Scusa ma ti chiamo amore

Media utenti
Anno: 2008
Genere: sentimentale (colore)
Note: Seguito da "Scusa ma ti voglio sposare".
Numero commenti presenti: 23

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/01/08 DAL BENEMERITO TOMASMILIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

TomasMilia 27/01/08 13:47 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Niki, una ragazza di 17 anni, entra prepotentemente nella vita di Alex (Bova), 37 anni, al quale la cosa non dispiace. Purtroppo le 4 ragazze vengono presentate con un cervello da tredicenni e non da maturande. La colonna sonora strizza l’occhio ai gusti dei più giovani (Vasco Rossi, Zero Assoluto e altri). Film adatto a un pubblico di teen-ager urlanti. Eppure si lascia guardare. Il merito è dei due protagonisti e dei rispettivi amici che danno colore alla storia. La protagonista ha un viso incantevole, di una freschezza contagiosa, Bova è bellissimo e ha un sorriso che rende complici. La storia coinvolge, tutto è trattato con leggerezza e alla fine si esce dal cinema con la consapevolezza di aver visto una favola.

Dusso 31/01/08 23:47 - 1534 commenti

I gusti di Dusso

La storia è piuttosto banale ma il tutto è reso simpatico da una buona regia e da bei momenti poetici che ci regala la voce di Luca Ward. La recitazione delle giovani attrici è quella che è, comunque non è proprio un film da buttare. Bello il finale, pensavo molto peggio.

G.Godardi 18/05/08 17:50 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Moccia (ri)tenta la carta registica dopo aver ottennuto svariati successi come autore televisivo e letterario, nel tentaivo di farsi dimenticare il pastrocchio di Classe mista 3^ A. Ci prova con un filmetto che furbescamente avvicina trasversalmernte due generazioni: teenagers (ragazzine con troppa fretta di crescere) e quasi quarantenni (adulti ancora ragazzini). La prima parte funziona e diverte, la seconda purtroppo ristagna in un mare di stereotipi e non trova di meglio che buttarsi nel sogno ad occhi aperti. Peccato perché la confezione ha brio.
MEMORABILE: Non male la Quattrociocche che ricorda spesso la primissima Federica Moro. Chissà se è un caso...

Deepred89 14/06/08 13:22 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Piuttosto scarso ma decisamente superiore agli altri due tremendi Moccia-movies. Il tono adottato stavolta è quello della commedia e se l'immaturità dello scrittore-regista si fa evidente in molte scene, la confezione è vivace e scattante e la trama molto meno pretenziosa che nei predecessori. Bova e la Quattrociocche mediocri ma in fondo azzeccati. Colonna sonora con canzonette di tendenza, di livello altalenante. Non del tutto sufficiente ma nemmeno inguardabile.

Galbo 22/08/08 06:01 - 11350 commenti

I gusti di Galbo

L'esordio dietro la macchina da presa dello scrittore Moccia avviene con questa commedia giovanilistica simile a decine di altre e caratterizzata da un'elevata dose di furbizia. L'autore colloca tutti gli elementi al posto giusto per assicurare al suo pubblico uno spettacolo godibile ma è facile intravedere dietro una confezione patinata che il film sia un falso clamoroso, dipingendo un mondo privo dei problemi della gente reale e con situazioni da commedia romantica ed assolutamente improbabili. Discreta la prova del cast.

Ianrufus 3/09/08 20:17 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Quando si va incontro a queste pellicole di grande successo (12 milioni di euro non sono pochi!) si ha sempre la speranza di rimanere sorpresi positivamente. Ma siccome non amo Maria De Filippi, mi annoiano i Cesaroni, trovo inutili gli Zeroassoluto (mai nome così perfetto), ho i brividi se vedo Vespa, i lucchetti non li uso manco per lo scooter e gli anni 80 di Federica Moro mi danno tristezza... bè, dopo questo film, Vaporidis mi sento di definirlo il nuovo Mastroianni!

G.enriquez 13/10/08 12:51 - 121 commenti

I gusti di G.enriquez

Film fondamentale per tutta una generazione di maschietti. Moccia, evidentemente insoddisfatto da una generazione di trentenni piene di problemi e con in testa troppi uomini, si getta a capofitto alla ricerca del vero amore, abbattendo tutti i facili moralismi e si avvicina incredibilmente alle sorgenti del vero sentimento. Certo, Bova, con la sua recitazione poco convinta, rischia a più riprese di far crollare l'intero impianto ma, anche grazie a una protagonista trascinante e simpatica (oltre che bella), fortunatamente non ci riesce.

