Quei bravi ragazzi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Goodfellas
Anno: 1990
Genere: gangster/noir (colore)
Numero commenti presenti: 56
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 17/03/07 22:50 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Siamo indubbiamente nel campo dei capolavori. Film strepitoso, con attori in grandissima forma. Ray Liotta e De Niro si adattano bene allo splendido copione. Ma è soprattutto Joe Pesci/Tommy De Vito (premiato per la sua interpretazione con l'Oscar) a rimanere nella memoria con il ruolo di un sadico e psicopatico gangster. La scena di "Ridi perchè ti sembro un pagliaccio?" è divertente e agghiacciante nello stesso momento. Quasi un omaggio, non autoincensante, al mondo della mala. Gran bel film.

Puppigallo 21/04/07 18:41 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Il ritmo è pressoché costante e si crea un tale clima di tensione che anche nei momenti più leggeri sembra che da un momento all’altro debba succedere qualcosa di tremendo. Gli attori non si discutono (De Niro e Pesci, quest’ultimo “leggermente suscettibile”, su tutti). Anche Liotta è bravo, ma ha la faccia sbagliata (troppo pulita). Belli i soprannomi, come anche i vari traffici. Fantastico come viene ridotto in poco tempo un ristorante di lusso. Meno interessanti, ma utili alla narrazione, i momenti con la moglie. Grande cinema.

Flazich 26/06/07 23:43 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Quei bravi ragazzi appartiene alla schiera dei film che non si dimenticano dopo averli visti: tutto è ben pensato, calibrato e soprattutto equilibrato. Robert De Niro sembra nato per inpersonificare il ruolo del gangster. Ottimo Riotta che quando fa il tossico lo sembra realmente. Magnifico il cameo della mamma di Scorsese. Joe Pesci ha un certo non so che di morboso, comunque immenso. Sicuramente da vedere e da rivedere all'infinito.

Galbo 20/09/07 06:03 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Il capolavoro assoluto di Martin Scorsese, Goodfellas è il film definitivo sulla mafia italo-americana, non quella delle grandi famiglie (tipo Il Padrino) ma quella dei piccoli affari legati al crimine di medio rango. La sceneggiatura è perfettamente calibrata, il film non soffre neanche di un secondo di pausa e "prende" lo spettatore dall'inizio alla fine. Scontata la grande interpretazione di De Niro (che si conferma attore icona di Scorsese). Tutto il cast offre una grande prova (a partire da Ray Liotta e Joe Pesci, grandiosi).

Cotola 7/12/07 00:16 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Magistrale pellicola di Scorsese che, pur non essendo la più bella nel genere gangeristico, è certamente la più efficace nello scandagliare il mondo della mafia di cui il regista americano mostra di conoscere perfettamente tutti i riti ed i meccanismi. Cast in stato di grazia (compresi gli attori-caratteristi nella particine di contorno), strepitoso il montaggio adrenalinico di Thelma Schoonmaker, coinvolgente ed ammaliante la colonna sonora. Con ingredienti così ed un regista come Scorsese, non poteva che uscirne fuori uno splendido film.

Gugly 22/01/08 21:30 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Ho sempre sognato di fare il gangster: basterebbe l'incipit. Il grande pregio di Scorsese è di far sembrare normale il rovesciamento di valori che opera all'interno della mafia: tutti amici, tutti insieme, mogli comprese; grandi feste, grandi tavolate, ma guardati alle spalle! Il protagonista non è italiano al 100% perciò utilizzarà a suo vantaggio tale pecca... Come al solito grandi De Niro e Pesci. Mamma Scorsese si diverte.
MEMORABILE: Il matrimonio.

Redeyes 11/04/08 14:15 - 2164 commenti

I gusti di Redeyes

Difficile non restare abbagliati da questa pellicola! La cosa che maggiormente mi ha stupito è l'interpretazione di Liotta, che solitamente non è che abbia offerto prove d'alto livello (parere personale), ma qui fra un ottimo De Niro ed un delizioso Pesci rende molto bene il suo personaggio. Per quanto riguarda la regia tanto di cappello! Sicuramente uno di quei film che andrebbero visti. Non so perché non passi mai in prima serata ma di solito fra i Bellissimi di Rete4: misteri della Fede!

Cangaceiro 2/05/08 19:09 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Già il solo fatto di non riuscire a stabilire chi tra De Niro, Liotta e Pesci (in rigoroso ordine alfabetico) abbia fornito la prestazione migliore significa che ci troviamo di fronte ad un capolavoro! Tutti e 3 girano alla perfezione facendo di Goodfellas il gangster-movie per eccellenza, forse superiore ad altri classici del genere usciti in quegli anni, tipo il terzo capitolo de Il Padrino o Carlito's way. Intramontabile.
MEMORABILE: "Buffo in che senso?..."

Ammiraglio 22/10/08 11:45 - 150 commenti

I gusti di Ammiraglio

Dopo tanti anni sono riuscito a rivedere Goodfellas. E l'ho ritrovato bello come lo ricordavo. Un film che può pregiarsi di un cast di tale livello (diretto da un regista maestro del genere) e di una storia che nella sua semplicità non stanca mai è destinato a diventare un capolavoro. Forse Goodfellas non è così "assoluto" come spesso viene dipinto, ma è sicuramente il film che viene in mente quando si parla di gangster o di mafia italo-americana (ovviamente insieme al Padrino).

Red Dragon 22/10/08 20:44 - 125 commenti

I gusti di Red Dragon

Sublime. Scorsese torna nel crimine portando la coppia De Niro-Pesci (già strepitosi in Toro scatenato, li rivedremo ancora in Casinò), si affida all'input di Pileggi in sede di scrittura e alla magistrale Schoonmaker per il montaggio. E Liotta? È perfetto con quella faccia pulitina; ma lo sono tutti, da Sorvino a Vincent. Non teatrale come Il padrino, perché qui si entra nel ruvido, spesso anche nel comico, ritmo di chi fa il gangster. Da una storia vera, quello che molti considerano il lavoro migliore di Scorsese. Da leccarsi i baffi, grandissimo esempio di cinema.
MEMORABILE: "Buffo? In che senso buffo? Buffo come?"... La sequenza di apertura e quella che segue (a metà film) a casa della mamma di Joe Pesci. Il sugo!

Daniela 18/12/08 12:50 - 9651 commenti

I gusti di Daniela

Folgorante fin dal prologo, ricco di personaggi e momenti indimenticabili, è l'opera che contende a Il padrino II la palma del miglior film di mafia mai girato. Scontata la bravura di De Niro, colpiscono le prestazioni di Liotta e Pesci, ma anche nei comprimari ogni faccia è quella "giusta". A renderlo straordinario è soprattutto l'impasto fra quotidianità e delitto, fra mamma e pistola, fra cocaina e ragù, tanto che le scene domestiche riescono ad essere emozionanti come gli improvvisi scoppi di violenza. Capolavoro.
MEMORABILE: La telecamera che pedina Liotta e la sua ragazza dentro il ristorante, l'esecuzione inaspettata, la preparazione del sugo.

Capannelle 26/12/08 21:08 - 3745 commenti

I gusti di Capannelle

Come passano bene le due ore e mezza: il ritmo è costante, lo script monumentale di Scorsese e Pileggi offre trovate in quantità e ci parla di ordinari picciotti, senza perdersi tra poliziotti e liriche operistiche. Sorpresa Liotta, Pesci inarrestabile e De Niro una volta tanto in seconda fila ma una sicurezza. Ottimi anche gli altri, dalla Bracco a Sorvino ai tanti comprimari che rendono il casting di prim'ordine. Scorsese concederà un raffinato bis in Casino. Alta scuola.
MEMORABILE: Ce ne vorrebbero 1500 di caratteri..

Brainiac 23/01/09 14:31 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Bellissimo. "Good Fellas" è una lunga cavalcata nei meandri della mafia, con un racconto formativo in prima persona del grande Ray Liotta, che non può che assumere toni quasi nostalgici per la narrazione della sua ascesa nella mala. Le scene con quei brutti ceffi di De Niro e Joe Pesci sono da applausi a scena aperta, violente e tirate, la coppia è molto realistica e si ha veramente l'impressione di trovarsi di fronte a persone da cui tenersi alla larga. Pesci, in perticolar modo, è inquietante e minaccioso anche quando scherza. Belle le Camera-Car.
MEMORABILE: "Ti faccio rridere?"

Tomslick 14/06/09 15:09 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Tecnicamente straordinario, Martin Scorsese è uno dei grandissimi registi di sempre; poi De Niro e Pesci fenomenali, colonna sonora ricchissima, montaggio splendido... E allora, che cosa non va? Semplicemente, un sapore troppo di già visto: sembra (quasi) tutto un deja-vu e sembra tutto un rimescolare (a tratti freneticamente) ingredienti già assaggiati molte altre volte. La voce fuori campo, pressante oltremodo, e il protagonista Liotta, vero anello debole della catena d'attori, di sicuro poi non aiutano. Ebbene sì: sopravvalutato.

Disorder 12/07/09 01:11 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Il genere gangster-mafia viene cristallizzato in una forma direi classica, ma tuttavia insolita: non ci sono momenti epici e sono pochi quelli tragici, mentre c'è una vena di ironia in certe situazioni. Senza contare che, nonostante la durata, è difficile prendersi una pausa dalla visione tanto si viene coinvolti nel mondo dei personaggi e la suspance non ammetta tregua. Bello, molto bello.
MEMORABILE: I battibecchi al momento di scavare le fosse per i continui omicidi.

Greymouser 24/04/10 19:19 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Semplicemente ineguagliabile, è un film che si può vedere 10 volte senza un momento di noia. Scorsese, semplicemente, ci offre uno squarcio di verità sul mondo della malavita, attraverso una narrazione che si avvale di una sceneggiatura di ferro, una recitazione da applausi e una mano registica geniale. Le battute e i dialoghi sono diventati un mito e questo indica la capacità di insediarsi stabilmente nell'immaginario globale contemporaneo. Formidabile e spiazzante la connotazione della violenza come elemento di routine quotidiana.

