Basic instinct - Istinto di base

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Basic instinct
Anno: 1992
Genere: thriller (colore)
Note: e non "Basic istinct"
Numero commenti presenti: 50
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

BASIC INSTINCT ha trasformato Sharon Stone, fin lì valida attrice senza parti di troppo rilievo, in una superstar. E questo grazie a un'interpretazione sopra le righe che ha dato forma e sostanza al desiderio di grande emancipazione della donna nei Novanta. La sua Christine è il prototipo della nuova femme fatale, meno misteriosa ma molto più intelligente e disinibita. A cadere tra le sue braccia è Michael Douglas, sempre bravo nel caricare di realismo medio-borghese i suoi personaggi. Non un Callaghan silenzioso e impeccabile, non un detective incorruttibile e distaccato. Il segreto del successo di BASIC INSTINCT sta qui, e naturalmente nell’aver abbondato con le scene di sesso, lunghe e e per l'epoca...Leggi tutto assai ardite. Il resto è un thriller di maniera, ma piuttosto ben confezionato e sceneggiato (da Joe Eszterhas) con dialoghi spesso brillanti. Siamo dalle parti delle depalmiane rivisitazioni del “doppio”, con colpi di scena ripetuti e un protagonista (Douglas) costantemente disorientato dall’affacciarsi di nuovi imprevedibili sospetti. Paul Verhoeven, che nella sua filmografia ha sempre fatto trionfare il sesso e il sangue, resta coerente col suo stile smussando gli angoli per non tarpare le ali a un film che mira con evidenza a diventare (come diventerà) il classico blockbuster americano. C'è un buon ritmo, la confezione è di lusso, il cast è scelto con accuratezza anche per i ruoli secondari. In definitiva un thriller che si lascia vedere, non certo epocale come si vorrebbe far credere ma tosto, con la Stone che quando accavalla le gambe senza slip entra di diritto nella storia del cinema. Buono.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Furetto60 10/12/13 14:53 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Quante volte si è discusso sulle cause che hanno decretato il successo di un film? Ancor di più se si tratta di una pellicola modesta. Notorietà e qualità solo a volte vanno a braccetto e la prima spesso deriva dall’aver solleticato argomenti pruriginosi, proibiti ma desiderati dalla nostra ipocrisia. Basic instinct è una vicenda a forte carica erotica e anche la rivincita dei sensi realizzata da due personaggi negativi, eccelsi nella loro disancorata morale e nei quali potremmo riconoscerci. Discutibile e memorabile.
MEMORABILE: L’ultima inquadratura nella quale la mdp sbircia sotto il letto.

Stubby 8/03/07 21:06 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Ottimo thriller, con una buona dose di erotismo a tinte forti. Sharon Stone bella e glaciale e Michael Douglas sempre fenomenale in queste parti che sembrano ritagliate apposta per lui. Il film è intrigante, la storia è contorta e si capisce veramente poco perchè nuovi sospetti sono sempre pronti ad affacciarsi facendo fare marcia indietro al nostro detective. La scena delle gambe accavallate è sicuramente una delle più famose della storia del cinema.

Lercio 3/05/07 22:46 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Un thriller di pregevole fattura, dalle atmosfere inquietanti ed ipnotiche. I personaggi sono delineati alla perfezione con una componente di mistero perfettamente funzionale all'intreccio. Il discorso della Stone a livello pubblicitario è stato geniale, ma il film va oltre l'upskirt non fermandosi affatto a quel dettaglio come unico merito. Opera lodevole.

Magnetti 13/05/07 00:00 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Film che viene ricordato spesso per la sua componente erotica, ma a torto. E' innanzi tutto un buon thriller, con una trama valida e attori bravissimi. Nick/Douglas e Stone/Catherine (dark lady bellissima) recitano le loro parti come meglio non si poteva fare e la loro accoppiata (in tutti i sensi) fa più scintille di un vulcano. Finale con il punto interrogativo. Grande merito al regista che penso si sia anche divertito a dirigere un film dalla atmosfera torbida. Si presta naturalmente alla parodia.
MEMORABILE: Il punteruolo sul ghiaccio (e non solo) e l'accavallamento di gambe della Stone.

Caesars 15/05/07 09:05 - 2765 commenti

I gusti di Caesars

Mentre guardavo questo film mi arrabbiavo con me stesso. Possibile perdere 2 ore della propria vita per guardare un prodotto inconsistente come questo? Un battage pubblicitario incredibile, che puntava tutto sulla celebre scena dell'accavallamento delle gambe di Sharon Stone, ha creato un alone di film scandaloso del tutto immeritato. Non che mi aspettassi grnché ma decisamente al di sotto di ogni più nera previsione. Da evitare.

