LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 22/03/07 23:43 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Un film crudo, violento e a tratti anche inguardabile per gli argomenti trattati e soprattutto per come vengono rappresentati(coprofagia, omosessualità, sevizie). Il talento visionario e malato di Pasolini si spinge qui fino all'estremo. Un gruppo di giovani uomini e donne viene deportato in una villa lager dove saranno sottomessi ai voleri di quattro aguzzini. Personalmente non lo considero una delle opere migliori del regista, però ammetto che la pellicola ha certamente un suo fascino.

Deepred89 6/06/07 15:18 - 3292 commenti

I gusti di Deepred89

Un film freddo, cinico e nauseabondo. La storia, organizzata in 3 gironi (delle manie, della merda e del sangue) a tratti gira un po' a vuoto e tra le varie perversioni mostrate si rischia di annoiarsi, ma non mancano alcune metafore interessanti. Azzeccati gli attori e buona la colonna sonora. Peccato solo per la totale (almeno per il momento) irreperibilità della versione integrale, con venti minuti in più rispetto alla versione circolante.

Lele Emo 14/06/07 09:01 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Orrendo, grottesco, sudicio, rivoltante. Pasolini regista rischia di essere scambiato per un pervertito malato, più che un grande artista: il film non ha concetto storico, né tantomeno morale; è soltanto proteso ad arrivare in fretta e furia a mostrare le nefandezze per cui è per certi versi divenuto famoso. Niente da dire sul Pasolini poeta, molto sul Pasolini regista.

Il Gobbo 21/07/07 11:59 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Palloso come le opere del Divin Marchese (ma senza il ghigno beffardo e - involontariamente? - comico di queste ultime); schematico, anzi manicheo come la analisi ultime della fase che Nicola Chiaromonte definì "da pedagogo petulante ed equivoco"; macabramente profetico ma a rovescio. Alla fine, tolta la fascinazione exploitation delle scene di tortura (grazie alle quali, come avvenne col Decameron , scaturì un sotto-filone trash), resta solo un senso di squallore.

Undying 30/11/07 01:43 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Se può rendere l'idea di quello che aspetta (previa ingenua curiosità) lo spettatore che si pone di fronte al film per la prima volta, si può solo dire che i figli "illegittimi", coniati dal sotto (sotto) filone degli Eros-Svastika appaiono al confronto di questo gelidissimo (con taglio stilistico ferale e cinico) Salò come pellicole all'acqua di rose. La crudeltà, analizzata in una spazio-tempo che rimanda al percorso -letterale- "dantesco" nei gironi dell'Inferno, non conosce soluzione di continuità e si sviluppa in direzione di un finale agghiacciante.

Buiomega71 2/01/11 19:35 - 2282 commenti

I gusti di Buiomega71

Forse arrivo tardi per commentare questo assoluto capolavoro. Ormai sono stati versati fiumi di inchiostro a riguardo. Ma per me non rappresenta un semplice film: è qualcosa che va oltre, anche dopo 20 visioni, sapendo a memoria ogni movimento di macchina o dialogo. Unico, irripetibile, assoluto e devastante. Ogni volta che lo rivedo è una pugnalata allo stomaco e non solo per la merda e per le torture. Nessuno mai riuscirà ad eguagliare questa summa infernale pasoliniana, quando il cinema va oltre e marchia a fuoco la tua anima. Assoluto.
MEMORABILE: Praticamente tutto il film, ma una frase mi rimbomba nel cervello: "Tutto l'è bello quando l'è eccessivo".

Cotola 29/12/07 19:35 - 7560 commenti

I gusti di Cotola

Ispirandosi, seppure solo parzialmente, all’opera del marchese De Sade, Pasolini compie un viaggio estremo all’interno della parte più buia dell’animo umano, dando così vita ad un film difficile, disturbante e a tratti arduo da sostenere ma, tuttavia, valido sotto ogni punto di vista. Non per tutti i gusti. Le anime sensibili si astengano.

Redeyes 15/01/08 10:40 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Difficile commentare un film come questo che da una parte, per l'opera in sè, è pressochè improponibile per la sua pochezza, dall'altro lato, tuttavia, incarna l'assurdità dell'opera Sadiana, ben più insostenibile alla resa dei conti. Gli attori interpretano in modo eccelso i personaggi del libro pur non trasmettendo, sempre, appieno il marciume e la totale assenza di intelletto e valori, per strano che possa apparire. Estremo. Per veri stomaci forti. 1 pallino per la storia, 5 per la fedeltà al pensiero ergo...

Pigro 27/06/08 09:53 - 7825 commenti

I gusti di Pigro

Tragico affresco allegorico dell’Italia di oggi e delle abiezioni del nuovo fascismo (rievocato dal vecchio fascismo e dalle “120 giornate di Sodoma” di Sade) che impone l’omologazione e annienta chi si oppone o chi è diverso. Immagini crude e violente per una sorta di sacra rappresentazione a rovescio che compone quel rebus che è il testamento di Pasolini.

