Hellraiser - Non ci sono limiti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Hellraiser
Anno: 1987
Genere: horror (colore)
Note: Il film è tratto dal breve romanzo dell'orrore "Schiavi dell'inferno" dello stesso Clive Barker, del 1986.
Numero commenti presenti: 55
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Forse l'esordio cinematografico di quell’autentico genio della letteratura horror che è Clive Barker faticherà a uscire dall'ambito ristretto dei cultori del genere: troppo compiacimento nelle scene sanguinarie, troppa insistenza nel dare spazio a maschere che a qualcuno potrebbero apparire solo carnevalesche... Sarebbe un peccato, perché HELLRAISER e invece un’originalissima incursione dark nei territori del sadomasochismo: i Supplizianti (Cenobiti in originale) sono custodi dei segreti di un mondo nascosto dove dolore e piacere coincidono. Basta giocare con i meccanismi di una scatola orientale e loro arrivano da te, pronti a farti conoscere un universo fatto di catene e uncini, pali della tortura e carne a brandelli. Basterebbe la...Leggi tutto genialità visionaria che ha ispirato il make-up dei Supplizianti a dare l’idea del talento di Barker, ma l'inglese si spinge oltre: esibisce un'assoluta padronanza dei mezzi tecnici, dirige il cast con consumata perizia, sfrutta una fotografia dai sorprendenti contrasti cromatici e con la musica di Christopher Young (fondamentale, dall'andamento solenne e classicheggiante) rifinisce il tutto trovando finalmente una via nuova e personale all'horror. Se pensiamo che gran parte del film è ambientato all'interno della stessa casa capiremo quanto sia abile Barker nel non farcelo quasi notare (tale è la varietà degli eventi); eccellente l'utilizzo del sanguinoso make-up, bravi tutti gli attori, ma è chiaro che il merito maggiore va alla fantasia del regista/scrittore, davvero straordinaria. Probabilmente il miglior horror inglese di sempre. Imperfetto, per alcuni versi persino rozzo; eccessivo, ambizioso ma terribilmente affascinante.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 22/02/07 22:08 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Sono sicuro: uno dei migliori horror esistenti, sia per quel che riguarda la sceneggiatura (lineare e precisa, senza buchi), sia per l'interpretazione dei personaggi (mi riferisco ai Supplizianti, veramente spaventosi e sanguinari), sia per gli effetti visivi, visto che il film in questione comincia ad essere piuttosto datato (1987). Spaventoso è forse il più bel complimento che si possa fare ad un film di questo genere, da vedere assolutamente e rigorosamente al buio e da soli.

G.Godardi 10/03/07 17:37 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Interessante esordio di un noto scrittore horror, con una favola horror gotica che inscena conflitti edipici non risolti, sensi di colpa e scontri tra donne. La figura di Pinhead qui è solo marginale, il nocciolo della vicenda sta altrove. Effetti speciali bellissimi di Bob Keen. Atmosfera malsana e spaventi assicurati. Non del tutto riuscito (vi sono palesi problemi di ritmo e di scorrevolezza) ma assolutamente da non perdere. Influenzato dalla Body Art (il palo delle torture e il look dei cenobiti).

Fabbiu 16/03/07 01:10 - 1933 commenti

I gusti di Fabbiu

Effettivamente mi sono accorto che Pinhead non è poi tanto inquadrato, nel film. L'orrore è centrato su altri temi, e precisamente su Frank "sbrandellato" che vuole tornare in un corpo sano complottando con Julia. I Supplizianti sono demoni che corrispondono all'estremo tormento, di una pena che paga i peccati carnali e la ricerca del piacere. Si gioca tutto su paradisi e demoni, mondi astratti... e penso che sia prorpio questa "filosofia" da premiare: originale e lontana dai riciclaggi vari.

Undying 20/04/07 18:15 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Clive Barker ha il coraggio di tentare nuovi percorsi nei meandri del genere horror. Il duplice aspetto piacere/dolore, rappresentato dai Supplizianti in tenuta rigorosamente sado-maso, abbinato alle feroci sequenze (circonvicine alla necrofilia) ha il compito di spiazzare lo spettatore, abituato (nel 1987) a film horror molto più "solari", patinati, ironici (purtroppo). Lo sporco che pervade il film di Barker è sinonimo dell'animo (nero) umano: nel film mai semplicisticamente suddiviso in buono o cattivo, ma limitrofo ai due (contro)valori.
MEMORABILE: Pinhead, rivolto alla spaurita Kirsty: "ti strapperemo il cuore... e poi te lo faremo a pezzi!"

Puppigallo 31/05/07 19:00 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Horror originale, marcio e angosciante (i tre ingredienti fondamentali). La lenta rinascita è favolosa, per non parlare dei supplizianti (faccia chiodata è la sintesi dell’orrore e della sofferenza). E il bello è che tutto nasce da una sorta di gioco (un cubo). Più procede, più la tensione cresce, come cresce il bisogno di sangue, in un gioco perverso, deviato e morboso tra i due protagonisti (impressionante quando lui striscia fuori dall’ombra). Ci sono giusto un paio di rallentamenti (quasi fisiologici). Ma nel complesso è grande cinema!
MEMORABILE: Il puzzle facciale all'inizio e il pazzesco finale.

Il Gobbo 20/02/08 16:39 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Passaggio dalla carta stampata al grande schermo per il polivalente Barker, autore prolifico e un po' lambiccato, come questo film pieno di tempi morti e effettaci grandguignoleschi senza particolare coesione narrativa o viceversa estro anti-narrativo. Nonostante qualche trucco riuscito (fra i quali però non si annovera quello dell'icona del film, una sorta di cantante dei Rockets usato come puntaspilli) una discreta pizza, che aumenta il novero dei supplizi includendovi quelli inflitti agli spettatori. Yawn...

