I duellanti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The duellists
Anno: 1977
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 28
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 21/02/07 09:01 - 2865 commenti

I gusti di Caesars

Incredibile esordio cinematografico di Ridley Scott che firma forse anche il suo film più riuscito. La pellicola, stupendamente fotografata, racconta di un duello che si prolunga per oltre quindici anni per l'ostinazione di uno solo dei due contendenti (Harvey Keitel); veramente sorprendente come si concluderà la vicenda. Giustamente premiato al festival di Cannes del 1977 come miglior opera prima. Assolutamente da non perdere, anche se va detto che andrebbe visto solo su grande schermo.

Galbo 22/12/07 14:40 - 11543 commenti

I gusti di Galbo

Folgorante esordio cinematografico di Ridley Scott nonché uno dei suoi film più riusciti, è la storia di due ufficiali che, divisi da un profondo odio, si combattono per anni, perdendo di vista il motivo della loro avversione. È pertanto un film che banalizza e in parte ridicolizza le ragioni di odio e avversità militari, anche grazie alle eccellenti prestazioni dei due protagonisti. Altro elemento di assoluto pregio è la magnifica fotografia, ricca di suggestioni pittoriche e molto vicina a quella del Barry Lyndon di Kubrick.

Capannelle 7/01/08 15:22 - 3802 commenti

I gusti di Capannelle

Ridley Scott esordisce con un film atipico per lui ma visivamente già molto bello. Insolita pure la storia, ambientata nel periodo delle guerre napoleoniche, perché incentrata sul ripetuto duello d'onore (fisico e psicologico) tra due ufficiali ussari, uno equilibrato e amante della vita (Carradine) e l'altro testardo e orgoglioso (Keitel). Scott non si dilunga in momenti epici o storie d'amore e questo è un modo intelligente di narrare la vicenda ma allo stesso tempo un limite. Keitel è sprecato perché il suo personaggio è abbastanza monocorde.

Il Gobbo 9/01/08 18:14 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Capolavoro. La storia di un'ossessione privata, di un evento in fondo marginale nel vasto quadro storico in cui si inserisce, ma che ne rappresenta in fondo la paradossale quintessenza, la grottesca filigrana. Elegantissimo senza esser leccato, sinuoso, affascinante. Bravi anche gli attori, a incarnare non due uomini, ma figurine (one?) allegoriche. Un atroce dubbio: ma Scott, dopo, ha veramente fatto di meglio?

Cotola 16/02/08 20:26 - 7745 commenti

I gusti di Cotola

Eccellente esordio cinematografico di Scott che fa parte del trittico di capolavori del regista. Oltre alla straordinaria e minuziosissima ricostruzione d’epoca, la pellicola si segnala per una raffinatissima sceneggiatura (tratta da un bel racconto di Conrad) e per una direzione della fotografia davvero insolita ma efficacissima e stupenda. Assolutamente da non perdere!

B. Legnani 18/10/08 22:33 - 4860 commenti

I gusti di B. Legnani

Dopo un mezzora visivamente bella, ma che può destare qualche timore per il continuo iterarsi della vicenda, il film prenda una piega notevole con (e dopo) l’episodio russo, per andare a prendere una bella piega narrativa, fino al notevole finale, con tanto di sagace ellissi della parte conclusiva dell’ultimo duello. Un buon film (non ottimo), con ambientazioni notevoli, la cui ricercata (eccessiva?) perfezione discende dal venire Scott dagli spot. Monocorde volutamente l'espressione di Keitel, mentre Carradine mostra il familiare talento.
MEMORABILE: I ricordi di Carradine durante la galoppata nel duello a cavallo.

Patrick78 20/01/09 11:43 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Per convincere due yankees a vestire i panni degli ussari francesi, Scott disse loro che recitare in questo film era come girare un western! Ora forse è un po'troppo, però lo spirito è realmente quello ed il grande Ridley firma qui un film di tutto rispetto. Spogliato da tutti i fronzoli kubrickiani di Barry Lindon, l'esordio del regista inglese ci regala un duetto d'attori quasi irripetibile, con Keitel nei panni del fanatico ufficiale in cerca di chissà quale rivalsa nei confronti di un sobrio Carradine. La follia dell'uomo portata ai suoi eccessi.
MEMORABILE: Il duello a cavallo; sfida accettata!

