Mean streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Per molti si tratta di un capolavoro e la prima collaborazione tra De Niro e Scorsese vanta già un seguito di cult-maniaci. In realtà il grande regista americano non ha ancora raggiunto la maturità artistica, la perfezione stilistica di QUEI BRAVI RAGAZZI e CASINO’ e si arrangia in un film che ha scritto con Mardik Martin senza troppa esperienze. L'idea è quella di descrivere la vita squallida di un gruppo di ragazzi di Little Italy (New York) lasciandola raccontare al personaggio centrale, Charlie (Harvey Keitel), tra tutti quello con più sale in zucca. L'esatto contrario della testa matta Johnny Boy (De Niro), che invece...Leggi tutto fa di tutto per cacciarsi in pasticci dai quali Charlie cerca di tirarlo fuori con ogni mezzo. I pasticci sono soprattutto di origine economica e il debito di Johnny Boy con l’usuraio Michael (Richard Romanus) movimenteranno tutta la seconda parte, decisamente migliore e più vivace della prima. Il film infatti stenta a decollare, si impantana per un'ora in vicende di poco conto, oltretutto raccontate con troppa spocchia da un regista in chiara ricerca d’identità. Nonostante l'indubbia bravura di Harvey Keitel (ma De Niro è ancora meglio e gli ruba regolarmente la scena) si fatica ad appassionarsi: manca la grinta necessaria e qualche notevole invenzione registica (la mdp che segue le spintonate al biliardo per tutta la sala, per esempio) non è sufficiente a vincere una certa noia. Le musiche partono con “Be My Baby” delle Ronettes, “Tell Me” e “Jumpin' Jack Flash” degli Stones per poi arrivare addirittura a “Malafemmena” e “Faccetta nera”. La classe c'è, e si vede, la padronanza dei mezzi non ancora. Con le storie di mafia andrà molto meglio.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 3/07/07 09:14 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Scorsese ancora non perfettamente compiuto. Il minor controllo della materia però (seppure si stia già parlando di un signor regista) rende il film più incandescente e scatenato, oltre che anticipatore (c'è già dentro tutto Abel Ferrara, qua dentro). Marty fa già i conti (mai chiusi) con le proprie radici e identità (il tema religioso), Keitel è già maturo, De Niro già incontenibile. Tappa importante di avvicinamento alla maturità artistica

Caesars 5/07/07 09:25 - 2916 commenti

I gusti di Caesars

Uno Scorsese ancora acerbo ma comunque già convincente che ci racconta la vita a Little Italy-New York. Molto bravi sia Harvey Keitel che Robert De Niro. Contiene temi molto cari al regista italo-americano quali l'amicizia e la religione. Sicuramente un buon film anche se non ancora a livello di alcuni capolavori che seguiranno. Da vedere.

Xamini 30/09/07 00:10 - 1047 commenti

I gusti di Xamini

Pellicola intrisa del sapore dell'epoca più di quanto non sembri a una prima occhiata. Gli italoamericani di Nuova York hanno il "com'on" sempre in bocca e le mani spesso in movimento. È questa la fotografia color gangster che ne fa Scorsese, peraltro con qualche tocco di classe mica male. Peccato non scenda in profondità in alcuno dei temi trattati (il conflitto religioso di Charlie, la sua storia d'amore), relegando l'intero svolgimento alla monotonia del regolamento di conti. Dagli esiti invero scontati.
MEMORABILE: Il filmato iniziale sulle note di Be my baby.

Galbo 9/11/08 11:51 - 11579 commenti

I gusti di Galbo

Primo grande film di Martin Scorsese che vi inserisce tutti i temi narrativi del suo cinema, sebbene ancora non perfettamente sviluppati. Mean streets è inoltre una sorta di prova generale (con gli stessi attori) di uno dei grandi capolavori del regista, il successivo Taxi Driver. La storia di Charlie è perfettamente calata in un contesto sociale (quello degli italo-americani) che il regista conosce benissimo e che esalta attraverso la tecnica delle riprese e l'ottima resa scenografica.

Patrick78 14/01/09 14:37 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

I peccati non si scontano in chiesa, si scontano per le strade. Ma a guardare bene i peccati si scontano all'inferno e sia Charlie sia Johnny Boy lo scopriranno a loro spese... Il capolavoro per eccellenza di Matin Scorsese. Una straordinaria storia di "vita quotidiana" nella New York anni 70 che solo il genio del Maestro poteva raccontare con una precisione a volte davvero maniacale. Al cinema non si è mai più vista una Little Italy così vera e profonda. Da applausi la prova di Keitel e De Niro. Strabiliante e ineguagliabile la colonna sonora. Superbo.
MEMORABILE: La danza della fantastica Jeannie Bell.

