LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 17/02/07 12:20 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

La prima scena (la proiezione privata con contorno di lanciagranate) fa già capire con chi si avrà a che fare: un sicario più simile a un cyborg (meno espressivo di Terminator) e perennemente incazzato (ha comunque poco da ridere). Eppure, alla fine si dimostrerà più umano di quelli che gli ruotano attorno e ne muovono i fili. Non convince il rapimento (soprattutto la rapita e il suo atteggiamento), ma a parte questo, la pellicola non delude. Film crudo (i corpi dilaniati), senza via d’uscita. Si respira aria fetida e pesante. Davvero Notevole.

Lercio 10/05/07 19:00 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Eccezionale prova registica. Già i titoli di apertura sono da antologia, poi la colonna sonora, accompagnata a un montaggio serrato, rende la visione quasi ipnotica. Un Henry Silva come mai si era visto, glaciale e a prova di proiettile! Un noir poliziesco in tinta mafiosa che non sfigura affatto comparato con capolavori del regista come Milano calibro 9 e La mala ordina. Un film crudo e troppo veloce perché la pietà vi faccia breccia. Da vedere e rivedere.

Homesick 30/05/07 18:38 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il noir alla Di Leo: violento, nichilista, cinico accusatore dei connubi tra mafia e politica. Regia magistrale e attori e caratteristi tutti in gran forma: Silva al solito perfetto come killer infallibile e imperturbabile, la Santilli molto brava ed espressiva, nonché al top della bellezza e della disinibizione. Grandissimi Caprioli, Garko, Capponi. Solenni musiche di Bacalov.

Caesars 6/06/07 13:30 - 2719 commenti

I gusti di Caesars

Discreto poliziesco di Di Leo, sicuramente però inferiore a Milano calibro nove. Non tutto convince a partire dalla recitazione di Henry Silva, bravo ma troppo monocorde: ha una sola espressione per tutto il film, per finire con alcune parti della trama (il personaggio della Santilli si comporta in modo poco credibile); comunque la mano del regista è felice e riesce a restituire un film teso e godibile.

Renato 13/08/07 12:11 - 1579 commenti

I gusti di Renato

Grande film di Di Leo, tra i suoi migliori. Alcune ingenuità presenti nella sceneggiatura vengono ampiamente riscattate da una regìa intelligente, che sa valorizzare gli elementi a sua disposizione. Ottimi attori anche nelle parti secondarie (su tutti un Pier Paolo Capponi superlativo nell'interpretazione di Cocchi il calabrese) e una stilizzazione del killer degna di nota. Funzionale in questo senso la scelta di un attore fortemente monoespressivo come Henry Silva. Il finale può spiazzare, ma riflettendoci sopra è un coupe de théatre notevolissimo.

B. Legnani 6/10/07 00:14 - 4744 commenti

I gusti di B. Legnani

Interessante e confermante l'abilità del regista, pur non assurgendo a livelli eccellenti (il finale è prevedibile, Silva è monotono nella sua atonica inespressività, la Santilli è tanto affascinante quanto inverosimile...). Su tutti un grande Vittorio Caprioli, sornione, divertente e divertito, che parla spesso per anàfore, il che richiama alla mente quella, celeberrima e tremenda, che chiude Milano calibro 9 ("Tu, uno come Ugo Piazza..."). Da vedere, senza dubbio.

Undying 8/12/07 20:00 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Gemello e complementare -sul piano narrativo- al noir Milano Calibro 9, con particolare attenzione rivolta a tratteggiare loschi (ma a suo modo trasparenti) figuri, resi credibili -in maniera eccellente- da interpretazioni indelebili nella cinematografia di stampo italiano. La glaciale figura di Lanzetta (Henry Silva) e quella -non meno gelida- del potente Don Corrasco (Richard Conte), vengono affiancate dal commissario Torri (Gianni Garko) mediante l'utilizzo di uno script scorrevole, animato, sempre attento alla verosimiglianza psicologica. Eccellenti le disgressioni del bravissimo Caprioli.

Lovejoy 2/01/08 23:00 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Con Milano Calibro 9 e più del precedente, il capolavoro del regista. Basterebbe la scena iniziale, di una violenza inaudita, a consegnare il film alla storia, ma anche il resto non è da meno. Violentissimo, con personaggi tratteggiati benissimo dalla penna di Di Leo, con una tensione altissima, senza cedimenti di sorta e un gruppo di attori di indiscutibile bravura. Silva è impeccabile come sempre, Conte un boss spietato e perfetto, Capponi un killer sanguinario notevolissimo, Caprioli eccezionale come sempre e Garko è eccellente. Cult assoluto.

