Pulp fiction

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

(BABY VINTAGE COLLECTION) Tarantino è un genio e non ci possono essere aggettivi più adatti per definirlo. PULP FICTION è un film violentissimo, velocissimo e zeppo di superlativi nella sua perfetta trasposizione su pellicola dell'idea che si aveva negli anni passati del “pulp”: carta di scarso valore usata per stampare storielle di poche pretese ma di forte presa popolare. Difficile quindi accusare il film di superficialità, perché proprio questa era la caratteristica principale di ogni pulp che si rispettasse. La genialità di Tarantino sta tutta nell'essere riuscito a creare un film a episodi diabolicamente intrecciati, promuovendo a protagonista il fattore temporale. Non c'è apparentemente una sequenza logica negli avvenimenti,...Leggi tutto ma alla fine ogni singolo anello ricompone la catena richiudendola senza il minimo errore. Cosìcché il film, che dura ben due ore e quaranta, fila via come un treno senza pause, divertendo senza mai scadere nella trivialità pur offrendo spaccati di vita davvero poco edificanti. Una grossa mano gli viene data da attori in stato di grazia (vedi soprattutto un “travolgente” John Travolta), ma non va dimenticato che l’intera sceneggiatura è sorprendentemente imprevedibile, con dialoghi talmente ricercati che a dire il vero sembrano poco consoni ai personaggi che li interpretano. Non c'è una sola sbavatura dall'inizio alla fine e l'ottima fotografia unita alla crudezza stilistica tipica di Tarantino consegnano definitivamente il film alla storia. E poi non dimentichiamoci una cosa: qui si ride, e di gusto anche!
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 23/02/07 22:29 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Il capolavoro che ha lanciato Quentin Tarantino nel firmamento cinematografico. Suddiviso in episodi concatenati tra loro e non in sequenza temporale, si ha l'intreccio delle vite di vari personaggi, tutti ben caratterizzati. Un cast stellare fa da contorno alla pellicola, che viene impreziosita da un John Travolta che dopo quest'interpretazione tornerà a lavorare in pianta stabile ed in grandi produzioni dopo anni di offuscamento. Grande Bruce Willis, immenso nell'episodio "Zed". Da antologia.

Caesars 16/03/07 13:45 - 2761 commenti

I gusti di Caesars

Dopo il folgorante esordio di Reservoir dogs Tarantino replica con questo "Pulp fiction", che gli porterà Palma d'oro a Cannes e imperitura notorietà. Anche se gli ho preferito il predecessore, Pulp fiction è veramente geniale. Il modo con cui tutte le storie si intersecano e si separano, riuscendo a chiudersi senza errori di sorta, è incredibile. Ancora una volta c'è tanta violenza, ma stemperata da una dose di ironia veramente notevole. Molto ma molto bello, un grande esempio di cinema.

Red Dragon 17/03/07 14:49 - 125 commenti

I gusti di Red Dragon

Dicesi capolavoro. Poco da fare per i detrattori: i gusti sono sacri e non si toccano ma questo film tecnicamente è superlativo. Cast pazzesco, musiche splendide, fotografia, montaggio e sceneggiatura senza sbavature. E poi naturalmente la ciliegina sulla torta della regia, del Tarantino consacrato con la palma dorata il quale sforna un film che rilancia un Travolta in caduta libera e che qui, invece, è da standing ovation. Il mio prediletto sarà sempre Reservoir dogs, ma Pulp Fiction è imperdibile.

Magnetti 1/04/07 23:34 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Per tutti gli appassionati di cinema questo film non può che essere un capolavoro. E' da manuale la capacità del regista di incrociare le varie storie mischiandone l'ordine temporale. Dialoghi da antologia. Citazionista alla ennesima potenza, quasi un omaggio al mondo del cinema. I personaggi, pescati dai bassifondi della mala americana, sono azzeccatissimi (Zed, Vega, l'uomo che risolve i problemi etc). Ultimo aspetto da sottolineare? Ovviamente le musiche! Da vedere e rivedere.

Puppigallo 10/05/07 14:43 - 4523 commenti

I gusti di Puppigallo

Un gioiello. Gli attori girano tutti al massimo (solo Bruce Willis è leggermente limitato dal ruolo). Immensi Travolta, la Thurman, Jackson e Keitel. Nota di merito anche per il boss nero (Marcelus). Ritmo impeccabile, musiche fantastiche, dialoghi tutti da gustare, specialmente quelli tra Jackson e Travolta, ma anche quando si inserisce Wolf, che risolve problemi, si va quasi in estasi. Perfetto l’incrocio di storie e personaggi. La prima “visita” di Travolta e Jackson è stupenda, come la scena nell’auto. Ma ce ne sono molte. Imperdibile!
MEMORABILE: Marcelus, dopo aver sparato nelle palle al suo carceriere, gli dice: "Con te non ho finito manco per il cazzo! Ho una cura medioevale per il tuo culo"

Deepred89 15/05/07 19:26 - 3306 commenti

I gusti di Deepred89

Capolavoro: senza dubbio il miglior film di Tarantino. Tutto funziona alla perfezione: la storia, congeniata in modo impeccabile, i dialoghi, brillanti e divertenti, la regia, trascinante e innovativa, il cast, eterogeneo ma mai così azzeccato, la colonna sonora, piacevole ed azzeccatissima. Il film più bello (e forse più importante) degli anni 90.

Il Gobbo 16/05/07 19:25 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

A volte i luoghi comuni sono veri, e quelli che circondano Pulp fiction lo sono. Ogni fan discuterà (anche con se stesso) sul QT preferito, ma è impossibile negare a quest'opera l'importanza e l'influenza decisive (in bene e in male, perché i seguaci delle grandi dottrine quasi mai sono all'altezza dei fondatori) su tutta la comunicazione contemporanea. Riuscire poi a coniugare tutto questo col più viscerale, irresistibile, crasso dei divertimenti è, come direbbe Jules, "Dio che interviene a deviare la pallottola".

B. Legnani 12/06/07 00:06 - 4778 commenti

I gusti di B. Legnani

Tre fasi. Grande inizio prima dei titoli. Poi noioso, fino alla fantastica battuta di Travolta (vedi sotto). Walken spacca il film a metà, perché dopo di lui comincia il grandissimo film, con lo straordinario episodio di Willis e col lungo crescendo conclusivo, semplicemente fenomenale, che inizia dopo che a Travolta è partito il colpo. Arriva Keitel (che poi se ne va con la sosia della Lewinsky), i dialoghi sono ancora prolissi, ma iper-divertenti, fino a quando Roth ha la pistola puntata in fronte e viene voglia che il film non finisca mai.
MEMORABILE: "Ora, se vuoi scusarmi, vado a casa a farmi venire un infarto".

Supervigno 10/08/07 14:10 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Film imprescindibile, non fosse altro perché alcune delle sue più celebri battute fanno ormai parte del lessico abituale. Attori in gran forma e perfettamente in parte. Sceneggiatura impareggiabile, da imparare a memoria. Colonna sonora da antologia. E, su tutto, il divertimento continuo e rinnovato, anche di fronte alle scene più truci e truculente. Indispensabile vederlo, possibilmente al cinema. Consigliabile rivederlo, ogni tanto, per cogliere qualche dettaglio sfuggito alla visione precedente.
MEMORABILE: "Eri quasi arrivato, ma non ce l'hai mai fatta. E se dovevi farcela, ce l'avresti già fatta" (Marcellus Wallace a Butch Coolidge)

Capannelle 7/12/07 10:31 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

Film giustamente entrato nella storia del cinema e nella terminologia comune. La rappresentazione della violenza è volutamente semiseria (è proprio su questo aspetto che gli avvocati italiani hanno lavorato per tramutare il VM18 in VM14 e farlo vedere in prima serata tv) e perfettamente accompagnata da musiche e dialoghi surreali. Perfino John Travolta riesce a impressionare; ma sono ottime le prestazioni di tutta la compagine, comprese quelle collaterali tipo il "ripulitore" Keitel o il boss Marcelous Wallace. Momenti memorabili a gogò.

