LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/08/07 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 9/08/07 11:30 - 1590 commenti

I gusti di Renato

Bellissimo film a mezza strada tra la commedia sentimentale e il neorealismo (che di fatto anticipò) girato in pieno 1943 in una Roma ancora sconquassata dalla guerra. Con un terzetto di protagonisti di livello, ed una sceneggiatura alla quale collaborò anche un giovanissimo Federico Fellini, è venuta fuori un'autentica chicca, che purtroppo tuttoggi non conosce la popolarità che meriterebbe. Inutile dire che i duetti in romanesco tra Fabrizi e la Magnani sono irresistibili, ma forse il suo meglio Fabrizi lo dà quando recita col piccolo Cristiano Cristiani.

Maineng 28/06/08 14:11 - 100 commenti

I gusti di Maineng

Uno spaccato della Roma popolare con i principali interpreti di questo genere. Il mercato fa da sfondo. Il pescivendolo Aldo Fabrizi s'innamora di una cliente, ragazza madre, ma chi prova lo stesso sentimento per lui é Anna Magnani. Un periodo, quello bellico, cinematograficamente propizio per Fabrizi (L'ultima carrozzella; Avanti c'é posto), che proprio alla fine della guerra sarà uno dei protagonisti di Roma città aperta. Scontato dire che Anna Magnani é superba come sempre nella parte da fruttarola con l'argento vivo addosso. Peppino de Filippo grande!
MEMORABILE: Grande tenerezza per Fabrizi che compra casa per madre e figlio ma, tornato il padre del piccolo, finge di fare il burbero per allontanare il bambino.

Pigro 3/04/09 08:45 - 7904 commenti

I gusti di Pigro

Pescivendolo del mercato, vicino di banco di una fruttivendola, si invaghisce di una signora altolocata. Amara commedia su un'impossibile scalata sociale, in chiave bozzettistico-melodrammatica. Ma a strappare il film dalla macchietta (in cui finirebbe per la patetica storia) ci pensano Aldo Fabrizi e Anna Magnani che infondono una carica e un'umanità "vere", pendant perfetto della "verità" del brulicante mercato di Campo de' Fiori. Ne viene fuori un buon film, votato alla ricerca di un rapporto diretto con la più genuina realtà popolare.

Matalo! 29/03/10 17:03 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

A due anni dal termine del conflitto, Fabrizi e la Magnani duettano sapidamente tra le bancarelle del mercato di Giordano Bruno, ricostruito in studio. Film grazioso con attori in stato di grazia che si comportano come veri venditori o barberi (De Filippo). Un artigianato attoriale impagabile. Fabrizi è irresistibile nelle sue molte facce, da pescivendolo superbo a "papà" affettuoso a innamorato. Pochissime le tracce dell'occupazione tedesca, solo un graduato di passaggio nella mitica pasticceria Rosati, dove Fabrizi incontra una giovane Boratto.
MEMORABILE: Fabrizi e il bambino; i duetti con Pecorino; la "spettinatura" della Magnani

Markus 16/09/12 11:46 - 3330 commenti

I gusti di Markus

Film chiave nostrano: è un sentimentale che anticipa le tematiche del neorealismo e lancia già qualche linea guida per la futura commedia all'italiana (l'uso del dialetto, in questo caso romanesco). Assolutamente convincente e spontanea l'interpretazione di Fabrizi e della Magnani, che trasudano di genuina romanità. Il film è stato girato nel pieno della II guerra mondiale, eppure non vi si fa cenno alcuno, fatto che rende un po' inquietante la visione, certamente non meno affascinate per com'è stata compiuta l'operazione.

Saintgifts 1/04/15 08:28 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ci sono particolari nei film che rimangono impressi: in questo caso sono i guanti; guanti di pelle che simboleggiano la differenza tra l'essere semplici popolani o altolocati borghesi, se non nobili. Qui si vede come sia semplice diventare (in superficie) un raffinato borghese: basta avere i soldi. Il confronto tra i due mondi è vinto con largo vantaggio dai popolani (pescivendoli, fruttaroli o barbieri che siano), mentre i cosiddetti altolocati se la cavano con un semplice grazie, senza nessun riguardo per i sentimenti altrui. Cast eccezionale.
MEMORABILE: ...Dominiamo!

Daniela 9/07/15 16:59 - 9634 commenti

I gusti di Daniela

Un pescivendolo si invaghisce di una signora elegante, suscitando la gelosia dell'impetuosa fruttivendola sua vicina di banco al mercato di Campo de'Fiori... Commedia romanesca che risulta carente sul piano della sceneggiatura, nonostante la collaborazione di Fellini, per le troppe scivolate nel patetico sentimentale ed il "messaggio" un poco retrivo: meglio non varcare i confini della propria classe sociale. Film importante oltre i suoi meriti: girato in piena guerra, (ma non si avverte), viene considerato infatti anticipatore rispetto alla successiva stagione neorealista.

Almicione 4/12/15 14:27 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Peppino è il tipico uomo dell'Italia centro-meridionale che disprezza le sue origini e il suo ambiente e millanta relazioni e agi di ben altra classe sociale. Dall'altra parte abbiamo Elide, la popolana che, schietta, non si vergogna dei suoi modi e del suo mondo. E' il contrario di Peppino: scontrosa e acida all'apparenza, mostra in più occasioni (sempre di nascosto) che è una "donna de core". La vicenda mette in ridicolo – senza stupidità – e distrugge il mito dell'uomo dominatore (proprio del fascismo) a cui piedi ogni donna cade.

Faggi 3/03/16 20:35 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

Pellicola girata in piena Seconda Guerra Mondiale che anticipa i temi, gli ambienti e il linguaggio del neorealismo. Di suo è distintamente realista pur se i disagi del conflitto in corso sono solo velatamente accennati. Colpisce per la naturalezza e la potenza delle interpretazioni (meno per il personaggio della ragazza sedotta e abbandonata quando ha a che fare con suo figlio) e per la sapienza nel trattare temi popolari senza infiocchettature.

Minitina80 25/09/16 08:28 - 2396 commenti

I gusti di Minitina80

Diversi fattori rendono particolare il film avvicinandolo al realismo cinematografico: l’essere stato girato in pieno conflitto bellico, non dandone minimamente la sensazione; i dialoghi in dialetto e la scelta di girarlo in esterno avendo come protagonisti personaggi del popolo. Tra gli attori, tutti bravi, spiccano la Boratto, la cui espressività è magistrale e la Magnani, capace di regalare attimi di rara intensità. Il dramma sentimentale viene stemperato dall’ironia e la naturale vena comica del cast, senza mai trascendere il genere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Fedemelis • 4/04/13 10:56
    Fotocopista - 1792 interventi
    La madre di Aldo Fabrizi aveva davvero in gestione un banco di frutta al mercato di Campo de' Fiori, mentre il padre faceva il conducente di carrozzelle (ruolo che Fabrizi interpreterà in più film tra cui il più famoso è "L'ultima carrozzella", tra l'altro ancora con Anna Magnani).

    La famiglia abitava in un vicolo vicino a Campo de' Fiori, al numero civico 10 di Vicolo delle Grotte a Roma, naturalmente.

    Fonte: http://www.info.roma.it/monumenti_dettaglio.asp?ID_schede=1144