Cotola 3/01/08 23:19 - 7553 commenti

I gusti di Cotola

Bel noir violento, nichilista ed a tratti un po' eccessivo e prevedibile (specie nella parte finale) che fa letteralmente a pezzi il mito dell'uomo d'onore. Decisamente inferiore al precedente "La mala ordina" ma comunque un gran film, sicuramente superiore alla media di genere, grazie soprattutto alle scene d'azione girate con la solita magistrale bravura dal regista. Silva, invece, come al solito, ha sempre la stessa faccia da stoccafisso.

Almayer 27/03/08 09:10 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Splendido questo film di Di Leo: attori tutti in parte, uno spaccato della mafia siciliana e dei suoi rapporti con la politica come raramente si è visto. Caprioli da Oscar quando s'incazza col commissario, complimenti a Di Leo che ci ha visto giusto. Bello anche il cammeo del regista come guardaspalle. Ottimo il documentario allegato al dvd.

Giapo 8/04/08 18:04 - 232 commenti

I gusti di Giapo

L'ultimo capitolo della trilogia sulla mala organizzata si distingue per una profonda negatività che ne pervade la storia e i personaggi. L'onore e il rispetto che pure emergevano nel crudele mondo di Milano calibro 9 sono sostituiti dalla filosofia cinica e anarchica del cane mangia cane. Sconfinando coraggiosamente nelle connivenze tra la mafia e il potere politico ed ecclesiastico, in un disperato atto di denuncia, Di Leo ci dà un quadro sorprendentemente pessimistico dei perversi meccanismi di potere che regolano il nostro paese.

Ghostship 3/05/08 13:38 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Memorabile. Di Leo più che dei polizeschi firma dei noir in stile americano, ma lo fa con un piglio personalissimo ,tirando fuori il meglio da attori sulla carta non eccelsi ed in più sovvertendo, in fase di sceneggiatura, qualunque regola o codice d'onore della malavita. Stracult la scena d'apertura.

Matalo! 24/07/08 20:37 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

In realtà è un filo miserabile e asfittico; nonostante le buone idee e una regia a tratti efficace e personale. Ma sembra mancare il respiro a questa pur onorevolmente macabra e nichilista storia di successioni mafiose. Ottimo Caprioli come commissario stanco e sarcastico; così Capponi. Silva funzionale ed efficace. In negativo Santilli (che non è neanche tutta sta gran figa) e soprattutto un pessimo Garko sicilianizzato. Sì è vero, si respira aria fetida e questo è un bene. Musiche copiate da Soft Machine 7 dell'omonimo gruppo inglese.

Bruce 24/11/08 09:48 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Con Milano Calibro 9 è da ritenere il capolavoro del regista. Violento e con personaggi tratteggiati alla perfezione dalla sceneggiatura di Di Leo, con una tensione sempre altissima e un gruppo di attori di indiscutibile bravura. Silva è il killer infallibile e imperturbabile, Conte l’anziano boss spietato e perfetto, Capponi un calabrese sanguinario e Vittorio Caprioli il questore napoletano, eccezionale quando s'infuria al commissariato. Un vero spaccato della mafia siciliana e dei suoi stretti rapporti con la politica. Imperdibile.
MEMORABILE: La sequenza iniziale, con la proiezione al cinema privato di un film per adulti.

Rebis 26/11/08 19:44 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Cinico e mascolino, galoppante una sceneggiatura geniale, piena di ribaltamenti e voltafaccia - in un gioco quasi intellettualistico - appena indeciso se badare all'anima della denuncia sociale o solo a quella ludica dell'intrattenimento (vince quest'ultima) il film è un eccellente esempio di noir all'italiana. Di Leo, grande affabulatore, ha una visione organica e molto razionale del racconto per cui nella tempistica non perde mai un colpo. Fatta salva l'inespressività retorica di Silva e le voglie matte della Santilli, gli altri comprimari son papabili, per quanto definiti a colpi d'accetta.

Fauno 15/01/09 15:37 - 1927 commenti

I gusti di Fauno

Un ABC senza precedenti per capire la solidità e le origini della mafia. Impagabile la determinazione del protagonista... non a caso nella giungla sopravvive la specie contemporaneamente più feroce e più scaltra. Non vale la pena di dilungarsi: assolutamente da vedere.
MEMORABILE: "Sono cinque giorni che ti ho tra le gambe e non faccio altro che fotterti. Mi sto rammollendo per una zoccola ninfomane... e fuori succede l'inferno!"

Enzus79 31/01/09 11:04 - 1823 commenti

I gusti di Enzus79

È sicuramente uno dei migliori film italiani del genere che abbia visto. Ha molte assonanze con Il padrino di Coppola, ma forse qui c'è più realismo e meno prevedibilità. Di Leo è pignolo nelle scene (come d'altronde in La mala ordina) e questo sicuramente non è un difetto. Notevoli i dialoghi, specialmente quelli del questore col commissario Torri e con l'uomo dell'antimafia. Il boss è uno specchio dell'andazzo della società italiana di allora, ma anche di oggi. Grande Di Leo.