Tarabas 12/06/10 12:28 - 1720 commenti

I gusti di Tarabas

La middle class della mala (quasi) al potere. Spazzando via le romanticherie estetizzanti di Coppola, Scorsese mostra come vanno le cose per i pesci piccoli delle gang, quando la violenza e il crimine sono solo un'altra via al sogno americano e le amicizie si comprano e si vendono. Cast clamoroso, non una faccia sbagliata, cura maniacale dei dettagli, movimenti di macchina e montaggio strepitosi: capolavoro. Creativo l'uso della voce over, accompagnato da geniali fermi immagine o movimenti che sottolineano i momenti cruciali. Da vedere con audio originale.

Rambo90 27/08/10 18:29 - 6441 commenti

I gusti di Rambo90

Maestoso film di gangster di Scorsese che, anche se con qualche lunghezza e di troppo e alcuni punti dal ritmo non proprio indiavolato, si conferma uno dei migliori del genere grazie a un'ottima regia, una bellissima ed ininterrotta colonna sonora e a una grandissima performance attoriale in cui spiccano il protagonista Liotta e il magnifico Joe Pesci (premiato con l'Oscar). Una perla.

Paruzzo 14/08/10 14:30 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Il capolavoro di Scorsese sui gangster americani. Un trio di attori a dir poco ottimi: De Niro, Joe Pesci e un sorprendente Ray Liotta. Ispirato ad una storia vera, mette in scena l'entrata nel mondo del crimine di Henry Hill, che fin da piccolo sogna di entrare in quel mondo. Straordinario monologo finale, con la riflessione sulla vita del gangster. Grandissimo film, il migliore di Scorsese.
MEMORABILE: Che io mi ricordi, ho sempre voluto fare il gangster.

Vstringer 23/08/10 10:25 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Grande ritratto d'insieme del sottobosco gangster collaterale alla mafia, della folle routine di spettacolini, amanti, ammazzamenti e cipolla nel sugo di pomodoro: Scorsese dirige superbamente e si avvale di un ottimo montaggio, oltre che di un cast ricco e qualificato. Bravino Liotta, sui suoi elevati standard De Niro, ma giganteggiano gli "italiani", ovvero lo psicopatico Pesci e il duro Sorvino. Dopo questo ironico e ruvido controcanto del Padrino, il poker Scorsese-De Niro-Pesci-Pileggi concederà una magnifica replica con Casinò.
MEMORABILE: Pesci che uccide il cameriere (Michael Imperioli, futura star dei Soprano!) per pura stizza.

Mdmaster 1/10/10 07:36 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Osannato come uno dei migliori film di gangster subito dopo i due Padrino, francamente Goodfellas mi ha lasciato piuttosto indifferente. Retto da colonne portanti come De Niro e Scorsese, con in più un Joe Pesci in formissima, viene rovinato da un Liotta proprio inadatto come protagonista. Il fatto oltretutto di presentare la storia a mo' di cari vecchi ricordi proprio non mi ha convinto; il film sembra non aver imparato nulla da decine di altre proposte del genere e questo lo trovo imperdonabile. Solo per appassionati.

Didda23 29/01/11 01:35 - 2298 commenti

I gusti di Didda23

Film straordinario firmato da uno Scorsese in gran spolvero. Tecnicamente perfetto: si nota una cura notevole in ogni dettaglio e in ogni movimento della macchina da presa. La sceneggiatura è da brividi, semplicemente perfetta, e il cast davvero incredibile (menzione particolare per Pesci, da applausi). Goodfellas è semplicemente una pietra miliare della storia del cinema. Due ore e venti di pura estasi. Imprescindibile!

Mickes2 15/04/11 16:10 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Le sequenze d'antologia si sprecano: sia per quanto concerne la parte interpretativa, che quella tecnica. Narrazione sempre ficcante, magnetica, con attori al massimo della forma, con uno Scorsese in stato di grazia che dirige il tutto in maniera sublime. Musiche bellissime che si amalgamano sempre molto bene e creano un connubio immagini-musica notevolissimo. Droga, omicidi, droga, carcere, droga, rapine, droga, squarci di vita famigliare. I tempi sono perfetti: un film esemplare, perfettamente strutturato, molto pensato. Un capolavoro.

Markvale 12/09/11 11:04 - 143 commenti

I gusti di Markvale

Imprescindibile, grande film del genere "gangster" e fonte di ispirazione non dichiarata del primo Tarantino. La vena sarcastica e grottesca percorre tutta la durata dell'opera ritraendo la particolare quotidianità di un gruppo di pesci piccoli della mafia che non potranno mai fare "carriera". Nell'insieme scaturisce un universo in cui non contano i codici d'onore, ma il tradimento e una brutalità che può scoppiare all'improvviso. La nevrosi, l'irrazionalità e l'idiozia la fanno da padrone. I tre protagonisti gareggiano in bravura.

