Il cliente

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The client
Anno: 1994
Genere: thriller (colore)
Note: da John Grisham
Numero commenti presenti: 18
Papiro: cartaceo
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 29/11/07 15:58 - 11725 commenti

I gusti di Galbo

Ennesimo thriller tratto da Grisham, fonte inesauribile per i film-maker americani. La trama non è per nulla originale e la sceneggiatura presenta parecchie incongruità (alcune azioni dei protagonisti sono poco spiegabili a senso di logica); tuttavia la elevata professionalità del cast (dal regista Schumacher ai due bravi e carismatici protagonsti) attesta il film su livelli discreti pur senza picchi qualitativi degni di nota.

Capannelle 26/02/08 08:48 - 3948 commenti

I gusti di Capannelle

Legal thriller di buona fattura che si avvale delle prestazioni della Sarandon, l'avvocatessa che si prende cura del bambino, testimone per caso di un omicidio tanto strano quanto importante e di Tommy Lee Jones, il cinico - ma non troppo - procuratore che vuole sfruttare il bambino per l'accusa senza preoccuparsi troppo di eventuali rischi. Dialoghi e sceneggiatura ok, tensione ben registrata anche se sussistono qualche pausa e qualche banalità tipica del genere qua e là. Non male.

Gugly 27/02/08 21:30 - 1040 commenti

I gusti di Gugly

Buon film americano tratto da un altrettanto buono legal thriller. Sarandon è sempre un gradino sopra gli altri, Lee Jones è quasi simpatico nel ruolo del reverendo carrierista antipatico ma non troppo. Il povero Brad Renfro a suo agio in un ruolo che ha conosciuto sin troppo bene nella sua vita.

Magnetti 28/02/08 11:25 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Tratto dall'omonimo romanzo di Grisham, poco ci voleva a fare un buon film... Bastava seguire passo passo il libro dalle cui righe si capisce subito come ben si presti a essere portato sul grande schermo. Il regista poco aggiunge e la sua mano rimane piuttosto anonima. Il punto forte del film è il bel rapporto che si instaura fra la Sarandon e il bambino. Peccato che il personaggio di Barry "the blade" Moldano sia mal caratterizzato. Molto bene Tommy Lee Jones. Film comunque digeribilissimo.

Cotola 7/05/08 02:05 - 8102 commenti

I gusti di Cotola

Thriller piuttosto riuscito che funziona benissimo a livello primario: intrattenere. Pur non presentando elementi di particolare originalità, infatti, la sceneggiatura riesce a coinvolgere pienamente lo spettatore dall'inizio alla fine. Buono il cast, impegnato in parti di rara antipatia. Per passare una piacevole serata con amici e pop-corn.

Pigro 30/01/09 11:11 - 8556 commenti

I gusti di Pigro

Ragazzino testimone del suicidio di un mafioso si fa assistere da un'avvocata che lo protegge da mafia e Fbi. La storia non sta in piedi, e questo è terribile per un film che gioca sul filo del rasoio e che quindi dovrebbe basare le cose più incredibili sulla credibilità. Ne consegue un sostanziale disinteresse per lo spettatore, nonostante la buona costruzione filmica, il buon ritmo da thriller al cardiopalma e l'impegno degli attori tra i quali (evidentemente poco convinti) il più bravo è il ragazzino stesso Brad Renfro.

Lovejoy 31/01/09 16:17 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Ennesimo thriller giudiziario tratto dall'omonimo romanzo di Grisham. Ha dalla sua un buon ritmo, diversi colpi di scena azzeccati e, in più, un cast perfetto. Tommy Lee Jones, nel ruolo dello sbirro federale tutto d'un pezzo, è da godere. La Sarandon in grande spolvero. Degli altri non male LaPaglia, il futuro Jack Malone della serie tv Senza Traccia.

Cangaceiro 22/01/10 14:12 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Di thriller c'è pochissimo, visto che Schumacher dopo il coinvolgente prologo del suicidio si getta a capofitto in una commistione tra commedia e lacrima-movie. Il mix che ne deriva è piuttosto armonioso ma la trama diventa presto monocorde facendo sgonfiare il film a poco a poco. Il tassello peggiore sta nella caratterizzazione dei cattivi (da operetta). Lee Jones è la solita mitraglia dal carisma eccezionale ma qui fa solo da terzo incomodo tra una Sarandon cui manca l'ombrello per essere il clone di Mary Poppins e Renfro (bella la sua naturalezza).

Ale nkf 20/04/10 17:32 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Il film è riusciuto a sviluppare un'ottima trama partendo da una situazione iniziale già vista. Non è da definirsi un vero e proprio thriller, ma la suspance è altissima soprattutto nel finale, quando la Sarandon e Renfro cercano di salvarsi. Lee Jones veste i panni del cattivo anche se riesce a non farsi odiare del tutto, invece la Sarandon mostra una grande professionalità. Mozzafiato.

Stefania 29/01/11 22:29 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

La credibilità non è certo il punto forte dei romanzi di Grisham, ma si sa che sono come gli oroscopi: non ci crediamo, ma ci divertiamo a leggerli. Rispetto a Il rapporto Pelican questo film mi pare migliore: forse (ancor) meno sorprendente e più debole a livello di suspence, ma più convincente ed originale nel rendere la dimensione umana dei personaggi. Brad Renfro è ingenuamente strafottente e accattivante, la Sarandon come al solito ottima nei personaggi di dura fuori-morbida dentro. Un intrattenimento di buon livello.