Rickblaine 31/01/09 09:41 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Di Leo si supera con questa opera. Un film ambientato in Sicilia e quindi di ambiente mafioso, dove si evidenziano, tramite vicende interne a Cosa Nostra, le denunce nei confronti di organi superiori e delle autorità corrotte. Henry Silva convince anche se non si scopre come un bravissimo attore e molte scene sono richiami al cinema americano. Ottimi Capponi e il questore napoletano.
MEMORABILE: Cocchi che fa il suo discorso alla figlia di D'Aniello nel cantiere.

Daidae 15/02/09 19:33 - 2746 commenti

I gusti di Daidae

Un capolavoro. Infastidisce vedere questi ottimi prodotti italiani scartati mentre mediocrità americane vengono esaltate. All'inizio farà storcere il naso la scena davvero troppo esagerata di Silva che spazza a suon di granate dei mafiosi, ma poi il film si riporta sui binari della realtà. Superbi gli attori: ottimi Silva, Capponi e Conte, non male i restanti. Azione, criminalità, politica: non manca niente da vedere e apprezzare. Giù il cappello.
MEMORABILE: Il discorso di Cocchi, le uscite di Howard Ross.

Cif 6/06/09 15:18 - 272 commenti

I gusti di Cif

Palermo come Milano come New York. Di Leo chiude il cerchio. Ottimo film, macchiato però da una recitazione/doppiaggio in siciliano davvero sconcertante (sembra opera della Gialappa's band!). Tutto ciò svuota di credibilità la storia ed i personaggi. Poi le cose un po' si aggiustano, e alla fine ci si prende davvero gusto. Qualche scorcio del centro di Palermo e poi solo magazzini e vicoli del porto (belli), zone industriali e ville degne de Il Padrino II. Spettacolare e mai banale riflessione sull'uomo sociale, il potere e gli affetti. ***½.
MEMORABILE: Silva giganteggia: un po' Bronson, un po' Eastwood, un po' Schwarzy. Poco credibile e troppo gesticolante Garko. Bona la Santilli. Bravissimo Gàipa.

Stubby 14/06/09 00:43 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Ottimo noir che intriga fino alla fine con continui capovolgimenti di scena. Fernando Di Leo si riconferma assolutamente come il maestro del genere suddetto: straordinaria la cura con cui sono caratterizzati i personaggi (tra l'altro il cast è veramente notevole). Grandissima colonna sonora che sottolinea perfettamente ogni situazione. Henry Silva perfetto nella parte del killer glaciale.

Trivex 6/12/09 19:53 - 1496 commenti

I gusti di Trivex

Alcuni dicono che il noir assegni alla mala una morale, per quanto ovviamente relativa. Io credo che invece valga l'opposto. Il tradimento è sempre in agguato, trasversale alla famiglia ed agli affetti. La mala è il male e non può essere morale. Come la pensa il regista è chiaro, idee indiscutibili per certi contesti circoscritti, ma pur sempre decisamente opinabili quando si cerca la regola assoluta. La politica è descritta da un soggetto con delle convinzioni classiche per l'epoca ed il ruolo ricoperto. Il film è comunque un grande esempio di cinema.

Pau 25/06/10 20:14 - 125 commenti

I gusti di Pau

Un incipit al fulmicotone, notturno, esplosivo e violentissimo, ha il merito di calare immediatamente lo spettatore in una storia di mafia da manuale, grondante ambiguità e corruzione. Eccellente la descrizione dei rapporti all'interno della famiglia mafiosa, ammirevole (soprattutto perché siamo nel 1973) la lucidità di Di Leo nell'adombrare, senza mai cadere nel compitino, i rapporti tra criminalità, politica e persino gerarchie ecclesiastiche. Un po' (tanto) misogino. Notevole Richard Conte, storico interprete del cinema noir durante i '40.
MEMORABILE: La sequenza iniziale, in cui un Henry Silva glaciale irrompe in un cinemino e fa strage degli avversari lì convenuti per godersi un filmetto "zozzo".

John trent 21/06/10 20:52 - 326 commenti

I gusti di John trent

Pessimista, crudo, nichilista, una delle migliori opere di Di Leo in senso assoluto. Il killer Lanzetta interpretato da Henry Silva e la sua scalata al potere delle cosche mafiose lasciandosi dietro cadaveri su cadaveri è un personaggio fantastico. Memorabili anche le prove di tutti gli altri attori, dalla disinibita Santilli al calabrese Capponi, dal commissario corrotto Garko all'altro Killer Masè. Un film spesso sopra le righe nel quale lo stile dileiano trova la sua sublimazione. Finale spiazzante e geniale. Gioiello.
MEMORABILE: L'omicidio nel cinemetto e il dialogo tra Lanzetta e il commissario Torri...