Lythops 12/07/16 07:40 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Realizzato con pochi mezzi, in una casa vera e con una sola macchina da presa, è un film che, nonostante le imperfezioni e le purtroppo evidenti disarmonie interpretative (Ashley Laurence non regge di fronte alla Higgins, per non parlare di Robinson e Hines), coinvolge e spesso suscita sentimenti di ammirazione per l'intelligenza di alcune sequenze, molto rare da trovare in un horror. Meravigliosi i supplizianti, in particolare l'occhialuto. Con un budget adeguato e attori migliori sarebbe stato un capolavoro.

Redeyes 23/05/08 10:35 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Hellraiser è di diritto entrato nell'Eden dei film horror, questo perché sfrutta sì un'idea di partenza non originalissima, ma la sviluppa attingendo da innovative visione oniriche del terrore. I Supplizianti sono icona di un tormentato animo umano in cui coesistono male e bene. Alcuni momenti virano in direzione di un'atmosfera che per quanto cupa strizza comunque l'occhio a quell'umorismo che pervade (e deve farlo) ogni buon film dell'orrore. Innovativo ed unico nel suo genere. Consigliabile; magari non prima di una seduta di agopuntura, però!

Cotola 12/06/08 19:37 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Straordinaria opera prima di Clive Barker che colpisce soprattutto per il suo stile visionario e violento che ancora oggi, a più di vent'anni dalla sua uscita, non ha perso un briciolo della sua forza. Notevoli ed indimenticabili i personaggi dei supplizianti tra cui spicca, ovviamente, Pinhead. Trucco magistrale ed effetti speciali semplicemente fantasmagorici. Una perla di inestimabile valore del genere horror che non bisogna lasciarsi assolutamente sfuggire anche perché ormai oggi, purtroppo, è impossibile realizzare film di questo tipo.

Herrkinski 20/06/08 18:17 - 5130 commenti

I gusti di Herrkinski

Punta di diamante dell'horror britannico "moderno", con "Hellraiser" lo scrittore Clive Barker porta su schermo un suo racconto, dimostrandosi anche un buon regista. Visivamente notevole, su tutto l'eccezionale look dei Supplizianti (di cui il leader Pinhead sarà destinato a diventare un'icona immortale e fortissima dell'horror). Morboso, oscuro, decadente e malvagio, il film disegna una storia davvero intrigante e pregna di perversione, beneficiata da effetti speciali all'altezza e da parecchie trovate geniali. Molto buoni anche gli interpreti.
MEMORABILE: La prima apparizione dei Supplizianti.

Ciavazzaro 22/06/08 12:21 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Film che ha fatto nascere una creatura horror degna di interesse. Ben realizzato dall'esperto Clive Barker, con convincenti effetti speciali (compresi sangue e frattaglie) e discrete intepretazioni. Buona atmosfera, curiosa e ben riuscita l'idea della macchina infernale. Da vedere.

Onion1973 3/01/09 19:45 - 154 commenti

I gusti di Onion1973

Stupendo. La trasposizione cinematografica delle impressionanti (e straordinariamente potenti) visioni di Barker. Una scatola magica apre le porte all'inferno dei supplizianti (o cenobiti), esseri demoniaci portatori di piacere e dolore, facce dello stesso cubo. Le metafore sul sacrificio, sulla passione, sul tradimento e sul sesso, si sprecano e addobbano il film di svariati significati. Ma anche una lettura più superficiale e di stomaco, affidata alle luci e alle ombre rosso sangue che si intravedono, non lascerà insoddisfatti. Demoniaco.
MEMORABILE: "Siamo esploratori delle più recondite regioni dell'esperienza. Demoni per alcuni, angeli per altri.". O qualcosa del genere ;-).

Daidae 26/01/09 02:20 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Uno dei più bei film dell'orrore anni 80. Christine e la famiglia vanno ad abitare nella casa che fu dello zio Frank, il quale ebbe un incontro non proprio fortunato con i supplizianti, creature infernali che tramite il supplizio della carne... Gran film, con ottime musiche e ottimi attori. Purtroppo il vizio di fare sequel ad ogni costo porterà diversi registi a cimentarsi con la saga sfornando ben 5 seguiti uno peggiore dell'altro..
MEMORABILE: L'incontro di Christine coi supplizianti, il barbone demoniaco.

Sabryna 13/08/09 12:23 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Dal genio di Clive Barker non poteva che nascere un ottimo film, capostipite di una lunga saga, come da buona tradizione degli horror degli '80. Ottima la fotografia, l'uso dell'inquadratura non stanca lo spettatore e gli effetti speciali risultano più che buoni anche visti con l'occhio di oggi. Splatter nelle giuste dosi, più da fumetto rispetto all'uso che se ne fa oggi. Indimenticabili i cenobiti (o supplizianti che dir si voglia); su tutti spicca, ovviamente, Pinhead (maschera omaggiata anche da uno degli Slipknot). Bello davvero.
MEMORABILE: Le scene con i cenobiti e il loro look.

Noir 31/10/09 12:20 - 24 commenti

I gusti di Noir

Anche se si discosta parecchio dallo scritto originale, Clive Barker riesce a creare per il film questo clima malsano e perverso che richiama subito allo spettatore un'atmosfera malvagia. Ottimo il make-up dei Supplizianti, figure androgine costrette a soffrire e a far soffrire. Peccato che Barker dopo questo ottimo esordio da regista non sia più riuscito a ripetersi.
MEMORABILE: Gli avvenimenti che precedono l'arrivo dei Supplizianti.

Harrys 1/11/09 01:14 - 682 commenti

I gusti di Harrys

Conturbante classico del genere orrorifico. Si distingue per una chiara appartenenza agli 80's, irripetibile ai giorni nostri. Visionario ed angosciante, sprizza erotismo da ogni fotogramma, non disdegnagno tracce di puro sadomasochismo. Il look dei Supplizianti (o Cenobiti, che dir si voglia) è entrato di forza nell'immaginario collettivo, in particolar modo quello del boss Pinhead. Singolare l'espediente del cubo destrutturabile, così come l'ambientazione esotica iniziale e finale. Da ricordare la sequenza nella stanza d'ospedale. ****

Pinhead80 28/02/10 17:29 - 3947 commenti

I gusti di Pinhead80

Agghiacciante horror diretto da Clive Barker. Tutto ruota intorno ad una scatoletta diabolica che bisognerebbe cercare di lasciar stare... Il film è di fortissimo impatto visivo, con alcune scene che definire claustrofobiche è sicuramente eufemistico. I "Supplizianti" sono creati ad hoc (tra tutti pinhead) e le atmosfere fanno letteralmente raggelare il sangue. Un incubo senza fine.
MEMORABILE: La scena dell'ospedale. Il palo delle torture.

