LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 3/01/15
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 5/06/07 23:50 - 4671 commenti

I gusti di B. Legnani

Lo vidi da giovane e non mi disse nulla. La rivedo oggi e il giudizio è ben migliore. Non è neppure un film difficile da capire, perché ho intanto appreso per davvero cosa siano la bramosia, la smodatezza, la voglia di piantare tutto e tutti, per isolarmi e fare ciò che amo. E tante altre simbologìe sono trasparenti: il talamo dalle coltri nere, l'autunno della vita e della stagione... Dei quattro mostri sacri i più centrati mi sono parsi il prodigioso Tognazzi e l'efficacissimo Piccoli, gran signore anche quando spetazza. Perfetta la Ferréol.
MEMORABILE: Noiret si sveglia: sopra di lui, se vedo bene, una riproduzione del "Banchetto nuziale" di Pieter Bruegel...

Caesars 27/06/07 08:56 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Anche se ritenuto dalla critica ufficiale, nonché da una grande parte di pubblico, un autentico capolavoro, non mi è piaciuto per niente. Probabilmente non ho interpretato correttamente le metafore che vi compaiono (forse i quattro amici che si ammazzano di cibo rappresentano una società che ingerisce qualunque cosa, causando così la propria morte? Mah?!), ma sostanzialmente l'ho trovato davvero noioso. Peccato, perché vi recitano quattro autentici mostri sacri, più una convincente Andrea Ferréol. Ho visto la versione televisiva, quindi sicuramente cut.

Capannelle 7/11/07 16:39 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Film acclamato per la sua metafora di una società che tende al suicidio collettivo per appagare oltremodo i propri istinti, anche se non lo definirei capolavoro. I quattro protagonisti organizzano un ritrovo basato su cibo e sesso e decidono di continuare, nonostante gli incidenti di percorso. Un insolito Mastroianni, cinico ma con stile, i soliti Piccoli e Tognazzi dissacratori e un plauso alla Ferréol (maestra coinvolta per caso, che trova nei quattro uomini i suoi nuovi alunni).

Samtam90 18/07/08 00:22 - 56 commenti

I gusti di Samtam90

Potente affresco in tono gustosamente grottesco sulla decadenza di una borghesia priva di valori e una crudele satira della società consumistica che divora sè stessa tramite il proprio edonismo. Alternando ironia e sarcasmo a momenti drammatici e tragici (tutte i decessi, ma in particolare quello di Mastroianni), Ferreri mostra quattro uomini pronti a compiere il loro suicidio con agghiacciante lucidità e metodica calma. Molte le scene di culto e le provocazioni; il cast è eccellente e il film è permeato da un'incredibile atmosfera "decadente".
MEMORABILE: Più o meno l'intero film, ma in particolare la morte di Mastroianni.

Matalo! 13/07/08 02:56 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Dopo Dillinger il vertice di Ferreri, una specie di Salò bonario e borghese, vissuto da quattro uomini "fatti" come potevano essere gli adulti di una volta, che vissero almeno una guerra: crebbero in fretta, cercarono il benessere per rivalsa ma non rifletterono mai su loro stessi, mimeticamente incarnati da quattro amici più che quattro attori. Ma attenzione: questo non è un film "all'amatriciana", è un balletto di morte, un film sul fallimento di una generazione puntuale ed implacabile.
MEMORABILE: La torta Andrea; le flatulenze di Michel.

Ciavazzaro 2/09/08 11:35 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Diventato molto famoso (soprattutto in modo negativo), non è il capolavoro di cui molti parlano, ma si inserisce perfattamente in una linea di medietà. Coraggioso in numerose scene (e ancor più coraggiosi i quattro mostri sacri interpreti della pellicola), meravigliosa la Ferreol.
MEMORABILE: La torta.

Cotola 15/09/08 00:52 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Eccezionale satira-apologo sul consumismo, diretta dal grandissimo Ferreri qui al suo meglio, aiutato anche da un poker di attori semplicemente fantastico (corroborato dalla brava Andréa Ferréol) e da una splendida sceneggiatura. All'epoca suscitò grande scandalo, oggi continua a mantenere intatta tutta la sua forza e continua ad essere sempre attuale. Imperdibile, anche se alcuni potrebbero non gradire.

