Attrazione mortale

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Quasi un Jerry Blake al femminile, la conturbante Ruby Asher (Hartley) è una pericolosissima mantide che attrae i maschi e li uccide. Colpa di abusi subiti al tempo in cui partorì la figlia Amanda (Deveaux), quando il marito la schiaffeggiava insultandola e maltrattandola (il tutto è visibile nel prologo). Diciassette anni dopo ritroviamo la donna in uno splendido ranch in Virginia, fresca sposa di un ricco signore: Amanda è cresciuta e tutto sembra andare per il meglio. Ma Ruby vuole che le cose vadano ancora meglio (per lei) e, dopo essersi promessa in trasferta a un anziano che le regala un collier, ammazza il fresco marito brutalmente rovesciandogli addosso uno scaffale...Leggi tutto di prodotti per la casa che fracassandosi libera esalazioni fatali di candeggina e ammoniaca. Capito il tipo? La polizia, che nel film se ne sta ampiamente ai margini, archivia la morte come accidentale e Ruby, sempre con figlia ignara al seguito, può riprendere la sua trafila: li conosce, li sposa, li uccide, incassa. Incredibile come il passaggio dall'uno all'altro in pochi mesi non desti l'attenzione di nessuno. Almeno fino a quando una ragazza appena più sveglia, figlia di una delle vittime, non comincia a fare 2+2. Il film, a ben vedere, sta tutto qui. Nulla che abbia a che spartire con indagini serie perché ogni attenzione è volta all'esaltazione del magnetico carisma della protagonista, cui la mora fisicatissima Lindsay Hartley, dagli occhi neri grandi così, presta indubbiamente un buon servizio. Il suo gioco sta nel fingersi inconsolabilmente addolorata per la perdita del consorte dopo averlo spietatamente ucciso nei modi più barbari. La figlia, poveretta, che passa il tempo a disegnare senza sosta (di scuola a quanto pare non se ne parla), ne è succube, incapace di immaginare i perfidi piani della donna che da sola l'ha allevata. Eppure dopo che per due volte càpita a tua madre la stessa cosa magari un pensiero ce lo dovresti fare; lei niente. A noi tutti appare perlopiù impossibile che la polizia non ragioni su quattro dati di fatto, ma in fondo è chiaro quanto la regia sia molto più interessata a mostrare la recita da Jekyll & Hyde della donna, in attesa di un finale che per fortuna un minimo di storia la tira fuori. Maschi-pollo in sequenza stregati dal fascino di lei, ostacoli abbattuti senza pensarci due volte perché gli uomini “ti prendono, ti usano e ti lasciano”, insegna Ruby a una figlia che invece, poveretta, la sua storiellina d'amore se la sarebbe anche fatta senza troppi pensieri. Tutta colpa di quel primo marito di cui non si saprà più nulla, alcolizzato e manesco, che innescò il cinismo assassino della protagonista. Senza però un intreccio da seguire ci si aspettava almeno un briciolo di tensione, che invece alla tv continua a latitare senza speranza. Se non altro l'insieme (a partire da una discreta fotografia) regge e le avventure di questa sprezzante serial widow non annoiano. Perché si vuol vedere fino a dove saprà spingersi, fino a dove saprà prendere tutti per il naso passando da un matrimonio all'altro nel giro di pochi mesi... Qualche valida location un po' diversa dal solito e una fiera impenetrabilità ai sentimenti che intriga. Ci si può quasi accontentare...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/05/20 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ira72 5/05/20 10:56 - 1180 commenti

I gusti di Ira72

Pellicola televisiva senza pretese, dimenticabilissima, con trama trita e ritrita in cui la mantide traumatizzata dal primo marito decide di vendicarsi su quelli successivi. Il film è mediocre, ma la protagonista Hartley (una Cucinotta statunitense) non è affatto male e passa da vedova inconsolabile a psicopatica violenta con estrema disinvoltura. Irrilevante il cast di contorno. Nel complesso accettabile per un pomeriggio disimpegnato.

George Erschbamer HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.