Greymouser 29/03/10 00:44 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Tratto dalla sua novella "The Hellbound heart", il film di Barker supera di slancio il modello letterario portandolo sullo schermo con una follia visionaria di rara potenza, grazie all'immaginazione morbosa dello scrittore inglese. La regia riesce anche ad assegnare i ruoli nel cast in maniera efficace, facendo emergere la figura-culto di Pinhead, che diventerà giustamente l'icona di tutta la saga dei sequel, affidati purtroppo a mani meno capaci e fantasiose.

Tomastich 7/04/10 11:51 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

È un caposaldo dell'horror mondiale, è seminale, tuttavia è anche molto bello: storia nera, affascinante; il make-up raggiunge vette altissime e pure il mood in cui è immersa la pellicola è di una classe rara. Da notare come "Pinhead" si veda sì e no 10 minuti in tutto film.

Enzus79 3/08/10 16:58 - 1798 commenti

I gusti di Enzus79

La fantasia di Clive Barker è da apprezzare, ed è questo il pregio più grande. Solitamtente gli scrittori alla regia mi hanno sempre deluso (eccetto Chrichton cpon il suo Mondo dei robot), ma qui Barker se la cava. Attori mediocri: non si poteva chiedere di più, in un film a basso costo.

Rickblaine 2/08/10 22:24 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Ottimo horror di Clive Barker che qui dimostra non solo di essere bravo sotto il profilo narrativo, ma anche tecnico e cinematografico. Il film dura poco e questo sminuisce l'opera, che poteva filare ancora meglio. Uno di quegli horror che lasciano il segno anche a molti anni di distanza.

Losciamano 3/08/10 16:03 - 112 commenti

I gusti di Losciamano

Un buon film, ma soprattutto un buon horror. Si lascia spesso condizionare da un cast un po' "facile" e dalla durata, tuttavia la sostanza c'è. Clive Barker, infine, si dimostra non soltanto un bravo scrittore di genere bensì anche un bravo regista. Da non perdere.

Buiomega71 28/01/11 11:21 - 2262 commenti

I gusti di Buiomega71

Rivisto adesso, rimane ancora un gran bel film, nonostante siano passati 24 anni. Barker era già avanti con i tempi e le sue torture, il marcio, la carne e il sangue, anticipano tutto il "torture porn" odierno. Quando appaiono i Cenobiti a Kristy, nella stanza dell'ospedale, c'è ancora tifo da stadio. Julia con il viso sporco di sangue, davanti allo specchio, non può non far venire alla mente l'Adjani di Possession (con cui Hellraiser ha più di un legame). Ottimi gli sfx di Bob Keen e si respira odore di sangue barkeriano. Immortale.
MEMORABILE: Julia che porta a casa uomini occasionali, le sfonda la testa a martellate e Frank si ciba dei loro corpi per rigenerarsi.

Galbo 4/02/11 05:55 - 11385 commenti

I gusti di Galbo

Opera prima dello scrittore Clive Barker e primo di una lunga serie di film dedicata alle figure dei Supplizianti, Hellraiser si colloca a buon diritto tra i migliori horror realizzati nell'ultimo trentennio. Una storia originale ed efficace si unisce alla capacità del regista di realizzare un'atmosfera realmente torbida ed angosciante. Efficacissimi effetti speciali e buona prova degli attori.

Mdmaster 4/02/11 09:56 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Da uno scritto originale di Barker, l'autore inglese dirige un film solido che tiene bene i suoi annetti. Con l'aiuto di diversi amici e colleghi, tra cui lo stesso Doug Bradley nei panni del leader dei Cenobiti, Pinhead, la realizzazione è di molto superiore al racconto. Nonostante le ampie dosi di sangue, membra strappate e sudore, c'è poi molto che viene lasciato all'immaginazione dello spettatore; scelta apprezzabile. Atmosfera densa e palpitante, cast più che decente, gran soundtrack di Young ed effetti ottimi. Classico, da vedere.
MEMORABILE: Frank che si ricompone con i vari uomini che Julia porta a casa; la prima visita dei Cenobiti.

Luchi78 23/05/11 14:54 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Capace di dispensare ancora dosi di orrore inquietanti e disturbanti, accusa il peso dei suoi anni in alcune scelte costumistiche. Tra i supplizianti, oltre all'ormai mitico Pinhead, si salvano in pochi dallo stile di mostro un po' kitsch probabilmente in voga negli anni '80 (che d'altronde stona con l'impianto scenico del film). Evitabili anche gli effetti speciali sul cubo che richiama i supplizianti. A parte questo... quattro pallini non glieli toglie nessuno!

Mickes2 3/06/11 17:19 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Buon horror di Barker che fa delle venature fantascientifiche il suo punto di forza. Regia solida, geometrica e claustrofobica, che indugia sui primi piani proprio a trasmettere quel senso di inquietudine che tanto serve. Dalla grande messa in scena, ed effetti che fanno invidia a parecchi horror moderni. L’atmosfera che si respira è di quelle marce, malsane, visionarie… Pinhead è poco inquadrato in questo primo episodio, ma chi se lo dimentica con quella faccia e quegli spilli in testa!

Lupoprezzo 22/07/11 17:15 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Il confine tra piacere e dolore, una soglia labile che si confonde, che eccita le fantasie più profonde. Ecco un altro cult degli anni 80, diretto sorprendentemente bene dallo scrittore Clive Barker, che ne cura anche la solida e siddisfacente sceneggiatura. Gli effetti speciali sono il piatto forte: ben somministrati e soprattutto ben realizzati. In questo primo episodio i cenobiti hanno poco spazio, ma va bene lo stesso visto che la storia funziona alla grande. Indimenticabili la scatola e i ganci che si conficcano nella pelle.

