I due volti della paura - Film (1972)

I due volti della paura

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Gialletto senza molte pretese vagamente ispirato dalle trame di Agatha Christie, che spreca un cast importante (Fernando Rey, George Hilton, Anita Strindberg…) senza riuscire a coinvolgere e dando la netta impressione (confermata dai titoli di coda) che l'idea dalla quale tutto nasce sia quella di mostrare nei dettagli un'operazione chirurgica a cuore aperto realmente condotta in un ospedale di Madrid. La durata che la stessa occupa nel film (una decina di minuti), la dovizia di “particolari impressionanti” e i primi piani sul cuore sono il cardine, probabilmente, attorno al quale ruota il modesto giallo (coprodotto con gli spagnoli) firmato da De Micheli. A condurre le indagini sulla morte di un importante chirurgo...Leggi tutto è il commissario Nardi (Rey), ossessionato dal nervosismo dovuto alla recente astensione dalle sigarette (un vero tormentone, a lungo andare sfinente). I sospetti sono la sua fidanzata (Strindberg), una coppia loro amica (Hilton e Luciana Paluzzi) e il direttore della clinica in cui tutti loro lavorano. Senza il tocco che avrebbe potuto avere un Umberto Lenzi il film si arena presto nella noia. Gli indizi raccolti e le prove sono cosa da poco, la soluzione conclusiva appare piuttosto scontata. Se non ci fosse il mestiere degli attori coinvolti a tenere in piedi la baracca si potrebbe tranquillamente spegnere dopo una ventina di minuti. Non c'è grinta, non un guizzo di brillantezza che salvi dalla mediocrità assoluta una storia che sembra sceneggiata seguendo i più triti canoni del genere. Regia bolsa. Può contattare comunque gli affezionati del whodunit.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 9/03/07 11:15 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Giallo con un bel trio di attori(Hilton, Paluzzi, Strindberg) ma dal risultato mediocre. Senza colpi di scena e con finale piuttosto intuibile, anche se si è visto di molto peggio e una sufficienza gliela si può in fondo dare. Piuttosto sgradevole la lunga e vera operazione a cuore aperto. In una scena girata nella metropolitana di Roma si intravedono due manifesti di Giornata nera per l'ariete.

Deepred89 21/06/07 13:07 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

Mediocre thriller. La sceneggiatura è lenta, noiosa e poverissima di idee, poi tutto si è già visto altrove e meglio. Mediocre anche la regia, che non riesce a creare un minimo di tensione. Curiosissima però la lunghissima scena (dieci minuti) dell'operazione a cuore aperto (il regista filmò l'operazione subita dalla moglie e la inserì nel film). Ottimo invece il cast (Hilton, Strindberg, Rey) e buone le musiche di Micalizzi. Quindi, consigliato solo ai veri appassionati di gialli italiani.

Homesick 9/12/07 17:41 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sobrio e indiziario. Curiosità e interesse emergono solo verso la fine, con l’inserimento della toccante sequenza documentaria dell’operazione cardiaca ripresa dal vero: l’estremo realismo e il gioco di sguardi tra Hilton, la Strindberg e Fajardo introducono un accettabile livello di tensione, fino a quel momento assente. Simpatiche le caratterizzazioni di Rey, commissario in crisi di astinenza da fumo, e il suo assistente Zarzo, che cerca invano di far parlare il pappagallo-testimone...

Ciavazzaro 24/02/08 12:25 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Gialletto che si fa dimenticare presto, con solamente due delitti, nobilitato però da un cast di bravissimi attori (è curioso come in queste produzioni minori ci fossero sempre così tanti nomi importanti): Anita, George, Fajardo (doppiato da Massimo Turci!!!), la Paluzzi, Rey (doppiato dal compianto Carlo Romano). Inaspettata l'operazione al cuore. Buona colonna sonora in stile anni 70', curiosamente vestita la Strindberg. Sufficiente.