Undying 9/12/07 18:40 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Da una storia del più interessante scrittore di "noir" contemporaneo, Roger Avary, Tarantino sforna il suo secondo film, in lista per una valanga di Oscar e non a caso. Oltre all'utilizzo d'attori d'alto rango, il giovane regista imbastisce un omaggio ai classici "pulp" sviluppati su carta stampata, inserendo situazioni inattese e prive di logica (il maniaco Zed ed il negoziante, inattesi sodomizzatori) che riescono a catalizzare l'attenzione pur essendo dilatate oltre misura. Lungo (oltre 140 minuti) diverte dal primo all'ultimo secondo.

Galbo 23/01/08 15:21 - 11446 commenti

I gusti di Galbo

Film della grande consacrazione di Tarantino, è un'opera sulla violenza che (analogamente a quanto accadeva ne Le Iene) viene estremizzata e decontestualizzata, non risultando mai fine a sé stessa, ma sempre narrativamente funzionale. Inoltre, come nella sua opera precedente, il regista compie una riuscita miscela di generi, sempre stemperati da un fine tocco ironico chiaramente percepibile nei dialoghi. Cast ottimo, con grandi prove di Travolta, Willis e Jackson.

Lovejoy 18/02/08 16:04 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Osannato da tutti, in realtà non vale quanto il precedente Le Iene. Tarantino costruisce una sceneggiatura a tratti confusa, con situazioni a tratti insostenibili (vedasi la scena della siringa), altre assurde ma divertenti (tipo quella che vede protagonisti Travolta e Jackson in macchina, dopo l'incidente, e la successiva entrata in scena del memorabile personaggio interpretato da Harvey Keitel). Nel cast menzione particolare per Jackson, una splendida Thurman, Willis e il già citato Keitel. Non un capolavoro, ma assai godibile.
MEMORABILE: L'incidente in macchina; il monologo di Lee Jackson sulla furia divina.

Homesick 17/02/08 17:31 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Epocale e ipercinefilo. Un unico film smembrato in diversi episodi esibiti sotto forma di flashbacks sincro-diacronici di kubrickiana memoria. Sceneggiatura a prova di bomba, con osmosi continua fra truculenza noir e umorismo piccante e irresistibile che la ridicolizza, rendendola più che sostenibile. La direzione degli attori è eccellente: rifulgono un insolito Travolta, Jackson e la Thurman, sebbene la classe di Keitel nello smoking del "risolviproblemi" Wolf resti impagabile. Anche le musiche fanno la loro parte.

Tromeo 25/04/08 19:15 - 52 commenti

I gusti di Tromeo

Film che ha consacrato definitivamente Quentin Tarantino come uno dei migliori registi degli Anni Novanta, è stato forse un po' sopravvalutato: in confronto alle altre pellicole dirette in seguito dal regista (ma anche all'esordio Le iene), il film, infatti, sembra un po' un esercizio di stile, programmato per generare discussioni sulla violenza e sul pulp. La fattura è ovviamente ottima, la regia splendida, il cast di lusso, ma rivedendolo con gli anni sembra un po' un film superficiale.

Pol 14/05/08 19:43 - 589 commenti

I gusti di Pol

Difficile parlarne senza risultare banali, dal momento che su questo film è stato detto e scritto di tutto. Posso solo dire che dopo numerose visioni rimane sempre un film da godere, dal primo all'ultimo fotogramma, perché se è vero che la perfezione non esiste, Tarantino ci è andato molto vicino. Insieme al precedente Le iene rappresenta quanto di meglio sia uscito al cinema negli Anni Novanta, senza dubbio. Da vedere e rivedere.

Matalo! 14/07/08 12:21 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Il film di un'epoca: dialoghi straordinari, una vera musica, un senso dell'immagine che è somma di mille altri film eppure è solo e soltanto Tarantiniano. Il regista scoperchia una pentola in piena ebollizione, gli Anni Settanta erano lì pronti ad essere riscoperti e lui riesce con questo capolavoro a sintetizzare miliardi di film, miliardi di emozioni che prova chi, come lui, il cinema se lo gode di pancia. Tra le tante altre cose è il ritratto di una contemporaneità senza gusto per il presente e assolutamente vacua. Chi, come me, ha l'età del regista capirà.
MEMORABILE: Far un massaggio ai piedi e metter la lingua nel più sacro dei suoi buchi non è lo stesso campo di gioco,non è la stessa partita,non è lo stesso sport

Pigro 2/08/08 09:02 - 7899 commenti

I gusti di Pigro

Un film da sganasciarsi dal ridere, grazie al meccanismo di entrate e uscite in perfetto ritmo-Feydeau, che scatena situazioni impreviste e irreparabili e a discorsi surreali. Non è un film violento, né profondo: niente sangue, solo succo di pomodoro in palese esaltazione della finzione esagerata (ancora teatro: il Grand Guignol). Se Le iene ci aveva portato alla soglia della tragedia, qui siamo scaraventati nel più puro meccanismo comico: complimenti a Tarantino e agli attori finti cattivi, superlativi nei loro personaggi sopra le righe.

Herrkinski 26/09/08 17:28 - 5278 commenti

I gusti di Herrkinski

Cult di Tarantino, osannato da critica e pubblico e non si può, obiettivamente, dar loro torto. Dialoghi ormai entrati nella storia del cinema, interpreti in stato di grazia (su tutti Travolta, Jackson, Willis e la Thurman), sceneggiatura e montaggio geniali. Tre storie principali che si intrecciano, in un adrenalinico turbine di fortissimo humour nero, gangster-movie, action e drammatico. Tarantino è riuscito a tirare fuori il meglio da ogni protagonista e a confezionare un film perfetto, grazie anche a un uso eccellente delle musiche.

Renato 28/09/08 11:57 - 1590 commenti

I gusti di Renato

Cinema per il cinema, puro intrattenimento ma senz'altro di gran livello. Tarantino mescola molti ingredienti e non esagera in niente, nemmeno nei torrenziali dialoghi (che anzi finiscono con l'essere il punto forte del film). Anche la violenza è rappresentata con disincanto, come se non fosse da prendere sul serio... Non si può dire che sia un film emozionante, questo no. Ma è forse il non plus ultra del divertissement anni '90.
MEMORABILE: Il battibecco tra Jackson e Travolta mentre puliscono l'interno dell'auto.

Enzus79 25/12/08 19:54 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Capolavoro del genere. Tarantino il migliore, se non il maestro, del genere. Non avevo mai visto un film del genere di questo livello. Dopo sono venuti solo copie fatte male. Questo film rimane l'esempio esatto di come si possa far cinema. Non c'è un attore che non sia all'altezza. Inutile dire quale scena sia da ricordare, potrei dimenticarne una...

Brainiac 28/12/08 12:33 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Tutto è perfezione, in questa magnifica pellicola. Capolavoro del genio Tarantino per dialoghi, scansione temporale, scelta degli attori, look, atmosfere, caratterizzazione dei personggi, scelte stilistiche, ritmo, battute memorabili. John Travolta tossicomane ai suoi massimi storici, Bruce Willis perfetto nel ruolo di pugile che la sfanga, Samuel L. Jackson terrificante nella sua divertente tiritera biblica. Applausi.
MEMORABILE: Il dialogo fra John Travolta e il suo spacciatore prima che gli eventi degenerino.

Rickblaine 3/01/09 11:17 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Capolavoro di Quentin Tarantino. Un insalatiera di scene indimenticabili ed uniche per il loro genere. Attori più che all'altezza e una colonna sonora perfetta. Sceneggiatura ottima (ha vinto l'Oscar). I personaggi sembrano volersi contendere lo scettro di protagonista, con le loro storie sadiche e curiose. John Travolta non l'ho mai visto così in forma (con quel pancione). Bruce Willis si avvicina al cinema "serio", la bellissima e dura Thurman, grandioso Keitel, Samuel L. Jackson (divino), Walken, Roth, Plummer, Rhames, ecc... ecc...
MEMORABILE: "È l'orgoglio che ti fotte il cervello e te lo ficca nel culo".

