LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un film folle quanto il suo titolo, interpretato da un Tognazzi godibilissimo mangiapreti e, in un ruolo di secondo piano, da un Paolo Villaggio cinico e laido come sapeva essere prima di incorrere nel pur storico FANTOZZI (che uscirà nei cinema di lì a un paio di mesi). La storia è una favola tipicamente romagnola, raccontata con stile quasi felliniano e fotografata benissimo dal talentuoso Luigi Kuveiller: narra di un ex sportivo di successo (Tognazzi) caduto per disgrazia da un fico da poco santificato per la sua miracolosa capacità di guarire chi vi salga. Storpiato per sempre dalla caduta, il barone Anteo Pellacani diventa per vendetta un crudelissimo nemico della chiesa e, col nome...Leggi tutto di battaglia di “Gambina maledetta” ne combina di tutti i colori. E’ la parte migliore del film, che vede Tognazzi insultare pesantemente e offendere in ogni modo chiunque gli sia vicino: dal povero domestico maniaco sessuale (un Gianni Cavina dalla capigliatura rosa protopunk) alla zia e alle cugine. Tenta di distruggere il fico (di sua proprietà) con ogni mezzo senza peraltro riuscirvi, finché un giorno arriva nei pressi la società “Sadomasosex - Taranto” di Paolo Villaggio (con parrucca bionda del cherubino), composta da lui e da due mignottone che spedisce a battere per mandare avanti la baracca (un auto con roulotte). Per caso un giorno una delle due (Delia Boccardo) si siede sul fico benedetto: il Barone la crederà la Santa che per prima aveva dato il via ai miracoli! Il passo per il pentimento del Barone è breve e lo vedremo trasformarsi improvvisamente in bigotto donando tutti i suoi averi al becero pappone. Una favola, si diceva, troppo sconclusionata e mal montata per piacere appieno, penalizzata oltretutto da un secondo tempo lagnoso e moralisticheggiante. Comunque un'operazione originale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 17/04/07 20:01 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Stupendo grottesco italiano. Una favola tanto bizzarra quanto imprevedibile, che contrappone ad un primo tempo cinico ma sarcastico un secondo malinconico e poetico; finale da applausi. Ottima la fotografia e piena di invenzioni la regia. Grandissimo Tognazzi, incredibile Villaggio e bravi la Boccardo e Cavina. Bellissima colonna sonora, che spesso si sposa con le immagini in maniera assolutamente perfetta. Consigliatissimo.

Caesars 21/05/07 09:50 - 2674 commenti

I gusti di Caesars

Avati prima maniera, ancora lontano dall'intimismo che gli poterà notorietà e gloria presso la critica ufficiale. Commedia grottesca, non del tutto riuscita che però fa già intravvedere un autore notevole, ottimamente interpretata da Ugo Tognazzi nel ruolo di "gambina maledetta". Paolo Villaggio sorprende con la sua acconciatura bionda (non unica eccentricità comunque: si pensi a Gianni Cavina rosso). Un Avati ancora acerbo ma in procinto di regalarci, solo l'anno dopo, il capolavoro La casa dalle finestre che ridono.

Homesick 24/05/07 18:36 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Goliardica, spassosa, anticlericale al limite del blasfemo la prima parte; smorta e prevedibile la seconda, con la conversione del protagonista. Plauso per i grandissimi Tognazzi, Villaggio e Cavina, ma anche tutti gli altri attori (specie quelli provenienti dal teatro bolognese) non sono da meno. Comicità romagnola doc.
MEMORABILE: La stonatissima, sguaiata esibizione canora della De Clara davanti ad un cinico Tognazzi.

G.Godardi 10/08/07 17:21 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Primo vero film di Avati a godere di una distribuzione ufficiale grazie all'apporto di Tognazzi, vero motore dell'operazione. È una commedia grottesca ed eccentrica molto avanti per i tempi (vedi le videoconfessioni in parrocchia) che alterna una robusta vena sarcastica e anticlericale (la parte più divertente del film) ad una riconversione religiosa (francamente discutibile), insomma il sacro col profano. Ma è soprattutto un film cinico (vedi il personaggio senza scrupoli di Villaggio) fortementre influenzato da Fellini. Bellissima galleria di freaks.
MEMORABILE: Il filmato che apre il film, docufiction che pare una parodia del genere Quando le donne avevano la coda.

