LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 24/04/07 09:31 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

I fratelli Coen ripercorrono i temi già visti in Blood simple, il loro folgorante film d'esordio, ma questa volta calcano molto di più il piede sul pedale dell'ironia. La didascalia iniziale ci avverte che il film è ispirato a fatti veramente accaduti, ma sicuramente la rilettura dei fratellini terribili c'è stata, ed è anche molto pesante. Non certamente la loro pellicola migliore, ma comunque un buon prodotto, in cui colpisce la totale imbecillità dei protagonisti. Da vedere.

Flazich 26/05/07 20:08 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Delicato, ovattato, ironico al limite della black comedy: un capolavoro. Ogni entrata e uscita di scena è semplicemente perfetta. Il fatto che ci facciano credere per tutto il film che l'amico del meccanico sia Buscemi è solo una delle tante chicche che arrichiscono questa magnifica pellicola. Bravissimi tutti gli attori: Frances McDormand nei panni della futura mamma detective, pacata, con divisa ad hoc è azzeccatissima, Steve Buscemi è semplicemente folle, William H. Macy interpreta come mai nessuno prima il ruolo del pusillanime. Superlativo.

Deepred89 28/06/07 12:30 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Non un capolavoro bensì un noir sicuramente discreto. Ottime alcune impennate grottesche, ma la descrizione della vita di alcuni personaggi (come quello della poliziotta) finisce spesso per rallentare il ritmo. Ottimo il cast e buona la fotografia. Poco memorabili le musiche.

Galbo 22/08/07 21:04 - 11309 commenti

I gusti di Galbo

Film capolavoro dei fratelli Coen, meccanismo ad orologeria perfettamente calibrato a partire dalla sceneggiatura che funziona alla perfezione. I personaggi sono inseriti in un ambiente assai suggestivo (il gelido nord degli USA) ed interpretati da un cast perfetto, con Frances McDormand eccellente nei panni di una donna (nel senso più completo del termine visto che è incinta) poliziotto molto caparbia e con due grandi caratteristi come Macy e Buscemi.

Capannelle 12/12/07 14:07 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Più che thriller o drammatico, è una commedia surreale che fa il verso al mondo di Tarantino, specie per dialoghi e personaggi. Su tutti Macy (ottima resa nella sua parte), Steve Buscemi (una garanzia, nel suo genere) e la Mc Dormand (personaggio simbolo del film). La satira sulle capacità di guardie e ladri è feroce, le scene dissacranti gustosissime. Il tutto procede con garbo, senza inutili eccessi, accompagnato da musiche vivaci. Presentata dai Coen come storia vera, ma in realtà solo alcune situazioni sono realmente accadute.
MEMORABILE: Macy interrogato nella concessionaria che inizia a "panicare"...

Il Gobbo 25/02/08 11:48 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Sarà che dei Coen qui si preferiscono, magari corrivamente, gli eccessi, sarà che quando si vide si conosceva bene la filmografia precedente, sta di fatto che a distanza di anni ancora non abbiamo capito il perchè dei panegirici per uno dei più "medi" fra i manufatti dell'illustre famiglia. Sì, certo, Macy e la McDormand, certe locations, certe battute. E poi il sicuro mestiere, la fotografia. Bene. Ma manca il quid, che altrove c'era eccome. Primi sintomi di (auto)manierismo?

Redeyes 8/04/08 09:45 - 2127 commenti

I gusti di Redeyes

I Coen forse avranno il difetto di ripercorrere spesso i propri passi con situazioni in qualche modo tra loro simili, ma lo fanno splendidamente. Tutto il film è percorso da una perfetta scelta di battute, situazioni e inserito in un paesaggio freddo e pungente. Personaggi assurdamente reali, sui quali spiccano Buscemi e Macy: al primo la definizione "curioso" calza a pennello, il secondo tristemente fallito. Non c'è niente che non vada a tempo. Tecnicamente ottimo. Da vedere!

Pigro 10/08/08 09:31 - 7699 commenti

I gusti di Pigro

Come l’inettitudine e la pochezza umana delle persone può essere un sassolino che si trasforma in una tragica valanga distruttiva, cui solo la normalità pone un freno. Così si può sintetizzare la trama di questo film grottesco che parte dalla meschinità e raggiunge l’orrore. Un film straordinario che guida lo spettatore in un assurdo e delirante crescendo criminale, con leggerezza (non superficialità), in uno splendido paesaggio innevato (purezza ma anche glacialità), con attori superlativi come Buscemi, Macy e grandissima McDormand. Da vedere.

Tomslick 12/10/08 17:58 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Irreprensibile noir (con più di una punta d'ironia) nel quale, a dispetto del disordine che i due goffi "esecutori" seminano ovunque, tutto poi combacia perfettamente, nulla rimanendo fuori dalle somme che alla fine si tirano. Regia impeccabile (con una pulizia formale ed un senso dell'inquadratura perfetti), messa in scena esemplare, scenari talvolta fascinosissimi, attori che rendono al meglio: difficile chiedere di più ad un film che parte da una storia che già da sola forse basterebbe a sostenere tutto il peso. Un'ora e mezza di puro, vero, Cinema.

