Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Il capolavoro di Pupi Avati extra-horror, una commedia amara che ha avuto non solo in merito di rilanciare Diego Abatantuono dopo il flop di ATTILA FLAGELLO DI DIO, ma anche quello di regalarci forse il più bel film sul poker mai girato. Di un'intensità incredibile, tiene sospesi sulle sorti della partita a ogni mano senza mai lasciarci prevedere il vincitore. Un cast in stato di grazia, con il già citato Abatantuono che ha modo di dimostrare tutto il suo talento (stupendo chi lo considerava un guitto di terz'ordine), con Gianni Cavina e Alessandro Haber al meglio delle loro possibilità, con un George...Leggi tutto Eastman recuperato da set di produzioni spesso di basso livello e diretto magnificamente ma soprattutto con un Carlo Delle Piane da applausi a scena aperta (giustamente premiato come miglior attore alla mostra di Venezia). E’ lui che, nel ruolo dell'esterno al gruppo di amici chiamato da uno di loro per essere spennato, sfoggia una performance incredibile senza mai salire sopra le righe, lavorando di fino sull'espressività del volto e sulle variazioni del tono di voce. Peccato che il sonoro penalizzi lui e Abatantuono, non riuscendo a cogliere le sfumature di una recitazione così sommessa rischiando a volte di rendere inintelligibili i dialoghi. C'è qualche divagazione comprensibile che allenta la tensione con flashback non sempre interessanti, ma è il prezzo da pagare per far emergere al meglio le personalità dei veri protagonisti (Eastman e Haber restano più sullo sfondo), rendendo la partita più reale e non esageratamente “professionale” (che significherebbe un poco auspicabile distacco dall'emozione vera). Il finale non sbaglia un colpo ma è il film nel suo complesso a strabiliare.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 24/02/07 14:27 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Grande cast e grande regia. Pupi Avati ci ha regalato un bellissimo esempio di cinema. Quattro amici si ritrovano la notte di Natale per spennare un ricco imprenditore al tavolo verde. Atmosfere cariche di tensione, attori bravissimi nelle loro interpretazioni, un Diego Abatantuono sopra le righe che dimostra la sua grande capacità interpretativa. Amaro e struggente sono due parole che descrivono bene la situazione. Le sequenze al tavolo sono state coordinate dal giocatore professionista Giovanni Bruzzi.

Caesars 27/02/07 16:04 - 3811 commenti

I gusti di Caesars

Pupi Avati ci regala un film amarissimo che, pur essendo di tutt'altro genere, ha una tensione emotiva degna dei migliori gialli. Il merito della riuscita dell'operazione è da ascrivere certamente al regista, ma anche al manipolo di attori scelti, che fanno a gara in bravura. Avati ha inoltre il grande merito di credere nelle capacità recitative di un Abatantuono ormai "bruciato" dal ruolo di "terruncello", ma che qui fa vedere tutte le sue qualità. Un film perfetto.

B. Legnani 27/03/07 22:21 - 5554 commenti

I gusti di B. Legnani

Capolavoro amaro di Pupi Avati. Film celebre e celebrato, che snocciola con maestria una serata indimenticabile per chi vi partecipa, assiso al tavolo verde. Note le grandi prestazioni di Delle Piane, Abatantuono, Cavina ed Haber, mentre Eastman/Montefiori, qui in secondo piano rispetto agli altri, fornirà una notevole prestazione nel successivo Rivincita.

Gigliato74 27/04/07 12:17 - 12 commenti

I gusti di Gigliato74

Sopraffina e tesissima opera da tavolo verde per l'abile regista bolognese. Un manipolo di grandi caratteri: intrecci di vite sfumate, ferite, in alcuni casi umiliate. Un film che tiene col fiato sospeso nel suo crescere fumoso di trepidi sguardi. Senza regole, senza respiro, senza rivincita: davvero un bellissimo "Regalo di Natale"... Abatantuono nella sua opera di Rivalutazione internazionale. Sfrutta la coraggiosa opportunità datagli dal regista con sicurezza e mestiere ben difficili da prevedere, tenendo conto dei personaggi fin lì interpretati.

Homesick 3/06/07 17:50 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia drammatica e cattiva, incentrata su amicizie tradite, invidie, donne infide, raggiri, famiglie sfasciate, ricordi di un tempo perduto. Avati inserisce un meccanismo thrilling di grande coinvolgimento, con tanto di colpo di scena finale e numerosi flashback. La regia è al solito magistrale, riuscendo a far emergere il meglio da un eterogeneo gruppo di protagonisti, tra i quali spiccano Delle Piane e Abatantuono. Ottimo.

Xamini 23/08/07 23:45 - 1256 commenti

I gusti di Xamini

Commedia senza sorrisi, il lavoro di Avati, salvo per battuta di Abatantuono a proposito della tempra dell'imprenditore interpretato da Delle Piane. Il quale piomba sul tavolo verde, annunciato da un tratteggio fine a sfiorar quasi la poesia; merito del personaggio, ma soprattutto dell'attore che offre una gran prova e, assieme ad Abatantuono - si scrive qui la sua rinascita - ruba la scena a tutti. Nondimeno gustoso l'avvicendamento tra flashback e occasionali incontri coevi alla vicenda narrata, incentrati sulla figura distante eppure centrale della Piaz.
MEMORABILE: Il gran finale e la condizione posta sul "regalo di Natale".

Il Gobbo 6/11/07 18:50 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Quando Avati si sbriglia e si lascia andare, rivela il suo lato più cattivo e affascinante e gira dei grandi film. Questo gioiello di cinismo dall'impianto teatrale (in senso buono) e inesorabile come un congegno di orologeria è un saggio di bravura registica e recitativa, di costruzione drammatica, di tenuta della tensione. Una sorta di manifesto dell'anti-cinema italiano (coevo e successivo). Applausi tonanti.

