I vivi e i morti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The fall of the house of Usher
Anno: 1960
Genere: horror (colore)
Note: Tratto dal racconto "La caduta della casa degli Usher" (The Fall of the House of Usher) di Edgar Allan Poe pubblicato nel 1839.
Numero commenti presenti: 24
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

In pieno revival gotico (la celebre casa inglese Hammer aveva aperto i battenti appena tre anni prima), Roger Corman inaugura il suo ciclo di film tratti dai racconti di Edgar Allan Poe. Della partita saranno il fondamentale Vincent Price, l'onnipresente Richard Matheson (cui spetta sceneggiare, sempre con molte libertà, i classici di Poe) e una troupe più o meno fissa. L'esordio, che rilegge “La caduta della casa Usher” (bizzarro il titolo italiano del film, che non rispetta l'originale THE FALL OF THE HOUSE OF USHER) ci accompagna nella dimora tetra, cupissima degli Usher spingendoci a immedesimarci nell’ “esterno” Winthrop (Damon), giunto lì per portare via l’amata Madeleine (Myrna Fahey) dall’oppressiva tutela del fratello...Leggi tutto Roderick (Vincent Price). Questi continua a ripetere che la loro casata è maledetta e che lui e la sorella sono condannati a morire in breve tempo; portarla via sarebbe inutile. Gran parte del fascino del film è basato sull’interpretazione sofferta, magnificamente drammatica di Price: si porta le mani alle orecchie dal dolore quando Damon parla a voce troppo alta, inarca le sopracciglia pregandolo di rassegnarsi di fronte a una maledizione ineluttabile, si muove per i bui corridoi con incedere ieratico. Ma se la figura di Roderick è sicuramente centrata, altrettanto non si può dire delle altre, solo un contorno necessario a spalleggiare la teatralità di Price. Girato completamente in interni (salvo lo splendido incipit, che Corman girò sul luogo d’un incendio trovando una natura bruciata di raro impatto orrorifico, I VIVI E I MORTI non offre una regia molto coinvolgente riscattandosi tuttavia con le belle scenografie fotografate vividamente da Floyd Crosby e per alcune inquadrature ben studiate.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 11/05/07 00:34 - 3837 commenti

I gusti di Undying

Prima - e riuscita al pari del successivo Il Pozzo e il Pendolo - opera dedicata (da Roger Corman) alla serie di racconti scritti da Allan Poe. Benché il soggetto sia stato più volte rivisitato (sia in precedenti, sia in successive occasioni), nessuna raggiunge la perfezione formale e retorica di questa riuscitissima trasposizione cinematografica. I meriti vanno a Price, in grado - come sempre, del resto - di sostenere una parte esclusivamente incentrata su un ruolo prettamente verbale, che amplifica l'insieme delle suggestioni letterarie...
MEMORABILE: Il lungo ed intenso dialogo circostanziato sulle qualità malefiche della casa, pronunciato dallo svigorito Usher...

Caesars 3/08/07 11:09 - 2824 commenti

I gusti di Caesars

Primo dei numerosi film che Roger Corman girò ispirandosi a racconti di Edgar Allan Poe. Realizzata, come al solito, in poco tempo e con pochi mezzi a disposizione, questa trasposizione da "La caduta di casa Usher" si ricorda soprattutto per l'incredibile prova di Vincent Price (attore un po' gigione, è vero, ma di straordinario talento) che riesce ad alzare notevolmente il livello dell'operazione. Lento nel ritmo e senza grandi sussulti è comunque interessante e ben fotografato da Floyd Crosby. Un film fondamentale per il "b-movie" dell'horror.

B. Legnani 5/08/07 00:20 - 4840 commenti

I gusti di B. Legnani

Per questi film seriali, diretti da Roger Corman, con cast dotato di Vincent Price, si corre il rischio di fare sempre lo stesso discorso, compresa l’ispirazione a Poe, attorno ad un‘idea del quale Matheson costruisce la sceneggiatura. Anche qui livello non eccelso, in una pellicola frettolosa, ma non priva di cose graziose. Alla fine dei conti il pregio più netto è la presenza dell'istrionico, irresistibile Vincent Price.