B. Legnani 12/12/08 21:26 - 4671 commenti

I gusti di B. Legnani

Dimostrazione filmica del canone dello stupido secondo la definizione del grande Carlo M. Cipolla: colui che fa dal male agli altri e pure a se stesso. Raccontato in maniera ottima e parimenti recitato, affonda nelle neve (qui quasi un personaggio) radici solide, che si ramificano con stringente efficacia. Mi pare che la concatenazione che si ritorce sul personaggio che è motore di tutto sia stata poi ripresa (in forma più umoristica) ne L’uomo che non c’era. Più che buono.
MEMORABILE: Parcheggio, notte. "Clic": si apre il baule.

Daniela 2/01/09 17:49 - 9085 commenti

I gusti di Daniela

I fratelli Coen prendono un marito inetto (interpretato ottimamente da William H. Macy, il miglior "umiliato ed offeso" in circolazione), una moglie sciocca, un suocero protervo, una poliziotta in stato di avanzata gravidanza (McDormand volpe travestita da gallina) e una coppia di killer male assortiti (il logorroico Buscemi e il quasi muto Stormare), aggiungono qualche fettina di ironia, una bella dose di umorismo nero e mescolano il tutto con molto, molto ghiaccio. Ne esce un cocktail perfettamente dosato, un brivido di piacere per lo spettatore.
MEMORABILE: I tentativi di Macy di vendere ad una coppietta una vettura con la vernice metallizzata, l'epilogo in mezzo alla neve (piccola delizia: il tritacarne)

Enzus79 2/01/09 20:38 - 1733 commenti

I gusti di Enzus79

Uno dei migliori film dei Coen. Lo si può definire anche un capolavoro. I personaggi sono simpaticissimi, dal buono (la poliziotta Mcdormand), passando per l'ingenuo (Macy) e arrivando ai due cattivi (Buscemi e Stormare). I Coen con la loro commedia nera colpiscono al cuore, lasciando ilarità e la sensazione di aver visto un eccellente prodotto. Bellissimo.

Venticello 5/01/09 17:03 - 63 commenti

I gusti di Venticello

Il film che mi ha fatto scoprire questi geniali fratelli. Seppur rivisto a distanza di anni, non perde nulla della sua carica. Acqua ne è passata sotto i ponti e tanti (troppi) da Tarantino in giù hanno utilizzato la formula magica di accostare al noir una spruzzata di sana comicità surrealista e di iperviolenza. Ma ai Cohen va senz'altro riconosciuta l'iniziazione e in parte la codificazione del genere. Tutti i personaggi in parte, ambientazione perfetta e tanto sano divertimento. Da vedere, rivedere e tramandare ai posteri.
MEMORABILE: Il tritacarne

Brainiac 9/01/09 13:15 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Il film dei Coen che mi piace di più. Gli eccessi grotteschi sono sfrondati, nonostante lo humour nero dei due fratelli persista e sia più incisivo del solito, a favore di un cupo realismo. Film riuscito perché l'umore depresso del protagonista e i suoi vanagloriosi sogni di gloria sono resi attraverso la messa in scena della sua imposibilità ad affermarsi. Sia come marito, sia come padre, sia come squallido criminale. Frustrante.
MEMORABILE: Tutte le scene di agghiacciante normalità nel lavoro di venditore d'auto del protagonista, in cui si percepisce la sua aggressività repressa.

Xamini 2/04/09 00:16 - 991 commenti

I gusti di Xamini

Molto gradevole la precisione millimetrica con la quale i Coen bilanciano gli ingredienti del film: il conflitto interiore che si ingigantisce producendo una catena di eventi che prorompono in un escalation di violenza, l'iper-violenza (appunto), il grottesco, il manto di neve fredda e pura (non proprio come in Hana-Bi, ma insomma) e tonnellate di ironia. Ironia che trova la sua perfetta dimora tra le espressioni del volto della McDormand, interprete splendida di tutte le situazioni in cui eccezione e norma si scontrano, producendo la scintilla che smuove il sorriso dello spettatore.
MEMORABILE: Il tritacarne, il calzino e lei che indica la stelletta sul cappello. Magnifico!

Supercruel 18/05/09 00:09 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Grandissima prova per i fratellini. Tutto funziona alla perfezione, a partire da una sceneggiatura a prova di bomba, brillante, ritmata e senza mai un momento che sia uno di stanca. Perfetti tutti gli interpreti (il cast è davvero stellare in ogni ruolo), ottimi i dialoghi e azzeccate le location in un'America del nord fredda e innevata. Ironia al fulmicotone dosata su di un'impalcatura noir che ha del magistrale, per un film che non stanca mai, visione dopo visione. Bellissimo.

Saintgifts 4/09/09 22:56 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il film è buono, ben girato, ben interpretato e ben fotografato. La storia truculenta, ma che non disgusta mai anche nelle scene più sanguinolente, è di quelle che imprigionano lo spettatore che si diverte, si eccita e soprattutto si indigna per la stupidità dei protagonisti. Questa è la cosa che più mi ha colpito: nessun personaggio è intelligente, nemmeno la detective incinta che imbrocca subito la situazione e risolve il caso. Non a caso il regista si sofferma molto sulla sua vita privata, nella qaule lei elogia un marito tanto buono quanto sciocco.