Galbo 21/10/08 05:41 - 11309 commenti

I gusti di Galbo

Rappresenta il lato farsesco e grottesco di Amici miei. La storia della maratona erotico-gastronomica che coinvolge quattro amici di diversa estrazione sociale, accompagnati da una figura femminile dalla simbologia materna, è forse il film migliore (e tra quelli di maggior successo commerciale) di Marco Ferreri. La componente grottesca e satirica del cinema del regista milanese trova qui un maggior equilibrio che altrove, grazie ad una sceneggiatura compiuta e ad un cast di attori straordinari.

Redeyes 22/10/08 19:36 - 2127 commenti

I gusti di Redeyes

Il film più famoso di Ferreri, forse, ed anche uno dei più turbanti e grotteschi si possa immaginare su pellicola. In certi passaggi è talmente estremo da nauseare e farci sentire un po' anche noi come su un tavolo a premerci la pancia per farci entrare più cibo. È un capolavoro, come lo sono le interpretazioni degli attori. Una perla di truculenza assoluta. Imperdibile!

Effe 22/11/08 11:51 - 16 commenti

I gusti di Effe

Non sono tanto la grottesca, feroce critica alla voracità borghese o la prevedibile, eccellente prova attoriale dei protagonisti, a farmi adorare il film, quanto il connubio di queste peculiarità, con l'impeccabile girato, le perfette geometrie (interni/esterni) e l'acuto simbolismo che scaturisce da ogni inquadratura. Non sbaglia una virgola, Ferreri. Sodoma e Gomorra dice(va) qualcuno. Per me, una lucida, equilibrata parabola di vita, portata per mano, con passo placido, alle estreme conseguenze.

Ercardo85 16/12/08 18:10 - 81 commenti

I gusti di Ercardo85

È sicuramente il film più politico di Ferreri, apologo grottesco e apocalittico sulla società del consumismo in cui il cibo ed il sesso da piaceri della vita si trasformano in veicoli di morte. Forse, assieme a Dillinger è morto è il miglior film di Ferreri, provocatore dai toni spesso intellettuali ma mai intellettualistici.
MEMORABILE: "Il diluvio universale!!!" - "Della merda!"

Pigro 26/03/09 09:28 - 7699 commenti

I gusti di Pigro

Quattro amici si rinchiudono in una villa dove mangiare senza fine. Spietato apologo grottesco sull'autoannullamento dell'individuo e della società borghese, eccessivo e funebre, amaro e tragico, dove anche l'eros - condotto da una disponibile magna mater - è viatico della fine. Omaggio al banchetto satirico di Boileau, citato nel film, ricorda la Sodoma dei quattro potenti autoreclusi di Sade, ma ha il sapore di un lungo funerale. Notevoli i grandissimi attori coinvolti (forse Mastroianni un po' meno degli altri).

Undying 12/07/09 15:26 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Idolatrato all'inverosimile, considerato il capolavoro di Ferreri, questa "abbuffata" - intesa, in accezione simbolica, come parabola del consumismo e rivestito di profondi significati politici - è opera crepuscolare, sgradevole e poco accostabile al pubblico gusto. Ricorda, per certi aspetti, Le 120 giornate di Sodoma per l'impostazione claustrofobica e la narrazione di esperienze estreme dei quattro amici, riunitisi in casa di uno di loro e alla ricerca del suicidio collettivo, a base di sesso e cibo. Anche il grottesco (le flatulenze, gli odori disgustosi, talune grevi battute) è ripugnante.

Jandileida 6/03/10 15:37 - 1235 commenti

I gusti di Jandileida

Anche volendo, difficilmente Ferreri avrebbe potuto fare di meglio: grande regia (asciutta, essenziale e simbolica), cast eccezionale (su tutti quel grande attore di Tognazzi) e profonda idea di partenza, che identifica nel cibo e nel sesso i due simboli di una società che, abbandonato ogni ideale, si è ridotta a farsi esplodere la pancia (che poi il consumismo, invece di morire spetazzando, sia vivo e lotti ancora insieme a noi dopo quasi 40 anni dal film è un altro discorso). Gran film.

Nando 25/05/10 15:44 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Un film originalmente inquietante in cui quattro affermati professionisti, con la compagnia di una burrosa donna, si dedicano a imponenti libagioni mangerecce e sessuali. La narrazione è strabordante con un cast di livello superiore e suscita financo una certa repulsione in alcune immagini.