Hackett 15/04/08 19:02 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Pupi Avati parte in quarta in quello che sembra essere un film (complice un Tognazi scatenato) boccaccesco e basato su una comicità un po' volgare. Piano piano però il buon vecchio Pupi viene fuori e prende forma una piccola e delicata favola dai contorni surreali e quasi mistici. Un piccolo grande film che sa divertire e commuovere. Ottimo Tognazzi insieme a tutto il cast, struggente il finale.

Ellerre 18/10/08 10:00 - 89 commenti

I gusti di Ellerre

Pupi Avati all'apice della sua vena creativa assieme al seguente La casa dalle finestre che ridono. Inventa di sana pianta un'architettura descrittiva farcita con grotteschi personaggi e con storie fantastiche. La terra di Romagna è il teatro in cui un Tognazzi strepitoso interpreta mirabilmente l'anticristo e il mistico. Come al solito Avati non forza mai su un'unica chiave di lettura ed evita di dare precise indicazioni moralistiche, specie di fronte all'eterna disputa tra sacro e profano. Da vedere assolutamente.

Undying 11/03/09 00:34 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Insolita pellicola animata da due registri: il comico (sconfinante nel grottesco) e il sacro (spesso approcciato al contrario). Pur nello sviluppo volutamente irreale, il film manifesta una genesi "territoriale" fortemente voluta dai suoi autori (oltre ai fratelli Avati sceneggia anche Cavina) e rappresentata dall'uso costante di termini dialettali. Ottima la performance di Tognazzi, costretto a sostenere un ruolo "felliniano" ed in grado di passare dal ruolo di "miracolato" au contraire - e pertanto avverso alla Chiesa - a quello (quasi strappalcrime) di credulone beffato.

Sabryna 19/03/09 17:45 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Con questa sua seconda prova dietro la macchina da presa, Avati ci regala una commedia a tratti grottesca, a sfondo religioso. Il film fa riflettere, soprattutto in relazione al sacro come commercio di ciarlatani che mirano al guadagno facile a spese dei credenti creduloni. Avati continua qui il discorso già iniziato con Balsamus, l'uomo di Satana, virando sul filone cattolico dopo aver esplorato quello pagano della magia a buon mercato. Grande Tognazzi nella prima parte, buona anche l'interpretazione di Villaggio.

Matalo! 2/04/09 16:06 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Del periodo grottesco di Avati: un film con simpatici momenti, un gran Tognazzi "gambina maledetta", fascistissimo, mandrillo, testardo che si converte a causa di un'apparizione alquanto fittizia (la bella Delia Boccardo). Più compatto di Bordella, vicino ad una certa tarda commedia italiana d'autore (quelle che faceva all'epoca Villaggio, prima di Fantozzi), surreale, non tanto riuscito. Cameo per Lucio Dalla, campagnolo arrapatissimo.
MEMORABILE: La prostituta nera alle dipendenze di Villaggio: inguainata in un abito rosso fu per me uno choc erotico mai più recuperato.

R.f.e. 19/06/09 11:09 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Mi dispiace esordire nel solito modo, sarò monotono, scusatemi: "di solito non amo Pupi Avati" (soprattutto l'Avati patetico, ho detestato il suo ultimo film, quello sugli amici al bar) ma ci sono almeno due suoi lavori che gradisco molto: uno è naturalmente La casa dalle finestre che ridono e l'altro è questo qui, un sanguigno e divertente racconto grottesco, impreziosito da un Tognazzi strepitoso, Delia Boccardo mai più così bella, i soliti bizzarri personaggini di contorno, la campagna romagnola... Divertente.

Rebis 16/04/10 15:26 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

La campagna emiliana secondo Avati: un ubertoso purgatorio senza pace e senza pietas infestato da una corte dei miracoli di avida e cialtronesca giocondità... A discapito della ricchezza figurativa ovattata ad arte dalle luci di Kuveiller, la dissacrazione avviene a colpi di barzellette e goliardia, e dietro alla teratologia dei comprimari si celano solo macchiette e puro bozzettismo. La fiaba del fico però ha una sua qualità magica e Tognazzi regge bene il personaggio, specie negli affondi iconoclasti. Neopagano?