Homesick 22/04/08 17:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Corman alla regia, Matheson alla sceneggiatura e Price davanti alla macchina da presa sanno rendere bene l’atmosfera satura di misteriosa, angosciante decadenza che si respira nel racconto “Il crollo della Casa Usher” di Poe. La trama è un po’ ripetitiva e non offre molti colpi di scena, ma l’uso dei colori è magistrale e raggiunge l’apice nella sequenza onirica e nel grande incendio. Nel finale la Fahey cerca di ergersi a Barbara Steele.

Cotola 6/08/08 13:54 - 7696 commenti

I gusti di Cotola

È il primo film della serie ispirata all'immenso Poe girata da Corman e forse è anche il migliore oltre ad essere una delle più belle trasposizioni di sempre tratte dalle opere del grande scrittore americano. Coinvolgente (con un bel crescendo di tensione), gustoso, raffinato e particolarmente riuscito da un punto di vista visivo grazie ai filtri colorati usati dall'ottimo direttore della fotografia Floyd Crosby. Un gioiellino che non bisogna assolutamente perdersi.

Trivex 6/04/09 22:34 - 1520 commenti

I gusti di Trivex

Profondo gotico superiore. Con pregi e difetti del genere, ma realizzato benissimo. Inoltre, a differenza di molti prodotti simili, riesce anche a fare un poco di paura, in particolare negli ultimi dieci minuti. La trama è semplice, ma tesa e quindi mantiene vigile anche lo spettatore più stanco o provato dalle libagioni. Attori in gran forma, ambientazione d'atmosfera e costumi curatissimi completano il bel quadretto antico. Visione consigliata!

Ciavazzaro 3/05/09 12:50 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Non male. Vincent Price senza baffi e con capigliatura bionda interpreta degnamente Roderick Usher. Bravo Damon, discreta la Fahey (inquietante quando esce dalla sua tomba). Ci sono gradevoli giochi di luce (l'incubo), il finale è abbastanza teso, l'atmosfera non manca. Non il migliore della serie, ma decisamente un ottimo film. Segnalo i dipinti raffiguranti la stirpe Usher.
MEMORABILE: Le mani sporche di sangue.

Deepred89 19/11/10 10:57 - 3334 commenti

I gusti di Deepred89

Un buon gotico in crescendo, con partenza convenzionale, ritmo lento nei minuti successivi, ripresa nel secondo tempo (con forte aumento del coinvolgimento) fino all'ottimo finale, senza dubbio la parte migliore del film. Confezione povera ma elegantissima, con una bella fotografia dai colori splendidamente gotici (elemento che caratterizzerà anche i successivi horror del regista). Solo quattro attori in scena: Price il migliore, Damon il peggiore, bravo Ellerbe, discreta la Fahey, che parte in sordina e recupera punti negli ultimi minuti.

Von Leppe 23/12/10 13:19 - 1061 commenti

I gusti di Von Leppe

Primo film della serie ispirata a Poe e tratto dal suo più bel racconto: la caduta della casa degli Usher. Atmosfere nuove, gotiche, variopinte negli scenari dipinti e i quadri visionari, in stile moderno all'interno di un film ambientato nell'800. Ci sono dei momenti un po' tirati via, altri molto ben fatti come l'incubo e il finale. Malinconico Price con i capelli sbiancati e la lunga veste rossa nel ruolo del personaggio spettrale e malato di Roderick Usher. Bello come tutti gli altri del ciclo di Poe.
MEMORABILE: Gli occhi dell'antenato nel quadro e quelli di Madeline. L'urlo folle e malefico di Madeline con le mani rigate di sangue.

Puppigallo 9/03/11 15:01 - 4549 commenti

I gusti di Puppigallo

Buon horror vecchio stampo, che può contare su un'ambientazione lugubre e accattivante (il maniero che cade a pezzi e che, come il padrone, sembra mal sopportare gli ospiti) e su attori in parte (maggiordomo compreso), capeggiati da un Price in forma, che qui dà l'impressione di recitare un testo teatrale. Più che il ritmo, non certo forsennato, contano i personaggi e la maledizione che li perseguita, costringendoli a una non vita. Il finale, preceduto da un incubo ad alterni monocolori, è esso stesso un vero e proprio incubo tristemente reale per gli sventurati protagonisti.
MEMORABILE: Price: "Lei ci crede esseri normali, ma la vita ci sfugge"; La sensibilità oculauricolare di Price: "Sento il fruscio dei topi in cantina"; Gli Usher.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Pigro 15/04/11 14:40 - 8093 commenti