Undying 16/05/07 23:09 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Paul Verhoeven è regista dotato di buon gusto visivo e riesce a sfruttare al meglio inquadrature, illuminazioni e pose (celebre la "divaricata" della Stone). Ma la storia è sviluppata attorno ad un soggetto poco efficace e, soprattutto, poco thriller. I dialoghi sono di una banalità disarmante e le interpretazioni lasciano molto a desiderare; la confezione, insomma, è regale, ma la sostanza (pur se c'è) svanisce subitamente: un successo momentaneo, destinato alla rimozione con il passare del tempo, presto dimenticato dal pubblico. Effimero.

Red Dragon 19/05/07 11:20 - 125 commenti

I gusti di Red Dragon

Buon thriller, che riscosse enorme successo (ringraziamenti alla Venere-Stone) e per questo è diventato antipatico e ingiustamente bistrattato. Il film non è in effetti un capolavoro hitchcockiano ma è un buon giallo, interpretato bene da un cast in forma, su tutti un Douglas nella parte che gli riesce meglio: quella in cui ha i nervi a fior di pelle. La sceneggiatura è furbina ma regge e convince, accompagna lo spettatore col fiato sospeso un colpo di scena dopo l'altro (nonostante qualche pausa gratuita). Da rivalutare, seppur nella giusta misura.

Deepred89 26/05/07 13:33 - 3310 commenti

I gusti di Deepred89

Un buon thriller. Notevole la regia, che regala alcune inquadrature intelligenti (la Stone che accavalla le gambe è cultissima), qualche discreta scena di sesso e un paio di ottime sequenze d'omicidio. La sceneggiatura, nonostante qualche banalità, è intrigante e piena di colpi di scena. Bravissimo Douglas, bella la Stone. Numerosi i richiami a Hitchcock.

Gugly 28/12/07 23:25 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Opera di continui rimandi a Hitchcock. Malgrado all'inizio il personaggio della Stone sia connotato da un'aura di perfezione non solo fisica (due lauree, profonda comprensione dell'essere umano, ecc.), lo scosciamento dell'interrogatorio (oltre alle altre scene di sesso) rimarrà in saecola saeculorum. Peccato.

Galbo 30/12/07 21:42 - 11449 commenti

I gusti di Galbo

Film che ha avuto uno spropositato successo rispetto al suo effettivo valore; si tratta infatti di un thriller assolutamente nella media (o forse un po' al di sotto) ma fintamente provocatorio. L'erotismo che (dovrebbe) trasparire dalla storia e dai personaggi che la interpretano (in primis la Stone) sono quanto di più convenzionale ed ordinario possa essere prodotto dal cinema. Michael Douglas infine è assolutamente inadatto (oltre che troppo vecchio) per il ruolo.

Lovejoy 30/12/07 20:37 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Cosa dire di un film che si ispira dichiaratamente a Hitchcock ma con molta classe in meno e molto sesso in più? Che a parte qualche sequenza ben piazzata (l'inizio, l'ormai celeberrimo interrogatorio, l'ascensore) c'è poco altro da segnalare. Neanche la regia di Verhoeven è granché e il cast, tolta una sexy Stone e il sempre bravo Dzundza, non resta certamente nella memoria. Splendida comunque la colonna sonora del grande Goldsmith.

Capannelle 10/04/08 13:42 - 3742 commenti

I gusti di Capannelle

Non credo che l'autore punti alla componente thriller sofisticata e abbia la pretesa di rievocare vecchi maestri. Piuttosto punta sui due interpreti principali, sicuramente a loro agio e su quella parte, il sesso, che funziona sempre. Sopravvalutato si, ma merita tre palle.

Cotola 7/05/08 01:29 - 7619 commenti

I gusti di Cotola

All'epoca venne venduto come un film "proibito" (ma già allora c'era poco da scandalizzarsi) per mascherare quello che in realtà non è altro che un modesto thriller che sceglie sempre la strada più furba e disonesta (per forza, visto che lo sceneggiatore è Joe Esztheras) al fine di raggranellare quanti più soldi possibile ai danni dell'ingenuo spettatore. Si può vedere, ma non fosse stato per l'astuta opera di promozione e soprattutto per la scena in cui la Stone mostra le sue "grazie" nascoste, sarebbe finito nel dimenticatoio.

Ciavazzaro 27/08/08 12:07 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Thriller diventato molto famoso negli anni. Verhoeven alterna scene di sesso patinato a una trama thriller convincente, volutamente confusa in qualche punto. Molto sexy la Stone (entrata negli annali del cinema la sua accavalata di gambe). Bravo anche Douglas.
MEMORABILE: Il rompighiaccio.