Magnetti 7/01/09 11:20 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Meglio di Tre metri sopra il cielo... E ci voleva poco. È un film in cui prevale una prospettiva femminile molto banale soprattutto nella parte che vede coinvolte le ragazze. Bravo Raul Bova (in un ruolo che avrebbe affondato qualunque altro attore) e discreta la Quattrociocche comunque a suo agio di fronte alla telecamere. È incredibile come possa avere successo il qualunquismo patinato e irrealistico di Moccia, sebbene qui sia riuscito (forse involontariamente) a dare un tocco di leggerezza degno di nota.

Homesick 20/01/09 18:30 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Partendo da un proprio romanzo, Moccia cavalca le tigri brizziane e mucciniane: una commedia giovanilistica insulsa e banale con adolescenti sfacciate, irritanti e semianalfabete che esclamano «Fichissimo» ogni due secondi, adulti dalla maturità smarrita (o mai conquistata), sentenze amorose da involucro di Baci Perugina, musiche allineate alla commercialità deteriore... Appena appena passabili il frastornato Bova e la Quattrociocche, tutta moine e fossette; molto meglio il ruvido Ward. Decisamente, il Cinema non dimora qui.
MEMORABILE: Bova che dà il benservito alla Logan. Le ragazze che assistono l'amica del cuore in coma.

Kolly 13/02/09 16:48 - 34 commenti

I gusti di Kolly

Ora mi dovete dire perché persone più capaci non riescono a sfondare come registi e invece un insulso finto-adolescente come Moccia sì. Anche se è un insulto alla parola e al mondo del cinema. Un Bova che per fare soldi accetta tutto, "attrici" che non capiscono ancora che per fare l'attrice non serve il bel corpo. Insomma, un pasticcio di pellicola: solite scenette, dialoghi... indescrivibili. C'è una domanda da porsi: che cosa sta succedendo al cinema italiano? Da prendere ed eliminare.

Ciavazzaro 17/07/09 09:51 - 4759 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pessimo sotto ogni punto di vista: sceneggiatura, interpretazioni. Se Bova è un cane d'attore, la Quattrociocche è davvero tremenda e il film sembra girato come un filmino delle elementari; a Moccia consiglierei il pensionamento anticipato, visto che oramai di soldi ottenuti sfornando roba del genere ne ha già fatti parecchi...

Matalo! 3/09/09 13:19 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Ho preteso di vederlo! Criticarlo? Sarebbe come sparare sulla croce rossa. Ma c'è qualcosa di molto grave nel film, aldilà dell'elogio della bimbominkia, dell'assenza di spessore dei personaggi, della trama telefonata, dell'inno all'ignoranza, della regia inesistente, degli attori cani (a parte Dazzi e Ward); la sottile ipocrisia e malizia diffusa. Per lasciare la moglie (Logan, sempre pessima) ci vuole il di lei tradimento. Altrimenti? Bova sarebbe rimasto con lei? Doveva essere una cattiva per forza per giustificare? La gente non cambia mai!!!
MEMORABILE: Pino Quartullo: una vita da attore e non ha mai imparato a recitare.

Giacomovie 17/02/10 14:26 - 1342 commenti

I gusti di Giacomovie

Moccia, dirigendo una storia d'amore incentrata sulla forte differenza d'età (casistica che nella realtà è peraltro in aumento), delinea di riflesso l'attualità due mondi generazionali opposti: i quasi quarantenni parzialmente delusi dalla vita e le quasi diciottenni molto più intraprendenti delle loro coetanee di qualche decennio scorso. E lo fa senza grossi meriti ma nemmeno senza sfigurare, con uno svolgimento scorrevole nel quale viene inserita qualche banalità sulle convenzioni piccolo-borghesi. Giovanilistico ma non troppo. **!

Barbapapà 17/02/10 09:28 - 33 commenti

I gusti di Barbapapà

Alla fine vince la leggerezza e l'idea, antica come il mondo, della giovinetta che si innamora e redime l'uomo maturo solo all'anagrafe trova un refresh generazionale in questo film del figlio di Pipolo, sbancatore d'incassi in libreria e al cinema. Molta identificazione, non si sa se indotta o meno; ma è un cinema questo che è sempre esistito. Se non chiedi la luna ci si può stare.
MEMORABILE: Le scene in ospedale e la ramanzina della Quattrociocche a Bova.

Ale nkf 17/02/11 22:03 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Pessimo l'esordio di Moccia su grande schermo, che confeziona un film privo di qualsiasi argomento interessante e lontano dalla vita dei giovani. Continuo a chiedermi come abbia fatto Moccia a sfondare nel mondo del cinema e la stessa domanda mi tormenta per Bova (fintissimo giovane) e per la Quattrociocche. Insomma, una commedia da evitare assolutamente, v.m. 14 (vietato maggiori).

Mco 9/02/14 19:03 - 2139 commenti

I gusti di Mco

Dall'omonimo romanzo Moccia ne dirige la trasposizione su celluloide. Bova è l'uomo in carriera e Michela Quattrociocche la studentessa liceale. L'amore? Perché no, a prescindere da differenze di età come di ideali di vita. Il lavoro passa così da unica ragion d'essere a componente dell'esistenza del bel moretto alle soglie delle quaranta primavere. Un filmetto che non si nasconde dietro chissà quali paraventi ma si appalesa per quello che è: semplice, romantico e talvolta sciocchino. Ma rende gradevole il tempo passato in sua presenza!
MEMORABILE: I sorrisi della Quattrociocche.

Nancy 6/03/14 15:15 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Adatto solo a serate trash con amici. L'incredibile sceneggiatura tratta dal libro di Moccia non è per niente coadiuvata da un minimo slancio registico (come nel caso di Tre metri sopra il cielo), forse perché è lo stesso Moccia a mettersi dietro la mdp; la voce narrante che spara citazioni a caso è quantomeno irritante oltre che di cattivo gusto. Orrenda anche la colonna sonora del gruppo Zero Assoluto, che fa anche una comparsata nel film. Non ci sono parole per l'interpretazione della Quattrociocche e delle altre ragazzine.

Dengus 11/04/14 11:23 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Un annetto dopo Ho voglia di te, ecco un'altra "opera" mocci(os)a (nomen omen). Sempre tutto bello, la protagonista piange spesso ma è felice e serena e si sveglia tutti i giorni pettinata e ben truccata. Va bene la melensaggine (fa bene al pubblico adolescente), ma forse Il tempo delle mele (film di ben altra fattura) è finito da un bel po' di tempo. Bova il meno peggio, tutto detto.

Claudius 22/07/14 11:35 - 402 commenti

I gusti di Claudius

Sarò sincero: pensavo peggio, invece il film tutto sommato si lascia guardare volentieri. Alla fine si mostra per quello che è: una commedia per adolescenti, ma ho visto sicuramente di peggio. Nel cast Ward e la Dazzi sono meglio dei protagonisti.
MEMORABILE: Le ragazze che assistono l'amica all'ospedale.

Piero68 20/08/14 08:58 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Problema reale dei film di Moccia è che, nonostante la loro puerilità e la loro confezione a dir poco pessima, sono indirizzati non solo a un pubblico di adolescenti, ma anche alla categoria genitoriale e oltre, manco fosse un decalogo di vita o un sussidiario di apprendimento sulle abitudini degli attuali teenager. Niente di più sbagliato invece, visto che la realtà è distante anni luce e chi purtroppo non ha un background valido finisce col cadere nella rete a qualunque età. Inutile commentare la cifra tecnica in quanto nulla...
MEMORABILE: L'unico momento divertente: Bova mette alla porta la fidanzata scoperta nel tradimento.

Gabrius79 3/02/17 21:40 - 1186 commenti

I gusti di Gabrius79

Federico Moccia è il regista di questa commediola giovanilistica che tutto sommato (a tratti) risulta essere piacevole se non altro per alcuni momenti spiritosi. Per il resto i dialoghi e le situazioni sono piuttosto banali e a limite del patinato. Bova e la Quattrociocche sono simpatici, così come il cast di contorno.

