Hellbound: Hellraiser 2 - Prigionieri dell'inferno - Film (1988)

Hellbound: Hellraiser 2 - Prigionieri dell'inferno
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Se il primo HELLRAISER era una superba dimostrazione del talento visivo di Clive Barker, questa seguito diretto da Tony Randel (ma prodotto e fortemente influenzato dal genio di Liverpool) va decisamente oltre, mettendo in scena un universo incredibile costruito con i disegni di Escher (i cui quadri campeggiano qua e là) e ci immerge, per tutta la seconda parte, nei colori cupi che i cunicoli di pietra sprigionano per aprirsi poi in architetture pazzesche dominate da un gigantesco poligono che è un’evoluzione del “cubo magico” simbolo stesso del film. Lo splatter, il sadismo, il gore sono spinti all’estremo, grazie anche all'uso di effetti speciali una volta...Leggi tutto di più spettacolari, che cedono solo verso la fine, quando subentrano animazioni in “passo uno” (stile LA CASA) un po' grossolane e a tratti infelicemente risibili. Ma è un difetto trascurabile, di fronte alla magnificenza del progetto barkeriano. HELLBOUND approfondisce molti dei temi presenti nel primo capitolo cercando di dar loro una spiegazione, quando possibile. Il rischio è quello di scontrarsi con qualche incongruenza di troppo, però il fascino sprigionato da immagini tanto evocative è notevolissimo e in fondo la versione integrale (apparsa, pur se con grave ritardo, anche in Italia) chiude bene molti interrogativi facendo capire quanto in fondo Barker sia coerente, nel suo delirio fantastico. Di nuovo ottime le musiche di Christopher Young: la saga di HELLRAISER segue una sua direzione precisa e questo sequel ne è la prima degnissima conferma. Riuscendo a prenderlo sul serio, a seguirne la complessa trama, non deluderà i fan della saga.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 10/03/07 17:43 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Sequel a tempo di record. Qui Pinhead diventa totalmente protagonista. Ancora più splatter e claustrofobico del primo capitolo, descrive due tipi di inferno: quello sulla terra dei manicomi e quello dell'aldilà (l'inferno propriamente detto). La prima parte è tutta preparatoria per la discesa agli inferi, che sono ricostruiti in maniera egregia, ed è questa la parte migliore del film, che metterà a dura prova i deboli di stomaco. Un sequel che non sfigura a fianco del primo. Da non perdere.

Undying 20/04/07 18:23 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Hellraiser 2 abbandona i contenuti metaforici di cui era ammantato il primo film, anche se spinge maggiormente sul pedale della violenza e del disgusto (la "creazione" del dottore in Cenobita). Il tutto è inserito in una cornice prettamente onirica (la rappresentazione dell'Inferno con le sue camere di tortura) nella quale predomina la fantastica trovata di un prisma (al posto del Sole) che diffonde perenne tenebra... Sempre molto spinta resta l'allusione tra il piacere e la sua faccia oscura (il dolore) che qui coinvolge ogni protagonista...
MEMORABILE: Pinhead rivolto alla tremante Tiffany: "le torture che ti infliggeremo... diventeranno leggendarie anche all'Inferno!"

Puppigallo 2/06/07 11:32 - 4930 commenti

I gusti di Puppigallo

La nascita di “faccia chiodata” è il preludio di una pellicola ai confini (e oltre) del delirio (il lungo incubo reale post apertura cubo). Impressionante, quasi stomachevole (povera carne). E’ ricco di quel fascino sinistro, malato e perverso, che determina la riuscita di un horror. Purtroppo, si serve anche di flashback (e questo non gli fa onore, perchè potrebbero essere intesi come un riempire la pellicola), anche se per fortuna durano poco. Nel primo c’era la novità, ma qui si assiste a un vero e proprio salto nel buio della mente. Notevole.
MEMORABILE: Il paziente sul materasso si provoca tagli col coltello mentre i vermi gli entrano nelle ferite, finché...