Hackett 29/08/08 11:15 - 1743 commenti

I gusti di Hackett

Discreto thriller dai toni abbastanza gelidi, di cui stranamente si ha ricordo solo delle (non esagerate) scene scabrose. La regia è sicura, gli interpreti se la cavano bene e il ritmo è abbastanza incalzante, con un paio di colpi di scena riusciti. Dignitoso.
MEMORABILE: L'omicidio in ascensore.

Redeyes 1/09/08 10:06 - 2160 commenti

I gusti di Redeyes

Film che ha goduto e gode di immensa popolarità, che, per lo più, si deve all'accavallamento della Stone ma che non è, pur essendo un buon thriller, del tutto meritata. La trama, pur con i suoi rimandi, non dispiace, così come si debbono apprezzare la fotografia e l'ottima performance della Stone. Salvo alcuni ridicoli momenti, vedi la scena in discoteca, direi che il livello è comunque alto.
MEMORABILE: Di fronte al primo omicidio, il cadavere giace su lenzuola sporche di liquido seminale: "È venuto e se ne è andato!"

Matalo! 22/09/08 20:55 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Sonora presa per i fondelli dello spettatore; hitchockata senza nerbo affidata semplicemente al presunto charme degli interpreti, con un Douglas nevrastenico sotto massiccie dosi di Viagra e la sex bomb meno nobile di sempre (ma bona). Che un film che nessuno andrebbe a vedere (perlomeno non una massa tale di spettatori) debba basare la sua fortuna su 3 fotogrammi di pelo la dice lunga.

Il Gobbo 17/11/08 20:21 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Epocale patacca rifilata dall'impunito duo Esztheras/Verhoeven al consenziente mondo intero. A conferma del noto adagio popolare secondo cui tira più eccetera eccetera, una premeditatissima scena "scandalo" è bastata a portare a casa il risultato senza eccessivi sforzi di sceneggiatura o di direzione d'attori (Douglas porta la nozione di overacting a nuove, inattinte vette). Passato di cottura a velocità supersonica, ha però il merito di avere ispirato una delle più formidabili parodie a fumetti di Stefano Disegni, che ricordiamo ancora dall'epoca.

Pigro 17/02/09 10:07 - 7908 commenti

I gusti di Pigro

Passione erotica tra un poliziotto e una scrittrice sospettata di omicidio. Thriller ad alta tensione erotica oppure, a scelta, pataccata morbosamente erotica travestita da thriller. In effetti, il film ondeggia tra le due sue possibili identità: il livello generale della recitazione e della pretestuosa sceneggiatura fa propendere per la seconda ipotesi. A parte la gelida bellezza di Sharon Stone, giocata tutta in pose provocanti, c'è ben poco da ricordare.

Ilcassiere 23/11/09 18:51 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Non fraintendetemi, anche a me la pressione è salita vertiginosamente al momento del celebre "accavallo", ma ritengo sbagliato identificare questo film solo con quella scena, perché si tratta davvero di un buon thriller che tiene lo spettatore con il fiato sospeso fino alla fine grazie ai numerosi colpi di scena, ai misteriosi legami tra la sospettata e la compagna del poliziotto e soprattutto grazie alla carica erotica sprigionata dal primo all'ultimo fotogramma dalla meravigliosa Sharon Stone.

124c 25/08/09 12:35 - 2778 commenti

I gusti di 124c

È il film che ha trasformato Sharon Stone in una star internazionale, dopo decine di film, filmetti e telefilm, quasi tutti insignificanti. Una scrittrice è indagata per un omicidio, l'arma è un punteruolo da ghiaccio. Il poliziotto Michael Douglas indaga e, nel contempo, s'innamora della presunta colpevole. Thriller "spinto", sulla farsiglia di Brivido caldo di Lawrence Kasdan, ma meno riuscito, secondo me. La scena dell'interrogatorio è passata alla storia, ma il mio giudizio è 2 pallini.
MEMORABILE: Sharon accavalla le gambe (mentre fuma una sigaretta) durante l'interrogatorio e s'intravede che non sta indossando gli slip.

Lucius 17/04/10 19:41 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Una spavalda perversione arriva dai fotogrammi di questa pellicola, in cui la Stone in quella che è forse la migliore interpretazione della sua carriera, veste i panni di una donna padrona della propria sessualità, perversa, soprattutto mentalmente e che sa tenere in ballo i suoi amanti in una sorta di gioco erotico rischioso. Il film è un uttimo thriller inficiato per alcuni, non per me, dalla scena dell'accavallamento delle gambe, che non è messa lì a caso ma a fagiolo, in quanto emblematica del personaggio.