Patrick78 15/01/09 08:57 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Seconda fatica ed affermazione di un mito vivente. Tarantino stravolge le regole più classiche di narrazione cinematografica (vedi Altman), regalandoci un film che viene mandato avanti per destrutturazione. Assoluto melting pop, attraversato da dialoghi al vetriolo (basta sentire i discorsi tra Jackson e Travolta), con una serie di personaggi da sbarco sulla luna, il regista di Knoxville firma il più grande successo degli Anni Novanta e molto probabilmente la sua "condanna" nei confronti di un pubblico che da lì in poi gli ha sempre chiesto di più. Innovativo.
MEMORABILE: Chi è Zed? Zed è morto, piccola, è morto.

Tarabas 9/01/09 23:01 - 1717 commenti

I gusti di Tarabas

Dopo Le iene, Tarantino inventa un Hellzapoppin del cinema violento, parolacciaro e sanguinario. Furibondo e irresistibile, alla sua comparsa siamo rimasti stupefatti e ammirati. Niente storia, cinema di puro meccanismo, che qui è nuovissimo e perfettamente oliato, macchina strepitosa di violenza e humour nero, con personaggi e momenti entrati nella storia del cinema. Oggi sappiamo che era, fin da allora, già maniera di se stesso. Infatti, tentato (e fallito al box office) un film come Jackie Brown, Tarantino ripiega poi (definitivamente?) sul vuoto citazionismo. Zenit & nadir.

Alex75 15/12/16 09:33 - 685 commenti

I gusti di Alex75

Truculento, trucido e al tempo stesso comico, è uno dei film più sovversivi degli ultimi decenni. Tarantino abbatte con metodo convenzioni narrative e steccati tra i generi, con un intreccio a puzzle che regala un posto al sole a quasi tutti i personaggi e ai rispettivi interpreti (in particolare ci sono il sorprendente rilancio di Travolta e il decollo di Jackson e Uma Thurman) e attenua il senso di prolissità e logorroica sovrabbondanza che qua e là affiorano. Ottima colonna sonora.
MEMORABILE: I due killer ripuliti, appiedati e in tenuta da “ca**oni” (T-shirt, shorts e valigetta); Ezechiele 25, 17.

Pinoderosa 11/06/09 17:19 - 12 commenti

I gusti di Pinoderosa

Il film culto degli Anni Novanta. Un mix di noir, commedia e dramma grazie al nuovo maestro del cinema Quentin Tarantino. Il grande ritorno di John Travolta oltre ad uno strepitoso Harvey Keitel nella parte del risolvi-problemi Wolf, completato dagli altrettanto eccezionali Uma Thurman, Bruce Willis, Tim Roth etc. L'originalita di Tarantino la si coglie in situazioni drammatiche, che però vengono prese sempre non troppo sul serio (il caso di Wolf, o dell'iniezione di adrenalina ad Uma Thurman etc.) Super!
MEMORABILE: "Mi chiamo Wolf: risolvo problemi".

Fabbiu 9/11/09 20:19 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Quanto cinema in questo perfetto capolavoro pulp. Il film ha una lunghezza considerevole che non pesa minimamente sulla visione grazie ad una raffica di loquacità verbali (in realtà si parla persino di cani e porci) di un cast sorprendente: il rispolverato Travolta si prende la scena maggiore, ma altrettanto godibile è Bruce Willis nell'episodio (a mio parere) più divertente. Perchè nonostante la quantità di frattaglie e malavita, questo è un film che diverte, prende e fa ridere! Il divertimento è nella genialità del tutto, anche degli incastri.
MEMORABILE: Bruce Willis ha solo l'indecisione di che arma usare per soccorrere un nemico. Il signor Wolf "non è il momento di farci pompini a vicenda".

Mtine 14/12/09 13:05 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Decisamente uno dei più bei film degli ultimi 15 anni, in cui il regista fa una specie di sunto del suo modo di vedere il mondo. Un mondo violento, ricco di personaggi a tratti ambigui e inumani. Molto interessante la regia, anche se un po' prolisso il film, in generale. Due ore e mezza non sono infatti consone ad un film del genere, anche se, con la sua genialtà, Tarantino riesce a farne un film piacevole, per così dire. Geniale la scelta di unire una serie di storie tutte legate fra loro ma indipendenti.
MEMORABILE: I titoli di testa, l'episodio "A colazione", Uma Thurman e John Travolta che ballano.

Greymouser 29/03/10 12:10 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Capolavoro innovativo, unico e irripetibile di un Tarantino ai massimi vertici del suo talento. Qui gli elementi che erano già in gestazione ne Le iene lievitano e si esprimono in maniaera lucida, autorevole e matura. Abbiamo storie e frammenti di storie che si incastrano alla fine a formare un mosaico completo: impossibile descrivere a parole la suggestione che ne deriva. Del resto qui si rifugge da ogni verbalismo e perfino i dialoghi sono funzionali alla visione. Anche le prove degli attori sono al di sopra dei loro consueti livelli.

Luchi78 13/05/10 21:01 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Il cinema è fatto di punti di riferimento e questo film lo è. Tarantino mette nel calderone le sue grandi passioni, dai b-movie anni 70 alle musiche d'atmosfera ai dialoghi surreali e violenti e ne esce un capolavoro. Non mette su una trama complicata, ma la crea "sfasandola" in episodi e poi crea dei personaggi cult come se niente fosse, dai protagonisti principali ai comprimari (anzi probabilmente comprimari in questo film non ne esistono). Da scoprire anche in lingua originale.
MEMORABILE: Troppi. Ma la scena della siringa d'adrenalina? Geniale...

Cangaceiro 20/05/10 17:40 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Incassati gli inni celestiali post-Le iene Tarantino, godendo stavolta di un budget miliardario, firma il suo film simbolo. Baciato in fronte da Dio partorisce una sceneggiatura geniale e strabiliante ma soprattutto costruisce una schiera di personaggi caratterizzati in modo eccellente, ognuno di loro avrebbe meritato un'intera pellicola ad hoc. Quel quid in più lo dà ancora la cronologia sfalsata dei vari segmenti. Troppo contemplativo in alcuni punti, un po' di aria fritta nei memorabili dialoghi (Jackson esagera), per il resto un'opera superba.
MEMORABILE: Tutto l'episodio con l'ottimo Bruce Willis; Rhames sodomizzato; Keitel chiede a Tarantino una tazza del suo buon caffè.

Darkknight 1/08/10 11:08 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Un film il cui successo rimarrà un’incognita. Tutta ‘sta montagna di stile con cui Tarantino riscatterebbe la banalità di fondo non la vedo. Anzi, sembra che per diventare un regista di successo basti prendere storielle scialbe, frullarle con dialoghi tra volgarità e citazioni pop-cinefile, copiare tutti gli stili per illudere d’averne uno proprio, ed accumulare suspense verso un climax che non arriva mai. L’intreccio è abile, le musiche sono ben scelte, ma questo non basta certo a fare di Pulp Fiction un capolavoro, né di Tarantino un autore.
MEMORABILE: Thurman e Travolta che ballano il twist.

Nando 21/07/10 00:34 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Un intreccio tarantiniano di alto livello con personaggi prima ammazzati e poi di nuovo alla ribalta, un cast di assoluto livello per un film di grande impatto narrativo e non solo. Belle scene di violenza concatenate con ironia acuta e fuori dagli schemi cinematografici classici. Alcuni frammenti hanno fatto storia e Travolta ha avuto la possibilità di tornare in auge.

Ilcassiere 3/08/10 14:58 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Coraggioso, originale e soprattutto imprevedibile. Pulp fiction, un po' noir un po' pulp, è un vero capolavoro! Diretto da un grandissimo Tarantino, che ha svolto il suo compito in modo perfetto, ci regala un "rinato" e semplicemente magnifico John Travolta, una splendida e misteriosa Uma Thurman, dialoghi taglienti, una splendida colonna sonora e un sacco di risate. In sintesi: 2h e mezza memorabili.