Belfagor 29/11/11 22:28 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

L'ascesa di Henry Hill nel mondo del crimine organizzato vede intrecciarsi droga, incendi, appuntamenti romantici, omicidi a sangue freddo, pasta al sugo e cadaveri da nascondere. L'intreccio fra cronaca familiare e criminale è affrontato con uno stile drasticamente diverso ma altrettanto efficace rispetto a quello usato da Coppola per Il padrino: qui lo sguardo è sfacciatamente concreto, antropologico. Non un attore fuori parte, riprese e montaggio eccellenti, un'invidiabile gestione dei tempi narrativi. Un autentico capolavoro.
MEMORABILE: La preparazione del sugo; I tre protagonisti, nonostante un corpo nascosto nel bagagliaio, sono costretti a cenare con la madre di Tommy.

Luchi78 3/07/12 09:28 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Un gangster movie al quale è difficile rimproverare qualcosa, se non il fatto di essere troppo "gangster" e poco "movie": la centralità del tema portante malavitoso in questo film è totalmente preponderante, al punto che le storie di vita dei protagonisti hanno un ruolo marginale se non legate in qualche modo ai traffici loschi o alle attività illegali del gruppo dei bravi ragazzi. Per tutto il resto stiamo parlando di un capolavoro di regia e fotografia, nonché d'interpretazione (una su tutte, quella di Joe Pesci).

Rullo 3/09/12 00:10 - 388 commenti

I gusti di Rullo

La storia vera di crescita e caduta di un mafioso, da quando è ragazzo a quando già adulto diventa responsabile delle sue scelte. La pellicola è estremamente cruda e mostra in tutta la sua brutalità la vita dei gangster italo-americani, annichilendo quell'alone di fascino creatosi nell'arco degli anni e al contempo rafforzandolo ancor più, mostrando tutti i passi che portano ad un potere smisurato ed un terrore altrettanto onnipresente. Il cast è semplicemente magnifico e Scorsese ha firmato un capolavoro. Musicalmente impeccabile.
MEMORABILE: La scena del "Buffo come?"; Il regolamento con il vicino di lei; Le scene tra Tommy e Spider; La steadicam che segue all'ingresso del locale.

Piero68 17/10/12 09:05 - 2783 commenti

I gusti di Piero68

Grande ritratto di un periodo e di una mentalità criminale ed ennesimo capolavoro di Scorsese. Tre personaggi apparentemene slegati tra loro: un italo-irlandese, un italo americano e un mezzo ebreo si mettono insieme per scalare la vetta del crimine e fare il colpo della vita. Se la regia, la sceneggiatura e il montaggio sono ottimi, quello che rende il film superlativo sono le caratterizzazioni e l'idea di rendere il film narrato da una voce fuori campo che commenta la prospettiva di Liotta/Hill. Cast stellare e comprimari eccezionali.
MEMORABILE: L'omicidio di Pesci; Liotta, cocainomane incallito, che si districa tra ragù e altre faccende.

Almicione 4/02/13 01:31 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Scorsese consolida il suo successo con un gangster movie divenuto storico; la narrazione in prima persona descrive splendidamente la vita del bandito statunitense Hill, dagli esordi al declino, rappresentando in modo verosimile il gangsterismo. La scena iniziale si dimostra assai azzeccata e l'introduzione al personaggio di Hill pregevole. Tuttavia, un Liotta un po' spento – discutibile la scelta del suo ruolo – stona un po' con i grandissimi Pesci e De Niro e alcune scene risultano non troppo avvincenti. Lodevole la colonna sonora.
MEMORABILE: Mrs. DeVito: "Ma tu perché non ti trovi una brava ragazza?" Tommy: "Io ne trovo di bravissime tutte le sere, mamma"!

Saintgifts 29/11/13 19:14 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

A quanto pare Henry sbaglia quando, da ragazzo, dice che entrare nel gruppo è come fare parte di una grande famiglia che ti accoglie e ti protegge. Tutto il film è teso a dimostrare invece quanto sia pericoloso entrare in quel giro dove bisogna misurare ogni parola e ogni gesto. Il grande problema è che non esiste unità di misura di riferimento, tutto cambia da un giorno all'altro a seconda degli umori e degli interessi. In questo senso il mafia-movie di Scorsese è buono e porta a un finale forse non strepitoso ma unica porta di uscita quasi sicura.
MEMORABILE: Certe espressioni terrificanti di Pesci e De Niro.

Edecubo 21/07/14 03:33 - 49 commenti

I gusti di Edecubo

Il film più rappresentativo del filone gangster al mondo. Il primo che ispirò negli anni seguire copie o meno sbiadite del genere, l'unico che anziché parlare di un boss potente alle prese con i suoi affari (vedi Il padrino) parla delle peripezie di un gangster e dei suoi compari. L'interpretazione di Joe Pesci gli varrà l'oscar e l'intramontabile De Niro conferma sempre di più di essere a suo agio nei panni di un malvivente (senza dimenticare Liotta nei panni del protagonista). Capolavoro.
MEMORABILE: "Io avevo sempre voluto fare il gangster" (incipit del film).