Il Dandi 16/07/10 17:55 - 1814 commenti

I gusti di Il Dandi

Spettacolare ed incendiario (il fido Bacalov fa il suo lavoro al meglio) ma allo stesso tempo credibile anche nelle allusioni civili e nel notevole taglio psicologico dei personaggi: ne esce uno dei film più riusciti del regista, in cui perfino il monoespressivo Silva convince nella sua ineffabilità. Capponi e Gaipa sono semplicemente al top, mentre Caprioli esordisce nella figura (in seguito costante) dell'alter-ego del regista. Dialoghi (uno dei punti di forza dell'autore) memorabili: cult assoluto l'epigrafe "Continua" in luogo di "Fine".
MEMORABILE: Cocchi infila in bocca ad un picciotto un coltello a scatto ancora chiuso: "se lo sai fammi un cenno, sennò guardami fisso"... zac!

Enricottta 1/08/10 16:46 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Nelle atmosfere, nella valorizzazione del cast, nella scaltrezza dell'uso della macchina da presa, la bravura del regista. Di Leo stratosferico, dirige attori consumatissimi, li plasma, ne tira fuori il meglio. Pensate ad un Marino Masè che ricopre un ruolo bellissimo, in bilico tra lo Steven Bauer di Scarface e il Sylvester Stallone di "Capone". La trama è serratissima, il ritmo tambureggiante, le musiche sempre giuste, l'ispirazione ai massimi livelli. Nel suo genere, un cult!
MEMORABILE: Un coltello a scatto viene inserito in bocca ad un mafioso, a cui si chiede se conosce il nascondiglio della ragazza rapita...

Nicola81 4/08/10 12:31 - 1974 commenti

I gusti di Nicola81

Gangster-movie che sembra voler ribaltare le regole del genere. Alla mafia non viene più riconosciuta alcuna morale: dominano la spietatezza e il tradimento, gli antichi vincoli di lealtà non esistono più e anche gli alleati più fedeli vengono scaricati. Durissimo anche l’attacco alle istituzioni: la polizia appare impotente o collusa con la criminalità, i politici ne tirano addirittura le fila (e infatti Di Leo venne querelato dall’allora ministro Gioia). Plateali scoppi di violenza e ottimo cast (Caprioli in testa). Da vedere!

Coyote 28/05/11 11:11 - 185 commenti

I gusti di Coyote

"Il Boss", ovvero "Henry Silva non muore mai". Purtroppo, vedendo questo film dopo Milano Calibro 9 rimane un sapore amarognolo, dato dal confronto con un modello troppo superiore. Soprattutto i personaggi appaiono in parte meno riusciti rispetto al capolavoro meneghino, dove risultavano più articolati, più complessi, meno granitici. Comunque il livello rimane alto e il finale è convincentee.

Il Gobbo 13/06/11 17:31 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Di Leo era molto affezionato al coté di denuncia del film, e portava come una medaglia al valore la causa penale. Ma ciò che resterà è invece la sua componente più astratta, di figure e figurine archetipiche che inscenano il copione eterno del gangster-movie. Visto da quest'angolo Silva, nella sua inquietante fissità è perfetto, rappresentando non un umano ma una sorta di nosferatu della mala. Alto livello. Resta per noi imperscrutabile il mistero del culto da taluno tributato all'anonima Santilli.

Ducaspezzi 31/08/11 02:22 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

La figlia del boss Daniello è una studentessa a suo modo coinvolta nel circuito della contro-cultura rivoluzionaria giovanile di quegli anni e quindi gli stereotipi del caso ce li ha tutti: si droga, contesta il padre, ed è sessualmente libera... anzi di più, praticamente una ninfomane che anziché subire come una violenza le ingiunzioni erotiche di coloro che la recluderanno, le accoglie subito con provetta dedizione. Caratterizzazione un tantino reazionaria? Per il resto gran film, narrativamente travolgente, virulento, con tipi memorabili.
MEMORABILE: L' inferno del cinema; il discorso pre-amplessi di Capponi alla Santilli in lingerie; Caprioli che s'incazza con Garko.

Markvale 12/09/11 10:24 - 143 commenti

I gusti di Markvale

Nel periodo del successo di pubblico e critica dei "Padrini" di Coppola e del proliferare delle pellicole sulla mafia dei vari Damiani, Rosi, ecc... questa terza fatica di Di Leo nell'ambito del gangster movie si distingueva per la sua precisa personalità autoriale. Viene scelto deliberatamente un approccio corrosivo, dissacratorio e grottesco per demolire i miti della mafia (codice d'onore) e descriverne gli intrecci con lo Stato. Nel suo parossismo cede in un paio di occasioni al facile gusto delle platee. Ruolo assolutamente adatto per Silva.

Nando 27/06/12 02:35 - 3484 commenti

I gusti di Nando

Il regista pugliese narra delle vicende ultraviolente che cominciano con un prologo di alto livello. La maschera impenetrabile, o gommosa, di Silva cavalca imperturbabile la narrazione che si avvale di validi caratteristi e situazioni interessanti. Bel noir.

