Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Continua la lotta per il possesso di Arrakis, il pianeta altrimenti detto Dune, in una seconda parte lunga e verbosa quanto la prima ma che, differentemente, non può purtroppo contare sull'effetto novità. La grandiosità della messa in scena di Villeneuve, che nei primi venti minuti conserva ancora intatta una visionarietà straordinaria capace di sfruttare al meglio lo scenario desertico alieno, si depotenzia progressivamente per stemperarsi in una reiterazione estenuante sul tema dell'eletto, che nel cinema fantasy/fantascientifico di questi anni sembra dettar legge replicandosi in ogni variante possibile col risultato...Leggi tutto di apparire una fotocopia di volta in volta sempre più stinta.

Su Arrakis, dopo la strage degli Atreides velocemente riassunta nell'incipit, sono rimasti il giovane Paul (Chalamet) e sua madre, la Bene Gesserit Jessica (Ferguson), che stringono alleanza coi Fremen (il popolo locale, guidato dallo Stilgar di Javier Bardem). La profezia del posto parla dell'eletto e proprio Stilgar è certo di averlo trovato nel giovane Atreides, che difatti riuscirà nell'impresa di "cavalcare" al primo tentativo uno dei vermoni di Arrakis come nemmeno il migliore dei Fremen: è il segno, e della cosa si convincono presto in tanti, per quanto ci sia ancora chi considera l'Atreides e sua madre semplici spie. Il più dubbioso sul suo ruolo da uomo del destino è però proprio Paul, e avrà modo di farlo notare in più occasioni anche nei suoi amorosi incontri con la coetanea Chani (Zendaya).

Nel frattempo l'imperatore (Walken) se ne sta chiuso nel suo eremo senza rilasciare dichiarazioni riguardo a quanto sta accadendo e il Barone Vladimir Harkonnen (Skarsgard) spedisce a governare Dune suo nipote Rabban (Bautista), che ha modo di far notare scarsa predisposizione al comando infilando una serie di fallimenti. Comincia così una lunga guerra di posizione tra i Fremen, guidati da Paul - che ritroverà in un secondo momento un suo vecchio amico da reclutare nel gruppo (Brolin) - e gli Harkonnen, con lo spietato, gelido e bianchissimo Feyd-Rautha (Butler) che prenderà il posto del fratello incapace Rabban.

Come nel primo capitolo l'azione vera e le battaglie sono contenute (pure l'ultima, la più importante, si esaurisce nello spazio di pochi minuti), con lo spazio maggiore che viene lasciato alla complessa descrizione di personaggi e vicende ottenendo soprattutto di stipare di parole, primi piani, sguardi e pause un film che, privo dell'effetto sorpresa del numero uno, diventa un semplice ponte per arrivare alla parte 3 (che Villeneuve annuncia già ora, poco modestamente, come il più grande film di fantascienza di sempre). E si sa, i capitoli centrali si rivelano per molti motivi spesso i peggiori e più inutili.

In questa PARTE DUE la spettacolarità è limitata, i vermoni si vedono uscire allo scoperto solo nel finale perché prima mostrano giusto il dorso in una tempesta di sabbia e il meglio viene di nuovo dal grande gusto cinematografico di Villeneuve, autore vero dotato di una vocazione indiscutibile per la fantascienza come mezzo espressivo impareggiabile che più di ogni altro libera, nelle mani giuste, estro e fantasia. Due ore e quaranta restano in ogni caso davvero troppe per un film così e bisogna essere dei veri appassionati di epica fantasy (più che di fantascienza) per sottoporsi a certi interminabili intervalli in lingua locale sottotitolata pregni di tanta scontata retorica. Inoltre la totale, perdurante assenza di qualsiasi scampolo di ironia (quella che ad esempio, attraverso un Harrison Ford impagabile, impreziosiva la saga di STAR WARS) rende ancora più tronfia e pesante l'operazione, che si prende dannatamente sul serio coprendoci di messaggi messianici che bastava e avanzava il misticismo connesso alle immagini di Villeneuve a rendere memorabili.

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/03/24 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 10/03/24 18:38 - 9052 commenti

I gusti di Cotola

La seconda parte dell'opera di Villeneuve bissa, in gran parte, i risultati della prima. La sceneggiatura è semplice e sfronda anche qui le complessità dell'opera cartacea: punta molto, troppo, sull'idea del messia liberatore e butta alle ortiche qualche interessante idea. Il sonoro è nuovamente possente e da un punto di vista squisitamente visivo il regista canadese conferma il suo grande talento. Qualche lungaggine qua e là e dialoghi non all'altezza. Ma ciò che lascia più perplessi è l'assenza di carisma di Chalamet. Zendaya è imbronciata dall'inizio alla fine. Epilogo aperto.

124c 11/03/24 00:46 - 2920 commenti

I gusti di 124c

Seconda parte della saga tratta dai libri di Frank Herbert in cui il regista canadese si perde nel deserto, fra giovani messia, vermi giganti sotterranei domati come se si facesse sci nautico, madri ambigue, caste storie d'amore, tirannici imperatori che nel governare vengono rimpiazzati dalle figlie, perché invecchiati troppo e cattivissimi calvi di ogni stazza. Sontuosamente bello, ma troppo lungo e con battute quasi sempre sussurrate, il film presenta due giovani protagonisti (Chalamet e Zendaya) seriosi ed eccessivamente corrucciati. Buono il cast di contorno.

Rebis 15/03/24 11:13 - 2339 commenti

I gusti di Rebis

Nel primo capitolo Villeneuve poneva gli assi cartesiani del suo adattamento. Ora mette il quadro in prospettiva entrando nel vivo dell'azione, indagando l'ambiguità dei caratteri, esplorando l'esoterismo: configura un modello di riferimento per la fantascienza adulta. Se l'approccio austero riflette l’ambientazione ostile di Arrakis, l'estetica ieratica rischia a tratti di farsi mera oleografia. Ma a fronte di un narrato prevedibile, la tensione rimane ininterrotta per oltre 160 minuti. Chiuso l'arco narrativo del primo volume, si lancia un ponte verso l'epica dei libri successivi.

Gabigol 16/03/24 06:54 - 582 commenti

I gusti di Gabigol

La seconda parte di Dune conferma pregi e difetti della prima. La storia, attraverso il personaggio di Paul Atreides, guadagna i crismi dell'avvento messianico e persegue - in un esoterismo oramai conclamato - il classico messaggio anticolonialista. Villeneuve riesce a ipnotizzare grazie a un apparato tecnico difficilmente eguagliabile a Hollywood, ma alcuni salti della sceneggiatura tradiscono il faticoso - e non sempre riuscito - tentativo di sfrondare la complessità del romanzo. Da segnalare una meravigliosa fotografia camaleontica e lo score di Zimmer.
MEMORABILE: Parlare con il feto; L'apprendimento del passo sulla sabbia; Il verme domato; Le visioni della profezia; Lo scontro nell'arena; L'ultimo duello.

Capannelle 17/03/24 12:08 - 4412 commenti

I gusti di Capannelle

La parti due che seguono un notevole inizio non hanno vita facile: manca la dirompenza dell'effetto novità e, in questo caso, manca la fase di esplorazione sul pianeta Arrakis che tanto aveva impressionato. Però Villenueve e Zimmer sanno il fatto loro, la tensione tiene bene considerando la durata del film e il rischio fotocopia viene contenuto entro limiti accettabili, aggiungendo temi messianici e di gestione delle masse. Chalamet fa quello che ci si aspetta e per un Bardem e un Bautista che perdono in dignità ci sono una Ferguson che acquista spessore e un Butler sadico misurato.

Jandileida 17/03/24 20:58 - 1565 commenti

I gusti di Jandileida

Villeneuve sa senza dubbio come stimolare il gusto estetico degli spettatori, dai più giovani ai più scafati: come nel predecente anche qui ci sono almeno due o tre scene che non lasciano indifferenti. Peccato che poi, però, ci si debba dolere per una linea narrativa tutta impostata su di uno ieratico messianesimo in fondo abbastanza insulso, soprattutto perché la parusia dovrebbe essere innescata da uno Chalamet in versione testimonial di profumi. Ne esce fuori un film che sembra un gigante ingessato ma che, proprio per la sua eccezionalità, finisce per farsi comunque guardare.

Thedude94 19/03/24 08:27 - 1097 commenti

I gusti di Thedude94

Questa seconda parte non si discosta molto dalla bellezza e dalla maestosità della prima, grazie alla bravura di Villenevue nel mettere in scena situazioni mirabolanti e gigantesche con una grazia e una tecnica che in pochi hanno. Inoltre, da un punto di vista dei suoni e del montaggio sonoro, il film ha pochi eguali e si fa valere anche per l'ottimo cast che fa la sua importante figura. Tutto è studiato alla perfezione, nei minimi dettagli e coinvolge emotivamente per via di una storia di crescita e potere molto intensa. Fossero tutti così i blockbuster... Alto livello!

Androv 20/03/24 18:00 - 195 commenti

I gusti di Androv

Film decisamente dotato di una cifra artistica notevole, soprattutto legata alla classe visionaria del regista, coadiuvato da buone interpretazioni e ambientazioni, quasi sempre sabbiose ma incredibilmente non (troppo) monotone. La storia è verbosa ma abbastanza appassionante: andava snellita. Evitabili le parti in lingua, difficili da comprendere e tutto sommato voluttuarie. Sarebbe stato molto meglio tradurre il tutto. La vicenda è molto complessa, ma trattandosi di un adattamento letterario ci sta. Cast funzionale, senza picchi. Effettistica e fotografia di gran classe.

Xamini 25/03/24 20:53 - 1253 commenti

I gusti di Xamini

La tecnica registica di Villeneuve non si discute, così come la sua fotografia, ormai un marchio. Detto ciò, pur visto in sala a 70mm nelle migliori condizioni, si avverte un problema di epica: la sensazione è che l'autore abbia provato a inseguire la densità del testo di riferimento evitando di prendere tempo e fiato per lasciar correre le scene, tagliando o smorzando la tensione prima che crescesse. Un modo di narrare moderno facilmente riscontrabile in diversi ambiti, serie comprese. A completare un quadro non completamente digesto un Bardem spesso relegato a tempi quasi comici.

Modo 13/04/24 22:22 - 949 commenti

I gusti di Modo

Le immagini sono ancora superbe ma si sono già viste è la novità, di conseguenza, un po' scema; del resto questo è il rischio che si affronta nel realizzare un film in due parti. La storia, ai più conosciuta, scorre freneticamente e piacevolmente perdendosi a volte nelle vicende dell'ordine delle Bene Gesserit. Attori convincenti e finale aperto a nuovi racconti.

Rebecca Ferguson HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Drowning Ghost - Oscure PresenzeSpazio vuotoLocandina Hercules - Il guerrieroSpazio vuotoLocandina Mission: impossible - Rogue nationSpazio vuotoLocandina Florence
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Capannelle • 17/03/24 12:17
    Scrivano - 3520 interventi
    E' un film che rischia per la lunghezza e per la scelta di ripercorrere sentieri già visti nel primo episodio. Ma lo fa con assoluto mestiere e ardore narrativo, per quello (e per le figlie) gli ho dato 3 pallini.
    Ci sarebbe da aggiungere al cast Ania Taylor-Joy: compare in soli 5 secondi ma sono anticipatori del terzo episodio.

    Ultima modifica: 17/03/24 12:18 da Capannelle
  • Discussione Zender • 18/03/24 19:26
    Capo scrivano - 47807 interventi
    Per le figlie? In che senso?
  • Discussione Capannelle • 19/03/24 08:57
    Scrivano - 3520 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Per le figlie? In che senso?
    Le mie figlie ahah non mi riferivo ai personaggi

  • Discussione Zender • 19/03/24 12:42
    Capo scrivano - 47807 interventi
    L'avevo capito, ma mi chiedevo come avessero influito sul voto.
  • Discussione Capannelle • 19/03/24 16:54
    Scrivano - 3520 interventi
    Zender ebbe a dire:
    L'avevo capito, ma mi chiedevo come avessero influito sul voto
    Quando non so decidere tra due voti accade che chieda il loro parere e su Dune non avevano dubbi tra 2,5 e 3.
    Ma adesso mi sono convinto delle tre palle, trovo meritati gli oscar vinti da Dune part 1 per sonoro e musiche e anche la parte 2 non fa eccezioni.
    Comunque accade raramente che guardiamo lo stesso film, anche perchè non frequentano interi generi filmici, i miei (labili) doveri di padre e l'occhio vigile della mamma precludono loro tante gemme filmiche.
    Ultima modifica: 19/03/24 17:47 da Capannelle
  • Discussione Zender • 19/03/24 17:10
    Capo scrivano - 47807 interventi
    Ok, grazie per la spiegazione.