Saintgifts 17/02/11 22:36 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ecco un altro film dove si passa da un pallino a cinque pallini, quindi bello o brutto che sia, un certo segno lo ha lasciato. Per quello che mi riguarda, lasciando da parte i vari messaggi e metafore, ormai già svelate, lo trovo discontinuo, con momenti veramente felici e altri, di transizione, stanchi e ripetitivi. Il soggetto è originale, certo, però si ha il sospetto che per dilungare i tempi a volte ci sia una specie di improvvisazione rudimentale e di livello medio-basso. Gli interpreti sono eccellenti per cui tutto si salva.
MEMORABILE: Tognazzi: "certo che Marcello è un gran chiavatore" (riferito a Mastroianni, amante di donne e motori).

Homesick 8/03/11 19:00 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Apologo culinario e freudiano sulla società capitalistica destinata a collassare sotto il peso della propria opulenza e a restituirsi all’Es. Commensali dell’apocalittica crapula quattro individui - variamente frustrati - che si autoannientano negli spasmi di un edonismo tragicomico, ove leccornie da gourmet si mischiano a vomito, liquami, coiti promiscui e peti, e i profumi dei cibi svaniscono in una cupa atmosfera di malinconia, dolore e morte. L’erudizione della messa in scena e la somma bravura e signorilità degli attori edulcorano il disgusto, stimolando sane risate e amare riflessioni.
MEMORABILE: Ugo e i suoi coltelli legati al ricordo del padre; l’esplosione del wc; le morti, ciascuna delle quali corrispondente a passioni o vizi dei quattro.

Belfagor 20/09/11 09:50 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Riuniti in una villa, quattro apocalittici amici decidono di porre fine alle loro vite con un'ininterrotta orgia culinaria. Una delle vette del cinema di Ferreri, il ritratto ferale di una borghesia consumistica destinata, prima o poi, a divorare anche sé stessa. Grandi interpretazioni del quartetto di protagonisti, accompagnati dalla leziosa complice Ferréol. La profusione di allegorie e simbolismi trasforma questa commedia scatologica in un banchetto di morte, una danza macabra condotta a suon di flatulenze.
MEMORABILE: L'esplosione del wc; l'ultima torta di Philippe.

Ducaspezzi 8/09/11 19:13 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Mi si lasci definire così questo certo modo di farla finita: splatter introspettivo! Con le acuminate armi del grottesco più impietoso, malato ed inesorabile, si fa carne di porco (meglio ancora di quanto non facciano i protagonisti in cucina col maiale vero) dell'individuo a-morale, più o meno benestante. Quella casa livida, a suo modo soffocante, con quel giardino attorno che agonizza nel grigiore, alla fine risulta più malsana di Amytiville, senza soprannaturale. Si (sor)ride cinico, meglio se a pancia vuota.

Enzus79 5/10/11 15:38 - 1733 commenti

I gusti di Enzus79

Il surrealismo ed il grottesco di Marco Ferreri si avvicinano molto a quelli del grande Luis Bunuel. Qui l'ingordigia per il cibo ha come unico obiettivo quello di "scappare" da una società troppo imborghesita. Un quartetto di grandi attori: a Tognazzi la palma del migliore.

Rambo90 19/02/12 23:46 - 6271 commenti

I gusti di Rambo90

Le atmosfere (e i risultati) sono le stesse di un film horror: gli ambienti cupi della casa, il giardino secco e gelido, le musiche inquietanti. Così come inquietante è lo scopo ultimo dell'abbuffata dei quattro amici protagonisti. Una commedia originale, che intreccia la goliardia di Amici miei (il quale però è successivo) con la satira della società e il rifiuto dei dogmi della borghesia. Eccezionale il cast: tutti superbi. Alcune scene provocano davvero il disgusto per quanto sono realistiche. Da non perdere.
MEMORABILE: L'ultima suonata al piano di Piccoli.

Fauno 29/04/12 21:40 - 1897 commenti

I gusti di Fauno

Un'autentica vergogna di film e non so come ho fatto a resistere per quasi due ore. I peti a me non hanno fatto ridere per niente, anzi, mi han fatto venire il voltastomaco... Se avevano tante paranoie per stare al mondo, perché non l'han fatta breve facendo un volo dall'ottavo piano o prendendo il primo aereo per l'Africa? Fa pensare a Mussolini che faceva incarcerare le persone obese accusandole di mangiare oltre il necessario e di sottrarre nutrimento alla Patria... Sai che poesia la scena del diluvio di escrementi? La stelletta del Gran Mogol!