Cotola 8/11/09 12:26 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo noir girato dai fratelli Coen che con questa pellicola tornano ai temi ed alle atmosfere di Blood simple. I risultati sono però decisamente più maturi. Tutto ruota attorno ad un rapimento e al denaro. Lo sguardo dei registi registra e scandaglia in maniera impassibile e impietosa gli accadimenti e le azioni dei personaggi che sono ben delineati. Il tutto immerso in una neve glaciale che forse rimanda alla natura dell'uomo di cui il film mette in luce meschinità ed avidità. Notevole.
MEMORABILE: I paesaggi innevati. Il personaggio della poliziotta in dolce attesa. Il tritacarne.

Ilcassiere 9/02/10 13:43 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Non il miglior film dei fratelli Coen (Lebowski?), ma comunque gradevole, "Fargo" è a metà tra il thriller e la commedia surreale. La tragicomica catena di eventi (una storia vera, tra l'altro) si sussegue senza mai risultare né troppo lenta né troppo confusa, grazie anche all'ottima performance di Buscemi e Macy, rispettivamente un delinquente da quattro soldi e l'incarnazione della meschinità e della mediocrità (sia nella vita privata che in quella professionale). Il paesaggio innevato contribuisce non poco a descrivere la desolazione generale.

Giacomovie 15/06/10 11:41 - 1338 commenti

I gusti di Giacomovie

Il film si fa ammirare come concentrato di riuscita ricerca stilistica, ma la paradossale coloritura umoristica in definitiva smorza troppo l'intreccio poliziesco, lo fa diventare un noir solo di riflesso e gli toglie un preciso riferimento di genere. I Coen alla regia sono efficaci ed i personaggi sono adeguati. ***

Cangaceiro 18/07/10 15:28 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Impalcatura da b-movie (noir), massicce dosi di humour nero e un occhio canzonatorio e dissacrante verso l'America sempliciotta, il tutto fra paesaggi desolati e innevati. I Coen mescolano bene tutto ciò in un film che oscilla tra momenti degni dei migliori film comici e scene sanguinolente che sembrano rubate da una pellicola di Tarantino. Il gioco regge pienamente grazie anche all'ottima direzione degli attori: Macy perfetto come travet/marito/genero sottomesso, Buscemi è la solita macchina spara-parolacce e la McDormand si cala al 100% nella parte.
MEMORABILE: La goffa camminata della McDormand e di suo marito (grande cura dei particolari!).

Mrmanuz 5/08/10 12:34 - 9 commenti

I gusti di Mrmanuz

Non so se è il miglior Coen-movie ma indubbiamente lascia traccia per anni. Sento ancora freddo, il freddo del North Dakota, quando mi immergo nelle prime sequenze di Fargo. Sono insieme ai protagonisti e non esco di scena. Sarà un mio cult ma non avviene in tanti film. La sceneggiatura è ben scritta e il solito Buscemi che dà quel magic-touch che serve per frizzare. Bevetelo con moderazione ma ripetetene la somministrazione di tanto in tanto. Male non fa.

Luckyboy65 3/10/10 00:45 - 144 commenti

I gusti di Luckyboy65

Commedia nerissima come la neve, che come la vita inserisce improvvisi momenti di lucida follia nei suoi ritmi lenti e cadenzati: l'imprevisto, l'imprevedibile, che ti capita addosso all'improvviso e tu lo guardi arrivare senza poter distogliere lo sguardo. E se poi l'imprevisto è invece conseguenza di un piano premeditato, la teoria della stupidità vi trova il suo compimento: "La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista." Grande cinema ma non per tutti.
MEMORABILE: "Vedessi com'è ridotto l'altro!" (Buscemi/Carl con la faccia sanguinante).

Silversix 28/11/10 17:04 - 16 commenti

I gusti di Silversix

Ottimo film, godibile dall'inizio alla fine. I fratelli Coen calano un altro asso. Questa volta si dissacra l'inettitudine degli americani medi. Infatti, in un film come questo dove in effetti sembrerebbe d'obbligo, non c'è un eroe. Tutti perdono e quasi tutti muoiono. La stupidità regna sovrana sia tra i cattivi (un clichè) che tra i buoni risparmiando solo in parte la poliziotta... però adesso quando guido in mezzo alla neve non posso fare a meno di guardare il bordo strada in cerca di un raschia ghiaccio dal manico rosso...

Mdmaster 1/12/10 19:19 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Oliatissima macchina dei fratelli Coen che, partendo dalla furbetta idea di fingere che ci sia una storia vera alle spalle della pellicola, sviluppano una trama coinvolgente con dei bei personaggi coloriti. Splendide tutte le performance dei protagonisti (su tutti Buscemi e Macy, attori spesso sottoutilizzati ma che spesso riescono a migliorare un film in maniera esponenziale). Ritmo forse a tratti un po' blando, ma arrivare alla fine è comunque esperienza intrigante e divertente per ogni spettatore.
MEMORABILE: La terrificante conclusione al tritacarne.

Lupoprezzo 30/01/11 19:30 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

I fratelli Coen rimettono mano alle tonalità noir, smorzano l'ironia e il grottesco e costruiscono, sullo sfondo d'incantevoli paesaggi desolanti e glaciali, una storia di meschinità, miserie e squallori. Molto brava l'affamatissima Frances McDormand (realmente incinta del regista) e il duo Buscemi (un affezionato dei Coen) e Stormare (per il sottoscritto una sorpresa). Uno dei migliori film dei terribili fratelli.