Cotola 9/01/08 23:56 - 9095 commenti

I gusti di Cotola

La notte di Natale quattro vecchi amici si rivedono al tavolo verde per spennare un pollo. Durante la serata riemergeranno vecchi rancori, fino a quando uno di loro potrà ricevere un insperato ed inusuale “regalo di Natale”. Il film più amaro e cattivo di Avati e forse anche il più bello. Merito di una grande prova degli attori, Cavina e Delle Piane su tutti, ma anche Abatantuono che lanciò la sua immagine di attore serio e di una sceneggiatura che, sebbene non perfetta, è molto sobria ed efficace, oltre che impreziosita dal colpo di scena finale.

G.Godardi 4/03/08 16:15 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Uno dei capolavori massimi di Avati, un kammerspiel con echi di giallo. Tutto è perfetto in questo film, dalla preparazione della partita a poker alla partita stessa, in cui Avati si prodiga in un bel saggio di regia. Storia di un tradimento e di una redenzione che non ci sarà. Avati sempre più cinico e disincantato: c'è poco da stare allegri. Ottimo il cast coi cinque protagonisti, dai quali si elevano Delle Piane (anche premiato a Venezia) e la rivelazione Abatantuono (tuttavia appare straniante vederlo ancora con le fattezze fisiche da terrunciello).

Capannelle 25/03/08 09:52 - 4423 commenti

I gusti di Capannelle

Forse il miglior Avati con un film di grande intensità e sobrietà al tempo stesso. Difficile scegliere il migliore tra i protagonisti del tavolo di poker dove confluiscono ansie e frustrazioni di ognuno. Dire che Delle Piane è superbo è quasi fare un torto agli altri attori. Dialoghi curatissimi e un ritratto d'insieme malinconico ma sempre avvincente. Senza pause.

Pupi Avati HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina La mazurka del barone, della santa e del fico fioroneSpazio vuotoLocandina BordellaSpazio vuotoLocandina La casa dalle finestre che ridonoSpazio vuotoLocandina Tutti defunti... tranne i morti

Pol 17/04/08 19:26 - 589 commenti

I gusti di Pol

Uno dei miei film preferiti in assoluto. Non riesco a soffermarmi su un particolare piuttosto che su un altro: il film è stupendo sotto ogni punto di vista. Considerando il tipo di film, la recitazione degli attori era fondamentale, e Avati ha assemblato un cast spettacolare che sembra gareggiare in bravura (solo Eastman appare defilato), senza tuttavia andare sopra le righe. Da notare che il film funziona sia nei momenti più leggeri (la prima parte) sia nel tesissimo finale.
MEMORABILE: Gli scontri tra Abatantuono e Delle Piane sono forse i momenti migliori della pellicola.

Ammiraglio 17/07/08 09:43 - 150 commenti

I gusti di Ammiraglio

A distanza di oltre venti anni dalla sua produzione, rimane un film giovane, intramontabile. È così per un motivo principalmente: la storia è incredibilmente semplice (quattro amici che si rivedono dopo anni, due dei quali da oltre dieci a causa di una donna, per giocare una partita di poker e spennare un ricco industriale), ma nella sua semplicità essa è sviluppata in maniera tale da renderla incredibilmente complessa ed affascinante. In poco più di novanta minuti Avati ci dà la sensazione di conoscere quel gruppo da sempre.

Renato 18/07/08 14:14 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Davvero un film riuscito. Completamente incentrato sul poker, utilizza alcuni flashback per spezzare la tensione della partita, ma il ritmo del film rimane pressoché uniforme per tutti i 90'. Ovviamente è un film di attori, tutti molto bravi; si è sempre elogiato molto Abatantuono per la sua interpretazione misurata ed efficace, ma io ricorderei anche l'ottimo George Eastman.

Ellerre 28/01/09 09:23 - 89 commenti

I gusti di Ellerre

Attraverso la metafora del poker si raccontano le storie di quattro vecchi amici, riuniti dietro a un tavolo da gioco la sera di Natale. Al tavolo verde anche un piccolo industriale col vizio del gioco e con la fama di perdente. Straordinaria pellicola di Avati che ci disegna, con la sua solita poesia, storie di inganni, bluff, tradimenti, umiliazioni che, attraverso una catarsi collettiva, sembrano sciogliersi proprio il giorno di Natale. Cast eccezionale, con Delle Piane forse all'apice, e Abatantuono "rivelazione" anche in un ruolo drammatico.

Daniela 20/02/09 16:03 - 12704 commenti

I gusti di Daniela

Avati dà il meglio di sé quando è più cattivo e lo dimostra anche in questa commedia che, senza toccare i vertici raggiunti nel campo dell'horror, fa comunque rimpiangere le occasioni perse fra gite scolastiche e feste di laurea. I bravi attori ci sono anche in Italia e tutti qui fanno bene il loro mestiere, facendo passare in secondo piano certe incongruenze nel disegno dei caratteri (in particolare, in quello interpretato dal pur bravissimo Delle Piane). Non un capolavoro, ma un film interessante che lascia un persistente retrogusto amaro.

Matalo! 2/04/09 16:17 - 1378 commenti

I gusti di Matalo!

Con gli attori (vabbè, attori... amici oltre che attori) Avati ci ha sempre saputo fare; inoltre all'epoca Abatantuono fu una rivelazione per chi lo ricordava come terrunciello noioso e ripetitivo. Chiuso in un ambiente (la vera casa di Montefiori), a parte i flashback, il film, amaro e sentito, ha come punto di forza la recitazione e gli attori, ai quali Avati porge con cura la sua cinepresa per interpretarne le emozioni nascoste (stiamo giocando a poker, in fondo...). Uno dei migliori film della sua non esaltante carriera.

Tarabas 18/05/09 12:08 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Davvero brutta gente, quella radunata attorno al tavolo da poker nella notte di Natale raccontata dal film. Traditori di tutti, direbbe Scerbanenco, tra rancori, ripicche e rivalse per i fallimenti passati e le amicizie buttate via. Niente bonomia padana per Avati, qui le facce sono torve dietro i sorrisi di circostanza, le coscienze sporche e le mani rapaci. Grande prova d'attori per un cast composito ma affiatatissimo, con Cavina per me sopra tutti, untuoso televenditore fallito. Siamo in zona capolavoro.

