LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 16/04/07 11:42 - 4553 commenti

I gusti di Puppigallo

Questa pellicola vale soprattutto per gli effetti sorprendenti e per un Chase in forma (ben calato nel personaggio). Alcune scene sono davvero notevoli (il palazzo mezzo invisibile, in taxi, Chase che vede il suo stomaco, corsa con spogliarello e a cena col trucco). Purtroppo il ritmo non è costante (la parte in villa è lenta), alcuni dialoghi non sono all’altezza e i personaggi di contorno (a parte Sam Neill) sono piuttosto evanescenti (e non è un pregio, nonostante l’argomento del film). Comunque, nel complesso, resta buono.

B. Legnani 24/10/07 01:01 - 4843 commenti

I gusti di B. Legnani

Diciamo che è un "divertissement" abbastanza divertente anche per lo spettatore (mica sempre succede...), specialmente per gli effetti speciali che abbinano la sorpresa con la capacità di farci immedesimare in chi soffre per la bizzarra situazione in cui è venuto a trovarsi. Non immortale, ma piuttosto godibile.
MEMORABILE: Il fumo della sigaretta "dentro".

Cotola 29/01/08 23:00 - 7707 commenti

I gusti di Cotola

Pur lavorando su commissione ad un film non troppo originale, Carpenter riesce a dare vita ad un fanta-avventuroso, con spruzzate romantiche, piuttosto veloce e divertente che può contare su un ritmo abbastanza frizzante e coinvolgente, corroborato da ottimi e spassosi effetti speciali. Nulla di eccezionale insomma ma decisamente gradevole e comunque sopra la media. Per passare una serata senza troppi pensieri.

Galbo 23/06/08 07:31 - 11525 commenti

I gusti di Galbo

Commedia fantastica con venature rosa certamente non all'altezza di altre opere del regista (che qui sembra abbia lavorato su commissione) ma tuttavia piuttosto divertente e non priva di intenti satirici rivolti verso una società edonistica che cura il look in modo particolare. Ottimi e sofisticati gli effetti speciali, forse non all'altezza l'attore protagonista, non sufficientemente carismatico per la parte. Sufficiente.

Daniela 26/04/11 17:13 - 9854 commenti

I gusti di Daniela

Anonimo colletto bianco si accorge di essere "invisibile" per gli altri quando, per un incidente in un laboratorio di ricerca, lo diventa anche letteralmente... Opera su commissione, ma molto ben fatta, e non solo per gli ottimi effetti speciali, questa di Carpenter è la rilettura più gustosa di una figura classica del cinema (confrontatela, ad esempio, con il mediocre Uomo senza ombra). Anche Chase qui si dimostra sorprendentemente misurato e, anche se il ritmo nella seconda parte non è sempre irresistibile, il divertimento è assicurato. 3+
MEMORABILE: Il palazzo dopo l'esplosione - La visualizzazione di ciò che Chase introduce nel suo corpo

Tomastich 24/04/11 21:52 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

Dalla fantasia di Carpenter nasce un film che mutuando e alleggerando il Darkman di Raimi di due anni prima, riesce a divertire e a creare una atmosfera molto particolare. Chevy Chase viene ripescato dopo i fasti degli anni '80 e c'è anche il pupillo di Carpenter Sam Neil (che dopo due anni realizzerà Il seme della follia). Piacevolissimo!

Didda23 10/09/12 08:47 - 2305 commenti

I gusti di Didda23

Evitando la facile scelta del pecoreccio, visto che si parla di invisibilità, gli sceneggiatori puntano su una intelligente miscela di commedia e avventura, creando una buona dose di imprevedibilità che non guasta mai. I numerosi effetti speciali sono al passo con i tempi e per una volta non invecchiano troppo la pellicola. Molte scene sono geniali e Chevy Chase, con le sue inconfondibili smorfie facciali (non esagera mai), è l'interprete perfetto. Bene pure il resto del cast capeggiato dai sempre buoni Tobolowsky e Neill.
MEMORABILE: Tutta la scena del taxi; L'effetto speciale del fumo nei polmoni; Il palazzo dopo l'esplosione.

Zender 10/09/12 11:44 - 287 commenti

I gusti di Zender

Privilegiati l'action e l'effetto speciale (Industrial Light & Magic!) a scapito delle potenzialità comiche di Chevy Chase. Non manca qualche simpatica (e geniale) gag legata all'invisibilità, ma Carpenter sembra più interessato alla fuga dall'accerchiamento dei servizi segreti (Sam Neill), spostandosi semmai sul versante sentimentale (Daryl Hannah). Poteva essere insomma una spassosa commedia ricca di spunti esilaranti (si veda la scena dell'ubriaco in taxi), è invece un più infelice ibrido che comunque evidenzia l'eclettismo di Carpenter.
MEMORABILE: Chase che, invisibile, sottrae sovrappensiero allo scippatore la borsa appena rubata rimettendola nelle mani della vittima; Il palazzo semiinvisibile.