Stefania 20/04/10 16:57 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'arte imita la vita (cioè, più la morte...), o viceversa? Non era nuovissimo già allora, l'espediente dei delitti ispirati al romanzo giallo, ma è sempre d'effetto: i sospetti ricadono per forza sull'autore (qui, autrice) del romanzo, e uno è costretto a chiedersi se la pista più evidente sia falsa o meno. In fondo, si tratta di un whodunit tradizionale, se ancora oggi lo ricordiamo è per il twist morboso della bisessualità di Catherine (la Stone, nuova dark lady), e per l'erotismo esplicito. Astuto più nella confezione che nella sostanza.

Herrkinski 1/06/10 10:28 - 5290 commenti

I gusti di Herrkinski

Effimero e patinato, il film segna nel bene e nel male il passaggio tra gli '80 e i '90; se infatti la storia è abbastanza classica ed in linea con i thriller americani degli anni '80 (ma anche con alcune cose più datate di Hitchcock), la componente sessuale disinibita (e ostentata dal battage pubblicitario) è un segno dei tempi moderni, nonchè l'inizio di una nuova tendenza del cinema e della televisione. In realtà, il film è molto fumo e poco arrosto, annoia abbastanza ed ha avuto un successo sproporzionato; è comunque aderente al romanzo.

Belfagor 1/10/10 11:49 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Si vede che c'è la mano di Esztheras dietro questo thrillerino leccato e molto più convenzionale di quanto sembri. La Stone, che ottenne un successo internazionale grazie a questa pellicola, è quella più in parte nei panni di una dark lady in versione spinta e l'unica in grado di aggiungere al film un po' di morbosità non patinata. Sbagliata invece la scelta di Douglas, la cui agitazione costante dopo un po' stanca. Insomma, un prodotto senza infamia e senza lode, a cui sarebbe servita più sostanza e meno marketing.
MEMORABILE: Sharon Stone accavalla le gambe... e il resto è storia.

Luchi78 5/02/11 18:41 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Diamo a Cesare quel che è di Cesare: il film è un thriller piuttosto accattivante, ben girato, con qualche colpo di scena azzeccato e qualcuno meno, ma è soprattutto un film erotico dove Sharon Stone si impone per bellezza e anche per interpretazione. Insomma, un film che si può anche riguardare con piacere.
MEMORABILE: Michael Douglas che non muove un passo in discoteca. Comico.

Trivex 11/02/11 12:06 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Rivisto, con revisione in peggio nel giudizio. Efficace nel comunicare morbosità a 360 gradi, perché ovunque si nasconde il difetto e nulla è chiaro e sereno nella vita dei protagonisti. L'espressione cinematografica dei deliri è convincente ed anche i partecipanti, seppur caricati eccessivamente di enfasi nelle devianze, paiono idonei al loro compito. Scalpore in qualche scena, parolacce dalla bellissima pronunciate col sorriso, ininterrotti propositi sessuali come pane della vita ed unica speranza contro il tedio. Ma è solo questo ed è un po' poco. **!
MEMORABILE: Lei che fuma in vista al mare... sorrisi, poi la "gentile" richiesta di commiato ai due poliziotti.

Pinhead80 3/03/11 00:33 - 4004 commenti

I gusti di Pinhead80

La prima cosa che viene in mente pensando a Basic Istinct è la scena che vede Sharon Stone accavallare le gambe e mostrare alla polizia di non avere le mutande. Ma serebbe ingiusto limitare il film a quest'unica scena. In realtà si tratta di un buon giallo che mescola sapientemente suspance, azione ed erotismo in un mix letale. La conturbante e sexy Sharon Stone e lo scapigliato e frenetico Douglas fanno il resto. Carnale.

Rebis 4/05/11 13:45 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Fotografia e musiche rievocano il clima dei fiammeggianti thriller anni '50 (Hitchcock in primis): l'esercizio però rimane oleografico perché la sceneggiatura di Joe Eszterhas è talmente infarcita di volgarità, involuzioni maschiliste e banalità da commutare in autoparodia i cliché intenzionalmente perseguiti. Verhoeven ci mette dell'estro compilativo; Douglas, che vorrebbe scavare nel torbido, sembra solo un mandrillo arrapato; l'arroganza della Stone vivacizza il menage. Performance sessuali al di sotto delle aspettative. Fuori luogo le polemiche sollevate dalla comunità queer.