Cotola 6/09/08 19:03 - 8443 commenti

I gusti di Cotola

Mediocre giallino, di marca italo-spagnola, la cui unica preoccupazione sembra essere quella di arrivare alla scena dell’operazione a cuore aperto (vera). Per il resto al regista poco importa se lo spettatore si annoi nell’assistere ad un plot di sconcertante banalità con tanto di finale ampiamente scontato. Fernando Rey è sprecato e gli altri attori non sono quel che si dice il massimo. Solo per gli amanti ad oltranza del giallo.

Funesto 9/11/09 17:42 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Thriller girato in funzione di un'unica scena (e lo ammettono anche scrivendolo alla fine), ovvero quella dell'angosciante operazione al cuore (vera) ripresa con gran dovizia di particolari. Sì, perché in fondo la storia coinvolge poco e il film non ha alcun motivo d'interesse; per carità, avrà pure una discreta fotografia, belle scenografie, un buon finale, un ottimo cast (che comunque s'impegna poco)... ma la regia è troppo carente di idee e il film diviene piatto, totalmente senza sangue e senza nudi... Bah! Così così: 2 pallini.
MEMORABILE: L'intervento a cuore aperto effettuato sulla Paluzzi (il film darebbe ad intendere così, in realtà è stata fatta sul cuore della moglie del regista).

Daidae 29/01/10 04:14 - 2968 commenti

I gusti di Daidae

Bel thriller all'italiana. Certo non sarà un capolavoro, ma conta un buon ritmo, dei validi attori e delle belle ambientazioni. Si segnala all'interno del film una scena di intervento chirurgico sul cuore eseguita dal vivo sulla moglie del regista. Niente di eccezionale, ma non male.

Il Dandi 18/07/10 01:01 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Giallo mediocre, con cast interessante e colpo di scena riuscito, ma gravemente carente di idee e di mezzi (i personaggi messi in campo sono troppo pochi e le carte si complicano solo verso la fine). Discutibile e superflua la scelta di inserire nel film la ripresa di un vero intervento chirurgico a cuore aperto, sulla quale il regista indugia orgogliosamente con prolissità, presentandola pomposamente nei titoli (di testa e di coda), cercando a tutti i costi la scena cult da mondo-movie. Ma di memorabile non c'è nulla: si può vedere, tutto qui.

Fauno 23/07/10 12:57 - 2092 commenti

I gusti di Fauno

Di brivido ce n'è davvero poco, ma le sorprese non mancano e i personaggi neanche. Tutti se la giocano fino alla fine e ognuno avrebbe i suoi motivi per far fuori le vittime. Certo che la soluzione è quella più banale, ma proprio perché è la più semplice, fino all'ultimo non viene presa in considerazione. L'assieme fa anche riflettere di quanti chirurghi che potevano quasi fare miracoli con il bisturi si siano rovinati fra loro o dati all'alcolismo solo per un po'di invidia o qualche bell'attributo femminile del loro staff.

Lucius 27/09/10 01:22 - 2968 commenti

I gusti di Lucius

Stranamente realizzato l'anno successivo a Il gatto a nove code - chissà mai perché? - e con chiare influenze argentiane che si riscontrano nei tagli di regia, nella fotografia e nelle molte similitudini con il citato film di Argento (anche nella colonna sonora) trattasi di un discreto gialletto inficiato da inopportune iniezioni sentimentali. Bellissima la protagonista femminile.

Tulio Demicheli HA DIRETTO ANCHE...

Manfrin 10/10/10 23:11 - 366 commenti

I gusti di Manfrin

Modesto giallo dove di paura ce n'è proprio pochina e che verte quasi esclusivamente sul mostrare per circa un quarto d'ora una vera operazione al cuore. La vicenda si svolge infatti in una clinica dove un "quadrilatero" amoroso crea reciproche invidie ed un paio di omicidi. Svogliati gli attori, con Hilton che non cambia mai espressione e Rey commissario onnipresente impropriamente doppiato da Carletto Romano.

Stefania 8/04/12 16:16 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Credo c'entri qualcosa la notorietà del pioniere della cardiochirurgia Christiaan Barnard, in quegli anni chiacchierato come un divo: non si spiega altrimenti la scelta di dedicare una sequenza centrale tanto prolungata ad un intervento a cuore aperto! E, parlando di cuore, l'intreccio è troppo sentimentale, il cinismo è di facciata, come giallo non vale più di un telefilm, anche la regia è svogliata e lenta, anche in momenti quali il pedinamento della Paluzzi, quando ci si poteva sbizzarrire con qualche trovata ansiogena... Lo dico col cuore in mano: inaccettabile vaccata!
MEMORABILE: La presenza di Fernando Rey in siffatta pellicola è un evento inspiegabile, e il suo doppiaggio italiano è inascoltabile!

Rufus68 11/04/16 22:51 - 3602 commenti

I gusti di Rufus68

Scialbo pastrocchio giallo che, se non altro, vanta questo record: la trama è talmente inconsistente da risultare confusa. Suspense sottozero (compresa la scena clou dell'operazione a cuore aperto), incongrui e fastidiosi gl'inserti comici e la rivelazione finale cade fra gli sbadigli. Cast comatoso, sprecato Fernando Rey.

Faggi 1/08/16 01:28 - 1531 commenti

I gusti di Faggi

Come giallo è sbiadito; non per effetto del tempo, è nato proprio così. Oltre che sbiadito è insipido, manca di mordente ed è ulteriormente sfregiato dai tentativi di umorismo. Non che l'umorismo nei gialli sia fuori luogo, è qui che non funziona. Come B-movie del periodo d'oro italico e per gli sfegatati del genere in questione qualche motivo per essere visto lo ha. Salvabile, insomma e poco più.

Nicola81 15/05/17 15:39 - 2483 commenti

I gusti di Nicola81

A parte la lunga sequenza dell'operazione chirurgica, è un giallo che lesina le emozioni forti puntando sul sentimentalismo e sui siparietti umoristici più che sui veri spaventi. La regia di De Micheli trova qualche momento ansiogeno nell'utilizzo delle soggettive e nel pedinamento della Paluzzi, ma a tenere in piedi la baracca sono la tipica scorrevolezza del nostro cinema bis, l'ottimo cast italo-iberico e le suadenti note di Micalizzi. Gli appassionati dello spaghetti thriller lo possono anche recuperare, ma senza impegno.
MEMORABILE: Il secondo omicidio; Il finale.

Jdelarge 29/11/17 00:28 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Interessante per l’atmosfera elegante e soffusa che Demicheli riesce a creare, complici anche i bei volti degli attori e le musiche di Micalizzi. La trama, seppur ridotta all’osso, riesce a coinvolgere perché obiettivamente ogni personaggio potrebbe essere colpevole. Chiaramente non c’è nessun approfondimento sul carattere dei personaggi, i quali sono semplici pedine funzionali allo sviluppo della storia. Gradevole e, a suo modo, imprevedibile.
MEMORABILE: L’operazione al cuore.

Ronax 8/10/18 00:37 - 1098 commenti

I gusti di Ronax

Tolte la folgorante bellezza della Strindberg, il fascino malizioso della Paluzzi, la suggestione dell'operazione a cuore aperto filmata dal vivo e la simpatica caratterizzazione di Fernando Rey, questo gialletto complottistico italo-iberico offre veramente ben poco di memorabile. Girato correttamente ma inficiato alla base da una sceneggiatura povera di sorprese e di tensione, non riesce a coinvolgere lo spettatore con il consueto gioco delle false piste e men che mai con un deludentissimo finale. Esterni equamente divisi fra Roma e Madrid.
MEMORABILE: L'operazione a cuore aperto che venne in realtà effettuata sulla moglie di Demicheli.

Pinhead80 20/03/22 21:13 - 4334 commenti

I gusti di Pinhead80

Una donna a cui sta molto a cuore la propria clinica decide di fare tutto il possibile per trattenere il primario alle sue dipendenze. Un delitto efferato minerà l'equilibro delle persone che ruotano attorno a questa attività. Giallo italo-spagnolo che semina e raccoglie veramente poco. La noia la fa da padrona in un'opera che si sofferma su dettagli insignificanti e fuori tema (l'interminabile operazione al cuore), capaci solo di stroncare definitivamente l'attenzione dello spettatore. Tutto è molto scontato e prevedibile e i personaggi troppo stereotipati.