Rickblaine 23/01/09 12:44 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Martin Scorsese alle prime armi già tracciava le sue tecniche sull'asfalto lasciando il segno. Anche se non molto coinvolgente come la maggior parte dei suoi film successivi, riesce a presentare quel mondo fatto di boss e scagnozzi dei bassifondi dove però il protagonista non è il solito De Niro bensì Keitel.

Undying 15/04/09 19:14 - 3833 commenti

I gusti di Undying

La Little Italy nuovayorkese è perennemente tratteggiata in notturna. Fuor di figurazione, non meglio appare la gestione cui, i malcapitati residenti della cittadina, son soggetti. La mafia, infatti, manovra le vite (e quindi anche il destino) degli abitanti. E' uno Scorsese sottototono quello che dirige - senza troppa inventiva - un notevole cast, capeggiato da un convincente Harvey Keitel. Noir non solo per definizione, ma soprattutto per composizione, Mean streets può contare su una incredibilmente "variegata" colonna sonora, unico aspetto insolito di un lavoro altrimenti stereotipato.

Cotola 24/02/10 23:44 - 7815 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo film di Scorsese che sin dagli inizi di carriera fa capire quali sono i temi a lui cari su cui già insiste in questa riuscita pellicola: il peccato e la redenzione incompiuta, la rivincita ed il fallimento, la criminalità e la violenza e molto altro. Non una semplice storia di piccoli criminali ma un film ben più complesso caratterizzato da un ottimo cast, da una sceneggiatura all’altezza e da una regia già molto matura e sicura. Molto eterogenea, ma al solito efficace e funzionale, la colonna sonora.

Jandileida 26/01/11 11:16 - 1299 commenti

I gusti di Jandileida

Se è vero che il mattino ha l'oro in bocca, allora questo terzo lavoro di Scorsese (anche America 1929 faceva già ben sperare) conferma la classe del regista e molti dei temi centrali in alcuni capolavori successivi (Taxi driver e Quei bravi ragazzi soprattutto, ma anche il sottovalutato L'ultima tentazione) sono rintracciabili già in questa pellicola. La storia è in fin dei conti abbastanza esile ma viene girata con piglio personale, ottima tecnica e un gusto sopraffino per l'unione tra musica ed immagini. Keitel resta uno dei miei attori preferiti.

Giùan 13/05/11 10:02 - 3246 commenti

I gusti di Giùan

Primo capolavoro di Scorsese, ha in nuce tutte le tematiche che gli saran care (il senso di colpa cristiano con annessa e connessa volontà inane di riscatto, la lotta tra bene e male mai manichea, il condizionamento socio-culturale-familiare) mostrandole magari senza la tecnica dell'esperienza ma con tutta l'energia vitale dell'età, con l'urgenza infinita della necessità di dire e di "girare". Formidabili, in un cast perfetto, Keitel e De Niro, "fratelli" di una Little Italy che accoglie e trattiene col suo calore "soffocante". Straordinario: stop!
MEMORABILE: L'assasinio nel bar con colonna sonora di Malafemmena versione "lirica"; il carrello di Keitel al ritmo di Piedging my love; la lite Romanus-De Niro.

Martin Scorsese HA DIRETTO ANCHE...

Saintgifts 30/05/11 10:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Eccessivo. Recitazione perennemente sopra le righe (Keitel dimostra comunque notevoli capacità), musica ridondante, regia autocompiaciuta. Sembra che Scorsese voglia dirci quanto sia colto in fatto di cinematografia e nella conoscenza delle sue origini italiane, ma ci mostra solo una sequela di luoghi comuni, rendendo sciocchi (per non dire di peggio) personaggi dai comportamenti poco probabili. È come se dei bambini giocassero ad imitare i grandi, senza avere argomenti solidi ma solo atteggiandosi a duri. Qualche buona scena qua e là.