Magnetti 7/04/11 10:08 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

La base di Fargo è simile a Blood simple: humour nero e demenza umana insomma. Ciò che cambia, stupisce e, infine, appaga è la qualità del film, di tutt'altro livello rispetto all'esordio dei Coen. Nella cornice innevata e gelida ecco serviti personaggi perfettamente caratterizzati e portati sullo schermo da attori in gran forma. Tra questi spicca F. McDormand che è poi l'unico personaggio positivo del film: donna forte, risoluta, intelligente ed equilibrata a far da contrappeso a una spassosa combriccola di uomini incapaci, ottusi e idioti.
MEMORABILE: Il bellissimo discorso della McDormand a P. Stormare dopo l'arresto finale.

Didda23 2/02/11 17:41 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

A mio parere il capolavoro dei Coen. Tutto funziona alla perfezione: la sceneggiatura è incredibile, gli attori recitano alla grande, la regia è attenta e chirurgica, i dialoghi indimenticabili. Ottima la fotografia. Fargo è il manifesto della "banalità del male" tanto cara ai Coen, visto che verrà rappresentata in modi diversi ma altrettanto efficacemente nel bellissimo L'uomo che non c'era, in Burn after reading e in Non è un paese per vecchi. Da vedere assolutamente.

Puppigallo 11/04/11 20:58 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Ecco un film dove la sceneggiatura conta poco. A contare sono le varie caratterizzazioni. Su tutte, spicca quella della McDormand (donna poliziotto), che ha un approccio simil Colombo (gentile, pacata e sorridente), ma che, come il noto tenente, sa quello che vuole e prima o poi lo otterrà, in un modo o nell'altro. Anche il biondo psicopatico, imperturbabile e amante delle soap è un tipo che difficilmente si scorda, come il suo socio, più diretto (tra tutti e due faranno un macello, nel vero senso della parola). Nota di merito per l'uomo della protagonista, tra il serio e il tardo. Notevole.
MEMORABILE: I due rapitori incontrano un poliziotto. Da lì faranno una serie di passi falsi che li porterà a tirare fuori il peggio del peggio; Sparo in faccia.

Mickes2 25/04/11 16:45 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Difficile trovare dei difetti a questa bellissima black-comedy. Tutto è ottimamente orchestrato, partendo dalla sceneggiatura di ferro, brillante, ritmata, alle ottime interpretazioni dei singoli (su tutti una Frances McDormand ed un William H. Macy in formissima). Sullo sfondo glaciale e desolante del Nord Dakota, i fratelli ebrei imbastiscono una storia che ha a che fare con la cattiveria, il cinismo e la pochezza umana. Mescolano il tutto con il loro tocco noir, la regia senza fronzoli. Ne esce un quadro del tutto desolante e pessimista.
MEMORABILE: Il personaggio di Frances McDormand.

Disorder 4/09/11 11:20 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Ottimo dramma in perfetto stile Coen: violento, gelido e ironico al punto giusto. Un micro-universo provinciale fatto di personaggi vuoti e stupidi, buoni o cattivi che siano; la storia ruota a sorpresa attorno all'unico personaggio positivo, la sveglia poliziotta Marge (peggio di miss Marple: col suo fare affabile e i modi gentili mette proprio tutti nel sacco). Il clima freddo e ovattato dalla neve rende quasi surreale tutto il sangue versato. Gran film.
MEMORABILE: Peter Stormare impassibile al lavoro con la trituratrice...

Ale nkf 15/10/11 19:01 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Un grande esempio di cinema firmato dai fratelli Joel e Ethan Coen. La sceneggiatura è praticamente perfetta e curata nei minimi particolari, non si verifica mai un calo di ritmo e la tensione è notevole. Grande l'interpretazione dell'intero cast, caraterizzato molto bene (tra tutti segnalo una McDormand davvero splendida). Insomma, un film assolutamente da consigliare che mette in evidenza la grettezza del genere umano.

Piero68 30/11/11 12:17 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Scelto dal 2006 per essere preservato al National Film Registry del Congresso USA, Fargo è senz'altro uno dei migliori film del duo Coen, oltre ad essere sicuramente quello che più rappresenta il loro modo di fare cinema. Sceneggiatura pressocchè perfetta e regia impeccabile si uniscono ad una bella e suggestiva fotografia grazie anche all'ambientazione. Cast ottimo con alcuni attori ricorrenti del panorama Coen come la McDormand e il grande Buscemi. Se proprio bisogna trovargli un difetto è sicuramente il montaggio. Non sempre all'altezza.

Belfagor 7/06/12 00:53 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Marito scialbo e represso organizza il rapimento della moglie avvalendosi di due improbabili criminali: nulla andrà come pianificato. Commedia nerissima, non riducibile a un singolo genere, intellettuale senza supponenza, che paradossalmente costruisce alla perfezione il percorso verso l'imprevisto, l'incidente che scombussola l'apparente tranquillità di una sonnolenta ed innevata città americana. Il cast, composto da attori eccellenti, delinea personaggi unici; la migliore è la McDormand nei panni dello sceriffo al settimo mese di gravidanza.
MEMORABILE: Il finale sulla neve, con Marge che indica la stelletta sul colbacco; "E tutto per cosa? Per quattro biglietti di banca."