Rambo90 6/10/11 14:17 - 6344 commenti

I gusti di Rambo90

Vero e proprio cult tra gli horror degli anni ottanta, mi ha colpito soprattutto per l'originalità e la fantasia della storia, davvero da incubo, in cui Barker porta gli spettatori. Make-up ed effetti speciali incredibili per l'epoca (e alcuni anche per oggi) e un cast davvero in parte (su tutti la Higgins, davvero spregevole). Bella la colonna sonora e notevoli le numerose scene sanguinolente (fra cui lo smembramento di Frank con i ganci). Imperdibile.
MEMORABILE: La vera identità del barbone.

Belfagor 15/10/11 09:45 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

In questa sua sorprendente opera prima Clive Barker mostra ambizione e talento visionario, affrontando nuove tematiche per aggiornare il genere horror. I Supplizianti, portatori di piacere e dolore, rappresentano quella componente sadomasochistica insita nell'horror ma mai esacerbata fino a questo punto. Sequenze di grande impatto, ambienti claustrofobici, sangue sparso abbondantemente ma anche con molta abilità. Morboso, un incubo terribilmente concreto. Pinhead compare poco, ma si fa ricordare per il suo orrido volto infilzato dagli spilli.

Smoker85 20/10/11 17:00 - 390 commenti

I gusti di Smoker85

Gran bell'horror che credo possa considerarsi tra i classici del genere. Nonostante l'evidente penuria di mezzi il film ha comunque il giusto impatto, mostra efferatezze senza compiacimento. Il mistero e la suspance avvolgono il film grazie anche alle musiche azzeccate. Nonostante non vi siano nel cast nomi altisonanti, gli attori rispondono benissimo (a parte forse il fratello del protagonista). Brevi ma d'effetto le apparizioni dei cenobiti. Straconsigliato.
MEMORABILE: Le apparizioni dei cenobiti; La morte "definitiva" di Frank; Il finale, sebbene forse troppo veloce.

Homesick 10/11/11 17:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Scatola magica spalanca le porte dell’Inferno in una stretta mortale fra piacere e dolore. Dall’esile spunto narrativo, un’opera di eccezionale potenza visionaria e precisione tecnica, incubo senza fine lungo un tunnel di gelide luci soffuse, epidermidi asportate e lacerate da uncini, mostri mucillaginosi e spiragli fumidi che annunciano la materializzazione dei quattro Cenobiti con il loro incredibile corredo sadomaso-cyberpunk. Non meno impressionante e perversa la coppia costituita nel sottofinale da Robinson e dalla Higgins, ipotetico ponte tra quelle di Walker e di Craven. Fulciano.
MEMORABILE: Le apparizioni di Frank (mostro) e dei Cenobiti; i brandelli di pelle asportata; il barbone.

Kekkomereq 30/11/11 19:42 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Il cult per eccellenza di fine anni '80 è il debutto dietro alla macchina da presa di Clive Barker: il film inaugura il filone dei torture-porn che verrà ripreso dagli infiniti sequel di Saw e da qualsiasi stupido film di quell'incompetente di Eli Roth. Il film ha degli effetti speciali ottimi e anche le scene dei sogni sono realizzate discretamente. Barker non ha niente da invidiare al collega Stephen King, il quale col suo esordio alla regia ha fatto molto peggio di questo gioiellino.

Macguffin 17/12/11 10:28 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Barker in definitiva confeziona un incubo: soggetto d'impatto, inquietante e ricco di implicazioni; atmosfera morbosamente malsana; gran uso delle musiche e, soprattutto, un potente immaginario visivo che coglie nel segno (basti pensare a Pinhead). E, dopo un incubo, comunque conta di più quanto ci siamo sentiti angosciati rispetto a qualche riflessione a mente fredda su plausibilità, recitazione, o su certi aspetti (vedi gli effetti speciali sulla scatola, o il Suppliziante obeso, o il barbone) che sfiorano pericolosamente il ridicolo.

Rebis 8/01/12 17:16 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

La pulsione libidica richiama l'amante dal regno dei morti. Il fratello rigenera il suo corpo dal sangue del fratello. La figlia sublima l'impulso incestuoso mortificando il corpo del padre. La statura di personaggi e azioni è mitologica, primordiale, priva di motori psicologici. La maestosità dell'averno è dentro ai muri, nella luce sfatta, tra le effigi sudice, in una oscena, ghignante integrità. Il finale è frettoloso e approssimato, ma si può soprassedere. Clive Barker ricava dalla mediocre matrice letteraria un horror numinoso, frutto di un'incondizionata elaborazione intellettuale.

Von Leppe 7/03/12 12:42 - 1026 commenti

I gusti di Von Leppe

Scarno nell'ambientazione, ma ricco di creature mostruose tra cui spiccano i supplizianti e la creatura nel corridoio che danno l'idea di altre infernali dimensioni. Notevole la storia del protagonista riuscito a scappare dai piaceri estremi dei cenobiti, che cerca di ricomporsi... Geniali la scatola che apre le porte e Pinhead. Malgrado tutti i buoni elementi il film è inferiore a quello che avrebbe potuto essere: colpa di alcune soluzioni visive e della trama, che non esaltano la ricchezza delle trovate.

Bergelmir 28/03/12 13:01 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Senza dubbio un film di idee ben strutturate che l'autore/regista ha saputo sfruttare per creare una storia fatta di incubi e di visioni terrificanti, sulla probabile scia dell'Argento di Inferno e del Fulci dell'Aldilà. Sono molte le inconsistenze e talvolta anche le ingenuità quasi fumettistiche nella storia, tuttavia il fascino delle immagini riesce a sostenere la visione fino alla fine. Sopravvalutato, ma è un film che ha fatto epoca.