Pstarvaggi 9/07/09 17:43 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Il miglior film italiano degli Anni Otanta è un'amarissima commedia sulla fragilità delle amicizie, anche quelle di lungo corso. Tutto funziona alla perfezione: regia dai tempi calibratissimi, sceneggiatura caratterizzata da dialoghi mai sopra le righe, interni splendidi (le scene girate in esterno sono pochissime) e fotografati coerentemente con lo sviluppo della vicenda. Due parole, se ancora ce ne fosse bisogno, sulla recitazione degli attori: intenso Abantantuono, di gran classe Delle Piane, tenero Haber, funzionali Cavina e Montefiori.

Redeyes 10/08/09 17:01 - 2454 commenti

I gusti di Redeyes

Credo lo si possa definire il capolavoro di Avati, credo lo si possa annoverare fra i migliori film italiani. È un'amara cinica perdita dell'innocenza, se tale si può considerare vista l'età dei protagonisti, è la fine dei legami giovanili ed è il più grande tradimento si possa concepire. Se ne La grande abbuffata di Ferreri si celebrava l'amicizia, qui la si uccide. È persino un delizioso e tristissimo affresco del vizio del gioco. Difficile trovarci punti deboli e nel cast eccezionale e nella splendida sceneggiatura. Imperdibile!

Mco 12/08/09 00:02 - 2331 commenti

I gusti di Mco

Bellissimo film che val la pena di vedere e rivedere, per la sua raffinatezza e la composta recitazione di un cast attoriale davvero al top. Abatantuono è bravo ma soverchiato dall'enigmatico Eastman e dall'eccentrico Haber (che non smette mai di stupire in quanto a bravura), nonchè pareggiato da un misterioso Delle Piane. Seguire il poker vuol dire seguire i passi della vita di ognuno di loro, in un mixtum compositum di ghigni, sorrisi e mementi davvero speciali. Il vero regalo di Natale Pupi lo ha fatto a noi!

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Una vita tranquillaSpazio vuotoLocandina Van Diemen's landSpazio vuotoLocandina SalomèSpazio vuotoLocandina Una lettera all'alba

Franz 22/11/09 17:49 - 110 commenti

I gusti di Franz

Accidenti che film meraviglioso! Tutto (o quasi) sottovoce, girato in interni; le quattro mura della villa racchiudono infiniti mondi, tanti quanti sono gli ormai leggendari protagonisti di questa storica partita a poker con tutti i loro universi personali fatti di relazioni fallite, sogni infranti, tradimenti d'amore e d'amicizia, famiglie sfasciate, falsità. È un film molto virile, c'è un certo codice non scritto di comportamenti tipici maschili recitato alla perfezione. Eccellente.
MEMORABILE: Le patate bollite di Carlo Delle Piane; Haber che sbotta; le squallide televendite di Cavina.

Manowar79 15/12/09 15:19 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Uno dei picchi creativi della narrativa avatiana: dopo aver conferito nuovi connotati al gotico moderno con Zeder e - soprattutto - con La casa dalle finestre che ridono, Pupi Avati raduna un cast superlativo intorno ad un tavolo da poker dove non solo si gioca pesante, ma si mettono in discussione numerosi aspetti della vita, vecchi rancori e storie da bar, il tutto immerso nell'inimitabile magia natalizia. La vita allontana, l'interesse riunisce: questa potrebbe essere la morale. Delle Piane oltre misura, Haber e Abatantuono pure. Da non perdere.

Mtine 15/04/10 22:48 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Forse non il capolavoro, ma sicuramente uno dei film più crudi e intensi di Pupi Avati. Non perde quasi mai colpi (tranne nei flashback, un po' pesanti e noiosi), anzi li acquista con lo scorrere del film. Gli attori sono tutti in forma, Carlo Delle Piane in primis, fatta forse "eccezzzione" per il tanto acclamato Diego Abtatantuono, che dà una prova di attore sì buona, ma forse troppo sottotono. Il finale è assolutamente spiazzante e dà al film quel tocco di cattiveria che ne fa una delle più belle commedie nere degli ultimi 30 anni.

Ilcassiere 14/05/10 10:02 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Film incentrato su una partita di poker organizzata per spennare un ricco ed apparentemente ingenuo avvocato. I dialoghi magnifici e le ottime interpretazioni di Abatantuono e, soprattutto, di Delle Piane, aiutano a mantenere una tensione incredibile per tutto il film senza mai farci sospettare quale sarà il finale della partita. Amarissimo.

Zutnas 20/10/10 12:17 - 85 commenti

I gusti di Zutnas

Partire dal poker per raccontare la vita dei protagonisti, con i loro successi e i loro fallimenti, il loro essere allo stesso tempo amici e nemici, veri e falsi. Grande metafora dell'esistenza che si compone mano dopo mano, con ritmo regolare, senza frenesia, con toni sempre pacati e con una suspence che cresce al crescere della posta in palio. Rilancio di un ottimo Abatantuono e prova memorabile di Delle Piane in uno dei migliori film sul poker mai girati.

Galbo 28/12/10 07:23 - 12422 commenti

I gusti di Galbo

Decisamente tra i film migliori di Pupi Avati, è anche quello dove emerge maggiormente l'amarezza, il cinismo e il disincanto del regista bolognese. La sua visione della vita (e anche di un certo perbenismo provinciale che traspare nel film) non concede molte speranze. Su un ottima sceneggiatura (con tanto di colpo di scena finale), il regista utilizza al meglio i suoi attori, scommettendo (con successo) sulla versatilità di Abatantuono qui al suo primo ruolo drammatico.

Lythops 14/04/11 07:35 - 1019 commenti

I gusti di Lythops

Un film che può essere paragonato a un ottimo quintetto di musica da camera. In effetti Avati, forse al suo film migliore, studia accuratamente ogni inquadratura e intervento verbale degli attori per dare ritmo e respiro ai personaggi. Il film è una testimonianza amara di come il tempo cambi ogni cosa, compresa l'amicizia, in un percorso che molto spesso prende direzioni diverse da quelle che ci si augura in età giovanile. Totalmente nella parte tutti gli attori, con un Delle piane perfetto anche nel non verbale.
MEMORABILE: Il primo incontro con le patate bollite al ristorante della stazione: "Sono venuto qui perché mi han detto che si mangia bene".