Rullo 7/06/12 14:04 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Uno dei migliori Coen, per la sua brillantezza e la sua capacità di usufruire al meglio di un'ottima sceneggiatura. Commedia nera grottesca diretta magnificamente e che inevitabilmente sfocia nel drammatico, si fa forza di eventi casuali ed inaspettati per sorprendere lo spettatore. Ottimo l'intrigo dei personaggi così come la loro interpretazione. Molto buona anche la fotografia.
MEMORABILE: La scena del parcheggio bianco per la neve con un pattern simmetrico di alberi neri interrotti da un'auto parcheggiata di traverso.

Ryo 7/10/12 14:55 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Una meraviglia targata fratelli Coen. La qualità del film rasenta la perfezione: sceneggiatura geniale, cast diretto con maestria, inquadrature che tavolta formano vere e proprie cartoline. Una trama dal soggetto semplice, arricchita da svolte improbabili, personaggi dotati di un forte spessore, prendono vita. Il tutto con una sobrietà e semplicità da brividi. 10 e lode.
MEMORABILE: La poliziotta con il suo modo di fare sempre tranquillo, educato e pacato.

Mtine 27/12/12 15:30 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Deludente e sopravvalutata opera dei fratelli Coen, ancora un po' acerbi, che sviluppano in maniera poco soddisfacente un soggetto non troppo originale. Il film non sa che strada intraprendere (thriller? grottesco? entrambe?) e di conseguenza fatica a decollare. Qualche buon momento qua e là (il triplice omicidio), ma poca altra roba. Così così anche gli attori: se Frances McDormand è brava e "materna", Macy è anonimo e Buscemi a lungo andare annoia, riproponendo un personaggio molto simile a quello delle Iene. Meravigliosa la colonna sonora.
MEMORABILE: La contrapposizione della brutalità e della follia dei due criminali alla gentilezza e alla bonarietà della McDormand.

Graf 14/10/13 03:33 - 677 commenti

I gusti di Graf

Il pulp di Tarantino? I fratelli Coen fanno molto sul serio e la grafia visiva della loro violenza non è scritta con l’inchiostro rosso dei fumetti ma direttamente col sangue caldo e gocciolante delle povere vittime fatte a pezzi. La bestialità più efferata è stupida e fa ridere: tale l’agghiacciante messaggio di questo splendido noir dal ghigno corrosivo. Il ghiaccio che si stratifica fuori e il gelo che si accumula nelle coscienze: tutti i personaggi sono sciocchi e/o cattivi eccetto la poliziotta Marge che ha in sé una vita da dare alla luce.
MEMORABILE: La faccia ottusa e imbambolata di Peter Stormare che interpreta Gaear, un criminale patologico senza coscienza, fa sia ridere che mettere i brividi.

Delpiero89 27/12/13 14:48 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Sommando un po' di Tarantino e un po' di Kaurismaki al consueto estro dei fratelli Coet si ottiene questo bellissimo Fargo. Pellicola geniale, commedia-thriller dai tempi perfetti. Tutto funziona alla perfezione: dalla ottima colonna sonora alle interpretazioni (Buscemi su tutti). Si ride, ci si appassiona alla bizzarra trama e ai personaggi e alcune scene sono sicuramente memorabili. Da non perdere.

Nadir 26/02/14 11:53 - 56 commenti

I gusti di Nadir

Forse uno dei meno riusciti film dei Cohen, che comunque merita un riconoscimento di gran qualità. Fondere e contrapporre così bene la sciatteria e il pressapochismo (a dir poco) dei due balordi con la costanza e la pragmaticità (tutta nord-americana) della poliziotta, non è cosa da poco. Ottime fotografia e ambientazione. Tutti gli attori recitano con grande spontaneità e bravura.
MEMORABILE: Il personaggio del venditore di automobili.

Edecubo 5/08/14 02:56 - 49 commenti

I gusti di Edecubo

Thriller giallo dal ritmo più o meno lento; la cosa che più colpisce è l'interpretazione di Buscemi (uno dei più sottovalutati attori di Hollywood): ogni volta deve fare il gangster con l'acqua alla gola dà insieme alle Iene la sua migliore interpretazione. Degna di nota la sceneggiatura, rimane godibile e senza buchi con una spiccata propensione al pulp e al gangster (soprattutto nel finale). Una perla dei fratelli Coen, premiata con l'Oscar e da vedere anche se non si è fan del duo. Scivola via, perfetta per una notte d'inverno.

Myvincent 18/02/15 12:04 - 2501 commenti

I gusti di Myvincent

Come uccidere a bruciapelo con "leggerezza" quando si viene ingaggiati per un rapimento in cambio di denaro: questa è la morale di un film che affronta tematiche violentemente drammatiche, facendo sorridere e virando verso la rappresentazione grottesca. Buona prova attoriale per tutti i vari interpreti, in veste di personaggi sui generis e un po' "svitati". Da vedere, pure se in fondo sopravvalutato non poco...