Matalo! 14/07/08 11:58 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

La differenza tra Pasolini e Sade è che Pasolini fa un'opera morale e Sade no. Ed è una differenza enorme e quindi l'opera del Marchese è solo un pretesto per descrivere con puntualità morbosa e un'indignazione non priva di connivenza il ribaltamento della logica dell'amore da parte di quattro fetidi potentati. Salò è anche la summa di tanto cinema delle crudeltà degli anni settanta che sicuramente il regista conosceva. Un film indimenticabile sebbene non sempre ben fatto e davvero spaventoso. Il finale, che nel testo non c'è, apre alla speranza.
MEMORABILE: Il banchetto di feci.

Maineng 31/07/08 18:17 - 100 commenti

I gusti di Maineng

Ad essere onesti é un film che non mi é piaciuto tanto. Il linguaggio, spesso ermetico, del regista, in questo caso diventa estremo nei contenuti profondi e, in maniera molto gratuita, spesso nelle scene. Certo Pasolini voleva dare un messaggio chiaro e forte seguendo il suo stile cinematografico e questo merita l'elogio anche se una certa violenza psicologica rende il film, a volte, irritante. Elsa De Giorgi, attrice con esperienze drammatiche durante il Ventennio, è in splendida forma in questo film! L'aspetto da libertini azzeccatissimo per i protagonisti.
MEMORABILE: Le mutilazioni procurate dagli inservienti dei libertini ai fanciulli... scena di forte impatto!

Herrkinski 6/08/08 18:28 - 5205 commenti

I gusti di Herrkinski

Assolutamnte rivoltante e di una violenza psicologica e visiva totale, l'ultima opera pasoliniana è un film che ancora oggi riesce a suscitare emozioni forti e un senso di disagio assoluto nello spettatore. Spaventoso più di qualunque film horror, "Salò" offre una neanche tanto sottile critica politica ma soprattutto una truce riproposizione dell'immaginario "sadico", tanto da risultare (specialmente nel finale) quasi uno pseudo-snuff. Qualunque cosa è spiacevole in questo film e mostrata senza veli. Un pugno nello stomaco di rara violenza.
MEMORABILE: "Non riesco a mangiare il riso"; "E allora mangia la merda!".

Renato 21/09/08 17:45 - 1580 commenti

I gusti di Renato

Difficile persino da commentare. Un film che mostra una rappresentazione della violenza e delle umiliazioni inferte alle vittime quasi insostenibile, soprattutto in certe sequenze presenti già nei primissimi minuti. Pasolini forse ha tradito lo spirito Sadiano come hanno scritto in moltissimi (non avendo mai letto de Sade non lo metto in dubbio), certo è che - filosofia e politica a parte - ha filmato uno dei limiti estremi del rappresentabile su grande schermo. Non per tutti, comunque.

Piffetti74 20/10/08 23:14 - 8 commenti

I gusti di Piffetti74

Un documento straordinario e coraggioso; di grande impatto ha il pregio (e inevitabilmente per i più il difetto) di non offrire punti di sfogo alle sequenze isesauribili di violenza fisica e psicologica. Realizzata, per quanto sia possibile, con grande lucidità e diretta in modo ineccepibile, ho sempre apprezzato questa pellicola alla stregua di un grande capolavoro, giudicandola liberamente sgombra da pregiudizi o inutili affettazioni intellettualistiche.

Lovejoy 22/10/08 16:39 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Rivoltante come pochi altri; una pellicola che lascia più sconcertati che ammirati. La storia non è altro che un bieco pretesto per infilare una dietro l'altra allucinanti sequenze di morte e quant'altro. Pasolini in passato ha fatto di gran lunga meglio. Qui, al suo ultimo film, ha preso una strada decisamente sconveniente. No comment sul cast, che si è prestato ad una cosa simile.

Straffuori 19/02/09 14:01 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Film eccessivo, questo di PPP, con una colonna sonora che rimane in mente e una serie di attori assolutamente perfetti nella parte: su tutti i 4 "carnefici" tra i quali, oltre a un giovane Bonacelli, ad Uberto P. Quintavalle e Giorgio Cataldi, svetta un agghiacciante dall'inizio alla fine Aldo Valletti, capace di sguardi ed espressioni malate e disturbanti come non mai. Malati sono anche gli sguardi dei protagonisti. Efferatezze e violenze gratuite. Disturbanti le scene del "Girone della Merda".

Barbapapà 18/05/09 17:47 - 33 commenti

I gusti di Barbapapà

Discusso, travagliato, censurato parto finale del regista di Accattone; è evidente la metafora disperata che usa come alibi il testo di Sade per sottolineare gli orrori di qualunque dittatura. Ciò che suscita interesse è l'attenzione verso il corpo e come esso venga calpestato, pervertito, cosificato. Ma tutto ciò è servito con una rozzezza registica che ricorda certi esiti deleteri di cinema violento dell'epoca. Non credo di dire bestialità pensando che Pasolini guardasse dentro se stesso riguardo la perversità.