Anthony LaPaglia HA RECITATO ANCHE IN...

Saintgifts 21/04/13 00:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ben presto e quasi senza accorgersene, si accetta l'esagerata saccenza di Mark (Brad Renfro) che all'inizio, prima di essere coinvolti nel buon ritmo del thriller, si giudica poco credibile. Ci si abbandona quindi, più che alle emozioni della vicenda, al divertimento che il carattere dei personaggi provoca. Prevale un tono da commedia, aiutato anche da una caratterizzazione da operetta dei cattivi e dello staff FBI che segue il reverendo (Tommy Lee Jones). Tutto però rimane sotto un controllo professionale che sa dove fermarsi.

Zender 27/07/14 08:48 - 293 commenti

I gusti di Zender

Meno focalizzato del previsto sul fronte processuale (considerato che la fonte è John Grisham), il film di Schumacher è invece attento a ben dipingere la figura del piccolo protagonista (Brad Renfro, uno sguardo che buca lo schermo, una vita purtroppo spezzata ad appena 25 anni) giocando poi quando può sul confronto Sarandon/Lee Jones, entrambi eccellenti. Una sceneggiatura non sempre all'altezza e una regia con qualche incertezza non inficiano troppo il buon risultato. Teso e gradevole.

Il ferrini 4/06/16 23:54 - 1918 commenti

I gusti di Il ferrini

Altro romanzo di Grisham che diventa film (Il socio era uscito l'anno precedente) e altro successo, anche stavolta meritato. Qui a impressionare è soprattutto la straordinaria interpretazione della Sarandon ma in generale tutto il cast se la cava egregiamente, compresa Mary-Louise Parker (Weeds) e il bambino, vero accentratore degli eventi. Un'opera senz'altro più riuscita e divertente del Rapporto Pelican (altro Grisham-movie) e il merito va in larga parte a un ispirato Schumacher, fresco reduce dal suo giorno di ordinaria follia.

Daniela 8/05/17 11:57 - 10901 commenti

I gusti di Daniela

Il cliente di una avvocatessa ex alcolizzata è un ragazzino povero che ha ascoltato un segreto compromettente e per questo si trova stretto fra i mafiosi che lo vogliono eliminare ed un procuratore distrettuale protervo a cui interessa solo la carriera. Thriller criminal-legale da un romanzo di uno specialista del genere, pieno di forzature nella trama ed anche nella definizione dei caratteri. Se il film nonostante questo scorre agevolmente e si fa seguire con interesse, lo si deve all'alta professionalità del cast a partire dal trio protagonista, con Renfro che non sfigura accanto ai due divi

Rambo90 27/08/18 02:31 - 6912 commenti

I gusti di Rambo90

Dramma più che thriller, incentrato sul rapporto ragazzino-avvocatessa, entrambi con vite problematiche, piuttosto interessante per la buona caratterizzazione dei personaggi. Renfro è sorprendentemente spontaneo, la Sarandon in uno dei suoi ruoli migliori, più defilato Jones che contribuisce con il suo solito ritratto di duro dal cuore tutto sommato tenero. Leggermente lungo ma ravvivato qua e là da qualche buona sequenza di tensione e dalla regia esperta di Schumacher. Buono.

Alex1988 27/07/20 18:11 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Il poliedrico Joel Schumacher è alle prese con un dramma che, più che giudiziario, potremmo definire umano. Perché il giovane protagonista, testimone di un suicidio e, allo stesso tempo, messo in pericolo sia dalla FBI che dalla mafia, è un ragazzo con un brutto passato alle spalle che troverà nell'avvocatessa Reggie Love (la sempre grande Sarandon) una perfetta complice; anche lei ha avuto dei problemi in passato. E Schumacher sa raccontare la storia senza annoiare. Tratto dall'omonimo romanzo di John Grisham.

Minitina80 3/10/20 01:49 - 2644 commenti

I gusti di Minitina80

La pietra angolare è l’estetica per famiglie, riscontrabile nella caratterizzazione dei personaggi e in precise scelte narrative. Aspetto non trascurabile che rende gli antagonisti troppo caricaturali per essere credibili fino in fondo. Tuttavia non mancano al film le sfumature che gli permettono di non restare imprigionato in un solo genere. Nel complesso si può dire che le cose funzionino discretamente, anche se il minutaggio risulta eccessivo e qualche giro di forbice ci poteva stare, specie in quei frangenti in cui tende a ripetersi.

Myvincent 20/12/20 15:35 - 2992 commenti

I gusti di Myvincent

Due bambini assistono a un suicidio e uno di loro diventa depositario di un segreto scottantissimo. Più che un thriller adulto pare un film per ragazzi, in cui l'eroe (un undicenne che ragiona meglio di un adulto) si districa alla meglio fra trappole e inganni, spesso mortali. Nonostante il dispiegamento di forze, l'opera di Schumacher non sembra però andare oltre la confezione di un prodotto simil-televisivo, seppur lussuoso. Brava la Sarandon, ma poco credibile nel suo background di alcolista e avvocatessa inesperta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 20/11/09 11:12
    Scrivano - 5629 interventi
    Per il ruolo di Mark fu scartato anche Macaulay Culkin.

    Fonte:Imdb
  • Discussione Gugly • 20/11/09 11:23
    Segretario - 4669 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Per il ruolo di Mark fu scartato anche Macaulay Culkin.

    Fonte:Imdb


    faccino troppo bimbino, meglio lo sguardo (pro)fondo del povero Brad Renfro.