Jandileida 22/02/15 09:39 - 1235 commenti

I gusti di Jandileida

La cosa migliore del film è il modo rigoroso in cui è resa la concatenazione di eventi: una sequela di uomini mediocri, quando non idioti, che prende decisioni irrazionali con effetti disastrosi. I fratelloni insomma ci stanno dicendo che l'umanità, per quanto si affanni, è sempre in balia della propria inadeguatezza. Il messaggio viene filtrato attraverso una pellicola noir molto affascinante, messa sullo sfondo di un America gelida e profonda, violenta il giusto e resa più umana dalla presenza di un personaggio come quello della McDormand. Grande cinema.

Nicola81 13/03/15 22:32 - 1904 commenti

I gusti di Nicola81

Quando stupidità e crimine vanno a braccetto gli esiti non possono che essere disastrosi. Questa la morale di una frizzante black comedy che nonostante qualche evitabile lungaggine (la rimpatriata tra la poliziotta e l'ex compagno di scuola è assolutamente inutile) riesce ad appassionare miscelando abilmente violenza e ironia. Funziona la coppia di balordi Buscemi/Stormare ma è Macy a essere impagabile nei panni dell'ingenuo finito in un gioco troppo grande (secondo me l'Oscar lo avrebbe meritato più lui della comunque brava McDormand).
MEMORABILE: La consegna del riscatto; Il finale.

Ultimo 16/03/15 14:19 - 1336 commenti

I gusti di Ultimo

Grande film dei Coen, ambientato nella zona più fredda e ghiacciata degli Usa ove si inserisce una vicenda altrettanto fredda e ben costruita, con un marito (Macy) inetto e di poco polso che escogita un piano per fare rapire la moglie. Ottimi Buscemi e Stormare nella parte dei rapitori e lo stesso può dirsi per una McDorman/poliziotta incinta alla ricerca della verità. Probabilmente il miglior film dei fratelli Coen insieme al Grande Lebowski.
MEMORABILE: La statua all'ingresso della cittadina; Macy impacciato ascolta le domande della poliziotta.

Pinhead80 31/03/15 18:11 - 3822 commenti

I gusti di Pinhead80

Sembra un film al rallentatore, con persone che paiono capire poco di quello che fanno e invece si va a 200 all'ora, perché l'agitazione prende il sopravvento su tutti. O meglio quasi su tutti, perché c'è la poliziotta (McDormand) che con il suo pancione muove il pensiero molto più velocemente delle gambe. Non c'è nulla fuori posto in questo mondo che sembra lontano anni luce della realtà e che invece la fotografa nel suo grottesco e a volte noioso incedere. Un gioiello.

Paulaster 8/05/15 17:19 - 2673 commenti

I gusti di Paulaster

In una landa periferica innevata una coppia aspetta un figlio; al contempo c’è chi organizza un crimine contro la propria moglie per denaro. Fertilità nel disincanto della McDormand (nel ruolo della vita) insieme alle figure squallide che imbrattano la neve di rosso sangue. Noir dalle tinte grottesche (i lombrichi come regalo, il piede fuori dal tritacarne) per un microcosmo di inetti e malvagi, col messaggio che solo chi è retto ha una vita lunga davanti a sé. Musiche anonime per il genere.

Bruce 24/07/15 12:49 - 1000 commenti

I gusti di Bruce

Uno di quei rari film nei quali tutto sembra girare nel modo giusto: sceneggiatura, dialoghi, interpretazioni, regia, ambientazioni. Un noir grottesco palesemente debitore al miglior Tarantino ma con spunti di indubbia originalità e freschezza. William H. Macy dà vita al personaggio surreale del marito ideatore del rapimento della moglie in modo straordinario. Un'ora e mezza di puro cinema.

Il ferrini 8/03/16 00:30 - 1646 commenti

I gusti di Il ferrini

Fargo è un thriller, una commedia nera, un drammatico, un noir e chissà cos'altro ancora. Macy e la McDormand (Oscar per questo ruolo) sono in gran forma, così come i caratteristi Buscemi e Stormare. Splendida la fotografia e molto suggestive le location, che faranno da sfondo anche alle serie Tv ispirate a questo film. La sceneggiatura è un vero gioiello di scrittura (altro Oscar) e si fa apprezzare pure la colonna sonora. Tensione, pulp e la giusta dose d'ironia. Grande cinema.
MEMORABILE: "Ti senti una specie di autorità lì dentro, eh? Con quella uniforme del cazzo. Il re dei parcheggi, ma chi cazzo sei? Stronzo" (Steve Buscemi)

Nancy 8/03/16 01:37 - 771 commenti

I gusti di Nancy

Un film impeccabile nonostante le molte note bizzarre. Una serie di protagonisti che sembrano tutti capitati lì per caso; tutti a parte la fantastica protagonista, resa magistralmente dalla McDormand (già moglie di Joel Coen): un'eroina quotidiana (incinta) che sembra essere l'unica a far girare le cose nella bufera di neve sopra il Minnesota. I Coen mischiano già sapientemente i registri come pochi fino al '95 avevano saputo fare; inventano una storia efficace e la mostrano senza nessuna sbavatura, con ogni dettaglio ponderato al proprio posto.
MEMORABILE: I coniugi Gunderson guardano la tv abbracciati nel letto: rararemente si è vista tanta tenerezza in un - tra virgolette - noir.