Harrys 8/07/09 14:38 - 682 commenti

I gusti di Harrys

Gran bel film, che tocca non di rado vette nauseanti (la merda e le continue imposizioni: devastanti psicologicamente); girata divinamente tutta la parte finale, con la mdp posizionata dietro le grate e in generale, tutte le sequenze in "aula magna". Sceneggiatura splendida, anche se potevano essere evitati taluni sottotesti politici eccesivamente espliciti (la cameriera...). Ottima la colonna sonora. Avrei voluto che continuasse ancora per molto, per vedere fino a che punto si sarebbero spinte le perversioni... ****1/2

Saintgifts 4/08/09 22:12 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Lascio da parte le tendenze sessuali del regista, lascio da parte i riferimenti e i momenti politici dell'ambientazione e voglio giudicare il film solo per quello che è come opera. Il film è brutto, ma non perché tratta cose brutte e perversioni purtroppo umane e simili a tutte, o quasi, le latitudini e sotto tutti i poteri, ma perché non offre niente che possa essere preso come insegnamento, divertimento o riflessione, ma solo la volontà di mostrare estreme depravazioni. Solo per criminologi.

Enricottta 22/08/09 14:05 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Il carattere di Pasolini era conosciuto, le inclinazioni dei suoi detrattori un po' meno. Se Pasolini si esponeva gli "altri" non facevano altro che aspettare, (il prossimo errore, la prossima caduta di stile). Il film fa schifo, ma per ragioni completamente differenti dal pensar comune. Il film è un intreccio di idee che non vengono mai districate, inquadrature sbagliate; forse la censura ha tagliato troppo e si è perso un filo logico che già latitava. il j'accuse era nell'aria e Pasolini è caduto nel tranello di un film eccessivo.

Pinhead80 21/09/09 19:25 - 3969 commenti

I gusti di Pinhead80

Questo film di Pier Paolo Pasolini rimarrà bene impresso a tutti coloro che lo guarderanno. Dei giovani vengono rapiti da alcune persone (uomini e donne) e da lì in avanti, per loro, sarà un calvario dopo l'altro fatto di umiliazione e degrado. I vari "gironi" spoglieranno i ragazzi di ogni dignità. Eppure nel film è presente anche la speranza. Non uno dei migliori film di Pasolini, ma sicuramente il più crudo e violento.

Franz 30/05/10 16:58 - 110 commenti

I gusti di Franz

Abbastanza deludente, per me. Non conosco a fondo il cinema pasoliniano, ma mi aspettavo un tocco registico particolare, uno stile, una potenza nel racconto. Certo, la violenza e l'abiezione messe in scena sono aspre, disturbanti, ma la freddezza della mdp è cercata (come a voler costruire una gelida registrazione della perversione del potere) o piuttosto è scarsezza di inventiva? Propenderei per la seconda ipotesi. Attori (anche protagonisti), poi, doppiati male. Quante facce prese dalla strada? Troppe, immagino. Non cinematografico, insomma.
MEMORABILE: L'unica soluzione registica che davvero mi sia piaciuta, è aver messo i 4 "signori" a vedere attraverso un binocolo le violenze finali.

Funesto 19/10/09 01:23 - 525 commenti

I gusti di Funesto

"Nichilismo puro" sarebbe la categoria corretta. Non esiste Dio, non esiste giustizia, non esiste salvezza. Tutto è così malato, pervaso solo da una vena cinica buona solo a giustificare le lucide efferatezze che si colgono negli occhi di uno sadico Aldo Valletti. Claustrofobico e misogino fino al midollo, è stato un gran pugno allo stomaco anche per me, quattordicenne già fattosi le ossa (!?) con August Underground's Mordum, Scrapbook, Faces of Death e tanto altro. Sconcertante, insostenibile, inqualificabile. Buona la musica di Morricone.
MEMORABILE: La scena di coprofagia e l'orgia finale.

Trivex 12/12/09 14:31 - 1497 commenti

I gusti di Trivex

Siamo di fronte ad una pellicola estrema, senza nessuna maschera pseudoculturale che possa approcciare ad un giustificativo autoriale. Anche in questo caso, chissà, mi sfuggono taluni contenuti profondi, ma forse il regista ha soltanto uno spessore culturale inferiore alle valutazioni ufficiali. La visione sconcerta oltremisura, perché non è solo la violenza ad essere rappresentata, bensì essa è propedeutica alla dimensione ulteriore che porta lo spettatore ad essere disturbato. Ma le immagini, per quanto d'impressione, a volte portano solo tanta nausea.

Greymouser 5/05/10 18:31 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Ho grande rispetto per l'impegno civile e l'anticonformismo che Pasolini ha portato avanti nella sua vita; anche per le sue prove letterarie. Ma il Pasolini regista non mi entusiasma. Nel suo film più "maledetto" egli replica la puerilità e la noia che connaturano le opere di De Sade, scrittore mediocre e monotono esaltato molto oltre i suoi meriti solo per essere un perseguitato dal potere. I bambini, per sentirsi "grandi" e ribelli, dicono le parolacce: a volte i registi, per sentirsi "tosti", girano film su gente che mangia escrementi.

