Castle of the creeping flesh - Film (1968)

Castle of the creeping flesh

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/10/18 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 2/10/18 00:11 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Il passato ritorna in questo horror dove alcuni amici entrati nel castello di un nobile decaduto si rendono conto di essere forse pedine di un macabro scherzo del destino quando un passato di morte sembrerà voler tornare nel presente. La trama (scritta da Jesús Franco, non accreditato) poteva essere sviluppata in maniera migliore. Il film invece cede un po' sul lato exploitation, perdendo troppo tempo in una infinita operazione cardiaca. Cast notevolissimo, con la stupenda Reynaud e un sempre efficace Vernon. Comunque una curiosità d'epoca.
MEMORABILE: Il flashback; La Reynaud nel letto; La sorpresa nel pre-finale; L'orso; L'arrivo al castello.

Trivex 10/10/18 09:20 - 1744 commenti

I gusti di Trivex

Film bizzarro dai risultati controversi. L'atmosfera è da culto, con i personaggi posseduti dal look fine Sessanta ma anche immersi nella "exploitation" davvero carismatica e affascinante di quel periodo. Le presenze notevoli di quegli anni (in quel tipo di cinema) e qualche scena davvero coraggiosa - nel 1968 - non possono però far dimenticare l'effettiva inconsistenza della sceneggiatura, sempre più confusa e approssimativa nello svolgersi della vicenda. Ci sono inoltre cospicue parti noiose, quasi infilate per far metraggio, che potevano essere evitate.
MEMORABILE: La scena erotica sul letto, al castello; L'interminabile e noiosissima operazione chirurgica.

Schramm 14/01/21 13:32 - 3495 commenti

I gusti di Schramm

Scordatevi di filastroccare marcondirondirondello: un po' perché nel bel castello ne accadono prevedibilmente di ogni, molto perché il film che ne narra bello non è. Ma per chi sa viverlo calandosi nel 1967 è bello spericolato: scabrosa sexploitation a stecca come se il ponte levatoio fosse calato da Meyer; e schwarzoso splatter di vera chirurgia a cielo aperto come se nelle segrete della regia ci fosse H.G. Lewis a corto di denari per gli f/x. Sberle abbastanza improponibili per le platee di allora. Certo, sono intervalli di una cine-letargia a bassissimo voltaggio. Però, però...

Ronax 16/12/22 01:38 - 1253 commenti

I gusti di Ronax

Come di regola, Lemoine non abbandona un attimo lo sguardo spiritato da folle mentre Vernon fa, tanto per cambiare, il mad doctor che vuole resuscitare la figlia a spese della fidanzata del primo. Tutto già visto e risaputo, mal raccontato, concluso in modo raffazzonato e condito da insopportabili lungaggini come l'interminabile operazione chirurgica o il sogno medieovale con pellicola sfocata. Colpisce, considerando l'anno di realizzazione, l'audacia della scena erotica che vede protagonista la Reynaud, che con la sua carica di sensualità è l'unico elemento di interesse del film.
MEMORABILE: Il ridicolo orso che attacca Lemoine nella foresta.

Adrian Hoven HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina La tortura delle verginiSpazio vuotoLocandina La più allegra storia del DecameroneSpazio vuotoLocandina Assassinio a sangue freddoSpazio vuotoLocandina Le streghe nere
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Ciavazzaro • 2/10/18 00:21
    Scrivano - 5591 interventi
    Scritto dal maestro Jess Franco, un horror che presenta molti dei collaboratori del nostro, a partire dalla divina Janine Reynaud e l'indispensabile Howard Vernon.

    Un gruppo di amici dopo un party decidono di andare a continuare la festa nel villino di uno di loro.
    Ma questi perverso riccastro, stupra la sventurata amica che non ha aspettato gli altri e si avventurata da sola come ospite.
    Dopo che la ragazza scappa verso un isolato castello, il gruppo va al suo inseguimento.

    Nel mentre però nel castello un nobile decaduto ha appena perso la figlia (stuprata pochi giorni prima proprio dallo stesso riccastro precedente), e non appena i due gruppi si incontreranno sembrerà quasi che il passato dovrà ritornare e confondersi col presente.
    Tutto quello che è accaduto un secolo prima all'antenato del padrone e agli ospiti dovrà ripetersi.

    Reincarnazione ? Maledizione ? un passato che deve ripetersi uguale ?

    Horror sulla carta molto interessante, ma che purtroppo non viene sviluppato a dovere, con alcuni punti morti.
    Si spinge poco sul lato exploitation, e si perdono tempi in lungaggini come l'inquadratura di una (vera) operazione al cuore.

    Affascinanti però i flashback del passato, carino il pre-finale.

    Il cast è favoloso, dalla Reynaud sempre affascinante, e Howard Vernon (che si doppia da solo nella versione tedesca originale) sempre superbo, ma anche il buon Michael Lemoine laido personaggio.

    Si poteva fare di più, spingere leggermente in più, ma rimane comunque una bella curiosità d'epoca.
  • Discussione Mco • 2/10/18 10:05
    Risorse umane - 9970 interventi
    Bel recupero, Mauro. Bravissimo.
  • Discussione Digital • 2/10/18 10:07
    Portaborse - 3998 interventi
    Grande Ciavaz, sei sempre il top!
  • Discussione Schramm • 2/10/18 15:13
    Scrivano - 7694 interventi
    mi attizza anche solo per il titolo. se poi ci aggiungiamo la firma di franco...