Stelio 25/07/14 08:13 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Circa due ore e venti di girato che diciamolo, sono pure poche per esprimere la grandezza di Scorsese e di questo film, avanti in tutto rispetto alla produzione dell'epoca, dalla regia al ritmo per non parlare dei dialoghi assolutamente fuori scala. Liotta e De Niro di gran livello, ma non si può non sposare l'acclamazione popolare per quella che, probabilmente, è l'interpretazione magistrale di un grandissimo Joe Pesci.

Jdelarge 17/08/14 12:00 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Uno tra i più riusciti gangster-movie della storia del cinema, diretto dal migliore nel genere: Scorsese. Il ritmo, con l'ausilio di un montaggio favoloso, è frenetico dall'inizio alla fine; il film, come le vite dei gangster, non conosce pause ed è in continua evoluzione. Il cast è in stato di grazia, ma su tutti spicca un Joe Pesci spaventosamente folle, che fornisce un'interpretazione sublime. Scorsese si diverte a descrivere il benessere dei malavitosi mostrandoli spesso durante preparazioni e consumazioni di pasti.
MEMORABILE: La folle e drogata giornata di Henry.

Nicola81 23/08/14 23:08 - 2009 commenti

I gusti di Nicola81

Scorsese mette da parte le romantiche ampollosità degne de Il padrino raccontandoci una mafia molto più popolare e molto meno eroica: qui all'inizio sembrano tutti amici, ma basta poco per diventare un soggetto da sopprimere e allora per salvarsi bisogna saltare il fosso. Al di là di questo, l'ho trovato un film decisamente inferiore alla fama di cui gode: gli attori sono bravissimi, ma le voci off alla lunga mi hanno stancato e la durata mi è parsa eccessiva, rispetto agli eventi narrati. Più realistico che avvincente, secondo me.
MEMORABILE: L'insensato omicidio del cameriere; Il finale.

Lythops 23/04/15 19:31 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Si può definire il prologo ideale a Casino che verrà cinque anni dopo e concluderà la trilogia della mafia firmata Scorsese. Del film stupisce da un lato la descrizione della vita del mafioso "dall'interno", dall'altro la narrazione tramite il montaggio e i movimenti di macchina cui saltuariamente si affianca la voce fuori campo, con una trama che si sviluppa in modo documentaristico come se un operatore fosse stato autorizzato a riprendere le vicende di una "famiglia". Grandi prestazioni attoriali, capolavoro di tecnica.

Xamini 7/12/15 01:26 - 1026 commenti

I gusti di Xamini

Se posso fare l'iconoclasta, dirò che Quei bravi ragazzi è un capolavoro invecchiato male. Il ritmo impresso da Scorsese livella un po' tutto il film, lo rende a tratti confuso e fa sentire la mancanza di una vera e propria scena madre. La voce narrante introduce con piacere ma diventa presto fastidiosa e in generale fa sentire il peso della sua età. Per il resto rispetta in pieno tutti gli stilemi del genere, vede i tre protagonisti in stato di grazia e si becca anche il bonus "tratto da una storia vera".

Paulaster 11/12/15 09:49 - 2869 commenti

I gusti di Paulaster

Discesa nel mondo gangster italo-americano della Little Italy senza volerne ripercorrere l’epopea: solo un racconto visto come esempio di un certo modus vivendi. In un quadro a volte semiserio, specie nei dialoghi, avviene che la violenza esploda nella sua cattiveria e il personaggio di Pesci (il migliore) ne rappresenta al meglio la brutalità. Durata eccessiva appesantita ulteriormente dalla voce fuori campo e scelta di Liotta come protagonista che non regge.
MEMORABILE: Il piano sequenza nella discesa dalle scale del ristorante.

Smoker85 3/01/16 22:36 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Un altro gioiello della filmografia di Scorsese che arruola tre tenori di grande efficacia, sebbene la parte del leone la faccia, più del perfetto De Niro, Joe Pesci nel ruolo di gangster schizzato e sanguigno dal grilletto facile. Ritmo serrato, dialoghi perfetti, una storia di mafia che riesce a non confondersi con illustri precedenti o successive pellicole che, anzi, le strizzano più o meno velatamente l'occhio. Molto buona naturalmente anche la prova di Liotta. Imperdibile.
MEMORABILE: De Niro che sclera alla vista del macchinone e della pelliccia acquistati con i proventi del grande furto; Il pestaggio a morte ai danni di Batts.

Minitina80 9/04/16 17:37 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Un affresco riuscito sulla malavita di quartiere in America. L’idea di cinema di Scorsese è qui al suo apice visivo e narrativo e aggiunge un tassello importante al suo excursus sulla mafia italo-americana. Non rallenta quasi mai, il ritmo è tirato fino all’ultimo secondo e senza che l’economia del film ne risenta. Eccezionale la caratterizzazione dei personaggi, comprese le figure secondarie che brillano nonostante la prova superlativa dei tre protagonisti principali. Semplicemente splendido!

Jandileida 12/02/17 09:56 - 1277 commenti

I gusti di Jandileida

L'anti Padrino per eccellenza: dell'epica barocca di Coppola non resta nulla, qui c'è la polvere della strada e Martino dietro la mdp. Ritmo indiavolato (è un'impresa non fare sentire due ore e mezza allo spettatore), colonna sonora onnipresente e senza sbavature, direzione degli attori come al solito con pochi eguali. E proprio i tre bravi ragazzi regalano perle: il quasi intimista De Niro, l'esplosivo Pesci e un mai più a questi livelli Liotta sono ormai ognuno una parte dell'immaginario collettivo quando si parla di gangster e polpette. Immenso.

Pessoa 20/07/17 09:35 - 1236 commenti

I gusti di Pessoa

Superbo mafia-movie di Scorsese dove i vari padrini restano in secondo piano, lasciando spazio ai manovali del crimine spesso sorpresi nelle loro vicende quotidiane in un affresco dei bassifondi di Little Italy che ha pochi eguali nella storia del cinema. Il soggetto, tratto da una storia vera, sviluppa una sceneggiatura minuziosa nella resa degli ambienti mafiosi. Il ritmo è elevato con giusti contrappunti "intimi"; musiche e montaggio da manuale; Pesci (Oscar) è il migliore di un cast spaziale. Un grande film corale. Visione fondamentale!
MEMORABILE: Il disincantato cinismo con cui Scorsese descrive la vita dei mafiosi, in cui un ragù di carne può essere più importante di una vita umana.

J.d.s. 21/07/17 17:26 - 20 commenti

I gusti di J.d.s.

Quante volte avrò visto questo film! Molto meno pomposo e hollywoodiano rispetto ad altri gangster movie (leggi Il padrino), Goodfellas è un gioiello girato da uno Scorsese particolarmente ispirato. Attori straordinari (Joe Pesci indimenticabile), ritmo, sceneggiatura, musiche azzeccatissime: sono gli elementi che fanno di questa pellicola una tappa imprescindibile (e forse definitiva) per gli amanti del genere. L'ultima mezz'ora, con Liotta a un passo dal precipizio, è indimenticabile.
MEMORABILE: La telecamera che si aggira nel ristorante, con voce fuori campo e "Il cielo in una stanza" come sottofondo.

Magi94 11/10/17 23:09 - 704 commenti

I gusti di Magi94

Dopo i grandissimi contributi di Coppola, Leone e De Palma anche Martin Scorsese gira il suo kolossal a tema gangster "New Hollywood". E' il più debole a mio parere, tra i sopracitati; colpa di una netta svolta del regista verso lo spettacolarismo a tutti i costi che porta a scelte di regia che a tratti ho trovato fastidiose (le voce narrante, Ray Liotta che parla alla telecamera, il mondo dei gangster presentato in soggettiva in modo un po' ruffiano). Certo rimane un buon film, con scene memorabili e un'ottima sceneggiatura.
MEMORABILE: L'omicidio di Tommy; Karen che ha paura di Jimmy nel finale.

Beffardo57 29/10/17 09:31 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Straordinario. Con una felicità narrativa senza pari e un feroce humor nero, il regista inchioda lo spettatore alla sedia e nel contempo gli somministra un definitivo saggio antropologico sulla mafia italoamericana. Il tutto senza alcun cedimento buonista al colore locale, al mito dei mafiosi tutti casa-chiesa-famiglia e affari loschi (genere Padrino, per altro un capolavoro, ma ambiguamente complice) o al sociologismo d'accatto (delinquenti perché emarginati); invece, il crimine come scelta esistenziale. Interpreti tutti in stato di grazia.

Hackett 3/06/18 10:33 - 1748 commenti

I gusti di Hackett

Eccellente pellicola di Scorsese nella quale il regista nuota nelle acque a lui più congeniali (la malavita italoamericana) ma lo fa con uno slancio e una sicurezza registica impressionante. La narrazione di fatti criminosi non scende mai nel dramma vero e proprio (nonostante le violenze mostrate) ma rimane magicamente sospesa nell'ironia scanzonata di un racconto fuoricampo davvero non facile da gestire. Interpretazioni sublimi, ricostruzione storica impeccabile. Grande cinema.

Vito 9/07/18 04:18 - 665 commenti

I gusti di Vito

Tra i migliori film di Scorsese. Il regista italoamericano mette in scena la storia del pentito Henry Hill, affiliato alla famiglia mafiosa Lucchese, con un ritmo serrato e veloce, una regia magniloquente e forti impennate di violenza e sangue. Cast grandioso con il trio Liotta, De Niro, Pesci in forma smagliante, la bella Lorraine Bracco e un ottimo Sorvino. Tra i capolavori del gangster movie.

Caveman 11/07/18 12:36 - 192 commenti

I gusti di Caveman

Scorsese ci regala quello il miglior mafia movie della storia. Si avvale di un super cast: bravissimi Liotta, De Niro, la Bracco e Sorvino, ma Pesci si ritaglia un posto nel gotha del cinema e verrà giustamente premiato con l'Oscar. Sceneggiatura (ottima anche la fonte, il romanzo di Pileggi) serrata e che tiene col fiato sospeso per tutta la durata. Il microcosmo e i meccanismi vengono narrati in modo sublime! Mamma e papà Scorsese presenti in piccoli e divertenti ruoli di contorno.