Nipo 17/06/12 00:31 - 40 commenti

I gusti di Nipo

Bellissimo horror duro e puro, dalle atmosfere vagamente fetish. La visionarietà è padrona, un senso malato permea la casa teatro delle vicende. L'idea del piacere e del dolore porta i personaggi ad un livello di malsanità notevole: tutti sembrano avere una sessualità deviata, salvo la classica vergine che può agognare alla salvezza finale. Su tutto spicca la creazione Pinhead, vero sacerdote del dolore, nuova icona dell'horror! Film fondamentale del cinema horror. Musica evocativa!
MEMORABILE: L'arrivo di Pinhead; La rinascita di Frank dal sangue del fratello (condita da un commento musicale bellissimo!)

Zender 21/01/13 07:34 - 280 commenti

I gusti di Zender

Una casa, quattro stanze spoglie... ma c'è tutto un mondo intorno. Barker, tra i pochi veri innovatori in campo horror, crea un universo parallelo che mescola inferno e paradiso, piacere, catene e sangue in una cupa orgia sadomasochista, destinata ad esplodere negli inevitabili sequel. Non nasce certo regista, ma con una quantità d'idee da riempirci dieci film fa dimenticare le incertezze tecniche e stupisce affascinando, attraverso ottimi effetti speciali (grande il make-up) che assecondano una fantasia strabordante. Indimenticabile.
MEMORABILE: La resurrezione di Frank dal pavimento; Il make-up geniale dei Supplizianti.

Ryo 24/05/14 15:09 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Primo capitolo di una saga alquanto longeva, la cui creatura protagonista (Pinhead) rappresenta un'icona del cinema horror. Il film in questione ha il merito di contenere degli ottimi trucchi, conditi da gustose scene splatter da brivido. D'altro canto è deludente come primo capitolo, in quanto non viene spiegato praticamente nulla: da dove viene la scatola, perché uno dovrebbe volere un oggetto simile, chi sono e da dove vengono realmente i cenobiti? L'impressione finale è quella di un film tagliato a cui manca qualcosa...

Bizzu 29/05/14 00:34 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Hellraiser è il fratello "snob" della famiglia degli horror seriali anni '80. Dove i vari Freddy e Jason rincorrevano insipidi adolescenti, riducendo il film a una mega caccia al topo, qui c'è addirittura una pretesa filosofica, senza buoni o cattivi, bene o male assoluto. Il film riesce a essere piu o meno godibile anche oggi, magari non come horror spaventoso ma come favola nera.

Viccrowley 12/08/15 22:38 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Barker, qui al suo esordio registico, piazza un colpo memorabile nel genere horror che sul finire degli eighties iniziava a strozzarsi con le sue stesse mani. Il mondo costruito dal regista inglese è un rompicapo come quello rappresentato dalla Scatola, un intrico di dolore e piacere che sconfinano, si compenetrano e divengono facce di una stessa medaglia. La bramosia dell'uomo, la sua ricerca di ludibrio assoluto vengono incarnati dai terribili Supplizianti, umani divenuti demoni per colpa di una concupiscenza infinita e peccaminosa.
MEMORABILE: Frank dilaniato dagli uncini; Il primo delitto di Julia; L'inferno nella camera di ospedale.

Marione 26/09/15 11:42 - 103 commenti

I gusti di Marione

La scatola. Frank sa bene dove porta. Per Kristy era solo un giocattolo. Un demone la porta via. Chi la apre, soffre e gode in eterno. Da un'idea per nulla banale di Barker, un horror dall'atmosfera cupa e molto british, poca ironia e poche pacchianate anni '80, pochi mezzi ma sfruttati al massimo. L'idea dell'amante da rigenerare a spese di ignari individui domina il film, ma i supplizianti, quando compaiono... è orrore e inferno (o qualcosa di peggio, forse). Sadico e mitico.
MEMORABILE: La scatola che si apre; All'inferno si sente un pianto di un neonato... perchè?; I Supplizianti; Il demone che porta via la scatola; Pinhead che parla.

Myvincent 26/04/16 14:17 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Una scatola magica è la porta che fa accedere all'inferno, dove singolari e terrificanti demoni aspettano solo di entrare in azione. Un'opera decisamente lovecraftiana questa, molto originale da tanti punti di vista, non ultimi una trama "improvvisata" e le situazioni in bilico fra horror e fantasy. Si gode e si partecipa delle visioni, più che del racconto puro e semplice.
MEMORABILE: Pinehead, il porta-spilli sovrumano.

Pumpkh75 7/02/17 13:28 - 1314 commenti

I gusti di Pumpkh75

E’ il benvenuto languidamente violento nell’universo di Barker: una passione sordida, senza compromessi o pudori, consumata tra bazar oscuri e creature alate e sballottata tra il desiderio della paura e la paura del desiderio. Il trauma visivo primario è però l’avvento ecclesiale dei cenobiti, attrazione e repulsione che diventa alter ego di bramosie recondite; si increspa solo sul finale e, visto il budget, Bob Keen fa i miracoli. Vero e proprio squasso per la leggiadria di taluni horror anni 80, ti scuote, ti ammalia e non ti lascia più.

Minitina80 12/04/17 15:50 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Grottesca e altrettanto efferata metafora di esaltazione del sadomasochismo, in cui dolore e piacere si mescolano in un turbine di violenza e sangue da cui è impossibile scappare. Barker sa dove mettere le mani e sfrutta al meglio le potenzialità del suo stesso scritto, malgrado i limiti del caso gli impongano di non strafare. Il merito dell’affermazione, però, va all’originalità dell’universo creato da Barker stesso. Curioso come i cenobiti si siano imposti nell’immaginario collettivo del genere apparendo soltanto per una manciata di minuti.
MEMORABILE: La risurrezione e lo smembramento di Frank.

Jdelarge 16/03/18 00:53 - 874 commenti

I gusti di Jdelarge

Un’atmosfera precisa che, dopo la visione, resta indelebile scolpita nella mente dello spettatore. Clive Owen architetta un film che, semplicemente, fa paura. La semplicità risiede nell’esiguo numero di protagonisti (oltre ai quali non vi è quasi nessun personaggio secondario) e negli ambienti utilizzati, in particolar modo la spoglia stanza nella quale si svolge gran parte della vicenda. Sadomasochismo, religione, paura e curiosità per i riti estatici sono i temi principali del film che, salvo qualche sbavatura, è davvero un horror memorabile.

