Underwater

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/01/20 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 28/03/20 22:58 - 9509 commenti

I gusti di Daniela

In una enorme base sottomarina che sta conducendo trivellazioni sul fondo dell'oceano si verifica un disastroso incidente, a seguito del quale i pochi sopravvissuti dovranno affrontare una minaccia spaventosa... Fantahorror con molti debiti, da Alien a The Abyss passando da Il mondo perduto, che tuttavia riesce a mantenere una discreta tensione ansiogena grazie alla situazione estrema e all'altrettanto estrema bruttezza delle creature. Convincono meno certi accenni intimisti ma nel complesso ci si può accontentare, considerato anche il periodo di vacche magre che sta attraversando il genere.
MEMORABILE: "Lo so che è una domanda fuori luogo, ma quello è per caso un cucciolo?"

Digital 30/01/20 22:54 - 1121 commenti

I gusti di Digital

Un gruppo di ricercatori marini si trova nella spiacevole situazione di dover fare il possibile per restare in vita dopo che un terremoto ha distrutto il loro laboratorio. L'originalità non risiede certo in questo film, che ricicla a mani basse da numerose pellicole che l'hanno preceduto. Nonostante ciò si lascia guardare amabilmente, con una buona tensione, un notevole senso claustrofobico e quel pizzico di ironia utile a stemperare le situazioni maggiormente scabrose. Zeppo di cliché, ma con un comparto spfx di tutto rispetto e un buon cast.

Ryo 17/02/20 00:57 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Molto lovercraftiano, con horror, fantascienza e claustrofobia che la fanno da padroni. William Eubank fa un buon lavoro nella creazione di un film cupo e angosciante, che inizia subito con dell'azione adrenalinica e non si ferma mai per un respiro fino ai titoli di coda. La prima metà riguarda i personaggi che cercano di sopravvivere al disastro, nella seconda gli stessi cercano di sfuggire da una creatura che si mostra a malapena. Buona interpretazione di Kristen Stewart.

Claudius 23/02/20 06:36 - 419 commenti

I gusti di Claudius

Tentativo (discretamente riuscito) di rinverdire i fasti di pellicole girate negli abissi. Di certo l'originalità va a spasso, malgrado un buon cast: Cassel, la Stewart brava e sexy (ricorda un film anni 70). Il reparto fx è buono, così come un paio di volte si balza sulla poltrona. Purtroppo questi film ormai hanno già dato, al cinema. Discreto ma non di più.

Viccrowley 29/03/20 13:28 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Di epigoni acquatici del classicissimo Alien se ne contano parecchi sparsi nei meandri del cinema, da La creatura degli abissi del papà di Venerdì 13 al gioiellino in mutazione continua Leviathan. Lo sconosciuto Eubank dice la sua proponendo un film che ci mette trenta secondi per entrare nel vivo dell'azione, spogliando e piallando tutto il superfluo. Le scene d'azione a volte sono un po' confuse e il destino della ciurma abbastanza scontato, ma il ritmo è alto, il cast se la cava e il mostrone lovecraftiano un piccolo applauso lo merita.
MEMORABILE: Incredibile, la Stewart non fa accapponare la pelle come spesso le capita; Gli attacchi sul fondale; L'omaggio a Cthulhu.

Herrkinski 12/04/20 15:12 - 5199 commenti

I gusti di Herrkinski

Revival dei vari film di fine 80s con mostri marini e affini, curiosamente assomiglia molto al misconosciuto Lords of the deep più che ai suoi epigoni maggiormente noti, almeno nell'impostazione di base; i mostri marini sono però qui più feroci, oltre che chiaramente ispirati al pantheon lovecraftiano. Il film ha una buona atmosfera, interpreti adeguati e la tensione è tenuta alta; l'oscurità degli abissi e l'utilizzo delle luci però, per quanto realistici, rendono poco comprensibili molte sequenze, mascherando perlomeno la molta CGI. Discreto.

Jurgen77 27/04/20 10:57 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Stupisce che nell'anno domini 2020 si ricicli ancora il tema dell'Alien o del mostro marino. Benché il film abbia un ottimo budget a disposizione e si respiri un buon clima claustrofobico, lo spettatore fondamentalmente si annoia. In quest'ennesimo clone di Alien in ambientazione marina gli attori che trasmettono molto e pure il mostriciattolo lascia a desiderare... Passare oltre.

Galbo 14/05/20 19:50 - 11417 commenti

I gusti di Galbo

Horror claustrofobico di ambientazione sottomarina, con molti “debiti” nei confronti dei classici del genere. Eubank “porta a casa” il risultato creando una buona tensione, facendo un uso misurato degli effetti speciali ed insistendo sulle atmosfere. Buona la scelta di attori come Cassel e la Stewart. Quest’ultima si propone come una versione aggiornata del tenente Ripley brava anche se meno carismatica rispetto alla Weaver. Poco originale ma non disprezzabile.

Kinodrop 25/05/20 20:25 - 1540 commenti

I gusti di Kinodrop

Una grande base sottomarina di trivellazione va in tilt e lo sparuto equipaggio dovrà vedersela prima con l'apparato tecnico disastrato e poi con un mostro marino dall'aspetto indecifrabile ma paurosissimo e vorace. Il plot non eccelle per originalità e le citazioni alla fantascienza subacquea (e non solo) cercano di dare uno spessore "più condivisibile" alle avventure dei protagonisti. Molto coinvolgente sia l'atmosfera claustrofobica tra luminescenze e bagliori nel buio che l'apparato sonoro, con stridori sinistri e rimbombi agghiaccianti.
MEMORABILE: La pericolosa fuga verso il settore con le capsule di salvataggio; I superaccessoriati scafandri; Il mostro marino.

Il ferrini 30/05/20 00:41 - 1699 commenti

I gusti di Il ferrini

Alien sott'acqua, il che non è certo una primizia (vedi The abyss), ma se a questo aggiungiamo un cast modesto e dialoghi risibili resta davvero poco da salvare. Buona l'idea di mostrare le creature poco e fugacemente, ma la tensione latita comunque, probabilmente perché è fin troppo prevedibile tutto ciò che accadrà, finale incluso. Mica brutto, ma perdibile.

Pumpkh75 4/09/20 15:45 - 1326 commenti

I gusti di Pumpkh75

Eccolo, puntuale, l’Alien sottomarino che periodicamente viene a rinfrescare lo schermo. Quando però la protagonista esclama “non lo so” alla domanda di Cassell su cosa vedesse, realizziamo che è la stessa risposta che darebbe lo spettatore: troppo oscuri gli abissi, poca la conoscenza sulle piattaforme di trivellazione, spazi aperti e profondità che nei fondali marini rendono nebulose le dinamiche. Superflui i tormenti interiori della Stewart, Lovecraft e ecologia sono le sole scialuppe sulle quali issare una curiosità che pian piano affoga senza prendere aria. Sul pelo dell’acqua.

Piero68 12/10/20 11:04 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Di chiara ispirazione cameroniana (Aliens ma soprattutto The abyss) il film risulterà alla fine una sorta di incompiuta. Perché se da un lato effetti speciali e momenti tensivi esaltano il prodotto, dall'altra sceneggiatura, vuoti narrati e palesi sospensioni di alcune leggi della fisica (anche se è uno sci-fi) ne sminuiscono il valore globale. Anche il cast alla fine risulterà leggermente raccogliticcio; perché per un Cassel che funziona e convince c'è una Stewart non ancora sdoganata dal personaggio di Bella. Nel complesso sufficiente per passare un'oretta senza pensieri.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.