I gusti di Pigro

Matheson razionalizza (e semplifica) la complessità del mistero e del soprannaturale presente nel racconto di Poe a cui si ispira, sostituendola con il terrore e la suspense e, narrativamente, con il complotto e la storia d'amore. La resa di Corman è comunque buona, proprio grazie a un ritmo maestosamente incalzante e a una cura speciale dell'immagine, con colori accesi e fiammanti (d'effetto la sequenza onirica e curiosi i ritratti vagamente alla Ensor!). Non secondario l'apporto del titanico Price. E qualche brivido lo dà ancora.

Lucius 21/04/11 23:58 - 2821 commenti

I gusti di Lucius

Un antico maniero e una maledizione, quella della casa degli Usher, una mente malata e un amore al quale non si vuole rinunciare. Tutto ciò ma anche molto altro in una pellicola doc di Corman ispirata ad un racconto di Edgar Allan Poe. Nonostante qualche lungaggine nel primo tempo, la storia è da brividi, con delle sequenze cult e la presenza di alcuni dipinti che contribuiscono ad incutere terrore. Il film è estremamente curato nelle scenografie e nei costumi e cattura anche se non immediatamente, mentre la morte bussa al portone.

Il Gobbo 26/05/11 20:37 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Avvio di una meritatamente fortunata serie. Corman mette a punto factory e ricetta, e trova subito in Price l'interprete più congeniale, capace di fornire tutte le sfumature a costo di mangiarsi i comprimari (anche se Damon non recita così male da giustificare le dolorose fitte che il buon Vincent accusa). Sapiente il crescendo, efficace, nel tripusio di cartapesta, la scenografia (ah, le ragnatele e la polvere di quei film!)

Max renn 28/03/12 00:30 - 80 commenti

I gusti di Max renn

Associare il termine "capolavoro" alle dignitose ma "sbrigative" opere di Corman pare quasi un ossimoro; tuttavia, con "I vivi e i morti" tale accostamento risulta essere assai meno eretico del previsto. Il merito va spartito tra l'inarrivabile carisma di un Price dalla chioma bizzarramente ossigenata e una distinta sceneggiatura in grado di mantenere lo spirito (pregno di un senso di maledetta fatalità) dell'ottimo racconto di Poe, pur apportandovi consistenti variazioni. Senza dubbio il miglior film del regista in assoluto.

Giùan 6/07/12 21:36 - 3131 commenti

I gusti di Giùan

Primo insuperato episodio della saga gotica ispirata a Corman dai racconti di Poe. È palpabile nel film tutta l'emozione del tycoon dell'AIP per la vena aurifera da saccheggiare commercialmente, ma anche una tensione poetico-cinematografica nuova e tutto sommato ancora "vergine". Il racconto delle tare degli Usher diventa così un alto concentrato di ingegneria artigianale, in cui si fondono perfettamente regia, scrittura (Matheson), fotografia (Crosby), scene (Haller) e cast. Di Price inutile dire ma che bravi il vecchio Ellerbe e i ragazzi Damon e Fahey.
MEMORABILE: Il ghigno di dolore di Price per le sue povere orecchie martoriate dalle "urla" di Damon; Il close up degli occhi di Myrna Fahey indemoniata; Il finale.

Rigoletto 4/11/12 14:10 - 1624 commenti

I gusti di Rigoletto

Senza dubbio è un gioiellino che merita davvero di essere visto. Lo spettatore ne sarà beneficiato da quei brividi che non terrorizzano ma che inquietano profondamente; complice, in questo, l'interpretazione dei bravi attori e di Price (biondo e senza baffi) in partcolare. Perfetta l'atmosfera cupa e claustrofobica che appartiene proprio a quei gotici di una volta e le indovinate scenografie. ***

Minitina80 14/07/15 09:51 - 2460 commenti

I gusti di Minitina80

Il racconto di Poe è trasposto degnamente grazie a Corman e Matheson che puntano sulla intensità emotiva e narrativa, sebbene colpisca subito per la fotografia vivida e dai colori assai saturi. Si avvale, inoltre, di un doppiaggio di livello a cui pellicole di questo genere non sono abituate: Cigoli, Locchi, Calavetta e Pettinelli gli donano un profondità e uno spessore non indifferente. Difficile fare di meglio perché la storia di partenza oggettivamente non è granché.