Il Dandi 25/04/10 12:24 - 1747 commenti

I gusti di Il Dandi

L'incipit col documentario è irresistibile e per tutto il primo tempo la cattiveria del barone "Gambina Maledetta" si segue con piacere e riesce a calare lo spettatore nell'atmosfera irreale dei luoghi. Nel secondo tempo purtroppo il film scade, non solo a causa del cambio di registro conseguente alla "conversione" del protagonista, ma anche dal punto di vista dei ritmi e delle soluzioni narrative. Il risultato è ambiguo (francamente molto meno anticlericale di quanto si dica) e più divertito che divertente.
MEMORABILE: Lucio Dalla nei panni del giardiniere, a cui Tognazzi minaccia di strappare tutti i peli se non taglia il fico!

Trivex 19/04/10 15:17 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Non parlerei di film comico, infatti non si ride molto. Ma i sorrisi e l'approvazione non mancano, per un prodotto ben più profondo di quanto la sua locandina potrebbe far pensare. Il tema della conversione è trattano in modo totalmente irrituale, con continue promiscuità e deviazioni dagli stereotipi. I personaggi sono magistrali, con una buona nota anche per il Villaggio, angelo biondo e demone spregiudicato; ma è il Tognazzi che fa la differenza, alla fine. La morale e la buona novella si ritrovano interpretate da agenti tutt'altro che santi (in terra).

B. Legnani 22/04/10 23:34 - 4694 commenti

I gusti di B. Legnani

Visto e rivisto, non mi convince. Ha momenti notevoli, come il documentario iniziale e la fuga del prete con la ragazzona ignuda, ma in realtà regge, per quanto benissimo, solo la prima mezzora. Poi va a strappi, incespica su una subitanea conversione immotivata, regala qualche squarcio notevole (la gara alla balera "La passera") e cala fino al prevedibile finale. Si vede che sta per esplodere un regista coi fiocchi, ma coi fiocchi il film, per quanto talora intrigante, non è.
MEMORABILE: Il documentario iniziale.

Pigro 23/04/10 09:08 - 7735 commenti

I gusti di Pigro

Il titolo spiega già tutto: sia la trama che racconta del barone ateo che si converte sotto il fico della santa cedendo a un inganno, sia il registro che è quello della mazurka. Un film ballabile, dunque, ma nel segno del grottesco e del ridanciano fino al fiabesco, che Avati sa orchestrare divinamente (con ottimi attori) da una parte attingendo alla tradizione delle sua terra (da Bertoldo a Fellini) e dall'altra riecheggiando antichi sapori iberici di avventure malsane e irriverenti. Quasi un unicum.

Qed 25/04/10 19:52 - 54 commenti

I gusti di Qed

La demarcazione netta, quasi stridente, segnata dalla conversione è l'elemento più interessante di questo strano film. Perché dopo una parte comicamente discreta (con personaggi e scene quasi ripugnanti), boccaccesca, godibilmente irriverente verso Santa Madre Chiesa, arriva il guizzo semiserio che senza retorica parla della miseria umana, del potere delle false credenze, e finisce col prete che sbraita: «I miracoli ci servono, ci vogliono!». E infatti... La bontà dello svolgimento comunque è alquanto altalenante. Tognazzi inarrivabile.

Aal 23/08/10 09:49 - 321 commenti

I gusti di Aal

Godibilissimo film dove Avati, come in altre sue cose degli anni '70, mette in scene una poetica del tutto peculiare al suo cinema fatta di personaggi volutamente caricaturali e vicende grottesche legate alle tradizioni dell'Emilia Romagna. Commedia dai risvolti felliniani con forte uso del dialetto romagnolo e ottime prove per Tognazzi, molto calato nella parte del misantropo anticlericale e Paolo Villaggio, impegnato nel ruolo di un laido e buffo lenone da quattro soldi. Spassoso cameo di Lucio Dalla come contadino miracolato.

