Sfera - Sphere

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Sphere
Anno: 1998
Genere: fantascienza (colore)
Note: tratto da un romanzo di Michael Crichton
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Francamente non ne sentivamo davvero bisogno, dell'ennesima riproposizione di ALIEN, ancora una volta trasportata di forza (come già era stato fatto all'epoca del “boom” per LEVIATHAN, THE ABYSS e le varie “cose” degli abissi) a chilometri di profondità. Specialmente se la storia si avvicina moltissimo al contemporaneo PUNTO DI NON RITORNO. Dispiace vedere il best-seller man Michael Crichton coinvolto in una simile operazione di ricalco. Ma la colpa...Leggi tutto della mediocre riuscita di un film che sembrava promettere molto va attribuita in gran parte al regista Barry Levinson, sopravvalutato autore di molti successi “da cassetta” che se nell’ottimo RAIN MAN aveva già saputo dirigere alla grande Dustin Hoffman, altre volte aveva decisamente toppato. La colpa di Levinson è quella di non sapersi mai decidere: non vorrebbe scendere ai presunti bassi livelli di INDEPENDENCE DAY (che in ogni caso resta un capolavoro, nel suo genere) ma non sa staccarsi dalle banalità più trite, finendo per rendersi responsabile di uno squallido ibrido: effetti speciali comprati al supermarket, già preconfezionati; sceneggiatura standardizzata all'inverosimile con rari sprazzi d’ironia (ma il merito è soprattutto di Dustin Hoffman) come nel bel siparietto della camera ad elio in cui il gruppo di protagonisti si ritrova con voci femminili scambiandosi simpatici insulti; cinepresa che balla sempre nei soliti momenti... E non dimentichiamo il ridicolo finale, concettualmente simile a quello assolvi-errori del recente THE GAME. Peccato, perché a una prima fase di attesa aveva fatto seguito una parte centrale interessante (specialmente al momento dell'esplorazione della gigantesca astronave). Il voler poi a ogni costo passare dalla fantascienza all’horror ha rovinato tutto. Se in alcuni momenti ci si spaventa, inoltre, il merito non è tanto del film quanto delle splendide ed elettrizzanti musiche di Elliot Goldenthal che, se ascoltate al volume giusto, potrebbero far saltare dalla sedia chiunque. Nel cast ognuno fa onestamente il proprio mestiere, pur senza brillare particolarmente. Piace l'idea della sfera gigante in simil-mercurio, ma se ci si sofferma ad analizzarne le peculiarità ci si accorge che la sua forma più giusta dovrebbe essere quella di una lampada, da strofinare ben bene... Le influenze di Crichton sono la fantascienza più classica, segnatamente IL PIANETA PROIBITO, ma tentare di riadattarla ai gusti moderni in modo così dozzinale non è la soluzione giusta per omaggiarla. Ah un'altra cosa: il fattore temporale è meno importante di quanto si creda e si risolve nella prima mezz'ora.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 29/11/07 06:08 - 11305 commenti

I gusti di Galbo

Sfera è un film girato con parecchie ambizioni: l'impiego di un bravo (anche se non troppo personale) regista come Barry Levison ed una trama che rimanda a produzioni fantascientifiche sopra la media dei film del genere; infine il cast che mette insieme nomi illustri come Hoffman, SL Jackson e la Stone. Nonostante queste premesse il risultato è deludente. La sceneggiatura è macchinosa e troppo piena di citazioni (o plagi?) ai vari Kubrick, Scott, Cameron e quant'altro; la regia parecchio piatta ed anche gli attori sembrano spaesati.

Undying 1/12/07 02:14 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Sfera è ispirato da un romanzo di Michael Crichton, prolifico scrittore (e regista) di fantascienza. Le buone premesse, garantite dal testo di partenza, dal cast (Dustin Hoffman e Sharon Stone sono della partita) e dal budget messo a disposizione dalla produzione c'erano tutte. Ma inspiegabilmente la visione del film ingenera solo noia, sorretta da quella fastidiosa sensazione che va sotto il nome di "déjà vu", a causa -con probabilità tutt'altro che peregrina - delle simili (e numerose) produzioni contemporanee.