Paruzzo 11/08/10 23:10 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Capolavoro: Tarantino mescola tra di loro diversi generi e ciò che ne esce è un miscuglio omogeneo al cento per cento. Non è possibile trovare un protagonista perché tutti i personaggi sono protagonisti a loro modo. Dialoghi memorabili, cast composto da attori perfetti per il loro ruolo e diverse trovate geniali. I capolavori per me sono pochi e Pulp Fiction è uno di questi.
MEMORABILE: Travolta: "Secondo me ora è meglio andarsene". Jackson: "Sì, mi pare una buona idea".

Il Dandi 18/10/10 16:29 - 1842 commenti

I gusti di Il Dandi

Tarantino è paragonabile solo, che so, a Bob Dylan: a loro è concesso tutto, ma la loro influenza sugli altri è stata terribile: e se negli anni '60 tutti si sono sentiti in diritto/dovere di riempire le canzoni con fiumi di parole, così per tutti gli anni '90 ci siamo dovuti sorbire commedie finto-alternative basate su chiacchierate interminabili e sulla trovata di episodi frammentari destinati a ricomporsi in ordine cronologico sparso. Detto questo, il film è Tarantino tout court e resta il capolavoro assoluto che è.
MEMORABILE: La gara di Twist; "Cazzo non mi morire, Mia!;... "ed ora, giovanotto, consegno a te l'orologio!"; Ezechiele, 25, 17...

Pinhead80 16/10/10 21:01 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Questo è uno di quei film che ti rimangono appiccicati addosso per tutta la vita. Una serie di personaggi e di storie strampalate si intersecano tra di loro con dinamica, humor nerissimo e tanta violenza. Gli attori sono un tutt'uno con i ruoli che devono interpretare. Rispetto ai film che Tarantino farà in futuro, da premiare anche per l'originalità. Le cose belle da elencare sono infinite. Un film assolutamente perfetto.
MEMORABILE: Il ballo tra Travolta e la Thurman. Ogni scena in cui è presente Samuel L. Jackson.

Saintgifts 18/10/10 15:48 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Sono d'accordo con tutti quelli che definiscono questo capolavoro un film comico. È una comicità particolare, di certo si ride dall'inizio alla fine e quando non si ride si è comunque in uno stato di sovraeccitazione che spinge a vedere con ansia il nuovo fotogramma e si perde la sensazione del passar del tempo. Farei prima a dire i difetti che non le tante qualità, ma difetti non ne trovo. Dirò che la fotografia mi ha stregato e la sceneggiatura non dà respiro. Tutto il resto è all'altezza. Come raccontare cose truculente (pulp) con arte.

Ford 30/01/11 21:00 - 582 commenti

I gusti di Ford

Troppo facile essere banali qui; potrei solo dire che il giochino degli stravolgimenti temporali l'ho trovato più interessante nel Tarantino precedente e in quello successivo, ma questo film rimane comunque il manifesto di una poetica pulp che applica i meccanismi comici alla violenza (anche sessuale) più gratuita ed efferata.

Belfagor 3/02/11 12:31 - 2626 commenti

I gusti di Belfagor

Ovvero come smontare e ricomporre il genere noir. Nella scatola dei Lego di Tarantino ci sono gangster idiosincratici, femme fatales, rapine, pistole di Cechov, trame spezzate e ricomposte, musiche da antologia e lui mescola tutto. Esagera in tutto e sa come farlo bene. Un film i cui difetti (la prolissità di Jackson, il costante bisogno di essere sopra le righe, la sostanziale assurdità) possono diventare pregi sotto la giusta luce. Completamento e superamento de Le iene, ha ridefinito le regole e vanta innumerevoli tentativi d'imitazione.
MEMORABILE: Uma Thurman che consiglia a John Travolta di "non essere troppo..." e disegna il "quadrato"; "Devo pugnalarla tre volte?"

Jcvd 19/02/11 22:58 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Un capolavoro! Non esistono altri termini per definire il film in questione, partorito da un Quentin Tarantino in stato di grazia e con un cast di elevatissimo livello. Praticamente tutti i personaggi e tutti gli episodi sono perfettamente incastrati tra loro, indimenticabili. Magnifico Samuel L. Jackson e il famoso balletto tra la Thurman e Travolta. Dieci e lode!
MEMORABILE: Samuel Jackson che recita la Bibbia. Il dialogo iniziale sul sesso orale.

Piero68 14/03/11 13:37 - 2780 commenti

I gusti di Piero68

Tarantino bissa e supera il successo del precedente Le iene. Con una sceneggiatura a più ampio respiro, si reinventa un genere lavorando sui dialoghi e sul montaggio. Non è però solo bravo nella regia o nella sceneggiatura; sa essere un ottimo motivatore riuscendo a tirare sempre fuori dagli attori una sorta di stato di grazia. Willis, Travolta, Jackson. Tutti ad altissimi livelli. Per non parlare delle seconde linee come Walken, impeccabile nel suo cameo. Insomma, in questo caso, anche per i detrattori è difficile trovare difetti.

Cotola 29/03/11 23:40 - 7603 commenti

I gusti di Cotola

La conferma (ce ne saranno altre) che Tarantino sa scrivere e dirigere molto bene, usando non sempre materiale di “prima scelta” (ciò accadrà soprattutto altrove). Qui è riuscito a creare un magnifico puzzle i cui pezzi alla fine si incastreranno alla perfezione l’uno nell’altro. Ciò che è notevole in questa ed in altre sue opere è però che il regista riesca a coinvolgere lo spettatore non solo attraverso gli avvenimenti ma anzi, forse soprattutto, attraverso i dialoghi. Così la verbosità, che per altri sarebbe un difetto, con lui diventa una qualità o ancor di più, un marchio di fabbrica.

Lucius 5/04/11 00:59 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

La forza di questa pellicola sta principalmente nella regia di classe e in una sceneggiatura di altissimo livello. Idem per i dialoghi e per l'interpretazione del cast. È la violenza la protagonista, con le vite dannate che popolano il sottobosco delle metropoli, la violenza che annichilisce, chi ne fa ragion di vita, chi vive per essa. Azzeccata la colonna sonora e curioso e riuscito l'intreccio temporale. Un capolavoro tanto pulp e poco fiction.

Nancy 11/09/11 03:52 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Imperdibile capolavoro di Tarantino, che ci garantisce due ore e mezza di intrattenimento di ottima qualità, fra noir e commedia. Sceneggiatura impeccabile e inarrestabile, anche se godibilissima; il regista riesce a stravolgere e ricostruire l'intreccio in maniera chiara, senza confondere troppo lo spettatore. Episodi appassionanti farciti di personaggi innovativi e recitati oltretutto ottimamente, si noti fra tutti Samuel Lee Jackson, secondo chi scrive al suo top di sempre. Ha rinnovato la produzione di tutti gli anni 90.
MEMORABILE: Le visite al bagno di Travolta, che ogni volta sanciscono un giro di boa della storia; il mitico twist Mia-Vega; l'episodio in cui recita Tarantino.

124c 1/12/11 12:20 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Dopo Le iene, Quentin Tarantino gira Pulp fiction mettendo su un nutrito cast di star e comprimari. Montata in maniera sconclusionata, ma originale, la pellicola riesce a regalarci una carrellata di personaggi indimenticabili, che pontificano monologhi che molti spettatori hanno imparato a memoria. Ma anche le azioni e le situazioni surreali non mancano. Non solo. Con questo film, John Travolta viene rilanciato alla grande e si scopre Samuel L. Jackson, fino ad allora caratterista di poco conto. Uma Thurman indimenticabile dark lady. Ottimo.
MEMORABILE: La gag della macchina, dove John Travolta/Vince Vega spara, per sbaglio, all'uomo che sta dietro, schizzando il vetro posteriore di sangue.