Rigoletto 23/10/17 15:54 - 1563 commenti

I gusti di Rigoletto

Negli anni in cui il panorama horror era dominato dalla saga di Nightmare, la risposta inglese è un film (con numerosi sequel) visionario e geniale. Ed effettivamente Pinhead e gli altri supplizianti hanno aggiunto nuovo terrore in un campo dove c'erano già figure di importanza storica come Freddy Krueger, Jason Voorhees e Michael Myers. La fattura è semplice ma le idee sono tante e ben amalgamate. Molto brave le interpreti femminili.

Wilkerson 2/11/17 20:11 - 22 commenti

I gusti di Wilkerson

Uno dei grandi capolavori dell'horror inglese. Barker rielabora in maniera del tutto personale le lezioni di Lovecraft, King e Cronenberg, sfidando il tabù del sadomasochismo. Un horror che in più di un'occasione supera i classici americani del genere degli anni '80; ben più eccessivo, allucinato e barocco – pur essendo a basso costo – e decisamente più europeo nel suo gusto decadente. Un cult che può essere apprezzato solo da chi accetta le regole del gioco.

Vito 11/02/19 21:13 - 649 commenti

I gusti di Vito

Rivederlo oggi fa sempre effetto. Il sadomaso e il fetish coniugati a scatole che portano verso altre dimensioni rendono Hellraiser un'opera particolare e oltre gli schemi. Inoltre la pellicola crea una vera e propria mitologia grazie ai personaggi dei supplizianti e di Pinhead, che entra di prepotenza nella galleria dei boogeyman come Freddy o Michael Myers. Una ventata di novità nel panorama horror degli anni '80.
MEMORABILE: "Siamo demoni per alcuni, angeli per altri".

Bubobubo 6/03/19 23:39 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Uno dei casi più eclatanti in cui "iconico" non fa rima con "atomico". Tanto originale lo spunto quanto, a conti fatti, blanda e non sempre ficcante la realizzazione. Più che l'architettura generale, si ricordano spunti, lampi, suggestioni, singole scene e apparizioni. Il genoma dell'horror di genere è, all'epoca, in piena evoluzione e la figura dei Cenobiti (morbosa e terrificante da un lato, naif e primitiva dall'altro) ne incarna appieno la metamorfosi. Amanti e appassionati di genere lo devono pertanto conoscere. Evitare i sequel!

Rufus68 23/07/19 23:16 - 3083 commenti

I gusti di Rufus68

Barker vede Possession di Zulawski una due tre quattro volte e poi decide di farsi un film tutto suo. E rigenera l'horror per un ventennio. Se la storia è stringata e costretta in una location (il che, però, aumenta il senso di costrizione psicologica), il livello visivo rimane d'alto impatto: l'amante-creatura scarnificato, i Supplizianti e il cubo di Rubik infradimensionale (allusione lovecraftiana) sono la pastura in cui grufoleranno mille registi a venire. Gli si perdona qualche ingenuità (il demone finale, troppo esplicito e telefonato).

Thedude94 7/08/19 12:12 - 561 commenti

I gusti di Thedude94

Barker dirige egregiamente questo horror cult che ha nel terrore e nello splatter i suoi punti di forza, messi in scena con sapienza e intelligenza, spaventando e facendo riflettere. Realtà ultra-dimensionali, mostri demoniaci e classe borghese si mescolano in un racconto pieno di ansia, paura e desideri reconditi di rinascita. Gli attori sono nella parte sempre e riescono a trasmettere quel senso di panico viscerale che le scene presentano. Ottimi gli effetti speciali e le musiche, costumi e trucchi design di nota. Grande horror.

Noodles 4/03/20 23:42 - 845 commenti

I gusti di Noodles

Clive Barker, scrittore e regista della sua opera, si concentra sullo stomaco dello spettatore, creando una serie di visioni ributtanti a cui è meglio evitare di assistere durante i pasti, dimenticandosi però che in un horror la componente paura è fondamentale. E la paura latita dall'inizio alla fine. Ne esce fuori una specie di thriller-splatter dai buoni effetti visivi ma con una storia piuttosto piatta. Alcune trovate erano buone e anche la fotografia non scherza. Ma delude per vari aspetti.

Siska80 24/04/20 11:49 - 649 commenti

I gusti di Siska80

Può un horror visionario e truculento essere nel contempo anche elegante? La risposta è sì, se il regista è Barker, che in maniera intelligente fa rientrare sadici smembramenti nell'ambito di omicidi rituali ascrivibili a una setta proveniente da un'altra dimensione. Buon cast, ritmo serrato, effetti speciali ben realizzati, intreccio geniale (alla base del quale vi sono primitivi impulsi di carnale perversione forieri di piacere sadomasochista). Soundtrack tra le più inquietanti mai udite.
MEMORABILE: L'inizio "a lume di candela".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 15/07/15 23:45
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi

    Mah i sequel dopo il 4° avrebbero dovuto chiamarsi "Pinhead presenta:", dato che sia lui che gli elementi tipici della saga facevano delle comparsate e nulla più; parevano più degli episodi di un qualche serial televisivo, come era Freddy's Nightmares, per dire. Un paio erano anche guardabili, ma in generale li ho sempre trovati estremamente mediocri e non considerabili autentici sequel, piuttosto degli spin-off.