Pigro 9/11/08 10:25 - 7695 commenti

I gusti di Pigro

Task force di scienziati scopre un'astronave con un'enorme sfera in fondo al mare, ma presto si verificano incredibili incidenti. La cosa più eclatante è l'improbabilità di Dustin Hoffman in un contesto di fantascienza. Detto questo, l'ambizione del film (l'idea è comunque intirgante) non trova riscontro nel risultato: troppe lacune e incongruenze, troppe chiacchiere dove servirebbe azione e troppa azione senza pathos. Perdibile.

Ciavazzaro 14/02/09 15:05 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Altro film di fantascienza che mi è piaciuto molto poco. Il cast non si impegna in modo soddisfacente: discreto Dustin Hoffman, abbastanza bravo Samuel L. Jackson, sottotono Sharon Stone. Il film non riesce a dare molto: la sceneggiatura è abbastanza confusa, con molti punti morti. Evitabile.

Enricottta 3/09/09 17:22 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Chi legge un libro in genere non si fa grandi illusioni sul risultato di una trasposizione in pellicola, ma il minimo aziendale andrebbe garantito. "Sfera" è brutto pretestuoso, poco avvincente e non riesce a impiegare bene il sontuoso cast. Tutti bocciati. Mai deludere un lettore!

Daniela 21/10/09 16:53 - 9067 commenti

I gusti di Daniela

Le ambizioni di partenza non erano infondate: ispirato ad un romanzo di Crichton, produzione ricca, cast importante, trama complessa, si poteva sperare, se non in un capolavoro, almeno in un film discreto. Invece il ritmo è carente, fra le troppe chiacchere si insinua la noia, gli interpreti sembrano poco convinti (Hoffman in particolare, pur offrendo una prestazione professionale, sembra proprio fuori posto in un contesto fantascientifico) ed il poco di buono sa di scopiazzato da pellicole migliori. Non brutto ma deludente.

Puppigallo 22/10/09 14:55 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Non c'è niente di veramente nuovo in questa pellicola; e quando si attinge un po' troppo, consapevolmente o no, ad altri film, la cosa non va bene. La voce dalla sfera ricorda parecchio Hal 9000 e Jackson che sogna, causando disastri al resto dell'equipaggio porta subito alla mente lo scienziato de Il pianeta proibito, alle prese coi mostri dell'Id. A completare l'opera ci pensa poi l'ambientazione alla The Abyss. Gli attori se la cavano dignitosamente, ma a parte un iniziale interesse per la vicenda, dato da un certo alone di mistero, poco per volta si inizia a sbuffare. Vedibile e nulla più.
MEMORABILE: Come la sfera ha imparato l'alfabeto; La pioggia di uova di calamaro; In fuga, ma in realtà, sempre fermi.

Gestarsh99 14/12/10 00:55 - 1308 commenti

I gusti di Gestarsh99

Levinson, nella sua pellicola tratta da Crichton, rielabora e rende più commercialmente appetibili, semplificandole, molte delle intuizioni sbalorditive e delle profondissime riflessioni contenute in tre capolavori della fantascienza come l'ineguagliato 2001: Odissea nello spazio e le due pietre miliari tarkovskiane Solaris (1972) e Stalker (1979). I temi sono quelli più ostici ma anche più affascinanti: la coscienza umana, il dubbio, il subconscio, le psicosi da isolamento prolungato, il ruolo delle macchine ed il rapporto paradossale che esse avranno in futuro con l'uomo. Il risultato finale però è troppo altalenante.
MEMORABILE: La fobia di Samuel Jackson per i calamari...

Saintgifts 15/11/13 00:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Sfera è un brutto film. Ambizioso, ma realizzato veramente male. Qualche incongruenza è sopportabile in film di questo genere, ma qui si esagera e si esagera alla grande, fino a cadere nel ridicolo. Le contorsioni mentali per cercare di seguire quel poco di plausibile (fantascientificamente parlando) che c'è è la fatica minore. La sceneggiatura sembra fatta giorno per giorno, ogni volta aggiungendo un pezzo completamente scollegato con il resto, costringendo gli attori ad azioni e dialoghi sconclusionati. Salverei solo la bellezza della Stone.