Markvale 12/09/11 10:53 - 143 commenti

I gusti di Markvale

Uscito quasi contemporaneamente al Padrino di Coppola, se ne distanzia per ritrarre le poco edificanti vite della manovalanza mafiosa della Little Italy. Nella galleria di personaggi spicca quello di Harvey Keitel intimamente sofferente, in crisi religiosa e in cerca di redenzione. Tali premesse non possono che aprire le porte ad un tragico finale. Lo sguardo apparentemente realistico e chirurgico finisce per penetrare in profondità l'anima di questi sfortunati reietti. Nei panni di uno psicolabile De Niro anticipa Taxi driver.

Mickes2 28/11/11 16:23 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Prove generali da Goodfellas. Pellicola acerba in più di un'occasione e tecnicamente grezza, ma che non lesina un paio di perle (su tutte la steadicam) e tappa fondamentale per capire ed apprezzare la poetica Scorsesiana. La mafia è rifugio di tutti o nessuno, gli sbagli si pagano a caro prezzo e non sempre il tuo più caro amico è in grado di proteggerti; riparare a questi sbagli è ancor più problematico, se non impossibile. Lavare i misfatti con la chiesa non è sufficiente. Memorabile De Niro nei panni del funambolico Jhonny Roy, Keitel giganteggia.
MEMORABILE: L'incipit.

Disorder 3/08/12 11:18 - 1412 commenti

I gusti di Disorder

L'uso accurato delle musiche e la splendida fotografia notturna lasciano qua e là intravedere il grande talento di Scorsese, che tuttavia non riesce ad esprimersi compiutamente in quest'opera ancora confusa e per molti aspetti canonica. C'è qualche momento di puro cinema (memorabile l'entrata in scena di De Niro sulle note degli Stones), ma siamo ancora lontani anni luce dai capolavori degli anni a venire. Inoltre, strano a dirsi per un film di Scorsese, è anche invecchiato piuttosto male. Un film tuttalpiù gradevole, ma non indispensabile.
MEMORABILE: De Niro impazzito sale sui tetti e spara verso l'Empire State Building.

Almicione 12/06/13 01:09 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Qui è ancora uno Scorsese inesperto, sebbene si inizino a notare alcune tecniche registiche che, perfezionate, diverrano poi peculiari dei suoi grandi successi. Il difetto più grave è sicuramente la trama: mal costruita, sembra quasi inesistente e lo spettatore fa fatica a seguirla. Le inquadrature della Little Italy sono un po' spente (a causa, anche, di una pessima fotografia) e trasmettono una cupezza mista a miseria. Mi aspettavo qualcosa in più da Keitel, mentre De Niro recita molto bene. In generale, passabile.
MEMORABILE: La scena della rissa nel locale di Joey.

Didda23 16/04/14 09:11 - 2310 commenti

I gusti di Didda23

Immaturo e acerbo quanto si vuole, ma profondamente riuscito nel voler descrivere i sogni e le illusioni nella New York degli anni '70. Mean Streets trasuda quella meravigliosa epoca cinematografica da tutti i pori, creando un'atmosfera urbana che rimpiango nei film moderni. Eccellente la scelta di raccontare la storia mediante l'espediente del contrasto, non solo religioso ma soprattutto familiare (il volere dello zio e invece quello di Charlie). Scorsese tecnicamente innovativo, Keitel/DeNiro da standing ovation e un tappeto musicale meraviglioso rendono l'opera imprescindibile. Chapeau!

Jdelarge 15/10/14 13:44 - 900 commenti

I gusti di Jdelarge

Una vera e propria genesi del crimine incentrata sul concetto di redenzione: il protagonista è uno dei gangster più buoni che si siano mai visti sul grande schermo ed è una vittima delle proprie origini. La speranza di crearsi una nuova vita viene costantemente disillusa dalla realtà dei fatti, ovvero l'essere nipote di un boss mafioso. Proprio per questo il film è a tratti claustrofobico, senza via d'uscita, come la vita di Charlie. Sofisticato e non troppo semplice da capire, ma Scorsese ha fatto un ottimo lavoro.

Minitina80 20/02/16 19:00 - 2512 commenti

I gusti di Minitina80

Contiene già gli elementi cardine che andranno a contraddistinguere la poetica di Scorsese, con la differenza che qui è tutto meno patinato e rifinito, bensì più grezzo e diretto. Uno spaccato di vita dei sobborghi violenti e malfamati dove follia e anarchia si confondono in un vortice pericoloso da cui non è facile sopravvivere. Contestualizzarlo al periodo storico che gli appartiene gli conferisce spessore, anche se il valore aggiunto è un De Niro giovane ma già eccezionale.
MEMORABILE: "I peccati non si scontano in chiesa, si scontano per le strade. Il resto è una balla".

Paulaster 16/06/16 10:28 - 3076 commenti

I gusti di Paulaster

Un racconto di una mafia di quartiere, con la famiglia che consiglia e la tradizione che inizia a contaminarsi. La New York notturna è dipinta di rosso e lo stile di Scorsese mostra le sue peculiarità: attenzione ai ruoli e meno agli sviluppi, dove Keitel ha più personalità quando il gioco si sporca mentre De Niro pazzoide ha la forza di essere imprevedibile. Conclusione potente che riassume in due inquadrature ciò che resta (come la Chiesa con i suoi canti) mentre la lotta per il potere ha fatto solo il primo passo.
MEMORABILE: Keitel in primo piano ubriaco; De Niro fuori dal finestrino sanguinante; La ballerina di colore.

Thedude94 7/10/17 23:51 - 680 commenti

I gusti di Thedude94

Ritratto ben fatto ad opera del giovane Scorsese della Little Italy dei suoi tempi, cupa e piena di giovani alla ricerca della scalata nella criminalità. Un buon Keitel, assieme all'acerbo De Niro, ci accompagna in un mondo fatto di favori e un po' di sana cristianità e benevolenza. Scorsese dirige bene, la fotografia sembra naturale e cruda, la sceneggiatura forse non troppo completa. Di certo è un punto di partenza forte per il giovane cineasta, che farà di questo genere la sua fortuna negli anni a seguire.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Nando 12/10/17 18:23 - 3536 commenti

I gusti di Nando

Scorsese inaugura Little Italy con questa pellicola in cui evidenzia le sue origini e soprattutto quello che realizzerà in seguito. Si avvale di un acerbo De Niro e un convincente Keitel. Una sorta di film di formazione ben realizzato che condurrà a prove più eclatanti e premiate. Eccellenti i nudi della Robinson e la colonna sonora, che spazia dai Rolling a Di Stefano.

Piero68 11/12/17 09:26 - 2808 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante siano già apprezzabili tutto il suo stile e le sue tipicità, non possono passare inosservate alcune ingenuità dettate dall'inesperienza dello Scorsese dell'epoca. Su tutti i minuti finali e la sparatoria. Errore che il regista non ripeterà in Taxi driver (film da considerarsi cugino di questo) riuscendo a dargli la giusta drammaticità. Inutile parlare di De Niro e Keitel, che sono due giganti. Quello che lascia un po' di amaro in bocca è il resto del cast; e la sceneggiatura. che non osa fino in fondo lasciando i personaggi in un limbo indefinito.
MEMORABILE: Gli intercalare dialettali tipo "Maronn!" (Madonna) e quelli inglesi nel doppiaggio in italiano.

Vito 21/07/18 13:48 - 686 commenti

I gusti di Vito

Grande opera di Scorsese dalla quale emerge già tutta la sua poetica: piccoli gangster visti come angeli caduti, una Little Italy divisa tra sangue e folklore, la cupezza e la violenza dell'oppressiva realtà metropolitana. Molti hanno visto una regia acerba in certi punti, ma il taglio "antropologico" e documentarista è senza dubbio il più adatto. Keitel e De Niro immensi.

Zender 2/05/18 09:42 - 290 commenti

I gusti di Zender

C'ha un bel daffare Charlie a rimettere in riga quella testa matta di Johnny Boy! Ma tiene un cuore così e intercede, si scusa, media, ricuce finché può mentre sogna di gestire un gran ristorante. Scorsese ci regala Little Italy tra Rolling Stones e rumoroso folklore (da “Faccetta nera” a “Scapricciatiello”) mentre fa il rodaggio ai suoi bravi ragazzi. Quei due son fenomeni, gli altri reggono bene il gioco e per quanto manchi un'ossatura solida i personaggi s'innalzano riempiendo la scena. Interni cupi, colori impastati, Keitel al centro, De Niro sullo sfondo ma mai sfocato.
MEMORABILE: Il confronto al bar con pistola spianata, saggio di bravura di un immenso De Niro, rintuzzato da Romanus a ghigni malinconici e beffardi.