Rigoletto 21/09/12 21:02 - 1597 commenti

I gusti di Rigoletto

L'ultimo atto della "Trilogia del milieu" è un buon film preso individualmente ma non può essere messo al confronto coi due predecessori. Silva freddo come il ghiaccio convince in pieno in un ruolo tagliato su misura per lui, ma nel complesso si nota una profondità meno azzeccata dei vari personaggi. Non mi ha entusiasmato come gli altri. Peccato, si poteva chiudere in gloria; ma resta comunque un film da vedere non soltanto per completezza, ma anche perché ha molto da dire. ***

Herrkinski 1/10/12 01:59 - 5193 commenti

I gusti di Herrkinski

Già dal devastante incipit si capisce che ci troviamo di fronte a un film di quelli seri. Di Leo quando decide di far noir lo fa con uno stile superiore e questo film è indubbiamente tra i suoi lavori più riusciti; dalla bella sceneggiatura, complessa ma mai confusionaria, alla prova eccellente del cast (Caprioli bravissimo), al ritmo che non cede mai, alla qualità dei dialoghi. Tutto funziona come un orologio svizzero in questo mafia-movie, che ha sicuramente fatto scuola anche nei confronti del cinema d'oltreoceano. Grande esempio di cinema!
MEMORABILE: L'incipit.

Rogerone 2/02/13 00:57 - 55 commenti

I gusti di Rogerone

La trilogia del Milieu si chiude con il botto: Il Boss è uno dei più bei film che io abbia mai visto. Meno celebre del rinomato Milano calibro 9, ma secondo me sensibilmente superiore. La sceneggiatura è qualcosa di sublime, più lineare, ancor meglio incastrata, più logica. La perfezione. Henry Silva interpreta il suo più grande personaggio: il granitico, freddo Tanzetta. Richard Conte è sensazionale. La cura nella regia è evidente, la mano del maestro Fernando Di Leo un marchio di fabbrica. 4 palle e mezzo. Chapeau.

Jdelarge 27/03/13 20:40 - 881 commenti

I gusti di Jdelarge

Gran film, studiato nei minimi dettagli, con una regia e una sceneggiatura mozzafiato. Di Leo riesce a fornire un ritratto assolutamente completo di ogni singolo personaggio e l'impresa non è affatto semplice, dato che di personaggi rilevanti ce ne sono parecchi. La figura più riuscita è quella del questore, eloquente e allarmante, interpretato da un fenomenale Vittorio Caprioli: subito dopo si piazza Lanzetta, spietato killer arrivista (ruolo assegnato ad un ottimo Henry Silva). Nulla di nuovo per quanto riguarda la trama, ma il resto è ottimo.

Motorship 12/12/13 17:50 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Forse il miglior film di Di Leo. Non è solo un gangster movie ma anche una feroce e assai pessimista critica socio-politica che massacra letteralmente tutto e tutti. La mafia è descritta senza il benché minimo lato umano, la polizia è collusa; peggio ancora stampa e politica, quest'ultima vera e propria serva della mala. Inoltre la violenza è elevatissima e il ritmo non è male. Ottimo Silva che incarna alla perfezione il viscidissimo e ipercrudele boss Tanzetta, magistrali Richard Conte e Vittorio Caprioli, benissimo anche Capponi.
MEMORABILE: L'omicidio nel cinemino; Il finale; Il coltello a scatto ancora chiuso infilato in bocca a un picciotto; Caprioli che rimprovera Garko.

Special 6/12/14 17:23 - 21 commenti

I gusti di Special

Gran film. Difficile stabilire quale sia l'opera migliore di Di Leo, ma questa se la gioca alla pari con Milano calibro 9. Straordinaria rappresentazione di un ambiente mafioso, accurato fin nei minimi dettagli, con una trama finissima che ci regala un intrigo finale memorabile. La faccia di cuoio che ha penalizzato Silva per tutta la sua vita cinematografica, in questo ruolo diventa una spiazzante marcia in più. Caprioli (e i suoi dialoghi) sopra tutto il cast. Un film che se avesse avuto altri mezzi di produzione sarebbe stato straordinario.
MEMORABILE: Il discorso di Torri a Don Corrasco, nel quale gli spiega di aver accettato la collaborazione con lui perché lo considera un uomo d'ordine...

Ultimo 11/12/14 17:54 - 1367 commenti

I gusti di Ultimo

Grande noir alla Di Leo: uscito due anni dopo Milano Calibro 9, questo film è annoverato come uno tra i gangster movie all'italiana più cupi, freddi e violenti in assoluto. La lotta tra clan mafiosi, ai quali la polizia pare assistere inerte, è mostrata attraverso dialoghi freddi e precisi, ben riusciti grazie a magistrali interpretazioni. Il migliore è Henry Silva, ma da segnalare c'è anche una superba interpretazione di Vittorio Caprioli nei panni del questore.
MEMORABILE: Il massacro nel cinema; Il finale.

Daniela 29/12/14 12:27 - 9499 commenti

I gusti di Daniela

Capitolo conclusione della bella trilogia della mala, incentrato sulla figura di uno killer che agisce per conto di un boss palermitano, questo di De Leo è un film talvolta spiazzante per come alterna sequenze di grande cinema ad altre tirate via, ma nel complesso risulta un affresco efficace di un mondo criminale spietato, dove l'"onore" è ridotto ad una foglia di fico per coprire le peggiori nefandezze e la "lealtà" uno specchietto per allodole. Silva esibisce la solita faccia di pietra ma il fatto che così non susciti la minima empatia è funzionale alla definizione del personaggio.
MEMORABILE: L'"infornata" di Gianni Musy, una delle esecuzioni mafiose più terribili mai messe in scena

Rambo90 13/04/15 23:57 - 6384 commenti

I gusti di Rambo90

Non è all'altezza dei precedenti di Di Leo ma è comunque un bel film di mafia, dove tutti tradiscono tutti e la storia sembra non avere mai una fine precisa (come del resto suggerisce la scritta in chiusura). Silva non cambia mai espressione ma per il ruolo è perfetto così; tra gli altri a spiccare è sicuramente Caprioli, divertente e profetico allo stesso tempo. Buone le musiche di Bacalov, un po' lenti alcuni momenti.

Samdalmas 23/05/15 18:28 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Uno dei migliori film sulla mafia mai realizzati. Di Leo si ispira al romanzo di Peter McCurin ma lo elabora a modo suo descrivendo, in modo magistrale, l'ascesa del killer Lanzetta (Silva) alle dipendenze del boss Carrasco (Conte). Come sempre per il regista conta l'ambiguità del cast, dove nessuno è come sembra, vedi il commissario corrotto (Garko) e la bella e spregiudicata Antonia Santilli nel ruolo della vita.
MEMORABILE: Lanzetta che massacra il pubblico in un cinema sparando con un lanciagranate!

Maik271 29/05/16 09:56 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Il volto senza espressione di Silva è protagonista di questo mafia movie ben girato dal bravo Di Leo con una buona dose di crudeltà e ben supportato da una valida sceneggiatura sempre curata dal regista. Ben caratterizzati il commissario fatalista, l'avvocato doppiogiochista interpretato da Gaipa e la vogliosa Santilli. Buone le musiche e ottima la confezione. Un bel film.

Myvincent 12/06/16 08:06 - 2572 commenti

I gusti di Myvincent

Ennesimo mafia-movie all'italiana dove al solito bande rivali si fronteggiano a suon di pallottole e lanciarazzi e soprattutto dove regna l'assoluta inaffidabilità in tema di "onore" e lealtà fra i componenti. Colpisce la dozzinalità nella scelta del cast (in primis Silva e Garko), se si fa eccezione per qualche stella sia italiana che d'oltreoceano. Tutto il resto è solo intrattenimento fine a se stesso, un po' sadicamente compiacente.
MEMORABILE: I multipli "amori" di Antonia Santilli...

Tarabas 13/06/16 10:53 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Killer mafioso fa carriera mettendosi in mezzo a una faida, un po' come il Senza Nome di Per un pugno di dollari. Film che gode di un culto per me inspiegabile, con un protagonista impresentabile e un cast di contorno molto modesto. La storia non è molto originale e ha passaggi tirati via (menzione per il più fulminante attacco di sindrome di Stoccolma mai visto, la sequestrata che in 3 minuti passa dall'orrore all'orgia ridanciana). Su tutto domina il non attore Silva, una specie di Charles Bronson senza fascino e senza intensità.

Azione70 16/08/16 01:31 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Film teso, violento, intrigante (tanto che termina con la parola "continua" e non con "fine"). La storia si basa sull'intreccio mafia-politica (denunciato in tempi non sospetti e con acuta preveggenza da Di Leo) visto attraverso le vicende di un caporale mafioso, aspirante boss: questi è un solido Silva, la cui recitazione monoespressiva finalmente trova il suo ruolo più adatto. Ottimi anche gli altri protagonisti, da Capponi (folle) a Garko (viscido), da Conte (vero democristiano) a Caprioli (guascone). Bella ed espressiva la Santilli.
MEMORABILE: La casa di Henry Silva, dove i tavolini sono fatti con casse arancioni di acqua Pejo!

Rufus68 29/08/16 00:52 - 3114 commenti

I gusti di Rufus68

Del trittico mirabile è l'episodio più sottovalutato. A parte la destrutturazione del mito criminale, ciò che impressiona è la plumbea compattezza dell'ispirazione (che difetta a La mala ordina), la ripulsa del facile folclorismo mafioso e, soprattutto, la forza delle caratterizzazioni: eccellenti Capponi (col suo piglio populista), Garko e Silva, il Kitano de' Noantri; eccezionale Caprioli (perfetti i dialoghi con Pisu), funzionario che sfoga nel sarcasmo e nel fatalismo la propria impotenza civile. Brava e naturale anche la Santilli.