Giacomovie 5/02/10 01:57 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Suddiviso in quattro capitoli di richiamo dantesco, è un film la cui difficoltà di assimilazione trova una contropartita nel tentativo di analisi delle peggiori inclinazioni umane. Anche se esposto con apparente distacco dalla materia, la complessità dei rimandi metaforici a cui alludono le perversioni e il cattivo gusto mostrato, testimoniano l'intimo coinvolgimento del regista con tematiche come il sesso, la morte e soprattutto il potere, le cui manie sfociano o nel sangue o nella merda (richiamati nel titolo dei due ultimi capitoli). **!

Nando 5/05/10 15:44 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Analisi cruda e violenta sulla vita e la morte, narrata con lo stile che contraddistingue da sempre Pasolini. Atmosfera gelida e surreale che emerge durante gli sviluppi della trama. La visione suscita, in alcuni frangenti, una profonda repulsione ma il genio di Pasolini sta proprio in questo; raccontare in maniera metaforica l'annichilimento dell'uomo davanti alla sopraffazione ed alla dittatura. Commento musicale tendente al sadismo.

Stefania 27/05/10 06:06 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Non amo molto il cinema di Pasolini, ma questo film lo trovo bellissimo. Non potevano essere resi con un linguaggio più esatto la coazione a ripetere di una sessualità deviata nei cerchi concentrici di un macabro gioco al rilancio, e il servo arbitrio di un potere che schiaccia i deboli, eppure è soggetto alla tirannia di ossessioni sodomitiche, onanistiche e necrofile, negazioni della natura e della vita. L'anarchia di un'oligarchia che cancella religione e morale celebra il trionfo della morte, invocata dalle vittime, incombente sui carnefici.
MEMORABILE: Il duca che cita Klossowski:"Nonostante il nostro illimitato arbitrio, il nostro godimento è subordinato a un gesto unico". Le danze finali.

Markus 6/05/10 12:18 - 3310 commenti

I gusti di Markus

Ai più sembrerà tedioso, in realtà è un film straordinario, forse - parere personale - il più bello di Pasolini, che con questa pellicola inconsapevolmente e tragicamente firmerà il suo congedo. Di Salò è ormai noto il suo reale significato, ma personalmente colsi dell’attualità nel periodo in cui fu girato: a quel tempo ci fu un’escalation di violenza e dittature sanguinarie nel mondo. La villa-lager di Salò (che in realtà è Bologna) come il centro di tortura “Villa Grimaldi” a Santiago Del Cile.

Luchi78 23/06/10 16:19 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

La scala dei valori dei film di Pasolini segue logiche completamente diverse rispetto al 99% delle opere che vediamo quotidianamente. Se parliamo di significati apriamo un dibattito su di un film che si incentra su sesso/depravazione e su come si possono interpretare le immagini shock del film nella società moderna. Da un punto di vista prettamente cinematografico non mi pare una prova di regia eccelsa, se non altro per la semplicità del tema e dell'ambientazione.

Satyricon 30/08/10 14:33 - 147 commenti

I gusti di Satyricon

Ultima opera di un personaggio eticamente e sociologicamente scomodo, un attivista politico ed ideologico anticapitalista che, in questo film, più che in ogni altra sua opera, impone in maniera compulsiva il riassunto delle sue ideologie. Prende ad esempio un'opera controversa come quella di De Sade e se la fa propria per manifestare tutta la sua rabbia e repressione. Profondamente antidogmatico, non sempre riesce a far riflettere, soprattutto con questo film dichiaratamente provocatorio.

Aal 31/08/10 11:58 - 322 commenti

I gusti di Aal

Film esagerato, disturbante come nessun altro fino ad allora. Difficile anche da commentare per la fatica di offrirne un giudizio obbiettivo. La metafora del potere non brilla certo per originalità ma l'abisso di perversione contenutovi è terribile perché non c'è gioco, non c'è nessun messaggio meta-filmico ma solo la volontà di rappresentare il lato più terrificante dell'uomo, dove il piacere è prevaricazione ed il sesso sottomissione. Pasolini è comunque un autore sopravvalutato e questo film non fa eccezione.

Capannelle 7/10/10 10:52 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Un buon film per la personalità e il coraggio adottati da Pasolini ma non memorabile perché è ripetitivo nelle scene e distaccato al punto tale da rendere difficile identificarsi con le vittime. Efficace e spietato nel descrivere la depravazione di un potere sganciato da ogni contegno (tra banchetti, travestimenti e sodomie) e che gode soprattutto nell'assistere alle violenze inferte dai suoi scagnozzi con l'ausilio delle classiche megere di palazzo. Nel cast bravi Bonacelli e Valletti.

Von Leppe 9/10/10 10:10 - 1032 commenti

I gusti di Von Leppe

Pasolini si ispira al romanzo incompiuto del divin marchese De Sade, ma il film al contrario risulta freddo: le narratrici eleganti, i corpi nudi dei giovani nelle stanze spoglie; pure l'ambientazione libertina francese (surreale e gotica) cambia per il fascismo italiano (e c'è di mezzo la politica). Il film forse vuole mettere in evidenza il fatto che i veri anarchici sono i potenti, mi sembra poi che non voglia creare un leggero eccitamento sessuale nello spettatore come può capitare nei nazimovie, ma rendere il sesso disgustoso.
MEMORABILE: Mangia la merda!