B. Legnani 12/08/22 19:14 - 5273 commenti

I gusti di B. Legnani

Mediocrissimo giallo italo-spagnolo, la cui soluzione finale è francamente risibile. Ma pure quanto precedeva lasciava una forte sensazione di incompiutezza, di trascuratezza. Intrecci erotici condotti in maniera un po' ridicola, come insulsi sono i tentativi di dare tocchi umoristici. La Paluzzi è la più intensa, la Strindberg la più spettacolare, mentre Hilton pare passivo e la prova di Rey è rovinata dall'inopportuno doppiaggio di Carlo Romano. Quando si dice che la cosa migliore sono gli spezzoni presi da una vera operazione al cuore (peraltro ben inseriti), si è detto tutto...
MEMORABILE: Gli occhi della Strindberg, sopra la mascherina chirurgica.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 3/03/11 21:13
    Scrivano - 8910 interventi
    Questo Micalizzi è una vera scoperta...
  • Musiche Ciavazzaro • 5/03/11 21:14
    Scrivano - 5616 interventi
    Ottimo autore,tutto da godere.
  • Homevideo Mco • 13/10/11 17:15
    Scrivano - 9942 interventi
    Volevo esporre una comparazione specifica tra la vecchia edizione home video e una versione tv circolante (da tv privata piemontese), entrambe in mio possesso. Per facilità di lettura HV starà per home video version, TV per versione televisiva.
    Iniziamo l'analisi dai titoli di testa:
    HV Titolo preceduto da "George Hilton in" e poi cast e ammonimento circa l'operazione insita nel film.
    TV Si parte con il cast e poi, insertato alla bell'e meglio, un inseguimento d'auto e di colpo il titolo del film urlato come se si stesse presentando il film in un trailer.
    Svolgimento opera sino all'operazione:
    uguale esposizione per entrambe le versioni.
    Operazione (dal minuto 59:50 circa e
    precisamente dal momento in cui in sala operatoria viene detto "quando vuole possiamo incominciare" )
    :
    HV Si parte con qualche sguardo, parola, inquadrature all'orologio e poi si arriva alla richiesta dei bisturi, con breve apertura della carne.
    Qui si inserisce uno stacco sul commissario che viene informato del ritrovamento di un orecchino. Poi si torna al tavolo operatorio e si inizia con il seghetto e la divaricazione, con brevi intervalli riferiti al video della donna.
    TV Si parte con seghetto e divaricazione delle carni, poi stacco sul video della donna e poi di nuovo sul tavolo operatorio.
    Manca totalmente il momento relativo al ritrovamento dell'orecchino.
    Proseguio operazione:
    la versione TV perde qualche frammento dell'operazione rispetto alla HV.
    Finale:
    identico in entrambe le versioni
    Complessivamente:
    HV durata di 1:24:30 circa. TV durata di 1:20:30 circa.
    Buona visione
    Ultima modifica: 13/10/11 17:19 da Mco
  • Discussione Ciavazzaro • 13/10/11 20:47
    Scrivano - 5616 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Volevo esporre una comparazione specifica tra la vecchia edizione home video e una versione tv circolante (da tv privata piemontese), entrambe in mio possesso. Per facilità di lettura HV starà per home video version, TV per versione televisiva.
    Iniziamo l'analisi dai titoli di testa:
    HV Titolo preceduto da "George Hilton in" e poi cast e ammonimento circa l'operazione insita nel film.
    TV Si parte con il cast e poi, insertato alla bell'e meglio, un inseguimento d'auto e di colpo il titolo del film urlato come se si stesse presentando il film in un trailer.
    Svolgimento opera sino all'operazione:
    uguale esposizione per entrambe le versioni.
    Operazione (dal minuto 59:50 circa e
    precisamente dal momento in cui in sala operatoria viene detto "quando vuole possiamo incominciare" )
    :
    HV Si parte con qualche sguardo, parola, inquadrature all'orologio e poi si arriva alla richiesta dei bisturi, con breve apertura della carne.
    Qui si inserisce uno stacco sul commissario che viene informato del ritrovamento di un orecchino. Poi si torna al tavolo operatorio e si inizia con il seghetto e la divaricazione, con brevi intervalli riferiti al video della donna.
    TV Si parte con seghetto e divaricazione delle carni, poi stacco sul video della donna e poi di nuovo sul tavolo operatorio.
    Manca totalmente il momento relativo al ritrovamento dell'orecchino.
    Proseguio operazione:
    la versione TV perde qualche frammento dell'operazione rispetto alla HV.
    Finale:
    identico in entrambe le versioni
    Complessivamente:
    HV durata di 1:24:30 circa. TV durata di 1:20:30 circa.
    Buona visione