Magi94 25/08/18 23:09 - 746 commenti

I gusti di Magi94

Intramontabile e importantissimo. Definisce lo stile di Scorsese che sarà poi imitato in mille altri film e rimane superiore ai molto più famosi e rutilanti Quei bravi ragazzi e Casinò. La trama qui non è importante, ma per due ore Scorsese ci presenta l'ambiente in cui è cresciuto dimostrando una maturità registica già eccellente. Se la prima parte gira a volte un po' a vuoto, nella seconda il delirio e la caduta di Johnny sono un perfetto filo conduttore, con inevitabile finale sanguinario da tragedia greca. Ottimo.

Rocchiola 28/09/18 08:43 - 896 commenti

I gusti di Rocchiola

Le gesta quotidiane di alcuni bravi ragazzi di Little Italy tra piccoli crimini e dilemmi morali. Sorsese firma il suo primo capolavoro anticipando i suoi futuri mafia-movie con un taglio però più documentaristico e ruspante. Ma la povertà dei mezzi non va scambiata per immaturità e sotto il profilo tecnico Martin è già unico nel gestire la macchina da presa. Keitel è il protagonista, ma De Niro nei panni di uno scansafatiche irrecuperabile gli ruba spesso la scena. E che dire della colonna sonora, capace di accostare Carosone alle Girl Groups?
MEMORABILE: Charlie che barcolla ubriaco intorno al bar sulle note di "Rubber Biscuit" dei Chips; "I peccati non si scontano in chiesa, si scontano per le strade".

Pinhead80 8/03/19 16:20 - 4064 commenti

I gusti di Pinhead80

Qui dentro c'è tanto dello Scorsese che vedremo poi nelle opere successive. Mean Streets è una specie d'introduzione al gangster movie d'eccellenza. Tutto sommato non esiste una vera e propria trama, ma tanti personaggi che incrociano la loro vita delinquenziale. C'è chi controlla tutto il traffico passando da un ristorante all'altro, chi non fa altro che combinare guai e chi cerca costantemente di mediare in un mondo maschilista che non ammette passi falsi di alcun genere. Prima viene "la famiglia" poi tutto il resto.

Enzus79 29/12/19 22:15 - 1961 commenti

I gusti di Enzus79

Vicissitudini di un gruppo di italoamericani di New York nelle quali la componente criminale la fa da padrona. In evidenza il rapporto fra Charlie e Johnny Boy, con quest'ultimo più incline ai guai. Non siamo di fronte al capolavoro, ma certamente è un film di un certo spessore e capostipite di un genere che verrà imitato da molti registi. Ottimi De Niro e Keitel.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Gestarsh99 • 27/11/10 00:12
    Scrivano - 16335 interventi
    Uno dei brani più famosi cantati dal trio al femminile delle The Ronettes, tratto dal loro album d'esordio Presenting the Fabulous Ronettes featuring Veronica (1963):

    Be my baby
  • Discussione Gestarsh99 • 27/11/10 00:14
    Scrivano - 16335 interventi
    Il TRAILER ORIGINALE
  • Homevideo Digital • 30/10/11 20:00
    Portaborse - 3181 interventi
    Dvd della Minerva Pictures disponibile dal 25/01/2012.



    Dati Tecnici :

    Audio : Italiano, Inglese Dolby Digital 2.0 Mono
    Rapporto Schermo : 1.85:1
  • Musiche Noncha17 • 3/05/18 19:07
    Magazziniere - 1072 interventi
    Pledging My Love (meglio conosciuta come "Forever My Darling") sarà ripresa ne Il cattivo tenente, con protagonista lo stesso Harvey Keitel.
  • Homevideo Rocchiola • 28/09/18 09:01
    Call center Davinotti - 1196 interventi
    Io consiglio il DVD della Rarovideo.

    Credo si tratti dell'unica edizione italica adeguatamente restaurata. L'immagine è pulita e ben bilanciata nei colori, oltre ad essere presentata nel corretto formato panoramico 1.85. Anche l'audio in Dolby Digital 2.0 ha beneficiato di qualche miglioramento essendo più chiaro e potente. Le edizioni precedenti mi pare fossero presentate in 4:3 e con colori sballati e varie imperfezioni video. Bisogna comunque tener conto del fatto che Scorsese girò questo film con mezzi limitati ed un fotografia volutamente sgranata per dare un maggior effetto di realismo, per cui l'immagine non potrà mai apparire particolarmente definita e curata.
    In ogni caso all'estero abbiamo già diverse edizioni in bluray (Warner Usa, Carlotta Francia, Icon Uk), che pur presentando un ottimo video non riportano la traccia audio italiana.
    Ultima modifica: 28/09/18 14:27 da Zender