Nando 29/06/11 08:51 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Thriller morboso in cui le torbide scene di sesso prevalgono sull'intreccio narrativo che appare poco convincente. La figura della Stone catalizza l'attenzione, ma la recitazione appare ultra patinata ed anche il finale dubbioso sembra appiccicato tanto per fare. Grande scandalo all'uscita.

Buiomega71 28/08/11 15:17 - 2297 commenti

I gusti di Buiomega71

Remake americano (nemmeno troppo velato) del verhoeviano Il quarto uomo. Nella Hollywood (finto) puritana dei novanta, dove ci si scandalizzava per un paio di cosce, l'olandese "folle" ci infila momenti bollenti sudaticci patinati, lesbo, voyeurismo e un cinismo sopra la media di prodotti analoghi. L'Olanda è lontana, ma Verhoeven non rinuncia a gustose esplosioni splatter e di qualche centimetro di pelle in più. Sceneggiatura terrificante, dialoghi indigesti, ma pura forza visiva e fiammeggiante verhoeviana. Delirante e febbrile. Sottostimato.
MEMORABILE: L'omicidio in ascensore, condito da notevoli schegge splatter ad opera di Rob Bottin; il delitto iniziale a letto; il finale enigmatico.

Nmatta 2/03/12 20:20 - 18 commenti

I gusti di Nmatta

Per apprezzarlo basta prenderlo come film erotico, perché di eros ce n'è tanto e la Stone che accavalla le gambe entra di diritto nell'antologia delle dark ladies del grande schermo. Ma come thriller "whodunit" (chi è l'assassino?) è imbarazzante: la soluzione dell'enigma è davvero semplice...

Piero68 9/09/13 12:30 - 2781 commenti

I gusti di Piero68

Uno dei film simbolo degli anni 90, quando cioè un po' di pelo visto e non visto faceva urlare allo scandalo. Thriller a tinte fosche che ripassa tutto il corollario dell'eros. Non male nell'insieme ma troppo sopravvalutato per il suo effettivo valore. In realtà il film è tagliato su misura per far emergere la bella Sharon, già utilizzata dallo stesso Verhoeven due anni prima in Atto di forza. Douglas fa quel che può e anche qualcosina in più, ma resta sempre il limite di una sceneggiatura a tratti imbarazzante (e non per il sesso)!
MEMORABILE: L'accavallamento di gambe, volutamente enfatizzata all'ennesima potenza, utile solo alla pubblicità.

Saintgifts 7/12/13 00:17 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Le scene di sesso, che tanto hanno fatto parlare all'uscita del film, non sono niente di particolarmente speciale, in tutti i sensi. Sono prive di una vera fantasia erotica e per trasmettere quello che vorrebbero ricorrono a finte esagerazioni; insomma non sono girate bene, tant'è che viste oggi risultano imbarazzanti, tanta è l'ingenuità. Quando Douglas dichiara "la scopata del secolo" la risata scoppia irrefrenabile. Per il resto non male, Hitchcock insegna. Sorretto da musiche quelle sì buone. Finale da altra risatina. **! meritate.

Rambo90 21/02/14 19:11 - 6431 commenti

I gusti di Rambo90

Thriller riuscito quasi quanto la sua fama. Il clima torbido che Verhoeven mette in piedi è perfetto per questo giallo psicologico, dove non importa molto chi sia l'assassino ma a cosa vorrà credere il protagonista, conturbato dalla maggior sospettata. Douglas è perfetto, la Stone sa usare sapientemente il fascino e non sfigurano nemmeno i comprimari. Echi del De Palma vestito per uccidere (e di quello a luci rosse), ma anche di Hitchcock, soprattutto per luoghi e musiche. Notevole.

Enzus79 10/10/14 16:23 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Thriller d'impronta hitchcockiana con sfumature erotiche (e che sfumature!). Storia non propriamente originale ma che comunque è ben scritta e non cade mai nella noia, anzi. Attori in parte, specialmente Sharon Stone (che qui non si dimostra solo bella). Colonna sonora perfetta di Goldsmith.

Ultimo 3/12/14 23:05 - 1384 commenti

I gusti di Ultimo

Un thriller a sfondo erotico che ha fatto la storia del cinema se non altro per il personaggio di Sharon Stone, una scrittrice fredda di carattere e prodiga di bellezza, capace di far cadere ai suoi piedi chiunque (vedere per credere la famosa scena dell'interrogatorio...). Michael Douglas non è nella forma massima, ma indubbiamente in uno dei ruoli più famosi della sua carriera. Buon film.