Thedude94 3/09/17 22:28 - 582 commenti

I gusti di Thedude94

Un grande Henry Silva interpreta un picciotto che tenta la scalata nella malavita palermitana, un personaggio violento e particolare, molto cupo, coadiuvato da un cast di attori fenomenali. La regia è ottima, così come la sceneggiatura, che rispetto a La mala ordina risulta più complessa e articolata. Molto intriganti sono le sfumature erotiche che il regista inserisce, insieme a una caricatura del questore di turno e all'eccessiva corruzione dei membri Stato. Per quei tempi è un noir eccezionale, con sfumature di poliziesco.

Gmriccard 26/07/18 20:38 - 116 commenti

I gusti di Gmriccard

A mio modesto parere il capolavoro di Di Leo. Quantità di spunti narrativi da costruirci tre film discreti. I primi dieci minuti del film, coronati da un dosato e coinvolgente tema di colonna sonora, sono da antologia. La trama di per sé sarebbe assurda ma gli attori (stupendi fino all'ultimo caratterista) e il ritmo elevatissimo non consentono divagazioni critiche e incollano allo schermo fino all'epilogo. Questo sicario carrierista Lanzetta è la prova più intensa di Silva e oscura se non l'Adorf bersaglio della Mala, l'Ugo Piazza calibro 9.
MEMORABILE: Quanto efficaci saranno le capacità amorose della Santilli per costringere alla "quiete" domestica anche uno come Silva?

Berto88fi 29/04/19 14:11 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

La mafia vista dagli occhi di Fernando Di Leo conosce solo cinismo e violenza, senza valori né rispetto, zero scrupoli e pietà per nessuno. L'eccellente sceneggiatura e la minuziosa regia lo inseriscono tra i migliori noir italiani; di supporto, un cast in forma smagliante: Silva trasuda odio, mai cosi perfetto per la parte, Caprioli spavaldo ma disilluso, furioso Capponi, solo la Santilli ha un ruolo inverosimile. Grandiosa chiusura della "Trilogia del milieu" che si rivede sempre con piacere.
MEMORABILE: I dialoghi tra Silva e la Santilli; Le uscite di Caprioli.

Rocchiola 19/08/19 18:23 - 872 commenti

I gusti di Rocchiola

Ultimo e forse miglior tassello della "trilogia del milieu" firmata da Di Leo. Un film perlomeno coraggioso e coerente nel denunciare le collusioni tra mafia e politica in un mondo dove tutti tradiscono tutti senza alcun rimorso. Ma ciò non basta a redimere i difetti di sempre, dagli attori mal diretti (Silva inespressivo quanto il peggior Bronson, Caprioli improbabile questore tra il serio e il faceto) alle scene d’azione violente ma senza stile (qualsiasi b-movie americano offre di meglio). Sopravvalutato nella sua crescente rivalutazione.
MEMORABILE: La figlia di Daniello ninfomane e drogata; L’esplosione della baracca in cui si rifugia Lanzetta; Il finale con la scritta “continua”.

Aal 3/11/19 09:08 - 322 commenti

I gusti di Aal

Film esagerato, violento, eccessivo, che fa della Sicilia dei primi Settanta un Far West spietato in cui l'eccesso la fa da padrone e non c'è un briciolo di umanità in nessuno, tutti impegnati in una lotta senza esclusione di colpi per il proprio tornaconto personale. Iper-pulp e godibilissimo, senza cedimenti e con un bell'attacco al sistema di collusione mafia/politica che, pur se reso in chiave fumettistica, rende piuttosto bene l'idea di ciò che accadeva in quegli anni. L'inespressività di Silva lo rende un protagonista perfetto. Cult.
MEMORABILE: Silva/Lanzetta che ordina di "ringraziare caldamente" un informatore per una dritta e questo viene prontamente infilato a forza, vivo, in una fornace.

Vito 30/12/19 10:15 - 662 commenti

I gusti di Vito

Terzo capitolo della trilogia del milieu del maestro Di Leo. Dopo la Milano autunnale e poi primaverile dei primi due film, qui l'azione si sposta in una Palermo cupa e notturna. Claustrofobica, che non lascia scampo. Come la mattanza mafiosa di inaudita violenza che viene scatenata nel film, con punte di sadismo e ferocia difficilmente raggiunte da altri film del genere. Grande cast con Silva, Conte, Garko, Caprioli, la Santilli e Capponi assolutamente perfetti ed efficaci. Un classico del noir italiano.

Magi94 7/05/20 13:33 - 687 commenti

I gusti di Magi94

Non del tutto convincente; non certo per un'abilità registica che qui si mostra fin dalle prime scene "esplosive", che si ben capisce come possano aver ispirato Tarantino. Il problema è la sceneggiatura, con mille scivoloni e azioni poco convincenti. Rimane quindi un'opera altalenante che offre cose notevoli (il questore di Caprioli!) ad altre deliranti: si conferma la squallida visione del regista sul mondo del '68, che qui ci mostra come con un po' di alcol e marijuana una ragazza possa partecipare con gioia allo stupro dei suoi aggressori.
MEMORABILE: La parlata di Caprioli, che compare leggendo Il Manifesto!

Reeves 28/09/20 16:52 - 149 commenti

I gusti di Reeves

Un film davvero straordinario, con una sceneggiatura che inanella veri colpi di scena che però sono fluidi, coerenti, mai forzati. Colpiscono le interpretazioni di Vittorio Caprioli (che forse si ispira con il suo commissario al Volontè di Indagine su un cittadino...) e di Antonia Santilli, bella da perdere la testa e bravissima nel raccontare il vuoto esistenziale di quella ragazza. E' poi c'è Henry Silva nella sua migliore interpretazione: duro, freddo, senza scrupoli ma al tempo stesso con una sua morale.
MEMORABILE: Come Caprioli tratta Garko durante le riunioni in questura.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 12/12/13 18:16
    Consigliere - 43593 interventi
    Ah, non credevo. Io lascerei perdere, poi vedi te :)
  • Discussione Rogerone • 12/12/13 21:27
    Galoppino - 178 interventi
    personalmente te lo consiglio. Non saranno lavoroni, ma per MC9 il salto di qualità è notevole, e anche per I padroni della città... il dvd è letterbox, due mondi diversi.

    Per La mala ordina e il Boss (io li posseggo anche in dvd) sinceramente la resa è quasi identica
  • Discussione Tarabas • 13/12/13 12:35
    Formatore stagisti - 2058 interventi
    I miei DVD della Raro non sono lbox, sono nel formato corretto.
  • Discussione Rogerone • 13/12/13 13:38
    Galoppino - 178 interventi
    I padroni della città è letterbox
  • Discussione Kanon • 24/06/16 23:56
    Fotocopista - 813 interventi
    L'ho rivisto di recente. Non so voi ma a me fa sbellicare dalle risate; non lo dico in senso dispregiativo ma anzi: ha proprio delle situazioni comiche aiutate anche dal doppiaggio. Stessa cosa, leggermente inferiore, vale anche per "milano calibro 9".
  • Discussione Zender • 25/06/16 08:28
    Consigliere - 43593 interventi
    Non so a quali in particolari ti riferisci, ma per certi Di Leo s'è parlato a lungo di scene comiche che non tutti apprezzano perché spezzano la drammaticità. Io personalmente le adoro e me le togliessero apprezzerei Di Leo la metà di quanto faccia ora...
  • Discussione Kanon • 25/06/16 22:11
    Fotocopista - 813 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Non so a quali in particolari ti riferisci, ma per certi Di Leo s'è parlato a lungo di scene comiche che non tutti apprezzano perché spezzano la drammaticità. Io personalmente le adoro e me le togliessero apprezzerei Di Leo la metà di quanto faccia ora...

    Nel "boss" tante:

    - l'incipit nel cinema privato con le battutacce
    - all'obitorio Garko che tratta male un Musy disperatissimo, il reporter e poi sfotte Capponi ed i suoi discorsi socialisti.
    - tutte le scene della Santilli coi suoi rapitori (Capponi, Musy e Ross)
    - Sempre la Santilli che fa diventare matto Silva, con quest'ultimo che non ne può più lamentandosi che lo sta rincoglionendo.
    - Caprioli che sfotte la faccia di Buzzanca

    In "calibro 9" invece, alcuni momenti con Adorf son comicissimi e pure il commissario interpretato da Wolf. Ovviamente grande merito a doppiatori quali Satta Flores e Sergio Rossi (non per niente quest'ultimo sarà voce azzeccatissima di Nielsen nel ciclo della "pallottola spuntata").
  • Discussione Zender • 26/06/16 07:35
    Consigliere - 43593 interventi
    Ah Sergio Rossi è grandissimo doppiatore comico, senza dubbio. Comunque sì, è anche per queste scene che trovo veramente riusciti i film di Di Leo.
  • Discussione Daidae • 5/07/16 13:31
    Contratto a progetto - 866 interventi
    Onnipresente nel film la marca di sigarette Astor





  • Homevideo Rocchiola • 19/08/19 18:27
    Call center Davinotti - 1142 interventi
    Confermo l'ottima qualità del BD della Raro Video. L'immagine è decisamente pulita, brillante nei colori e ben definita. Buono anche l'audio mono in dolby digital 2.0. Un prodotto indispensabile per gli manti di questo film che essendo vietato ai minori di 18 anni in TV può circolare solo tagliato.