Homesick 6/09/14 16:54 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Filmino piccolo piccolo, che ottiene un intrattenimento di facile presa, ma secondo tutti i luoghi comuni e la prevedibilità del cinema fantastico-avventuroso di stampo disneyano. Carpenter dirige da professionista, non manca del senso dell'umorismo che attraversa molti dialoghi - nonché lo stesso personaggio di Chevy Chase - ed esercita pieno controllo sul versante tecnico, predisponendo mirabili effetti speciali. Certo però che L'uomo invisibile di Whale, richiamato occasionalmente nel look (cappello, sciarpa, cappotto), è su un altro pianeta.
MEMORABILE: Il chewingum e la sigaretta.

Rebis 8/11/14 19:03 - 2093 commenti

I gusti di Rebis

Colpi di genio e incongruenze notevoli - sia sul piano del buon senso (perché mai un uomo invisibile dovrebbe avere difficoltà a imboccarsi?), sia sul piano diegetico (quando i personaggi non lo vedono, ma noi spettatori lo vediamo... chi lo vede?) - per una barzelletta lunga 90 minuti buoni, raccontata certo con brio e senso del ritmo, ma che difficilmente sopporta una seconda visione. A imperare, comunque, è la logica della Industrial Light & Magic, risoluta nello sfoggiare un ammirevole traguardo tecnologico. John Carpenter? Consapevole dell'entità del progetto, la prende con filosofia.

John Carpenter HA DIRETTO ANCHE...

Jena 24/07/16 17:05 - 1243 commenti

I gusti di Jena

Dopo l'insuccesso del capolavoro Essi vivono Carpenter dovette girare su commissione questo film che aveva anche il compito di rilanciare il comico Chevy Chase. Il risultato è sicuramente l'opera meno personale del Maestro, i cui temi politici si possono cogliere solo nella figura manipolatoria dell'agente della Cia (un ottimo Sam Neill) e nella violenza del Potere. Per il resto non è comunque così male, con buoni effetti speciali, ritmo e un'efficace regia (è pur sempre Carpenter...). Noiosetto nelle parti di commedia, Chase rimane insopportabile.

Ryo 10/08/16 23:49 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Commedia fantastica, leggera che fa sfoggio di un ottimo uso dello green screen nei modi più svariati e fantasiosi. Ottima la regia di Carpenter, atmosfera degna del personaggio che però non risulta pienamente convincente nell'interpretazione di Chevy Chase. Degna di nota invece la performance attoriale di Sam Neill, grandioso quando si muove sullo schermo completamente solo, simulando le interazioni con l'uomo invisibile.
MEMORABILE: Il palazzo a chiazze invisbili; Il fumo che entra ed esce dai polmoni; La testa che cammina per strada.

Taxius 26/12/16 13:01 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Dopo uno strano incidente un anonimo colletto bianco diventa invisibile, diventando così il bersaglio di chi lo vede come una terribile arma da guerra. Siamo davanti a una commedia fantastica molto divertente ma con qualche scena di buona azione. Lo stile carpenterino si vede tutto e pur non essendo il miglior film del maestro devo dire che merita assolutamente.

Il ferrini 9/05/17 23:53 - 1773 commenti

I gusti di Il ferrini

Non è certo da annoverare fra i capolavori di Carpenter, tuttavia è una commedia piuttosto riuscita e il merito non è solo di Chase ma anche di Sam Neill (Jurassic park) qui nel ruolo del cattivo e ovviamente della ex sirena Daryl Hannah, cui Tarantino caverà entrambi gli (splendidi) occhi. L'ironia che pervade la pellicola è di grana più grossolana rispetto ai guai di Chinatown, in compenso si possono apprezzare degli effetti speciali davvero notevoli per l'epoca (spettacolare il palazzo per metà invisibile). Spensierato.

Minitina80 12/03/18 21:04 - 2460 commenti

I gusti di Minitina80

Discreta commedia a cui non manca un buon ritmo che mantiene la narrazione spiccia per tutto il tempo. Avrebbe potuto essere un’occasione per calcare la mano in qualche modo, ma così non è perché rimane innocuo sotto tutti i punti di vista. Non mancano, tuttavia, alcuni elementi tipici del cinema di Carpenter, seppur smussati e percepibili maggiormente da chi già conosce la poetica del regista. Anche non leggendo tra le righe resta comunque un film gradevole in cui la commistione con il sentimentale ne amplia la fruibilità.