Ryo 26/01/12 12:15 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Cosa dire di questo film che non è stato già detto? Sarebbe come commentare la musica dei Led Zeppelin... Semplicemente, non ha difetti. Il cast è di prim'ordine, la regia perfetta. La sceneggiatura strutturata in maniera innovativa con salti temporali, colpi di scena, situazioni inaspettate... lascia di stucco alla prima visione. Le successive sono ancora meglio.
MEMORABILE: Uma Thurman in overdose; Il risolutore di "situazioni"; Il personaggio di Bruce Willis; Il passo della bibbia letto da Jackson.

Didda23 3/02/12 00:34 - 2297 commenti

I gusti di Didda23

Se stilisticamente Tarantino ha fatto molto di meglio in futuro, non si può dire la stessa cosa della sceneggiatura, che risulta perfetta: ogni tassello ritorna magicamente al proprio posto come in ogni puzzle che si rispetti. Senza alcun dubbio i dialoghi, geniali e appassionanti, sono fra i migliori mai scritti nella storia del cinema. Peccato per qualche tempo morto, specie nella parte centrale. Nonostante abbia rivoluzionato il cinema, l'ho trovato un filino sopravvalutato: meglio sia Le iene che Bastardi senza gloria.

Mcfly87 27/02/12 17:13 - 75 commenti

I gusti di Mcfly87

Ennesima prova brillante di Tarantino: il suo è un film nel film, veniamo catapultati continuamente di situazione in situazione innamorandoci di volta in volta di personaggi straordinari che reggerebbero da soli un film (toccando l'apice nel Sig. Risolvi problemi e nel Walken custode dell'orologio d'oro). Il montaggio in capitoli (che rivedremo in Kill Bill), oltre a rendere il film godibile senza stancare, riesce diabolicamente a chiudere le intricate trame in un puzzle perfetto. Cast eccezionale; altro che storielle pulp; puro genio!
MEMORABILE: Ezechiele 25.17

Jandileida 26/03/12 16:19 - 1274 commenti

I gusti di Jandileida

Visto, rivisto e stravisto, con il sole e con la pioggia, in inglese e in italiano, a 13 e 28 anni: il risultato non cambia, amore allo stato puro. Pulp Fiction rimane il film che mi ha cresciuto e grazie al quale ho imparato ad amare il cinema di genere. Incastro magistrale di storie popolate di personaggi che passeggiano con grazia tra la realtà ed il mito, esplosione di una regia ipercitazionista ma pura e capace di regalare momenti di puro godimento allo spettatore, dialoghi al limite della perfezione e colonna sonora curatissima. Sublime capolavoro.
MEMORABILE: Il massaggio ai piedi; L'orologio; Harvey Keitel.

T.garufi 25/04/12 00:40 - 17 commenti

I gusti di T.garufi

Tarantino e il montaggio. Quattro storie che si intersecano in maniera stravolgente. Sangue sparso nella pellicola come un fiume in piena. Violento e crudo, battute dei personaggi curate. Mitica interpretazione di Wolf, lo sbriga faccende elegante (ricorda tanto la politica odierna)...
MEMORABILE: "Mi chiamo Wolf: risolvo problemi".

Edecubo 9/05/12 06:06 - 49 commenti

I gusti di Edecubo

Capolavoro di Tarantino che con questo film sancisce definitivamente il concetto di pulp al cinema. Sono rimasto sorpreso dalla metrica del film: anche se sembra a episodi riesci a capire il sottile filo conduttore della trama. Ottimo cast, soprattutto Travolta nei panni di Vincent Vega. Da vedere assolutamente, è di sicuro uno dei migliori film del secolo.

Paulaster 24/12/12 02:02 - 2861 commenti

I gusti di Paulaster

Come scomporre un film in un frappè da 5 dollari e sentirne il gusto ad ogni sorso. Sceneggiatura da marziano che, con un durata abbondante, tracima idee, violenza e humour nero in un vortice. Eccellenti prove degli attori, dove il mio plauso personale va a Jackson. Colonna sonora di valore, basata su ritmi blues decadenti. Si nota che ha preso a mani basse idee registiche e stilistiche, ma per il senso del film non se ne fa una colpa. L'insieme di scene cult è un suo merito e ad ogni visione si impreziosisce il contributo.
MEMORABILE: Il nome Butch; Buonanotte Rachele; Il dialogo Marcellus e Butch; Il dialogo sui massaggi ai piedi; Wolf.

Rambo90 17/01/13 00:36 - 6425 commenti

I gusti di Rambo90

Un film ormai iconico: ricco di momenti memorabili, con una colonna sonora curatissima e mai inserita a sproposito, recitazioni ottime e indimenticabili da parte di tutto il cast (con punte di eccellenza in Travolta, Jackson e Willis), personaggi entrati nel mito e dialoghi pieni di frasi e scambi di battute brillanti. Un capolavoro.

Liv 30/05/13 17:13 - 237 commenti

I gusti di Liv

Lo vidi in VHS, quando uscì in questo formato e lo trovai truculento e prolisso: segno che non avevo capito lo spirito del film. L'ho rivisto ora e mi ci sono divertito molto. Dà una specie di assuefazione e per questo non sembra lungo, anzi alla fine uno vorrebbe vedere ancora qualcosa. Un po' come un beverone americano: uno ci prende gusto e trangugia fino alla fine il liquido, che professionisti sofisticati hanno confezionato con la massima attenzione e che propongono in tutta disinvoltura.

Fauno 4/07/13 09:31 - 1934 commenti

I gusti di Fauno

Pulp fiction aka absolute exploitation aka aria fritta aka pericoloso trend installatosi su di noi negli ultimi 24 anni e che ne domina ancora tanti aka asserzione di essere a tutti i costi speciale senza tenere manco il fatidico pugno di mosche aka volontà perversa di provare di tutto pur di credere alla barzelletta di vivere al massimo. Strumenti usati: cervello disconnesso in toto, scempio del proprio corpo, sbroccate maniacali, elucubrazioni che rendono schifoso ciò che una volta era sublime, arte lounge (unico elemento positivo). Il tutto girato superbamente e con rare doti di veggenza sulla durata del trend.
MEMORABILE: Fantastici i discorsi della Thurman sul silenzio fra due e sugli uomini che son peggio del circolo del cucito. Talmente vero da far rabbrividire.

Dfranco74 30/05/14 00:15 - 10 commenti

I gusti di Dfranco74

Pulp fiction è il film per definizione. Un capolavoro indiscutibile: dialoghi mai banali, scene memorabili, attori divini con uno dei più grandi cast di sempre. È uno spaccato degli anni 90 dove i vari capitoli ritornano, si incastrano, raccontano e si completano con grande maestria. Un film che ha creato un genere e fatto tendenza ergendosi a modello cui tenderanno molte produzioni successive. Geniale!
MEMORABILE: Solo scrivendola in inglese se ne capisce il vero senso: "who chopper is this?" "Zed". "Who's Zed?" "Zed is dead"; La verità è che tu sei il debole e io...

Toporosso 21/03/14 09:55 - 77 commenti

I gusti di Toporosso

Non dimostra certo i suoi 20 anni quest'opera che ha consacrato Tarantino quale regista e autore di vaglia. Ancora fresca, spumeggiante nel ritmo e affascinante nei dialoghi intrisi di black humor. La struttura circolare e impeccabile della sceneggiatura, l'intreccio sapiente delle varie trame, l'interpretazione magistrale di un cast più che azzeccato, con un Harvey Keitel una spanna sopra gli altri, ne fanno capolavoro evergreen. Invidia per chi deve ancora scoprirlo!