Metuant 1/09/11 13:25 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Un Avati prima maniera per un film a metà tra la commedia e il grottesco decisamente godibile e molto ben recitato. Tognazzi è perfetto nel ruolo di uno sgradevolissimo personaggio che riceve poi "l'illuminazione" e Villaggio convince in uno dei suoi ruoli non fantozziani, purtroppo in futuro sempre più rari. Non un capolavoro, ma una più che decorosa prova registica e attoriale, resa ancora migliore dai luoghi in cui è ambientata, a me personalmente cari.
MEMORABILE: Il telegramma all'ufficio postale; il cardinale nudo.

Nancy 16/11/11 01:01 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Un'originalissima favola questa di Pupi Avati, che si avvale di un Tognazzi praticamente perfetto nel ruolo dell'anticlericale cinico e misogino. Dopo un primo tempo folle, tra prostitute e insulti, arriva la mistica conversione dettata dalla Santa Girolama apparsa sul fico e il film segue perfettamente questa linea di demarcazione facendoci dimenticare le ingiurie viste e cadendo lentamente nella dolcezza assoluta che poi predominerà anche nella parte finale. Bellissima fotografia, buona anche la colonna sonora.
MEMORABILE: Paolo Villaggio biondo del ruolo del pappone; Delia Boccardo, in bianco, sul fico.

Manfrin 30/09/12 11:58 - 324 commenti

I gusti di Manfrin

Se fosse una piece musicale sarebbe uno scherzo, è invece una film che, nella sua stranezza, piace e diverte. I personaggi sono tutti smaccatamente felliniani e forse quello principale interpretato da un Tognazzi poco convincente è il meno riuscito. Il cinico Villaggio in parrucca bionda è una grande idea.

Ronax 2/11/12 22:24 - 900 commenti

I gusti di Ronax

Primo film di Avati realmente uscito in sala dopo i semiclandestini Balsamus e Thomas, offre un inizio magnificamente irriverente e beffardo, popolato dai volti bruegheliani dei familiari di Tognazzi e degli abitanti del paese. Poi, dopo la "conversione", la storia si impantana un po' ma non manca comunque qualche scena memorabile. Avati mostra già piena padronanza del mezzo cinematografico, mentre Tognazzi e Villaggio giganteggiano nel tratteggiare i rispettivi personaggi. Bellissime la Boccardo e la sua "collega" con tutina rosso fuoco.
MEMORABILE: Il documentario iniziale; Villaggio e "famiglia" nel lettone della roulotte.

Minitina80 19/03/15 00:19 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Commedia in salsa romagnola per un giovane Pupi Avati che dimostra già di avere i numeri per fare bene. Una buona storia, folkloristica e spontanea, i cui personaggi, ben caratterizzati, hanno qualche reminescenza felliniana. Forse è tirata troppo per le lunghe e non sempre riesce a mantenere viva l’attenzione, ma vale la pena di essere visto almeno una volta.

Victorvega 10/06/15 15:32 - 289 commenti

I gusti di Victorvega

Grottesco e surreale spaccato di provincia, con le sue credenze e tradizioni. Il film è supportato da una bella sceneggiatura, buone fotografia e regia. Quello che balza più all'occhio è una straordinaria prova attoriale di Tognazzi, ben spalleggiato dai convincenti Villaggio e Cavina. La storia non mi ha intrigato più di tanto; in ogni caso meglio la cinica prima parte della seconda.

John trent 29/11/15 11:59 - 326 commenti

I gusti di John trent

Film che conferisce alla carriera di Avati la giusta impennata grazie alla presenza di due mostri sacri come Tognazzi e Villaggio. La storia, interessante e dai risvolti drammatici inaspettati, è una sorta di favola bizzarra e dissacrante, sarcastica e poetica. Il barone Pellacani (la gambina maledetta) di Tognazzi è da antologia ma anche Villaggio non scherza nei panni di uno spregevole e odioso magnaccia dai capelli ricci e biondi. Bellissima la virginale Boccardo, statuaria la Camille (che poi scivolerà nel porno). C'è anche Dalla. Discreto.
MEMORABILE: La corsa notturna di Patrizia De Clara interamente nuda con le tette ballonzolanti; Le confessioni registrate col videotape.