Nando 16/04/11 01:53 - 3827 commenti

I gusti di Nando

Su un tavolo verde si mescolano le vite di quattro amici e di una presunta vittima sacrificale. Avati immette nella narrazione la giusta dose di vero cinismo che ben si combina con i ricordi e le lamentose rivendicazioni del tempo che fu. Il risultato è valido ed interessante grazie anche al cast che vede Abatantuono alla sua prima parte drammatica e Delle Piane benevolmente luciferino.

Fabbiu 3/07/11 18:39 - 2152 commenti

I gusti di Fabbiu

Io non ho mai capito nulla di poker e non riesco ad appassionarmene; eppure questo film, che si sostanzia tutto nello scontro decisivo nella notte di natale, è riuscito a coinvolgermi e a tenermi sulle spine; il merito è di tutta la costruzione, molto sensibile nei confronti di ciò che avviene prima, durante e in un certo senso anche dopo. Le amicizie, gli amori, il vizio, la storia triste di quattro amici che si riuniscono dopo anni, con un fenomenale Abatantuono che esprime una grande umanità.

Shika70 11/05/12 13:40 - 20 commenti

I gusti di Shika70

Un film nero, non amaro ma perfido. Tagliente. Una "non-storia" che ti inchioda e ti porta fino a una fine fredda e dura. Avati è un grandissimo regista che sa dare vita ai suoi personaggi i quali, spesso, sono "vivi" e non ombre; un artista che ha l'unica pecca di essere italiano (non siamo per niente bravi a celebrare i nostri grandi registi). Cast avvolgente. Grande film.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Un enfant dans la fouleSpazio vuotoLocandina Baltic stormSpazio vuotoLocandina La perdita dell'innocenzaSpazio vuotoLocandina Fuga in Francia

Shannon 22/12/12 09:48 - 72 commenti

I gusti di Shannon

Quattro amici si ritrovano per una partita a poker: c’è un pollo da spennare e tutti, più o meno, hanno bisogno di soldi. Durante la partita riemergono rancori passati e storie di tradimenti. Alla fine rimarranno solo macerie. Viene sempre il momento in cui i sentimenti devono fare i conti con le miserie umane: per chi crede nell’amicizia la mazzata è devastante. La sceneggiatura ha qualche buco ma questo è solo un dettaglio. Amarissimo e imprescindibile.

Dusso 27/12/12 23:31 - 1566 commenti

I gusti di Dusso

A mio avviso un bel film ma ben lontano dall'essere un capolavoro, questo celebre film di Avati. Inutile ribadire le ottime interpretazioni del cast e come il regista abbia reso interessante (per chi non ci ha mai giocato) un film centrato quasi tutto su una partita a poker; i colpi di scena però sono intuibili e anche se l'atmosfera che viene a crearsi attira lo spettatore, mi aspettavo qualcosa di più

Furetto60 15/02/13 12:28 - 1198 commenti

I gusti di Furetto60

Cosa distingue un bel film, o un bel libro, dalla massa degli altri? Forse la capacità di suscitare emozioni anche a visioni, o riletture, successive. E Regalo di Natale lo si può rivedere più volte senza che il giudizio possa peggiorare, anzi. Un capolavoro sulla meschinità e doppiezza dell’animo umano, interpretato da attori che ostentano un raro amalgama. Avati cura anche i particolari minimi. Le interpretazioni di Delle Piane e di Abatantuono sono memorabili.
MEMORABILE: Vorrei delle patate lesse; Sono venuto in questo ristorante perché mi hanno detto che si mangia bene.

Viccrowley 8/08/13 21:46 - 814 commenti

I gusti di Viccrowley

Tutta la genialità del regista bolognese si conferma con questa perfida, splendida commedia drammatica. Avati dirige un'opera dalla regia rarefatta e dal gusto teatrale lasciando tutto nelle mani di un quintetto di attori sublimi. La Santa Notte avatiana è spettrale, onirica, sospesa in un limbo senza fine, esattamente come i conti in sospeso dei protagonisti. Nerissimo apologo sulle amicizie tradite e i rimorsi di un passato immodificabile scandito da una partita a poker metafora e sublimazione dell'umana grettezza. Eccezionale.
MEMORABILE: Le patate dell'avvocato; I movimenti di macchina circolari intorno ai volti e al tavolo verde.

Mickes2 9/08/13 14:23 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

La sera di Natale, un’occasione per rincontrare vecchi amici tra disperazione (economica), dissidi, celati convenevoli; e al di sopra il Dio denaro a scrutare tutti. Amarissimo, dall’atmosfera thrilling e inquieta, un kammerspiel con punte di giallo e squarci vicino al gotico (i flashback), in cui Avati mette in scena il cinismo e l’invidia, l’opportunismo e l’impassibilità dell’Italia di provincia. Fine gioco al massacro di (false) alleanze e doppigiochi, dove la dignità (almeno per un personaggio) non è solo una fiche da gettare sul tavolo.
MEMORABILE: Il pre-finale.

Rambo90 7/10/13 23:49 - 7707 commenti

I gusti di Rambo90

Magnifica opera di Pupi Avati, non propriamente drammatica ma dal finale incredibilmente triste e spietato, senza alcuna consolazione per lo spettatore. Bei dialoghi (come quasi sempre in Avati) e un cast davvero eccezionale, perfetto nella sua naturalezza e coralità (persino Eastman, più avvezzo a film di serie B se la cava molto bene). Imperdibile.

Stelio 28/04/14 16:35 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Pietra miliare della storia del cinema, Regalo di Natale è un viaggio introspettivo nel mondo degli affetti, della realtà e del cinismo contemporaneo. Interpreti da premio internazionale di qualsiasi specie si tratti, i monumentali Delle Piane e Abatantuono trovano eccellenti spalle in Cavina e Haber. Narrazione romantica, nostalgica, fotografia standard, regia in certi frangenti geniale come poche altre se ne sono viste negli ultimi decenni. Arte moderna.