Ugopiazza 1/07/14 14:31 - 118 commenti

I gusti di Ugopiazza

Signore e signori, Quentin Tarantino. Ho visto questo film una ventina di volte, ma lo rivedrei anche subito; il fatto è che guardandolo non si ha la sensazione di guardare un semplice film, ma un'opera divina guidata direttamente dal dito di Dio. Ogni inquadratura, ogni movimento di macchina, ogni attore supera la perfezione, ogni dialogo ti spiazza e ti resta dentro per tutta la vita, spedendo il regista californiano di diritto nell'Olimpo dei geni indiscussi della settima arte. A mio avviso il più grande film della storia del cinema.
MEMORABILE: Ezechiele 25: 17; La gara di ballo; La scelta dell'arma; Mr. Wolf.

Stelio 18/06/14 20:31 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Eccellente esempio di sceneggiatura e di regia. Ironico, efficace, ben recitato e girato ancora meglio, Pulp Fiction dà inizio all'epopea tarantiniana per il grande pubblico (il vero inizio risale a Le iene). Il livello di scrittura è sicuramente ciò che impressiona di più del film, la forza dei dialoghi è tale da rendere interessanti disquisizioni su pancetta di maiale, maionese e perfino massaggi ai piedi. Facendo gli esempi più terra terra, l'opera è un dialogo continuo, sempre efficace. In un certo senso rivoluzionario.
MEMORABILE: "Lì sai di aver trovato qualcuno davvero speciale. Quando puoi chiudere quella cazzo di bocca per 5 secondi e goderti il silenzio in santa pace".

Jep21 3/07/14 09:29 - 31 commenti

I gusti di Jep21

Capolavoro, non trovo altre definizioni più adatte: ha creato un vero genere ridefinito ed elevato il concetto di film a episodi a un livello estremo, storie che sembrano disgiunte ma con un sottile filo conduttore, battute che sono diventate dei cult, attori perfetti nei ruoli e in grande forma, su tutti un ritrovato John Travolta meravigliosamente autoironico. Le storie narrate sono tutte originali, emozionanti e comiche, tanto che il film corre via veloce e non ti accorgi della sua durata! Da vedere e rivedere, anche dopo 20 anni sembra nuovo!

Ultimo 14/09/14 17:33 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Siamo di fronte al capolavoro assoluto di Tarantino: regia perfetta, cast eccezionale, trama intrecciata (come nel precedente Le iene). Il film è un susseguirsi di scene d'azione con una dose di sangue e violenza fuori dal comune, vero marchio di fabbrica del regista americano. Da segnalare un Samuel Lee Jackson in forma smagliante (doppiato da Luca Ward) e un John Travolta che dopo un periodo oscuro torna ai vecchi fasti. Nulla è dato per scontato e nonostante molte cose non si capiscano, alla fine tutto torna, come in un puzzle perfetto.
MEMORABILE: Jackson recita "Ezechiele 25.17".

Rigoletto 26/01/15 17:06 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Pulp fiction ovvero l'essenza stessa di Tarantino, con pregi, difetti, eccessi; e Tarantino è il classico regista che si ama o si odia, ma la cui originalità è sempre graffiante. Siamo a livelli di capolavoro, anche per il solo piacere della visione. Grandissimo cast, utilizzato in maniera non convenzionale ma giustificabile solo dalla struttura episodica. Il migliore in campo è Jackson, assoutamente miracoloso nella sua verve, seguito a ruota da Keitel (che avrebbe meritato maggior spazio, così come Walken) e Travolta. Super promozione.
MEMORABILE: Il cameo di Tarantino.

Jdelarge 25/03/15 17:44 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Alla base del film c'è una padronanza registica fuori dal comune: Tarantino sa esattamente come girare e utilizza il mezzo della parola come se fosse stato lui stesso a crearla. La capacità di tenere incollato al film lo spettatore nonostante (o forse proprio perché) si parla di cose completamente futili è una dote fuori dal comune, e così Tarantino introduce lo spettatore in maniera completamente naturale all'interno di vicende tutt'altro che ordinarie. Cast in stato di grazia e Travolta fantasmagorico. Capolavoro.

Victorvega 19/05/15 22:39 - 308 commenti

I gusti di Victorvega

Uno sviluppo narrativo costituito da una serie di scene montate in ordine non cronologico sorrette da grandi attori e da un'ottima sceneggiatura in cui tutto torna. Un procedere fumettistico in cui la tanta violenza è presentata in chiave ironica e perciò diluita nelle sue connotazioni drammatiche. Il punto di forza sono i dialoghi super, che rendono naturale e fanno apparire lo sviluppo drammatico inevitabile e naturale. Grande cinema!
MEMORABILE: Jules e Vincent dall'auto a parlare di hamburger fin nell'appartamento a regolare i conti; Dallo scoppio della testa alla colazione.

Disorder 21/05/15 13:51 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Se si eccettua il lungo episodio iniziale con la Thurman (noioso e a conti fatti inutile ai fini della trama), il film è un vero capolavoro di regia, sceneggiatura, recitazione e musiche. Travolta e Jackson paiono in irripetibile stato di grazia e insieme formano una delle coppie più memorabili della storia del cinema. Notevolissimi comunque anche Roth e Willis, per non parlare di Rhames (l'indimenticabile gangster Marsellus). Quasi tutti i dialoghi sono memorabili e le scene cult si sprecano. Da vedere almeno una volta.
MEMORABILE: "Stai bene?" "No amico. Mai stato così lontano dallo stare bene".

Lou 9/10/15 23:07 - 981 commenti

I gusti di Lou

Una svolta nella storia del cinema. Innanzitutto per lo stile, perché un approccio così sorprendentemente curato nel narrare assurde vicende pulp/trash di violenza efferata non si era mai visto. Poi la perfetta gestione temporale di diverse storie intrecciate, come tanti film che alla fine risultano perfettamente concatenati. Infine il cast, eccezionale: su tutti la straordinaria interpretazione di Vincent da parte del recuperato John Travolta, che nel duetto con Mia/Uma Thurman dà vita a un episodio di cinema indimenticabile. Capolavoro.

Il ferrini 4/12/15 14:15 - 1728 commenti

I gusti di Il ferrini

Tarantino può essere riassunto in queste due ore e mezza di spettacolo puro, in cui le risate sono direttamente proporzionali alla quantità di sangue mostrata. Un vero miracolo al quale ha contribuito non poco anche un cast particolarmente ispirato, con menzione particolare per Harvey "Mr. White" Keitel nel ruolo del serafico risolvi-problemi Wolf e soprattutto Sam Jackson, che in seguito riuscirà a eguagliarsi solo nei panni di Ordell. Semplicemente un film perfetto.
MEMORABILE: Ezechiele 25: 17; L'orologio d'oro; Il massaggio ai piedi; L'iniezione a Mia; Mr. Wolf; La tortura di Marsellus.

Scarlett 13/01/16 16:28 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Non necessaria sarebbe una nuova menzione alla genialità di Tarantino, che con questo pezzo viene assurto nell'olimpo dei geni della cinematografia contemporanea. Un film che ogni volta che si rivede ci cogli un dettaglio in più, personaggi indimenticabili e a trecentosessanta gradi. Una vera e propria perla, nel suo genere. Assolutamente inaccettabile non vederlo.

Trivex 11/02/16 10:29 - 1505 commenti

I gusti di Trivex

Benchmark assoluto per un certo tipo di cinema, se non vogliamo credere che questa sia una pellicola unica e irripetibile. Non ho una risposta certa, perché di film ne sono stati fatti troppi e tanti ne faranno ed è difficile prendere una posizione assoluta. La prima volta rimasi interdetto dallo spettacolo, forse perché non lo avevo capito fino in fondo. Poi, col susseguirsi delle visioni e fino a quest'ultima, la mente si è fatta sempre più lucida e non è stato difficile elaborare la considerazione che siamo di fronte a un capolavoro assoluto della cinematografia.

Myvincent 5/07/16 23:58 - 2602 commenti

I gusti di Myvincent

Inaugura il termine "pulp" e punta verso il leggendario questo cult anni '90 che annovera una parata di stelle, sparse in vari episodi separati, che poi chiudono il cerchio ritornando al punto di partenza. Nonostante il frastuono di esaltazione lo accompagni, vi aleggia piuttosto un clima fra il pretestuoso e il presuntuoso che si sposa bene a un'ironia che è pallida sorella del cinico humor nero (che qui manco a sperare). Per fortuna troviamo un John Travolta che magnetizza col suo accattivante sorriso. Sopravvalutato.