Mickes2 22/04/13 20:02 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Apologo nero pece, funereo e orgiastico sull’autodistruzione umana - in questo caso - borghese, simbolo indissolubile di opulenza, consumismo e superficialità, dipinta con occhio irriverente e surreale. Una delirante ballata di cibo e sesso dove eros e thanatos si uniscono esplodendo in pulsioni irrefrenabili, in un gabinetto che rigetta in forma aberrante e liquamosa ciò che gli straordinari interpreti avevano ingerito. Il tutto è stupendamente ammantato dal sopraffino tocco grottesco, alienante e divoratore di Ferreri. Bellissimo.
MEMORABILE: Michel e i suoi "problemi" intestinali.

Rebis 10/05/13 19:24 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Danse macabre che turbina greve e macilenta sull'horrror vacui della società dei consumi: la presenza di Tognazzi e Noiret, l'ecatombe dell'anima sottesa alla goliardia, rimandano ad Amici miei, altro apologo funebre sulla modernità. Edotto e raffinatissimo, oltre il flaccido promanare di peti e liquami, coiti e impietosi decessi, fa della bulimia uno specchio tetragono del nec plus ultra, costringendo a puntare diritto lo sguardo nel buco nero dell'esistere. Come sempre in Ferreri, il femminile evolve, tracima di significati: qui Andréa Ferreol è Madre, Morte, Maestra e Meretrice arcana.

Vitgar 22/10/14 19:19 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

I film di Ferreri o si amano o si odiano e anche per questa produzione vale lo stesso discorso. Il regista non regala nulla alla sua critica spietata sul vuoto esistenziale dell'uomo contemporaneo. Film di eccessi e paure allo stesso tempo che termina in un preogressivo, macabro "cupio dissolvi". Grandi interpretazioni di tutto il fantastico cast a disposizione. Poco altro da dire. Ennesimo cult del maestro.

Rullo 26/12/14 15:29 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Un film sicuramente particolare per le sue premesse e il suo svolgimento: cucinare e poi mangiare il più possibile. L'atmosfera è perlopiù opprimente e più che una commedia sembra una grande tragedia, con i protagonisti sospinti in un vortice di autodistruzione tra prostitute e cibo. Ottime le interpretazioni.

Lythops 26/05/15 17:40 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Lucido e asettico atto di ribellione alla società che, attraverso il consumismo, condanna il genere umano a lui sottoposto alla distruzione. L'impossibilità di soddisfarsi in modo permanente con l'effimero porta i protagonisti al suicidio che, se attuato all'apice della soddisfazione, appare ai protagonisti come unaica possibilità per rendere duraturo, fisso, il presente. Ferreri, al contrario di Bertolucci, scandalizzò davvero la società benpensante e il film "fisiologico" che si augurava di fare lo ha realizzato sul serio. Bravo.

Ryo 10/08/15 04:03 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un film molto duro da digerire. Attraverso uno stile grottesco e disgustoso che accompagna l'intera pellicola, vediamo i quattro protagonisti declinare lentamente, cercando di togliersi la vita attraverso il cibo. Perfette interpretazioni, curiosa l'autodistruzione-metafora della nostra civiltà. Un film esagerato che esaspera il voltastomaco facendone la forza stessa del film.
MEMORABILE: La frase pronunciata da una delle prostitute racchiude l'essenza intera della pellicola: "Disgustosi! Perché mangiate se non avete fame?"

Modo 28/10/15 12:12 - 815 commenti

I gusti di Modo

Trovo l'ambientazione del film uno dei suoi maggiori punti di forza: veramente sulfurea, a volte fatata ma sempre accompagnata da un'angoscia di fondo che fa galleggiare lo scorrere del tempo come in un'eterna apnea. Cibo, sesso, consumismo, autolesionismo, finta o vera felicità, il tutto mischiato per celebrare l'autodistruzione. Attori di spessore e magnifiche interpretazioni.