Belfagor 20/05/16 23:08 - 2628 commenti

I gusti di Belfagor

"La caduta di casa Usher" è uno dei miei preferiti tra i racconti di Poe e la trasposizione di Corman riesce a trasmettere il senso d'angoscia che traspira dalla carta stampata. I cambiamenti apportati alla storia non stonano e il cast ridotto a soli quattro attori fa un ottimo lavoro, in particolare Price (biondo e sbarbato) nel ruolo del nevrastenico e fatalista di Roderick. Alcune lungaggini, inevitabili date la brevità del racconto, sono pienamente riscattate da un climax finale semplicemente perfetto.
MEMORABILE: I ritratti della famiglia Usher e le relative storie; L'incubo a tinte blu e viola; La mano sporca di sangue che esce dalla bara; L'incendio.

Saintgifts 6/02/17 18:25 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Bisogna riconoscere che l'atmosfera gotica, merito di buone scenografie e una fotografia che le valorizza, è raggiunta efficacemente. Le interpretazioni sono di buon livello, con un Price talmente convincente che lo si immagina così anche nella vita reale. Corman dirige bene il quartetto; trovo invece la sceneggiatura carente, almeno nella parte sentimentale, allungata e senza nessuna ragione plausibile, se non quella di fare minutaggio per arrivare poi faticosamente allo scopo principale. Ottimi invece i quadri e la descrizione degli antenati.

Rufus68 20/01/18 22:51 - 3221 commenti

I gusti di Rufus68

Un Corman più solido dell'usuale. I suoi impastrocchiamenti poeschi son qui circospetti e quasi raffinati. La temperie gotica viene ripulita degli eccessi posticci del luogo comune per attingere a un notevole livello simbolico (la casa quale genius loci di un'intera casata). Perfetto Price nel simulare la decadenza fisiologica e morale di una stirpe avvelenata dal Male eppure innocente. Peccato per il personaggio di Damon che introduce un elemento goffamente prosaico in un reticolo psicologico altrimenti ben congegnato.

Roger Corman HA DIRETTO ANCHE...

Nicola81 26/07/19 17:24 - 2048 commenti

I gusti di Nicola81

Corman inaugura il suo ciclo di adattamenti di racconti di Edgar Allan Poe. Si parte con "La caduta della casa degli Usher", suggestivo ma non particolarmente adatto per essere trasposto sullo schermo. Infatti nonostante la sceneggiatura di Matheson si prenda alcune licenze rispetto alla pagina scritta, resta una certa lentezza di fondo a dispetto di una durata inferiore agli 80 minuti. I punti di forza sono quindi l'aspetto visivo (un marchio di fabbrica del ciclo) e l'interpretazione come al solito istrionica ma notevole di Vincent Price.

Jena 31/07/19 14:49 - 1240 commenti

I gusti di Jena

Ottima riduzione della celeberrima opera di Poe e uno dei migliori lavori di Corman. Pezzo forte è sicuramente la pazzesca interpretazione di Price, con uno stile sicuramente manierato e barocco ma che rende il suo Roderick Usher indimenticabile, fragile e appena un filo al di là della follia. Di suo Corman ci mette un buon gusto scenografico realizzato low low budget (la casa circondata dalle nebbie e dalla carestia), seppur inferiore a quello dei grandi gotici italiani diretti da Bava e Freda. regia svelta ed efficace.
MEMORABILE: La prima apparizione di Roderick; Le crepe nella casa; La mortifera palude; I quadri satanici degli antenati Usher, la sepoltura di Madeline viva.

Fedeerra 12/02/20 05:55 - 527 commenti

I gusti di Fedeerra

Compatto e lucido - seppur nella sua macabra visionarietà - film di stampo gotico. Una pellicola preziosa, in cui ogni inquadratura (anche la meno importante ai fini della narrazione) è studiata nei minimi dettagli per regalare allo spettatore brividi nefasti e spettrali. Tra i punti di forza di tutto l’entourage spiccano le scenografie di Haller e la vampirica interpretazione dell’immenso Price. Chissà se Argento ne ha tratto ispirazione per il finale del suo Suspiria. Iconico.

