LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 11/06/07 20:44 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Non mi piacciono, queste trasposizioni di personaggi televisivi al grande schermo. Panariello cuce un film con gli sketch delle sue varie macchiette: il bagnino, l'ubriacone, il bambino e il pr della discoteca. Ma al contrario che in tv, dove in un certo contesto funzionavano bene (soprattutto nel caso del pr della discoteca Titicaca di Urbitiello) qui non raggiungono affatto l'effetto desiderato.

Fabbiu 13/06/07 12:29 - 1950 commenti

I gusti di Fabbiu

I personaggi di Panariello hanno tutto un altro effetto sul palco, rispetto che al cinema. Il film non può che ricordare Un sacco Bello o Bianco Rosso Verdone, per cui il protagonista sembra ispirarsi molto a Verdone. Non che il film non funzioni come intrattenimento, anzi, per ammazzare il tempo va più che bene. Però ci sono troppe ricadute, scene a volte che toccano troppo l'infantile o l'assurdo. Il più riuscito è senza dubbio il personaggio dell'ubriaco. Panariello si impegna abbastanza, e si vede; proprio per questo certe situazioni filano molto male.

Ciavazzaro 7/05/09 17:08 - 4764 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pessimo. Panariello porta i suoi personaggi storici sullo schermo, ma il risultato è tedioso ed inutile. Se non si è fan del comico, si ride davvero pochissimo; la pochezza del film poi è visibile a tutti. Bocciato senza speranza di revisione.

Galbo 21/10/09 15:38 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Da consigliare solo ai fervidi ammiratori di Panariello questo one man show del comico toscano. I personaggi dell'attore, discretamente divertenti in tv, annoiano terribilmente al cinema perchè mal serviti da una sceneggiatura assai mediocre e a corto di idee. Anche la pretesa di assumere la regia del film è decisamente sbagliata.

Capannelle 20/10/09 10:45 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

È la pura e semplice trasposizione su grande schermo dei personaggi inventati da Panariello senza alcun valore aggiunto o elemento filmico. Da bocciare senza riserve se quei personaggi non piacciono, da valutare con sospetto se si è fan del comico toscano: perché una volta portati in sala non so se funzionano altrettanto bene. Io appartengo alla prima categoria ma anche sforzandomi non riesco a trovare motivi di interesse. Verdone è di un'altro livello.

Disorder 30/08/10 11:24 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Un triste spettacolo, una grossa occasione sprecata per Giorgio Panariello che all'epoca vantava una nutrita serie di personaggi di successo. Semplicemente il salto dallo sketch teatrale-televisivo al cinema non riesce: non c'è il minimo senso del ritmo, è un noioso collage di gag straviste che scorrono senza il minimo senso cinematografico. In mano ad un regista professionista il risultato sarebbe stato ben diverso. Da dimenticare.

Giacomovie 25/04/11 09:00 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Panariello si fa in quattro (personaggi), ma a differenza di Verdone non ne azzecca uno; anzi, per la pochezza di idee e l'inconsistenza degli sketch fa rimpiangere il peggior Vitali. Un film dalle pretese comiche che non riesce a tirar fuori nemmeno la comicità involontaria è un pieno fallimento. Magra consolazione le scollature della Arcuri. Tra i peggiori film che ho visto, questo è tra i primi in classifica.

Nando 16/08/12 08:31 - 3486 commenti

I gusti di Nando

I personaggi televisivi di successo del comico toscano vengono proiettati in questo film a episodi che delude molto anche perché non sono figure di ampio spicco, risultando francamente noiose. Le vicende sono labili, con una sceneggiatura abbastanza edulcorata. Tra i personaggi segnalo solamente il ciclista ubriacone, mentre il bimbo, il bagnino e il discotecaro appaiono veramente insopportabili.