Giacomovie 9/01/15 17:04 - 1355 commenti

I gusti di Giacomovie

I film con erotismo evidente di solito partono svantaggiati sia nei giudizi critici che nel gradimento del pubblico. E questo, pur senza particolari demeriti, risente ancora di certi ottusi preconcetti. La trama non presenta lacune e anzi ha un bel finale in bilico tra sorpresa e dubbio, l’intreccio psicologico è ben condotto e le musiche sono adatte. C’è solo qualche momento sottotono, ma ciò non basta per lapidarlo. Meglio invece lasciarsi “lapidare” dalla bellezza di Sharon Stone, divenuta una “pietra” miliare dell’erotismo sofisticato.

Daniela 27/01/15 09:24 - 9638 commenti

I gusti di Daniela

Inguainata in un tubino bianco, la bionda fatale Sharon Stone accavalla e scavalla le gambe nella sequenza clou: il fatto che non indossi le mutande fa perdere la bussola a tutti i maschi presenti, imbambolati a fissare quel punto lì... e sembra essersi imbambolato anche V., che ha trascurato la costruzione del racconto e la definizione dei personaggi. Dal punto di vista commerciale la cosa ha funzionato alla grande, dal punto di vista cinematografico il risultato è stato un thriller fra il banale e l'irritante, con un erotismo playboystico. Importante nella storia del costume scostumato.

Paulaster 24/09/15 09:31 - 2865 commenti

I gusti di Paulaster

Thriller che spinge sull’acceleratore l’aspetto voyeuristico verso la freschezza di una Stone che nel ruolo della vita è credibile nel rigirare a piacimento un Douglas che non sembra più un ragazzino. Regìa che ha mestiere nello scopiazzare dai classici del genere e con l’uso delle luci a ricreare sempre un clima torbido. Poteva essere sforbiciato in quanto tende alla ripetizione delle situazioni e perché quando vira sul psicologico non interessa granché.

Nicola81 10/12/15 21:55 - 2004 commenti

I gusti di Nicola81

Thriller erotico per antonomasia, che deve fama e successo (ma anche critiche pretestuose) all'esibizione delle notevoli grazie di una Sharon Stone al ruolo della vita, ma che può comunque vantare anche altre frecce al suo arco. La regia di Verhoeven è altalenante, ma la confezione è buona (meritevoli le musiche di Goldsmith), la storia abbastanza coinvolgente, i colpi di scena arrivano nei momenti giusti e anche il cast di contorno (non solo Douglas) si comporta piuttosto bene. Due ore che scorrono velocemente e non è cosa da poco...
MEMORABILE: L'omicidio iniziale; L'interrogatorio della Stone con annesso accavallamento; Le riunioni in centrale; Il finale.

Daidae 28/05/16 17:11 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Ennnesima bruttura pompata (a suo tempo) da tv e giornali e spacciata come scandalosa (ma dove?) che non becca un pallino solo per l'innegabile bellezza della protagonista femminile; Douglas ci mette del suo ma non risolleva un film banalissimo. Stento a credere che chi ha girato prodotti di valore come Atto di forza e Robocop possa aver diretto questo "thriller".
MEMORABILE: Le gambe della Stone.

Jena 30/11/16 17:49 - 1217 commenti

I gusti di Jena

Il film forse più celebre di Verhoeven in realtà è solo una gran furbata patinata, che ha colpito nel segno solleticando certe fantasie e attirando il pubblico in massa. In realtà tanto fumo e poco arrosto, anche se un paio di scene di sesso abbastanza hot ci sono e la Stone fa la sua figura (poi vivrà di rendita su questo ruolo per 15 anni). Douglas sembra rintronato e se la cava meglio la conturbante Tripplehorn. Il regista olandese comunque ci mette un buon mestiere e un po' di atmosfera simil hitchcockiana che rendono accettabile il tutto.

Alex75 3/12/16 10:38 - 687 commenti

I gusti di Alex75

Thriller che svolge fino in fondo il compito di lasciare con il fiato sospeso, ma che sarebbe rimasto tra i tanti del suo genere se non fosse per una scena di seduzione fin troppo nota a cui è automatico associare il film. La scelta di Sharon Stone, glaciale e al tempo stesso torrida, si rivela una scommessa vincente (forse la migliore per il ruolo di Catherine Tramell) e Douglas, all’epoca, non sbagliava un film. Al netto di alcune cadute di stile, più che godibile.
MEMORABILE: Ovviamente la Stone che accavalla le gambe; Il rompighiaccio.

Lou 10/12/16 17:54 - 984 commenti

I gusti di Lou

Senza il celebre accavallamento di gambe della Stones senza mutande il successo del film sarebbe probabilmente stato meno clamoroso; bisogna però ammettere che Verhoeven ha giocato bene le sue carte, realizzando un film di buona fattura e con tutti gli ingredienti giusti per scandalizzare e sfondare. La trama non è sempre coerente ma è più che altro funzionale a trasmettere un senso di inquietante morbosità che accompagna lo spettatore dall'inizio alla fine.

Ira72 1/02/17 18:11 - 971 commenti

I gusti di Ira72

Non c'è nulla che non vada in questo thriller, superiore alla media dell'epoca. Intanto al regista va riconosciuta la furbata che ne ha fatto un cult tale da farlo finire difficilmente nel dimenticatoio: l'accavallarsi di gambe della Stone, che la consacrò poi nell'Olimpo delle attrici di cui si parla. Apprezzabile anche il finale aperto. Soprattutto rispetto a tanti altri finali buttati lì a rovinare sceneggiature, a volte piacevoli. Il ritmo è buono e le scene coinvolgenti (soprattutto per i maschietti). Douglas un po' inadeguato e goffo.

Vito 26/05/18 22:04 - 665 commenti

I gusti di Vito

Il thriller erotico è il terreno perfetto per un regista come Verhoeven, attratto dalla dicotomia tra sesso e violenza. Le scene di sesso infatti sono esagerate fino a sfiorare il ridicolo, ma tutto è calato in una dimensione di tenebra dove regnano la paura, il sospetto e l'inganno. Douglas fa il classico sbirro dal passato tormentato, mentre la Stone è la vera rivelazione e la scena dell'accavallamento che la consacrò riesce ancora a colpire. Ottimo anche il finale ambiguo. Hitchcockiano.
MEMORABILE: Il primo omicidio col punteruolo; Ovviamente la scena dell'accavallamento di gambe della Stone che rivela assenza di biancheria intima.

Minitina80 24/08/18 17:05 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

La componente erotica colpisce l’occhio prima di ogni altra cosa, disponendo di una Sharon Stone ben calata nel ruolo della donna ambigua e libertina a cui spetta il compito di colpire la sensibilità maschile. Tuttavia, l’intrigo attorno al quale ruota il giallo non ne risente perché gode di una scrittura furba e intelligente, volutamente aggrovigliata quando necessario e in grado di gestire bene i colpi di scena e i ribaltamenti di fronte. Non è un capolavoro, ma sicuramente un thriller godibile e ben strutturato.

Siska80 21/10/20 11:53 - 838 commenti

I gusti di Siska80

Film che ebbe un certo successo soprattutto per l'accavallamento delle gambe (con relativa "sorpresa" per il pubblico maschile) da parte della statuaria protagonista (sequenza tra l'altro realizzata in maniera modesta e poco elegante). Per il resto, nulla da segnalare all'orizzonte: Douglas come di consueto convincente solo nelle scene bollenti, la Stone adatta al ruolo della persona finta e senza scrupoli, epilogo di una banalità che lascia senza stucco lo spettatore nella vana attesa del gran colpo di scena.

Thedude94 18/11/20 00:51 - 613 commenti

I gusti di Thedude94

Verhoeven dirige molto bene uno dei thriller più famosi e "scandalosi" degli anni Novanta, portando alla ribalta la stratosferica bellezza della Stone in una delle scene più ricordate nel mondo del cinema. La recitazione e la sceneggiatura (soprattutto nei dialoghi) non sono i punti forti del film, che riesce comunque a tenersi in piedi grazie alla tensione scaturita dalle immagini spiazzanti di amplessi e non, dalla buona fotografia e dall'ottima colonna sonora. Un film che sicuramente ha segnato un decennio e verrà ricordato pur non essendo un grande capolavoro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 5/10/11 18:13
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    Sapevo che avresti colto ;)
  • Discussione Pigro • 6/10/11 10:26
    Consigliere avanzato - 1492 interventi
    Molto interessante: in effetti le linee generali potrebbero essere quelle, anche se il Quarto uomo è davvero tutta un'altra cosa, non foss'altro che lì, dietro, c'era il romanzo del "torbido" Gerard Reve, che dava corpo doloroso e forma allegorica alle sue ossessioni erotico-cattoliche. Mentre qui si sente che manca una base concettuale forte, e quindi la trama è semplicemente una trama (mentre là era una vera e propria epica di calata negli inferi).
    Anche per questo, e non solo perché oggettivamente le trame sono diverse, non lo definirei "remake". Mentre invece trovo molto interessante che comunque tu abbia sottolineato la relazione tra i due film, anche proprio nel senso della ripresa di un tema, sviluppato in modo diverso (e, secondo me, nettamente inferiore al film olandese): sarebbe come dire che molti film di Hitchcock sono il remake del primo in cui appare una misteriosa e pericolosa donna bionda. Il tema è quello, l'andamento pure, ma le opere sono ben diverse.
  • Discussione Buiomega71 • 6/10/11 17:41
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    In un certo senso, Pigro, non hai torto. Certo, non intendo Il quarto uomo come un remake diretto di Basic(nel senso di voluto), ma una rilettura in chiave hollywoodiana/verhoeviana. Ho usato il termine remake proprio per il poco divario che c'è tra i due film. Un pò come succederà per Kitty Tippel e Showgirls( vedo già che vi state mettendo le mani nei capelli :) ).
    Eppure, vedendoli, non posso che non rimandare la mente al suo periodo olandese.

    IL QUARTO UOMO
    Vedova nera in odor di stregoneria fà collezione di uomini, per poi ucciderli. Scrittore alcolizzato e bisex cade nella sua rete.

    BASIC INSTINCT
    Scrittrice algida e vedova nera, sospettata di omicidio, colleziona uomini e donne nel suo letto. Un poliziotto "accaldato" cadrà nella sua rete.


    KITTY TIPPEL
    Giovane ragazza arriva a Amsterdam , passa per bordelli e varie peripezie, sino a abbracciare il matrimonio con un uomo ricco.

    SHOWGIRLS
    Giovane ragazza di belle speranze arriva a Las Vegas, dopo varie peripezie farà fortuna nel luccicante mondo dello "spettacolo".

    Remake velati (ma mica poi tanto), Verhoeven yankee fagogita Verhoeven orange.
    Ultima modifica: 6/10/11 17:43 da Buiomega71
  • Curiosità Lucius • 25/04/12 18:56
    Scrivano - 8308 interventi
    David Denby della rivista "New York" si meravigliò degli effetti potenziali del film sul merchandising.A tal proposito scrisse:"...farà meraviglie nel promuovere le vendite di testate da letto e sciarpe di Hermès".Si sperava tuttavia che non lievitassero anche le vendite dei punteruoli di ghiaccio.
  • Curiosità Lucius • 25/04/12 19:00
    Scrivano - 8308 interventi
    Il detective fuso interpretato da Douglas è identico a Stewart in La donna che visse due volte, solo che è più ingarbugliato.La scalinata di Basic Instinct è un tributo iconografico al campanile che dà la vertigini in La donna che visse due volte.
    Fonte: Sharon Stone di Frank Sanello.
  • Curiosità Buiomega71 • 11/05/15 17:12
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv ("I Filmissimi", lunedì 3 ottobre 1994) di Basic instinct:

  • Homevideo Zender • 23/03/16 08:19
    Consigliere - 43739 interventi
    Il bluray della Universal (che a quanto si dice parrebbe buono) ha però una gravissima pecca: l'audio italiano non è quello originale ma un ridoppiaggio!
  • Homevideo Zender • 28/11/17 11:20
    Consigliere - 43739 interventi
    Il "pericoloso" ridoppiaggio (presente sul bluray Universal), difficile da riconoscere in quanto usa praticamente le stesse identiche frasi del doppiaggio originale (presente sul vecchio dvd Cecchi Gori), ha anche molti degli stessi doppiatori, a cominciare da Oreste Rizzini (Douglas) e Cristiana Lionello (Stone), entrambi però con 16 anni di più!

    Per riconoscere con certezza le due versioni bisogna andare al minuto 6.18 quando Douglas, dopo aver trovato della "civica e rispettabilissima cocaina" in casa, si sente dire faccia a faccia dal suo superiore:

    VERSIONE ORIGINALE (1992): "Stammi a sentire Curran, mi faranno sudare freddo per questo".
    RIDOPPIAGGIO (2008): "Sentimi bene Curran, mi faranno sudare freddo per questo".

    Ecco qui sotto la scena incriminata:

  • Discussione Buiomega71 • 20/01/18 11:05
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    E' mancata Dorothy Malone

    https://www.tio.ch/agenda/cinema/1236445/e-morta-dorothy-malone--da-hollywood-alle-soap
  • Discussione Digital • 20/01/18 12:28
    Segretario - 3058 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    E' mancata Dorothy Malone

    https://www.tio.ch/agenda/cinema/1236445/e-morta-dorothy-malone--da-hollywood-alle-soap

    Dispiace. Ipotizzo che abbia reso ciechi non pochi maschietti, quando era all'apice della sua avvenenza.