    Mi hai messo curiosità di vedere la mia versione registrata da AB CHANNELL,ma non dovrebbe essere come quella tv da te descritta (di sicuro il titolo non è così)
    Ultima modifica: 25/01/17 07:39 da Zender
  • Discussione Mco • 13/10/11 22:38
    Scrivano - 9942 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Mi hai messo curiosità di vedere la mia versione registrata da AB CHANNELL,ma non dovrebbe essere come quella tv da te descritta (di sicuro il titolo non è così)
    Ciao mitico Ciavazzaro!
    Sono contento che abbia suscitato curiosità la mia disamina comparativa.
    Ho riportato ciò proprio in virtù del fatto che tale versione tv rimontata/interpolata mi è da sempre parsa strana ma non avevo mai avuto tempo di raffrontarne i contenuti con l'omologa da home video.
    Se e quando vedrai la Tua Ab channel version mi farebbe piacere me ne rendessi edotto.
    Grazie mille. Ciao ciao
  • Discussione Buiomega71 • 14/10/11 00:37
    Pianificazione e progetti - 24253 interventi
    Davvero interessante Mco. Pensa che questo film l'ho avuto tra le mani tempo fa: la vhs Videogram con in copertina un sinistro chirurgo con bisturi alla mano. Non mi hai mai ispirato granché. Oggi me ne pento :(
    Ultima modifica: 14/10/11 08:40 da Zender
  • Discussione Mco • 14/10/11 19:54
    Scrivano - 9942 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Davvero interessante Mco. Pensa che questo film l'ho avuto tra le mani tempo fa: la vhs Videogram con in copertina un sinistro chirurgo con bisturi alla mano. Non mi hai mai ispirato granché. Oggi me ne pento :(
    Ciao mitico, che piacere sentirTi!
    Noooo, non mi dire che Ti sei lasciato sfuggire questa rarità (parlo per completisti/collezionisti come noi)!!
    Il film in sè non è eccellente ma la sua poca reperibilità ai tempi delle prime uscite home video me lo aveva fatto ergere a cult.
    Come capita sempre quando noi "maniaci" aneliamo una pellicola che puntualmente si rivela poi una piccola o grande delusione.
    Comunque vale sempre la pena raffrontare le varie versioni (stanotte l'ho fatto anche con Nero Veneziano)...
    Ciao ciao
    Ultima modifica: 14/10/11 19:55 da Mco
  • Discussione Buiomega71 • 14/10/11 19:59
    Pianificazione e progetti - 24253 interventi
    Ehilà mitico Mco. Purtroppo non mi ispirava più di tanto, e poi De Micheli, mhà...

    Magari lo recupererò su E BAY, a modico prezzo, si intende.

    Ah, Mco, grazie a una tua recensione ho preso(a 2 euro!) Il gioco infernale, film messicano del 1984. Credevo fosse una boiata, ma il tuo commento mi ha incuriosito non poco. Grazie, amico mio! ;)

    Ps: Adoro Nero veneziano
    Ultima modifica: 14/10/11 20:00 da Buiomega71
  • Homevideo Xtron • 24/01/17 22:54
    Servizio caffè - 2019 interventi
    Il dvd CINEKULT / SURF VIDEO

    Audio italiano
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 2.35:1 anamorfico
    Durata 1h24m25s
    Extra: Intervista a Claudio Bartolini

    Immagine a 46'56 (grazie a Digital per il fotogramma)

    Ultima modifica: 25/01/17 07:38 da Zender
  • Curiosità Alexpi94 • 13/09/18 23:26
    Galoppino - 178 interventi
    Dalla collezione Alexpi94 il flano del film: