Brivido caldo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Body heat
Anno: 1981
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 22
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ricalcando le orme di classici come LA FIAMMA DEL PECCATO e IL POSTINO SUONE SEMPRE DUE VOLTE il regista sceneggiatore Lawrence Kasdan esordisce dietro la macchina da presa con un film fenomenale, dominato dal calore della Florida che fa sudare i protagonisti e noi con loro. Una direzione degli attori esemplare (Kathleen Turner è anche lei alla prima esperienza cinematografica), ma soprattutto dialoghi memorabili valorizzati da una coppia (la Turner e William Hurt) in stato di grazia, fanno di BODY HEAT un'esperienza indimenticabile; forse un po' esitante nella prima parte, nella quale non si capisce...Leggi tutto bene dove Kasdan ci voglia portare, mai travolgente ma tremendamente ficcante, incisiva, sottolineata da una colonna sonora - di John Barry - calda come le scene di sesso in cui la Turner e William Hurt si impegnano al massimo. Che Kasdan sia regista promettente lo si capisce immediatamente, fin dal primo approccio tra i due protagonisti, in cui la perfezione dei dialoghi lascia un segno indelebile. Ma anche la cura con cui sono trattate le figure di secondo piano, con Ted Danson e Mickey Rourke eccezionali, sono una dimostrazione in più della cura di Kasdan per ogni particolare. La complessità dell'intreccio, i colpi di scena da giallo puro ne hanno fatto un grande successo prima da noi che in America, ma i meriti del film sono incontestabili e vanno ben al di là del buon soggetto che anzi, nel finale, perde molto in credibilità. Come già detto il ritmo appare dapprima lento, sonnacchioso, ma dona all'atmosfera particolare, torrida in cui il film è immerso fin dal titolo. In pratica BODY HEAT dispone dei requisiti necessari per raggiungere lo status di cult movie.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 15/02/07 16:28 - 2722 commenti

I gusti di Caesars

L'esordio alla regia di Lawrence Kasdan, già famoso sceneggiatore (L'impero colpisce ancora e I predatori dell'arca perduta) rimane a tutt'oggi il suo lavoro più riuscito. Riproposizione dei classici "hard boiled", riesce pienamente nell'intento di ricreare le tipiche atmofere di questo particolare genere. Su tutto dominano il caldo opprimente, reso quasi in modo palpabile, e la sensuale presenza di Kathleen Turner. La sceneggiatura ha la precisione di un orologio svizzero. Davvero notevole!

Il Gobbo 29/12/07 12:41 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Buon noir di Kasdan, con forse solo il difetto del manierismo, probabilmente inevitabile, ma privo delle raffinatezze e deii sottotesti, chessò, dei Coen. Ben resa però l'atmosfera di sensualità "torbida" (direbbe un titolista di nera), anche se sbattuta così in faccia perde un filino diimpatto, rispetto ai sottintesi di una Fiamma del peccato (effetti perversi del codice Hays?). Impossibile vederlo senza sudare, manda vere vampate di calore! Comunque uno dei migliori noir degli anni '80.

Galbo 31/12/07 07:40 - 11417 commenti

I gusti di Galbo

Bel noir diretto con bravura da Lawrence Kasdan. Il film presenta chiari rimandi a film del passato (La fiamma del peccato ad esempio) ma le citazioni sono collocate dal regista con bravura in una sceneggiatura ben scritta che ben caratterizza i personaggi interpretati da una coppia brava e sensuale composta dalla Turner (mai così bella e brava) e da William Hurt. La bella fotografia (che trasuda calore come da titolo) fa il resto.

Capannelle 10/04/08 13:29 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Notevole opera prima di Kasdan. Preferisco il primo tempo, sensuale e coinvolgente grazie alla prova dei due attori, alle superbe musiche di Barry e a dialoghi mai scontati. Quando diventa thriller é meno avvolgente e un po' meno credibile ma rimane girato con bravura e piglio da noir d'autore.
MEMORABILE: L'incontro tra i due, con un tira e molla da antologia.

Homesick 16/05/08 17:17 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Un duplice esordio: quello di Kasdan (regia) e quello della Turner (attrice), in veste di seducente e pericolosa dark lady. Il risultato è un thriller-noir dai contenuti bollenti ma piuttosto freddo nell’impatto; è girato con precisione ed interpretato efficacemente da Hurt e dalla Turner. Palesi affinità con Il postino suona sempre due volte (la coppia di amanti che fa fuori il marito).

Daniela 30/03/09 13:17 - 9508 commenti

I gusti di Daniela

Esordio col botto sia per il regista che per Kathleen Turner, qui sensualissima predatrice che adesca con argomenti inconfutabili William Hurt, avvocato bravo a letto ma non altrettanto in aula (che alchimia fra loro!). Prima parte torrida, sia per la calura che per il termometro erotico, seconda parte più fredda e ragionata, con Mickey Rourke incisivo in una piccola parte. Forse non tutti i fili si annodano nel modo giusto nel beffardo finale, però il film provoca comunque un lungo brivido di piacere nello spettatore.
MEMORABILE: Scambio di battute fra Hurt e Turner: "Forse non dovresti vestire così" - "Non vedo che altro dovrei portare." - "Non dovresti portare quel corpo"

Cotola 30/04/09 00:25 - 7556 commenti

I gusti di Cotola

Notevole esordio registico di Kasdan che dà vita ad un riuscitissimo noir moderno ricco di spiccata sensualità e dalle azzecate torbide atmosfere. La sceneggiatura non brilla certo per originalità ma lo stile è già molto maturo e non è poco. Da applausi la prova di William Hurt e dell'esordiente Turner, i quali spiccano erotismo da tutti i pori.

124c 9/07/09 13:00 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Film d'esordio di Kathleen Turner, all'epoca solo una giovane attrice teatrale e di soap-opera. La sensuale Mattie Walker spinge l'amante Ned Racine (William Hurt) a far fuori il marito Matthew Walker (Richard Crenna). Lawrence Kasdan costruisce un noir d'altri tempi, adattandolo agli anni 80, con una Kathleen Turner veramente affascinante e convincente e un William Hurt bello, giovane e un po' frescone. Un tocco di genio la trovata finale, che fa del classico triangolo amoroso un cult indimenticabile.
MEMORABILE: La scena dove William Hurt spacca la vetrata e fa l'amore con la Turner, schiaffandola al muro.

Giùan 5/11/11 19:43 - 3010 commenti

I gusti di Giùan

Il torrido esordio di Kasdan alla regia avviene all'insegna dell'eloquente omaggio cinefilo al noir americano anni '40-'50, con i giustamente riconosciuti debiti verso Wilder (vedi trama e sottinteso perfidamente ironico) e il Postino di Garnett (leggi la tensione erotica tra i due protagonisti). Tutto è perfetto: l'afa appiccicosa di Miranda Beach, i dialoghi da consumato sceneggiatore, la sensazionale femminilità dell'esordiente Turner, il baffo pettinato di Hurt, le prove di Danson e Rourke. Perfezione che la sincerità dell'operazione ci fa "perdonare".

Giacomovie 11/09/09 01:32 - 1351 commenti

I gusti di Giacomovie

Bel film che merita la considerazione di pellicola di culto. Si basa su uno script studiato con logica, la cui densità di scrittura e l'intensità della trama si fanno apprezzare vicendevolmente. Nonostante non manchino i brividi, con diversi colpi di scena e il calore, con continue allusioni erotiche, lo svolgimento ha una pacatezza quasi rilassante, che non smorza però la curiosità. Kasdan fornisce un bell'esempio di erotismo di classe, a cui contrinìbuisce una Katleen Turner ammaliante. ***1/2

Shannon 3/08/10 09:56 - 72 commenti

I gusti di Shannon

In una Florida afosa, Ned, avvocato aitante e semifallito, conosce Matty, donna non proprio "felicemente sposata": lei provoca e si ritrae in un memorabile gioco di seduzione, lui si renderà conto troppo tardi di essere caduto in un tranello fatale. Il calore è la vera cifra di questo bellissimo noir: la calura che opprime Miranda Beach rallenta il ritmo e coinvolge lo spettatore, la temperatura della sensuale Matty accende il vacuo Ned e lo brucia come un cerino. Bravo Hurt, stupenda la Turner. Da non perdere.
MEMORABILE: "La mia temperatura normale è più alta di quella degli altri: ecco perché sono su di giri!"

Tomslick 14/03/10 20:03 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Noir al calor bianco (oltre che per la temperatura ambiente pure nella esecuzione delittuosa, giusto per non farsi mancare nulla) molto ben scritto ed altrettanto ben diretto. L'autore/regista, al suo esordio, non fa nulla di davvero eccezionale ma forse proprio in questo sta il grande merito della bella resa del film: lineare, senza fronzoli, con una trama non originalissima ma avvincente ed una regia classica e funzionale. Hurt e la Turner, lui sciupafemmine accalappiato e lei tanto calda fuori quanto gelida dentro, fanno il resto. Focoso.

Stefania 19/07/10 16:18 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Ghiaccio e fuoco: una donna glaciale, vestita di bianco, sullo sfondo di una notte torrida, accesa da un incendio... La freddezza del calcolo e il calore della passione: Kasdan rende omaggio all'archetipo, ma da' al film un'impronta personale, soprattutto grazie ad un'ottima scelta degli interpreti, anche per i ruoli secondari. Erotismo ovviamente più esplicito rispetto al modello, forse un po' stereotipato, ma è affascinante anche l'aspetto cerebrale dell'inganno, ottimamente congegnato, con un bel colpo di scena. Ottima suspence e atmosfera!

Herrkinski 13/06/11 01:41 - 5199 commenti

I gusti di Herrkinski

Film che lancia in gran stile Kasdan e la Turner, riconfermando anche Hurt come attore di talento dopo la buona prova dell'anno prima (nel cult Stati di allucinazione). Ci troviamo di fronte ad un noir in piena regola, dalla trama classicissima, che quindi visto oggi non stupisce più di tanto (se non nel disonesto twist finale); tuttavia, per essere del 1980 è un buon lavoro, girato con stile e graziato dalle torride e notturne atmosfere del Sud degli USA, mai rese così bene prima se non in La calda notte dell'ispettore Tibbs. Decisamente riuscito.

Nicola81 9/09/11 17:07 - 1975 commenti

I gusti di Nicola81

Il film d'esordio di Kasdan (autore anche del copione), è un noir caratterizzato da un'atmosfera incandescente e da una forte carica di sensualità. L'idea di partenza non è certo originale (il triangolo amoroso che sfocia in un delitto è il più classico dei dejà vu), ma viene sviluppata in modo convincente e culmina in un finale davvero da antologia. Bella come in nessun altro ruolo, la Turner, anche lei all'esordio, è una dark-lady che non si dimentica, ma tutto il cast si esprime al meglio. Avvolgente colonna sonora di John Barry.
MEMORABILE: Il primo incontro Hurt-Turner; il ruolo di Mickey Rourke; il finale.

Tomastich 5/10/11 16:45 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Sudato, passionale, caldo, rosso, asfissiante: una pellicola altamente sensoriale, un succedersi di situazioni più reali di quello che uno potrebbe pensare. La pelle gocciola e William Hurt e Kathleen Turner si danno da fare per farla gocciolare ancora di più.

Coyote 2/01/12 18:11 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Evidentemente la ripresa dei noir classici negli anni Ottanta non era esclusiva del solo De Palma. Brivido caldo, immerso nella torrida estate del sud, alta temperatura complice di una storia di passione con un marito di troppo. Il delitto perfetto sembra avere troppe pecche, ma le carte cambiano più di una volta, senza che lo spettatore si senta mai ingannato. Un buon lavoro.

Fauno 2/06/12 13:01 - 1927 commenti

I gusti di Fauno

Forse di azione ce ne sarà poca, ma ci sono tanta tanta suspense e tensione emotiva... alla fine c'è da restare sbigottiti e dire "Giù il cappello, di piani perfetti ne sono pieni i manuali, ma uno così non ha proprio lasciato niente al caso". Ed è memorabile il termine "tutto quel che è necessario"! La grande Kathleen era ancora agli albori della sua carriera, purtroppo da meteora, ma qui aveva già le sue irresistibili espressioni che andavano dall'angoscia più nera all'apoteosi più totale, quasi come la bussola impazzita al Triangolo delle Bermude. Unica!
MEMORABILE: Il diario fotografico del college.

Nando 12/12/12 01:01 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Una ricca dark lady ed un avvocato don giovanni danno vita a una narrazione torbida e sensuale ricca di momenti di tensione ad alto tasso erotico. La passione sfrenata sfocia nell'assassinio con conseguenze deleterie. La Turner, all'esordio, sprizza femminilità mostrandosi sovente nuda, Hurt col baffo intrigante è solido ma tendenzialmente ingannabile. Valido.

Josephtura 4/08/16 15:41 - 153 commenti

I gusti di Josephtura

Film epocale. Non regge il confronto con quelli che hanno fatto da ispirazione e sono pietre miliari del genere come Fiamma del peccato, Il mio corpo ti scalderà, però ha tutte le carte in regola e interpreta perfettamente i temi del noir: il bello e stupido che cade nelle sue stesse colpe, la dark lady... Comunque un ottimo film.

Faggi 20/05/17 20:13 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

La Florida è rovente e roventi sono i corpi e i cervelli dei due protagonisti (perfetti); l'incendio notturno, sullo sfondo dell'inquadratura nella prima scena, è come un presagio: l'epilogo confermerà. Il noir classico, nero, dove la femmina fatale è un angelo caduto programmato per dannare, qui arde di erotismo folle, macchinazione e deviazione: dall'intreccio-visione moderno e colori ottantiani, sulle note languide di un sassofono con contrappunti di apparizioni d'abiti bianchi e fari d'auto, nella notte blu cupo.

Paulaster 22/09/20 09:44 - 2823 commenti

I gusti di Paulaster

Due amanti si sbarazzano del ricco marito di lei. Noir torbido e a tratti patinato con l’incastro in stile American gigolo: dopo la prima parte coi bollori, il seguito che vira nel subdolo è avvincente. Hurt non ha molto del seduttore ed è più efficace nei panni dell’avvocato fregato, la Turner ha un personaggio variegato. Buona fotografia che rimanda alla calura estiva o al mistero notturno. Come seconde linee Rourke si ritaglia un ruolo necessario alla storia e Danson diverte con le sue battute.
MEMORABILE: L’aria smarrita di Hurt nell'incontro con l’avvocato della moglie ormai vedova; Gli occhiali del marito determinanti come prova; Il filo legato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 8/09/10 04:28
    Scrivano - 8319 interventi
    Le frasi cult dal film:

    A certi uomini basta una annusatina, e ti seguono come segugi.

    Ned: Forse non dovresti vestire così.
    Matty: Ho una camicetta, non vedo che altro dovrei portare.
    Ned: Non dovresti portare quel corpo.
  • Curiosità Buiomega71 • 27/07/15 16:57
    Pianificazione e progetti - 21999 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi & Canzoni della Prima Visione Tv (mercoledì 20 maggio 1987) di Brivido caldo: