LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Una commedia tardo buzzanchiana che innesta su un canovaccio alla Sergio Martino (periodo SPAGHETTI A MEZZANOTTE, CORNETTI ALLA CREMA, per capirsi) un cast insolito: a fianco del protagonista indiscusso Buzzanca troviamo infatti l'emergente Massimo Boldi e, in una parte minima, il Diego Abatantuono dei tempi d'oro. La storia (sceneggiata da Laura Toscano Franco Marotta) è un prevedibile quanto intricatissimo gioco di equivoci, che ha però il pregio di essere svolto molto chiaramente nonostante l'artificiosa complessità: Alex (Buzzanca) vive mantenuto dalla ricca convivente (Claudine Auger) in un attico terrazzatissimo...Leggi tutto a Milano centro. Lui sogna di mostrarle le sue capacità imprenditoriali preparando in segreto la campagna pubblicitaria per la birra Dinesen grazie all'aiuto del fotografo Vic (Boldi), uno spiantato che vive nel seminterrato dello stesso palazzo e che usa la propria amica (Daniela Poggi) come modella. Intanto però torna dalla Svezia l’ex moglie (Janet Agren) di Alex, per stabilire i termini del divorzio. Alex, terrorizzato che lei le possa chiedere uno sproposito, chiede a Vic di prestargli l'appartamento per fingersi un poveraccio. Da qui una serie infinita di equivoci, ben orchestrati dallo specialista della commedia-bis Giuliano Carnimeo, con gente che entra ed esce in continuazione dall'appartamento. Tra questi il boss della birra Dinesen (Renzo Montagnani, altro habitué del genere) e un funzionario dell'Enel (Diego Abatantuono) che si palesa sul set solo tre volte, per un totale di cinque o sei minuti. Si intuiscono già però le sue clamorose potenzialità comiche. Buzzanca, pur piuttosto ripetitivo, se la cava; Boldi è un'ottima spalla.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 10/03/07 21:14 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

Gente che entra e che esce in un appartamento degradato in cui Buzzanca si finge straccione. Più il film va avanti più aumentano gli equivoci tipici della commedia di questo tipo. Eppure non ci sono le solite scene di nudo o le volgarità. Nel film manca qualcosa, sinceramente non ci ho visto nulla né di originale né tantomeno di notevole. Però c'è da dire che nonostante Boldi e Abatantuono siano solo di contorno, Buzzanca riesce a mantenere quella verve comica per buona parte del film.

Almayer 19/03/07 19:27 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Classica commedia degli equivoci diretta da Carnimeo con un bel cast, un bravissimo Buzzanca, una splendida Janet Agren (idem dicasi per Daniela Poggi) e gli altri comprimari. Si ridacchia ma col freno a mano tirato, d'altro canto le situazioni non sono proprio originalissime. Da notare il tentativo di sganciarsi dalla classica commedia scollacciata per creare qualcosa di più sofisticato; ma il problema, più che gli attori, pare la sceneggiatura e i dialoghi. Però una visione la vale.

Undying 27/08/07 00:12 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Strano tentativo di rendere la commedia sexy un tantino meno volgare, mediante l'utilizzo di attori eterogenei e non radicati al genere (Buzzanca nel bene o nel male ha sempre recitato in commedie di maggior spessore). Quello che non funziona è il registro comico (e non è poca cosa in un film del genere) assopito da dialoghi poco funzionali e dalla presenza di Boldi (che già da 5 anni calca le scene, ma proprio non fila) nei panni del fotografo. Molto male utilizzate la bellezza della Poggi e quella della Agren. Sa di poco, insomma.

TomasMilia 6/11/07 15:04 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Film senza pretese che sembra quasi un passaggio di consegne tra il cinema degli Anni Settanta (Buzzanca, Montagnani e Agren) e quello dei primissimi Anni Ottanta (Boldi, Poggi e Abatantuono). Buzzanca si finge povero con la sua ex moglie (Agren) per paura che lei gli chieda gli alimenti. Classica commedia degli equivoci a cui Carnimeo riesce a dare il giusto ritmo e a rendere piacevole la storia. Buzzanca protagonista assoluto e mattatore sebbene il "suo" cinema fosse finito.

Pstarvaggi 10/04/08 13:26 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

La più elegante tra le commedie di Carnimeo. S'inserisce in pieno nel filone della pochade primi Anni Ottanta (tentativo di nobilitare la settantiana commediaccia sexy): il risultato è piacevole, anche se l'impianto teatrale si fa sentire. Un Buzzanca meno rozzo del solito la fa da padrone e tra i comici di contorno solo Abatantuono riesce ad emergere. Nota di merito per Daniela Poggi, bellissima e molto spiritosa.