Mco 25/11/12 23:17 - 2156 commenti

I gusti di Mco

Un film divertente e che diletta attraverso le lepidezze tipiche del comico che passa dal bagnino al ragazzino birbante, dall'ubriaco al re delle danze con estrema dolcezza, senza mai scadere in eccessi triviali. Dote quest'ultima che, supportata a passaggi di pura surrealtà, rendono questo guazzabuglio-collage un appetitoso piatto brillante adatto ad ogni target di pubblico. Si sorride, si ride e financo ci si commuove quasi nel pre-finale, senza dimenticare il passaggio "sexy" offerto da una bellissima Arcuri.
MEMORABILE: Il fraintendimento sul Brunello.

B. Legnani 10/02/13 21:06 - 4751 commenti

I gusti di B. Legnani

Terribile. Si ridacchia solo con l'equivoco sul Brunello, ma il resto è penoso. Pezzotta segnala "l'assoluta ignoranza dei tempi comici" e afferma che è meglio sorbirsi "tre ore di Anghelopolous" o "l'opera omnia di Giorgio Ariani". È davvero incredibile pensare che il film ha avuto successo. D'altra parte cosa si poteva pretendere da un film che nei crediti iniziali riporta la scritta "Valeria Fabrizzi"? Se aggiungiamo che la Giachetti è accreditata come Giacchetti vien da pensare che il Brunello l'abbia bevuto qualcuno, che poi vedeva doppio.

Samuel1979 11/05/13 21:21 - 472 commenti

I gusti di Samuel1979

Nonostante gli immani sforzi di far ricordare "alla lontana" il Verdone degli esordi, Panariello non convince per nulla; anzi, i suoi personaggi risultano patetici e poco convincenti proprio per una chiara mancanza di talento dell'attore toscano. Da dimenticare.

Gabrius79 13/12/13 21:47 - 1199 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia un po' esile ma tutto sommato godibile con un Giorgio Panariello che si sdoppia in vari personaggi (suoi cavalli di battaglia) e ci regala alcun gag innocue e simpatiche. Il più riuscito è l'episodio di Mario il bagnino, mentre quello più fiacco è sicuramente quello del p.r. del Kitikaka di Orbetello (nonostante la presenza di un buon Ugo Pagliai. C'è una giovanissima Manuela Arcuri. Non mancano i tormentoni.

Piero68 28/08/15 15:49 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Più che one man show un vero e proprio one man film. Panariello prova a portare sul grande schermo alcuni dei suoi personaggi televisivi senza però avere al servizio una sceneggiatura capace di far collimare le cose. Battutacce senza velleità e gag imbarazzanti per uno dei peggiori capitoli del cinema italiano. Anche perché, a dirla tutta, i tempi comici del toscano sono pietosi, in alcune circostanze. A gettare sale sulla ferita la solita Arcuri, non certo grande attrice. Finale "a scelta".

Pinhead80 30/08/15 13:23 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Il comico toscano porta su grande schermo il suo campionario di macchiette che hanno funzionato in televisione. Quando si fa un film però le cose cambiano, perché attorno ai personaggi bisogna costruire una trama di supporto. Qui invece tutto è scollegato e la sensazione è la stessa che si prova quando un dj non riesce a mixare bene i brani musicali. Qualche risata si fa, ma di cinema nemmeno l'ombra. Manuela Arcuri sembra impagliata. Bocciato.

Saintgifts 27/01/16 19:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Qualche perplessità all'inizio (non ho mai visto Panariello in tv) poi dissolta strada facendo. Niente di eccezionale, s'intende, ma il film non annoia mai e nemmeno infastidisce, come spesso succede quando un protagonista diventa assoluto, specie nel genere comico. Non solo battute ma anche situazioni che incuriosiscono e fanno sorridere in più di una occasione. Se si aggiunge che in spiaggia non mancano bellezze femminili (ma, per le signore, c'è anche il bagnino russo) capeggiate dalla Arcuri, allora l'intrattenimento leggero è completo.

Il ferrini 15/12/16 01:36 - 1704 commenti

I gusti di Il ferrini

Quasi mai ciò che funziona su un palco sortisce lo stesso effetto sul grande schermo, soprattutto se chi dirige non conosce la grammatica cinematografica. Questo film ne è una prova; Panariello, abile intrattenitore televisivo, non riesce infatti a restituire su pellicola l'efficacia dei suoi tempi comici. Bagnomaria non è un film brutto, non è proprio un film ma piuttosto un insieme di gag, in parte anche riuscite, che però hanno un respiro troppo breve e alla lunga evidenziano la frammentarietà della pellicola e l'esilità del soggetto.
MEMORABILE: Il finale alla festa "Vai col liscio".

Mark70 16/06/17 05:04 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Panariello aveva avuto un grande successo in TV con i suoi personaggi, ma una cosa è una scenetta di pochi minuti, un'altra è un intero film: le sue esili figurine scompaiono sul grande schermo, balbettano battute ingenue, non reggono alla distanza. Complice una sceneggiatura approssimativa e comprimari di scarso livello (persino Ugo Pagliai sembra una macchietta...) il film non decolla mai e affonda nella noia.

Redeyes 11/09/18 17:41 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Panariello, non certo un fulmine di guerra con "Vernice fresca" per quanto il successo, approda sul grande schermo con una mera riproposizione dei suoi personaggi, ma senza alcuna storia degna di tale nome. Il risultato è uno zibaldone di gag che incidono poco o niente e che finiscono per ledere anche attori più interessanti come Cambi. Il solo motivo per guardarlo è un certa nostalgia per una Toscana che fu.

Rambo90 11/12/18 23:36 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

Pur se la regia è di bassa qualità e la storia una mera sequela di sketch, questo esordio di Panariello ha un che di gradevole. Soprattutto grazie al protagonista (che sdoppiandosi in quattro personaggi dimostra la sua verve comica) e all'apporto di Benvenuti e De Bernardi che in un paio di occasioni sanno ancora graffiare (lo scherzo del Brunello). Su tutti vincono gli episodi con Mario il bagnino e Merigo, i più costruiti, mentre si affonda tremendamente con il piccolo Simone. Cinema semplice ma simpatico.

Modo 26/04/20 14:45 - 826 commenti

I gusti di Modo

Panariello porta sul grande schermo i suoi noti personaggi. Più che un film unitario si tratta di sketch che a tratti possono far sorridere ma che alla lunga stufano. La vena artistica del protagonista non è in discussione ma non rende come sul palco televisivo. Una visione può risultare simpatica ma non si va oltre. La parentesi sensuale di Manuela Arcuri è un bel vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gigi90 • 18/08/14 23:04
    Galoppino - 7 interventi
    Curiosità sul film: la voce che esce dagli altoparlanti proprio nelle primissime inquadrature è di Carlo Conti.
    Bagnomaria non è altro che (a parer mio) la trasposizione cinematografica dello storico programma tv "Aria Fresca", di cui fa il cameo il ...solito... Tony Corallo.
  • Discussione Zender • 19/08/14 07:30
    Consigliere - 43619 interventi
    Beh, è abbastanza normale; in fondo è quello che - con le dovute differenze - aveva fatto Verdone con UN SACCO BELLO.
  • Discussione Samuel1979 • 1/12/17 18:39
    Call center Davinotti - 2954 interventi
    Piccola parte per il noto rumorista Alberto Caiazza. Nei film è uno degli amici di Pierre (Panariello)




    Ultima modifica: 1/12/17 18:39 da Samuel1979
  • Musiche Ruber • 16/10/20 16:14
    Compilatore d’emergenza - 8999 interventi
    Il brano che fa da main theme al film (e che si sente sia all'inizio sia verso la fine), è "Lauretta mia", cantata e reintepretata dal cantante e imitatore Tony Corallo, noto cabarettista legato e lanciato d a Carlo Conti e Panariello nei loro programmi. Il testo è del cantante livornese Enrico Musiani.
    Ultima modifica: 16/10/20 18:02 da Zender