Herrkinski 23/06/08 22:22 - 6942 commenti

I gusti di Herrkinski

Eccezionale sequel che riesce addirittura a superare il prototipo. Ripartendo esattamente da dove era finito il primo, "Hellraiser 2" ci proietta in un universo oscuro e malato, ricco di suggestioni metafisiche e deliri visionari che sembrano frutto di un trip di LSD finito male. I sotterranei del manicomio come anticamera terrena dell'inferno e poi l'inferno vero e proprio, dove un prisma enorme sparge oscurità perpetua. Sadismo e gore ai massimi livelli, perversione e sporcizia allucinanti. Un'esperienza filmica di incredibile impatto.
MEMORABILE: I fumosi e allucinanti sotterranei del manicomio...

Redeyes 10/07/08 11:26 - 2310 commenti

I gusti di Redeyes

Sequel che non raggiunge la qualità del primo ma che ha un notevole fascino. Ovviamente l'elemento novità: la filosofia decisamente intrigante presente nel capitolo I, pur se a tratti ribadita, non ha la stessa portata, ma il fascino visionario, l'esplosione onirica è talmente forte da ammaliare. Inevitabile e scontato, ma efficace il parallelo inferno/manicomio, nonchè l'interrogativo sul confine tra ricerca medica e speculazione asservita ai propri pazzi sogni. Si spinge molto sul gore quindi sul disgusto e ciò finisce un po' per annoiare!

Daidae 13/03/09 12:40 - 2968 commenti

I gusti di Daidae

Molto, molto inferiore al primo capitolo, comunque si salva. Sono vistosamente cambiati i volti dei cenobiti (la donna, il grasso e quello che ha freddo) in quanto interpretati da altri attori, mentre è rimasto testadichiodi che però qui sembra più buono che cattivo! Abbastanza divertente l'inferno "personalizzato" per ogni anima: più che un film dell'orrore un film di fantascienza nero. Ottime le interpretazioni del dottore e di Giulia, deludente il resto del cast. Si salva in corner.
MEMORABILE: "C'è qualcosa che le interessa signore?"

Sabryna 31/08/09 12:35 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Sequel molto degno, migliore anche del primo nelle ambientazioni. In Hellraiser tutto si svolgeva all'interno di un'unica casa strutturata su piani reali, qui invece le vicende si snodano tra un ospdale psichiatrico (nella prima parte) e un inferno escheriano strutturato in forma labirintica (nella seconda parte). Così, la quarta dimensione si configura come ideale inferno della mente, in cui tutti gli orrori da essa generati prendono forma. La presenza dei Cenobiti, moderni traghettatori di anime, impreziosisce il tutto insieme al gore spinto.

Ale56 8/09/09 19:17 - 225 commenti

I gusti di Ale56

Davvero degno di portare il nome di "Hellraiser". Nonostante Barker abbia abbandonato la regia, la visionarietà è lo stesso di casa. C'è tutto ciò che si può aspettare: abbondano lo splatter ed il gore, con scene ad alto contenuto emoglobinico (moltissime memorabili) ed un make-up a dir poco straordinario (sopratutto per i muscoli della zia della protagonista). Una regia solida ed efficace con frequenti lampi di genio, scenografie ottime, fotografia curatissima. Ed in più tanto, tanto sangue.

Cotola 16/12/09 23:57 - 8443 commenti

I gusti di Cotola

Secondo capitolo che rappresenta un deciso passo indietro rispetto al capostipite. A mancare in primo luogo è la visionarietà della pellicola di Barker che grondava sangue da tutti i pori e riusciva ad agghiacciare ed angosciare. Qui invece di spaventi neanche l’ombra ed il ritmo latita più che mai. Cocente delusione che gli amanti del primo film dovrebbero evitare. Con altri tre seguiti.

Mco 19/12/09 00:31 - 2263 commenti

I gusti di Mco

Dopo la strage familiare da parte dei "guardiani del male" del primo episodio tornano i cenobiti a portare l'inferno sulla terra. Uno dei miei horror preferiti, da sempre, carico di sana innovatività e terrore allo stato puro (la corsa della protagonista nel corridoio inseguita dal mostro che si spinge ballonzolando da un bordo all'altro è storia del cinema di paura), umorismo macabro e "mostri" spaventosi. E in ospedale il dottore che grida "il gioco di oggi: amputeremo" è da oscar!

Kenneth Cranham HA RECITATO ANCHE IN...

Pinhead80 21/04/10 23:54 - 4334 commenti

I gusti di Pinhead80

Secondo capitolo della famosissima saga che vede come protagonisti gli infernali cenobiti, capeggiati dall'immancabile Pinhead. La storia riparte dove termina il primo e ci fa capire qualcosa di più sulla genesi dei personaggi (buono l'approfondimento su Pinhead), ma non sviluppa di molto la trama, che rimane troppo ancorata al primo capitolo. Lo splatter non manca e si percepisce già dalle prime scene in cui ci si va giù pesante. Per gli estimatori della serie. Meglio l'edizione in lingua originale.
MEMORABILE: "Il vostro caro dottore è tornato... vediamo cosa c'è in programma oggi... ah amputazioni!"

Buiomega71 31/01/11 00:30 - 2668 commenti

I gusti di Buiomega71

Tony Randel non è Clive Barker, ma il regista di Ticks ha comunque un notevole estro visionario. Il primo tempo è straordinario, con la resurrezione di Julia completamente spellata e poi bendata come una mummia, i cadaveri rinsecchiti appesi nella soffitta, il bacio letale alla Space vampires. Nel secondo tempo sbraga nel baracconesco, con il cenobita del dottore (che sembra uscito da Dune) che si scontra con i supplizianti e momenti demenziali (Krystie che indossa la pelle di Julia!). Nel complesso non malaccio. Buono il twist finale.
MEMORABILE: La resurrezione di Julia dal materasso, che si ciba del corpo di un paziente del dottore; il bambolotto che si cuce la bocca.

Galbo 4/02/11 07:18 - 11932 commenti

I gusti di Galbo

Seguito del fortunato e riuscito Hellraiser, Hellbound è meno efficace del predecessore. Il regista Randall mantiene la forte carica visiva e la funzionalità degli effetti speciali della pellicola di Barker ma il film perde la componente concettuale e metaforica, diventando simile a molte pellicole horror che pur ben fatte non si distaccano da un livello di qualità media.

Mdmaster 4/02/11 10:10 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Spettacolare seguito di un gran film. Randel stavolta lascia meno spazio all'immaginazione e, con Barker, costruisce l'universo dei Cenobiti, permettendo a noi di andare finalmente all'inferno. Stavolta Julia prende il posto di Frank come "ritornante", con più che buoni risultati, anche se annacquati da qualche flashback di troppo. Per il resto è puro godimento per gli occhi (e per le orecchie!), più una trama che riempie diversi buchi e dubbi. Personalmente, tra i due preferisco il seguito. Ovvio che la saga avrebbe dovuto fermarsi qui.
MEMORABILE: Julia seduce un businessman; il passato umano di Pinhead.

Ciavazzaro 20/06/11 21:13 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Degno seguito ambientato nella dolce casa del caro Pinhead: l'inferno! Ritorna per la gioia di tutti Julia, la vera e propria cattiva, la più sadica e diabolica, che riesce quasi a sorpassare il nostro cenobita in quanto a malvagità. Ottimo impegno da parte della Laurence nuovamente protagonista, cult il cenobita-dottore. Molto visionario (le sequenze infernali sono bellissime), sarà apprezzato.
MEMORABILE: Julia che riacquista completamente sembianze umane uccidendo il ragazzo.

Lupoprezzo 22/07/11 17:17 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

In questo secondo capitolo della serie al piacere della sofferenza si aggiunge la bramosia di conoscenza e di potere da parte dell'uomo. Questa volta la sceneggiatura di Clive Barker dà più spazio ai cenobiti, ma la parte che li vede assoluti protagonisti nel loro inferno è piuttosto confusionaria: le situazioni vengono ammassate l'una sull'altra senza un vero filo conduttore, smorzando così l'effettiva efficacia del film. La prima parte, seppur debitrice del primo episodio, resta la migliore. Regia dignitosa.

Smoker85 22/10/11 15:00 - 455 commenti

I gusti di Smoker85

Rispetto al primo episodio gli effetti speciali e il make up dei cenobiti son molto più efficaci, quindi a livello tecnico la pellicola fa un passo avanti. È la trama a lasciarmi un po' perplesso; per alcuni versi mi pare si perda quel "realismo" che rendeva tanto inquietante il primo film. Comunque c'è il grande pregio di riprendere gli aspetti della storia senza scadere in banali ripetizioni. Anche il cast continua a rispondere bene. Un bell'horror, ma un filo sotto rispetto al primo capitolo.
MEMORABILE: La lotta tra i cenobiti e il dottore e ovviamente la nascita di Pinhead.

Belfagor 4/11/11 21:40 - 2660 commenti

I gusti di Belfagor

Per Kirsty Cotton l'orrore non è ancora finito e questa volta la potenza infernale si scatenerà all'interno dell'ospedale psichiatrico nel quale è rinchiusa. Il cambio alla regia non apporta miglioramenti al sequel, che anzi ripiega sullo splatter e le scene truculente per distrarre dalla mancanza di profondità (che non mancava nel primo capitolo) e di una trama solida. Qualche tocco originale si può trovare nella morbosa relazione che lega Julia al dottor Channard.
MEMORABILE: "Vediamo cosa c'è in programma oggi... ah, amputazioni!"

Rambo90 12/11/11 02:41 - 7175 commenti

I gusti di Rambo90

Leggermente inferiore al primo capitolo, perché si getta troppo nel delirante creando confusione nella trama (soprattutto nella seconda parte). Ma comunque c'è la felice idea di non ripetere quello che si è già visto. Ottimi effetti speciali e un finale che (come nel precedente) lascia un senso di inquietudine. Buoni il cast e la colonna sonora.

Kekkomereq 30/11/11 19:53 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Raramente il secondo capitolo è migliore dell'originale, Ma "Hellbound" è un degno sequel per il lavoro di Clive Barker. Nel secondo film si entra nel cubo e quindi all'interno dell'inferno. Il film riprende la trama del precedente in maniera logica, mostrandone anche un piccolo spezzone. Un'ottima scelta per la continuità della serie è anche quella di far tornare il cast originale, tra cui Clare Higgins e Ashley Laurence. La regia è la parte migliore, che dà il meglio di sè nella sequenze del sogno.

Tony Randel HA DIRETTO ANCHE...

Rebis 26/01/12 16:30 - 2202 commenti

I gusti di Rebis

Se Barker aveva innovato l'horror anglosassone spazzando via le ceneri del gotico, il film di Randel vi si riconnette riesumandone diversi tòpoi (il manicomio hammeriano, le ascendenze prometeiche); e se nella prima ora ci offre tutto quello che ci aspetteremmo da un sequel fatto ad arte, l'ultima mezzora tradisce i limiti di uno script rocambolesco e confusionario, un nuovo cenobita (Channard) inutilmente complesso e posticcio, una rappresentazione dell'inferno a metà strada tra Labyrint e gli incubi di Nightmare. Il Leviatano, faro prismatico che sparge tenebra, è una bella intuizione.
MEMORABILE: Julia riemerge da un materasso lordo di sangue...

Von Leppe 4/01/13 17:42 - 1155 commenti

I gusti di Von Leppe

Quanto piacere continuo gli daranno i chiodi che ha conficcati in testa Pinhead? E quanta sofferenza gli attori avranno subito durante il trucco per poter prendere le sembianze mostruose dei cenobiti e dei corpi scarnificati? Effetti speciali ottimi e ripugnanti: la scena del pazzo sul materasso è veramente disturbante. Questo seguito inizia bene nei corridoi e stanze di un manicomio; poi, quando le porte sono aperte, la vicenda perde fascino, proprio nel momento in cui le scenografie diventano più fantastiche.
MEMORABILE: Il ritorno di Julia...

Zender 16/02/14 18:37 - 301 commenti

I gusti di Zender

L'ambizione barkeriana finisce un po' troppo in cartapesta: le idee per un sequel sontuosamente immaginifico c'erano tutte e di tanto in tanto esplodono in visioni uniche per fantasia e ferocia; ma lo script stavolta è farraginoso, la regia di Randel priva di grinta e annacqua sequenze memorabili affogandole in una staticità talvolta deprimente. Eppure il fascino perverso di un'opera tanto magniloquente e diversa dal solito colpisce, e la discesa negli inferi dei cenobiti affascina.
MEMORABILE: La rinascita di Julie; I lettini a obitorio coi cadaveri posseduti che si agitano sotto le lenzuola.

Ryo 16/06/14 01:32 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Secondo capitolo che, mantenendo gli stessi personaggi, è direttamente collegato al primo. Stavolta la sceneggiatura fa una maggiore luce sulle origini delle creature chiamate cenobiti, anche se scade in sviluppi ingenui e senza senso. O forse sono io che non ho capito i milioni di meccanismi e possibilità della scatola.

Marione 25/10/15 14:40 - 103 commenti

I gusti di Marione

Seguito riuscito di un capolavoro, nella prima parte rasenta il top per un horror: le scene nel manicomio, la casa del dottore, il folle che si incide sul materasso, il ritorno di Julia... Dopo l'apertura del cubo la sceneggiatura diviene confusa e pasticciata, seppur visivamente notevole. Mi aspettavo poi di vedere Frank squartato dai ganci e non fatto arrapare in eterno... Ributtante ma macchiettistico il cenobita Channard, ridicola Kirsty che lo inganna indossando la pelle di Julia (licenza "dimensionale"? mah...). Disturbante!
MEMORABILE: "La mente è un labirinto"; Il pazzo che si dissangua; Il dottor Channard trasformato in una sala operatoria ambulante; Pinhead e soci.

Lythops 12/07/16 14:56 - 987 commenti

I gusti di Lythops

Illuminazione degna di nota: i cenobiti vengono da un mondo parallelo e non dall'inferno. A parte questo particolare, il tutto scorre tra effetti migliori del film precedente e sceneggiatura brutalmente inferiore nonostante la presenza, come apprendiamo dai titoli di coda, nientepopodimenoché di un supervisore a essa. Non mancano momenti splatter, spesso a mio giudizio involontariamente (tragi)comici perché il film si prende molto sul serio e non sarebbe il caso. La Higgins è splendida come sempre, ma in una produzione simile è sprecata.

Pumpkh75 21/02/17 15:53 - 1538 commenti

I gusti di Pumpkh75

Chirurgico quando segue il segno del pennarello aprendo una pozza di corpi spellati, di sangue e di pazzia, prodigioso quando si toglie le bende e rivela una rappresentazione dell’inferno con pochi eguali: labirintico, sensuale, recondito, quasi allettante. Il trasporto è fenomenale, con la sensazione che i muri di casa si possano aprire e le catene possano squarciare il proprio divano; la Higgins ruba il proscenio e gli effetti speciali scorticano l’epidermide. Sarò eretico, ma seppur di poco lo reputo il migliore della saga. Estasi e supplizio.

Viccrowley 31/03/17 08:10 - 811 commenti

I gusti di Viccrowley

Uscito tra mille difficoltà produttive e di script, il seguito di Hellraiser si rivela un'esperienza ancora più sconvolgente dell'originale. Sadico, sporco, oscuro e bagnato da un'umida fecondità che abbraccia temi complessi e inaspettati, è sicuramente una creatura barkeriana in tutto. La visione dell'inferno è geometrica e labirintica, dominata dal peccato e dalla disperazione. Riuscitissimo il personaggio di Channard, medico dalla sconfinata sete di conoscenza destinato a divenire il iù terribile dei Cenobiti. Da vedere assolutamente in versione uncut.
MEMORABILE: La trasformazione di Channard; La resurrezione di Julia con il poveraccio che si prende a rasoiate sul materasso.

Minitina80 12/04/17 15:51 - 2750 commenti

I gusti di Minitina80

Difficilmente un sequel riesce a mantenere le promesse per uno spettacolo all’altezza, ma non è questo il caso poiché sotto alcuni punti supera le migliori previsioni. Gli aspetti più sanguinolenti e sadici della serie vengono amplificati a dismisura senza perdere mai d’efficacia, mentre saggiamente viene lasciato più spazio ai cenobiti e al loro universo in cui la fervida fantasia di Barker trova compimento. Angoscia e claustrofobica follia si mantengono costanti fino alla fine di uno dei migliori horror a chiusura della decade degli ottanta.
MEMORABILE: La rinascita di Julie e l’internato che si autoflagella col rasoio.

Rigoletto 24/10/17 11:17 - 1737 commenti

I gusti di Rigoletto

Se il primo film era stato una sorpresa, questo secondo capitolo è una piacevole conferma e la visionarietà resta altissima. Mantenendo di fatto il cast originale si dà al film un moto continuo che lo lega al predecessore senza sbalzi. È lecito gridare al miracolo? Sì: è molto raro trovare secondi capitoli di questa compattezza e lucidità. Promosso.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Siska80 25/04/20 08:36 - 2487 commenti

I gusti di Siska80

Bello quanto superfluo; seppur meno sanguinolento del primo, non manca di trovate originali (il materasso dell'orrore è davvero crudele) ma anche banali e fuori luogo: la ragazzina muta esperta in rompicapo depaupera il film di quella totale assenza di sentimentalismo che caratterizzava il predecessore e la sorte di Julia (che ricalca quella dell'amante Frank) denota una mancanza di idee di fondo che un pò delude e per certi versi annoia. Finale scontato.
MEMORABILE: Il sotterraneo del manicomio/antro dell'Inferno, che ha ispirato una celebre sequenza di Allucinazione perversa di Adrian Lyne.

Faggi 21/03/21 12:11 - 1531 commenti

I gusti di Faggi

Il supplizio continua imperterrito, accendendosi di ulteriori bagliori visionari, avanzando con impeto irrefrenabile nel labirintico mondo parallelo dei demoni dove un enorme prisma dispensatore di tenebre è un sole nero, suggello del cupo delirio che informa il dato sensibile rivoltato di segno. Ovvero: l'oscurità è luce dove la luce è oscura. E il canto e il lamento si equivalgono. E i sensi sconquassati si esaltano nel gioco acuminato e misterioso. Puro divertimento per i seguaci delle allucinazioni serpeggianti nel gioco affamato di frenesie carnali e infernale adrenalina.

Il ferrini 23/05/21 09:52 - 1988 commenti

I gusti di Il ferrini

Contorto sequel di un film affascinante pur se già lacunoso nella trama. La storia riprende da dove l'avevano lasciata ma spinge ancora di più sul pedale del fantasy, dipanandosi in scenari ispirati a Escher (citato espressamente con il puzzle di "Giorno e Notte") e popolati da esseri sempre più deformi. Indiscutibile la bontà di alcune trovate ma la tensione latita e l'impressione generale è che si punti più a disgustare lo spettatore che a spaventarlo. Non male ma soprattutto nella seconda parte rischia il farsesco.

Elisalem 11/07/22 14:10 - 10 commenti

I gusti di Elisalem

Il sequel del capolavoro di Clive Barker è affidato a Randel che ci regala un epico monolite, un'oscura realtà che incombe senza scampo, un universo di perversione, ricco di rimandi e simbologie (Escher, H.P Lovecraft, il mito del Leviatano). Il sadismo del dottore dalle perverse pulsioni è legittimato dal suo ruolo, e alla morsa infernale dell'inferno - prisma che prenderà forma davanti ai nostri occhi - non si sfugge. Così come è impossibile scappare dai cenobiti, o dai sotterenai del manicomio. Magnifico e terribile. Ah, se tutti i sequel fossero così! Meraviglioso e terribile.
MEMORABILE: La genesi che ha portato alla nascita dell'antieroe per antonomasia: Pinhead; I corpi di donna che si agitano coperti di sangue sui catafalchi.

Teddy 18/08/22 00:01 - 322 commenti

I gusti di Teddy

Pieno di soluzioni visive incredibili e di libertà narrative azzardate, il film di Randel - che si collegata sinuosamente al capostipite- è un horror metempsicotico dove riscoprire il passato sembra essere l’unica soluzione per riappropriarsi del presente. Un terrore che filtra con la scienza, con la favola, con l’ardore, sovraccarico di eccessi e di sanguinosa poesia. Femmineo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Smoker85 • 7/06/14 09:33
    Custode notturno - 65 interventi
    ho confrontato il dvd della Storm con il blu ray della Koch e confermo che è proprio nell'edizione BR che hanno risistemato l'audio del flashback-prologo (modificando anche le battute).
  • Discussione Zender • 7/06/14 18:03
    Pianificazione e progetti - 46225 interventi
    In che senso modificando le battute? Ridoppiando?
  • Discussione Raremirko • 7/06/14 23:31
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Smoker85 ebbe a dire:
    ho confrontato il dvd della Storm con il blu ray della Koch e confermo che è proprio nell'edizione BR che hanno risistemato l'audio del flashback-prologo (modificando anche le battute).


    Hai il cofanetto dvd storm 3 dvd?

    carino, credo sia fuori catalogo
  • Discussione Smoker85 • 8/06/14 00:13
    Custode notturno - 65 interventi
    Zender ebbe a dire:
    In che senso modificando le battute? Ridoppiando?

    Esattamente.
    I doppiatori dei cenobiti nel primo film sono Kalamera su Doug Bradley e Roberto Del Giudice sulla donna cenobita. In Hellbound hanno cambiato molte voci, ad iniziare da quelle dei due cenobiti (Sardone su Bradley, non so chi sulla donna cenobita ma hanno scelto una doppiatrice, evidentemente non Del Giudice). Tuttavia, nel prologo, hanno utilizzato le scene doppiate del primo film e, fino all'uscita dell'edizione blu ray, era rimasto questo "errore".
    Per altro, hanno proprio cambiato le battute...
    Pinhead passa dal dire "abbiamo tante cose meravigliose da mostrarti" ad un ambiguo "scoprirai nuovi orizzonti"... E secondo me han sbagliato la battuta di Frank (prima di finire a pezzi) giacché prima diceva (giustamente) rivolgendosi a Kirsty "Sei riuscita a liberarti di me" mentre ora gli han fatto dire "faremo a pezzi la tua anima" (battuta che diceva Pinhead, non Frank visto che lui non era un cenobita!).

    Raremirko ebbe a dire:


    Hai il cofanetto dvd storm 3 dvd?

    carino, credo sia fuori catalogo

    no, mi avevan regalato i tre dvd della storm video ma acquistati separatamente. Non dovrebbero comunque esserci differenze rispetto i dvd del cofanetto, se non un dvd extra con un film di Chuck Norris dal titolo "Hellbound: dall'inferno e ritorno", credo ce lo abbiano infilato solo per l'assonanza del titolo, ma poco c'entra con Barker ed Hellraiser.
    Invece ora ho trovato il cofanetto che raccoglie i tre blu ray, devo verificare la qualità del terzo film, che in dvd era scadente (in 4:3 nonostante l'etichetta dicesse 16:9).
    Ultima modifica: 8/06/14 00:19 da Smoker85
  • Discussione Noncha17 • 10/06/17 02:22
    Magazziniere - 1072 interventi
    Mancano gli attori che interpretano i Cenobiti:

    Doug Bradley - Pinhead
    Barbie Wilde - Donna Cenobita
    Nicholas Vince - Chatterer
    Simon Bamford - Butterball


    Aggiungerei anche William Hope (l'aiuto medico), Oliver Smith (lo zio Frank) e Angus McInnes (il detective).
  • Discussione Zender • 10/06/17 07:54
    Pianificazione e progetti - 46225 interventi
    Ecco quel che ti dicevo, Noncha. Ora mi riferisco a te. Va bene insierire i nomi degli attori ma devono essere copiati e INCOLLATI da Imdb, lettera per lettera spazio per spazio. Se mi scrivi Angus McInnes quando Imdb lo segnala come Angus MacInnes non va bene. Ogni nome da aggiungere nel cast deve essere IDENTICO lettera per lettera a quello di Imdb. Me l'hai pure chiesto l'altra volta...

    Adesso ricontrollali tutti o non li inserisco, se non son certo che sian precisi.
    Ultima modifica: 10/06/17 07:58 da Zender
  • Discussione Noncha17 • 10/06/17 14:55
    Magazziniere - 1072 interventi
    Ooook, non incazzarti però.. :)

    Comunque, una volta notato l'errore, ti bastava correggerlo aggiungendo anche gli altri..come fatto sul precedente! La mia era una pura e semplice segnalazione: ho notato che mancavano facendo un confronto tra tutti quelli contenenti la parola Hellraiser.


    Ecco la lista:

    Clare Higgins, Ashley Laurence, Kenneth Cranham, Imogen Boorman, Sean Chapman, William Hope, Doug Bradley, Barbie Wilde, Simon Bamford, Nicholas Vince, Oliver Smith, Angus MacInnes


    L'ultimo l'avevo copiato da wiki "inglese".
    Difatti, se vai a vedere anche su Imdb, non è errato ma - a questo stesso attore accade sovente - in questo film il suo cognome appare modificato.

    IMDb
    Ultima modifica: 10/06/17 14:56 da Noncha17
  • Discussione Zender • 10/06/17 17:00
    Pianificazione e progetti - 46225 interventi
    Non mi sono incazzato, ho però bisogno che questa cosa, che è la base dei cast del davinotti per far funzionare la ricerca, non sia chiara ma chiarissima. Se si copia da più fonti non si può più sperare che i nomi (che per la ricerca devono essere scritti ESATTAMENTE nello stesso modo per essere individuati) vengano poi trovati. Mai copiare da Wiki inglese, italiano o altri siti, solo e sempre da Imdb. Si può cambiare l'ordine (anzi, è corretto farlo proprio perché come detto ogni tanto Imdb non lo dà in ordine di importanza), ma ogni nome va copiato e incollato da lì.
    Ultima modifica: 10/06/17 17:01 da Zender
  • Curiosità Siska80 • 23/02/20 19:00
    Contratto a progetto - 564 interventi
    Nel doppiaggio italiano c'è un grossolano errore di traduzione, infatti il Leviatano viene tradotto erroneamente con Levitazione.

    Fonte: https://www.comingsoon.it/film/hellbound-hellraiser-ii-prigionieri-dell-inferno/4469/scheda/
  • Homevideo Smoker85 • 7/03/21 13:10
    Custode notturno - 65 interventi
    Ai tempi vennero girate delle scene in cui i Cenobiti "invadono" l'Istituto Channard: Pinhead e Female Cenobite inseguono (travestiti da medici) Kirsty e Tiffany che riescono a fuggire in ascensore, mentre più avanti appare Chatterer che cerca di intercettarle a metà viaggio in ascensore. Queste scene - che si collocano subito dopo quella  in cui  Kirsty piange per non aver potuto salvare l'anima del padre e viene confortata da Tiffany - furono poi eliminate.
    Sono visibili su Youtube al seguente link:

    Hellbound: Hellraiser II - Surgeon Scene
    Ultima modifica: 7/03/21 16:34 da Zender