Prigionieri della città deserta

Media utenti
Titolo originale: Split second
Anno: 1953
Genere: gangster/noir (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 2/05/07 18:20 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Pericolosissimo killer evaso di galera rapisce un gruppo di sfigati coi quali si rifugia in una cittadina disabitata nel deserto del Nevada. Ma è disabitata per un motivo: di lì a poco si terrà nei pressi un esperimento nucleare... Efficace B-movie americano di tipica fattura RKO, che sfrutta al meglio la tensione innescata dall'imminente disastro e il relativo gioco al massacro fra gangsters e prigionieri uniti nella sorte... Ottime facce da noir dell'epoca, menzione speciale per il quadratissimo Mc Nally.

Schramm 28/02/20 16:18 - 2450 commenti

I gusti di Schramm

Qui gatta ci prova: l'atomica sperimentale in procinto di fare "buh!" non vede l'ora disperata di sostituire le asserraglianti forze dell'ordine e scompaginare tutto un genere, umano come filmico, tenendo in ostaggio buoni e cattivi, eroi e criminali, da villain sovrano. Dal noir al bleak, tramite il fulgore del flash nucleare, è questione di poco meno di un film. Per chi sta di qua di esso è un buon calappio da cui farsi tenere, magari non stretto abbastanza per sentirsi sequestrati appieno, lamentare anossia e suscitare applausi screpola-palmi e sloga-nocche. Ma val bene una messa, funebre.

Daniela 18/10/20 00:32 - 9638 commenti

I gusti di Daniela

Il colmo della sfiga: un gruppo di persone non solo viene sequestrato da una banda di criminali in fuga ma è anche costretto a starsene in un villaggio fantasma piazzato nel bel mezzo di una zona desertica scelta  per l'effettuazione di un test nucleare... Thriller dignitoso interpretato da un discreto cast, ma l'aspetto che oggi colpisce maggiormente è la manifesta sottovalutazione dei rischi dell'esposizione alle radiazioni, del resto condivisa da altri film girati in quel periodo. Inevitabile chiedersi cosa sarebbe successo nella realtà ai personaggi sopravvissuti.
MEMORABILE: L'annunciatore alla radio rassicura gli abitanti della zona: potranno assistere all'esplosione nucleare dalle finestre delle loro abitazioni.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 23/01/16 09:38
    Segretario - 3058 interventi
    Colpo gobbo della Golem che lo propone in dvd a partire dal 25/03/2016. Ricordo che la traccia italiana è sempre stata complicata da trovare, infatti anche i passaggi di Rai3 erano esclusivamente sottotitolati.
    Ultima modifica: 23/01/16 09:39 da Digital
  • Homevideo Zender • 23/01/16 18:29
    Consigliere - 43739 interventi
    Operazioni meritorie, queste! Brava Golem (sperando che il video sia all'altezza)...
  • Discussione Daniela • 17/10/20 21:32
    Consigliere massimo - 5294 interventi
    Si tratta dell'esordio registico di Dick Powell, attore molto noto negli anni Quaranta soprattutto per i ruoli in commedie ma che aveva dimostrato il suo talento anche in chiave drammatica nel bel L'ombra del passato (1944), in cui aveva vestito i panni di Philip Marlowe nella prima apparizione cinematografica del personaggio.
    Nel film si parla di un'esplosione nel deserto facente parte di un test nucleare.
    Per ironia della sorte, nel 1956 Powell diresse un altro film di tutt'altro genere ma sempre ambientato nel deserto in una zona prossima ad un'area militare n cui venivano effettivamente testate bombe nucleari.
    Si tratta de Il Conquistatore, passato alla storia del cinema per aver provocato conseguenze nefaste in molti tra interpreti e membri della troupe: su 220 persone coinvolte, 91 contrassero un tumore e 46 morirono in conseguenza di esso, compreso lo stesso regista che morì nel 1963 per un tumore alle ghiandole linfatiche.
    Fonte qui (lingua inglese).