Pigro 23/04/09 10:24 - 8221 commenti

I gusti di Pigro

Ufficiale napoleonico è perseguitato per 15 anni da un attaccabrighe che ossessivamente lo obbliga a duellare. Scott trasforma questo privato bisticcio in un'allegoria del confronto dell'uomo con un'avversità incomprensibile e inarrestabile, un destino a cui non può sfuggire ma che deve saper affrontare. Lo scontro diventa il sale stesso della vita, che non a caso arriva a scioglimento nel momento in cui il protagonista sta per dare nuova vita diventando padre. Ottima la ricostruzione ambientale (accurata fotografia) e storica. Notevole.

Daniela 8/06/09 11:29 - 9961 commenti

I gusti di Daniela

Splendida messa in scena del racconto di Conrad, storia di una resa dei conti privata nata da un assurdo puntiglio, continuamente rinviata per l'irrompere della "grande storia", governata da logiche che, viste oggi, sembrano non meno assurde. Fotografia in gran spolvero, interpretazione funzionale dei due protagonisti, l'elegante Corradine e il testardo Keitel, sequenze da incorniciare (tutte quelle dei duelli) per un'opera pregevole e affascinante - peccato che Scott non abbia mantenuto tutte le promesse degli esordi.
MEMORABILE: Il duello a cavallo, quello da "macelleria" dentro l'edificio

Brainiac 12/06/09 16:35 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Sono decisamente un fan dei film che spingono sull'acceleratore anche di una sola, semplice idea. Il tema cardine di quest'ottimo esordio è abusatissimo ma sempre vincente: mi ha ricordato una stupenda storia di Brecht, in cui due individui si scontravano in un duello (apparentemente) immotivato e tutti quei film che proprio nello scontro trovano la loro dimensione narrativa (Duel, Predator). Film di una freschezza narrativa immutata dopo tanti anni, costruito con una semplicità che lo rende quasi un archetipo cinematografico. Davvero notevole.

Ridley Scott HA DIRETTO ANCHE...

Giacomovie 14/12/09 01:47 - 1359 commenti

I gusti di Giacomovie

La frase iniziale dice che "Lo spadaccino esige soddisfazione". Anche lo spettatore che ha letto elogi su questo film ne esige tanta e per lo più le attese sono ripagate, specialmente riguardo gli aspetti tecnici, con una regia rifinita nella cura del dettaglio, scenari e costumi da oscar e una tecnica di ripresa fatta sulla scia di Barry Lyndon. A lasciare un po' a desiderare è la storia, che non cattura fino in fondo, anche se non manca di riferimenti colti e tratta il difficile tema delle paranoie della mente umana. ***

Tomslick 4/01/10 20:00 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Il grande Ridley Scott qui al suo esordio (in uno dei migliori debutti degli ultimi 40 anni) dimostra già le sue indiscutibili, grandissime doti. Storia minimale, raccontata con un'accuratezza strabiliante nella resa delle ambientazioni, atmosfere e costumi del tempo (primi '800) anche grazie a un uso delle luci (naturali e non) e a una fotografia di primissimo ordine. Certe inquadrature sono talmente belle che paiono dei dipinti viventi. A questo punto tutto quel che succede, peraltro comunque interessante, passa in secondo piano. Notevole.

Remen51 13/03/10 16:42 - 39 commenti

I gusti di Remen51

Un film kafkiano, con Corradine e Keitel che recitano una parte che sembra un vestito costruito loro addosso. Perfetto. Un grande regista e una storia semplice me ottimamente raccontata. È così anche nella vita. Spesso basta una sciocchezza per segnare un'esistenza. Ci sono strade che sembrano i binari di un treno e dalle quali non si riesce ad uscire. Nel film non c'è il lungo duello alla Scaramouche, ma una serie di scontri, diversi per la varietà di armi impiegate, a testimoniare la caparbia fantasia di Keitel/Ferauld nel non darsi per vinto.

Jandileida 28/05/10 10:14 - 1289 commenti

I gusti di Jandileida

Scott mostra fin da subito una grande padronanza della camera (specie nelle tenzoni all'arma bianca, seguite a mano) ed una propensione all'utilizzo di una grande fotografia (qui di Lyndoniana memoria, con il dovuto rispetto). La storia del duello senza fine è affascinante e fa pensare alla sostanziale stupidità sia del valore dell'onore (prettamente testosteronico) sia delle guerre che si protraggono infinite (non a caso il tutto è ambientato nel quindicennio della guerre sans fin napoleonica). Nervoso e senza requie Keitel, elegante Carradine.

Piero68 30/07/10 09:18 - 2799 commenti

I gusti di Piero68

Da un racconto di Conrad, Scott ne approfitta per mettere alla berlina sia l'odio e sia certe regole insulse relative all'onore degli ufficiali di carriera. I contendenti, aldilà di ogni raziocinio, si sfidano negli anni per la difesa di un codice inesistente. Alla ricostruzione di un periodo e ad una fotografia davvero ottima fa purtroppo da contraltare una scarsa vena recitativa soprattutto di Carradine. Colpa forse del regista, alle prima eperienza con questa pellicola. Resta comunque un film imperdibile e da vedere assolutamente.

Didda23 26/04/11 00:01 - 2307 commenti

I gusti di Didda23

Film eccessivamente sopravvalutato, gode di una notevole ricostruzione dell'epoca e di una maestosa e accurata fotografia. Buona la caratterizzazione dei personaggi. I problemi di fondo sono la noia e l'eccessiva lentezza della pellicola in ogni parte del film. Ereticamente mediocre.

Homesick 18/05/11 18:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Per essere all’epoca un debuttante, Scott è regista sorprendentemente maturo: non solo arreda gli ambienti, cesella le scenografie e varia i fasci di luce senza degenerare nel preziosismo, ma prediligendo sintesi ed ellissi ad inutili verbosità sa anche come sfuggire ai possibili rischi di monotonia indotti dalla scansione diacronica di uno stesso evento (il duello interminabile tra i due ufficiali). Nel confronto tra l’orgoglio pervicace di Keitel e la padronanza di sé e la ragionevolezza di Carradine si onora il pensiero di Conrad su storia, destino ed antagonismo umano.
MEMORABILE: La conclusione del duello, tra le rovine.

Luchi78 31/05/11 18:16 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Ricostruzione storica raffinata ed impeccabile, regia diligente e pulita, fotografia ottima con una bellissima scena finale dal gioco di luci superbo. Tutto questo basterebbe per salire sopra i tre pallini nel giudizio, ma la lentezza che pervade le scene di non duello rendono il film non gradevole come meriterebbe. Comunque la mano di Sir Scott è già palese.

Buiomega71 6/10/11 20:12 - 2352 commenti

I gusti di Buiomega71

Folgorante opera prima di Ridley Scott. Un intenso e fiammeggiante scontro epocale tra due uomini che duellano attraversando il tempo e le stagioni. Magnifica la fotografia di Frank Tidy, le atmosfere e la ricostruzione storica. Algido, visionario, pittorico, ma al tempo stesso sanguigno e pregnante. A distanza di anni rimane ancora il miglior film di Scott, che guarda al cinema di Kubrick e Visconti ma con una vena visiva personalissima che lo distinguerà nei lavori futuri. Assoluta gioia per gli occhi e per lo spirito cinefilo. Capolavoro.
MEMORABILE: I cadaveri congelati dei soldati dopo la battaglia; Gli estenuanti duelli.

Lythops 29/02/12 19:30 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Ottimo film, curioso per i rapporti con Barry Lyndon (la donna di Feraud e la cugina di Barry sono le stesse), assolutamente perfetto nella fotografia (ogni fotogramma è un quadro), nella scenografia, nei costumi, nella ricerca storica e nel commento musicale che contestualizza con rara sensibilità temi e orchestrazione. Un Ridley Scott che mette a frutto l'esperienza pubblicitaria mettendola al servizio dell'arte. Peccato che sia un regista che dopo i suoi primi film non ritroveremo più.
MEMORABILE: La composizione dell'inquadratura quando Armand Dubert esce dal quartier generale per recarsi dal futuro rivale.

Keith Carradine HA RECITATO ANCHE IN...

Tarabas 26/06/13 12:32 - 1749 commenti

I gusti di Tarabas

"Napoleone, la cui vita fu un duello con tutta l'Europa, non vedeva di buon grado i duelli nel suo esercito". Inizia così il racconto di Conrad. Come il racconto, il film è un esercizio di ambientazione storica perfetto, una versione avventurosa di Barry Lyndon alla cui estetica è ispirato. L'ironia di Conrad si perde, resta la potente raffigurazione di un'epoca e una storia che consente più di una lettura (allegoria della guerra, del dissidio tra ragione e istinto). Splendido cast, splendido finale con Keitel "trasfigurato" nell'esiliato Bonaparte.

Mickes2 22/01/14 16:42 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Formalmente elegantissima e splendidamente fotografata, è la storia di un’ossessione o di uno status, che siano istintive o indotte poco importa. Scott sbaraglia la sintassi scandagliando principalmente gli umori, le reazioni e le psicologie di una storia di vendetta, onore e coraggio: un’inezia dinanzi allo sfondo delle guerre napoleoniche, un ostacolo mortale nella vita di due uomini caratterialmente divisi tra razionale e irragionevole, accomunati invece dall’orgoglio e dal senso del dovere. Esordio magnifico di un grandissimo regista.

Enzus79 1/02/14 10:47 - 1917 commenti

I gusti di Enzus79

Notevole esordio di Ridley Scott. Film che prende ispirazione da un racconto di Joseph Conrad ma che mi ha ricordato, come scenografie e regia, il capolavoro di Kubrick Barry Lyndon. Non mancano scene memorabili come quella del duello a cavallo: splendida.

Pinhead80 18/07/16 18:49 - 4041 commenti

I gusti di Pinhead80

Due ufficiali al servizio dell'imperatore Napoleone continueranno a sfidarsi a duello ogni qualvolta si incontreranno. Un film pazzesco, se si pensa che è retto unicamente da un unico fatto che si ripropone ciclicamente in svariati periodi della storia dell'impero e oltre; ma che avvince per la qualità della messa in scena e per la bravura dei due protagonisti. Mano a mano che passano gli anni si perde il ricordo di cosa fece cominciare il tutto e affiora invece l'ostinato impulso a portare a termine qualcosa che ormai non ha più significato.

Minitina80 23/10/16 10:22 - 2468 commenti

I gusti di Minitina80

L’ossessione per il duello e l’onore, seppure questi rappresentino la gabbia che racchiude in sé l’irrazionalità dell’uomo accecato dalla propria follia. Non era facile trasporre il racconto di Conrad poiché si rischiava di realizzare un film monocorde e noioso; eppure Scott dona enfasi e profondità a ogni fotogramma, complice la monumentale fotografia di Frank Tidy in cui i paesaggi trascendono in nature morte dall'ammaliante bellezza. Un'opera prima decisamente sopra la media che mostra le capacità e la maturità artistica del regista.

Hackett 17/04/17 14:10 - 1797 commenti

I gusti di Hackett

Splendida storia di onore (o presunto tale) e rivalità, un eterno scontro nato praticamente per nulla che coinvolge due militari e li accompagna oltre il tempo e le guerre. Scott fa capolino sulla scena cinematografica con una pellicola dall'indubbia bellezza formale, che incornicia immagini splendide e le mette al servizio di un racconto dal ritmo lento ma incalzante, grazie anche alla narrazione fuori campo. Molti sembrano i debiti con Barry Lyndon, ma il film di Scott resta comunque un ottimo esempio di cinema, bello anche se freddo.

Rocchiola 11/04/19 09:56 - 891 commenti

I gusti di Rocchiola

All’esordio Scott firma un’opera in costume rigorosa e raffinata in cui il gusto estetico prevale sul racconto. Uno studio dai toni quasi onirici sull’ossessione e l’istinto ferino che alberga nell’animo umano e in cui gli eventi storici hanno una rilevanza marginale. La cura maniacale di scenografie e costumi, nonché la splendida fotografia naturale, rimandano alla bellezza pittorica di Barry Lyndon. Grandi prove di Keitel e Carradine. Regia mobile e moderna. Peccato l’autore di Alien e Blade runner non abbia proseguito su questa strada.
MEMORABILE: Il duello nel granaio con le spade scintillanti sui muri; L’incontro sulle nevi russe; Keitel che scruta l’orizzonte nel finale; Il duello a cavallo.