Macguffin 14/01/11 15:57 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Pasolini critica ferocemente il Potere della società dei consumi. Da un lato, nella finzione filmica (con inquadrature efficaci per la loro fredda simmetria, per l'uso di simboli e per la condivisione del punto di vista con lo spettatore), lo critica in quanto capace di ogni arbitrio e di annientare/massificare la gioventù (che peraltro non sa ribellarsi). Dall'altro lato spinge volutamente sul pedale dell'efferatezza per realizzare un (non) prodotto indigesto al Potere in quanto fuori dalle regole prestabilite dal Potere stesso.
MEMORABILE: Il finale, che contiene (forse, ci sarebbe da discuterne...) un germoglio di speranza.

Mdmaster 26/09/11 09:09 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Involontario testamento di Pasolini e definitiva condanna di una società italiana ove "l'uguaglianza non è stata conquistata, ma falsamente ricevuta in regalo". Ambienti spogli, alternati ad altri pieni di mobili strepitosi, ove la violenza e l'umiliazione si consumano continuamente, accompagnati da tetri racconti sessuali. Difficile guardare senza avere una reazione, ma altrettanto complicato è capire come reagire. Vergogna, curiosità, smarrimento, confusione. Non immagino dove avrebbe mai potuto portare la trilogia della morte...
MEMORABILE: L'uccisione del ragazzo con il pugno chiuso; La "sposa" con le macchie di escremento sulla fronte.

Moro 7/02/12 09:04 - 36 commenti

I gusti di Moro

Inaccettabile atto di scellerato autolesionismo artistico da parte di un poeta, che anche e soprattutto coi film, ha sempre lottato contro gli scempi della società omologata, neocapitalistica, con le sole "armi della poesia". In questo film, invece, in cui gli intenti allegorici finiscono per essere annientati da un criterio analogico di rappresentare l’orrore, trionfa solo la rabbiosa voglia del regista di uccidere il bambino con l'acqua sporca. Un atto di frustrazione cieca. Imperdonabile.

Ryo 28/02/12 17:02 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Non so se definirlo geniale o sconcertante. Ciò che è certo è che è un film dai toni fortissimi e dalle numerose scene cruente, che assicura una bella boccata d'ossigeno, appena terminata la visione. Tantissime le sequenze lavorate e studiate a puntino con coreografie di movimenti maniacali. Il tema principale, la violenza, viene vissuta quasi in prima persona, rendendoci partecipe di un mondo malato in cui i signori protagonisti (senz'altro pensando di non aver più nulla da perdere) vi si rinchiudono per dare sfogo a perversioni allucinanti.
MEMORABILE: La scena di coprofagia.

Smoker85 3/03/12 11:54 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Pasolini inscena una brutale apoteosi dell'eccesso, della più bieca perversione, della sopraffazione, dell'amoralità. Una sorta di Decamerone al contrario, dove fuori la pestilenza del regime viene combattuta (anche se non è interesse del film mostrare la Resistenza) e dentro le mura della villa dilaga e straripa. Le scene di sesso non hanno nulla di erotico, sono solo una delle dimostrazioni della negazione della libertà, come la costrizione a mangiare escrementi, il divieto della preghiera... Per stomaci forti.
MEMORABILE: Dio! Perchè chi hai abbandonati?; Il giovane che muore alzando il pugno chiuso; Il finto tentativo di uccidere il vincitore della gara dei sederi.

Fauno 21/03/12 10:44 - 1928 commenti

I gusti di Fauno

Indubbio da un lato il valore dell'opera e anche troppo evidente il pensiero di Pasolini riguardo al potere e a chi lo detiene, ma l'impatto più deflagrante lo danno le narratrici con il loro atteggiarsi di parvenza angelica, che non nasconde però un sadismo infinito. Certo che la coprofagia e l'ossessione di questi escrementi in ogni forma e in ogni dove oltraggia qualsiasi stomaco... Chi interrompe la visione va solo capito, perché il classico treno di antiemetici dell'ispettore Bloch stavolta non basta...

Mickes2 3/04/12 10:40 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Disturbante e opprimente carro allegorico che, alternando velenose parentesi umoristiche a squarci visivi vomitevoli, si addentra nella psiche dell’essere umano sviscerandone le perversioni più agghiaccianti, i ricordi più macabri, le pulsioni più angosciose, riecheggiando vecchi ideali fascisti in cui chi è diverso deve soccombere. Opera che mette in primo piano l’alienata mentalità di un’era passata rapportandola al presente. Si rimane ipnotizzati dalla sua audacia, straniti dall'ostentata freddezza con cui si dipanano gli avvenimenti. Raccapricciante.
MEMORABILE: Il girone della merda.

Bullseye 21/02/13 11:50 - 24 commenti

I gusti di Bullseye

Punto di non ritorno del cinema mondiale e allegoria estremamente morale della società italiana sommersa da orrori: il consumismo sfrenato e alienante, la falsa libertà sessuale ostentata che nasconde in realtà repressione e vergogna, il fascismo che non è mai morto ma si è semplicemente dato una ripulita, l'odio e la repressione nei confronti dei diversi di ogni tipo. Salò è ambientato nel 1944, ma parla dell'Italia degli anni Settanta e di quella, ancora peggiore, che verrà. Pasolini, comunque, aveva già tristemente intuito tutto. Capolavoro.

Werebadger 11/03/13 19:49 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Pasolini termina prematuramente la sua discussa carriera e lo fa con questa ferocissima metafora sul potere e sull'oppressione del debole, mutuata da un celebre scritto di DeSade. Tanto disgusto e tanta rabbia nell'assistere a questa immotivata sequela di sevizie e perversioni (nonostante qualche sprazzo di humour nero). I quattro signori e le loro relative complici sono tutti odiosi all'inverosimile (il peggiore è probabilmente Valletti). Un'allegoria della dittatura crudele e disturbante, un cazzotto allo stomaco che non lascia indifferenti.
MEMORABILE: Il banchetto di feci; Una delle ragazze immerse nel mastello di escrementi, chiede a Dio perchè li ha abbandonati; I rivoltanti racconti delle signore.

Paulaster 22/10/13 10:23 - 2825 commenti

I gusti di Paulaster

Volendo escludere la componente tecnica del girare, che trovo modesta, l’interesse è per i contenuti. Film politico che tratta a grana grossa la tematica antifascista: gli abusi ideologici, la cattività, le leggi razziali, il disegno di un piano folle. Il sesso come volano per intimorire, governare e sottomettere; un’allegoria del coraggio di Pasolini di mettere in scena argomenti tabù per il periodo. Azioni disturbanti ma traboccanti profane finezze letterarie sotto il mantello della religione che benedice e protegge.
MEMORABILE: I ragazzi al guinzaglio.

Neapolis 4/04/16 22:08 - 175 commenti

I gusti di Neapolis

Nell'incipit dell'intervista iniziale Pasolini afferma che la vera libertà è quella che si conquista e non quella che ti viene concessa. Ma ovviamente è un falso ideologico perchè lui sa bene che la libertà è riuscito a conquistarla, l'ha espressa ed è arrivata fino ad a noi. Quindi a mio avviso il film si pone come unico scopo di rompere certi tabù rappresentando riti sessuali e torture che erano e sono fuori della morale corrente (perché per Pasolini in fondo la dissacrazione è tutto).

Schramm 25/05/16 13:10 - 2417 commenti

I gusti di Schramm

Polarizzando la trilogia della vita, Pasolini trasla il sussiego antropo(a)gonico in una sindrome cinese filmica dove la cultura del negativo trova letterale traduzione trasfusione ed esaltazione nell’annichilimento cosmico che ha il suo eresiarca nel potere, vis(su)to come fase anale e caparra di presta e certa morte di tutto. Lo sguardo è artico ma salsedinoso, l’idea dominante di un senectus mundi oltre il quale c’è il nulla si coniuga con l’emiparesi filmica, dove se qualcosa si muove è per corrompersi e decedere. Un’impietosa alfa privativa sulla consumabilità seriale di arte e corpo.
MEMORABILE: Girone della merda e del sangue: tremano i polsi all’idea di cosa avrebbe tirato fuori Pasolini nel film successivo.

Lythops 13/02/17 16:48 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Tecnicamente un capolavoro ma che, come tutti i film di Pasolini, va condiviso: bisogna amare gli attori non professionisti e soprattutto i baratri proposti. Occorre sopportare forzature e distorsioni, reggere la fisolofia dell'annientamento di cui è intriso, "recepirne" simbolismi spesso banali. Ma anche inchinarsi alla fotografia di un Delli Colli immenso e a un Ferretti minimale ma totale. Non è un film che mi ha coinvolto, anzi, ci sono voluti diversi tentativi per giungere alla fine. La volontà di stroncarlo è tanta, ma è impossibile.

Marcolino1 7/03/17 19:54 - 505 commenti

I gusti di Marcolino1

L'"Ecole du libertinage" qui è opera di geniale sintesi filmica. Al concetto di libertinaggio totalitario fascista e non come libertà universale e democratica nella sregolatezza si aggiunge il consumismo annientatore del corpo fino al laidume dell'escremento, anch'esso riciclato. Sublimi i carnefici e le vittime, "divorate" dai libertini con la "fame di corpi senz'anima", come scrisse lo stesso regista in "supplica a mia madre" e invocanti misericordia immersi nelle loro stesse deiezioni prodotte dalla grottesca catena alimentare degli eccessi.
MEMORABILE: "Mangia"!; L'agghiacciante barzelletta di Perotto; "Vorremmo ucciderti mille volte!" (ovvero l'utopia del libertinaggio); La lezione di onanismo.