Pessoa 18/09/14 19:57 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Film nervoso che gioca con la tensione degli spettatori a ogni scena. Avati conosce e frequenta certe atmosfere da tempo e sfodera una delle sue migliori regie. Sarebbe stato interessante vedere Lino Banfi al posto di Abatantuono, come il regista desiderava, ma il comico pugliese rifiutò quella che sarebbe stata forse la sua grande occasione per girare Il commissario Lo Gatto. Peccato. Riz Ortolani accompagna con lo spirito giusto mentre Cavina e Delle Piane disegnano due personaggi ricchi di sfumature. Da evitare se non si conosce il poker.
MEMORABILE: La partita a poker, naturalmente.

Saintgifts 17/09/14 11:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un buon soggetto che permette ad Avati di potersi distaccare dai suoi soliti canoni, diciamo così "provinciali", comunque presenti e riconoscibili fuori dal tavolo verde, nei rapporti con gli amici e nei flashback sovraesposti. Gli attori sono credibili, anche un Delle Piane finalmente in un ruolo che lo fa uscire dalle solite interpretazioni stranianti, seppur notevoli, cui Avati lo aveva abituato. Buono il finale, tenuto giustamente moderato ma proprio per questo più incisivo.

Gabrius79 25/10/14 20:44 - 1430 commenti

I gusti di Gabrius79

Una grande e intensa prova di attori alle prese con una partita di poker diretti sapientemente da Pupi Avati in uno dei suoi film migliori. Abatantuono e Delle Piane sono ai massimi livelli, ma anche il resto del cast è in forma. Vero è che, se non si conosce il poker, il film potrebbe annoiare.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Il brigante MusolinoSpazio vuotoLocandina Pick-upSpazio vuotoLocandina Un modo di essere donnaSpazio vuotoLocandina La matrigna

Ultimo 6/01/15 13:21 - 1661 commenti

I gusti di Ultimo

Il capolavoro drammatico di Avati è un film in cui vecchi amici si ritrovano per una partita a carte la notte di Natale. La pellicola deve il suo successo a una sceneggiatura perfetta e ad attori in parte che non sbagliano un colpo: Abatantuono è al primo ruolo drammatico e ne esce ultrapromosso, Cavina è essenziale ma ottimo, Haber molto bravo. Il migliore è però Carlo Delle Piane, una new entry nel gruppo dei giocatori, invitato da Cavina. Un film da vedere e conservare.

Rebis 17/07/15 14:33 - 2345 commenti

I gusti di Rebis

Scritto benissimo - quanto a progressione drammaturgica - e anche meglio recitato - pregi che si esemplificano nel personaggio dell'avvocato Santelia, magistralmente interpretato da Carlo Delle Piane - soffre nondimeno dei soliti "vizi" del cinema avatiano: sguardo critico nei confronti dell'umanitá che si risolve in un paternalismo compassionevole e definizione maschilista dei caratteri che appiattisce le figure femminili sullo sfondo riducendole a meri stereotipi. Cose da uomini, insomma. Ovviando ai limiti, il gioco al massacro riserva scudisciate di sapita crudeltá.

Liv 17/09/15 17:09 - 237 commenti

I gusti di Liv

Il poker è vissuto con uno spessore culturale certamente più ricco che da un americano e la regia di Pupi Avati, di grande sapienza, ne fa un gran film. C'è sempre la sua vena amara e angosciata, che in questa storia vede la donna come la grande tentatrice e la grande punitrice di chi crede in lei.
MEMORABILE: "Scusi, Lei è una prostituta?" "No, mi dispiace!" "Peccato, avremmo potuto passare una notte meravigliosa assieme" (ma non doveva andare a giocare?)

Il ferrini 13/01/16 22:20 - 2378 commenti

I gusti di Il ferrini

Un'opera davvero intensa, ben recitata, con un Abatantuono in gran spolvero e un Haber praticamente perfetto. Gianni Cavina impeccabile nel ruolo del viscido e anche Delle Piane se la cava egregiamente, sebbene aiutato dal suo personaggio che è indubbiamente il più carismatico della storia. Finale che definire amaro è perfino riduttivo, molto credibili i dialoghi, tensione crescente che tiene incollati allo schermo. Uno dei migliori film italiani degli ultimi 30 anni.
MEMORABILE: Non saprà mai con quale punto l'ho sfidata a giocarsi 250 milioni: è l'unica condizione che le ho posto, mi sembra un dettaglio trascurabile.

Markus 13/04/16 14:57 - 3696 commenti

I gusti di Markus

Una spietata partita a poker durante una notte di Natale è il mezzo (o se vogliamo l’escamotage) per raccontare delle storie di vita nella consueta intimistica recitazione richiesta da un Avati in gran spolvero e interpretate da uno straordinario cast. La qualità della narrazione, il ritmo della pellicola e l’allora exploit di Abatantuono come attore serio, oltre a essere valori aggiunti hanno reso di facile fruibilità l’opera anche ai non aficionados del regista bolognese (altrimenti condannato all'ennesimo fiasco al botteghino).

Paulaster 4/12/16 21:45 - 4462 commenti

I gusti di Paulaster

Il rischio di perdere tutto a poker insieme al tradimento amicale porta solo a sconfitte epocali. Avati esce dalle storie popolari e racconta una notte (di natalizio c'è solo l'albero) di bugìe e mani milionarie. La sceneggiatura al tavolo verde regge con pathos da film noir con eccellente interpretazione di Delle Piane e un credibile Abatantuono. I flashback appaiono datati e non girati con buona tecnica. Notevole il finale, che non prende una piega melodrammatica ma mesta.
MEMORABILE: Il rilancio di 200 milioni.

Geppo 4/02/17 00:22 - 316 commenti

I gusti di Geppo

Sicuramente uno dei migliori film degli anni '80. Genio assoluto Pupi Avati, che con una trama semplice sforna un capolavoro raffinato. È anche il primo ruolo importante per Diego Abatantuono, che in un certo senso anticipa i suoi nuovi personaggi diretti da Gabriele Salvatores. Avati aveva capito tutto e allontana, positivamente, Abatantuono dal solito ruolo del "terrunciello". Carlo Delle Piane assolutamente strepitoso nei suoi dialoghi, come anche Haber, Cavina e Eastman. Pochi attori, ma ottimi. Film straordinario.
MEMORABILE: Le patate bollite di Carlo Delle Piane; I flashback di Diego Abatantuono. Carlo Delle Piane: "Ero interessato a sapere se lei è una prostituta".

Didda23 23/05/17 10:49 - 2431 commenti

I gusti di Didda23

Pupi Avati è magistrale nel gestire un cast molto eterogeneo che proviene da mondi cinematografici lontanissimi dirigendo una sorta di kammerspiel di una crudeltà psicologica finissima, eretta sulla conoscenza e sulle debolezze dei giocatori. La regia si muove benissimo negli spazi e si concede flashback sontuosi che permettono di capire meglio la situazione pregressa e i motivi del conflitto fra Cavina e Abatantuono. Quest'ultimo, svestito dalla terribile maschera del terrunciello, si dimostra attore vero. Indimenticabili Haber e Delle Piane.
MEMORABILE: Le patate bollite; Abatantuono che monitora costantemente l'incasso del film che ha in cartellone; Il rilancio inaspettato di Delle Piane.

Bubobubo 19/11/18 17:30 - 1847 commenti

I gusti di Bubobubo

Un potentissimo dramma dalla struttura perfetta: rancori del passato, invidie del presente e torbidi campanilismi senza tempo si fondono in un velenoso intrigo psicologico che - con la scusa della trasfigurazione teatrale garantita dalla partita a poker - seziona con un bisturi infetto piccinerie e meschinità dell'essere umano. C'è chi fa finta di niente, chi affonda il coltello nella schiena altrui, chi gioca alle regole del mondo lavandosene le mani: sullo sfondo, le luci asettiche e distantissime di un immoto, gelido albero di Natale.

Jandileida 14/04/19 09:21 - 1573 commenti

I gusti di Jandileida

Ormai un classico del cinema italiano, capace di mantenere una certa freschezza anche dopo ripetute visioni. Avati, sfruttando solo un tavolo verde, riesce a costruire un'atmosfera densamente popolata di bassezze umane (maschili) regalandoci una cinquina di personaggi difficilmente dimenticabili. Buona parte del merito va ovviamente riconosciuta a tutti gli attori che, da Abatantuono in giù, paiono veramente in stato di grazia. I flashback esplicativi, mostrando con tanto di filtro ovattato quello che già si era intuito, risultano un po' pleonastici.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Wake in frightSpazio vuotoLocandina TwistedSpazio vuotoLocandina La romanaSpazio vuotoLocandina Una questione d'onore

Jena 11/05/19 20:15 - 1563 commenti

I gusti di Jena

Il film più celebre di Avati e uno dei più riusciti. Lontano da certi compiacimenti patetici, è sì intriso di nostalgia ma soprattutto di amarezza e anche di una certa disperazione sui rapporti umani. Buoni dialoghi, bel ritmo e qualche colpo di scena (nei limiti di un kammerspiel), il film è una grande galleria di prove attoriali. Se Delle Piane ha vinto giustamente premi, non si deve dimenticare un Cavina straordinario con una faccia di tolla incredibile; bene anche Abatantuono nel suo primo riscatto dal suo solito personaggio.
MEMORABILE: La scena alla stazione con Delle Piane; Cavina con la famiglia e nello straordinario finale.

Berto88fi 9/09/19 10:35 - 216 commenti

I gusti di Berto88fi

Cult di raro cinismo e amarezza; Avati fa sedere al tavolo verde diverse personalità accumunate dall'avarizia e l'egoismo, dissacrando la magia che dovrebbe pervadere la notte di Natale con il gioco d'azzardo, tra invidie e risentimenti. I flashback esplicativi del passato, necessari ma un po' tediosi, sono gli unici difetti riscontrati, per il resto la sceneggiatura non fa una piega. Tutto il cast è davvero in palla, ma Dalle Piane è formidabile, giustamente premiato.
MEMORABILE: Il ristorante dove si mangia bene; Franco a telefono con la moglie; L'albero di Natale; Il dettaglio trascurabile.

Striscia 17/09/19 11:09 - 59 commenti

I gusti di Striscia

Film che rasenta la perfezione, sia per la sceneggiatura che per il cast. Su tutti un inaspettato (all'epoca del film) Abatantuono, che dimostra il suo talento in un ruolo drammatico. La tensione sale con il passare dei minuti e i colpi di scena si susseguono fino all'amaro finale. Da vedere e rivedere. Un eccellente esempio di ottimo cinema italiano.
MEMORABILE: "Ma l'immobile non è suo!" (l'avvocato che provoca Franco per spingerlo a giocarsi tutto).

Hackett 31/12/19 15:27 - 1868 commenti

I gusti di Hackett

Per sua stessa ammissione in questo film il regista azzecca la sceneggiatura perfetta, forse anche oltre le aspettative iniziali. Ed è proprio la scrittura, così dosata e sapiente a fare da padrona in un film intimista, sussurrato e a suo modo intimo. Oltre a ciò interpreti superlativi rendono credibile tutta la vicenda, sapendo virare dal divertito, al rabbioso, al sofferente. Una gioia per i sensi del cinefilo e dell'amante dei film "da camera".

Herrkinski 29/12/19 21:48 - 8164 commenti

I gusti di Herrkinski

Senza dubbio tra i film chiave di certa cinematografia italiana, ha innanzitutto il merito di far convivere un manipolo di attori tra i più memorabili della penisola, con un Abatantuono eccellente che da qui progressivamente abbandonerà il suo personaggio giovanile a favore di ruoli più impegnativi; ugualmente ottimi gli altri, con un inedito Montefiori. Non è esente da difetti; l'audio è spesso confuso, i flashback sono montati in modo grezzo e il film risulta oggi molto invecchiato, ma l'amarezza e la malinconia di molte scene permangono.

Gordon 29/12/19 12:09 - 261 commenti

I gusti di Gordon

Avati conferma in questo splendido film la sua abilità nonché una lucida e disillusa visione dello spirito del suo tempo, segnato dal neoliberismo egocentrico più sfrenato. Alcuni personaggi, come quello di Abatantuono (sorprendentemente azzeccatissimo in un ruolo drammatico) e del fido Cavina sono gli esempi di "self made man" solo in apparenza inscalfibili. Menzione di merito anche per Haber e Delle Piane, mentre Eastman arranca. Peccato solo per alcune prolessi e divagazioni macchinose.
MEMORABILE: I cinque attorno al tavolo.