Plauto 4/05/08 22:54 - 119 commenti

I gusti di Plauto

Scritto da Laura Toscano & Franco Marotta (autori che hanno fatto la fortuna di tanti registi, come Neri Parenti), anticipa un po' le odierne commedie. Buzzanca infatti deve giostrarsi tra la sua moglie e la sua ex in una serie di equivoci, porte aperte e chiuse. Il rapporto di Boldi con Buzzanca assomiglia a quello che il comico troverà con Christian de Sica, con il primo carnefice e il secondo vittima (anche se Buzzanca non ha il cinismo di Christian). Una triade di belle donne (Agren, Poggi e Claudine Auger) completano un film migliore dei soliti di Buzzanca.

Ianrufus 27/08/08 20:42 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Un film del genere oggi sarebbe un titolo di punta per la Medusa, da spremere per un paio di weekend; ai tempi questa era la commedia di serie B che s'affacciava sugli spietati Anni Ottanta (spietati per Buzzanca e Montagnani che vedranno in un paio d'anni precipitare le loro quotazioni). Che dire... si ride e ci si sente meno stupidi, abituati ai Natali in India, ecc... Qui il tentativo di non cadere in volgarità gratuite c'è, l'intreccio è onesto e Buzzanca è semplicemente bravo. Boldi ed Abatantuono intanto scaldano i motori...

Markus 19/10/08 16:53 - 3254 commenti

I gusti di Markus

Commedia "sofisticata" di bassa lega, con attori in parte al canto del cigno artistico ed in parte con una carriera ancora tutta da realizzare. Il risultato non è malvagio, ma certamente, se confrontato con gli altri esemplari del sottogenere, il film ne esce con le ossa piuttosto rotte. Forse il regista Giuliano Carnimeo risente ancora dello stile commediaccia scollacciata del decennio precedente.

B. Legnani 31/07/09 23:15 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Stucchevole commedia degli equivoci, che annoia per l’eccesso di forzature alla Feydeau (quante porte che si aprono e si chiudono contemporaneamente...) e per un’ambientazione in spazi chiusi che si fa quasi claustrofobica. Buzzanca è bravissimo, benché tutto sul “già visto”, gli altri così così. Come in tantissimi film con esterni a Milano, non manca un piccolo ruolo per l’occhialuto Guido Spadea. Evitabilissimo.
MEMORABILE: La Poggi.

Mark70 30/08/11 01:59 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Onesto B-movie dei primi anni '80, con un Buzzanca diviso tra moglie ed amante ed equivoci a non finire (ma che alla fine sono un po' stucchevoli). Finale decisamente irreale. Buzzanca è bravo, tiene in piedi la baracca ed esce un po' dai suoi soliti ruoli, gli altri comprimari meno: Boldi ripete i suoi tormentoni televisivi, Abatantuono e Montagnani fanno poco più di una comparsata, mentre sul versante femminile da segnalare l'assenza delle nudità così esibite nei film dell'epoca. Tutto sommato vedibile, se non si hanno gorsse pretese.

Homesick 14/04/15 13:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Per i suoi copioni circoscritti e ripetitivi, la commedia degli equivoci può essere assai stancante; non per Carnimeo, che provvede invece ad una sceneggiatura vivacissima e infila diverse gag spassose senza mai cadere nella volgarità. Gli irrefrenabili Buzzanca e Boldi spartiscono i meriti con starlets non solo decorative (la composta Agren, la dispotica Auger e una Poggi deliziosamente oca) e con i brevi ma energici contributi di Montagnani e Abatantuono.
MEMORABILE: Lo spot della birra; Buzzanca e il bagno disastrato; Boldi che si fa la barba; «Mio marito torna subito!»; Abatantuono esattore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 19/06/09 18:04
    Consigliere - 43515 interventi
    Direttamente dalla sempre più prestigiosa Geppo collection di Germania ecco la rara fascetta vhs SSV STAR VIDEO di PRESTAMI TUA MOGLIE.

    Ultima modifica: 20/06/09 02:05 da Zender
  • Curiosità Lucius • 2/07/19 00:14
    Scrivano - 8345 interventi
    Direttamente dall'archivio cartaceo Lucius, il flano originale del film: