Blade runner

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Blade Runner
Anno: 1982
Genere: fantascienza (colore)
Note: Tratto da un racconto di Philip Dick ("Do androids dream of electric sheep?"). Seguito da "Blade runner 2049".
Numero commenti presenti: 63
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Blade Runner è un ottimo film, ma decisamente sopravvalutato. La critica, che per una volta vede spettacolosi effetti speciali (del mago Douglas Trumbull, quello di INCONTRI RAVVICINATI) non abbinati alla solita storiella senz'anima made in Usa, è subito pronta a gridare al miracolo, prima ancora di analizzare il film come insieme di più componenti. Certo l'uso della fotografia è magistrale, le scenografie futuristiche impressionano per la loro verosimiglianza, le musiche di Vangelis aggiungono una patina di classe ed originalità non comuni, il regista Ridley Scott dopo ALIEN è ormai in possesso di una tecnica...Leggi tutto di ripresa invidiabile, eppure qualcosa non quadra. Prima di ogni cosa Harrison Ford appare assente, poco convinto, e oltretutto le battute che una sceneggiatura poco arguta e troppo convenzionale gli mette in bocca non fanno che peggiorare la situazione (e dire che Philip Dick, l'autore del racconto "Cacciatore di androidi" da cui il film è tratto, è uno degli scrittori meno conformisti della fantascienza), poi il montaggio è decisamente sbagliato: l'autocompiacimento con cui Scott (ex regista di clip pubblicitari) gira molte sequenze porta al film un ritmo lento che mal si addice ad una storia in fondo "semplice" come quella di BLADE RUNNER, in cui la trama è ridotta all'osso e si abbina a dialoghi fintamente "profondi". L'impressione è quella di aver a che fare con un film studiato apposta per andare incontro a quei critici che quando vedono un'inquadratura di un'ora sullo stesso viso (muto) si commuovono. BLADE RUNNER è un astuccio d'oro che contiene una stilografica di plastica: magari ben rifinita, ma... da guardare quando si è ben svegli!
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

dalive 30/12/06 15:34 - 18 commenti

I gusti di dalive

Foto, immagini e atmosfera sono perfette. Ti proiettano in una realta' ipotetica del futuro ben pensata, e anche se sveglio ne rimani coinvolto. Mi sono piaciuti sia Harrison Ford che Rutger Hauer. Nota: Hong Kong (visitata in occasione del viaggio matrimoniale) mi ha ricordato questo film: stessa atmosfera, colori, sensazioni ... se ne volete la prova ho giusto con me 4 ore di filmato da mostrare...

Puppigallo 20/02/07 18:41 - 4495 commenti

I gusti di Puppigallo

E’ una pellicola unica: dura, poetica, a tratti visionaria, quasi onirica, con un bravo Harrison Ford e un superlativo Rutger Hauer. Ci sono scene che restano nella memoria (la visita al fabbricante di occhi, quella al padre dei replicanti, Daryl Hannah tra i pupazzi, il discorso di Rutger). Alcune scenografie sono di rara bellezza e l'atmosfera è sporca, cupa, decisamente azzeccata. Purtroppo ci sono anche pause che frenano il meccanismo, ma piace pensare che servano a far riflettere lo spettatore sulla vera natura dei protagonisti. Un grande esempio di fantacinema con contenuto.
MEMORABILE: il test per determinare chi è umano e chi no (utile fino a un certo punto, visto il livello di perfezione, non solo fisica, raggiunto dai sintetici).

Caesars 21/02/07 08:52 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Ridley Scott inaugura la sua carriera cinematografica con 3 film eccezionali: I duellanti, Alien e questo "Blade Runner" poi non riuscirà più a toccare questi vertici. Questa terza opera è uscita nei cinema in una versione diversa da quella voluta dal regista (che riuscirà a mostrare in seguito e ad editarla in dvd) che prevedeva un finale diverso e non aveva la voce fuori campo di Harrison Ford; decisamente riuscita comunque anche l'operazione imposta dalla produzione. Da vedere assolutamente.

Sadako 5/04/07 21:24 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Difficilmente ci sono vie di mezzo quando si parla del film: o piace o non piace, così come capita con Philip K. Dick, l'autore del libro da cui è tratta la sceneggiatura. C'è un punto a favore del film... il finale risulta molto più elaborato che nelle pagine del libro, facendo guadagnare quei punti persi togliendo tutti i riferimenti alla situazione sociale degli androidi, che qui ci presentano quasi unicamente come il gruppo di ribelli che il protagonista deve catturare. Che possa piacere o meno, resta comunque un film da vedere.

B. Legnani 11/04/07 00:07 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Difficile dire qualcosa di nuovo, su questo ottimo film. Cercando di percorrere vie inconsuete, segnalo che Hauer, prima di fare il "salvatore" di Ford, si trapassa la mano con un chiodo e che le ventole sui tetti delle case teatro del duello finale sono uno splendido simbolo degli ingranaggi conta-tempo che, marciando incessanti verso la fine, ricordano le eccezionali poesie sugli orologi di alcuni poeti barocchi (Tommaso Gaudiosi, Ciro di Pers). Il salvataggio al volo ricorda Caccia al ladro. Francamente non ho trovato la nuova edizione così superiore rispetto a quella uscita in sala.
MEMORABILE: "Non sapevo di saper suonare". Da brividi.

G.Godardi 25/05/07 21:10 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Uno dei capisaldi mondiali nella nuova fantascienza (di allora), un riuscitissimo connubio tra sci-fi e noir: è la classica storia dell'investigatore privato o bounty killer con una missione da compiere, solo che qui la compie nel futuro. Calato in una sfarzosa scenografia postmoderna è un'autentica gioia per gli occhi e per le orecchie (forse le musiche di Vangelis appaiono un po' datate oggi). Nonostante il suo enorme successo non è un film facile, chi si aspetta un action movie veloce rimarrà deluso. Consacrazione per Ford e rivelazione per Hauer.
MEMORABILE: Ovviamente il monologo finale di Hauer sotto la pioggia.

Flazich 30/11/07 17:09 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Blade Runner è Blade Runner. Con la sua megalopoli futuristica ha segnato un punto di riferimento per le scenografie di 20 anni di film di fantascienza. La storia è originale ma il vero punto forte sono le atmosfere cupe che successivamente verranno riprese nei libri di William Gibson. Indimenticale il monologo di Rutger Hauer. Personalmente preferisco il finale director's cut, molto più cupo e pessimista.

Xamini 3/12/07 02:30 - 1000 commenti

I gusti di Xamini

Rivisto di recente in occasione della final cut, esco dal cinema ancora appagato. La magia e le impressioni della primissima visione, da ragazzo, sono mitigate; la pellicola è effettivamente lenta, ma i lunghi minuti che Scott si prende per dipingere l'atmosfera della città degli angeli del 2019 sono tutti ben spesi. Poiché questa città di palazzi neri e informi, di luci al neon, caotiche chinatown, smog e luci filtrate da persione nella polvere, sotto a una pioggia incessante da noir resta impressa nella memoria. Così come la riflessione sul rapporto uomo-Dio che dal testo scaturisce.
MEMORABILE: Rutger Hauer semi nudo sotto la pioggia, nel monologo finale.

Undying 4/12/07 18:02 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Ridley Scott è garanzia di regia seria, attenta e meticolosa. Il budget di cui il film si avvale permette di realizzare scenografie imponenti e verosimili. La città futuristica nella quale si svolgono gli eventi è tracciata come resa al caos, alla decadenza ed all'anarchia: elementi sorretti da una messa in scena a luci sfocate, labili e sovrastate da piogge imponenti. Il titolo diventa un caposaldo della fantascienza, ma scorre però con lentezza e potrebbe essere mal digerito da chi -il genere- non lo apprezza.

Rebis 10/12/07 20:16 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Per ingerenza della produzione – non soddisfatta del lavoro di Scott a fronte dei capitali investiti – Philip K. Dick evapora tra le luci al neon di un melò cyberpunk declinato su reminiscenze cartesiane - cogito ergo sum? – e melanconie noir – la chandleriana voce off. S'impone un immaginario inedito: la metropoli fagocitante e oscura, babelica metastasi in ipertrofica ascesa verso uno spazio funereo che precipita piogge acide, alienazione e rabbia. Chiusura su barbagli e scorci edenici che quietano la coscienza ecologista ma non negano l’entropia esistenziale in una fuga solo possibile.
MEMORABILE: Le lacrime nella pioggia.

Mfisk 15/02/08 12:48 - 127 commenti

I gusti di Mfisk

Una nitida fotografia e una grandiosa scenografia affrescano una Los Angeles che, pur futurista, la regia di Scott ci fa vedere come fosse dietro l'angolo: non futuro bensì semplice domani. La cupezza dell'atmosfera riverbera il malumore del protagonista, così disincantato da apparire a tratti stralunato e meno vivo dei replicanti che ha il compito di terminare. La trama non è proprio lineare, ma il ritmo certo non teso impresso al film lascia allo spettatore il tempo di porsi le domande giuste (prima su tutte da che parte stia il bene).
MEMORABILE: La casa del giocattolaio; la morte di Hauer.

Cotola 17/02/08 01:34 - 7449 commenti

I gusti di Cotola

Semplicemente mitico. Ogni ingrediente di questo film è entrato, a giusta ragione, nella storia del cinema di tutti i tempi: la regia di Scott, la splendida sceneggiatura, le meravigliose scenografie (in parte debitrici del Metropolis langhiano) copiate in numerosissimi film, l’indimenticabile colonna sonora di Vangelis, l’intensa interpretazione di Hauer. In poche parole: uno dei più bei film di fantascienza di tutti tempi forse secondo solo al 2001 di Kubrick.

Galbo 15/06/08 08:53 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Giustamente diventato un cult, il film di Ridley Scott è portatore di significative novità nel campo della fantascienza; la prima (e forse più importante) è l'avere dotato l'opera di bellissime atmosfere (e contenuti) noir, a partire dalla suggestiva e molto originale ambientazione, totalmente lontana dall'immaginario collettivo del cinema di fantascienza classico. L'interpretazione di Ford, che si richiama chiaramente ai migliori ruoli di Bogart, rafforza l'impressione, insieme alle bellissime musiche di Vangelis.

Pigro 18/06/08 09:50 - 7728 commenti

I gusti di Pigro

Un film spartiacque della fantascienza. La perfetta combinazione di fotografia, musica e atmosfera (la pioggia costante, il paesaggio antropologico della città) hanno creato giustamente il mito, anche grazie a una storia universale, cioè il rapporto fra uomini e replicanti, declinabile all’infinito in ogni sfumatura scientifica o psicologica. Personaggi scolpiti con precisione e potenza. Pessimo il finale imposto dal produttore.

Ciavazzaro 25/11/08 14:39 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Classico assoluto della fantascienza. A partire dal mondo descritto nella pellicola (davvero molto fantasioso e coinvolgente), per arrivare agli ottimi protagonisti Harrison Ford e Rutger Hauer. Ridley Scott firma un piccolo capolavoro, che merita di rimanere nelle videoteche.

Rickblaine 2/01/09 14:56 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Chi ha letto il libro sa che il film non gli è molto fedele. Però non delude, anzi affascina quel mondo che comunque si rivela come un classico ambiente dickiano. Harrison Ford, anche se non è molto impegnato nella parte, prende bene la figura che gli è stata incaricata. Rutger Hauer è grande e rimane nella storia come Lugosi per Dracula. Il finale è accettabile, nonostante quello del libro sia migliore.
MEMORABILE: Ne ho viste cose io, che voi umani non potete neanche immaginare...

Capannelle 23/01/09 11:08 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Indiscutibilmente impianto visivo ed effetti sono di prim'ordine e disegnano un'atmosfera che verrà presa a modello. La storia però assume movenze da film orientale e non migliora neanche rivedendolo. Tra gli attori poi, eccetto la scoperta Hauer, regna un distacco eccessivo. Per carità, tutte cose volute da Scott e funzionali all'atmosfera ma che è un peccato mantenere per tutta la durata del film. E pensare che per il ruolo di Ford volevano scritturare Dustin Hoffman... Come sarebbe stato? Tripalla.
MEMORABILE: La città dall'alto e la morte di Hauer: inizio e chiusura del film.

Enzus79 1/02/09 18:32 - 1754 commenti

I gusti di Enzus79

Questo film, in qualsiasi forma lo si guardi (tagliato e non) rimane un capolavoro della fantascienza. Già sapere che la storia viene dalla mente di uno dei maggiori scrittori del genere (Dick) lascia ben sperare. E anche se ha poco in comune con essa, la sceneggiatura è stata scritta in modo da non deludere i fan dickiani. Harrison Ford in una (forse l'unica) delle sue migliori interpretazioni. Ottima la colonna sonora.

Cif 8/10/09 01:32 - 272 commenti

I gusti di Cif

Deve tantissimo al genio di Dick, ma è anche vero che il risultato cinematografico è complessivamente superiore al racconto originale, perché più completo, organico. Cupo, uggioso, magnifico nella resa in immagini. Fantastici gli attori. E poi evocativo, offre poche pennellate per lasciare il resto all'immaginazione, alimentando inoltre le ricostruzioni più fantasiose anche in termini di trama (ma siamo nell'ambito della speculazione pura, su tutte: qual'è la vera natura di Deckard?). Uno spartiacque tra prima e dopo. 4 pallini e 1/2.
MEMORABILE: Il dionisiaco Rutger Hauer umilia nel confronto il resto del cast. Ma tutti sono grandi, in ordine di bravura: Daryl Hannah, Ford e Sean Young.

Scarlett 7/11/09 13:07 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Tra i migliori film di fantascienza, dalla scenografia più copiata in assoluto, un vero e proprio cult. Gli ingredienti ci sono tutti: attori, musiche, storia, sceneggiatura, fotografia con una menzione d'onore per l'atmosfera che tutte queste variabili contribuiscono a creare. Ottimi Hauer e Ford nella prova di recitazione, ma è del primo che non si riesce a dimenticare la frase che è ormai nella memoria collettiva. Spettacolare.

Greymouser 23/03/10 13:23 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Cult per eccellenza, non è un film che amo alla follia, pur riconoscendone la grandezza e i meriti. Affascina soprattutto l'ibridazione fra noir e fantascienza e la resa angosciosa degli scenari futuribili. La suggestione, insomma, sta a mio parere più nell'ambiente che nella storia, del resto espansa all'inverosimile a partire da un succinto racconto di Philip K. Dick. Giustamente celebrate l'interpretazione di Harrison Ford e - soprattutto - quella davvero immensa di Rutger Hauer.

Saintgifts 24/12/09 01:01 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Gli uomini costruiscono se stessi e lo fanno talmente bene che anche questi prodotti sono destinati alla morte; non solo, questi "esseri" sono provvisti di un forte istinto di sopravvivenza, sono anche generosi e possono amare, ma possono anche uccidere con facilità, come l'uomo uccide loro con facilità. Al di la di tutte le considerazioni che si possono fare, questo film rimane un buon prodotto con tutti gli ingredienti giusti miscelati per creare atmosfere di un futuro prossimo che si porta dietro anche molto del presente. Diventato un cult.

Mr.geko 20/01/10 16:32 - 34 commenti

I gusti di Mr.geko

Un film col quale ci si pone delle domande. Ha cambiato i film di fantascienza con la religione. Quale è la paura più grande dell'uomo? La morte. E' questo che rende un replicante un uomo? La paura? In un futuro in cui l'umanità è sempre più culturalmente primitiva, il Dio "sopra" (il palazzo-piramide) e lo schiavo "sotto" (gli uomini poveri e i replicanti), gli unici veri umani sono gli ignoranti del mondo, i replicanti, bambini che chiedono a loro padre (o Dio) di non farli morire. Da vedere più volte per capire.
MEMORABILE: Roy: "...E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire".

Mcfly87 23/02/10 21:23 - 75 commenti

I gusti di Mcfly87

"Blade Runner" non è una semplice storiella cyberpunk, ma qualcosa di più. Lo spettacolare involucro che l'avvolge, ricco di scenografie suggestive, ha forse l'unica pecca di mettere in secondo piano alcune importantissime chiavi di lettura del film come: l'umana paura per la morte, l'impossibilità di distinguere l'essere umani dal solo "cogito" Cartesiano o il rapporto tra soggetto ed oggetto. La trama soffre di qualche rallentamento di troppo ed alcuni personaggi forse andavano strutturati meglio. Rimane comunque un cult della fantascienza.
MEMORABILE: E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.

Luchi78 19/03/10 18:51 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Fortunatamente faccio parte di quelli che Blade Runner l'hanno visto la prima volta nella versione final cut. La voce fuori campo e il finale sdolcinato della versione originale fanno capire come la legge del "più commerciale" può far soccombere anche un capolavoro. Su tutti gli attori trovo che Sean Young interpreti Rachel in maniera splendida e affascinante nel suo stile così retrò. Un vero cult per chi ama la fantascienza e il suo dilemma più ricorrente.
MEMORABILE: Rachel: "Questo test è per decidere se sono un Replicante o una lesbica Sig. Deckard?"

Rambo90 24/03/10 22:28 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Grandissimo film di fantascienza, che per la prima volta dà un'anima a degli androidi (o come li si vuole chiamare) e che si avvale di una splendida fotografia e di una delle migliori intepretazioni di sempre di Harrison Ford, ben supportato dal cattivo (ma con riserve) Rutger Hauer. Ottima e veloce la regia di Scott, dialoghi (soprattutto il monologo finale di Hauer) rimasti nella storia e grandissimo combattimento finale, quasi un incubo. Non stona nemmeno la storia d'amore con l'androide: un capolavoro!

Vanadio 29/04/10 23:30 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Pietra miliare (almeno secondo me). Ridley Scott rilegge il noir di Philip Marlow e Sam Spade e lo applica alla fantascienza, in una visione trasudante anni '80, ispirandosi (con moderazione) a un romanzo di Philip Dick, portando però ad una storia molto più fluida e interessante della fonte d'origine. Harrison Ford è un antieroe con sentimento; il biondissimo Rutger Hauer un replicante perfetto. Meglio il finale originale che quello, ambiguo e spiazzante, della "director's cut".
MEMORABILE: Le pubblicità semi-occulte (Atari, TDK...); gli ombrelli-neon; l'atmosfera notturna e piovosa; naturalmente il discorso finale di Rutger Hauer.

Disorder 21/08/10 15:54 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Non solo uno dei capisaldi della fantascienza, ma di tutto il cinema. Ridley Scott in irripetibile stato di grazia non sbaglia una sola inquadratura, regalando immagini tra le più belle mai girate. Gli effetti speciali (ottimi) passano nettamente in secondo piano di fronte alla statura di questi personaggi, tutti superbamente interpretati; su tutti giganteggia Hauer, artefice di uno dei più bei personaggi della storia del cinema. Capolavoro senza tempo, è dei primi anni 80 ma potrebbe essere uscito ieri, tanto non è invecchiato. Da vedere assolutamente.
MEMORABILE: Tutta la sequenza del "ritiro" di Pris e ovviamente il monologo di Roy Batty: di una bellezza sconvolgente.

124c 15/10/10 15:49 - 2762 commenti

I gusti di 124c

Film di fantascienza del 1982, diretto da Ridley Scott, che, all'epoca, sopratutto in USA, non ebbe un immediato successo. Sci-fi, poliziesco e noir si fondono in una pellicola visivamente e perfetta, dove uno stanco cacciatore di androidi, impersonato da Harrison Ford, s'innamora della bella Sean Young, che è in realtà un'androide. Film di culto, dove né Harrison Ford né Rutger Hauer si possono etichettare solo come buono e cattivo, perché i perfidi sono altri. Difficile non innamorarsene, nonostante la voce fuori campo di quest'edizione.
MEMORABILE: Rutger Hauer: "Può l'rtefice ritornare su ciò che ha fatto?"

Belfagor 2/02/11 08:55 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Pietra miliare del genere fantascientifico. In una cupa atmosfera sospesa fra malinconie noir ed eleganti effetti speciali in stile cyberpunk, Scott dipinge il plausibile futuro di un'umanità in declino, che invece di cercare la salvezza il progresso preferisce sfruttarlo e poi ripudiarlo come "inumano". Ecco così che il sogno della singolarità tecnologica si distorce in una tetra allucinazione. Pur risentendo di certe imposizioni commerciali, rimane un grande classico. Grande prova del cast.
MEMORABILE: L'atmosfera blu e melancolica che permea l'intera città; il leggendario monologo finale di Hauer.

Homesick 25/04/11 17:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’uscita del final cut, epurato del taglio esplicativo dell’io narrante e dell’happy end consolatorio non previsto dal progetto originale di Scott, ha raggiunto l’optimum assoluto senza appannare la fama di questa versione dell’82: una fama poggiante sulla sintesi perfetta tra la natura filosofica - le tetre visioni distopiche e le incognite esistenziali – e un possente apparato scenografico che attraverso barocche architetture futuristiche riscopre e rivitalizza le memorie dei noir anni Quaranta e i loro personaggi malinconici e disillusi. Il cinema sci-fi alla sua massima maturazione. Unico.
MEMORABILE: «Io, ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi […] e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.».

Deepred89 31/08/11 22:25 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Tra i vertici della fantascienza anni 80, un capolavoro di fascino e atmosfera, il cui ritmo dilatato (snellito leggermente dalla voce narrante) risulta fondamentale alla discesa nel clima da incubo (ricreato grazie a scenografie, pur con qualche concessione all'estetica anni 80, stupefacenti) del mondo "noir" di Scott e all'immersione dello spettatore nelle psicologie dei personaggi, di una profondità (anche filosofica) piuttosto estranea al cinema mainstream. Straniante il finale, imposto dalla produzione, eliminato delle edizioni successive.
MEMORABILE: Il monologo più famoso della storia del cinema. Inutile citarlo l'ennesima volta.

Piero68 1/02/12 09:08 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Fantascienza punto e a capo! Scott riscrive completamente i canoni del genere (siamo nel lontano 82) sfruttando un romanzo (manco a dirlo) di Dick. Ne viene fuori un capolavoro assoluto che anche visto oggi, a 30 anni di distanza, non sfigura affatto. Anzi, resta ancora inarrivabile. Questo perché Scott riesce a ricreare un universo visivo che già da solo basterebbe ad appagare lo spettatore. Ma se a questo ci si aggiunge anche un cast artistico in stato di grazia, un OST azzeccatissima e una sceneggiatura che regge fino alla fine... Imperdibile.

Fabbiu 3/02/12 22:09 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

La cosa che più mi piace di Blade Runner è l'estetica dell'ambientazione, questa società angosciosa con architetture di diverse epoche, piena di luci ma in costante penombra, cupa come cupo è il carattere di ogni personaggio, sia umano o replicante. Ford sbattuto e stanco va contro i suoi principi in questa missione che si interroga sul valore dell'umanità; fantascienza allo stato puro, ma che a mio parere nei fatti non è articolata in modo entusiasmante. Buono, ma un po' sopravvalutato; le diverse "versioni" ne danno un valore aggiunto.

Rigoletto 17/08/12 15:01 - 1497 commenti

I gusti di Rigoletto

L'ho visto con curiosità e dalla prima inquadratura mi sono reso conto di avere a che fare con uno di quei film imperibili perché essenziali nell'evoluzione del genere. Bravissimo Hauer, gelido e cinico, che riesce a surclassare tutti gli altri del cast, nonostante la buona performance. Ho riscontrato però anche il difetto di una lentezza forse accessiva, che finisce per ingolfare un po' la meravigliosa tensione latente. Sicuramente merita un voto alto, ma non credo che arriverò mai ad amarlo.

Ryo 4/04/13 14:12 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un film di altissima qualità; impossibile non apprezzarlo per la suggestiva ambientazione davvero curata in ogni minimo dettaglio, per le deliziose atmosfere di luci e colori. Difficile non apprezzare la filosofia sull'esistenza, sulla morte e la religione. Se poi il tutto è reso magnifico da effetti speciali straordinari, un cast ottimamente assortito e in forma e dalle stupende musiche di Vangelis, è inevitabile riconoscere a questo film lo status di piccolo capolavoro.
MEMORABILE: Lo scontro con il replicante Pris, che inizialmente si confonde fra i giocattoli; Lo strumento che "scava" nelle fotografie; Lo scontro finale.

Modo 14/08/13 18:26 - 820 commenti

I gusti di Modo

Opera unica, di rara bellezza. La fantascienza tocca la sua massima intensità visiva e sensoriale. Emozionante fin dalle prime immagini, il film si sviluppa in modo egregio fino all'immaginifico finale. Siamo nell'82, ma l'opera è strepitosa ancora godibilissima. Menzione speciale pure per la colonna sonora, che scandisce in modo impeccabile lo sviluppo della trama.

Liv 27/06/14 17:28 - 237 commenti

I gusti di Liv

Noir californiano ambientato nel lontano 2019 (com'è vicino, ora e come sono andate diversamente le cose!) con i migliori ingredienti. Trattandosi di fantascienza, non stiamo a gingillarci con il verosimile o il futuribile e forse neanche con i "messaggi". C'è tutto del noir californiano: scene notturne con pioggia, più interni che esterni, violenza improvvisa, scene romantiche sofisticate (è chiaro che la storia d'amore è con una replicante), scene angoscianti. Il grande sonno posdatato.

Deckard 21/07/14 04:42 - 3 commenti

I gusti di Deckard

il tempo è l'argomento centrale del film. Argomento più che sfruttato nel cinema ma qui messo in scena in maniera eccellente. Il tempo, la richiesta al dio Tyrell di vivere ancora, le domande di sempre: da dove vengo, quanto mi resta? Trovo i personaggi perfetti, dal cacciatore di replicanti all'ultimo dei nanetti amici di JF Sebastian. Un film di fantascienza lungimirante... Pioggia continua, città invase da popolazioni asiatiche, musiche orientaleggianti: la multietnicità 30 anni prima degli accadimenti reali.
MEMORABILE: Tyrell a Roy (Hauer): "La luce che arde col doppio di splendore brucia per metà tempo. E tu hai sempre bruciato la tua candela da due parti, Roy".

Pessoa 21/09/14 21:32 - 1127 commenti

I gusti di Pessoa

Fin dall'incipit con la splendida fotografia di Cronenweth capiamo che lo schermo davanti a noi ci regalerà un viaggio tortuoso e sublime in un cinema superiore. Ogni momento del film è intriso di polisemia narrativa che ci dà la gioia incondizionata propria dei bambini. Difficile selezionare individualità in un perfetto lavoro corale. Da vedere almeno un paio di volte per capirlo meglio. Un grande cult che ha cambiato il cinema, passato come molti altri capolavori per infinite complicazioni in fase di produzione. Per serate molto speciali!
MEMORABILE: L'interrogatorio a Brion James/Leon.

Samdalmas 3/11/14 13:43 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

La visione del futuro previsto oltre trent'anni fa da Ridley Scott sembra sempre più attuale: città multietniche, piogge acide che cadono... Il regista inglese trae dal libro di Philip K. Dick un film epocale: la fantascienza si contamina con il noir e il thriller... una caccia all'uomo spietata quella di Deckart (Harrison Ford stile Bogart) contro gli androidi sopravvissuti (Rutger Hauer, Daryl Hannah e Joanna Cassidy memorabili), il tutto sottolineato dalle musiche solenni di Vangelis.
MEMORABILE: L'inseguimento di Harrison Ford e Joanna Cassidy; Il finale sul tetto e il monologo di Rutger Hauer.

Taxius 25/06/15 20:50 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Blade runner (qualunque sia la versione) è probabilmente il miglior film di fantascienza della storia del cinema; un film che ha segnato un'epoca, che a ogni visione mostra qualcosa di nuovo. Opera profonda, che parla dell'importanza della vita e di come qualunque essere vivente ne abbia diritto, pure i replicanti che non sono assolutamente visti come personaggi negativi (anzi, forse sono loro i veri buoni). Gli effetti speciali sono stupendi e realistici e il cast, con un Rutger Hauer che mette in ombra Ford, è fenomenale. Capolavoro!
MEMORABILE: Io ne ho viste di cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione [...] nella pioggia.

Polato l. 7/08/15 11:48 - 4 commenti

I gusti di Polato l.

Bellissimo l'effetto della fusione noir investigativo/fantascienza, interpretazione di Harrison Ford sufficiente, buona la sceneggiatura che scorre senza particolari problemi, tenendoti sempre attaccato allo schermo. Ciò che non mi ha particolarmente colpito è proprio la trama in sé, non particolarmente originale. Regia di Scott valida e riconoscenza per l'eredità lasciata al resto dei film di fastascienza che seguiranno.

Metuant 6/07/15 08:54 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Cult dall'incredibile fascino visivo e non solo, un mito per tantissimi fan del genere e capolavoro del suo regista. Volendo ben guardare non c'è praticamente nulla in questo film che risulti fuori posto o sbagliato: un protagonista ambiguo e carismatico, personaggi senza una sbavatura, ambientazioni da urlo e una colonna sonora giustamente entrata nella storia. Quando il film riesce a superare il valore del romanzo dal quale è tratto non va assolutamente perso. Geniale.
MEMORABILE: Deckard appeso al grattacielo con due dita rotte.

Pinhead80 21/07/15 10:04 - 3879 commenti

I gusti di Pinhead80

E' il film di fantascienza che ha cambiato il modo di vedere e di gustare un genere cinematografico. Siamo di fronte a un vero e proprio cult, o meglio a un capolavoro. Il cacciatore di androidi Harrison Ford si muove in un mondo dominato dallo smog e dalla pioggia incessante, dove ogni barlume di umanità scompare sotto il grigiore di un mondo ostile. Forse saranno proprio gli androidi a far scoccare la scintilla dell'amore negli umani. Scene epiche, musiche di Vangelis ipnotizzanti e un finale mozzafiato. Questo è cinema.

Faggi 17/03/16 19:26 - 1486 commenti

I gusti di Faggi

Rivisto più volte mantiene inalterato il suo fascino visivo e (mi scuso per la parola grossa) filosofico. La domanda cardine "cosa è l'umano?" (che è nella poetica di Philip K. Dick) è magistralmente interpretata in celluloide. La risposta non è nei personaggi umani ma nei replicanti. Da vedere assolutamente nella versione con il finale non rassicurante, l'altro potrebbe non avere senso.

Redeyes 20/12/16 11:16 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

La poesia della fantascienza. Unico, azzarderei. Inarrivabile, suggestivo. Risulta difficile trovare delle falle. L'atmosfera dark, la pioggia che cade, Chinatown... tutto scivola verso un senso di sconfitta, come i diritti inalienabili che muoiono estirpati dall'uomo e da chi aspira a esserlo. Una grande bolla di malinconia e malessere che forse è solo un sogno di un androide.

Thedude94 24/01/17 00:50 - 534 commenti

I gusti di Thedude94

Scott regista al suo livello più alto, in un mix di noir e sci-fi di ottimo livello scenografico e di effettistica. Una Los Angeles futuristica, un poliziotto della Blade Runner mezzo alcolizzato (un Harrison Ford non al massimo) alle prese con una banda di replicanti Nexus 6 che stanno diventando sempre più umani. Tutto è grande spettacolo e, scena dopo scena, il film non scade nella banalità che può esserci magari in un racconto che sembra scontato, bensì è condensato in una serie di vicende e situazioni introspettive davvero convincenti.

Magi94 6/07/17 14:00 - 656 commenti

I gusti di Magi94

Il film sa di capolavoro riuscito solo a metà. Il mondo del futuro è ricreato a opera d'arte, immerso in una fotografia cupa, pregna di morte e descritto da meravigliose scenografie ispirate a Metropolis. Eppure Scott si crogiola un po' troppo in questo paradiso cinematografico e racconta una storia piuttosto confusa che avrebbe meritato un contesto un po' più approfondito, forse sforando le due ore. Le scene memorabili sono molte, ma a tratti ci si annoia o non si riesce bene a seguire il filo. Anche Harrison Ford è altalenante.
MEMORABILE: La bellezza di Rachael e dei suoi occhi nel test iniziale.

Franz 1/10/17 17:40 - 110 commenti

I gusti di Franz

Un'esperienza sensoriale e un tuffo in un mare di interrogativi, questo è Blade Runner. Se il Charloton Heston dei 70s, dalle scimmie in giù, incarnava l'eroe della fantascienza politica, questo Ford combattuto, indecifrabile, enigmatico, è l'emblema del versante più filosofico, direi teologico, del genere. Scott mette in scena un mondo, un'"epoca", destinati a diventare paradigmatici per la letteratura, per il cinema, per la cultura occidentale tout court. Brividi puri. Orgasmi intellettuali multipli.
MEMORABILE: La pioggia e i neon; Gli edifici; Le musiche.

Il Dandi 30/09/17 11:48 - 1744 commenti

I gusti di Il Dandi

Apprendo con stupore che sia stata necessaria (più di) una director's cut per sancire la legittimazione critica di un culto che si era già imposto autonomamente; aggiungo anzi che proprio le parti qui incriminate sono quelle che trovo più irrinunciabili: la voce-off da pulp chandleriano e il famigerato happy-end (che non trovo affatto così happy nella sua poetica precarietà). Per il resto solo lodi sperticate per uno scenario futuribile di ineguagliata potenza pittorica, in cui perfino il product placement viene reinventato alle basi.
MEMORABILE: "Non sapevo quanto saremmo rimasti insieme... ma del resto chi è che lo sa?"

Il ferrini 8/10/17 02:51 - 1661 commenti

I gusti di Il ferrini

Che sogni l'unicorno (director's cut) oppure no, Deckard rimane comunque uno dei personaggi più iconici di tutti i tempi. Il merito, prima ancora che a Ford, va a Scott che gli costruisce attorno un universo memorabile, punto di riferimento per tutta la fantascienza a venire e che neanche Villeneuve, 35 anni più tardi, riuscirà a far dimenticare. Il monologo finale di Rutger Hauer è il più famoso della storia del cinema, ogni inquadratura è un affresco, le musiche sono perfette. Sean Young incantevole. Pietra miliare.
MEMORABILE: Il test è per stabilire se sono una replicante o una lesbica, signor Deckard?

Tarabas 26/10/17 10:51 - 1687 commenti

I gusti di Tarabas

Tradendo a man salva la fonte letteraria, Scott gira un capolavoro e inventa il noir-scifi. Suo malgrado, dato che la voce over chandleriana è frutto di un'imposizione/negoziazione con i produttori per rendere più fruibile il film. In effetti, il vecchio trucco impone un'immedesimazione con Deckard, un Marlowe del futuro con più cicatrici che medaglie, cacciatore di esseri sintetici che sognano pecore elettriche e vite (più) umane. Rispetto al "final cut" alcune sequenze (la morte di Roy) sono stravolte, ma l'atmosfera resta unica. Film del cuore.

Rufus68 3/11/17 08:02 - 3049 commenti

I gusti di Rufus68

Dopo più di trent'anni il film ha perso poco della sua potenza fantastica. I difetti oggi appaiono con più evidenza poiché si è dissipata l'aura mitica dei primi Ottanta quando le visioni (rarissime e non replicabili) ingigantivano nella memoria e nel desiderio. E però l'uso delle luci, la fotografia, gli ambienti desolati e notturni e l'afflato romantico (in senso pieno: come scontro tra la finitezza della vita e la Morte) rimangono indimenticabili, quasi commoventi.

Alex75 10/01/18 13:37 - 666 commenti

I gusti di Alex75

Film sicuramente significativo e innovativo, per i temi proposti (il rapporto, carico di dilemmi morali, tra umani e androidi) e per l’inserimento di elementi noir in un contesto fantascientifico. Eppure, malgrado questi motivi di interesse e il cast carismatico, il film di Scott è spesso difficile da seguire e raramente entusiasma, a causa di un’andatura spesso letargica e una freddezza di fondo. Molto suggestiva la colonna sonora di Vangelis, con molti brani da antologia.
MEMORABILE: Il monologo di Rutger Hauer, soprattutto il famosissimo incipit.

Black hole 1/02/18 14:29 - 137 commenti

I gusti di Black hole

Ho rivalutato la director's cut del 1992, forse più vicina all'idea dickiana, con sottintesi che nella versione del 1982 si vanno un po' a perdere, specie alla fine, diluiti nella quieta sequenza mutuata da Shining. Nell'originale la voce fuoricampo non spinge lo spettatore a uno sforzo di comprensione aggiuntivo tale da inserirlo appieno nell’atmosfera del film. Anche il sospetto che il protagonista non sia quello che appare qui è meno marcato rispetto alla director's cut. Differenti chiavi di lettura per un solo capolavoro.

Paulaster 19/02/18 10:48 - 2725 commenti

I gusti di Paulaster

Replicanti umani sbarcano a Los Angeles e un cacciatore di taglie dovrà eliminarli. Concentrato in toto sull’effetto fantascientifico, mantiene in ogni scena il clima pessimistico di umanità oppressa che deve munirsi di cloni. Oltre a ciò vi sono accenni filosofici (si vuole comunque vivere più a lungo), poche schermaglie fisiche e una storiella d’amore per arricchire la trama. Hauer ha le battute migliori. Finale non in linea con la drammaticità e qualche brand pubblicitario di troppo.
MEMORABILE: Hauer che si infilza il chiodo nella mano; La Hannah mescolata in mezzo ai manichini.

Acid burn 6/08/18 02:13 - 45 commenti

I gusti di Acid burn

Ci sono pochissimi film che oltre ad avere regia, trama, azione, mistero e impatto visivo eccezionali, diventano anche un modello per il futuro. Blade Runner è uno di questi. La sua città che rievoca Metropolis è l'ambiente ideale per una caccia spietata ai replicanti e Harrison Ford in stato di grazia ne è il cacciatore. Un risultato praticamente perfetto e mai equagliato. I sentimenti di umanità usciti dai replicanti lasciano l'amaro in bocca per la tragica fine.
MEMORABILE: Le scene della città dall'alto; Il monologo finale conosciuto oramai a memoria da tutti gli appassionati.

Rocchiola 14/04/19 10:07 - 854 commenti

I gusti di Rocchiola

Classico sci-fi in cui iniziano a vedersi i pericoli dello stile estetizzante di Scott, che rinunciando al ritmo selvaggio e alle metafore di Alien crea un film intimista e romantico di struggente bellezza visiva sul tema della riscoperta dei sentimenti in un mondo freddo e disumano. Il commento off del protagonista aggiunge un tocco di fatalismo noir. Hanno fatto epoca soprattutto le scenografie gotico-futuristiche di una Los Angeles al neon buia e piovosa ripresa in controluce. Un plauso a Hauer angelo-vendicatore edipico.
MEMORABILE: “Ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi”; Ford aggrappato alla trave; L’accecamento del creatore Tyrell; Il test al replicante Leon.

Lupus73 10/01/20 23:10 - 544 commenti

I gusti di Lupus73

Non solo fantascienza ma una cupa e notturna epopea metropolitana futuribile. Harrison Ford in uno dei suoi ruoli migliori è il cacciatore di replicanti e Rutger Hauer il replicante spietato, che non poteva esser più calzante al suo sguardo vitreo. Scott sforna un capolavoro immortale; un incedere lento e oscuro in un futuro in cui il confine tra macchine e uomini è sottile e la metropoli trasuda una modernità fosca e tetra. La director's cut cambia in poche mosse il significato del film in maniera molto interessante.
MEMORABILE: Lo scontro tra Ford e Hauer; Il monologo di Hauer alla fine; La scena di sesso con Rachael.

Jdelarge 27/03/20 20:34 - 847 commenti

I gusti di Jdelarge

Capolavoro di Ridley Scott che riesce nell'ardua impresa di far coesistere in maniera armoniosa fantascienza e noir. Se lo sfondo psichedelico, infatti, rientra nell'ambito fantascientifico, il contenuto esistenzialista che mette in evidenza vite, umane e non, destinate inesorabilmente a rientrare in una dinamica di lacrime nella pioggia, è a tutti gli effetti eredità del genere noir. Ottima la prova del cast. Fotografia, scenografie e musiche di livello eccelso.

Bubobubo 28/04/20 15:53 - 1183 commenti

I gusti di Bubobubo

Oltre la storia che lo vuole capolavoro letterario, per cogliere pienamente la portata della narrazione dickiana è necessario calarla nel tempo in cui venne elaborata, una vera e propria cesura tecnologica tra mondi caratterizzati da reciproca incomunicabilità. Così la trasposizione di Scott, che accentua le ambiguità etiche insite nel disegno dei personaggi: se c'è un giusto e uno sbagliato, è difficile capire cosa stia dove e, soprattutto, cosa venga rappresentato da chi. Filosofia fantascientifica che non soffre il passare del tempo.

Aco 11/05/20 19:38 - 43 commenti

I gusti di Aco

Cult movie di fantascienza noir retrofuturista, si apprezza per la cura delle inquadrature, la recitazione dei protagonisti, la ricostruzione di un futuro così terribile da risultare affascinante, una colonna sonora meravigliosa. Peccato aver tolto nella director’s cut la voce over, una scelta che limita la comprensione del film, mentre il nuovo finale è più vicino allo spirito di Dick. Il film ruota attorno a una domanda: che cosa ci qualifica come esseri umani e ci distingue dai replicanti?
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 22/08/18 18:30
    Consigliere - 43506 interventi
    Molto curioso in effetti. Ha dato forma visiva a un "luogo comune" che lo vuole impostato appunto come un noir.
  • Musiche Franz • 10/11/18 19:12
    Galoppino - 219 interventi
    Alex75 ebbe a dire:
    Franz ebbe a dire:
    Il brano della colonna sonora intitolato "Tales of the future" ha una serie di interventi vocali (vagamente arabeggianti...) che sono eseguiti nientemeno che dal grande Demis Roussos, amico di Vangelis, nonché - come Vangelis - ex degli Aphrodite's Child.

    Il testo è uno scat improvvisato da Demis Roussos in una sorta di arabo-egiziano. Secondo un utente di Quora, gli ultimi due versi potrebbero tradursi:
    Tell me my dear?
    Tell me my mother?


    https://www.quora.com/Can-anyone-translate-the-lyrics-of-Tales-Of-The-Future-by-Vangelis-from-the-motion-picture-Blade-Runner

    grazie, non lo sapevo proprio. E' assolutamente un dato di fatto che Demis nacque e visse fino all'adoloscenza ad Alessandria d'Egitto, e che crebbe in un contesto interculturale greco-arabo-egiziano. In diverse interviste ebbe occasione di dire che da bambino aveva avuto modo di interagire con coetanei parlanti arabo, e, almeno in quegli anni, aveva imparato un po' a parlarlo. Perciò chissà, forse anche nel brano di Vangelis può aver inserito, un po' storpiandolo, qualche termine esistente, in quella lingua.
    Ultima modifica: 10/11/18 19:19 da Franz
  • Curiosità Fauno • 6/02/19 00:01
    Compilatore d’emergenza - 2528 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un flano del film:

  • Homevideo Rocchiola • 14/04/19 10:12
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    La versione cinematografica del 1982, per intenderci quella con il commento off del protagonista, è divenuta ormai un oggetto di difficile reperimento. Mai uscita in bluray, in DVD è ormai un oggetto da collezionisti ed in TV non viene più trasmessa. Chissà se mai verrà ristampata. Speriamo in quanto è ancora quella che preferisco maggiormente.
  • Discussione Allan • 25/07/19 21:45
    Disoccupato - 1023 interventi
    Riguardo al celeberrimo monologo. La battuta "è tempo di morire" finale è pronunciata da Hauer fuori campo, mentre la mdp stacca a più riprese su Ford imbambolato. Chiaramente sconta il fatto che uno fosse la star e l'altro un attore emergente, ma ho sempre pensato che sia stata una scelta di montaggio sbagliata: il monologo così perde di efficacia proprio al suo culmine.

    https://www.youtube.com/watch?v=gbtY6fheeR8
  • Discussione Buiomega71 • 15/11/19 16:20
    Pianificazione e progetti - 21745 interventi
    E' mancato Lawrence G. Paull, storico scenografo (tra gli altri) di Blade Runner

    https://movieplayer.it/news/lawrence-g-paull-morto_72744/
  • Discussione Tarabas • 20/11/19 09:56
    Formatore stagisti - 2050 interventi
    Secondo questo articolo del Guardian, William Burroughs aveva scritto una sceneggiatura con lo stesso titolo del film tratto dal romanzo di PK Dick e che racconta un futuro altrettanto distopico.

    Il testo è tratto da un (per me oscuro) romanzo dello scrittore Alan Nourse ed è stato poi trasformato da Burroughs in un vero e proprio romanzo.

    Sempre secondo l'articolo, Hampton Fancher (primo sceneggiatore del film) aveva letto il libro di Burroughs e prese da lì il titolo provvisorio del film, che piacque tanto a Scott da finire poi sui cartelloni (previo pagamento dei diritti agli autori).


    https://www.theguardian.com/books/booksblog/2019/nov/19/ever-heard-of-blade-runner-a-movie-no-not-that-one?CMP=share_btn_tw
  • Discussione Zender • 20/11/19 11:06
    Consigliere - 43506 interventi
    Chissà se qualcuno porterà al cinema il libro di Borroughs. Magari con titolo "Alien", previo pagamento a Scott...
  • Homevideo Aco • 11/05/20 19:39
    Galoppino - 10 interventi
    Concordo, migliore nel finale e per l'utilizzo della voce over.
  • Homevideo Aco • 11/05/20 19:40
    Galoppino - 10 interventi
    DVD
    Nel primo DVD il film commentato da Ridley Scott e una seconda versione commentata degli autori e realizzatori dell’opera (attenzione: tutti e tre i filmati sono in inglese e non hanno sottotitoli).
    Nel secondo DVD (con sottotitoli in italiano) la ricostruzione dell’intero iter compiuto per dare vita a Blade Runner: a partire dalla stesura della sceneggiatura e dalla ricerca dei fondi necessari per il film, la scelta degli attori, la progettazione e costruzione dei set, dei veicoli, le tensioni emerse tra quanti lavoravano sul set, gli effetti speciali, la post produzione (con l’inserimento del contestato lieto fine) e l’arrivo sul grande schermo, con le impressioni degli spettatori, dei critici e di quanti hanno lavorato a dare vita ad un’opera monumentale.