Panza 1/12/17 17:51 - 1488 commenti

I gusti di Panza

La storia d'amore tra una ragazza e un uomo molto più adulto di lei poteva essere l'occasione per una pellicola diversa da quelle tratte dai libri di Moccia (che ritorna a fare il regista dopo molti anni), invece il film si trascina stancamente tra luoghi comuni e tremende smancerie. La Quattrociocche è affascinante ma ha un personaggio odioso, Bova viene caratterizzato blandamente, Ward è impostato e poco spontaneo, simpatici Quartullo e la Dazzi, meno esagitato del solito Rossi. Occhio al Campo di pane di Schifano in casa di Bova.

Markus 9/08/18 12:14 - 3259 commenti

I gusti di Markus

Può un quasi quarantenne perdere la testa per una teenager? Ce lo spiega Federico Moccia in una delle sue pellicole giovanilistiche di maggior successo. Certo quando lui è Raoul Bova tutto è più semplice e, quanto a innamorarsi di Michela Quattrociocche (allora exploit del cinema italiano, ma tale resterà), non è poi così difficile. In un'opera tanto puerile nei contenuti è inutile cercare la qualità artistica; tanto vale quindi lasciarsi trascinare in questo mare di ovvietà e di immagini-cliché della generazione pre-smartphone.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 9/06/08 08:28
    Consigliere - 43393 interventi
    In effetti devo dire che abbastanza a sorpresa (considerata la locandina e il tipo di film) ha trovato qui i gradimenti di nostri utenti storici.
  • Discussione Deepred89 • 12/06/08 14:25
    Comunicazione esterna - 1426 interventi
    Media altissima in effetti. Mi avete incuriosito...
  • Discussione Deepred89 • 14/06/08 13:24
    Comunicazione esterna - 1426 interventi
    Visto qualche notte fa, in effetti non è cattivissimo, perlomeno non quanto gli altri due capitoli della serie.
  • Discussione Zender • 15/06/08 01:58
    Consigliere - 43393 interventi
    C'è qualcosa che non capisco Deep: una notte prima del secondo messaggio dicevi "m'avete incuriosito", il giorno dopo dici "visto qualche notte fa". Quando l'hai visto il film? :)
  • Discussione Deepred89 • 15/06/08 17:01
    Comunicazione esterna - 1426 interventi
    La notte successiva al messaggio. In effetti potevo scrivere "ieri notte":)
    Ultima modifica: 16/06/08 01:02 da Deepred89
  • Discussione Matalo! • 14/09/09 18:58
    Call center Davinotti - 620 interventi
    Dove ho tratto l'espressione Bimbominkia:http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Bimbominkia
  • Discussione Zender • 15/09/09 08:21
    Consigliere - 43393 interventi
    Matalo! ebbe a dire:
    Dove ho tratto l'espressione Bimbominkia:http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Bimbominkia
    Ahah, hai fatto bene a precisare, caro Matalo!
  • Discussione Mtine • 11/02/10 19:20
    Pulizia ai piani - 90 interventi
    Matalo! ebbe a dire:
    Dove ho tratto l'espressione Bimbominkia:http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Bimbominkia
    Mi intrometto seppur in ritardo: in effetti bimbominkia è un espressione usata dai giovani per definire quelle adolescenti sciocche che si vestono con abiti firmati, ascoltano musica che va alla moda e hanno perlopiù un quoziente intellettivo sotto la media:). Un sinonimo è anche truzzo.
    Ultima modifica: 11/02/10 19:21 da Mtine
  • Discussione Harrys • 14/02/10 20:36
    Call center Davinotti - 651 interventi
    Mtine ebbe a dire:
    Matalo! ebbe a dire:
    Dove ho tratto l'espressione Bimbominkia:http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Bimbominkia
    Mi intrometto seppur in ritardo: in effetti bimbominkia è un espressione usata dai giovani per definire quelle adolescenti sciocche che si vestono con abiti firmati, ascoltano musica che va alla moda e hanno perlopiù un quoziente intellettivo sotto la media:). Un sinonimo è anche truzzo.


    Mi intrometto pure io. ;-)
    Truzzo perlopiù indica un ragazzo coatto (come diciamo a Roma) non necessariamente stupido... anche se il binomio è spesso inscindibile. Bimbominkia l'hai descritto a meraviglia; aggiungerei solamente "e che si comportanto come i tronisti di Uomini e Donne".
  • Musiche Samuel1979 • 6/03/13 07:00
    Call center Davinotti - 2915 interventi
    Il brano dei titoli di testa è "Seduto Qua" degli Zero Assoluto.