Daniela 26/05/16 07:30 - 9084 commenti

I gusti di Daniela

Lo chef, il produttore televisivo, il pilota e il giudice: quattro amici di varia estrazione sociale e caratteri diversi decidono di rinchiudersi in una villa e mangiare fino alla morte... Svaporata l'aura di scandalo col passare dei decenni, il capolavoro di Ferreri mantiene però intatta la sua forza di limpida metafora: quel che divoriamo, ci divora ed il cibo, nella società opulenta veicolo di piacere fine a se stesso, è l'arma utilizzata per un paradossale suicidio causato da un'abbondanza che provoca assuefazione, noia, infine vuoto esistenziale. Banchetto sadiano con un cast memorabile.
MEMORABILE: All'arrivo alla villa, nello scaricare le merci dal furgone, vengono minuziosamente elencate tutte le vivande e le carni; il budino mammelloso

Alex75 15/07/16 09:35 - 661 commenti

I gusti di Alex75

Ferreri giustappone senza soluzione di continuità manicaretti artistici e liquami, discorsi esistenziali e flatulenze, a rappresentare il “cupio dissolvi” di una società consumistica, opulenta eppure interiormente vuota. Si arriva alla fine con un senso di nausea, a dimostrazione che Ferreri colpisce nel segno, anche grazie ai mostri sacri del cast (in particolare, Tognazzi e Piccoli sono grandiosi e compensano un Mastroianni leggermente sottotono) e alla giunonica Ferréol in un ruolo chiave.
MEMORABILE: “Hanno ragione le lesbiche... gli uomini sono così stronzi”; “Se non mangi non puoi morire”; Il monumentale patè di Ugo; Il budino di Philippe.

Il Dandi 10/07/18 11:10 - 1730 commenti

I gusti di Il Dandi

Sovente accostato al Salò di Pasolini, di cui condivide in effetti il nichilismo e la struttura "chiusa", il capolavoro di Ferreri tuttavia è un film sadiano ma non sadico, allegorico ma trasparente, grottesco ma non improvvisato, eccessivo ma elegante, pessimista ma (a suo modo) pietoso, in cui tutta la pellicola (scenografie, inquadrature, pietanze) è pervasa da un impianto pittorico di grazia quasi preraffellita. La Ferréol è forse la vera protagonista, mentre nell'eccezionale quartetto maschile Piccoli svetta su tutti.
MEMORABILE: Piccoli, con gli abiti dell'amico Mastroianni, suona il piano per l'ultima volta e gli altri: "Sentito come suona bene Marcello? Quasi come Michel!".

Paulaster 21/11/18 10:16 - 2673 commenti

I gusti di Paulaster

Quattro uomini si rinchiudono in una casa per porre fine alle loro vite mangiando. Metafora di una società che ingurgita oltre al necessario col contrappasso; ciò che sembra una festa può portare alla morte. Clima decadente in uno spicchio triste di Parigi dove non vengono risparmiati olezzi e feci. Mastroianni ha sempre un guizzo più degli altri, Tognazzi un paio di scene da grande attore, i due francesi solo l'atteggiamento nichilista. Nota per la Ferréol: materna, amante e becchino.
MEMORABILE: Tognazzi che imita Brando; Mastroianni con la mano sul sedere alla statua; La morte di Tognazzi; L'arrivo del cibo.

Bubobubo 28/01/19 17:37 - 1147 commenti

I gusti di Bubobubo

Il più esplicito, carnascialesco, bachtiniano e compiuto dei lavori di Ferreri, quasi un'anomalia formale incastonata tra le inebetite ossessioni di Dillinger è morto, le tortuose anse de L'udienza e le astratte deflessioni de Il seme dell'uomo. Per certi versi una versione gastronomica del Salò pasoliniano, sia nella stilizzazione della società che nell'incarnazione di vizi e virtù, nel ruolo deviante dell'elemento femminile e nell'"eccesso" come traino materiale di una borghesia arrivata alla fine della propria esistenza. Memorabile.

Pessoa 30/01/19 13:18 - 1088 commenti

I gusti di Pessoa

Film di Ferreri che più di altri ha diviso critica e pubblico, contiene scene decisamente rivoltanti in cui ci si deve districare fra ogni tipo di liquido organico e situazioni agli antipodi del buon gusto, che ne frenano leggermente l'impatto sociale. Cast con i cinque protagonisti da applausi, con Piccoli che suona il piano e Tognazzi che cucina, entrambi dal vivo. La regia di Ferreri è misurata, quasi austera, come un contraltare agli eccessi mostrati, e il giudizio finale non ammette repliche o buonismi di comodo. Per stomaci forti.