Lythops 14/06/16 11:28 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Scherzo godibile a tratti, divertissement molto personale con personaggi eccessivamente caricati, (Villaggio su tutti gli altri), con una vena surreale e irriverente di sottofondo che si lascia apprezzare nonostante. Prodotto artigianale dal quale trapare una regia personale e la tendenza, che dimostrerà il tempo, a utilizzare gli stessi attori non protagonisti e generici che renderanno unici i film successivi. Un buon trash squisitamente (?) padano.

Xabaras 7/09/16 11:36 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

Accompagnato dal solito cast di caratteristi Avati (che molto meglio farà ne Tutti defunti... tranne i morti) ci guida in questo malriuscito viaggio attraverso la satira umoristica; due sono i protagonisti e due i modi di intenderla: quella di Tognazzi (sì vabbè anticlericale, ma si poteva fare a meno della solita ironia sui carabinieri) e quella di Villaggio sboccata, ridanciana e volgare che non centra mai la risata). Pare incredibile ma l'anno successivo Avati dirigerà quel capolavoro di terrore che è La casa dalle finestre che ridono.

Paulaster 5/12/17 15:21 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Barone ateo azzoppato dalla caduta da un fico si converte dopo l’apparizione miracolosa della Santa protettrice. Sostanzialmente diviso in due parti: la prima (più sfilacciata) mostra l’atmosfera di provincia emiliana tra irriverenza e giocosità sessuale. Nella seconda si scende nell’intimo di credenze popolari e crepuscolarismo. Tognazzi è più a suo agio nel dramma mentre il finale è potente e universale (per chi crede in Dio). Cameo di Lucio Dalla (anche se doppiato).
MEMORABILE: La ragazza Marilyn alla pari (anche se ottantenne); “In alto i capezzoli”; “I miracoli ci servono”.

Il ferrini 9/09/17 15:44 - 1665 commenti

I gusti di Il ferrini

Nel complesso un filmaccio, volgarotto e grossolano, tuttavia ha dei lampi di satira veramente geniali, almeno fino alla redenzione del barone, un Tognazzi in gran forma. Anche qui, come in Fantozzi (stesso anno), i congiuntivi son tutti sbagliati ma il personaggio di Villaggio (curiosamente parruccato) è tutt'altro che servile e sprovveduto. Statuaria la bellezza della compianta Lucienne Camille (che Avati vorrà anche in Bordella), piuttosto insipida la Boccardo, sopra le righe la "scoreggiona" De Clara. Qualche sforbiciata avrebbe giovato.
MEMORABILE: Il telegramma del Barone al Papa per chiedere la sospensione delle reciproche maledizioni.

Maxx g 9/07/19 22:31 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Terzo film di Avati, racconta la storia di un nobile e di un albero benedetto, che ebbe grande importanza nella storia. Il regista di avvale dell'apporto di Ugo Tognazzi, di Paolo Villaggio e di altri buoni elementi come Gianfranco Barra. C'è molto di surreale e di fiabesco, ma la pellicola sembra riscattarsi verso il finale. Prima c'è veramente poco da salvare. Tognazzi se la cava, mentre Villaggio è sempre il solito. Merita una visione, ma null'altro.
MEMORABILE: I dialoghi serali tra Tognazzi e la "santa".

Marcolino1 5/01/20 12:13 - 500 commenti

I gusti di Marcolino1

La complementarietà tra sacro, profano, desecrazione e fede viene qui pienamente esplicata e per farlo si attinge al canone del doppio senso malizioso e della commedia sexy, senza scopiazzare ma proiettandovi sopra l'occhio personale del regista. I piccoli mondi "dimenticati" dell'Italia rurale vengono parodiati e le leggende popolari "smascherate" nel loro senso più umano e concreto. Alcuni volti sono ritratti comico-grotteschi e lo sberleffo verso il clero, il provincialismo e la superstizione si uniscono a una punta di malinconia e poesia.
MEMORABILE: La leggenda della Santa e il cardinale denudato; La statua oggetto di concupiscenza poi trasportata a spalle come un angelo custode; Il parto.

Pinhead80 6/05/20 20:17 - 3898 commenti

I gusti di Pinhead80

Favola grottesca bella da raccontare e da vedere. La sceneggiatura è una scheggia impazzita da cui ci si può aspettare di tutto in qualsiasi momento, ed è proprio questa follia che rende unico il film. Tognazzi giganteggia nei panni della "gambina maledetta" soprattutto nella prima parte quando emerge il lato peggiore del suo carattere (memorabili gli insulti alle zie e al suo fedele Petazzoni). Bello vedere anche Villaggio nei panni di uno sfruttatore senza scrupoli.
MEMORABILE: "Vogliamo aprire un dialogo a calci in culo?".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Caesars • 15/12/10 13:56
    Scrivano - 10501 interventi
    R.f.e. ebbe a dire:
    A volte l'attore non lo sà... gli assicurano che si doppierà da sé e lui si doppia effettivamente, ma poi magari alcune parti vengono ridoppiate con un'altra voce perchè la sua è sembrata poco efficace o poco divertente o poco... boh, vatti a sapere i cervelli bacati di questi... In alcuni casi si lascia la voce sua in interni girati in presa diretta, mentre in altri interni o in scene "in esterni" lo si fa doppiare!

    Questa proprio non la sapevo (e non me ne ero mai accorto). Pensavo che un attore o si doppiasse da se o venisse doppiato da altri, ma non che esistessero situazioni "ibride" all'interno della stessa pellicola. Sempre molto interessante avere a che fare con persone più competenti. Comunque l'idea di mischiare i doppiaggi mi pare una gran cavolata.
  • Discussione Jens1974 • 15/12/10 22:18
    Galoppino - 61 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Jens, se sei in contatto con Pizzirani, perché non gli passi il link di cui sopra? Penso si divertirebbe anche lui a sentirsi doppiato a tradimento :)

    carissimi, ho sentito Giulio e mi dice che essendo all'epoca impegnato a teatro, si è dovuto ricorrere al doppiaggio (senza ricordare chi lo avesse doppiato), ma gli ho fatto notare che in alcune sequenze la voce sembra davvero la sua, aspetto quindi nuove in merito. L'ipotesi del doppiaggio mescolato alla sua voce vera (magari registrata in presa diretta e quindi non doppiata) è plausibile quindi:)
  • Homevideo Xtron • 10/02/13 18:28
    Servizio caffè - 1829 interventi
    Questa invece la versione francese SNC - M6 Video

    Audio italiano
    Sottotitoli in francese (eliminabili senza problemi)
    Formato video 1.85:1 anamorfico
    Durata 1h41m57s
    Extra Trailers vari

    Se qualcuno possiede il dvd Rarovideo e vuole fare un contronto l'immagine si trova al min. 46:23

    Ultima modifica: 10/02/13 18:41 da Zender
  • Curiosità Zender • 2/08/13 15:28
    Consigliere - 43383 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo M.shannon • 20/06/14 08:11
    Disoccupato - 312 interventi
    Dvd Rarovideo

    Ultima modifica: 21/06/14 07:31 da M.shannon
  • Discussione John trent • 24/01/16 13:13
    Servizio caffè - 511 interventi
    Il rarissimo trailer (non presente nel dvd italiano Rarovideo):

    https://www.youtube.com/watch?v=LpjGGOmRYCc
  • Discussione Kanon • 26/06/16 19:34
    Fotocopista - 813 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Nel documentario iniziale si vede Jimmy il Fenomeno (primo da destra). Nessuno se n'era mai accorto?



    Appare anche l'allora 20enne Ricky Tognazzi, accreditato nei titoli di coda come assistente alla regia Riccardo Tognazzi. Nella foto, è il giovane Anteo in maglia bianca.
    Ultima modifica: 26/06/16 19:35 da Kanon
  • Discussione Zender • 27/06/16 10:25
    Consigliere - 43383 interventi
    Spostato tutto in curiosità, a questo punto. La foto cominciava a diventare molto interessante...
  • Discussione Samuel1979 • 18/08/16 22:41
    Call center Davinotti - 2915 interventi
    Leggo solo adesso della scomparsa nel 2006 dell'attrice di colore Lucienne Camille, che quì aveva il ruolo di una prostituta.


    https://it.wikipedia.org/wiki/Lucienne_Camille
  • Discussione Kaciaro • 18/08/16 22:51
    Galoppino - 485 interventi
    film straordinario , satira finissima come non si fa' piu' da anni purtroppo Tognazzi immenso....