titoli di testa alla fine di quelli di coda.


    Come sempre si dovrebbe fare calcolando il running time effettivo...

    Comunque strana stà discrepanza di ben 3' minuti tra la vhs Multivision e il dvd Mosaico
  • Homevideo Rebis • 11/07/14 00:41
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Da Amazon comunque risulterebbe una discrepanza tra la durata del dvd tedesco (87/88 minuti) e quello inglese e francese (90 minuti): sono tutti pal e regione 2, ma mi sembra di capire che alcune edizioni tedesche hanno il formato 1.33:1 come il dvd mosaico, mentre il mux che ho è in 1,85;1 (come il dvd inglese). Ne desumo che quelli della mosaico hanno usato la traccia video tedesca (cut) mentre il mux usa quella inglese (uncut).
  • Homevideo Buiomega71 • 11/07/14 17:23
    Pianificazione e progetti - 22276 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Da Amazon comunque risulterebbe una discrepanza tra la durata del dvd tedesco (87/88 minuti) e quello inglese e francese (90 minuti): sono tutti pal e regione 2, ma mi sembra di capire che alcune edizioni tedesche hanno il formato 1.33:1 come il dvd mosaico, mentre il mux che ho è in 1,85;1 (come il dvd inglese). Ne desumo che quelli della mosaico hanno usato la traccia video tedesca (cut) mentre il mux usa quella inglese (uncut).

    Ottimo Rebis, grazie

    Resta da capire cosa hanno omesso nell'edizione cut, a questo punto...
  • Homevideo Rebis • 11/07/14 17:32
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    In questo periodo purtroppo non ho tempo... ma prometto che appena posso mi cimenterò in un confronto ;)