Joker1926 25/03/17 17:10 - 8 commenti

I gusti di Joker1926

Il Pasolini regista è stato un qualcosa di estremo. Duro e unilaterale, la chiave di lettura, con "Salò o le 120 giornate di sodoma", si schianta in un circuito chiuso, fra cose incredibili e situazioni malate. Non esiste una trama; il tutto si ferma alla stazione del simbolo. Simbolo che richiama dettami e credi politici di Pasolini, che non accettano e non tollerano sfumature tiepide. "Salò" è un festival di violenza primordiale con filosofie fin troppo esaltate e poco realistiche. Resta un'opera cristallizzata in un credo discutibile.

Bubobubo 13/08/18 14:12 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

Sul pomo della discordia per eccellenza della fiorente stagione del cinema politico italiano degli Anni Settanta si è detto tutto e il contrario di tutto, forse troppo, tanto che giudicarlo per ciò che davvero è non è semplice. Senz'altro è un lavoro tetro, disperato, punto terminale di un percorso intellettuale estremo: ma è anche, come molte altre pellicole pasoliniane, un film invecchiato male, sia nella costruzione che nella critica metaforica. Ancora oggi disturbanti le sevizie grafiche.
MEMORABILE: Neppure l'immagine votiva della Madonna può nulla contro la legge di Salò.

Minitina80 24/08/18 17:08 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile rapportarsi con un’opera tanto particolare, concepita da un intellettuale complesso come Pasolini. Ad egli va riconosciuta un’audacia espressiva che nessuno in Italia è riuscito a raggiungere. I messaggi vengono veicolati da scene di una ferocia inaudita che spesso distolgono dal significato di cui si fanno carico. Una semplice visione non è sufficiente per carpire quel minimo corredo di nozioni necessarie per contestualizzare e decifrare la violenza estrema, senza restare solo inorriditi. Una sfida da cui è difficile uscire indenni.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 10/06/18 22:34
    Pianificazione e progetti - 22015 interventi
    Difatto era una specie di dialogo messo in bocca ai quattro carnefici per "discolparsi" sulle atrocità che aveva raccontato (almeno così sostiene Quintavalle). Ma si rese conto che, facendoli ridacchiare davanti al cartello di Marzabotto, poteva dare adito che un eccidio avvenuto realmente potesse passare come una cosa da "nulla" davanti a milioni di massacri e genocidi avvenuti nel mondo e attirarsi così ulteriori asti e fomentando odio nei suoi confronti (come ben si sà, proprio in quell'epoca, prima della tragica morte, Pasolini non è che fosse visto benissimo da certe frange intellettuali e non)
    Ultima modifica: 10/06/18 22:36 da Buiomega71
  • Discussione Raremirko • 10/06/18 23:14
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Che poi non c'entrava nulla neanche il boogie woogie imho...
  • Discussione Il Dandi • 12/06/18 15:48
    Contratto a progetto - 1443 interventi
    Il finale col boogie woogie è comunque il più vicino a quello effettivo, dopotutto si chiude con i due marò che ballano.

    Inoltre i "timbri orgiastici dei jukebox" (come li definiva lui) sono una tappezzeria ricorrente nei suoi libri (Una vita violenta) e film (Mamma Roma, Uccellacci e uccellini).
    Ultima modifica: 12/06/18 15:49 da Il Dandi
  • Discussione Buiomega71 • 12/06/18 17:51
    Pianificazione e progetti - 22015 interventi
    Il Dandi ebbe a dire:
    Il finale col boogie woogie è comunque il più vicino a quello effettivo, dopotutto si chiude con i due marò che ballano.

    Inoltre i "timbri orgiastici dei jukebox" (come li definiva lui) sono una tappezzeria ricorrente nei suoi libri (Una vita violenta) e film (Mamma Roma, Uccellacci e uccellini).


    In un certo senso, ma quello che Pasolini aveva in mente ( a sentire Quintavalle) era una " cagnara" metacinematografica non dissimile dal finale della MONTAGNA SACRA o più indietro a quello baviano dei TRE VOLTI DELLA PAURA ( aggiungo con arroganza io), che, comunque, aveva in nuce qualcosa di grottesco e spiazzante, ma troppo ardito per non cadere nel ridicolo ( anche se leggerne senza poter vedere l' effetto che ne avrebbe tratto in immagini e tutt'altra cosa)