Nancy 4/12/13 00:50 - 771 commenti

I gusti di Nancy

In un sottomarino isolato da una tempesta, con una sfera (monolito?) nelle vicinanze, un gruppo di scienziati giocherà alla carneficina: contro gli alieni o contro se stessi? È qui che Levinson non convince, dà dei preludi interessanti al film senza poi svilupparli a pieno se non nel finale (pure questo però poco approfondito). L'azione è mediocre ma il ritmo tiene bene anche grazie al grande cast impiegato (Hoffman, Lee Jackson, Stone) e ad alcuni episodi abbastanza raccapriccianti (quello delle meduse soprattutto). Poteva dire molto di più.

Taxius 12/11/15 21:13 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Poco riuscito film di fantascienza giustamente finito nel dimenticatoio. Purtroppo non funziona assolutamente nulla: la trama è confusionaria e zeppa di buchi e ci sono troppi dialoghi (i protagonisti non stanno zitti un secondo); pessima anche la prova degli attori, con un Dustin Hoffman insopportabile e poco ispirato (probabilmente per una parte che poco gli si addice) e un Jackson imbalsamato, per non parlare della Stone... Da dimenticare il finale.

Furetto60 11/11/15 10:28 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Fantascientifico piuttosto claustrofobico che si regge sulla tensione creata dai dialoghi più che sull’azione. Le interpretazioni del trio di protagonisti principali è notevole e anche gli effetti speciali non sono da meno. Però, sarà per quella sfera che ricorda il monolite di 2001, sarà per una certa ripetitività degli eventi, nella parte centrale rallenta. Il finale è niente male.

Zutnas 16/11/15 20:50 - 85 commenti

I gusti di Zutnas

Gruppo di primo contatto dal cachet spropositato alle prese con un'entità aliena senziente a migliaia di metri di profondità. Strano film che cerca di unire fantascienza, thriller, horror e psicologia ma rimane vago su tutti i fronti, creando una suspense che non trova sfogo e lasciandoci un senso di incompiuto. Peccato perché l'avvio sembra interessante. Da ricordare solo per alcuni dialoghi riusciti.

Rambo90 24/01/16 23:16 - 6267 commenti

I gusti di Rambo90

Non male, ma visto il materiale a disposizione poteva essere decisamente meglio. Levinson sembra poco a suo agio nel dirigere i momenti più concitati, tanto che le sequenze che dovrebbero creare inquietudine risultano confuse e spesso anche noiose. Molto meglio allora i dialoghi (in particolare quelli con la presunta entità aliena) e i numerosi momenti a la "whodunit" che si innescano tra i personaggi. Bene il cast, con Hoffman sugli scudi e gli altri abbastanza in parte. Vedibile.

Anthonyvm 30/11/19 23:15 - 1671 commenti

I gusti di Anthonyvm

Preso nella sua interezza, "Sfera" pare confuso e piuttosto vacuo. Colpa di una messinscena convenzionale e di uno script caotico che pretende più di quanto possa in effetti dire. Se spezzettato nei singoli elementi che lo compongono, tuttavia, il film trasuda un certo fascino. Ci sono discrete idee di fondo, seppur non nuovissime (impossibile non pensare a 2001, fra misteriosi solidi di origine aliena e minacciose voci artificiali) e certe sequenze orrorifiche rimangono impresse (meduse assassine, calamari giganti, serpenti marini). Godibile.
MEMORABILE: L'attacco delle meduse killer; Il calamaro gigante si avvicina; L'entità autobattezzatasi Jerry si arrabbia; Hoffman assalito dai serpenti marini.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 26/06/09 15:15
    Vice capo scrivano - 5595 interventi
    Andre Braugher venne originariamente scritturato per il ruolo di Harry.
  • Discussione Gestarsh99 • 14/12/10 01:07
    Scrivano - 13730 interventi
    Il TRAILER ORIGINALE
  • Discussione Raremirko • 25/01/15 23:26
    Addetto riparazione hardware - 3440 interventi
    A me ha sempre inquietato parecchio; d'accordissimo sul fatto che sia derivativo, ma varie scene (il mostro marino, la sfera stessa, le meduse, le scenografie, l'inizio, l'atmosfera generale) mi hanno colpito. Per me è tra i migliori lavori del dotato Levinson.