Gabrius79 10/11/19 13:56 - 1183 commenti

I gusti di Gabrius79

Grottesco, surreale e a tratti disinibito. In tre parole si può riassumere questo film diretto sapientemente da Marco Ferreri che alla sua corte ha chiamato un quartetto di grandi nomi come Tognazzi, Noiret, Piccoli e Mastroianni (quest’ultimo ha forse il personaggio meno riuscito) con l'aggiunta di una stupenda Andrea Ferrèol. Alcune scene come i peti di Piccoli possono apparire triviali ma in questa pellicola sono incastonati bene. Poi certo i tempi sono dilatati e qualche fase di noia non manca. Da amare od odiare.

Gordon 22/08/19 16:32 - 159 commenti

I gusti di Gordon

Grottesca commedia che lascia spazio a diverse opinioni e si avvale di grandi attori, tra cui Mastroianni e Tognazzi, che però sono un po' sviliti da una sceneggiatura a tratti fiacca e una regia discontinua che alterna ottime scenette a momenti monotoni e ripetitivi, causando a volte dello smarrimento. Peccato perché l'idea di partenza era buona e gli attori potevano dar vita a un ottimo film, ma devono recitare scene fin troppo spinte, parzialmente giustificate da una critica alla borghesia.
MEMORABILE: I morti conservati nel frigorifero vista tavolo della cucina; Il cesso che "esplode".

Magi94 7/09/19 11:56 - 649 commenti

I gusti di Magi94

Film che sfocia a piene mani nel surrealismo e proprio per questo risulta difficile da comprendere e da valutare. Pasolini disse al riguardo: "corpi colti in una sintesi di gesti abitudinari e quotidiani che nel momento in cui li caratterizzano li tolgono per sempre alla nostra comprensione". È questo ciò che sono i quattro uomini più Andrea, pazzi condotti da una follia lucidissima alla morte per eccessi. Per due ore si è sballottati come su una barca in tempesta, poi rimane quella sensazione amara, nauseabonda, che fa capire che il film ha colpito in pieno.
MEMORABILE: I quattro sozzi maiali spellati, lasciati nel bel mezzo del giardino nella scena finale.