Taxius 22/10/16 13:05 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un film diviso in diversi episodi che si ricollegano l'uno con l'altro senza seguire però una linea temporale. Possiamo ammettere senza problemi che sia uno dei cinque migliori film degli anni 90, capace di mescolare scene violente a battute divertentissime. Puro stile tarantiniano con una miriade di dialoghi e sparatorie. Cast favoloso. Capolavoro.

Redeyes 21/02/17 08:08 - 2160 commenti

I gusti di Redeyes

Il nostro dopo l'exploit delle Iene confezione il suo film perfetto. Pulp fiction è il bilanciamento nell'eccedenza dialettica, il pacifico relax della violenza imperante, è un disarmante polpettone di scene montate apparentemente senza criterio; è un capolavoro, diciamocelo. Una di quelle pellicole che non puoi non conoscere a memoria e amare in ogni sua scena. Perfetto.
MEMORABILE: Zed; Mr Wolf; La citazione di Ezechiele di Winnfield.

Gippal 20/04/17 16:16 - 89 commenti

I gusti di Gippal

Un film che raglia, per rimanere, per affermarsi. E ci è riuscito alla grande, formando un'intera tribù di registi e scrittori, sfornando scene che rimarranno nella storia del cinema. Il film è meno forte, meno crudele, meno intenso di quanto si potrebbe pensare; ma è una cosa voluta, tra dialoghi comici, surreali e temi abbastanza frivoli. D'altronde, lo dice lo stesso nome, è pulp.

Magi94 5/11/17 21:52 - 701 commenti

I gusti di Magi94

Considero Tarantino (forse insieme ai fratelli Coen) il più talentuoso e sincero dei registi della Hollywood attuale. Eppure devo anche ammettere che una parte considerevole del suo stile non mi piace affatto: il suo umorismo non mi fa ridere, i suoi famosi dialoghi non mi divertono (già mi parevano la parte debole de Le iene) e la sua impronta pulp la trovo solo fastidiosa. Ed è così che confesso che non amo questo film, fondato tutto su di questo, anzi mi annoia nell'oceanica durata. Un po' in imbarazzo, rifilo un due pallini.

Beffardo57 21/01/18 08:19 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Straordinario godimento per lo spettatore, cinema allo stato puro, che si alimenta di continui riferimenti al cinema stesso. Insomma, tutto l'opposto di "ispirato a una storia vera". Qui una concatenazione circolare di storie raccontate con grande felicità narrativa e un feroce humor nero. Servito da interpreti eccezionali, il film rappresenta forse il vertice mai più raggiunto della carriera di Tarantino, che in seguito tenderà a replicare la formula senza eguagliare il risultato.

Minitina80 10/04/18 15:59 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

L’esaltazione del superfluo e dell’imprevedibilità. In fondo si tratta di storielle prive di grande significato rese interessanti dall’abilità di Tarantino di raccontarle nel modo giusto. Decontestualizzando i dialoghi si ha la conferma di quanto l’opera viva del lato estetico e del carisma degli interpreti principali, ognuno dei quali molto ben calato in parte. Un contributo determinante arriva dal montaggio che ha il merito di conferire una visione d’insieme dal senso compiuto. Un film personale e difficile da imitare.

Festo! 11/09/18 11:18 - 78 commenti

I gusti di Festo!

La colonna sonora è buona, come la fotografia; la regia è sicura e meticolosa; le prove degli attori ottime e mantenute da un degno doppiaggio. Sarà forse l'eccessiva lunghezza, sarà il fatto che nessuna delle vicende mi ha divertito, il film pare molto "pesante" e non dice assolutamente nulla, come del resto i vari dialoghi, abbastanza insipidi. Annoia. Detto questo, malgrado sia una pellicola molto, ma molto sopravvalutata, almeno un'occhiata è d'obbligo...
MEMORABILE: Il dialogo sulla persona caduta dal quarto piano, prima del twist…

Josephtura 6/11/18 15:28 - 158 commenti

I gusti di Josephtura

Passati 25 anni rimane un film straordinario. Se fosse musica si potrebbe parlare di una jam-session. Un film psichedelico in cui le storie si perdono e si riprendono in una serie quasi innumerevole di fantastici flash. Personaggi dipinti in modo fantastico. Un capolavoro. Mulholland drive di Linch, anche se con ritmi opposti, gli è debitore per questo intrecciarsi di storie con Los Angeles sullo sfondo
MEMORABILE: L'inizio; La fine; Travolta; Mr Wolf.

Striscia 16/02/19 16:27 - 16 commenti

I gusti di Striscia

Un film costruito come mai nessuno prima o quasi. Tarantino crea una sorta di gangster movie unico nel suo genere tra personaggi grotteschi, vicende straordinarie, ma soprattutto dialoghi ormai diventati storia del cinema. Tarantino ci mostra di che cosa parlano due gangster che stanno andando a fare un'esecuzione, un signor risolviproblemi che si presenta in smoking alle 8 del mattino, un pugile gretto e rozzo che diventa un agnellino di fronte alla sua donna. La trama, frammentata e rimescolata, caratterizza una nuova idea di cinema. Unico!
MEMORABILE: L'espressione felice di Jimmy quando Wolf dimostra apprezzamento per il caffè; Mia che rivedendo Vincent dice "Non ti ho mai ringraziato per la cena!"

Salma 29/04/19 10:42 - 12 commenti

I gusti di Salma

Film che ha consacrato il regista Quentin Tarantino che pur aveva già diretto l'ottimo Le iene. Ormai diventato un cult da avere nella propria videoteca personale: è come avere più film dentro a un film. Un filo conduttore comune e una miscela esplosiva di battute nonché un po' di sano splatter ne han fatto un capostipite del genere da prendere come esempio.

Markus 26/12/19 11:56 - 3327 commenti

I gusti di Markus

Un cocktail di violenza, morte, cinismo e supereroi metropolitani con gli ingredienti dosati al punto giusto. A pensarci bene le vicende raccontate - nella formula degli episodi - non sono poi così importanti, in quanto lo spettatore del 1994 poteva lasciarsi condurre con gran divertimento da questi stralunati personaggi e dalle loro brutali vicende. E' un film che, nonostante abbia creato una strada poi percorsa da molti e replicata dallo stesso regista, rivisto oggi riesce ancora a suscitare emozione. Non è da tutti essere cult.

Rocchiola 20/02/20 10:19 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

Il capolavoro insuperato di Tarantino. Attorno alle vicende di un gangster che deve scarrozzare la pupa del boss, di un pugile in fuga da un incontro truccato e di due killer afflitti da dubbi esistenziali, si sviluppa una sorta di antologia pulp-noir in cui si incrociano un’infinità di personaggi ed eventi. A colpire è soprattutto la violazione dei codici narrativi tradizionali, con un’irrequieta scansione spazio-temporale in cui ogni tassello alla fine si incastra come in un perfetto puzzle. Cast incredibile che avrebbe meritato un premio collettivo.
MEMORABILE: “Ezechiele, 25: 17”; La gara di ballo; L’iniezione di adrenalina; L’orologio di Butch; Nello scantinato del negozio di Maynard e Zed; Mr. Wolf.

Bruce 1/05/20 22:51 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Alla sua seconda prova da regista e sceneggiatore Tarantino sforna un capolavoro nel quale la miscela tra violenza, ironia, tensione e originalità di scrittura raggiunge la perfezione. Una di quelle pellicole che appena finite si ha voglia di rivedere, talmente esplosivo e riuscito è l'intreccio tra le storie raccontate e tanto sono efficaci, intensi e anche divertenti i dialoghi tra i protagonisti. Attori strepitosi, tutti all'apice della forma: difficile scegliere tra Lee Jackson, Travolta, Uma Thurman, Keitel, Roth e Willis. Spettacolo!