    Personalmente trovo quello di " Marzabotto " il più riuscito ( almeno sulla carta) anche di quello effettivo
    Ultima modifica: 12/06/18 18:04 da Buiomega71
  • Discussione Il Dandi • 12/06/18 17:59
    Contratto a progetto - 1443 interventi
    Anche quello con le bandiere rosse comunque è ricorrente del suo immaginario: si ritrova simile nell'appendice alla raccolta di poesie "La religione del mio tempo" e nel finale della tragedia "Calderon", al punto che sebbene non l'abbia girato mi sembra addirittura di averlo visto :)
  • Discussione Raremirko • 12/06/18 20:12
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Ma il boogie woogie avrebbe messo in ridicolo tutto dai, smorzando intenti, temi e simbologie...
  • Curiosità Buiomega71 • 13/06/18 22:38
    Pianificazione e progetti - 22015 interventi
    * Secondo l'assistente alla regia Fiorella Infascelli il clima sul set era angoscioso e opprimente e fu lei ad assistere le ragazze durante le scene più "forti": essendo una donna avrebbe "attenuato" la durezza delle riprese. Sul set si respirava un'aria "malsana", che Pasolini (e Bonacelli) stemperavano con ironia e il sorriso sulle labbra (per Bonacelli, alla fine, era soltanto un gioco). La Infascelli stette male due volte durante le riprese: una nella scena delle vittime a quattro zampe che si feriscono (buttando sangue dalla bocca) con i chiodi messi nel "mangime" (dove una ragazza si ferì veramente), l'altra nella scena del reclutamento delle ragazze. Durante le scene delle torture Pasolini era agitato, quasi sofferente, non riuscendo a tranquilizzare gli attori (ma soprattutto se stesso) e finito di girare correva in bagno accusando forti mal di stomaco. Secondo la Infascelli fu durissimo girare quelle scene raccapriccianti. Anche se Pasolini cercava (come poteva) di mantenere una certa freddezza, finite le scene dava delle occhiate allegre agli attori e alla troupe, cercando di smorzare quell'atmofera pressante e cupa. Pasolini ha girato tutto il film sempre stando in macchina e le scene delle torture le girò utilizzando due macchine da presa. Nella sequenza della tortura con il ferro incandescente contro il seno di una delle vittime, l'attrice "torturata" si ustionò veramente, nonostante le protezioni. Secondo la Infascelli la scena del boogie woogie (che doveva essere uno dei finali del film) è stata effettivamente girata ma, probabilmente, contenuta nei negativi rubati (al contrario di quello che scriveva Quintavalle, a ballare il boogie woogie era tutta la troupre, carnefici e Pasolini compreso) e afferma che suddetta scena non fu mai montata.

    * Secondo una delle attrici "vittime", Antiniska Nemour, Pasolini era riservatissimo e usava questo atteggiamento soprattutto con le vittime (mentre aveva parecchi contatti coi carnefici) per mantenere un certo "distacco", comunicando con loro attraverso i suoi assistenti. Per la Nemour gli attori che impersonavano i marò collaborazionisti dei carnefici si "gasavano" nelle scene delle torture; notava un compiacimento sinistro in loro, mettevano in soggezione le vittime e tutti si erano immedesimati nei loro ruoli assistendo a atti estremi e degradanti (tranne forse Bonacelli che manteneva sempre una sua solarità anche nelle scene più efferate). Secondo la Nemour alcuni ragazzi erano minorenni, ma Bonacelli smentisce. Anche la Nemour conferma che la sequenza del boogie woogie venne girata, e fu l'unico momento di allegria che smorzava la tensione accumulata durante le riprese, dove tutti ballavano e si lasciavano andare. L'attrice (e parecchi attori sul set) furono scioccati e disgustati quando Pasolini li fece camminare a carponi come dei cani legati con un guinzaglio. La Nemour dice che le riprese durarono ben cinque mesi (Quintavalle dice due, da febbraio a aprile 1975).

    * Bonacelli gustò con prelibatezza le feci durante la scena del banchetto (in realtà era cioccolata con i canditi!), risultando ancor più disgustoso sullo schermo. Bonacelli afferma che Pasolini esigeva da tutti gli attori un atteggiamneto mentale abbastanza libero, disponibile all'improvvisazione, all'adattabilità delle situazioni. Tra lui e Pasolini si stabilì un ottimo feeling e gli chiese "aiuto" per migliorare i giovani attori "presi dalla strada" che non riuscivano nemmeno a dire determinate frasi. Bonacelli era l'unico che non si sentiva coinvolto nelle situazioni (anche le più estreme); anzi, pareva divertirsi: per lui (che veniva dal teatro e conosceva il brechtismo) era solo recitare una parte. Bonacelli conferma che nessuno era minorenne sul set (al contrario della Nemour) e che c'era un'imbarazzo generale soprattutto quando erano in scena completamente nudi: qualcuno era più sfacciato, si creavano delle tensioni, dovendo ripetere una scena tre o quattro volte. Ogni qualvolta Bonacelli rivede Salò si commuove: sapeva già dall'inizio di far parte di un progetto importante di un grande autore che sarebbe rimasto per sempre.

    Fonte: Estratto dal libro fotografico Salò: Mistero, crudeltà e follia. Pasolini - Una testimonianza fotografica di Fabian Cevallos. Edizioni "L'erma" di Bretschneider 2005.
  • Homevideo Ruber • 12/10/18 14:56
    Compilatore d’emergenza - 8999 interventi
    Conclusione la versione migliore qual’e? IlBr della bfi??
  • Homevideo Buiomega71 • 20/02/20 11:29
    Pianificazione e progetti - 22015 interventi
    Annunciato il blu ray per la Cecchi Gori.
  • Homevideo Caesars • 24/02/20 11:11
    Scrivano - 11012 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Annunciato il blu ray per la Cecchi Gori.

    per dettagli sull'edizione:
    https://www.cgentertainment.it/film-dvd/salo-e-le-120-giornate-di-sodoma/f60043//