Urraghe 10/04/20 00:41 - 68 commenti

I gusti di Urraghe

Primo elegante film di Ridley Scott (due anni prima di Alien) tratto da un racconto di Conrad su un periodo di quindici anni delle guerre napoleoniche, intervallati da sette duelli, di due ufficiali francesi. Uno dei migliori Keitel, aggressivo e ottuso nel suo ruolo spavaldo e un sempre sottovalutato Corradine ufficiale ussaro più razionale. Due personaggi maschili ben resi, lati della stessa medaglia. Scene dei duelli molto ben girate con una tensione sempre al massimo. Finale coerente con i personaggi.
MEMORABILE: Il primo duello.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 28/04/11 12:38
    Comunicazione esterna - 5748 interventi
    Un altro problema è stata l'eccessiva aspettativa.Ho tutti i film di Scott in Dvd e appena l'ho comprato,l'ho visto immediatamente.Di solito mi colpiscono gli esordi e i film lenti in genere mi piacciono.Non so in realtà cosa sia successo,ma mi sono sforzato per finire il film,lo ritengo eccessivamente pesante.
    Pigro,ho notato che hai inserito un paio di titoli di Kaurismaki, ho visto però che qualche film del regista non l'hai commentato.Ti consiglio di finire la filmografia perchè è colma di perle di rara bellezza!
  • Discussione Pigro • 28/04/11 15:19
    Consigliere avanzato - 1508 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Pigro,ho notato che hai inserito un paio di titoli di Kaurismaki, ho visto però che qualche film del regista non l'hai commentato.Ti consiglio di finire la filmografia perchè è colma di perle di rara bellezza!

    Lo so che dovrei: ti sembrerà strano ma non riesco a entrare in sintonia con Kaurismaki, e infatti i pallini che do sono un po' scarsini, a parte "Leningrad cowboys". Nel caso di Kaurismaki più che la qualità del lavoro, indiscutibile, pesa sul mio giudizio il fatto che non riesca a coinvolgermi o a emozionarmi, facendomi perdere di interesse per quello che racconta.
    Comunque sì, mi riprometto sempre di riprovarci...
  • Discussione Didda23 • 28/04/11 20:11
    Comunicazione esterna - 5748 interventi
    Comunque a mio parere va visto tutto..POi se non entri in sintonia mi dispiace,io lo adoro alla follia..
  • Discussione Galbo • 9/10/11 08:14
    Consigliere massimo - 3815 interventi
    Lapsus freudiano ? nella scheda di questo film ereticamente bistrattato dal maestro (e da Didda) il nome dell'attore Carradine è scritto con la c minuscola.....
    Ultima modifica: 9/10/11 08:15 da Galbo
  • Discussione Zender • 9/10/11 10:29
    Consigliere - 44096 interventi
    Un segno del destino :)
  • Discussione Pigro • 9/10/11 13:37
    Consigliere avanzato - 1508 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Lapsus freudiano ? nella scheda di questo film ereticamente bistrattato dal maestro (e da Didda) il nome dell'attore Carradine è scritto con la c minuscola.....

    Quoque tu, Didda? Ahiahi...
  • Discussione Didda23 • 9/10/11 13:40
    Comunicazione esterna - 5748 interventi
    Quando lo vidi, rimasi estremamente deluso.Di una noia imbarazzante, dal genio di Scott mi aspettavo ben altro!
  • Discussione Galbo • 9/10/11 20:27
    Consigliere massimo - 3815 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Quando lo vidi, rimasi estremamente deluso.Di una noia imbarazzante, dal genio di Scott mi aspettavo ben altro!

    rivedilo :)
  • Discussione Tarabas • 9/10/11 22:36
    Formatore stagisti - 2066 interventi
    Quoto!
  • Homevideo Rocchiola • 11/04/19 10:17
    Call center Davinotti - 1185 interventi
    Il DVD della Paramount è sempre in catalogo. Si tratta di una Special edition che tra gli extra comprende anche Boy & Bicycle il primo cortometraggio diretto da Scott nel lontano 1965.



    Questa edizione è stata di recente rieditata con diversa copertina ma analoghi contenuti.



    Si tratta quindi dello stesso prodotto che utilizza il medesimo master e propone gli stessi contenuti extra. Sulle copertine non è indicato alcun restauro o rimasterizzazione ma l'immagine è molto buona per un prodotto SD, pulita e nitida. L'audio italiano originale mono è discretamente potente e chiaro. Un buonissimo prodotto per un titolo fondamentale che negli Usa ha già beneficiato di un'ottima edizione in bluray curata dalla Shout Factory. Speriamo che anche da noi possa presto uscire in HD dato che si tratta di un film di eccezionale bellezza formale.
    Ultima modifica: 11/04/19 11:01 da Zender