Minitina80 10/05/16 17:10 - 2268 commenti

I gusti di Minitina80

C’è molta cura dei particolari e tanto mestiere che fanno la differenza in positivo, anche se manca qualcosa per compiere il salto definitivo. Buona la caratterizzazione dei personaggi che incarnano la mediocrità e tutta la pochezza umana. Superbo Macy nei panni del fallito incapace di gestire la propria esistenza, ma anche gli altri non stonano affatto. Aggiungiamo dei paesaggi innevati a effetto e una discreta colonna sonora e la media si alza, ma senza sfondare verso l’alto.

Nando 10/03/17 18:46 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Un thriller con notevole venature di cinismo che narra con piglio esemplare la caducità delle vicende umane. Paesaggio eccezionale e narrazione sempre attenta in cui anche le situazioni poco legate alla vicenda sono inserite con perizia (vedi l'incontro con il compagno di scuola asiatico). Cast monumentale, in cui la McDormand, un'affamata poliziotta, recita alla grande ma tutti gli altri non sono da meno.

Pumpkh75 2/08/17 16:36 - 1284 commenti

I gusti di Pumpkh75

Elogio ed elegìa della capillare stoltezza umana: al soldo del soldo le conseguenze non potranno che essere tragiche, sciocche e grottesche. Il mostrarlo così, con apparente leggiadria ed escursioni sia nel sangue che nel sorriso, ne rafforza la comprensione e la convinzione. Scelta, direzione e interpretazione del cast magnifiche, con una serie di volti (Macy, Stormare, Carroll Lynch) al di là dei posteri. Strepitoso. Con la pistola alla tempia mi lamenterei solo della durata, troppo breve: come l’orgasmo.

Magi94 21/08/17 14:08 - 649 commenti

I gusti di Magi94

L'idea di partenza è ottima, puntata con gran classe a descrivere la stupidità di un uomo disperato. E certamente è ottima anche la regia dei Coen, ben calibrata e virtuosa ma senza mai scadere nell'eccesso. Lo svolgimento, invece, mi lascia qualche perplessità: colpa di un umorismo tutto americano che fatico a capire, basato sul fare/dire cose stupide a gente buffa che parla in modo buffo. Peccato, perché la sceneggiatura è zeppa di momenti del genere che francamente fan calare il livello. Buscemi bravissimo, ma è nel ruolo giusto?

Il Dandi 25/10/17 14:26 - 1730 commenti

I gusti di Il Dandi

Forse il titolo più famoso dei fratelli Coen, un buon noir che sciorina tutti gli ingredienti della loro poetica e qualche attore feticcio della loro fisiognomica. Tuttavia non è qui che risiede il loro presunto capolavoro; non lo dico rimpiangendo le origini ma anche riconsiderando il seguito: L'uomo che non c'era, basato su uno spunto simile col conseguente domino di imprevisti, saprà rendere il particolare senso dell'umorismo degli autori assai più esplicito e anche più significante. Qui la neve rende tutto più freddo e ovattato. Gran cast.
MEMORABILE: Macy bullizzato dal suocero; Buscemi al concerto di José Feliciano.

Tarabas 20/11/17 18:18 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Commedia degli equivoci con delitti (efferati), continui cambi di registro con sconfinamenti negli estremi del dramma elisabettiano e del demenziale, personaggi limite in situazioni limite, attori (all'epoca) con molto da dimostrare. Ingredienti perfetti per il disastro. Invece i Coen realizzano un capolavoro che parte da una sceneggiatura d'acciaio e finisce con uno dei casting meglio realizzati di sempre, su cui troneggia l'argutissima finta ingenua McDormand, paciosa futura mammina di provincia con l'acume di Poirot e la logica di Holmes.
MEMORABILE: McDormand al risveglio all'inizio del film, poi sul luogo del primo delitto; Lei che interroga Macy nell'ufficio e lo costringe alla fuga. Perfetta.

Rocchiola 25/06/18 15:03 - 849 commenti

I gusti di Rocchiola

Indiscusso capolavoro dei Coen che ritornano ai toni noir di Blood simple con uno dei più spietati ritratti della provincia americana. I gelidi paesaggi invernali del Minnesota trasmettono il senso di apatia che avvolge i personaggi di questa fittizia storia vera. La McDormand premiata con l'Oscar è il primo poliziotto che risolve un caso in stato di gravidanza, Buscemi e Stormare sono due criminali degni di Tarantino, Macy incarna alla perfezione la stupidità del male e Burwell continua a musicare con un altro grande tema solennemente tragico.
MEMORABILE: Le vittime triturate nella cippatrice; La consegna del riscatto; Il mutismo del delinquete amante delle frittelle; L'arresto di Macy nel motel.

Vito 4/03/19 22:00 - 636 commenti

I gusti di Vito

Straordinaria commedia nera dei fratelli Coen dove la perfetta vita quotidiana della middle class americana, i paesaggi da ricamini, torte di mele e fiocchi di neve vengono irrorati dal sangue dell'odio, della rabbia e della follia che si celano sotto la vuota quiete. Cast sfavillante con un'intensa McDormand e naturalmente Buscemi, Macy e Stormare assolutamente perfetti.

Berto88fi 24/05/19 11:39 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Il cinema dei Coen è inarrivabile per la cura dei dettagli e in Fargo tirano fuori tutto il loro stile, fotografia compresa. In un contorno glaciale si dipana una grottesca storia noir, dove (come in tutte le loro pellicole) sono i personaggi il vero motore della storia, delineati ognuno nella sua banalità e stupidità, inseriti abilmente in contesti quotdiani. Non tra i migliori dei due fratelli, ma rivisto a distanza di anni resta senz'altro notevole.
MEMORABILE: Stormare alla tv; Buscemi a telefono con Macy.

Jdelarge 4/06/19 01:11 - 842 commenti

I gusti di Jdelarge

Film che usa il genere giallo come pretesto per dare vita a scene comiche e grottesche. Il problema, però, è rappresentato dalla ridondanza di determinate situazioni e dall'assoluta mancanza di un vero e proprio fine, visto che la trama, fondamentalmente, non ha un reale sviluppo. Si salvano, appunto, solo alcune gag e l'ambientazione, che dona al film un'atmosfera decisamente particolare.

Lou 30/05/19 18:04 - 934 commenti

I gusti di Lou

La domanda che si pone sconsolata nel finale la poliziotta, una strepitosa McDormand, dopo aver catturato il balordo killer, sintetizza alla perfezione il non-senso della spirale di delitti che sconvolge un paesino del Minnesota. I Coen sono maestri nel rappresentare con tinte grottesche la stupidità umana e questo è uno dei loro migliori film, per soggetto, ambientazione e scelta dei personaggi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 28/08/11 00:21
    Scrivano - 13764 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray disc per 20th Century Fox: DATI TECNICI * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Inglese Spagnolo Francese Portoghese 5.1 DTS: Italiano Spagnolo Francese Tedesco 5.1 DTS HD: Inglese * Sottotitoli Italiano Spagnolo Francese Tedesco Inglese NU Brasiliano Ceco Ungherese Polacco Greco Ebraico Portoghese Croato Tailandese Turco Mandarino Coreano Tedesco Olandese Cantonese * Extra Commento del direttore fotografia Minnesota Nice Galleria fotografica Trailer Spot
  • Discussione Redeyes • 26/09/12 08:37
    Contratto a progetto - 837 interventi
    Sembra ormai più che prossima la serie Tv sul capolavoro dei Coen. Allego link: http://www.kataweb.it/tvzap/2012/09/25/coen-in-tv-con-una-serie-da-fargo-sul-progetto-ce-la-firma-756327/?ref=HRESS-37
  • Discussione Zender • 26/09/12 16:48
    Consigliere - 43797 interventi
    Mah, mi lascian sempre molto freddo ste serie nate dai film. Una forzatura, il più delle volte, la dimostrazione che non si sa proprio più cosa inventare, o meglio che nessuno ha più voglia di rischiare e ci si aggancia a cose trite e ritrite.
    Ultima modifica: 26/09/12 16:48 da Zender
  • Discussione Gugly • 26/09/12 16:54
    Segretario - 4679 interventi
    Remake e allunga brodo in aggiunta....
  • Discussione Redeyes • 1/10/14 16:31
    Contratto a progetto - 837 interventi
    Zender ebbe a dire: Mah, mi lascian sempre molto freddo ste serie nate dai film. Una forzatura, il più delle volte, la dimostrazione che non si sa proprio più cosa inventare, o meglio che nessuno ha più voglia di rischiare e ci si aggancia a cose trite e ritrite. L'inserimento della serie, che ti ho postato questa mattina, tutto ok? ciao
  • Discussione Zender • 1/10/14 17:45
    Consigliere - 43797 interventi
    Sì certo, devi solo dare il tempo al tempo. Preoccupati solo se non la vedi dopo due giorni :)
  • Discussione Redeyes • 1/10/14 18:14
    Contratto a progetto - 837 interventi
    Zender ebbe a dire: Sì certo, devi solo dare il tempo al tempo. Preoccupati solo se non la vedi dopo due giorni :) Ok! M
  • Discussione Redeyes • 14/10/14 12:09
    Contratto a progetto - 837 interventi
    Zender ebbe a dire: Mah, mi lascian sempre molto freddo ste serie nate dai film. Una forzatura, il più delle volte, la dimostrazione che non si sa proprio più cosa inventare, o meglio che nessuno ha più voglia di rischiare e ci si aggancia a cose trite e ritrite. Che dici Schramm c'aveva visto lungo in questa occasione Zender? 
  • Discussione Schramm • 14/10/14 13:01
    Risorse umane - 6703 interventi
    già. anche perché nella serie si è saputo eccome cosa inventare e come svilupparlo, evitando alla grande il trito-e-ritrito. credo anzi che sia proprio nata dalla voglia di rischiare, perché come vedi solo l'idea attrae scetticismo aprioristico. e invece poi son voti alla madonna fin dal pilot.
    Ultima modifica: 14/10/14 13:02 da Schramm
  • Homevideo Rocchiola • 25/06/18 15:09
    Call center Davinotti - 1116 interventi
    Questa edizione in BD non era propriamente entusiasmante, infatti il video presentava una grana veramente eccessiva ed invadente. Pertanto se desiderate acquistare questo film rivolgetevi senza ombra di dubbio sulla successiva edizione rimasterizzata nel 2014 sempre marchiata MGM/Fox. Il video è visibilmente più pulito con un sottile strato di grana molto più naturale rispetto alla precedente edizione. L'audio italiano DTS 5.1 è discreto. https://www.amazon.it/Fargo-Blu-Ray-William-H-Macy/dp/B00IGE0SO0