Camibella 7/05/20 22:25 - 172 commenti

I gusti di Camibella

Tre episodi che si rincorrono e si intrecciano tra loro tra dialoghi irriverenti, aneddoti comici e battute spesso senza nesso con la storia. Tarantino è così, prendere o lasciare, ma questa volta il suo film semina per strada più di un dubbio: è un indiscusso capolavoro o un insipido polpettone? La verità sta nel mezzo, se è vero che arruola un cast di eccellenti attori che recitano come meglio non si può, è vero anche che edifica una trama che sembra gli sia sfuggita di mano.

Nicola81 12/05/20 12:59 - 2002 commenti

I gusti di Nicola81

La tarantinata suprema: si prendono tre storie neanche troppo appassionanti, le si monta senza rispettare la cronologia infarcendole di dialoghi molto meno geniali e brillanti di quanto si dica (ma che in compenso trasudano volgarità da ogni poro) ed ecco che il "capolavoro" è servito. Esercizio sterile con l'aggravante di una durata eccessiva, persino meno violento delle aspettative. Ci sarebbe un ottimo cast, ma Willis è abbastanza fuori ruolo e quando appare lo stesso Tarantino cadono definitivamente le braccia. Sopravvalutato è dir poco...

Daniela 5/09/20 23:58 - 9625 commenti

I gusti di Daniela

Tarantino fa bum, non sorprendendo chi era già stato deliziato dalle Iene ma rilanciando con una costruzione del racconto ad incastri ancora più complessa, una pletora di situazioni da brividi di piacere, una manciata di personaggi tutti memorabili come l'uomo che risolve i problemi o la coppia di killer bianco/nero tutti affidati ad attori in gran spolvero. Film citazionista ma al tempo stesso autoreferenziale, in un cortocircuito che diventa la nuova pietra di paragone dell'action, imitatissimo nel bene ma anche nel male, dato che non si contano i cloni malriusciti. Fondamentale.
MEMORABILE: La gara di ballo; La siringa dritta nel cuore; Il racconto dell'orologio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 22/03/14 00:37
    Addetto riparazione hardware - 3503 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Rivedo il film per la terza volta e imparo solo oggi che c'è anche un Buscemi semi-irriconoscibile nel ruolo del cameriere del bar rockabilly.
    Pare che Buscemi dovesse avere il ruolo poi fatto da Tarantino stesso ma che non avesse potuto assolverlo per altri impegni.

    Sul film confermo la ricchezza straordinaria di battute, personaggi e momenti pulp ma condivido anche l'analisi di Buono Legnani perchè la parte iniziale soffre di troppi dialoghi (specie la parte di Travolta e della Thurman dove ho fatto uso di fast forward).


    Si, è una sorta di punizione, perchè ne le iene, in un dialogo, Buscemi criticava il ruolo dei camerieri, o cose simili.
  • Discussione Buiomega71 • 22/03/14 09:51
    Pianificazione e progetti - 22089 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    perchè la parte iniziale soffre di troppi dialoghi (specie la parte di Travolta e della Thurman dove ho fatto uso di fast forward).

    Usare il fast forward sui dialoghi tarantiniani???

    Rimango basito! Pare una specie di sacrilegio...
    Ultima modifica: 22/03/14 09:54 da Buiomega71
  • Discussione Didda23 • 22/03/14 12:15
    Comunicazione esterna - 5727 interventi
    Alla terza volta ci sta...
  • Discussione Buiomega71 • 22/03/14 13:10
    Pianificazione e progetti - 22089 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Alla terza volta ci sta...

    Non condivido, ci sono film che ho visto anche 20 volte, ma mai mi sognerei di vederli col fast forward. C'è sempre qualcosa che ti sfugge, anche a più visioni (così come nei dialoghi)
  • Discussione Crusow92 • 22/03/14 13:13
    Galoppino - 25 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Alla terza volta ci sta...

    No assolutamente, neanche fosse la 50esima. Stiamo parlando di Tarantino...
  • Discussione Didda23 • 22/03/14 13:29
    Comunicazione esterna - 5727 interventi
    Ovvio, pure io non lo farei. Ricordiamoci che è la terza e c'è gente che usa il fast pure alla prima visione . Poi certo, preferirei scegliere altro piuttosto che vedere una cosa che ho già visto con il fast. Ma in fin dei conti capa non ha fatto nulla di male.
  • Discussione Buiomega71 • 22/03/14 13:41
    Pianificazione e progetti - 22089 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Ovvio, pure io non lo farei. Ricordiamoci che è la terza e c'è gente che usa il fast pure alla prima visione . Poi certo, preferirei scegliere altro piuttosto che vedere una cosa che ho già visto con il fast. Ma in fin dei conti capa non ha fatto nulla di male.

    Infatti...Era solo una mia opinione, per carità

    Ognuno i film se li vede come meglio crede

    Ma vedere un film (anche più volte) col fast a me pare un sacrilegio (manco i porno mi vedo col fast, figuriamoci)

    Lo sempre trovata una mancanza di rispetto verso il film e ai suoi autori (un pò come smorzare i titoli di coda, per dire)
    Ultima modifica: 22/03/14 13:42 da Buiomega71
  • Discussione Capannelle • 23/03/14 14:21
    Scrivano - 2508 interventi
    Per carità colleghi, la prima volta non uso mai il FF salvo casi sporadici di filmetti che hanno già palesato grossi limiti espressivi (è più drammatico quando mi tocca spezzare la visione di un buon film in due parti, quello è far violenza).

    Per Pulp la 2 e 3 volta invece, parte dei dialoghi Thurman-Travolta me li sono risparmiati, ma si parla di 10 minuti su 140 minuti di dialoghi da gustare, che è ben diverso dal vedersi l'intero film col FF pronto a scattare.
  • Discussione Buiomega71 • 24/03/14 10:42
    Pianificazione e progetti - 22089 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Per carità colleghi, la prima volta non uso mai il FF salvo casi sporadici di filmetti che hanno già palesato grossi limiti espressivi (è più drammatico quando mi tocca spezzare la visione di un buon film in due parti, quello è far violenza).

    Per Pulp la 2 e 3 volta invece, parte dei dialoghi Thurman-Travolta me li sono risparmiati, ma si parla di 10 minuti su 140 minuti di dialoghi da gustare, che è ben diverso dal vedersi l'intero film col FF pronto a scattare.


    Non sono assolutamente d'accordo. Il FF non lo uso nemmeno per i porno, e credo (almeno dal mio punto di vista) che sia una mancanza di rispetto verso il film e verso i suoi autori (che sia uno z movie o un filmetto cestinabile)

    Posso capire usare l'espressione "manco col FF il film si sopporta", per dire, ma e un metro di espressione che sta ad indicare che il film e inguardabile

    Poi, anche solo per pochi attimi, usare il FF sui dialoghi tarantiniani (anche se li si conosce a memoria) mi par sacrilegio

    Altro conto e usare il FF per cercare qualche momento o immagine per scopi di "ricerca". Ma certo non mi metto a rivedere un film per poi usare il FF , non esiste!

    Poi, per carità, ognuno i film se li vede come meglio crede, ci mancherebbe

    E solo un mio pensiero a riguardo, tutto qui...
    Ultima modifica: 24/03/14 13:00 da Buiomega71
  • Homevideo Rocchiola • 20/02/20 10:24
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    Sinceramente non credo che la Eagle abbia usato master diversi per le varie edizioni di questo classico di Tarantino. Che sia la prima versione nella confezione normale, o l'edizione steelbook o ancora quella della serie Indimenticabili e forse c'è anche quella con il ricettario, penso carichino sempre lo stesso master della Studio Canal. Io ho l'edizione primaria del 2011 che mi è sempre parsa ottima sia come immagine (pulita e dal buon dettaglio), che come audio (un discreto 5.1 solo un pochino basso nei dialoghi).
    Ultima modifica: 20/02/20 15:29 da Zender