    Si, insomma, horror che cercavano richiamo sfruttando il brand avviato, vero
  • Discussione Pumpkh75 • 7/02/17 13:24
    Addetto riparazione hardware - 389 interventi
    Ho sempre trovato una nota stonata il brusco passaggio

    SPOILER

    dalla morte di Julia per mano di Frank all’apparizione del suo cadavere martoriato sul materasso con a scatola in mano e i ganci appesi

    FINE SPOILER
    Mi è difficile pensare a una precisa scelta di Barker. Ho cercato in rete ma non ho trovato nessuna info a riguardo. Sarà stata tagliata qualche scena? E’ una scelta dovuta magari al budget? Chissà se allo stesso Barker l’hanno mai chiesto...
    Ultima modifica: 7/02/17 13:27 da Pumpkh75
  • Discussione Rebis • 7/02/17 14:31
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Non saprei, mai letto niente in merito, neppure sul dossier di Nocturno per dire... l'ho sempre intrepetata come un'ellissi, anche se in effetti è inevitabile chiedersi cosa le sia successo, e perché non ce l'hanno fatto vedere...
  • Discussione Buiomega71 • 7/02/17 15:08
    Pianificazione e progetti - 21901 interventi
    Io ho trovato quell' elissi ( il cadavere di Julia sul letto) uno dei migliori momenti del film ( inquietante e visivamente carica d' enigma) . Io credo sia stata una scelta narrativa dello stesso Barker.
    Ultima modifica: 7/02/17 15:10 da Buiomega71
  • Discussione Pumpkh75 • 7/02/17 15:47
    Addetto riparazione hardware - 389 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Io ho trovato quell' elissi ( il cadavere di Julia sul letto) uno dei migliori momenti del film ( inquietante e visivamente carica d' enigma) . Io credo sia stata una scelta narrativa dello stesso Barker.

    Fino ad oggi l'ho sempre pensato anche io, solo che dopo l'ennesima visione qualche dubbio m'è venuto: in pratica serebbe l'unico passaggio narrativo del film dove un momento cruciale viene nascosto o reso comunque enigmatico, e considerando anche che ultimamente ho letto di cospicui tagli sul rapporto Frank-Julia e sulle loro scene di sesso...beh...questa "certezza" si è incrinata....

    Come pure ipotesi, ci può anche stare che Barker (visto il ruolo del materasso nel seguito) volesse tornarci su e spiegarne gli avvenimenti in Hellbound e che magari poi ci abbia ripensato....
  • Discussione Noncha17 • 10/06/17 02:45
    Magazziniere - 1073 interventi
    P.S.: Tanto per creare altra confusione sui titoli, in Italia viene distribuito ora con il "solo" titolo Hellraiser.
  • Musiche Schramm • 4/11/17 15:53
    Risorse umane - 6710 interventi
    L’industrial band Coil si incaricò della Colonna Sonora. Barker era entusiasta del risultato finale, dicendo dei Coil che erano "l’unico gruppo musicale che mi costringe a rimuovere i dischi dal piatto prima della fine perché ogni ascolto mi crea contorcimenti di budella e una profonda depressione”. La produzione trovò in effetti le musiche troppo eccentriche e “troppo disturbanti” [sic!] e finì con l’optare per una seconda sonorizzazione del film per mano di un musicista più ortodosso e già interno all'ambiente cinematografico (i Coil, oggi abbastanza popolari, erano allora misconosciuti e di nicchia e, eccettuando collaborazioni saltuarie con Derek Jarman, quasi totalmente estranei al cinema), che non avrebbe creato problemi con richieste di royalties, optando per Cristopher Young, reduce da Nightmare 2 e Invaders from Mars.

    Lo score registrato dai Coil, un insieme di nove tracce, può essere ascoltato nel loro cd-compilation "Unnatural History II: Smiling in the Face of Perversity" e nell’album "The Unreleased Themes for Hellraiser". Entrambi sono molto rari e particolarmente costosi, specie in seno alla prematura scomparsa di entrambi i componenti del progetto, unici detentori dei master delle tracce.
  • Homevideo Schramm • 31/05/19 14:11
    Risorse umane - 6710 interventi
    L’MPAA rimproverò al film "toni troppo accesi". Per annacquare l’impatto generale dell’intero lavoro ed evitare l'infamante X sono stati apportati parecchi tagli sovrintesi dallo stesso Barker:

    - martellate consecutive con dettagli del cranio sfondato della vittima
    - unghie che affondano nella carne, dilaniandola - - - siparietti sadomaso tra Julia e Frank
    - scene sessuali più dinamiche ed esplicite
    - nella scena in cui Julia uccide un altro uomo, l'attore che interpretava la vittima ritenne sensato essere nudo. La scena inizialmente girata è stata sostituita con una versione in cui l'attore è semi-vestito
    - primi piani che mostrano le viscere di Frank quando Kirsty gli infila la mano nel ventre
    - versione più lunga della scena in cui Frank viene fatto a pezzi dai ganci del cenobita. Di questa scena sacrificato è anche il colpo finale in cui la sua testa esplode e il suo cervello schizza fuori.

    (Fonte: Imdb)
  • Curiosità Schramm • 31/05/19 14:27
    Risorse umane - 6710 interventi
    Durante un party tenutosi per celebrare la fine delle riprese, Doug Bradley (Pinhead) si ritrovò ignorato da tutti gli altri membri della crew e del cast. Pensando all’affiatamento avuto con tutti durante le riprese, venne colto da profondo disappunto e sgomento. Solo molto dopo ha realizzato che a parte Barker e gli addetti agli f/x nessuno dell’equipe lo aveva mai visto struccato, e fu perciò che nessuno fu in grado di riconoscerlo alla festa.

    Il titolo del film avrebbe dovuto originariamente essere omonimo del romanzo di Barker, The Hellbound Heart (da noi Schiavi dell'inferno, n.d.S.) La produzione decise che quel titolo dava la forte impressione di un dramma sentimentale e chiese a Barker di cambiarlo. Barker contropropose Sadomasochisti d’Oltretomba, che gli venne respinto per esplicito contenuto sessuale. Esasperato propose a quel punto a una sessantenne del team di produzione Cosa è disposta a fare una donna per una bella scopata.

    Il personaggio di Doug Bradley si chiamava Priest nelle prime bozze dello script, per poi diventare Capo Cenobita nella sceneggiatura finale. Pinhead non era che un nomignolo datogli sbrigativamente dalla troupe per identificare la figura. Prevalse e funzionò, venendo usato per i restanti sequels. Barker odiò quel nome, trovandolo svilente e non in linea con l’austerità chiesastica dei Cenobiti; nel comic di Hellraiser prodotto nel 2011 per BOOM! lo ha rinominato Priest, annunciando che avrebbe rivelato il suo vero nome da Cenobita in un lavoro futuro. Allo stesso modo, La Cenobita era stata chiamata Gola Profonda sul set, per via della preponderante vis sessuale del personaggio; malgrado anche questo moniker stesse per diventare designato per sempre, rimase La Cenobita nei sequel a venire.

    Molti spettatori hanno lamentato la povertà degli F/x alla fine del film. Barker ha spiegato che per via del budget molto ristretto non erano rimasti più soldi da destinare ai professionisti degli effetti speciali, così lui e un non meglio identificato “tipo greco” hanno animato a mano queste scene nel giro di un weekend. Barker si è detto soddisfatto del risultato finale, considerato l’ammontare di alcool consumato dai due durante la lavorazione.

    Clare Higgins odiava gli horror. Quando vide il film alla prima, abbandonò la sala 10' dopo, impaurita a morte. Non è mai riuscita a vedere il film per intero.

    A Doug Bradley venne originariamente chiesto di scegliere tra il ruolo di uno dei due facchini che trasportano il materasso e il capo dei Cenobiti. Inizialmente preferì il ruolo minore perché trovava importante l'essere riconosciuto dal pubblico.

    The Chatterer e Butterball avevano parti di dialogo nello script di base. Quando il make up rese impossibile pronunciare frasi comprensibili agli attori, le loro battute furono passate alla Cenobita femmina e soprattutto a Pinhead, la qual cosa ha contribuito a rinsaldare la sua reputazione di trademark della saga.

    Andrew Robinson convinse Clive Barker a rimpiazzare Fottiti! con l'imprecazione poi finita nelle riprese, Jesus wept! (a quanto pare assente nella versione italiana; l'esclamazione, che alla lettera significa Gesù pianse, è blasfema, ed equivale grossomodo a una nostra famosa bestemmia n.d.S.)

    L’idea di un cubo usato come portale degli inferi è basata su una leggenda metropolitana, che verte sull'esistenza di una struttura cubica a grandezza umana di imprecisata ubicazione, le cui facciate interne sono specchi creanti sei messe in abisso a tiro incrociato. Secondo la leggenda, chi ci si chiude dentro sperimenterà fenomeni talmente inquietanti da danneggiare perennemente l'equilibrio psichico.

    Per economizzare sul budget, lo studio intendeva assoldare stuntman per interpretare i Cenobiti. Barker, insistette nel farli interpretare ad attori professionisti, argomentando che anche se i personaggi sono muti e pesantemente truccati, il loro linguaggio corporeo frutto di studi avrebbe conferito all’insieme una forte personalità.

    Il budget fu di un milione di dollari. Il film ne guadagnò circa 20.

    La Nintendo sviluppò un video game basato sul film. Fu uno dei primi videogiochi a essere pianificato con la possibilità di salvare la partita, interrompendola e riprendendola in seguito. La console della Nintendo non riusciva però a interpretare correttamente I codici di gioco salvati, e la produzione venne accantonata.

    La scena in cui Frank è appeso a testa in giù ricoperto di sangue costituì la prima ripresa del film, al termine della quale Sean Chapman non riuscì a trattenere il vomito.

    Doug Bradley dovette sottoporsi a sedute di make-up lunghe sei ore ogni giorno di riprese. Dopo la prima seduta, passò diversi minuti da solo specchiandosi per poter interiorizzare la figura. Per via dell'acquisita capacità di truccarsi e struccarsi da solo col passare delle sessioni di ripresa, l'attore è stato accreditato in alcuni film del franchise come assistente al makeup.

    Il ruolo di Frank venne offerto a Lance Henriksen dalla New World Pictures. Questi lo rifiutò temendo di dover apparire in numerosi sequels in caso di successo, dei quali non era appassionato. Henriksen sarebbe poi apparso nell'ottavo capitolo.

    Durante le prove, Barker ordinò a Bradley, di attenuare il più possibile gesti e movimenti ed essere il più statuario possibile, per conferire a Pinhead un’aura di assoluto controllo di sé.

    La prima incarnazione di Pinhead apparve in Hunters in the snow, una piece teatrale del 1973 dello stesso barker, con un giovanissimo Doug Bradley protagonista nel principale ruolo di Dutchman, un inquisitore e torturatore tornato dal mondo dei morti; nella scenografia di un corto successivo girato in 16mm e in b/n, The Forbidden (che sarà anche la base per l'adattamento di Candyman, n.d.S.), c'era un sostegno che era sostanzialmente un blocco di legno chiodato che proiettava diverse ombre distorte a seconda dei diversi angoli di ripresa e illuminazione. Anni dopo questo stesso design venne applicato al volto di Pinhead durante la stesura del film, per ottenere lo stesso effetto.

    In una delle battute del comico Louis C.K. viene detto che risolvere il puzzle di Hellraiser sarebbe l’alcool test ideale.

    Per il design dei Cenobiti, Barker si è ispirato al look dei punk, al cattolicesimo, ai piercing genitali e ai club sadomaso di New York e Amsterdam, da lui visitati. Per Pinhead l’ispirazione gli è venuta da feticci scolpiti in Africa. L'ispirazione per la Cenobita è venuta tramite servizi sulla scarificazione e sul body-piercing del National Geographics. Il suo makeup richiedeva 3 ore di trucco, causando a Grace Kirby grande disagio e impedendole di potersi sedere. Quando rifiutò di sottoporsi nuovamente al trucco, venne sostituita da Barbie Wilde.

    (Fonte: Imdb)
  • Discussione Siska80 • 13/05/20 17:07
    Fotocopista - 378 interventi
    Clive Barker's Undying è uno sparatutto in prima persona prodotto e distribuito dalla Electronic Arts nel 2001. Il suo ideatore è il maestro dell'incubo Clive Barker, il quale ha anche prestato la sua voce per il personaggio di Ambrose Covenant.
    Io ci ho giocato, e vi assicuro che lo stile, le atmosfere cupe, i suoni improvvisi e raggelanti, le idee geniali e violente sono inconfondibili.
    Uno dei malefici membri della famiglia Covenant si ispira chiaramente al Frank di Hellraiser :torturato e legato a delle catene per non avere mai pace...Diabolico, Barker!