Ryo 14/07/18 15:48 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

La storia vera di Henry Hill raccontata da Scorsese in modo fenomenale. Sceneggiatura ottima, regia e ritmo serrati che dosano in maniera sapiente e mai banale scene che sulla carta sono anche ripetitive, ma nel concreto non lo sono mai. L'eccezionale trio di protagonisti (Liotta, DeNiro, Pesci) lascia un segno indelebile e non si rubano mai la scena a vicenda.
MEMORABILE: Le crisi di rabbia esagerate di Tommy; "Mi trovi buffo? Buffo in che senso?"

Il Dandi 26/02/19 11:05 - 1852 commenti

I gusti di Il Dandi

Celebratissimo film di Scorsese: ai tempi (cioè in epoca pre-tarantiniana) questa rappresentazione anticelebrativa e goliardica di un gruppo di gangster di "ceto medio", così distante dall'epica del mafia-movie classico, fu rivoluzionaria. Ad oggi francamente appare assai più prevedibile e alcune scelte stilistiche (a partire dalla prolissità) già preludevano, col senno del poi, alle fascinazioni patinate dello Scorsese più recente. Resta solidissimo e imperdibile come gangster movie, ma non il capolavoro cinematografico che molti credono.
MEMORABILE: Il prologo; Tutte le uscite di Joe Pesci.

Rocchiola 7/10/18 18:19 - 879 commenti

I gusti di Rocchiola

Scorsese firma il miglior gangster movie di tutti i tempi e con uno sguardo antropologico lontano sia dalla magniloquenza di Coppola che dal romanticismo di Leone, ci mostra riti e usanze della comunità italo-americana. I suoi bravi ragazzi sono spesso ritratti nel quotidiano e accanto a furti e omicidi li vediamo anche in cucina o in visita dai parenti. Emozionante e coinvolgente con il suo flusso continuo di immagini e musica condotte dalla voce fuori campo del protagonista. Cast perfetto di facce davvero giuste guidate da Liotta e Pesci.
MEMORABILE: “Che io mi ricordi ho sempre voluto fare il gangster”; La frenata in macchina; "Sei buffo"; L’ingresso al club dall’entrata di servizio.

Ira72 22/11/18 11:33 - 971 commenti

I gusti di Ira72

Che bravi ragazzi! Magnifici direi. Senza alcun senso di colpa, in un'atmosfera da humor nero che più nero non si può, i tre delinquono come non ci fosse un domani, arricchendosi perlopiù, screanzati e impavidi. Ma fin qui, nel genere gangster story, nulla di nuovo. La magia sta nel come la storia viene raccontata e nel come viene interpretata. Nella normalità con cui si concepiscono gli affetti a cui non deve mancare mai niente e nell'abnegazione "lavorativa" a cui si dedicano nottetempo i tre "imprenditori" indefessi. Un cult instancabile e magistrale.
MEMORABILE: Ho chiesto a mia moglie: "Dove vuoi andare per il tuo compleanno?" E lei: "In un posto in cui non sono mai stata!" "Ah, si? Allora prova in cucina".

Rigoletto 23/12/18 14:22 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Un film sulla malavita che lascia il segno per la sbalorditiva visione di Scorsese, abile a renderlo appassionante dal primo all'ultimo minuto in una pellicola generosa quanto a minutaggio. Liotta (l'unico "bravo ragazzo") affiancato da due mostri sacri: il sanguinario Pesci e il cinico De Niro; interpretazioni da paura, ma è tutto il cast a lievitare: una prova perfetta come una performance di nuoto sincronizzato. Al di là della recitazione, ogni cosa appare (ed è) curata, mai lasciata al caso, mai improvvisata. Capolavoro.
MEMORABILE: La reazione di DeVito/Pesci all'insulto del cameriere; L'eccellente prova di Sorvino.

Lou 30/05/19 18:20 - 985 commenti

I gusti di Lou

Scorsese riesce a ritrarre con sconvolgente naturalezza la commistione tra violenza efferata e normale vita familiare che caratterizza l'ambiente mafioso di basso livello, con un effetto disturbante e affascinante al tempo stesso. Cast strepitoso ottimamente assortito, tra cui uno psicopatico Joe Pesci che lascia il segno. Un classico insieme al Padrino.

Pinhead80 19/11/19 15:56 - 4005 commenti

I gusti di Pinhead80

Uno dei migliori film sul mondo della mafia in assoluto non poteva che essere girato da quel genio di Martin Scorsese. Non c'è nemmeno il tempo per sedersi comodi in poltrona che arriva il primo sussulto, con il colpo di scena del bagagliaio: Da lì si prosegue sempre in crescendo fino alla fine. Non c'è uno dei protagonisti che non abbia la faccia giusta (su tutti un immenso Joe Pesci nei panni del folle Tommy), non una scena che possa essere dimenticata. Il regista mette insieme il calore e l'orrore dell'appartenenza "alla famiglia".