Lou 31/12/19 16:38 - 1123 commenti

I gusti di Lou

Uno dei film più noti e riusciti di Pupi Avati. La partita a poker la notte di Natale è densa di tensione, di significati, di rancori, di rivelazioni sui trascorsi dei giocatori. Ottima la prova dell'affiatato gruppo di attori italiani, tra cui il mattatore Delle Piane ma anche un Abatantuono che per la prima volta si fa apprezzare in un ruolo drammatico.

Deepred89 26/03/20 23:37 - 3720 commenti

I gusti di Deepred89

Pur con almeno un personaggio memorabile (l'avvocato) e un impeccabile gruppo di attori, il film resta lontano dal capolavoro: spento, grigio, triste, gratuito nella sua amarezza. Efficace dal punto di vista della progressione drammatica, ma i numerosi flashback non riescono a gettare veramente luce sulle motivazioni alla base del tutto, finendo per far assumere al film l'aspetto di una carognata fine a se stessa, certamente piena di finezze, ma che fine a se stessa rimane e neppure particolarmente imprevedibile. Datatissimi i sax di Ortolani.

Keyser3 26/12/20 22:38 - 444 commenti

I gusti di Keyser3

Un autentico gioiello nella ricca filmografia avatiana, fra le cose migliori dopo La casa dalle finestre che ridono, dimostra come il regista bolognese sia maestro nel trarre molto da poco. La vita vista attraverso una partita di poker, con i vizi, le debolezze umane, gli errori, i tradimenti, di quattro amici un tempo inseparabili. Delle Piane (Coppa Volpi) che legge Pascoli, poeta prediletto da Avati, è il quinto incomodo e anche il più bravo, beffardo, a tratti quasi luciferino.
MEMORABILE: Delle Piane e il cameriere: "Desidera mangiare?" "Perché? C'è qualcuno che viene qui per altri motivi?".

Androv 7/11/21 10:11 - 195 commenti

I gusti di Androv

Una perla che porta il cinema italiano degli anni '80, ormai in crisi profonda fra comici televisivi e un genere autoriale ormai autoinvolutosi, ai più alti livelli internazionali. Un capolavoro di recitazione, atmosfera, suspense e colonna sonora. Uno dei film italiani più riusciti dell'ultimo trentennio. Cast in stato di grazia e stupendamente assortito, con un Delle Piane ai massimi livelli artistici e un Cavina sublime. Una perla di umanità, arte e dramma che tiene con il fiato sospeso fino all'ultimo e un Abatantuono rinato. Bravo anche Haber. Capolavoro senza tempo.
MEMORABILE: Il finale; I flashback; Il personaggio di Cavina; L'immenso Delle Piane; Le crisi durante la partita; L' "apertura" fatale di Abatantuono.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina In carne e ossaSpazio vuotoLocandina Copia conformeSpazio vuotoLocandina Man at bathSpazio vuotoLocandina Hierro

Alexcinema 7/02/22 23:16 - 117 commenti

I gusti di Alexcinema

Il poker-noir italiano per autonomasia. Punto di svolta per Diego Abatantuono che scoprirà il talento drammatico che in seguito Salvatores sfrutterà all'inizio degli anni 90. Le mani della partita sono incredibilmente realistiche, curate da esperti ingaggiati dallo stesso Avati. La partita stessa, poi, rappresenta metaforicamente l'epilogo della vita passata degli stessi protagonisti. Romanticismo, ipocrisia, eleganza e cinismo alternati in una confezione di gran classe, il cui plot di fondo è l'assoluta inesistenza di quella strana cosa chiamata "amicizia".
MEMORABILE: La litigata-bluff di Lele (Haber) che invece di elargire l'effetto sperato finirà solo per allontanarlo dal tavolo.

Jdelarge 13/03/22 19:16 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Avati dirige un buon film che ha il pregio di restare in bilico fino alla fine, coinvolgendo e trascinando lo spettatore all'interno della partita. Alcune situazioni, come i flashback, appaiono ripetitive e leggermente didascaliche, andando a depotenziare una sceneggiatura che trova la sua forza proprio nella sottrazione. Regia di gran livello, così come la prova di tutti gli attori. Peccato per il sonoro, decisamente non all'altezza.

Anthonyvm 10/11/22 15:37 - 5765 commenti

I gusti di Anthonyvm

Notevole kammerspiel avatiano che sprigiona la cattiveria di una black comedy, la suspense di un thriller psicologico e il travolgente pessimismo di un dramma. L'autore, ancor più che ineccepibile conduttore della macchina da presa, si dimostra superbo direttore del cast, dalla sorpresa di un Abatantuono che con questo ruolo si emanciperà dal macchiettismo fino all'indimenticabile prova di Delle Piane, posatissimo, enigmatico e intenso. Ottimi dialoghi, purtroppo inficiati da un audio in presa diretta sovente confuso, grande crescendo tensivo e pregevole colonna sonora di Ortolani.
MEMORABILE: Lo sfogo di Haber all'ennesima vittoria di Abatantuono; Delle Piane si sente male; Il "regalo di Natale"; Il triste finale nel corridoio dell'albergo.

Noodles 10/12/22 17:35 - 2264 commenti

I gusti di Noodles

Commedia amarissima come solo Pupi Avati sa fare, quantomeno in Italia. Un grande cast al servizio di un film crudele e che non dà alcuna possibilità di consolazione finale, sia nella trama principale che nella sottotrama fitta di flashback e girata in maniera perfetta, come il resto del film. Personaggi caratterizzati benissimo nei loro drammi privati e comuni, e la bravura degli attori fa il resto. Film intriso di amarezza e malinconia in cui Avati sguazza inserendo tanto del suo cinema e finalmente ambientando la storia ai giorni nostri, aspetto che ce la rende più vicina.

Silvestro 23/01/23 07:30 - 366 commenti

I gusti di Silvestro

Film che parte in sordina per poi subire un crescendo continuo quando i cinque protagonisti si siedono sul tavolo verde. Ottimo film sul poker (le scene di gioco sono molto credibili e ben realizzate); non solo un gioco di carte ma una metafora della vita. Uno dei punti di forza è senza dubbio l'interpretazione degli attori, tra cui spicca  uno strepitoso Delle Piane. Insomma, un grande lavoro di un ispirato Pupi Avati.

Apoffaldin 22/04/24 10:40 - 76 commenti

I gusti di Apoffaldin

C'è un pollo da spennare al tavolo da gioco e Franco è la persona adatta. Per questo è convocato dagli amici la notte di Natale. Uno dei due capolavori di Pupi Avati e forse il più bel film sul poker. È un'elegia funebre su una brutta umanità, ormai incapace di provare buoni sentimenti e anche commedia della miglior qualità. A suggello finale del senso del film c'è la trovata, allegoricamente geniale per antifrasi, dell'annuncio del punto della vittoria. Ottima regia e quintetto di attori in gran forma. Delle Piane premiato come miglior attore protagonista al Festival di Venezia.
MEMORABILE: Le foto in bianco e nero e la voce extradiegetica sui titoli di testa; "Anch'io ricordo ma passò stagione"; "Poker di donne...".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Franz • 16/12/17 14:49
    Galoppino - 222 interventi
    Il fatto delle patate bollite e scondite, insieme all'acqua naturale un po' tiepida (se non erro), che il personaggio chiede nel seguito di questo film, credo sia un tratto distintivo assegnato da Avati all'avvocato Santelia, per renderlo un personaggio ancor più pieno di manie, stranezze, e contraddizioni (infatti nei modi appare irreprensibile, ma nell'animo è un donnaiolo, un po' perverso, anche cinico e a suo modo sadico per come ama distruggere i suoi avversari sul tavolo verde).
    Ultima modifica: 16/12/17 14:50 da Franz
  • Discussione Franz • 16/12/17 14:53
    Galoppino - 222 interventi
    In questi giorni debutta nei teatri una riduzione per il palcoscenico di Regalo di Natale, con, tra gli altri, Gigio Alberti, nei panni di Franco.
  • Discussione Franz • 18/11/18 15:27
    Galoppino - 222 interventi
    Rivedendo ieri il film, mi sono sorti nuovi interrogativi sul personaggio dell'avvocato Santelia. Non riesco a dare una spiegazione plausibile al fatto che a un certo punto dia di stomaco e rigetti il frugale pasto che aveva consumato (patate lesse e caffè). Lui attribuira'proprio a un pessimo caffè preparato da Cavina la colpa del malessere, ma chissà quale era il suo reale pensiero e cosa voleva comunicare Avati.

    SPOILER



    Il finale del film, in cui si rivela che Santelia fin dall'inizio era d'accordo con Cavina per incastrare Abatantuono, fa pensare che tutti gli atteggiamenti e i comportamenti di Santelia in quella nottata fossero dettati da un suo preciso disegno vòlto a far sì che apparisse come impacciato, nervoso, imbranato così da indurre Abatantuono a giocare in modo spregiudicato e dunque a perdere una fortuna. Però Santelia poi si sente male veramente, e vomita sul serio, come mai? Una semplice casualità? Oppure il nervosismo della posta in palio (ma essendo un baro dovrebbe avere la certezza di vincere, alla fine) lo porta a una tensione insostenibile? O ancora (e mi piace pensarla così), pur essendo un cinico disposto a tutto pur di rovinare l'avversario a poker, ha qualche attimo di dubbio morale, qualche richiamo dalla coscienza che lo fa star male perché si rende conto che sta distruggendo un uomo buono, e prova disgusto per se stesso e per il suo complice (Cavina) di cui lui si sta servendo facendo leva su uno dei peggiori tradimenti possibili, quello di un'amicizia?



    FINE SPOILER
    Ultima modifica: 18/11/18 15:29 da Franz
  • Discussione Tarabas • 19/11/18 16:36
    Segretario - 2068 interventi
    A me pare pacifico che fosse una sceneggiata.
  • Discussione Franz • 20/11/18 00:41
    Galoppino - 222 interventi
    Tarabas ebbe a dire:
    A me pare pacifico che fosse una sceneggiata.
    Non è del tutto escluso. Ma allora non mi spiego la ragione del vomito: se lo era autoindotto? E poi perché continuare la sceneggiata anche fuori dalla villa, nel portico, lontano dagli occhi dell'avversario da imbrogliare, con il solo Cavina (suo complice) a vedere la disgustosa scena?

    SPOILER

    Alla fine del film, l'avvocato congeda rapidissimamente Cavina staccando l'assegno con la sua percentuale, quasi con disprezzo per un complice che evidentemente forse lui reputa una merdaccia sul piano umano.

    FINE SPOILER
  • Discussione Striscia • 3/09/19 12:32
    Galoppino - 60 interventi
    Non credo che la moralità o il rimorso facciano parte del personaggio. Il vomito è sicuramente autoindotto, tutto studiato per portare l'avversario dove voleva.
  • Discussione B. Legnani • 3/09/19 14:10
    Pianificazione e progetti - 14984 interventi
    Tarabas ebbe a dire:
    A me pare pacifico che fosse una sceneggiata.

    SPOILER

    Concordo. Il vomito è una sceneggiata: la porta avanti anche se lì c'è solo Cavina affinché l'eventuale arrivo di uno degli altri non pregiudichi nulla.
  • Discussione Striscia • 6/09/19 12:14
    Galoppino - 60 interventi
    Il link alla scheda iniziale del film non funziona. Non si riesce ad accedere alla pagina.
  • Discussione Zender • 6/09/19 16:41
    Capo scrivano - 47905 interventi
    Non so di che link parli, Striscia. Io da qui accedo senza problemi.
  • Curiosità Lucius • 12/04/21 13:50
    Scrivano - 9049 interventi
    Carlo Delle Piane porterà nuovamente sul grande schermo il personaggio dell'avvocato Santelia nel film di Cesare Furesi Chi salverà le rose? (2017).