Siska80 25/05/20 19:59 - 967 commenti

I gusti di Siska80

La migliore trasposizione cinematografica del racconto di Poe in quanto riesce a ricrearne piuttosto efficacemente l'atmosfera claustrofobica e straniante, mentre la casa che si erge sul Male crolla un po' alla volta come le (non) vite di chi vi abita. Bravo il cast ridotto all'osso (eccelso Price, irriconoscibile senza baffi), bei costumi, ritmo concitato (cui giova altresì la breve durata della pellicola), finale di sicuro effetto.  
MEMORABILE: Roderick mostra i paurosi quadri dei suoi antenati a Philip.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rebis • 13/12/10 17:11
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Dài, speriamo! Stesso discorso per I Racconti del Terrore!
  • Homevideo Noir • 13/12/10 21:44
    Galoppino - 575 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Ma hanno usato questa locandina? Speravo nella prima che avevi postato... Un vero peccato...

    Comunque sia, questa è la locandina italiana originale

  • Homevideo Ciavazzaro • 14/12/10 20:36
    Scrivano - 5619 interventi
    Ottima scelta.
  • Homevideo Noir • 14/12/10 23:52
    Galoppino - 575 interventi
    Arrivato.
    Dopo un accurato confronto, vi posso assicurare che hanno usato lo stesso master della versione MGM (ho il dvd inglese che però non ha l'audio italiano).
    Alcune spuntinature quà e là (mai nulla di invasivo) e colori brillanti.
    L'audio italiano è leggermente chiuso ma i dialoghi sono sempre chiari (avevo una registrazione tv e si sentiva decisamente peggio).
    Il documentario su Vincent Price è lo stesso contenuto nel doppio dvd di Vertigine e dura all'incirca 43 minuti.
    Se vi piace il film...accattatevelo!
  • Curiosità Von Leppe • 23/12/10 10:18
    Call center Davinotti - 964 interventi
    I dipinti che si vedono nel film sono del pittore Burt Shonberg.
  • Homevideo Cotola • 19/04/14 13:59
    Consigliere avanzato - 3653 interventi
    E' uscito in blu ray da qualche giorno per la
    Sinister e pare sia anche un buon prodotto. Lo
    comprerò e vi faro sapere.

    http://www.dvd-store.it/DVD/Blu-Ray/ID-48896/I-vivi-e-i-morti-Sinister-Blu-Ray-02.aspx
  • Homevideo Zender • 19/04/14 17:37
    Consigliere - 43942 interventi
    Ah, quindi la Sinister inizia a lanciarsi nel blu dipinto di blu... Ottima notizia! Attendo di sapere sì!
  • Homevideo Von Leppe • 25/04/14 12:11
    Call center Davinotti - 964 interventi
    Gli extra sono gli stessi del dvd:

    http://ecx.images-amazon.com/images/I/71LEjaQ7ZCL._SL1017_.jpg
    Ultima modifica: 25/04/14 12:12 da Von Leppe
  • Curiosità Buiomega71 • 15/11/15 10:28
    Pianificazione e progetti - 22291 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (Ciclo: " Edgar Allan Poe il maestro del terrore", giovedì 26 luglio 1990) di I vivi e i morti:

  • Discussione Siska80 • 28/05/20 13:31
    Call center Davinotti - 434 interventi
    Quando Roderick Usher rivela a Philip Winthrop il passato della famiglia Usher, nomina alcuni membri:

    -Anthony Usher: ladro, usuraio, mercante di carne.

    -Bernard Usher: imbroglione, falsario, ladro di gioielli, dipendente da droghe.

    -Francis Usher: assassino professionista.

    -Vivian Usher: ricattatrice, prostituta, assassina, malata di mente.

    -Capitano David Usher: contrabbandiere, trafficante di schiavi, genocida.

    Tali informazioni non compaiono nel racconto di Poe, in quanto create ad hoc per il film.

    Fonte: Imdb
    https://www.imdb.com/title/tt0053925/trivia?ref_=tt_ql_2