Ultimo 19/01/20 10:21 - 1385 commenti

I gusti di Ultimo

Uno dei migliori gangster movie di sempre, grazie un cast straordinario e a un regista definito all'unanimità come uno dei maestri del genere. La vita malavitosa di Henry Hill viene ricostruita con cura, con un'attenta descrizione dei personaggi e una dose di violenza spesso sopra le righe. Bravissimo Ray Liotta, grande De Niro, ma il vero fenomeno (artisticamente parlando...) è Joe Pesci, in grado di interpretare al meglio un personaggio folle e irascibile (si veda la scena con il giovane cameriere). Capolavoro!

Daraen4 2/06/20 21:20 - 56 commenti

I gusti di Daraen4

L'impressione è quella di un film altamente scorrevole, in cui la voice over non dà fastidio, nemmeno quando cambia il proprietario; la violenza e l'iperrealismo ci sono ma fondamentalmente sono rari e non bruciano la pellicola. Il montaggio e la regia finalmente reggono le fila e gestiscono il significato del film, che non si schiera da una parte né dall'altra ma rivela le logiche mafiose raccontandone gli episodi violenti senza retorica. E poi, vivaddio, è assente le mdp a mano, oggi onnipresente, e si ragiona con mdp fissa.
MEMORABILE: "Quando ti trovi una brava ragazza?" "Ne trovo una ogni sera".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gestarsh99 • 4/12/10 12:36
    Scrivano - 15100 interventi
    Il TRAILER ITALIANO
  • Homevideo Gestarsh99 • 14/10/11 13:25
    Scrivano - 15100 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Warner Home Video:



    DATI TECNICI

    * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 2.0 Surround Dolby Digital: Italiano Francese Spagnolo Tedesco
    5.1 Dolby Digital Plus: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Inglese Spagnolo Olandese Danese Svedese Norvegese Finlandese
    * Extra commenti audio
    Dietro le quinte
    Gangster al lavoro
    Dallo storyborad allo schermo
    Trailer
  • Discussione Tarabas • 19/10/14 20:40
    Formatore stagisti - 2065 interventi
    Un bel post del blog Cinephilia and beyond.

    http://www.cinephiliabeyond.org/martin-scorsese-goodfellas/
  • Curiosità Buiomega71 • 2/02/15 17:03
    Pianificazione e progetti - 22113 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv ("I Filmissimi", lunedi 23 gennaio 1995) di Quei bravi ragazzi:

  • Discussione Tarabas • 27/04/15 16:56
    Formatore stagisti - 2065 interventi
    Un articolo de Linkiesta sul film.

    http://www.linkiesta.it/venticinque-anni-quei-bravi-ragazzi
  • Homevideo Tarabas • 23/06/15 12:07
    Formatore stagisti - 2065 interventi
    E' uscita la nuova edizione bluray del film di Scorsese, con un trasferimento video nuovo di zecca in 4k, gli extra su disco separato (con un documentario inedito) e un libro fotografico.

    Qui trovate la discussione su Avforum, con link a varie recensioni.

    http://www.avmagazine.it/forum/70-blu-ray-disc-e-altri-media-hd/267633-bd-quei-bravi-ragazzi-25-anniversario-nuovo-master-4k
  • Homevideo Rocchiola • 7/10/18 18:23
    Call center Davinotti - 1157 interventi
    Edito dalla Warner questo fondamentale titolo è uscito una prima volta in bluray nel 2007, per essere poi rimasterizzato da una scansione 4K in occasione del venticinquesimo anniversario nel 2015. Avendo posseduto entrambe le edizioni devo sicuramente indirizzare l’acquisto verso la versione del 2015 che offre qualcosina in più a livello di definizione e pulizia dell’immagine, oltre ad un booklet di 36 pagine e una lettera del regista Scorsese, (entrambe comunque in lingua inglese) ed un disco di contenuti speciali potenziati rispetto alla precedente edizione del 2007 con il documentario inedito The Wise Guys of Scorsese’s Films. L’audio italiano dolby digital 2.0 è buono di discreta potenza soprattutto nelle parti musicali molto importanti in un film che presenta una colonna sonora praticamente ininterrotta. Il tutto confezionato in una bella copertina di cartone. Purtroppo vedo che questa edizione è però già fuori catalogo ed anche su Internet si vede poco ed a prezzi già abbastanza elevati, mentre è ancora disponibile l’edizione del 2007 a prezzi economici, la quale anche se inferiore non è male. Il video è pulito e l’audio analogo a quello della special edition.
    Ultima modifica: 7/10/18 18:23 da Rocchiola
  • Homevideo Noncha17 • 7/10/18 19:30
    Magazziniere - 1073 interventi
    È comunque uscita l'edizione 4K Ultra HD > Amazon

    Che, come secondo disco, contiene il "vecchio" BD..

    Per fortuna ero riuscito a prendere quella del 25°! :)


    All'estero, però, lo si può trovare in amaray.
    Ultima modifica: 7/10/18 19:33 da Noncha17
  • Discussione Caesars • 5/07/19 16:11
    Scrivano - 11327 interventi
    La scena finale in cui Joe Pesci spara verso la m.d.p. è una citazione dell'analoga scena finale de L'assalto al treno (del 1903)