Rocchiola 7/11/18 09:49 - 890 commenti

I gusti di Rocchiola

Carpenter resuscita il personaggio dell’uomo invisibile, ma non si tratta di un remake dell’antico film di Whale; In linea con i suoi ultimi film degli anni 80 inserisce in un contesto piuttosto leggero la solita critica al sistema capitalistico ammorbidita da un tono romantico-malinconico sottolineato dalla recitazione di un Chase molto misurato nei panni di uno yuppie incolore. Un lavoro su commissione discretamente apprezzabile e sicuramente più intelligente e garbato rispetto all’analoga operazione diretta qualche anno dopo da Verhoeven.
MEMORABILE: L’inseguimento nel parco con spogliarello; L’edificio parzialmente invisibile; Nick che si toglie la bendatura evidente citazione dal film di Whale.

Kinodrop 22/11/20 19:44 - 1681 commenti

I gusti di Kinodrop

Un tema classico della cinematografia, riproposto sottoforma di commedia scorrevole e priva di pesantezze contenutistiche, in cui il protagonista diventato invisibile suo malgrado deve sfuggire ai tanti paradossi della sua nuova condizione. Si avverte facilmente la componente fumettistica e un citazionismo diffuso ma discreto, che deve molto agli effetti speciali tecnicamente arditi e simpaticamente ironici nel risultato. Gradevole anche il tocco sentimentale tra l'invisibile e la "visibilissima" bionda che conduce ad un happy end buffo e gratificante.
MEMORABILE: Il palazzo dopo le radiazioni; Stomaco e polmoni trasparenti; La pantomima in taxi; L'inseguimento in treno.

Caesars 27/12/20 21:29 - 2829 commenti

I gusti di Caesars

Sicuramente il Carpenter migliore abita da altre parti, ma questa commedia è comunque un discreto prodotto che intrattiene gradevolmente. Notevoli, considerato anche l'anno di produzione, gli effetti speciali, corretta (pur senza entusiasmare) la regia, mentre sul lato attoriale Chase non sembra il massimo per il suo ruolo. Meglio il "cattivo " di Sam Neill. La Hannah è assai carina, ma incide poco o niente. Per una serata " famigliare".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 10/10/16 19:23
    Pianificazione e progetti - 22311 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (lunedì 23 ottobre 1995) di Avventure di un uomo invisibile:

  • Discussione Rocchiola • 7/11/18 10:03
    Call center Davinotti - 1179 interventi
    In questo film Carpenter non rinuncia alle solite citazioni visive o anche solo verbali.
    Ecco quelle che personalmente sono riuscito a scovare guardando il film:
    - l'inizio con la registrazione del video in cui il protagonista racconta la sua storia in flashback, un misto tra la confessione de La fiamma del peccato ed il flashback di Viale del tramonto;
    - il protagonista che si toglie la bendatura di fronte alla fidanzata svelando così la sua invisibilità, di provenienza diretta da L'uomo invisibile di James Whale;
    - gli svariati omaggi a Hitchcock a partire dal protagonista che scia nel finale che ricorda Io ti salverò, passando per la villa in cui si rifugia Nick situata nella località di Bodega Bay set de Gli uccelli, terminando con La donna che visse due volte più volte citata nel girovagare su e giù per le strade di San Francisco e specialmente lungo Market Street;
    - infine segnalo che la sede della Magnoscopic è a Santa Mira la cittadina de L'invasione degli ultracorpi.
  • Homevideo Rocchiola • 7/11/18 10:48
    Call center Davinotti - 1179 interventi
    Ristampato nel 2013 dalla Pulp Video anche in bluray tuttora acquistabile ad un prezzo non proprio economico di circa 15 euro. Come tutti i prodotti Pulp deve essere preventivamente verificato. L'immagine proposta nel corretto formato anamorfico 2.35 è buona ma non perfetta. La definizione è alterna con alcune scene in esterni ricche di dettagli ed altre un po' meno incisive. Saltuariamente è percepibile la presenza di piccole puntinature in ogni caso non particolarmente fastidiose. E' probabile che abbiano usato il master dell’edizione tedesca Euro Video del 2012, infatti nei titoli di testa del BD Pulp compare il titolo tedesco del film "Jagd auf einen Unsichtbaren". L'audio italiano è disponibile in 2.0 ed anche rielaborato in 5.1, in merito personalmente preferisco di gran lunga il 2.0 decisamente più potente ed incisivo. Insomma un prodotto più che discreto ma che non ha avuto un adeguato trattamento di restauro. Recentemente negli Usa è uscita una nuova edizione curata dalla Shout!Factory che ha ottenuto ottime recensioni, però non ha ovviamente l'audio italiano.
  • Discussione Raremirko • 24/06/19 23:32
    Addetto riparazione hardware - 3550 interventi
    Non il miglior Carpenter, ma comunque un buon intrattenimento; Chase è abbastanza in parte e Neill convince come cattivo.

    Buoni gli sfx dell' Industrial LaM, abbastanza pathos ed umorismo per arrivare contenti al finale.


    Quasi buono.