Una bugia di troppo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: A Thousand Words
Anno: 2012
Genere: commedia (colore)
Note: Da noi direttamente in homevideo.
Numero commenti presenti: 9
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/09/12 DAL BENEMERITO DIDDA23 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/10/12
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Didda23 12/09/12 11:29 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

Ricco agente letterario di successo (Murphy), ottiene ciò che vuole attraverso un'abile parlantina condita qui e lì da qualche bugia. Un giorno dovrà subire un'insolita punizione spirituale... Murphy, dopo una sequela di opere opache, ritrova la verve comica di un tempo e impreziosisce la propria prestazione con una carica drammatica notevole. La sceneggiatura, mai scurrile, miscela con dovizia situazioni tipiche da commedia con gli stilemi classici del dramma. Il finale lascia spazio ad un pizzico di commozione. Prevedibile, ma soddisfacente.
MEMORABILE: Murphy che cerca di far attraversare la strada ad un cieco; La conversazione telefonica mediante dei pupazzi; La moglie di Murphy all'hotel.

Daniela 29/01/13 16:50 - 9395 commenti

I gusti di Daniela

Il protagonista è un agente letterario di successo logorroico, superficiale, egoista e all'occorrenza bugiardo. Un giorno, dopo aver incontrato una specie di santone, si trova misteriosamente "connesso" ad un albero che, ad ogni sua parola, perde una foglia. Cosa succederà quando l'albero sarà completamente spoglio? Meglio economizzare le parole... Commediola umoristica banale e povera di gags del tipo didascalico/edificante che punta tutte le sue carte prima sulla parlantina di Murphy, poi sulle sue capacità mimiche, ma senza supportarlo da una sceneggiatura decente. Non male la spalla Duke.

Rambo90 1/03/13 23:11 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Non capisco l'avversione della critica statunitense per questo film: è una commedia piacevole, dallo spunto originale, con alcuni momenti divertenti e una seconda parte quasi commovente grazie all'ottima immedesimazione di Eddie Murphy col suo personaggio. Non dura molto quindi scorre bene, il cast di contorno è adeguato (Duke è molto divertente) e la regia onesta. Un buon film.

Piero68 28/10/13 12:38 - 2758 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante sia considerato un "film minore", in Italia non sia nemmeno passato per le sale cinematografiche e abbia ricevuto ben 3 nomination ai Razzie Awards, questa pellicola è sicuramente migliore rispetto a tanti lavori cui ha ultimamente partecipato Eddie Murphy. Non una grande sceneggiatura (è una favola moderna) né tantomeno gag ricercate, però un grandissimo campionario di mimica facciale da parte del comico come non si vedeva da anni. E uno dal potenziale di Murphy, si sa, sa far ridere anche solo così. Cast di contorno nella media. Godibile.

Stelio 8/09/14 22:12 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Film incredibilmente forzato dall'inizio alla fine; praticamente qualsiasi situazione rasenta il ridicolo per quanto è spinta per dare man forte a una storia e a dialoghi che non decollano mai. L'idea è molto interessante, paragonabile a quella di Bugiardo bugiardo; similmente al film con Jim Carrey, ma in modo peggiore, viene però sfruttata male. Un vero peccato, anche considerata l'ottima interpretazione di Murphy.

Puppigallo 7/07/17 12:29 - 4509 commenti

I gusti di Puppigallo

Un Murphy ciarliero, ai limiti del logorroico, viene contenuto da una sceneggiatura che, se da una parte ne limita i vocaboli, dall'altra purtroppo non regge, risultando annacquata e sempre meno generosa di gag passabili. Ed è un peccato, perchè la prima parte, con la rivelazione che costringerà il protagonista a centellinare le parole, non è male. Il suo a dir poco difficile adattamento alla nuova situazione dà infatti vita a situazioni simpaticamente paradossali (il mutismo dallo psicanalista, che a sua volta tace; l'uscita dal bar con cinque ordinazioni; il cieco). Un'occasione persa.
MEMORABILE: "E' una cosa tra lei l'albero"; "E' un movimento spirituale". "Quello che ho io quando mangio la crusca".

Muttl19741 29/08/19 22:36 - 106 commenti

I gusti di Muttl19741

Una commedia semplice, dei buoni sentimenti, che segue lo stile leggero, da cassetta, di analoghe storie statunitensi, ma che tutto sommato risulta gradevole e, specie nella parte iniziale, decisamente spassosa, con trovate originali e divertenti. Aiutano molto la mimica e il grande talento di Eddie Murphy (un fuoriclasse del genere) nonché la presenza di ottimi caratteristi a fargli da spalla. Film di poche pretese, ma centrato.

Domino86 27/04/20 09:40 - 545 commenti

I gusti di Domino86

Non basta la simpatia di Eddie Murphy a rendere godibile la pellicola. Siamo di fronte a una storia poco coinvolgente, piuttosto inverosimile e gli stessi attori, il buon Eddie compreso, non aiutano a risollevarne le sorti. C'è la tematica di fondo che insegna i veri valori, le cose importanti nella vita, ma si ride poco ed essendo una commedia è un grosso neo.

Rigoletto 20/07/20 20:57 - 1565 commenti

I gusti di Rigoletto

Non si può dire che questo film segni una svolta nella scelta del ruolo da parte di Eddie Murphy, ma la commedia, sorvolando su alcuni particolari di dubbio gusto, è molto meno sciocca di quanto non appaia. Naturalmente Eddie resta lui per ampi tratti (tanto più che la gestualità e la mimica vengono estremizzate dalle esigenze), ma pare di scorgere qualcosa in movimento che potrebbe preludere, come nel caso di Schwarzenegger, a evoluzioni inaspettate ma quanto mai gradite.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.