Hackett 20/03/20 07:33 - 1719 commenti

I gusti di Hackett

Irritante, sgradevole, volutamente lontano da qualsiasi compiacenza nei confronti dello spettatore, questo film diventato ormai un cult del discusso Ferreri rappresenta una beffarda e spietata critica alla società del consumo, che tutto ingloba senza preoccuparsi del domani. La scelta perfetta dei protagonisti, la location decadente e una sceneggiatura politicamente scorretta e grottesca ne fanno un'opera riuscita e unica.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rebis • 7/05/13 12:14
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Quella da 2h;04m dovrebbe essere la versione integrale francese, ma da quanto leggo nei forum esiste una versione anche più lunga (2h;09m), tutta da verificare.
  • Homevideo Mco • 9/05/13 14:33
    Scrivano - 9623 interventi
    Ottimo (e soprattutto prezioso) il tuo studio comparatistico Rebis, grazie mille.
  • Homevideo Rebis • 18/10/13 11:35
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Rebis ebbe a dire: Deepred89 ebbe a dire: Sul perchè la versione in dvd duri meno di quella di Iris non ne ho idea. Ho fatto un raffronto tra la versione DVD General/Medusa (1;51;52) e la versione TV Iris (1;54;18): si tratta naturalmente di due versioni cut, ma diverse, perché la versione tv presenta tutta la lunga sequenza dopo la morte di Mastroianni con il trasporto del cadavere in casa e la scena di sesso in cucina tra Tognazzi e la Ferreol, del tutto assente nel dvd Medusa. Nella versione tv però sono drasticamente decurtate tutte le altre scene di sesso, anche se quella tra Mastroianni e la Ferreol in camera da letto presenta un dettaglio assente nel dvd (un nudo integrale di Mastroianni da dietro). Nel complesso il dvd pur avendo una duranta inferiore è più esplicito nella componente erotica e ha una qualità video superiore rispetto al master tv: come sempre bisognere fare un taglia e cuci tra le due versioni, ma probabilmente non si arriverebbe comunque all'integralità. La versione "classica" editata da noi in VHS, che coincide con quella cinematografica d'epoca (quindi non totally uncut come dovrebbe essere invece la versione francese) dura 1;57;52: è una buona media fra le due edizioni succitate (TV e DVD ita) nel senso che presenta sia la lunga sequenza successiva alla morte di Mastroianni con il trasporto del cadavere nella cella frigorifera, la solitudine di Piccoli e la scena di sesso in cucina tra Tognazzi e Ferreol (tagliata nella versione DVD), sia le varie scene di sesso epurate dalla versione TV. Non c'è però il nudo integrale di Mastroianni da tergo nella scena in camera da letto con la Ferreol (pertanto se ne deduce che la versione TV, contenendo il suddetto dettaglio assente nel DVD e nella VHS, derivi da un master diverso poi censurato per adattarlo al palinsesto). Non riesco a capire se sono presenti le scene indicate da Deepred all'inizio del topic, perché sono descritte in modo molto generico: per dire, il risveglio di Noiret ingozzato dalla badante c'è, ma forse è stato ridotto, mentre le slinguazzate tra Ferreol e Mastroianni mi sembrano palesemente scorciate con un brutto colpo di montaggio... La VHS presenta colori piuttosto slavati (almeno quella allegata a l'Unità) ma con un buon settaggio qualcosa si riesce a recuperare (ad esempio, col mio televisore, in opzione "Sport" il film ha un netto miglioramento...); ha però il pregio di avere il formato video corretto.
    Ultima modifica: 18/10/13 11:51 da Rebis
  • Homevideo Deepred89 • 18/10/13 12:01
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Bravo Rebis, ottima analisi. Rimane però molto strana come faccenda, dato che non si spiegano almeno due elementi: come mai effettuare nuovi tagli per l'edizione dvd (ipotesi: master già lacunoso in partenza; rullo in qualità non all'altezza - in fondo si tratta di un unico, ampio taglio - e quindi per questo eliminato) e perché, per l'emissione televisiva derubricazioni annesse, non partire dal positivo italiano depositato in censura come - se non erro - previsto per legge e sempre più o meno effettuato dalle tv nazionali, almeno fino all'avvento dei dvd (due ipotesi: come scrive Rebis, semplicemente si parte da un master non coincidente con la copia censura; la scena è passata in censura ma è la vhs ad essere filologicamente inattendibile). Si potrebbe ipotizzare per assurdo che la vhs possa provenire da una copia pre-censura, ma ciò viene automaticamente confutato dall'ora e 57 di durata.
    Ultima modifica: 18/10/13 12:02 da Deepred89
  • Homevideo Rebis • 18/10/13 12:31
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Già, per altro la cosa strana è che sia la versione TV che la versione VHS iniziano con il logo FIDAS CINEMATOGRAFICA (quindi a rigore dovrebbero coincidere, ma così non è), mentre la versione DVD inizia con un fermo immagine e ha i titoli in francese (quindi dovrebbe essere la versione integrale... e invece non lo è). Inoltre, riguardando meglio il DVD ita, noto che il risveglio di Noiret è identico a quello della VHS, mentre le slinguazzate tra Mastroianni e Ferreol che nella VHS sono appena accennate, nel DVD sono tagliate via di netto! Sembrebbe che su un master francese abbiano operato grossolanamente i tagli previsti per la versione italiana (???). Credo che abbiano combinato dei gran pastrocchi in Italia con questo film...
    Ultima modifica: 18/10/13 17:39 da Rebis
  • Curiosità Alex75 • 29/11/16 17:46
    Call center Davinotti - 593 interventi
    I manicaretti - coprotagonisti a pieno diritto del film - sono stati ideati e realizzati da Giuseppe Maffioli, che qui figura come "consulente gastronomico".
  • Discussione Kanon • 21/11/17 01:45
    Fotocopista - 812 interventi
    Qualche piccolo aneddoto raccontato dalla Ferréol : http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013/03/31/la-grande-bouffe.html
  • Homevideo Buiomega71 • 18/05/19 12:09
    Pianificazione e progetti - 21647 interventi
    Annunciato, a Giugno, in blu-ray per Cecchi Gori
  • Homevideo Mco • 16/10/19 00:23
    Scrivano - 9623 interventi
    Disponibile in DVD e BD dal 1 ottobre per CG Entertainment.
  • Homevideo Tarzanb74 • 18/11/19 15:49
    Disoccupato - 28 interventi
    Salve. Mi è arrivato il blu-ray italiano. Film che ho visto sempre tagliato. Stasera lo vedo. Comunque la durata è 2h 09m 47s senza logo iniziale.